Organizzazione della giustizia2018-01-19T17:48:14+00:00
L’ordinamento giudiziario nella Repubblica ceca è costituito dalla Corte costituzionale e dagli organi giudiziari “ordinari”. Gli organi giudiziari ordinari comprendono il Nejvyšší soud (Corte suprema), il Nejvyšší správní soud (Corte amministrativa suprema), i vrchní soudy (corti superiori), i krajské soudy (tribunali regionali) e gli okresní soudy (tribunali distrettuali).

Amministrazione giudiziaria
La gestione amministrativa degli organi giudiziari dipende a livello centrale dal ministero della Giustizia della Repubblica ceca.

Nei limiti stabiliti dalla legge n. 6/2002 relativa agli organi giudiziari e ai giudici, tale ministero amministra le corti superiori, i tribunali regionali e i tribunali distrettuali, direttamente o tramite i presidenti di tali organi, mentre i tribunali distrettuali possono essere gestiti dal ministero anche tramite i presidenti dei tribunali regionali.

I presidenti della Corte suprema e della Corte amministrativa suprema della Repubblica ceca (o i rispettivi vicepresidenti, se del caso) svolgono alcuni compiti di gestione centrale.

La gestione pubblica degli organi giudiziari tiene conto delle osservazioni formulate dai pertinenti consigli della magistratura stabiliti presso le corti e i tribunali dei vari gradi.

Alcune attività amministrative sono svolte dal direttore amministrativo dell’organo giudiziario, che risponde al relativo presidente.

Tipi di organi giudiziari – Breve descrizione
L’ordinamento giudiziario ordinario è organizzato su quattro livelli:

gli okresní soudy (tribunali distrettuali), a cui sono assimilati gli obvodní soudy (tribunali circoscrizionali) nella capitale Praga e il tribunale comunale di Brno
i krajské soudy (tribunali regionali) di Brno, Ceské Budejovice, Hradec Králové, Ostrava, Plzen, Praga e Ústí nad Labem e il tribunale comunale di Praga
i vrchní soudy (corti superiori) di Praga e Olomouc
il Nejvyšší soud (Corte suprema) e il Nejvyšší správní soud (Corte amministrativa suprema) a Brno.
L’unico organo giudiziario speciale è la Corte costituzionale della Repubblica ceca.
Ordine gerarchico degli organi giudiziari
Il sistema vigente nella Repubblica ceca è a due istanze, fattore determinante nell’organizzazione gerarchica dei mezzi di ricorso. Da questo punto di vista, il rapporto gerarchico tra gli organi giudiziari, legato al grado di un dato organo nell’ordinamento giudiziario complessivo, è strutturato su tre livelli.

Per maggiori informazioni si rinvia alla sezione riguardante il sistema degli organi giudiziari ordinari della Repubblica ceca.

Conformemente alla legge n. 6/2002 relativa agli organi giudiziari e ai giudici:

i tribunali distrettuali

a) si pronunciano in primo grado, salvo se altrimenti previsto dalle leggi relative alle norme di procedura

b) si pronunciano in altri casi stabiliti dalla citata legge;

i tribunali regionali

a) si pronunciano in secondo grado nei casi stabiliti dalla legge relativa alle norme di procedura e già decisi in primo grado dai tribunali distrettuali rientranti nella loro circoscrizione;

b) si pronunciano in primo grado nei casi stabiliti dalla legge relativa alle norme di procedura;

c) si pronunciano su questioni di giustizia amministrativa nei casi stabiliti dalla legge precitata;

d) si pronunciano su altri casi previsti dalla stessa legge;

le corti superiori

a) si pronunciano in secondo grado nei casi stabiliti dalla legge relativa alle norme di procedura e già decisi in primo grado dai tribunali regionali rientranti nella loro circoscrizione;

b) si pronunciano su altri casi previsti dalla stessa legge;

la Corte suprema della Repubblica ceca

quale autorità giudiziaria suprema in materia di giurisdizione degli organi giudiziari civili e penali, garantisce coerenza e legalità alle decisioni mediante

a) pronunce su appelli straordinari nei casi stabiliti dalla legge relativa alle norme di procedura;

b) pronunce in altri casi previsti da norme speciali o da trattati internazionali vincolanti per la Repubblica ceca, ratificati dal parlamento e promulgati.

La Corte suprema può altresì pronunciarsi:

a) sul riconoscimento e l’esecuzione di decisioni di giudici stranieri, ove previsto da una normativa specifica o da trattati internazionali vincolanti per la Repubblica ceca, ratificati dal parlamento e promulgati;

b) su altri casi previsti da norme speciali o da trattati internazionali vincolanti per la Repubblica ceca, ratificati dal parlamento e promulgati.

La Corte suprema controlla e valuta le decisioni definitive degli organi giudiziari civili e penali e in base ad esse, al fine di garantire la coerenza del processo decisionale, emana pareri sull’adozione delle sentenze in certi tipi di casi.

Conformemente alla legge n. 150/2002 codice di procedura amministrativa:

la Corte amministrativa suprema della Repubblica ceca

quale autorità giudiziaria suprema in materia di giurisdizione degli organi giudiziari amministrativi, garantisce coerenza e legalità alle decisioni mediante pronunce su ricorsi per la revisione nei casi stabiliti dalla citata legge, oltre che su altri casi ivi previsti o stabiliti da altre norme specifiche.

La Corte amministrativa suprema controlla e valuta le decisioni definitive degli organi giudiziari amministrativi e in base ad esse, al fine di garantire la coerenza del processo decisionale, emana pareri sull’adozione delle sentenze in certi tipi di casi.

Al fine di garantire la legalità e la coerenza del processo decisionale delle autorità amministrative, la Corte può, nei casi stabiliti dalla citata legge e secondo la procedura ivi prevista, nell’ambito della sua attività giurisdizionale, emettere una decisione di principio.