Select Page

89 LEGGE del 3 febbraio 2012

Codice civile

Il Parlamento ha approvato la seguente legge della Repubblica Ceca:

PRIMA PARTE
PARTE GENERALE
TITOLO I OGGETTO E SUOI ​​PRINCIPI FONDAMENTALI
Parte 1 Diritto privato
§ 1
(1) Le disposizioni dell’ordinamento giuridico che regolano i diritti e gli obblighi reciproci delle persone creano, nella loro interezza, il diritto privato. L’applicazione del diritto privato è indipendente dall’applicazione del diritto pubblico.

(2) A meno che non sia espressamente vietato dalla legge, le persone possono concordare diritti e obblighi che si discostano dalla legge; sono vietati accordi che violino il buon costume, l’ordine pubblico o la legge relativa allo stato delle persone, compreso il diritto alla protezione dell’individuo.

§ 2
(1) Qualsiasi disposizione di diritto privato può essere interpretata solo in conformità con la Carta dei diritti e delle libertà fondamentali e l’ordinamento costituzionale in generale, con i principi su cui si basa la presente legge, nonché nel costante rispetto dei valori protegge. Se l’interpretazione di una singola disposizione differisce solo nelle sue parole con questo ordine, deve cedere il passo ad essa.

(2) A una disposizione statutaria non può essere attribuito un significato diverso da quello che deriva dal significato stesso delle parole nel loro contesto reciproco e dalla chiara intenzione del legislatore; tuttavia, nessuno può invocare le parole di un atto legislativo contro il suo significato.

(3) L’interpretazione e l’applicazione di una norma giuridica non deve essere in conflitto con la buona morale e non deve portare a crudeltà o spietatezza che offendono i normali sentimenti umani.

§ 3
(1) Il diritto privato protegge la dignità e la libertà dell’uomo e il suo diritto naturale a prendersi cura della propria felicità e della felicità della sua famiglia o delle persone a lui vicine in modo da non danneggiare irragionevolmente gli altri.

(2) Il diritto privato si basa in particolare sul principio che
a) ognuno ha diritto alla tutela della propria vita e salute, nonché alla libertà, all’onore, alla dignità e alla riservatezza,

b) la famiglia, la genitorialità e il matrimonio godono di speciali tutele giuridiche,

(c) nessuno, per mancanza di età, ragione o dipendenza, subirà un danno ingiustificato; tuttavia, nessuno può anche beneficiare indebitamente della propria incapacità di danneggiare gli altri,

d) la promessa è vincolante e i contratti devono essere rispettati,

(e) il diritto di proprietà è protetto dalla legge e solo la legge può determinare come sorge e cessa il diritto di proprietà; e

f) a nessuno può essere negato ciò che gli spetta di diritto.

(3) Il diritto privato scaturisce anche da altri principi di giustizia e di diritto generalmente riconosciuti.

§ 4
(1) Si ritiene che ogni persona indipendente abbia la mente della persona media e la capacità di usarla con cura e cautela ordinaria, e che ognuno possa ragionevolmente aspettarselo da lui nei rapporti legali.

(2) Se l’ordinamento giuridico fa dipendere una certa conseguenza dalla propria conoscenza, si intende la conoscenza che una persona che conosce nel caso ragionevolmente acquisirà quando considererà le circostanze che devono essere state ovvie per lui nella sua posizione. Lo stesso vale se l’ordinamento giuridico associa una certa conseguenza all’esistenza del dubbio.

§ 5
(1) Chiunque, pubblicamente o in contatto con un’altra persona, richieda prestazioni professionali come membro di una determinata professione o condizione, indica in tal modo che è in grado di agire con la conoscenza e la diligenza associate alla sua professione o condizione. Se agisce senza questa cura professionale, è a suo danno.

(2) La natura o la validità di un’azione legale non può essere messa in discussione contro la volontà dell’interessato semplicemente perché ha agito la persona che non ha l’autorizzazione necessaria per la sua attività o la cui attività è vietata.

§ 6
(1) Ognuno ha l’obbligo di agire onestamente nei rapporti giuridici.

(2) Nessuno può trarre vantaggio dal suo atto disonesto o illegale. Nessuno può beneficiare della condizione illecita che ha causato o sulla quale ha il controllo.

§ 7
Si crede che chi ha agito in un certo modo abbia agito onestamente e in buona fede.

§ 8
L’abuso manifesto del diritto non gode di protezione giuridica.

Parte 2 Applicazione delle norme di diritto civile
§ 9
(1) Il codice civile disciplina lo stato personale delle persone.

(2) I diritti e gli obblighi privati ​​di natura personale e patrimoniale sono disciplinati dal Codice Civile nella misura in cui non siano disciplinati da altre norme di legge. Le dogane possono essere visualizzate quando sono invocate dalla legge.

§ 10
(1) Se un caso legale non può essere deciso sulla base di una disposizione esplicita, deve essere valutato in conformità con la disposizione relativa al caso legale in termini di contenuto e scopo del caso legale più vicino al caso valutato.

(2) In assenza di tale disposizione, la causa legale sarà valutata secondo i principi di giustizia e i principi su cui si basa la presente legge, in modo da pervenire ad una buona organizzazione dei diritti riguardo alla vita privata e tenendo conto in considerazione dello stato della scienza giuridica e della prassi decisionale consolidata e dei doveri.

§ 11
Le disposizioni generali sulla creazione, modifica e cessazione di diritti e obblighi da obblighi nella parte quarta della presente legge si applicano mutatis mutandis alla creazione, modifica e cessazione di altri diritti e obblighi privati.

Parte 3 Tutela dei diritti privati
§ 12
Chiunque si senta abbreviato nel proprio diritto può chiedere protezione ad un’autorità pubblica (di seguito “autorità pubblica”). Salvo disposizione contraria della legge, tale autorità pubblica è il tribunale.

§ 13
Chiunque cerchi protezione legale può ragionevolmente aspettarsi che la sua causa legale sia risolta allo stesso modo di un’altra causa legale che è già stata decisa e che è essenzialmente la stessa della sua causa legale; a meno che il caso giuridico non sia deciso diversamente, chiunque cerchi protezione legale ha diritto a una spiegazione convincente del motivo della deroga.

§ 14 Auto-aiuto
(1) Ciascuno può far valere il suo diritto in modo ragionevole, se il suo diritto è in pericolo e se è evidente che l’intervento del potere pubblico arriverà in ritardo.

(2) Se c’è una minaccia imminente di interferenza ingiustificata con la legge, chiunque sia in tal modo messo in pericolo può evitarlo con sforzi e mezzi che devono sembrare ragionevoli alla persona nella sua posizione in considerazione delle circostanze. Tuttavia, se l’autoaiuto è finalizzato solo a garantire un diritto che altrimenti sarebbe leso, la persona che è intervenuta in esso deve rivolgersi senza indebito ritardo all’autorità pubblica competente.

TITOLO II PERSONE
Parte 1 Disposizioni generali
§ 15
(1) La personalità giuridica è la capacità di avere diritti e doveri entro i limiti dell’ordinamento giuridico.

(2) L’ipocrisia è la capacità di acquisire diritti per se stessi attraverso le proprie azioni legali e di impegnarsi in obblighi (agire legalmente).

§ 16
Nessuno può rinunciare, neppure in parte, alla personalità giuridica o all’autonomia; se lo fanno, non sarà preso in considerazione.

§ 17
(1) Solo una persona può avere ed esercitare diritti. L’obbligazione può essere imposta solo alla persona e solo nei suoi confronti può essere eseguito l’adempimento dell’obbligazione.

(2) Se qualcuno stabilisce un diritto o impone un obbligo a ciò che non è una persona, il diritto o l’obbligo deve essere attribuito alla persona che, secondo la natura della causa, appartiene.

§ 18
La persona è fisica o giuridica.

§ 19
(1) Ognuno ha diritti naturali innati, che sono già riconoscibili dalla ragione e dall’emozione, e sono quindi considerati una persona. La legge fissa solo i limiti dell’applicazione dei diritti umani naturali e il metodo della loro protezione.

(2) I diritti naturali associati alla personalità di una persona non possono essere alienati e non possono essere rinunciati; se ciò accade, non viene preso in considerazione. Né tiene conto della restrizione di tali diritti in misura contraria alla legge, al buon costume o all’ordine pubblico.

§ 20
(1) Una persona giuridica è un dipartimento organizzato che la legge prevede come dotato di personalità giuridica o la cui personalità giuridica è riconosciuta dalla legge. Indipendentemente dall’oggetto della sua attività, una persona giuridica può avere diritti e obblighi compatibili con la sua natura giuridica.

(2) Le persone giuridiche di diritto pubblico sono soggette alle leggi in base alle quali sono state costituite; le disposizioni della presente legge si applicano solo se ciò è compatibile con la natura giuridica di queste persone.

§ 21
Lo Stato è considerato una persona giuridica nel campo del diritto privato. Un altro atto legislativo stabilisce come lo stato agisce legalmente.

§ 22
(1) Una persona stretta è un parente diretto, un fratello e un coniuge o partner ai sensi di un’altra legge che disciplina l’unione registrata (di seguito denominato “partner”); le altre persone in un rapporto familiare o affine si considerano vicine se il danno subito da uno di loro è stato ragionevolmente sentito dall’altro come proprio. Sono considerate persone vicine anche le persone affiatate o le persone che vivono permanentemente insieme.

(2) Se la legge sulla protezione dei terzi prevede condizioni o restrizioni speciali per i trasferimenti di proprietà, per il suo gravame o per il trasferimento in uso a un altro tra persone vicine, queste condizioni e restrizioni si applicano anche a procedimenti legali simili tra una persona giuridica e un membro del suo organo statutario o da chi influenza in modo significativo la persona giuridica in quanto suo membro o sulla base di un accordo o altro fatto.

Parte 2 Persone fisiche
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 23
Una persona ha personalità giuridica dalla nascita alla morte.

§ 24
Ognuno è responsabile delle proprie azioni se è in grado di giudicarle e controllarle. Chi, per sua colpa, è portato in uno stato in cui non sarebbe altrimenti responsabile delle sue azioni, è responsabile delle azioni compiute in quello stato.

§ 25
Un bambino concepito è considerato nato se soddisfa i suoi interessi. Si ritiene che il bambino sia nato vivo. Tuttavia, se non sono nati vivi, sono considerati come se non lo fossero mai stati.

§ 26 Prova della morte
(1) La morte di una persona deve essere provata da un documento pubblico rilasciato dopo l’esame del corpo del defunto secondo le modalità prescritte.

(2) Se il corpo di una persona morta non può essere ispezionato nel modo prescritto, una persona deve dichiarare una persona morta anche senza un’istanza se la persona ha partecipato a un evento tale che la sua morte appare certa in considerazione delle circostanze. Nella decisione, il tribunale determina il giorno che si applica al giorno della morte.

§ 27
Se la conseguenza giuridica dipende dal fatto che una persona è sopravvissuta a un’altra persona, e se non è certo quale di esse sia morta per prima, si considera che siano morte tutte contemporaneamente.

§ 28
(1) Se non si sa dove una persona è morta, si considera che ciò sia accaduto dove è stato trovato il suo corpo.

(2) Il luogo in cui una persona dichiarata morta è morta è considerato il luogo in cui ha vissuto l’ultima volta.

§ 29 Riassegnazione di genere
(1) Un cambiamento nel sesso di una persona si verifica chirurgicamente e allo stesso tempo impedisce la funzione riproduttiva e la trasformazione dei genitali. La data del cambiamento di genere è considerata la data indicata nel certificato rilasciato dal fornitore del servizio sanitario.

(2) La riassegnazione di genere non influisce sulla condizione personale di una persona, né sulle sue circostanze personali e patrimoniali; tuttavia, il matrimonio o l’unione registrata termina. Le disposizioni sugli obblighi e sui diritti dei coniugi divorziati nei confronti del figlio comune e sui loro obblighi e diritti patrimoniali nel periodo successivo al divorzio si applicano mutatis mutandis agli obblighi e ai diritti dell’uomo e della donna il cui matrimonio è terminato, al figlio comune e ai loro obblighi e diritti patrimoniali nel periodo successivo allo scioglimento del matrimonio; il tribunale deciderà, anche senza una proposta, come ciascuno dei genitori si prenderà cura del figlio comune in futuro.

§ 30 Adolescenza
(1) Una persona diventa maggiorenne con l’età adulta. Raggiunge la maggiore età compiendo il diciottesimo anno di età.

(2) Prima di raggiungere la maggiore età, la piena autonomia si acquisisce riconoscendo l’autonomia o concludendo un matrimonio. La legalità acquisita dalla conclusione del matrimonio non si perde né con lo scioglimento del matrimonio né con la dichiarazione di nullità del matrimonio.

minorenni
§ 31
Il minore che non abbia acquisito piena autonomia è ritenuto idoneo a compiere atti giuridici di natura commisurata alla maturità intellettuale e libera dei minori della sua età.

§ 32
(1) Se il rappresentante legale ha prestato a un minore che non ha acquisito piena autonomia, in conformità con le abitudini della vita privata, il consenso a una determinata azione legale o al raggiungimento di un determinato scopo, il minore è in grado di agire legalmente nell’ambito del consenso , a meno che non sia espressamente vietato dalla legge; il consenso può essere successivamente limitato o revocato.

(2) Se vi sono più rappresentanti legali, è sufficiente che almeno uno di essi esprima la propria volontà nei confronti di un terzo. Tuttavia, se più rappresentanti trattano insieme un’altra persona e se si contraddicono a vicenda, l’espressione di uno di essi non sarà presa in considerazione.

§ 33
(1) Se il rappresentante legale di un minore che non ha acquisito piena autonomia dà il consenso all’esercizio indipendente di un impianto commerciale o altra attività lucrativa simile, il minore diventa idoneo per gli atti relativi a tale attività. Per la validità del consenso è necessario il consenso del tribunale.

(2) Il consenso di un tribunale sostituisce la condizione di una certa età, se è determinato per l’esercizio di una determinata attività lucrativa da un’altra norma giuridica.

