Leggi coronavirus 150

150

RISOLUZIONE

IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA CECA

del 6 aprile 2020 n. 387

sull’adozione di una misura di crisi

A seguito della delibera del governo n. 194 del 12 marzo 2020, con la quale il governo, ai sensi degli articoli 5 e 6 della legge costituzionale n. 110/1998 Coll., Sulla sicurezza della Repubblica ceca, ha dichiarato per il territorio della Repubblica ceca a causa di rischi per la salute in collegamento con la dimostrazione del verificarsi di coronavirus / denominato SARS CoV-2 / nel territorio della Repubblica ceca in uno stato di emergenza e nel senso della lettera § 5 a) a e) e § 6 della legge n. 240/2000 Coll., sulla gestione delle crisi e sugli emendamenti a determinati atti (legge sulle crisi), come modificata, per risolvere la situazione di crisi, ha deciso di adottare misure di crisi, nel senso di disposizioni § 5 lettera c) e § 6 par.1 lett. b) e § 6 par.2 lett. b) del Crisis Act.

Il governo ha fornito l’estensione dello stato di emergenza

I. ordini con effetto dal 14 aprile 2020 dalle 00:00 per la durata dell’emergenza

1. divieto di ingresso nel territorio della Repubblica ceca per tutti gli stranieri, ciò non si applica a:

a) per gli stranieri che soggiornano con un soggiorno temporaneo superiore a 90 giorni o la residenza permanente nella Repubblica ceca, i familiari – coniugi e figli minori – cittadini dell’Unione europea e cittadini della Repubblica ceca che hanno il diritto di entrare nella Repubblica ceca,

b) per i cittadini dell’Unione europea e gli stranieri in possesso di un permesso di soggiorno nell’Unione europea che transitano attraverso la Repubblica ceca ai fini del viaggio di ritorno e che dispongono di una nota rilasciata dall’ambasciata a tale scopo (transito e rimpatrio),

c) se l’ingresso di questi stranieri è nell’interesse della Repubblica ceca,

d) per i lavoratori transfrontalieri che, al fine di svolgere attività lavorative nella Repubblica ceca, attraversano regolarmente e legalmente il confine di stato con la Repubblica ceca da uno stato vicino,

e) per i lavoratori dei trasporti internazionali,

f) per il personale addetto alle infrastrutture critiche,

g) per diplomatici e funzionari di organizzazioni internazionali,

h) in situazioni di emergenza urgente,

che il ministero degli Interni, con la sua comunicazione pubblicata sul sito web del ministero degli interni o in altro modo appropriato, regola i dettagli relativi all’attraversamento del confine di Stato;

2. di informare tutte le persone che entrano nel territorio della Repubblica ceca, immediatamente dopo l’ingresso nel territorio della Repubblica ceca, di questo fatto, per telefono o altro accesso remoto, alla stazione igienica regionale competente in base al luogo di residenza o residenza dichiarata,

3. che non si applica l’obbligo di notificare l’ingresso nel territorio della Repubblica ceca ai sensi del punto 2

a) le persone di cui al punto 1, lettera a); b) ah). Queste persone sono tenute a notificare l’ingresso nel territorio della Repubblica ceca conformemente al punto 2, se il periodo della loro permanenza nel territorio della Repubblica ceca sarà superiore a 24 ore,

(b) le persone di cui al punto 1, lettera a); c), d), e), f) eg). Queste persone sono tenute a notificare l’ingresso nel territorio della Repubblica ceca conformemente al punto 2, se il periodo della loro permanenza nel territorio della Repubblica ceca sarà superiore a 14 giorni,

c) cittadini della Repubblica Ceca che attraversano regolarmente il confine statale allo scopo di svolgere attività lavorative in uno stato vicino. Queste persone sono tenute a notificare l’ingresso nel territorio della Repubblica ceca conformemente al punto 2, se il periodo di partenza è stato superiore a 14 giorni,

d) cittadini della Repubblica ceca che hanno viaggiato in una situazione di emergenza. Queste persone sono tenute a notificare l’ingresso nel territorio della Repubblica ceca conformemente al punto 2, se l’orario della loro partenza era superiore a 24 ore,

e) cittadini della Repubblica ceca che hanno viaggiato come dipendenti del trasporto internazionale, come dipendenti di infrastrutture critiche, diplomatici o funzionari di organizzazioni internazionali. Queste persone sono tenute a notificare l’ingresso nel territorio della Repubblica ceca conformemente al punto 2, se il periodo di partenza è stato superiore a 14 giorni,

4. stazioni igieniche regionali per decidere la quarantena in base al § 64 let. Per le persone che notificano l’ingresso nel territorio della Repubblica Ceca secondo i punti 2 o 3. a) in connessione con § 2 par.7 lett. a) della legge n. 258/2000 Coll. per 14 giorni; L’autorità di protezione della salute pubblica può, in singoli casi di persone che rientrano nella categoria di interesse della Repubblica ceca, servizi di infrastrutture critiche, diplomatici e funzionari di organizzazioni internazionali o un’emergenza, decidere su altre misure di quarantena in conformità con la legge n. 258/2000 Coll. e la durata di queste misure,