(3) Il rappresentante legale può revocare il consenso solo con l’autorizzazione del tribunale.

§ 34
È vietato il lavoro subordinato ai minori di quindici anni o ai minori che non hanno completato la scuola dell’obbligo. Questi minori possono svolgere attività artistiche, culturali, pubblicitarie o sportive solo alle condizioni previste da un’altra norma di legge.

§ 35
(1) Il minore che ha compiuto i quindici anni e ha completato la scuola dell’obbligo può impegnarsi a svolgere un lavoro dipendente in conformità con un’altra norma di legge.

(2) Il rappresentante legale di un minore che non ha compiuto l’età di sedici anni può rescindere il rapporto di lavoro o il contratto di lavoro stabilendo un obbligo analogo tra il lavoratore e il datore di lavoro, se necessario nell’interesse dell’istruzione, dello sviluppo o della salute del minore, secondo le modalità previste da altra normativa.

§ 36
Il minore che non abbia acquisito piena autonomia non è mai, indipendentemente dal contenuto delle altre disposizioni, abilitato ad agire in autonomia nelle materie per le quali anche il suo legale rappresentante avrebbe bisogno dell’autorizzazione del giudice.

§ 37 Concessione della giurisdizione
(1) Se un minore che non è completamente indipendente afferma che il tribunale gli concede l’autodeterminazione, il tribunale accoglie l’istanza se il minore ha compiuto i sedici anni, se la sua capacità di sostentarsi e procurare i suoi affari è provato e se il rappresentante legale acconsente alla petizione di un minore. Negli altri casi, il giudice accoglie l’istanza se è nell’interesse del minore per gravi motivi.

(2) Alle condizioni di cui al paragrafo 1, il tribunale concede anche al minore l’autorità legale su proposta del suo rappresentante legale, se il minore è d’accordo con la proposta.

Sezione 2: Misure di sostegno in caso di compromissione della capacità della persona giuridica di intraprendere un’azione legale
Premessa
§ 38
In previsione della propria incapacità di agire legalmente, una persona può mostrare la volontà che i suoi affari siano gestiti in un certo modo, o che sia amministrata da una certa persona, o che una certa persona diventi il ​​suo tutore.

§ 39
(1) Se la dichiarazione non assume la forma di atto pubblico, deve essere resa con atto privato datato e confermato da due testimoni; il testimone deve indicare nel certificato le informazioni dalle quali può essere accertato.

(2) I testimoni possono essere solo persone che non sono interessate alla dichiarazione e al suo contenuto e non sono cieche, sorde, mute o non hanno familiarità con la lingua in cui è fatta la dichiarazione. I testimoni devono firmare la dichiarazione ed essere in grado di confermare la capacità di agire del dichiarante e il contenuto della sua dichiarazione.

(3) Se il contenuto di una dichiarazione resa con atto pubblico è la designazione della persona che deve diventare tutore, la persona che ha redatto l’atto pubblico deve inserire i dati di chi ha reso la dichiarazione, che è chiamato come tutore e che ha redatto l’atto pubblico sotto altra legge.

§ 40
(1) Se la dichiarazione è fatta da una persona cieca o di una persona che non può o non può leggere o scrivere, la dichiarazione deve essere letto ad alta voce da un testimone che non scrivere la dichiarazione. Un cieco, o una persona che non sa o non sa leggere o scrivere, confermerà ai testimoni che il documento contiene la sua vera volontà.

(2) Se la dichiarazione è resa da una persona con disabilità sensoriale che non sa leggere o scrivere, il contenuto del documento deve essere interpretato a lui nel modo di comunicazione che ha scelto, da un testimone che non ha scritto la dichiarazione; tutti i testimoni devono avere padronanza del modo in cui vengono interpretati i contenuti del documento. Chi rende la deposizione deve confermare davanti ai testimoni, nel modo di comunicazione prescelto, che l’atto contiene la sua vera volontà.

§ 41
(1) Per l’espressa revoca della dichiarazione è necessaria un’espressione di volontà nella forma prescritta dal § 39 par.

(2) Se il documento contenente la dichiarazione viene distrutto dalla persona che lo ha reso, ciò ha gli effetti di un ricorso.

§ 42
Se la dichiarazione riguarda una materia diversa dalla professione di tutore e se l’efficacia della dichiarazione è subordinata a una condizione, il giudice decide sull’adempimento della condizione.

§ 43
Se le circostanze cambiano manifestamente in modo così sostanziale che il dichiarante non le avrebbe rese in tali circostanze o le avrebbe rese con altro contenuto, il giudice modifica o revoca la dichiarazione se la persona che ha reso la dichiarazione avrebbe altrimenti essere gravemente danneggiato. Prima di emettere una decisione, il giudice si adopera per accertare il parere della persona sulla cui dichiarazione decide, anche utilizzando mezzi di comunicazione da lui scelti.

§ 44
Se la dichiarazione o il suo ricorso non sono validi, il giudice ne tiene conto, salvo che vi sia motivo di dubitare della volontà di chi l’ha fatta.

Supporto alle decisioni
§ 45
Se una persona ha bisogno di assistenza decisionale a causa di un disturbo mentale, anche se non deve essere limitata nella sua autostima, può organizzare il supporto da fornire con la persona di supporto; Ci possono essere anche più sostenitori.

§ 46
(1) Con il contratto di assistenza, il sostenitore si impegna nei confronti della persona assistita ad essere presente ai suoi procedimenti legali con il suo consenso, a fornirgli i dati e le comunicazioni necessari e ad essere assistito dai consigli.

(2) Il contratto entra in vigore il giorno in cui è approvato dal tribunale. Se il contratto non è concluso per iscritto, le parti sono tenute a manifestare la volontà di stipulare il contratto in sede giudiziale. Il tribunale non approverà il contratto se gli interessi del sostenitore sono in conflitto con gli interessi dello sponsor.

§ 47
(1) Il sostenitore non può mettere in pericolo gli interessi della persona assistita con un’influenza indebita, né può arricchirsi ingiustamente a spese della persona assistita.

(2) Il sostenitore procede nell’esercizio delle sue funzioni secondo le decisioni dello sponsor. Se il promotore agisce legalmente per iscritto, il promotore può apporre la propria firma attestante la propria posizione e, se del caso, l’indicazione del sostegno che ha fornito al promotore; il convenuto ha altresì il diritto di eccepire l’invalidità dell’azione legale sostenuta.

§ 48
Su richiesta del sostenitore o del sostenitore, il giudice licenzia il sostenitore; il giudice lo rimuoverà anche se il sostenitore viola gravemente i suoi obblighi, anche senza mozione.

Rappresentanza di un membro della famiglia
§ 49
(1) Se un disturbo mentale impedisce a un adulto che non ha altro rappresentante di agire in modo indipendente, può essere rappresentato dal suo discendente, antenato, fratello, coniuge o partner, o da una persona che ha vissuto nella famiglia comune per almeno almeno tre anni prima di essere rappresentato.

(2) Il rappresentante notifica al rappresentato che lo rappresenterà e gli spiegherà chiaramente la natura e le conseguenze della rappresentanza. Se la persona da rappresentare rifiuta, la rappresentanza non sorge; la capacità di esprimere un desiderio è sufficiente per il rifiuto.

§ 50
Per la rappresentanza è necessaria l’approvazione del tribunale. Prima di emettere una decisione, il giudice si adopera per accertare il parere del rappresentato, anche utilizzando una modalità di comunicazione a sua scelta.

§ 51
Il rappresentante avrà cura della tutela degli interessi del rappresentato e dell’adempimento dei suoi diritti, nonché che il suo modo di vivere non sia in contrasto con le sue capacità e che, se ciò non può essere ragionevolmente contraddetto, corrisponde anche alle idee e ai desideri speciali della persona rappresentata.

§ 52
(1) La rappresentazione si riferisce alle solite materie, in quanto corrisponde alle condizioni di vita del rappresentato. Tuttavia, il rappresentante non ha il diritto di dare il consenso per interferire con l’integrità mentale o fisica di una persona con conseguenze permanenti.

(2) Il rappresentante può disporre del reddito del rappresentato nella misura necessaria per l’approvvigionamento delle cose abituali, in quanto corrisponde alle condizioni di vita del rappresentato; tuttavia, può disporre dei fondi per conto della persona rappresentata solo nella misura in cui non supera l’importo del minimo di sussistenza mensile della persona in conformità con un’altra disposizione legale.

§ 53
Se il rappresentante ha più di un rappresentante, è sufficiente che agisca uno di essi. Tuttavia, se più rappresentanti trattano insieme un’altra persona e se si contraddicono a vicenda, l’espressione di uno di essi non sarà presa in considerazione.

§ 54
(1) La rappresentanza cessa se il rappresentante si dimette o se il rappresentante rifiuta di essere ulteriormente rappresentato dal rappresentante; la capacità di esprimere un desiderio è sufficiente per il rifiuto. La rappresentanza cessa anche se il tribunale nomina un tutore per il rappresentato.

(2) Se viene concluso un contratto di assistenza decisionale, la rappresentanza del contratto cessa di avere effetto nella misura in cui la persona rappresentata è competente ad agire legalmente.

Limitazione dell’autonomia
§ 55
(1) La limitazione dell’autonomia può essere affrontata solo nell’interesse della persona interessata, dopo averla presa visione e con il pieno riconoscimento dei suoi diritti e della sua unicità personale. Allo stesso tempo, occorre considerare attentamente l’entità e il grado della propria incapacità di occuparsi dei propri affari.

(2) L’autonomia di una persona può essere limitata solo se correrebbe altrimenti il ​​rischio di un danno grave e se, in considerazione dei suoi interessi, misure più miti e meno restrittive non fossero sufficienti.

§ 56
(1) Solo un tribunale può limitare l’ipocrisia di una persona.

(2) Il tribunale compie lo sforzo necessario per accertare l’opinione della persona sulla cui giurisdizione decide, anche utilizzando un metodo di comunicazione che la persona sceglie.

§ 57
(1) Il tribunale può limitare l’ipocrisia di una persona nella misura in cui una persona non è in grado di agire legalmente a causa di un disturbo mentale che non è solo temporaneo e definisce la misura in cui una persona ha limitato in modo indipendente la propria o sua capacità giuridica di agire.

(2) Se una persona ha difficoltà a comunicare, questo non è di per sé un motivo per limitare la sua autonomia.

§ 58
Nel corso di un procedimento di restrizione della giurisdizione, il giudice può affidare a un terzo il compimento di determinati atti giuridici individuali o l’amministrazione dei beni, se ciò è necessario per evitare un danno grave.

§ 59
Il giudice può limitare la propria competenza in relazione a una determinata materia al tempo necessario per la sua composizione, ovvero a un determinato periodo di tempo determinato, ma non superiore a tre anni; alla scadenza del termine, gli effetti giuridici della restrizione decadono. Tuttavia, se in questo momento viene avviato un procedimento per prorogare il termine di prescrizione, gli effetti giuridici della decisione originaria durano fino all’emissione di una nuova decisione, ma per un massimo di un anno.

§ 60
Se le circostanze cambiano, il giudice cambia immediatamente o revoca la sua decisione, anche senza istanza.

§ 61
Se il tribunale decide di limitare l’autodeterminazione di una persona, una persona da essa nominata tutore può proporre che sia nominato tutore; se non presenta istanza, il tribunale conoscerà il suo parere. Se questa persona ha diritto alla custodia, il tribunale, con il suo consenso, lo nomina come custode.

§ 62
Nella decisione sulla limitazione della competenza, il giudice nomina un tutore. Nella scelta del tutore, il giudice tiene conto della volontà del tutore, delle sue necessità e dei suggerimenti delle persone vicine al tutore, se ne perseguono il vantaggio, e si accerta che la scelta del tutore non dimostri la sfiducia del tutore nei confronti del tutore. il guardiano.

§ 63
Il tutore non può essere una persona incapace di agire in giudizio o una persona i cui interessi sono in conflitto con gli interessi del tutore, né l’operatore della struttura in cui risiede il tutore o che gli fornisce servizi, né una persona dipendente da tale struttura.

§ 64
La decisione di limitare la propria autonomia non priva una persona del diritto di agire in modo indipendente nelle questioni ordinarie della vita quotidiana.

§ 65
(1) Se il tutore ha agito in modo indipendente, sebbene non potesse agire senza il tutore, la sua azione legale può essere dichiarata invalida solo se gli provoca un danno. Tuttavia, se una modifica dell’ambito dei doveri del tutore è sufficiente per porre rimedio alla situazione, il tribunale lo farà senza essere vincolato dalle istanze delle parti.

(2) Se il tutore ha agito in modo indipendente, sebbene non potesse agire senza il tutore, la condotta del tutore è considerata valida se il tutore l’ha approvata. Ciò vale anche se tale azione legale è stata approvata dall’attore stesso dopo essere diventato indipendente.

Sezione 3 Mancante
§ 66
(1) Il tribunale può dichiarare una persona arbitraria che ha lasciato la sua residenza, non si è denunciata e non sa dove è scomparsa. Il giudice indica nella decisione la data in cui si sono verificati gli effetti della dichiarazione di assenza.

(2) Una dichiarazione di scomparsa può essere fatta su proposta di una persona che ha un interesse legale in essa, in particolare un coniuge o altra persona vicina, comproprietario, datore di lavoro o società in cui questa persona ha una partecipazione.

§ 67
(1) Questa necessità non deve essere presa in considerazione nella valutazione degli atti per i quali è altrimenti necessario dare il consenso, il consenso, il voto o altro atto di una persona dichiarata scomparsa. tuttavia, ciò non si applica se si tratta del suo status personale. Chi agisce, quando si tratta della persona scomparsa, deve farlo tenendo conto anche dei suoi interessi.

(2) Un atto giuridico che ha avuto luogo senza il consenso o altra necessaria espressione della volontà della persona scomparsa dopo che ha lasciato la sua residenza, ma prima che fosse dichiarata scomparsa, anche se questa dichiarazione è stata proposta senza indebito ritardo, è considerato come un procedimento instaurato con una condizione sospensiva all’emanazione della decisione che ne dichiara la scomparsa.

§ 68
Se una persona dichiarata scomparsa o ritorna un fiduciario restituisce la sua dichiarazione come scomparsa. La dichiarazione cessa di avere effetto dal giorno del decesso della persona scomparsa.

§ 69
La persona che è stata dichiarata scomparsa non può eccepire l’invalidità o l’inefficacia di un atto giuridico commesso in sua assenza, avvenuta per gli effetti di tale dichiarazione, in quanto non richiedeva l’espressione della sua volontà.

§ 70
Se la persona che ha nominato l’amministratore dei suoi beni viene dichiarata scomparsa, ciò non pregiudica i diritti e gli obblighi dell’amministratore costituito. Ciò non si applica se l’amministratore è sconosciuto, rifiuta di agire nell’interesse della persona scomparsa, trascura le sue azioni nell’interesse della persona scomparsa o non può agire affatto.

Sezione 4 Presunzione di morte
§ 71
(1) Su proposta di una persona che ha un interesse legale in essa, il tribunale dichiara una persona morta che può ragionevolmente essere considerata morta e determina il giorno che è considerato il giorno della sua morte.

(2) Una persona che è stata dichiarata morta è considerata come se fosse morta. Dichiarando morto il marito, il matrimonio termina nel giorno considerato il giorno della sua morte; lo stesso vale per un’unione registrata.

§ 72
Se una persona è stata dichiarata scomparsa e se sussistono seri dubbi sulla sua sussistenza, anche se la sua morte è insindacabile, il tribunale può dichiararla morta su richiesta dell’avente diritto e determinarne la data su cui la persona scomparsa apparentemente non è sopravvissuta. Questo giorno è considerato il giorno della morte della persona scomparsa.

§ 73
Una persona che è stata dichiarata scomparsa può essere dichiarata morta non prima di cinque anni dalla fine dell’anno in cui è stata dichiarata la scomparsa. Tuttavia, ciò non può essere fatto se durante questo periodo viene visualizzato un rapporto dal quale si può concludere che la persona scomparsa è ancora viva. In tal caso, la procedura è conforme al § 74 o 75.

§ 74
(1) Una persona divenuta scomparsa lasciando la propria residenza non si è denunciata e non sa dove risiede, ma non è stata dichiarata scomparsa, può essere dichiarata morta non prima di sette anni dopo la fine dell’anno, in cui ha rivelato l’ultimo rapporto da cui si poteva concludere che era ancora vivo.

(2) Una persona scomparsa prima dell’età di diciotto anni non può essere dichiarata morta prima della fine dell’anno in cui sono trascorsi venticinque anni dalla sua nascita.

§ 75
Una persona scomparsa in quanto partecipante a un evento in cui è stato messo in pericolo un gran numero di persone può essere dichiarata morta al più presto tre anni dopo la fine dell’anno in cui è apparsa l’ultima segnalazione, dalla quale si può concludere che era eventi ancora vivi.

§ 76
(1) Se una persona è stata dichiarata morta, ciò non preclude la prova che sia morta prima o poi, o che sia ancora in vita. Se viene trovato vivo, non si tiene conto della dichiarazione di morte; tuttavia, il matrimonio o l’unione registrata non vengono rinnovati.

(2) Se è stata fornita una prova errata della morte, il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

Sezione 5 Nome e indirizzo della persona
Il nome dell’uomo e la sua protezione
§ 77
(1) Il nome di una persona è il suo nome personale e cognome, o altri suoi nomi e cognomi da nubile che gli appartengono secondo la legge. Ogni individuo ha il diritto di utilizzare il proprio nome nei rapporti giuridici, nonché il diritto di proteggere e rispettare il proprio nome.

(2) Una persona che usa un nome diverso dal proprio nei rapporti giuridici sopporta le conseguenze degli errori e dei danni che ne derivano.

§ 78
(1) Una persona che è stata lesa da una contestazione del suo diritto a un nome o che ha subito un danno a causa di un’interferenza non autorizzata con questo diritto, in particolare dall’uso non autorizzato del nome, può chiedere che l’interferenza non autorizzata sia abbandonata o le sue conseguenze rimediate.

(2) Se l’interessato è assente, mancante, incapace o per qualsiasi altro motivo non può esercitare egli stesso il diritto alla protezione del proprio nome, il coniuge, il discendente, l’antenato o il partner possono esercitarli, a meno che la persona interessato, pur essendo indipendente, ha espressamente dichiarato di non volerlo fare.

(3) Se l’ingerenza ingiustificata riguarda il cognome e se sussiste un motivo fondato su un rilevante interesse alla protezione della famiglia, la protezione può essere rivendicata autonomamente dal coniuge o da altra persona vicina all’interessato, anche se loro diritto a un nome non è stato direttamente influenzato.

§ 79 Pseudonimo
(1) Una persona può accettare uno pseudonimo per un determinato campo di attività o anche per contatti privati. L’azione legale sotto pseudonimo non pregiudica la validità se è chiaro chi ha agito e se l’altra parte non può avere dubbi su chi ha agito.

(2) Se uno pseudonimo diventa noto, gode della stessa protezione del nome.

§ 80 Residenza
(1) Una persona risiede in un luogo in cui risiede con l’intenzione di viverci, soggetto a un cambiamento delle circostanze in modo permanente; tale intenzione può risultare dalla sua dichiarazione o dalle circostanze del caso. Se una persona indica come sua residenza un luogo diverso dalla sua effettiva residenza, ognuno può invocare anche la sua effettiva residenza. Non si può obiettare che chi in buona fede invoca quel luogo ha la sua effettiva residenza in un altro luogo.

(2) Se una persona non ha una residenza, il luogo in cui vive è considerato come loro. Se tale luogo non può essere accertato, o se può essere accertato solo con sproporzionata difficoltà, si considera come luogo di residenza della persona il luogo in cui ha beni, o il luogo in cui ha dimorato per ultima.

Sezione 6 Personalità umana
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 81
(1) La personalità di una persona, compresi tutti i suoi diritti naturali, è protetta. Ognuno è obbligato a rispettare la libera decisione dell’uomo di vivere secondo la propria.

(2) Le tutele godono in particolare della vita e della dignità dell’uomo, della sua salute e del diritto a vivere in un ambiente favorevole, della sua serietà, onore, riservatezza e delle sue manifestazioni di carattere personale.

§ 82
(1) Una persona la cui personalità è stata colpita ha il diritto di chiedere che l’interferenza non autorizzata sia abbandonata o che le sue conseguenze siano eliminate.

(2) Dopo la morte di una persona, la protezione della sua personalità può essere richiesta da qualsiasi persona a lei vicina.

§ 83
(1) Se un’ingerenza non autorizzata con la personalità di una persona è collegata alla sua attività in una persona giuridica, anche questa persona giuridica può esercitare il diritto alla protezione della sua personalità; durante la sua vita, tuttavia, solo in suo nome e con il suo consenso. Se una persona non è in grado di dimostrare un testamento per assenza o incapacità di giudicare, il consenso non è richiesto.

(2) Dopo la morte di una persona, una persona giuridica può richiedere l’abbandono dell’interferenza non autorizzata e l’eliminazione delle sue conseguenze.

Sottosezione 2 Modulo e privacy
§ 84
È possibile solo con il permesso di una persona catturare l’immagine di una persona in qualsiasi modo in modo che, in base all’immagine, sia possibile determinare la sua identità.

§ 85
(1) È possibile espandere la forma di una persona solo con il suo permesso.

(2) Se qualcuno consente di raffigurare la sua forma in circostanze dalle quali è chiaro che sarà diffusa, vale che ne consenta anche la riproduzione e la diffusione nel modo consueto, come avrebbe potuto ragionevolmente aspettarsi date le circostanze.

§ 86
Nessuno può interferire con la privacy di un altro a meno che non abbia un motivo legittimo per farlo. In particolare, senza il consenso di una persona, non è possibile disturbare i suoi locali privati, monitorare la sua vita privata o effettuare registrazioni audio o video, utilizzare tali o altre registrazioni della vita privata di una persona da parte di terzi, o diffondere tali registrazioni della sua vita privata. Nella stessa misura sono tutelati anche i documenti privati ​​di natura personale.

§ 87
(1) Chiunque abbia autorizzato l’uso di un documento di carattere personale, un ritratto o una registrazione audio o video riguardante una persona o le sue espressioni di carattere personale può revocare il consenso, anche se lo ha concesso per un certo periodo.

(2) Se un permesso concesso per un certo periodo di tempo è stato revocato, senza che ciò sia giustificato da un cambiamento sostanziale delle circostanze o da un altro motivo ragionevole, il ricorrente deve risarcire il danno risultante alla persona che ha concesso il permesso.

§ 88
(1) L’ autorizzazione non è richiesta se un ritratto o una registrazione audio o video viene eseguita o utilizzata per esercitare o proteggere altri diritti o interessi legalmente protetti di altre persone.

(2) L’ autorizzazione non è richiesta anche se un ritratto, un documento di natura personale o una registrazione audio o video viene acquisito o utilizzato in base alla legge per uno scopo ufficiale o se qualcuno parla pubblicamente di una questione di interesse pubblico.

§ 89
Un ritratto o una registrazione audio o video può anche essere realizzato o utilizzato in modo ragionevole per scopi scientifici o artistici e per stampa, radio, televisione o notizie simili senza il permesso di una persona.

§ 90
Un motivo legittimo per invadere la privacy altrui o per utilizzare la sua immagine, documento personale o registrazione audio o video non deve essere utilizzato in modo sproporzionato e contrario ai legittimi interessi dell’uomo.

Sottosezione 3 Il diritto all’integrità mentale e fisica
§ 91
L’uomo è intoccabile.

§ 92
(1) Il corpo umano è sotto protezione legale anche dopo la morte di una persona. È vietato disporre di resti umani e resti umani in modo indegno del defunto.

(2) Se i resti umani non sono depositati in un cimitero pubblico, una persona che una persona ha espressamente designato prima della sua morte ha il diritto di liberarli; altrimenti il ​​marito, il figlio o il genitore dovranno a turno, e se nessuno dei due o rifiuta di prendere in consegna i resti, saranno presi in consegna dal suo erede.

Interferenza con l’integrità
§ 93
(1) Salvo il caso previsto dalla legge, nessuno può interferire con l’integrità di un’altra persona senza il suo consenso concesso con la conoscenza della natura dell’intervento e delle sue possibili conseguenze. Se qualcuno accetta di arrecargli un danno grave, non viene preso in considerazione; ciò non si applica se l’intervento è comunque necessario nell’interesse della vita o della salute dell’interessato.

(2) Il rappresentante legale può concedere il consenso a interferire con l’integrità della parte rappresentata, se è a diretto vantaggio di una persona che non è in grado di dare il consenso stesso.

§ 94
(1) Chiunque voglia eseguire un’operazione su un’altra persona deve spiegargli chiaramente la natura di tale operazione. Una spiegazione è debitamente fornita se si può ragionevolmente presumere che l’altra parte abbia compreso le modalità e lo scopo della procedura, comprese le conseguenze previste ei possibili pericoli per la sua salute, nonché se sia possibile un’altra procedura.

(2) Se il suo rappresentante legale dà il suo consenso, una spiegazione deve essere data anche alla persona che deve essere sottoposta alla procedura, se è in grado di giudicare, in modo commisurato alla capacità di comprendere la spiegazione in questione.

§ 95
Il minore non pienamente autonomo può, nelle prassi ordinarie, acconsentire all’intervento sul proprio corpo, purché ciò sia proporzionato alla maturità intellettuale e libera del minore della sua età e se l’intervento non lasciare conseguenze permanenti o gravi.

§ 96
(1) Il consenso ad interferire con l’integrità di una persona richiede una forma scritta se una parte del corpo che non è più restaurata deve essere separata.

(2) La forma scritta richiede anche il consenso a
(a) un esperimento medico su un essere umano, o

(b) una procedura che non richiede la salute umana; ciò non si applica nel caso di procedure cosmetiche che non lasciano conseguenze permanenti o gravi.

§ 97
(1) Il consenso concesso può essere revocato in qualsiasi forma, anche se per la concessione del consenso è necessaria una forma scritta.

(2) Se il consenso scritto non è richiesto per il consenso, si considera concesso. In caso di incertezza sul fatto che il consenso sia stato revocato in forma diversa da quella scritta, la revoca si considera non avvenuta.

§ 98
(1) Se una persona non può dare il consenso a causa dell’impossibilità di esprimere la sua volontà, anche solo temporaneamente, e se non ha un rappresentante legale, è richiesto il consenso dell’attuale coniuge, genitore o altra persona vicina. Se nessuna di queste persone è presente, è richiesto il consenso del coniuge e, in caso contrario, il consenso del genitore o di altra persona vicina, se possono essere facilmente identificate e ritrovate e se è chiaro che non vi è pericolo di ritardo . Qualora non sia possibile ottenere il consenso in nessuna delle modalità sopra indicate, il consenso può essere prestato da un’altra persona presente che dimostri un interesse eccezionale nei confronti dell’interessato.

(2) Nell’intervento e nella concessione del consenso, si tiene conto della volontà nota precedentemente espressa della persona la cui integrità deve essere lesa.

§ 99
Se la vita di una persona è in pericolo improvviso ed evidente, e se il consenso non può essere ottenuto in caso di emergenza anche in una forma diversa da quella indicata, si può agire immediatamente se ciò è necessario per la salute dell’interessato.

§ 100
(1) Qualora sia lesa l’integrità di un minore che abbia compiuto i quattordici anni, non abbia acquisito piena autonomia e che si opponga gravemente all’intervento, anche se il legale rappresentante è d’accordo con l’intervento, l’intervento non può essere effettuato senza il consenso del tribunale. Ciò vale anche nel caso di esecuzione di un’operazione su un adulto non completamente indipendente.

(2) Se il rappresentante legale non è d’accordo con l’ingerenza nell’integrità della persona di cui al paragrafo 1, anche se questa persona lo desidera, l’intervento può essere effettuato su sua proposta o su proposta di una persona vicino a lui solo con il consenso del tribunale.