5. che la partenza dal territorio della Repubblica ceca è possibile solo nei casi necessari, purché lo scopo della partenza sia conforme alle eccezioni al divieto di libera circolazione disposto da una misura straordinaria del Ministero della sanità e al punto III., E che viaggiano nell’ambito di il territorio della Repubblica ceca,

6. tutte le persone che sono entrate nel territorio della Repubblica ceca dopo il 14 aprile 2020,

a) in caso di segni di una malattia infettiva incipiente (in particolare febbre, tosse, dispnea, indigestione, perdita olfattiva, debolezza generale o altri sintomi), avvisare immediatamente il loro registratore di servizi sanitari per telefono o altro accesso remoto; nel campo della medicina generale, o, se non hanno un fornitore di registrazione, a qualsiasi fornitore nel campo della medicina generale,

b) tollerare il controllo dei sintomi di una malattia infettiva all’attraversamento del confine di stato e, se vengono rilevati segni di una malattia infettiva, fornire la necessaria cooperazione agli operatori sanitari nel prelievo di un campione biologico per rilevare la presenza di COVID-19,

c) in caso di viaggio, limitare al massimo i contatti personali diretti in un territorio straniero,

7. che lo scopo del viaggio per i lavoratori transfrontalieri che attraversano regolarmente la frontiera per lavoro in uno stato vicino se il loro tempo di viaggio è inferiore a 14 giorni e per i lavoratori dei servizi di infrastruttura critica che attraversano la frontiera a tale scopo se il loro tempo di viaggio il viaggio è stato inferiore ai 14 giorni, è conforme alle eccezioni al divieto di libera circolazione ordinato da una misura straordinaria del Ministero della Salute e ai sensi del punto III. solo su presentazione di una nota dell’ambasciata del paese di destinazione in cui si afferma che si tratta di servizi sanitari, sociali e componenti essenziali di un sistema di salvataggio integrato o entità infrastrutturale critica e che sono state prese misure nel luogo di lavoro per impedire la diffusione di SARS CoV-2, in particolare l’obbligo di indossare equipaggiamento protettivo respiratorio,

8. a tutte le entità che accettano gli stranieri in base all’eccezione di cui al punto I./1./f), per garantire che i lavoratori che entrano nel territorio della Repubblica Ceca per motivi di servizio rispettino le regole per i dipendenti critici ai sensi della Risoluzione del Governo della Repubblica Ceca di 30 Marzo 2020 n. 332, sull’adozione di una misura di crisi, promulgata con il n. 140/2020 Coll.,

II. ordina, con effetto dal 7 aprile 2020, dalle 00:00 per la durata dello stato di emergenza ai cittadini della Repubblica ceca, ai loro familiari e agli stranieri di cui al punto I./1./a) che sono rimpatriati nel territorio della Repubblica ceca, in anticipo comunicare la data e le modalità del rimpatrio all’ambasciata della Repubblica ceca competente per il paese da cui partono e non utilizzare i trasporti pubblici e il servizio taxi dopo aver attraversato le frontiere della Repubblica ceca per recarsi nel luogo di residenza;

III. vieta, con effetto dal 14 aprile 2020, dalle 00:00 per la durata dello stato di emergenza, tutte le persone che entrano nel territorio della Repubblica ceca e che non sono state condannate a mettere in quarantena ai sensi del punto I./4., libera circolazione in tutta la Repubblica ceca con tranne

a) viaggi di lavoro e prestazioni di lavoro, prestazioni di affari o altre attività simili e tali prestazioni,

b) le rotte strettamente necessarie per la fornitura di beni di prima necessità, la fornitura di assistenza all’infanzia, la fornitura di cure per gli animali, l’uso dei necessari servizi finanziari e postali, il rifornimento di carburanti,

c) viaggi verso strutture di servizi medici e sociali,

d) viaggi al fine di risolvere questioni ufficiali urgenti,

e) viaggi di ritorno al luogo di residenza,

f) funerali;

IV. estende la validità della Risoluzione governativa n. 334 del 30 marzo 2020 sull’adozione di una misura di crisi, promulgata ai sensi del n. 142/2020 Coll., fino al 13 aprile 2020 alle 23:59;

V. incarica il Primo Vice Primo Ministro e il Ministro dell’Interno di modificare i dettagli dell’attraversamento del confine di Stato conformemente al punto I./1 con un avviso pubblicato sul sito web del Ministero dell’Interno o in altro modo adeguato. di questa risoluzione;

VI. abrogato con effetto dal 14 aprile 2020, punto I della risoluzione del governo n. 267 del 19 marzo 2020, sull’adozione di una misura di crisi, promulgata con il n. 112/2020 Coll.

Open chat