§ 101
Se l’integrità di una persona incapace di giudizio deve essere lesa in modo tale da avere conseguenze durevoli, inevitabili e gravi o in modo connesso a un grave pericolo per la sua vita o la sua salute, l’intervento può essere effettuato solo con l’autorizzazione del tribunale. Ciò non pregiudica le disposizioni del § 99.

§ 102
Il tribunale convoca l’intervento ai sensi dell’articolo 100 o 101, se l’interessato è, a sua ragionevole discrezione, a vantaggio, dopo la sua ispezione e con il pieno riconoscimento della sua personalità.

§ 103
Se l’integrità di una persona che non è stata in grado di valutare ciò che gli sta accadendo è stata lesa e non ha dato il suo consenso all’intervento, gli deve essere spiegato non appena le sue condizioni lo consentono, in modo che sarà in grado di comprendere quale procedura è stata eseguita su di essa e dovrà essere informato delle sue possibili conseguenze e del rischio di non eseguire la procedura.

Sottosezione 4 Diritti di una persona ricoverata in un istituto medico senza il suo consenso
§ 104
È possibile accogliere una persona in una struttura che fornisce assistenza sanitaria senza il suo consenso o trattenerla senza il suo consenso solo per un motivo previsto dalla legge e a condizione che le cure necessarie per la sua persona non possano essere fornito da misure più blande e meno restrittive. La presentazione di una mozione per limitare l’autodeterminazione non costituisce di per sé una ragione per la presa in carico o il trattenimento di una persona in tale struttura senza il suo consenso.

§ 105
(1) Se una persona viene portata o trattenuta in una struttura che fornisce assistenza sanitaria, il fornitore di servizi sanitari deve informare immediatamente il suo rappresentante legale, tutore o sostenitore e il suo coniuge o un’altra persona nota a lui vicina; tuttavia, non può avvisare il coniuge o un’altra persona vicina se gli è stato vietato farlo.

(2) Il trasferimento di una persona in una struttura che fornisce assistenza sanitaria deve essere notificato al tribunale dal fornitore di servizi sanitari entro 24 ore; ciò vale anche se una persona è detenuta in tale struttura. Il tribunale decide entro sette giorni sul provvedimento adottato.

§ 106
(1) L’operatore sanitario garantisce che una persona ricoverata in una struttura di detenzione o detenuta in tale struttura riceva senza indebito ritardo una spiegazione adeguata del suo status giuridico, del motivo giuridico della misura adottata e della protezione giuridica, compreso il diritto scegliere un agente o un fiduciario.

(2) La spiegazione deve essere fornita in modo tale che la persona possa comprendere ed essere sufficientemente consapevole della natura della misura adottata e delle sue conseguenze; se tale persona ha un rappresentante legale, tutore o difensore, una spiegazione deve essere data anche a lui senza indebito ritardo.

§ 107
(1) Se una persona ha un agente o un confidente, il fornitore di servizi sanitari deve notificare all’agente o al confidente la misura adottata senza indebito ritardo dopo averne appreso.

(2) Il fiduciario può esercitare a beneficio di una persona a proprio nome tutti i suoi diritti derivanti dal suo subentro nella struttura in questione o dalla sua partecipazione in tale struttura. Il sostenitore ha gli stessi diritti del curatore.

§ 108
Chi è stato rilevato o trattenuto in una struttura sanitaria ha il diritto di discutere i propri affari con il proprio rappresentante, fiduciario o sostenitore in un colloquio personale e senza la presenza di terzi.

§ 109
(1) Una persona ricoverata in una struttura che fornisce assistenza sanitaria o detenuta in tale struttura ha il diritto di far esaminare il proprio stato di salute, documentazione medica o dichiarazione del medico curante sull’incompetenza ed esprimere il proprio desiderio in modo indipendente da un medico indipendente dalla salute fornitore di servizi in questa struttura e il suo operatore. Il fiduciario o il sostenitore ha lo stesso diritto.

(2) Se il diritto di riesame viene esercitato prima che il tribunale decida ai sensi del § 105 paragrafo 2, il suo esercizio deve essere abilitato in modo che il tribunale possa valutare i risultati del riesame nel procedimento sull’ammissibilità della misura adottata.

§ 110
Se il tribunale decide sull’ammissibilità del provvedimento adottato, questo approva la permanenza forzata nella struttura che fornisce assistenza sanitaria, ma ciò non priva il diritto di rifiutare un determinato intervento o trattamento medico.

Sottosezione 5 Manipolazione di parti del corpo umano
§ 111
(1) Una persona la cui parte del corpo è stata portata via ha il diritto di sapere come è stata maneggiata. È vietato disporre di una parte rimossa del corpo umano in modo indegno dell’essere umano o in modo pericoloso per la salute pubblica.

(2) Una parte sequestrata del corpo di una persona può essere utilizzata per scopi medici, di ricerca o scientifici durante la sua vita, a condizione che abbia dato il suo consenso. È sempre richiesto l’uso di una parte rimossa del corpo di una persona per uno scopo di natura insolita.

(3) Lo stesso vale per ciò che ha origine nel corpo umano come per le parti del corpo umano.

§ 112
Una persona può lasciare una parte del suo corpo ad un’altra solo alle condizioni previste da un’altra norma giuridica. Ciò non si applica ai capelli o parti simili del corpo umano che possono essere rimossi indolore senza intorpidimento e che si rinnovano naturalmente; possono essere lasciati a un altro per una ricompensa e sono visti come una cosa mobile.

Sottosezione 6 Protezione del corpo umano dopo la morte
§ 113
(1) Una persona ha il diritto di decidere come sarà trattato il suo corpo dopo la sua morte.

(2) L’ autopsia o l’uso del corpo umano dopo la morte di una persona per esigenze di scienza medica, ricerca o per scopi educativi senza il consenso del defunto possono essere eseguiti solo se un’altra legge lo prevede.

§ 114
(1) Una persona ha il diritto di decidere che tipo di funerale dovrebbe avere. Se non lascia una decisione espressa in tal senso, il coniuge del defunto decide sul suo funerale e, in caso contrario, i figli del defunto; se non ce ne sono, decidono i genitori e, se non ce ne sono, i fratelli del defunto; se non vivono, allora decidono i loro figli, e se non ce ne sono, allora qualcuno dei loro cari; se nessuna di queste persone è presente, decide il comune nel cui territorio la persona è morta.

(2) Le spese funerarie e le misure funerarie sono rimborsate dal patrimonio. Se il patrimonio non è sufficiente a coprire le spese del metodo di sepoltura voluto dal defunto, deve essere sepolto almeno in maniera decorosa secondo le usanze locali.

(3) Un’altra norma giuridica stabilisce come ea quali spese sarà sepolta una persona il cui patrimonio non è sufficiente a coprire le spese del funerale e se nessuno è disposto a pagare volontariamente le spese del funerale.

§ 115
Se una persona muore senza acconsentire all’autopsia o all’uso del suo corpo dopo la morte secondo le modalità di cui all’articolo 113, si riterrà che non acconsenta all’autopsia oa tale uso del suo corpo.

§ 116
Chiunque acconsente che dopo la sua morte il suo corpo sia sezionato o utilizzato secondo le modalità di cui all’articolo 113, iscrive il proprio parere nel registro tenuto ai sensi di altra norma di legge; tale consenso può essere espresso anche in atto pubblico o nei confronti di un fornitore di servizi sanitari con effetti nei confronti di tale fornitore.

§ 117
Il consenso all’autopsia o all’utilizzo del corpo dopo la morte per scopi scientifici, di ricerca o didattici può essere revocato. Se una persona revoca un consenso in una struttura medica, può farlo con una dichiarazione scritta.

Parte 3 Persone giuridiche
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 118
Una persona giuridica ha una personalità giuridica dal suo inizio fino al suo scioglimento.

§ 119
Le persone giuridiche tengono registri affidabili dei loro beni, anche se non sono obbligate a tenere i conti in conformità con un’altra normativa legale.

Registri pubblici delle persone giuridiche
§ 120
(1) Almeno il giorno della sua costituzione, il giorno del suo scioglimento con il motivo giuridico e il giorno del suo scioglimento, nonché il suo nome, indirizzo della sede legale e oggetto di attività, nome e indirizzo di residenza o sede legale di ogni membro dell’organo statutario insieme è iscritto nel registro pubblico indicando il modo in cui tale organo rappresenta la persona giuridica e la data in cui ha assunto o cessa di funzionare.

(2) Un altro regolamento legale stabilisce quali sono i registri pubblici delle persone giuridiche, quali persone giuridiche sono iscritte in essi e come, o quali altri dati sono inseriti in essi relativi alle persone giuridiche e come vengono cancellati da essi, o se è parte del registro pubblico raccolta di documenti. I registri pubblici delle persone giuridiche sono accessibili a tutti; tutti possono guardarli e farne estratti, trascrizioni o copie.

(3) Se il fatto registrato cambia, la persona iscritta o la persona alla quale è richiesto dalla legge deve notificare la modifica senza indebito ritardo alla persona che tiene il registro pubblico, e questi deve iscrivere questa modifica nel registro pubblico senza indebito ritardo.

§ 121
(1) La persona cui si riferisce l’iscrizione non ha il diritto di opporre che l’iscrizione non corrisponde ai fatti a carico di una persona che agisce legalmente fidandosi dei dati inseriti nel registro pubblico.

(2) Se un dato iscritto nel registro pubblico è stato pubblicato, nessuno può, trascorsi quindici giorni dalla pubblicazione, affermare di non aver potuto conoscere i dati pubblicati. Se i dati pubblicati non corrispondono ai dati inseriti, la persona a cui si riferiscono i dati non può invocare i dati pubblicati nei confronti di un’altra persona; tuttavia, qualora dimostri di essere a conoscenza dei dati inseriti, potrà opporsi al fatto che i dati pubblicati non corrispondano ai dati registrati.

Costituzione e creazione di una persona giuridica
§ 122
Una persona giuridica può essere costituita da un atto giuridico costitutivo, da una legge, da una decisione di un’autorità pubblica o in un altro modo previsto da un’altra norma giuridica.

§ 123
(1) Il procedimento giudiziario costitutivo determina almeno il nome, la sede legale dell’entità giuridica, l’oggetto dell’attività, che l’entità giuridica ha un corpo statutario e come è creato, se non diversamente previsto dalla legge. Determina inoltre chi sono i primi membri dell’organo statutario.

(2) Per il procedimento legale di fondazione è necessaria una forma scritta.

§ 124
Se non è indicato per quale periodo è costituita la persona giuridica, è valido che sia costituita a tempo indeterminato.

§ 125
(1) Diversi fondatori costituiscono una persona giuridica adottando lo statuto o concludendo un altro contratto.

(2) La legge stabilisce in quali casi una persona giuridica può essere costituita anche da un atto giuridico di una persona contenuto nell’atto costitutivo.

§ 126
(1) Una persona giuridica è costituita il giorno dell’iscrizione nel registro pubblico.

(2) Se una persona giuridica è costituita per legge, è costituita il giorno della sua entrata in vigore, a meno che la legge non preveda un giorno successivo.

(3) La legge stabilisce in quali altri casi l’iscrizione nel registro pubblico non è necessaria per la costituzione di una persona giuridica. La legge stabilisce in quali casi è necessaria una decisione di un’autorità pubblica per l’istituzione o la creazione di una persona giuridica.

§ 127
È possibile agire per conto di una persona giuridica per suo conto anche prima della sua costituzione. Colui che agisce in questo modo ha il diritto e l’obbligo di farlo lui stesso; se più persone agiscono, sono legittimate e vincolate in solido. Una persona giuridica può farsi carico degli effetti di tali atti entro tre mesi dalla loro costituzione. In tal caso, è valido e obbligato da queste trattative fin dall’inizio. Se li assume, farà sapere agli altri partecipanti che lo ha fatto.

§ 128
Una volta che una persona giuridica è stata costituita, non si può pretendere che non sia stata costituita e la sua iscrizione nel registro pubblico non può quindi essere revocata.

§ 129
(1) Il tribunale dichiara invalida una persona giuridica dopo la sua costituzione anche senza istanza, se
a) manca l’azione legale fondativa,

b) l’ azione legale fondatrice non possiede i requisiti necessari per l’esistenza giuridica della persona giuridica,

c) la condotta legale dei fondatori contraddice il § 145 o

d) la persona giuridica è stata costituita da un numero inferiore di persone rispetto a quanto richiesto dalla legge.

(2) Il giorno in cui l’entità giuridica è dichiarata invalida, entra in liquidazione.

§ 130
Prima della decisione ai sensi della Sezione 129, il tribunale concede alla persona giuridica un periodo di tempo ragionevole per porvi rimedio, se il difetto è sanabile.

§ 131
La dichiarazione di invalidità di una persona giuridica non pregiudica i diritti e gli obblighi da essa acquisiti.

Nome
§ 132
(1) Il nome di una persona giuridica è il suo nome.

(2) Il nome deve distinguere una persona giuridica da un’altra persona e contenere un’indicazione della sua forma giuridica. Il nome non deve trarre in inganno.

§ 133
(1) Il nome può contenere il nome di una persona con cui la persona giuridica ha una relazione speciale. Se una persona è viva, il suo nome può essere utilizzato a nome di una persona giuridica solo con il suo consenso; se è morto senza il suo consenso, sarà richiesto il consenso del marito e, in caso contrario, il consenso della prole adulta e, in caso contrario, il consenso dell’antenato.

(2) Se un cognome è stato utilizzato nel nome di una persona giuridica e se esiste una ragione basata su un importante interesse alla protezione della famiglia, si applica mutatis mutandis § 78 paragrafo 3.

(3) Chiunque abbia il diritto di prestare il consenso all’uso del nome di una persona in nome di una persona giuridica ha il diritto di revocarlo in qualsiasi momento, anche se lo ha concesso per un certo periodo di tempo; se diversamente concordato, non si terrà conto del fatto che la revoca del consenso sia giustificata da un cambiamento sostanziale delle circostanze o da un altro ragionevole motivo. Se il consenso prestato per un certo periodo è stato revocato senza mutamento sostanziale delle circostanze o altro ragionevole motivo, il ricorrente sarà risarcito dalla persona giuridica del danno da esso cagionato.

§ 134
(1) Il nome di una persona giuridica può contenere qualche elemento caratteristico del nome di un’altra persona giuridica, se esiste una ragione per questo nella loro reciproca relazione. Anche in tal caso, il pubblico deve essere in grado di distinguere sufficientemente i due nomi.

(2) Un elemento distintivo del nome di un’altra persona giuridica non può essere utilizzato nel nome senza il suo consenso. Le disposizioni della Sezione 133 (3) si applicano mutatis mutandis.

§ 135
(1) Una persona giuridica che è stata lesa dalla contestazione del suo diritto a un nome o che ha subito un danno a causa di un’interferenza non autorizzata con questo diritto, o che è minacciata da tale danno, in particolare dall’uso non autorizzato del nome, può esigere che l’interferenza non autorizzata venga abbandonata o rimossa.

(2) La stessa tutela spetta a una persona giuridica contro chi, senza motivo giuridico, interferisce con la sua reputazione o riservatezza, se non per scopi scientifici o artistici o per la stampa, la radio, la televisione o notizie simili; tuttavia, tale intervento non deve essere contrario ai legittimi interessi della persona giuridica.

§ 136 Posto
(1) Quando si costituisce una persona giuridica, è determinata la sua sede legale. Se non disturba la quiete e l’ordine in casa, la sede può essere anche in appartamento.

(2) Se una persona giuridica è iscritta nel registro pubblico, è sufficiente che l’atto costitutivo indichi il nome del comune in cui la persona giuridica ha la sua sede legale; tuttavia, la persona giuridica propone di iscrivere l’intera sede legale nel registro pubblico.

§ 137
(1) Tutti possono invocare la sede effettiva di una persona giuridica.

(2) Una persona giuridica non può opporsi al fatto di avere una sede legale effettiva in un altro luogo contro chiunque invochi la sede legale nel registro pubblico.

Trasferimento della sede legale
§ 138
(1) Una persona giuridica che ha la propria sede legale all’estero può trasferire la propria sede legale nel territorio della Repubblica Ceca. Ciò non si applica se non consentito dalla legge dello Stato in cui la persona giuridica ha la sua sede legale o nel caso di una persona giuridica vietata ai sensi dell’articolo 145.

(2) Un soggetto giuridico che intenda trasferire la propria sede legale nella Repubblica Ceca deve allegare alla domanda di iscrizione nel registro pubblico pertinente una decisione sulla forma giuridica del soggetto giuridico ceco e l’azione legale fondativa richiesta dalla legge ceca per questa persona giuridica. .

(3) I rapporti giuridici interni di una persona giuridica sono disciplinati dalla legge ceca dopo il trasferimento della sede legale nella Repubblica ceca. L’ordinamento giuridico ceco disciplina anche la responsabilità dei suoi membri o membri dei suoi organi per i debiti di una persona giuridica, se sono sorti dopo la data di efficacia del trasferimento della sede legale nella Repubblica ceca.

§ 139
Una persona giuridica che ha la propria sede legale nella Repubblica Ceca può trasferire la propria sede legale all’estero, a condizione che ciò non sia contrario all’ordine pubblico e se l’ordinamento giuridico dello Stato in cui la sede legale della persona giuridica deve essere trasferita così permessi.

§ 140
(1) Una persona giuridica che intenda trasferire la propria sede legale all’estero deve pubblicare tale intenzione, indicando l’indirizzo della nuova sede legale e la forma giuridica dopo il trasferimento della propria sede legale almeno tre mesi prima della data del previsto trasferimento di la sede legale. I creditori hanno il diritto di richiedere una garanzia sufficiente per i loro crediti insoluti entro due mesi dalla pubblicazione, se la recuperabilità dei loro crediti nella Repubblica Ceca peggiora dopo il trasferimento della sede legale.

(2) Se non viene raggiunto un accordo sulle modalità e sull’entità della cauzione, il tribunale decide sulla garanzia sufficiente e sulla sua portata in relazione al tipo e all’importo del credito. Se la persona giuridica non presta la garanzia secondo la decisione del tribunale, i membri dell’organo statutario sono responsabili dei debiti che non sono stati garantiti, tranne coloro che dimostrano di aver compiuto sforzi sufficienti per conformarsi alla decisione.

§ 141
(1) Un membro di una persona giuridica che non ha acconsentito al trasferimento della sede legale all’estero ha il diritto di rescindere l’appartenenza alla persona giuridica con effetto dalla data del trasferimento della sede legale. Se un membro di una persona giuridica ha diritto a una transazione al momento della cessazione dell’appartenenza, la persona giuridica deve fornire le prestazioni a lui entro e non oltre la data effettiva del trasferimento della sede legale. I membri dell’organo statutario sono responsabili dell’adempimento di tale obbligo.

(2) I debiti contratti prima della data di efficacia del trasferimento della sede legale sono responsabili nei confronti dei membri della persona giuridica e del suo organo statutario allo stesso modo di prima del trasferimento della sede legale all’estero.

§ 142
Il trasferimento della sede legale ha effetto dalla data di iscrizione del proprio indirizzo nel relativo pubblico registro.

§ 143
Gli articoli da 138 a 142 si applicano mutatis mutandis alla costituzione e al trasferimento di succursali di persone giuridiche.

Scopo delle persone giuridiche
§ 144
(1) Una persona giuridica può essere costituita nell’interesse pubblico o privato. La sua natura è valutata in base all’attività principale della persona giuridica.

(2) La legge stabilisce per quali scopi una persona giuridica può essere costituita solo se sono soddisfatte condizioni speciali.

§ 145
(1) È vietato stabilire una persona giuridica il cui scopo è violare la legge o raggiungere qualsiasi obiettivo in modo illegale, specialmente se il suo scopo è
a) negazione o limitazione dei diritti personali, politici o di altro tipo delle persone sulla base della loro nazionalità, sesso, razza, origine, opinione politica o di altro tipo, religione o stato sociale,

b) incitamento all’odio e all’intolleranza,

(c) promuovere la violenza; o

d) gestione di una pubblica autorità o esercizio di pubblica amministrazione senza autorizzazione di legge.

(2) È vietato stabilire una persona giuridica armata o con unità armate, a meno che non si tratti di una persona giuridica costituita dalla legge, che la legge sull’armamento o la creazione di un’unità armata consente o impone esplicitamente, o una persona giuridica che gestisce armi in relazione alla propria attività ai sensi di un’altra normativa legale, o una persona giuridica i cui membri detengono o utilizzano armi per scopi sportivi o culturali o per la caccia o per svolgere compiti ai sensi di un’altra normativa legale.

Beneficio pubblico
§ 146
Una pubblica utilità è una persona giuridica la cui missione è di contribuire alla realizzazione del bene comune secondo la condotta giuridica fondante con le proprie attività, se solo persone innocenti hanno un’influenza significativa sul processo decisionale della persona giuridica, se ha acquisito proprietà da fonti oneste e se utilizza i suoi beni per scopi di pubblica utilità.

§ 147
Una persona giuridica di pubblica utilità ha il diritto di iscrivere lo stato di pubblica utilità nel registro pubblico se soddisfa le condizioni stabilite in un altro regolamento legale.

§ 148
Se lo status di utilità pubblica è iscritto nel registro pubblico, sarà cancellato dalla persona che tiene il registro pubblico se l’entità giuridica rinuncia allo status di utilità pubblica o se il tribunale decide di revocarlo. La cancellazione dal registro pubblico pone fine allo status di utilità pubblica.

§ 149
Il tribunale decide sulla revoca dello status di pubblica utilità su richiesta di una persona che ha un interesse legale in essa, o anche senza istanza se la persona giuridica cessa di soddisfare le condizioni per la sua acquisizione e non elimina l’irregolarità entro un tempo ragionevole.

§ 150
Solo una persona giuridica il cui stato di utilità pubblica è iscritto nel registro pubblico ha il diritto di dichiarare a suo nome che si tratta di utilità pubblica.

Organi di una persona giuridica
§ 151
(1) La legge stabilisce, o il procedimento legale costitutivo determina, in che modo e in che misura i membri degli organi di una persona giuridica decidono per essa e sostituiscono la sua volontà.

(2) La buona fede dei membri del corpo di una persona giuridica è attribuita alla persona giuridica.

§ 152
(1) Una persona giuridica deve formare organi di un membro (individuo) o di più membri (collettivo).

(2) Una persona fisica che è un membro dell’organo di una persona giuridica e che è eletta, nominata o altrimenti chiamata in carica (di seguito denominata “membro di un organo eletto”) deve essere pienamente indipendente. Ciò vale anche per il rappresentante di una persona giuridica che è essa stessa membro dell’organo eletto di un’altra persona giuridica.

(3) Se l’attività principale di una persona giuridica riguarda minori o persone con autonomia limitata e se lo scopo principale dell’entità giuridica non è l’impresa, il procedimento giudiziario costitutivo può stabilire che un minore o una persona con autonomia limitata può anche essere un membro dell’organo collegiale eletto della persona giuridica.

§ 153
(1) Una persona la cui bancarotta è stata certificata può diventare membro di un organo eletto se ne ha preventivamente notificato la persona che la chiama in carica; ciò non si applica se sono trascorsi almeno tre anni dalla chiusura della procedura concorsuale.

(2) Se è stato certificato il fallimento di una persona che è un membro di un organo eletto, questa persona deve informare la persona che l’ha chiamata in carica senza indebito ritardo.

(3) Se non c’è notifica, chiunque abbia un interesse legale in essa può chiedere che un membro dell’organo eletto sia rimosso dall’incarico da un tribunale. Ciò non si applica se la persona che ha convocato il membro dell’organo eletto ha deciso dopo aver appreso del certificato di insolvenza della persona che dovrebbe rimanere in carica.

§ 154
Se un’altra persona giuridica è membro dell’organo eletto di una persona giuridica, autorizza la persona fisica a rappresentarla nell’organo, altrimenti la persona giuridica è rappresentata da un membro del suo organo statutario.

§ 155
(1) Se un membro di un organo eletto è stato chiamato da una persona che non è qualificata a farlo per legge, la sua professione sarà trattata come se non fosse avvenuta. Se un membro di un organo eletto perde la capacità giuridica di essere membro di un organo eletto dopo la sua nomina, la sua carica cessa; notifica senza indebito ritardo alla persona giuridica la cessazione della sua funzione.

(2) Se la professione di una persona alla posizione di membro di un organo eletto è vista come se non fosse avvenuta, o se la professione è invalida, ciò non pregiudica il diritto acquisito in buona fede.

§ 156
(1) Se l’ente è un collettivo, decide sugli affari di una persona giuridica nell’ente. È in grado di deliberare in presenza o altra partecipazione della maggioranza dei membri e decide a maggioranza dei voti dei membri partecipanti.

(2) Se la competenza dei singoli membri dell’organo è suddivisa in determinati settori, le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano. La ripartizione delle responsabilità non esonera gli altri membri dall’obbligo di vigilare sugli affari della persona giuridica.

§ 157
(1) Se viene presa una decisione, su richiesta del membro dell’organo eletto che si è opposto alla proposta, la sua opinione dissenziente deve essere registrata.

(2) Se la proposta è stata adottata in assenza di uno dei membri, questo membro ha il diritto di conoscere il contenuto della decisione.

§ 158
(1) Un atto giuridico costitutivo può prevedere la capacità dell’organo di approvare un numero maggiore di partecipanti, richiedere un numero maggiore di voti per l’adozione di una decisione o stabilire una procedura mediante la quale il metodo decisionale dell’organo può essere cambiato.

(2) Un atto giuridico costitutivo può consentire la decisione dell’organo anche al di fuori dell’assemblea per iscritto o con l’uso di mezzi tecnici.

(3) Il procedimento legale costitutivo può stabilire che in caso di parità di voti nel processo decisionale dell’organo eletto dell’entità giuridica, il voto del presidente decide.

§ 159
(1) Chi accetta la funzione di membro di un organo eletto si impegna a svolgerla con la necessaria lealtà e con la necessaria conoscenza e diligenza. Si considera che agisca con noncuranza, chi non è in grado di occuparsene adeguatamente, anche se dovesse scoprirlo quando accetta la funzione o lo svolge, e non trarrà alcuna conseguenza per se stesso.

(2) Un membro di un organo eletto svolge la funzione di persona; tuttavia, ciò non impedisce a un membro di autorizzare, per un singolo caso, un altro membro dello stesso organo a votare per lui in sua assenza.

(3) Se un membro di un organo eletto non ha risarcito una persona giuridica per il danno causatogli da una violazione dei doveri nell’esercizio delle sue funzioni, anche se era obbligato a risarcire il danno, è responsabile nei confronti del creditore della persona giuridica per il suo debito nella misura in cui non ha compensato non può superare.

§ 160
Se un membro di un organo eletto si dimette dalla carica con una dichiarazione ricevuta da una persona giuridica, la carica scade due mesi dopo il ricevimento della dichiarazione.

Agire per conto di una persona giuridica
§ 161
Chi rappresenta la persona giuridica indicherà cosa le dà diritto, se non risulta dalle circostanze. Chi firma per conto di una persona giuridica deve allegare al suo nome la sua firma o, se del caso, informazioni sulla sua posizione o sulla sua posizione lavorativa.

§ 162
Se una persona giuridica è rappresentata da un membro del suo organo in modo iscritto nel pubblico registro, non si può obiettare che la persona giuridica non abbia adottato la necessaria deliberazione, che la deliberazione sia viziata da un vizio o che il membro del organismo ha violato la delibera adottata.

§ 163
L’organo statutario ha tutti i poteri che l’atto costitutivo, la legge o la decisione di un’autorità pubblica non affida a un altro organismo di una persona giuridica.

§ 164
(1) Un membro di un organo statutario può rappresentare una persona giuridica in tutte le questioni.

(2) Se la competenza di un organo statutario appartiene a più di una persona, esso costituisce un organo statutario collettivo. Se il procedimento legale fondatore non determina in che modo i suoi membri rappresentano l’entità giuridica, ciascun membro deve farlo separatamente. Se il procedimento legale costitutivo richiede che i membri dell’organo statutario agiscano congiuntamente, il membro può rappresentare la persona giuridica come agente separatamente solo se è stato autorizzato a svolgere una determinata azione legale.

(3) Se una persona giuridica con un organo statutario collettivo ha dipendenti, incarica un membro dell’organo statutario di azioni legali nei confronti dei dipendenti; in caso contrario, tale potere è esercitato dal presidente dell’organo statutario.

§ 165
(1) Se l’organo statutario non dispone di un numero sufficiente di membri necessario per deliberare, il tribunale nomina, su proposta della persona che certifica l’interesse legale, i membri mancanti fino alla convocazione di nuovi membri in conformità con il procedura specificata nel procedimento legale costitutivo; in caso contrario, il giudice nomina un tutore per la persona giuridica, anche senza istanza, ogni volta che ne viene a conoscenza nello svolgimento della sua attività.

(2) Il tribunale nomina un tutore per una persona giuridica, anche senza mozione, se gli interessi di un membro dell’organo statutario sono in conflitto con gli interessi della persona giuridica e se la persona giuridica non ha un altro membro della il corpo in grado di rappresentarlo.

§ 166
(1) Una persona giuridica è rappresentata dai suoi dipendenti nella misura usuale per quanto riguarda la loro classificazione o funzione; in tal modo, decide lo stato come appare al pubblico. Quanto stabilito sulla rappresentanza di una persona giuridica da parte di un dipendente si applica analogamente alla rappresentanza di una persona giuridica da parte di un suo membro o di un membro di un altro organismo non iscritto nel registro pubblico.

(2) La limitazione del diritto del rappresentante da parte di un regolamento interno di una persona giuridica ha effetti nei confronti di un terzo solo se doveva esserne a conoscenza.

§ 167
Una persona giuridica è responsabile di un reato commesso nell’esercizio delle sue funzioni da un membro dell’organo eletto, da un dipendente o da un suo rappresentante nei confronti di un terzo.

Scioglimento di una persona giuridica
§ 168
(1) Una persona giuridica deve essere sciolta per azione legale, scadenza di un termine, decisione di un’autorità pubblica o raggiungimento dello scopo per il quale è stata costituita e per altri motivi previsti dalla legge.

(2) Lo scioglimento volontario di una persona giuridica è deciso dalla sua autorità competente.

§ 169
(1) Dopo lo scioglimento di una persona giuridica, è richiesta la sua liquidazione, a meno che la sua intera proprietà non venga acquisita da un successore legale o se non diversamente previsto dalla legge.

(2) Se non risulta dai procedimenti legali sullo scioglimento della persona giuridica, sia che sia sciolto con liquidazione o senza liquidazione, si applica che sia sciolto con liquidazione.

§ 170
Chiunque abbia deciso di sciogliere una persona giuridica con liquidazione può modificare la decisione fino al raggiungimento dello scopo della liquidazione.

§ 171
Al momento della liquidazione, la persona giuridica è sciolta
a) alla scadenza del periodo per il quale è stato stabilito,

b) il raggiungimento dello scopo per il quale è stato istituito,

(c) la data prevista dalla legge o dall’azione legale per lo scioglimento della persona giuridica, altrimenti la data della sua efficacia, o

d) la data di efficacia giuridica della decisione dell’autorità pubblica, a meno che nella decisione non sia specificata una data successiva.

§ 172
(1) Il tribunale, su istanza della persona che dimostra un interesse legale in esso, o anche senza mozione, scioglie l’entità giuridica e ne ordina la liquidazione, se
a) compie attività illecite in misura tale da turbare gravemente l’ordine pubblico,

b) non soddisfa più i presupposti richiesti per la costituzione di una persona giuridica dalla legge,

(c) l’ organo statutario non ha capacità per più di due anni, o

d) così previsto dalla legge.

(2) Se la legge del tribunale consente lo scioglimento di una persona giuridica per un motivo che può essere rimosso, il tribunale stabilisce un termine ragionevole per eliminare le carenze prima di emettere una decisione.

§ 173
(1) Se una persona giuridica viene sciolta al momento della conversione, deve essere annullata senza liquidazione alla data di efficacia della conversione.

(2) Se il fallimento di una persona giuridica è stato certificato, deve essere annullato senza liquidazione annullando il fallimento dopo l’adempimento della risoluzione del programma, o annullando il fallimento perché la proprietà è completamente insufficiente; tuttavia, entrerà in liquidazione se eventuali beni compariranno dopo la chiusura della procedura concorsuale.

Trasformazione di una persona giuridica
§ 174
(1) La trasformazione di una persona giuridica è una fusione, scissione e cambiamento di forma giuridica.

(2) Una persona giuridica può modificare la sua forma giuridica solo se previsto dalla legge.

§ 175
(1) Chi ha deciso la trasformazione di una persona giuridica può modificare la decisione fino a quando la trasformazione non diventa effettiva.

(2) Se la trasformazione di una persona giuridica diventa effettiva, non si può ritenere che non sia avvenuta, né l’azione legale che ha portato alla trasformazione può essere dichiarata nulla e l’iscrizione della trasformazione nel registro pubblico non può essere cancellato.

§ 176
(1) Durante la conversione, deve essere determinato il giorno decisivo, a partire dal quale la condotta dell’entità giuridica che si fonde è considerata dal punto di vista contabile svolta per conto dell’entità giuridica successiva.

(2) A partire dal giorno precedente il giorno decisivo, la persona giuridica in dissoluzione o la persona giuridica divisa per scissione redige il bilancio consuntivo. Alla record date il soggetto giuridico successore o il soggetto giuridico diviso per la scissione compila il bilancio di apertura.

§ 177
(1) L’efficacia della trasformazione di una persona giuridica iscritta nel registro pubblico decorre dal giorno dell’iscrizione nel registro pubblico. In tal caso, la record date è fissata in modo da non precedere di oltre dodici mesi la data di deposito della domanda di iscrizione della trasformazione nel pubblico registro.

(2) Se le persone partecipanti sono iscritte nel registro pubblico in diversi distretti, deve essere presentata una proposta di registrazione della trasformazione in uno di essi e l’autorità pubblica iscrive nel registro pubblico tutti i fatti registrati nello stesso giorno .

§ 178
(1) Una fusione avviene mediante la fusione o l’accorpamento di almeno due persone giuridiche partecipanti. Una fusione o fusione è considerata un trasferimento dell’attività del datore di lavoro.

(2) Al momento della fusione, almeno una delle persone partecipanti cessa di esistere; i diritti e gli obblighi delle persone che partecipano alla fusione passano a un’unica entità partecipante come entità giuridica successore.

(3) Al momento della fusione, tutte le persone partecipanti cesseranno di esistere e sarà creata una nuova entità legale al loro posto come successore; i diritti e gli obblighi di tutte le persone estinte passano ad essa.

§ 179
(1) Una persona giuridica con una scissione è scissa con la costituzione di nuove persone giuridiche, ovvero è scissa con una fusione simultanea con altre persone giuridiche (di seguito denominata “scissione per fusione”). Un’entità giuridica può essere costituita anche mediante scissione o fusione di più metodi di scissione. La scissione per fusione, la scissione e altre forme di scissione sono considerate un trasferimento dell’attività del datore di lavoro.

(2) Se l’entità giuridica divisa per divisione cessa di esistere e i suoi diritti e obblighi vengono trasferiti a più entità giuridiche successive, allora
a) se sono coinvolti nella scissione della persona giuridica successore come persone già esistenti, si tratta di una scissione per fusione,

b) se le entità giuridiche subentranti devono ancora essere costituite per scissione, si tratta di una scissione con costituzione di nuove entità giuridiche.

(3) Quando un’entità giuridica è divisa per scissione, l’entità giuridica divisa non deve essere sciolta o estinta, ma la parte assegnata dei suoi diritti e obblighi passa al successore esistente o di nuova costituzione.

§ 180
Nei casi di cui all’articolo 179 (2) o (3), l’autorità competente dell’entità giuridica decide quali dipendenti dell’entità giuridica incorporata diventeranno dipendenti delle singole entità giuridiche successori.

§ 181
Le persone giuridiche di varie forme giuridiche possono fondersi e dividersi solo se la legge lo prevede.

§ 182
Se la trasformazione di una persona giuridica trasferisce i suoi beni all’entità giuridica successore e se il consenso di un’autorità pubblica per il trasferimento di diritti e obblighi è richiesto da un’altra norma giuridica, tale consenso è richiesto anche per la trasformazione della persona giuridica.

§ 183
(1) Un cambiamento di forma giuridica non cancella o pone fine a una persona giuridica la cui forma giuridica cambia, cambiano solo i suoi rapporti giuridici e, nel caso di una società, anche lo status giuridico dei suoi membri.

(2) Se la data in cui è stata preparata la bozza di contratto o la decisione sulla modifica della forma giuridica non è una data di bilancio ai sensi di un’altra norma giuridica, l’entità giuridica deve redigere un bilancio intermedio a partire da tale data. I dati da cui è redatto il bilancio alla data di elaborazione del cambio di forma giuridica non possono precedere di più di tre mesi la data della decisione dell’entità giuridica sul cambio di forma giuridica.

§ 184
(1) Una decisione sulla trasformazione di una persona giuridica stabilita dalla legge può essere presa se la legge lo prevede espressamente.

(2) Questo organismo decide sulla trasformazione di una persona giuridica costituita da una decisione di un’autorità pubblica.

Scioglimento di una persona giuridica
§ 185
Una persona giuridica iscritta nel registro pubblico cessa di esistere il giorno della sua cancellazione dal registro pubblico.

§ 186
Una persona giuridica che non è soggetta all’iscrizione nel registro pubblico cessa di esistere al termine della liquidazione.

Disposizione
§ 187
(1) Lo scopo della liquidazione è regolare il patrimonio della persona giuridica disciolta (sostanza di liquidazione), estinguere i debiti verso i creditori e disporre del saldo patrimoniale netto risultante dalla liquidazione (con il saldo di liquidazione), in conformità con la legge.

(2) Una persona giuridica entra in liquidazione il giorno in cui è annullata o dichiarata non valida. Se una persona giuridica iscritta nel pubblico registro entra in liquidazione, il curatore propone senza indebito ritardo l’iscrizione dell’iscrizione in liquidazione nel pubblico registro. Durante la liquidazione, la persona giuridica utilizza il proprio nome con il suffisso “in liquidazione”.

§ 188
Se una persona giuridica entra in liquidazione, nessuno può agire legalmente per suo conto al di fuori dell’ambito specificato nel § 196 dal momento in cui ha appreso della sua entrata in liquidazione o quando avrebbe dovuto e dovuto venirne a conoscenza.

§ 189
(1) All’atto della liquidazione, l’autorità competente convoca il liquidatore presso la persona giuridica; il liquidatore può essere solo una persona qualificata per essere membro dell’organo statutario. Se la funzione del liquidatore cessa prima dello scioglimento della persona giuridica, l’autorità competente convoca senza indebito ritardo il nuovo curatore presso la persona giuridica.

(2) Se una persona giuridica è in liquidazione e il liquidatore non è stato chiamato, tutti i membri dell’organo statutario ne esercitano i poteri.

§ 190
Se più liquidatori sono chiamati a liquidare una persona giuridica, formano un organo collegiale.

§ 191
(1) Una persona giuridica che è entrata in liquidazione senza essere chiamata da un liquidatore ai sensi della Sezione 189 sarà nominata dal tribunale dal curatore, anche senza mozione. Il tribunale nomina un curatore anche se ha esso stesso deciso lo scioglimento della persona giuridica.

(2) Su proposta di una persona che dimostri un interesse legale in esso, il tribunale licenzia il liquidatore che non adempie correttamente ai suoi obblighi e nomina un nuovo liquidatore.

(3) Se nessun’altra mozione è stata presentata o se la mozione non può essere rispettata, il tribunale può, nei procedimenti di cui al paragrafo 1 o 2, nominare un liquidatore anche senza il suo consenso, un membro dell’organo statutario. Tale liquidatore non può dimettersi. Tuttavia, può proporre al tribunale di essere esonerato dall’incarico se dimostra che non può essere legittimamente obbligato a ricoprire l’incarico.

(4) Se il curatore non può essere nominato nemmeno ai sensi del comma 3, il tribunale lo nomina tra le persone iscritte nell’elenco dei curatori fallimentari.

§ 192
Se il giudice ha nominato un curatore, i terzi prestano al curatore la collaborazione nella misura in cui sono tenuti a fornirla al curatore fallimentare.

§ 193
Il curatore acquisisce la competenza dell’organo statutario al momento della sua professione. Il curatore è responsabile del corretto svolgimento della funzione alla stregua di un membro dell’organo statutario.

§ 194
Solo il tribunale può rimuovere il curatore da lui nominato.

§ 195
Il compenso e le modalità del suo pagamento sono determinati dal liquidatore dalla persona che lo ha chiamato.

§ 196
(1) L’attività di un liquidatore può perseguire solo uno scopo che corrisponda alla natura e agli obiettivi della liquidazione.

(2) Se una persona giuridica ha acquisito un’eredità o un legato con una condizione, una prova del tempo o un ordine, il liquidatore deve rispettare queste restrizioni. Tuttavia, se la persona giuridica ha ricevuto fondi stanziati dai bilanci pubblici, il curatore deve utilizzare tali fondi secondo quanto deciso dall’autorità che li ha forniti; analogamente procede il curatore se la persona giuridica ha ricevuto fondi destinati al raggiungimento di uno scopo di pubblica utilità.

§ 197
Durante la liquidazione, il liquidatore soddisferà in via prioritaria i crediti dei dipendenti; ciò non si applica se l’entità giuridica è insolvente.

§ 198
(1) Il liquidatore notifica l’entrata in liquidazione di una persona giuridica a tutti i creditori noti.

(2) Il curatore pubblica senza indebito ritardo, almeno due volte di seguito, a distanza di almeno due settimane, l’avviso di cui al paragrafo 1 unitamente all’invito ai creditori a presentare le proprie pretese entro un termine che non può essere inferiore a tre mesi dal la seconda pubblicazione.

§ 199
(1) A partire dalla data di entrata in liquidazione della persona giuridica, il curatore redige il bilancio di apertura e l’inventario delle attività della persona giuridica.

(2) Il liquidatore emette un inventario dei beni a ciascun creditore che lo richiede contro il pagamento delle spese.

§ 200
Se il curatore scopre durante la liquidazione che la persona giuridica è fallita, deve presentare istanza di insolvenza senza indebito ritardo, a meno che non sia il caso di cui all’articolo 201.

§ 201
(1) Se questo è il caso ai sensi del § 173 paragrafo 2 e la liquidazione non è sufficiente per soddisfare tutti i debiti, il liquidatore dei proventi pagherà nel primo gruppo le spese di liquidazione, il secondo gruppo del saldo per soddisfare i dipendenti ‘ crediti e poi pagato nel terzo gruppo crediti altri creditori.

(2) Se non è possibile estinguere integralmente i crediti dello stesso gruppo, questi devono essere soddisfatti proporzionalmente.

§ 202
(1) Se l’intera sostanza della liquidazione non può essere monetizzata entro un termine ragionevole, il liquidatore deve liquidare i costi e i crediti del primo e poi del secondo gruppo in via prioritaria dai proventi parziali, se possibile; ciò non pregiudica il § 201 comma 2. Successivamente, il liquidatore offrirà ai creditori dei crediti del terzo gruppo la sostanza liquidatoria da subentrare per il pagamento dei debiti.

(2) Se la sostanza di liquidazione non può essere monetizzata anche in parte entro un termine ragionevole, o se i crediti del primo e del secondo gruppo non sono completamente liquidati dai proventi parziali, il liquidatore deve offrire la sostanza di liquidazione per il subentro a tutti i creditori.

(3) Un creditore al quale è stata offerta la sostanza di liquidazione ai sensi del paragrafo 1 o 2 e non ha commentato l’offerta entro due mesi si considera che abbia accettato l’offerta; tale effetto non si verifica se non su indicazione del liquidatore in gara.

§ 203
(1) I creditori che subentrano nella sostanza liquidatrice hanno diritto a ciascuna quota determinata dal rapporto tra l’ammontare dei loro crediti; il resto dei loro crediti scadono.

(2) Se uno dei creditori rifiuta di partecipare all’acquisizione della massa di liquidazione, il suo credito si considera decaduto. Ciò non si applica se la proprietà finora sconosciuta della persona giuridica viene successivamente scoperta.

§ 204
(1) Se tutti i creditori rifiutano di prendere in consegna la sostanza di liquidazione, la sostanza di liquidazione passa allo Stato il giorno dello scioglimento della persona giuridica; il curatore ne informa senza indebito ritardo l’autorità competente ai sensi di un’altra legge.

(2) Nonostante le sezioni da 201 a 203, un creditore che è un creditore garantito ai sensi di un’altra legge deve essere soddisfatto dalla garanzia con la quale è stato garantito il suo credito. Se il creditore pignoratizio non è quindi pienamente soddisfatto della sua pretesa, ha diritto alla parte restante della prestazione ai sensi delle Sezioni da 201 a 203.

§ 205
(1) Non appena il liquidatore completa tutto ciò che precede la disposizione del saldo di liquidazione o il trasferimento della sostanza di liquidazione ai sensi del § 202 o la notifica ai sensi del § 204, redige un rapporto finale sull’andamento della liquidazione, indicando a almeno per utilizzare il saldo di liquidazione. Nello stesso giorno il curatore redige il bilancio. Il liquidatore appone al bilancio una registrazione con firma.

(2) La relazione finale, la proposta per l’utilizzo del saldo di liquidazione e il bilancio sono sottoposti all’approvazione del liquidatore alla persona che lo ha chiamato in carica. Chiunque sia divenuto liquidatore ai sensi dell’articolo 189, comma 1, presenta la relazione finale, la proposta di utilizzo del saldo di liquidazione e del bilancio all’organo della persona giuridica che ha il potere di revocarlo dall’ufficio, ovvero per ispezionarlo. In mancanza di tale organo, il curatore sottopone tali atti e proposte al tribunale per l’approvazione.

(3) La cancellazione di una persona giuridica dal registro pubblico non è impedita dal fatto che i documenti di cui al paragrafo 1 non sono stati approvati.

§ 206
(1) Fino a quando non sono soddisfatti i diritti di tutti i creditori che hanno registrato i loro crediti in tempo ai sensi dell’articolo 198, la quota del saldo di liquidazione non può essere pagata né sotto forma di anticipo né altrimenti utilizzata.

(2) Se il credito è contestato o se non è ancora dovuto, il saldo di liquidazione può essere utilizzato solo se è stata fornita una garanzia sufficiente al creditore.

§ 207
La liquidazione si conclude con l’utilizzo del saldo di liquidazione, il trasferimento della sostanza della liquidazione al creditore, o il suo rigetto. Il curatore propone la cancellazione della persona giuridica dal registro pubblico entro trenta giorni dal termine della liquidazione.

§ 208
Se, prima della cancellazione di una persona giuridica dal registro pubblico, viene scoperto il suo bene ancora sconosciuto o se sorge la necessità di altre misure necessarie, la liquidazione non avrà fine e il liquidatore stabilirà tale proprietà o adotterà altre misure necessarie. Al termine di tali trattative, procede in conformità agli articoli da 205 a 207; le disposizioni del § 170 non si applicano.

§ 209
(1) Se la proprietà sconosciuta di una persona giuridica viene scoperta dopo la sua cancellazione dal registro pubblico o se appare un altro interesse meritevole di protezione legale, il tribunale, su istanza della persona che attesta l’interesse legale, annulla la cancellazione del persona giuridica, deciderne la liquidazione e nominare un liquidatore. Chi tiene un registro pubblico deve, a norma della presente decisione, iscrivervi il rinnovo della persona giuridica, il fatto che si trovi in ​​liquidazione e gli estremi del curatore. Dal suo rinnovo, la persona giuridica è considerata come non aver mai cessato di esistere.

(2) Se una persona giuridica è stata rinnovata a causa della scoperta di proprietà sconosciuta, i crediti insoddisfatti dei suoi creditori devono essere rinnovati.

Sezione 2 Imprese
Sottosezione 1 Informazioni generali sulle società
§ 210
(1) Una società è costituita come persona giuridica da una comunità di persone.

(2) Una persona giuridica costituita da un unico membro è considerata una società.

§ 211
(1) Una società può avere un unico membro, se consentito dalla legge. In tal caso, un solo membro della società non può rescindere volontariamente la sua appartenenza ad essa, a meno che, di conseguenza, non subentri una nuova persona.

(2) Se il numero dei membri della società scende al di sotto del numero stabilito dalla legge, il tribunale lo annulla anche senza mozione e decide sulla sua liquidazione. Tuttavia, prima gli concederà un periodo di tempo ragionevole per chiedere un risarcimento.

§ 212
(1) Accettando l’appartenenza alla società, il membro si impegna a comportarsi onestamente nei suoi confronti e a mantenere le sue regole interne. Una società non deve favorire o svantaggiare irragionevolmente il suo membro e deve proteggere i suoi diritti di appartenenza e interessi legittimi.

(2) Se un membro di una società privata abusa del diritto di voto a danno dell’insieme, il tribunale decide su proposta della persona che dimostra un interesse legale che il voto di questo membro non può essere preso in considerazione per un certo Astuccio. Tale diritto decade se la mozione non è depositata entro tre mesi dalla data in cui è stato abusato il voto.

§ 213
Se una società o un membro del suo corpo danneggia una società in un modo che fa sorgere il suo obbligo di risarcimento e che ha danneggiato un altro membro della società per il valore della sua partecipazione, e se solo quel membro chiede un risarcimento, il tribunale può imporre un obbligo all’organismo nocivo anche senza un’apposita istanza di risarcire il danno causato solo all’ente, se le circostanze del caso lo giustificano, in particolare se è sufficientemente chiaro che tale misura risarcirà anche il danno alle aziende deteriorate .

Sottosezione 2 Associazione
§ 214
(1) Almeno tre persone guidate dall’interesse comune possono costituire un’associazione come unione autonoma e volontaria di membri per la sua realizzazione e associarsi in essa.

(2) Se le associazioni formano una nuova associazione come loro unione per esercitare un interesse comune, devono esprimere la sua natura sindacale a nome della nuova associazione.

§ 215
(1) Nessuno può essere obbligato a partecipare all’associazione e nessuno può essere impedito di lasciarla.

(2) I membri dell’associazione non sono responsabili per i suoi debiti.

§ 216
Il nome dell’associazione deve contenere le parole “associazione” o “associazione registrata”, ma sarà sufficiente l’abbreviazione “zs”.

§ 217
(1) L’attività principale dell’associazione non può che essere la soddisfazione e la tutela di quegli interessi per il cui adempimento l’associazione è fondata. Gli affari o altre attività lucrative non possono costituire l’attività principale dell’associazione.

(2) Oltre alla sua attività principale, l’associazione può svolgere anche un’attività economica secondaria costituita da affari o altra attività lucrativa, se il suo scopo è sostenere l’attività principale o utilizzare economicamente il patrimonio federale.

(3) Il profitto delle attività dell’associazione può essere utilizzato solo per le attività dell’associazione, compresa l’amministrazione dell’associazione.

Costituzione dell’associazione
§ 218
I fondatori costituiranno un’associazione se concorderanno sul contenuto degli statuti; gli statuti contengono almeno
a) nome e sede legale dell’associazione,

b) lo scopo dell’associazione,

c) i diritti e gli obblighi dei membri nei confronti dell’associazione, o la determinazione del modo in cui sorgeranno i loro diritti e obblighi,

d) la designazione dell’organo statutario.

§ 219
L’atto costitutivo può istituire un’associazione di categoria come unità organizzativa dell’associazione o determinare le modalità di costituzione dell’associazione di categoria e quale organo decide in merito alla costituzione, allo scioglimento o alla trasformazione dell’associazione di categoria.

§ 220
(1) Se lo statuto stabilisce che l’adesione è di un tipo diverso, definisce allo stesso tempo i diritti e gli obblighi associati ai singoli tipi di adesione.

(2) È possibile limitare i diritti o estendere gli obblighi associati a un certo tipo di adesione solo alle condizioni specificate in anticipo negli statuti, altrimenti con il consenso della maggioranza dei membri interessati. Ciò non si applica se l’associazione ha un giusto motivo per limitare i propri diritti o estendere i propri obblighi.

§ 221
L’atto costitutivo deve essere integralmente depositato presso la sede legale dell’associazione.

Incontro inaugurale
§ 222
(1) Un’associazione può essere costituita anche con delibera dell’assemblea costituente dell’associazione formante. Le disposizioni sull’assemblea dei soci si applicano mutatis mutandis all’assemblea costitutiva.

(2) Il progetto di statuto deve essere preparato e altre persone interessate alla costituzione dell’associazione devono essere convocate dal convocatore in modo adeguato per l’assemblea costitutiva. Il convocatore o persona da lui delegata verifica l’esattezza e la completezza dell’elenco dei presenti.

§ 223
Tutti coloro che partecipano all’assemblea inaugurale e soddisfano le condizioni per l’adesione all’associazione, si iscrivono nell’elenco dei partecipanti, firmano il proprio nome e residenza o sede legale. La correttezza e la completezza dell’elenco dei presenti è verificata dal convocatore o da persona da lui delegata. Vero è che le persone iscritte nell’elenco dei partecipanti hanno presentato apposita domanda all’associazione.

§ 224
(1) La riunione inaugurale è aperta dal convocatore o da una persona da lui autorizzata. Informa l’assemblea costitutiva del numero dei presenti e la informa sulle trattative già indette dal convocante nell’interesse dell’associazione. Proporrà inoltre all’assemblea inaugurale il regolamento del proprio svolgimento e l’elezione del presidente e di eventuali altri funzionari.

(2) Le assemblee costitutive eleggono i membri di quegli organi che, secondo la determinazione della legge e degli statuti, devono eleggere.

(3) L’assemblea costitutiva adotta le deliberazioni a maggioranza dei voti presenti al momento della votazione.

(4) Chi ha votato contro l’adozione delle bozze di statuto può recedere dalla domanda all’associazione. Di ciò deve essere fatta menzione nell’elenco delle presenze, firmato dal dimissionario e da chi ha effettuato la verbalizzazione.

§ 225
Se almeno tre persone partecipano alla riunione inaugurale, possono approvare lo statuto ai sensi dell’articolo 218.

Costituzione dell’associazione
§ 226
(1) L’associazione è costituita il giorno dell’iscrizione nel registro pubblico.

(2) Una proposta per l’iscrizione di un’associazione nel registro pubblico deve essere presentata dai fondatori o da una persona designata dall’assemblea costitutiva.

(3) Se l’associazione non è iscritta nel pubblico registro entro trenta giorni dalla presentazione della domanda di iscrizione e se entro tale termine non è stata emessa alcuna decisione di rifiuto dell’iscrizione, l’associazione si considera iscritta nel pubblico registro al trentesimo giorno dalla presentazione della domanda.

§ 227
Se l’associazione continua ad operare dopo il rifiuto della sua iscrizione nel pubblico registro, si applicano le disposizioni sulla società.

Associazione di categoria
§ 228
(1) La personalità giuridica di un’associazione di categoria deriva dalla personalità giuridica dell’associazione principale. Un’associazione di categoria può avere diritti e doveri e acquisirli nella misura determinata dagli statuti dell’associazione principale e iscritta nel registro pubblico.

(2) Il nome di un’associazione di categoria deve contenere un elemento caratteristico del nome dell’associazione principale ed esprimere le sue caratteristiche di associazione di categoria.

§ 229
(1) Un’associazione di categoria deve essere costituita il giorno dell’iscrizione nel registro pubblico.

(2) Una proposta per l’iscrizione di un’associazione di categoria nel registro pubblico deve essere presentata dall’associazione principale.

(3) Se la decisione sulla registrazione o il suo rifiuto non viene emessa entro trenta giorni dalla presentazione della domanda di registrazione, l’associazione di categoria si considera iscritta nel registro pubblico.

(4) Dai procedimenti legali di un’associazione di categoria sorti prima del giorno della sua iscrizione nel registro pubblico, l’associazione principale è legittimata e vincolata in solido con l’associazione di categoria. Dalla data di iscrizione dell’associazione di categoria nel pubblico registro, l’associazione principale risponde dei debiti dell’associazione di categoria nella misura prevista dallo statuto.

§ 230
(1) Sciogliendo l’associazione principale, si scioglie anche l’associazione di categoria.

(2) L’associazione principale non cesserà di esistere prima che tutte le associazioni secondarie cessino di esistere.

§ 231
Acquisendo lo status di pubblica utilità per l’associazione principale, anche le associazioni sussidiarie acquisiscono tale status. Se l’associazione principale rinuncia allo status di pubblica utilità, o se viene revocata, viene persa anche dalle associazioni di categoria.

abbonamento
§ 232
(1) A meno che lo statuto non disponga diversamente, l’appartenenza all’associazione è vincolata alla persona del membro e non passa al suo successore legale.

(2) Se un membro dell’associazione è una persona giuridica, deve essere rappresentato da un organismo statutario, a meno che l’entità giuridica non nomini un altro rappresentante.

§ 233
(1) Dopo la costituzione di un’associazione, l’appartenenza ad essa può essere stabilita per ammissione come membro o in un altro modo determinato dallo statuto.

(2) Chi fa domanda di adesione all’associazione, esprime con ciò la volontà di essere vincolato dagli statuti dal momento in cui diventa socio dell’associazione.

(3) L’organo designato dallo statuto, altrimenti l’organo supremo dell’associazione, decide sull’ammissione a socio.

§ 234
Si ritiene che l’appartenenza ad un’associazione di categoria crei anche l’appartenenza all’associazione principale; ciò vale anche per la cessazione dell’adesione.

§ 235
Lo statuto può determinare l’importo e la scadenza della quota associativa o determinare quale organo dell’associazione determina l’importo e la scadenza della quota associativa e con quali modalità.

§ 236 Elenco dei membri
(1) Se l’associazione tiene un elenco dei membri, l’atto costitutivo determina le modalità di iscrizione e cancellazione nell’elenco dei membri per quanto riguarda l’appartenenza delle persone all’associazione. Lo Statuto dovrà inoltre specificare le modalità di messa a disposizione o meno dell’elenco dei soci.

(2) Ciascun socio, anche ex socio, riceve, su sua richiesta, dall’associazione a sue spese una conferma con un estratto dell’elenco dei soci contenente dati su di sé, o una conferma che questi dati sono stati cancellati. Al posto del socio deceduto, il certificato può essere richiesto dal coniuge, figlio o genitore e, in caso contrario, può richiedere il certificato un’altra persona vicina o erede se manifesta un interesse meritevole di tutela legale.

(3) L’ elenco dei membri può essere pubblicato con il consenso di tutti i membri che vi sono registrati; quando viene pubblicato un elenco non esaustivo dei membri, deve essere chiaro che è incompleto.

Cessazione dell’adesione
§ 237
L’appartenenza all’associazione si estingue per dimissioni, espulsione o altro mezzo previsto dallo statuto o dalla legge.

§ 238
Salvo che lo statuto disponga diversamente, l’adesione cessa se l’associato non paga la quota associativa anche entro un congruo termine indicato dall’associazione nell’avviso di pagamento, sebbene ne sia stato informato nell’avviso.

§ 239
(1) A meno che lo statuto non disponga diversamente, l’associazione può escludere un membro che abbia violato gravemente l’obbligo derivante dall’appartenenza e non abbia posto rimedio a un termine ragionevole anche dopo la richiesta dell’associazione. La citazione non è necessaria se l’inadempimento non può essere sanato o se ha cagionato all’associazione un danno particolarmente grave.

(2) La decisione sull’espulsione deve essere consegnata al membro espulso.

§ 240
(1) Se gli statuti non sono determinati da un altro organo, l’organo statutario decide sull’espulsione di un membro.

(2) A meno che lo statuto non disponga diversamente, una proposta di espulsione può essere presentata per iscritto da qualsiasi membro; la proposta deve indicare le circostanze che giustificano l’esclusione. Il socio contro cui è rivolta la proposta deve avere la possibilità di prendere conoscenza della proposta di esclusione, chiederne spiegazioni e dichiarare e documentare tutto ciò che è a suo favore.

§ 241
(1) Un membro può, entro quindici giorni dalla consegna della decisione per iscritto, proporre che la decisione sulla sua esclusione sia riesaminata dalla commissione arbitrale, a meno che gli statuti non siano determinati da un altro organo.

(2) L’autorità competente revoca la decisione sull’espulsione di un membro se l’espulsione è contraria alla legge o allo statuto; la decisione di espulsione può essere revocata in altri casi giustificati.

§ 242
Il socio espulso può, entro tre mesi dalla pronuncia della decisione definitiva dell’associazione sulla sua espulsione, proporre al tribunale di pronunciarsi sulla nullità dell’esclusione; in caso contrario tale diritto decade. Se la decisione non gli è stata consegnata, il socio può presentare la proposta entro tre mesi dal giorno in cui ne è venuto a conoscenza, ma non oltre un anno dal giorno successivo alla cessazione della decisione per espulsione. in caso contrario tale diritto decade.

Organizzazione dell’associazione
§ 243
Gli organi dell’associazione sono l’organo statutario e l’organo supremo, ovvero la commissione di controllo, la commissione arbitrale e gli altri organi previsti dallo statuto. Gli statuti dell’associazione possono essere liberamente nominati dagli organi dell’associazione, purché ciò non crei un’impressione fuorviante della loro natura.

§ 244
Gli statuti determinano se l’organo statutario è collettivo (comitato) o individuale (presidente). Salvo disposizione contraria dello statuto, l’organo supremo dell’associazione elegge e revoca i membri dell’organo statutario.

§ 245
Le deliberazioni di un’assemblea dei soci o di altro organo che contraddicono il buon costume o modificano gli statuti in modo tale che il loro contenuto contraddica le disposizioni imperative della legge sono trattate come se non fossero state adottate. Ciò vale anche se è stata adottata una delibera su una materia sulla quale questo organo non è competente a decidere.

§ 246
(1) Se lo statuto non specifica la durata del mandato dei membri degli organi eletti dell’associazione, questo periodo è di cinque anni.

(2) A meno che lo statuto non disponga diversamente, i membri degli organi eletti dell’associazione, il cui numero non è sceso al di sotto della metà, possono cooptare membri supplenti fino alla successiva riunione dell’organo competente per l’elezione.

(3) Salvo disposizione contraria dello statuto, § 156 e § 159 comma 2 e, se del caso, le disposizioni sull’assemblea dei soci si applicano alla convocazione, all’assemblea e al processo decisionale degli organi collegiali dell’associazione.

§ 247 L’organo supremo dell’associazione
(1) Gli statuti determinano quale organo è l’organo supremo dell’associazione; Di norma, sono di sua competenza determinare il fulcro dell’attività dell’associazione, deliberare sulle modifiche statutarie, approvare i risultati dell’associazione, valutare l’attività degli altri organi dell’associazione e dei loro membri e deliberare sullo scioglimento o sulla trasformazione dell’associazione.

(2) Se, secondo lo statuto, l’organo statutario dell’associazione è anche il suo organo supremo e se non è in grado di esercitare la sua competenza per un periodo superiore a un mese, almeno un quinto dei membri dell’associazione può convocare un assemblea di tutti i membri dell’associazione; la competenza dell’organo supremo dell’associazione passa all’assemblea. Ciò non si applica se lo statuto prevede diversamente.

(3) A meno che lo statuto non disponga diversamente, l’organo supremo dell’associazione è l’assemblea dei soci; all’assemblea dei soci si applicano le disposizioni degli articoli da 248 a 257, a meno che lo statuto non disponga diversamente.

Riunione dei soci
§ 248
(1) L’ assemblea dei soci è convocata dall’organo statutario dell’associazione almeno una volta all’anno.

(2) L’organo statutario dell’associazione convoca una riunione dell’assemblea dei soci su iniziativa di almeno un terzo dei membri dell’associazione o dell’organo di controllo dell’associazione. Qualora l’organo statutario dell’associazione non convochi l’assemblea dei soci entro trenta giorni dalla consegna della denuncia, chi ha presentato la denuncia può convocare l’assemblea dei soci a spese dell’associazione stessa.

§ 249
(1) L’assemblea dell’assemblea dei soci deve essere convocata in modo appropriato entro il termine specificato negli statuti, altrimenti almeno trenta giorni prima della sua convocazione. Il luogo, l’ora e l’ordine del giorno della riunione devono essere chiari dall’invito.

(2) Se una riunione è convocata ai sensi della Sezione 248, l’ordine del giorno della riunione può essere modificato contro la proposta specificata nel reclamo solo con il consenso della persona che ha presentato il reclamo.

(3) Il luogo e l’ora della riunione sono determinati in modo da limitare il meno possibile la possibilità per i membri di parteciparvi.

§ 250
(1) Chi ha convocato un’assemblea può revocarla o posticiparla con le stesse modalità con cui è stata convocata. Qualora ciò avvenga meno di una settimana prima della data annunciata dell’assemblea, l’associazione rimborserà ai soci che hanno partecipato all’assemblea secondo l’invito, le spese opportunamente sostenute.

(2) Se un’assemblea è convocata ai sensi della Sezione 248, può essere annullata o rinviata solo su mozione o con il consenso della persona che l’ha avviata.

§ 251
Ogni socio ha diritto di partecipare all’assemblea e richiedere e ricevere una spiegazione degli affari dell’associazione, se la spiegazione richiesta riguarda l’oggetto dell’assemblea dei soci. Se un socio richiede una comunicazione in un’assemblea su fatti la cui divulgazione è vietata dalla legge o la cui divulgazione arrecherebbe un danno grave all’associazione, non possono essergli forniti.

§ 252
(1) L’ assemblea dei soci può deliberare con la partecipazione della maggioranza dei membri dell’associazione. La delibera è adottata a maggioranza dei soci presenti al momento della deliberazione; ogni membro dispone di un voto.

(2) Se gli statuti prevedono nel regolamento dei vari tipi di appartenenza a un’associazione che solo un voto consultivo è associato a un certo tipo di appartenenza, questo voto non sarà preso in considerazione ai fini del paragrafo 1.

§ 253
(1) Chi apre l’assemblea verifica se l’assemblea dei soci è in grado di deliberare. Egli provvede poi all’elezione del presidente dell’assemblea e, se del caso, di altri funzionari se la loro elezione è richiesta dallo statuto.

(2) Il presidente presiede l’assemblea come annunciato nel suo ordine del giorno, a meno che l’assemblea dei membri non decida alla fine anticipata della riunione.

(3) Una questione che non era inclusa nell’ordine del giorno dell’assemblea quando è stata annunciata può essere decisa solo con la partecipazione e con il consenso di tutti i membri dell’associazione aventi diritto al voto.

§ 254
(1) L’organo statutario dell’associazione assicura che il verbale dell’assemblea sia redatto entro trenta giorni dalla sua cessazione. Qualora ciò non sia possibile, il verbale è redatto da chi ha presieduto l’assemblea o a ciò autorizzato dall’assemblea dei soci.

(2) Deve essere evidente dal verbale che ha convocato l’assemblea e come, quando ha avuto luogo, chi l’ha aperta, chi l’ha presieduta, quali altri funzionari ha eletto l’assemblea dei membri, quali risoluzioni ha adottato e quando è stato redatto il verbale.

(3) Ciascun membro dell’associazione può prendere visione del verbale dell’assemblea alle condizioni specificate nello statuto. Salvo che lo statuto disponga diversamente, tale diritto può essere esercitato presso la sede legale dell’associazione.

§ 255 Riunioni di appartenenza parziali
Lo statuto può prevedere che l’assemblea dei soci si svolga in forma di assemblea parziale dei soci, o anche sulle materie che non possono essere deliberate in tal modo. Se lo statuto consente le sessioni delle tornate, stabilisce anche il termine entro il quale devono tenersi tutte le sessioni. Per la facoltà di deliberare e per l’adozione di risoluzioni, i membri partecipanti ei voti espressi devono essere sommati.

§ 256 Assemblea dei delegati
(1) Lo statuto può prevedere che la competenza dell’assemblea dei membri sia esercitata dall’assemblea dei delegati.

(2) Ciascun delegato deve essere eletto con lo stesso numero di voti. Se ciò non è ben possibile, gli statuti possono prevedere una ragionevole deroga per l’elezione dei delegati.

§ 257 Riunione alternativa dell’assemblea dei soci
(1) Se un’assemblea dei membri non è in grado di approvare una risoluzione durante la sua assemblea, l’organo statutario o la persona che ha convocato l’assemblea originale può convocare un’assemblea dei membri per un’assemblea supplente entro quindici giorni dalla riunione precedente. Dall’invito deve risultare chiaro che si tratta di una riunione alternativa dell’assemblea dei soci. L’assemblea supplente dell’assemblea dei soci deve aver luogo entro e non oltre sei settimane dalla data in cui è stata precedentemente convocata l’assemblea dei soci.

(2) In una riunione alternativa, l’assemblea dei membri può discutere solo le questioni incluse nell’ordine del giorno della riunione precedente. La deliberazione può essere adottata con la partecipazione di un numero qualsiasi di soci, salvo che lo statuto disponga diversamente.

(3) Se l’assemblea dei membri decide nell’assemblea dei membri parziali o se decide invece l’assemblea dei delegati, la procedura di cui ai paragrafi 1 e 2 è simile.

Invalidità della decisione dell’organo dell’associazione
§ 258
Qualsiasi membro dell’associazione o chiunque abbia un interesse meritevole di tutela legale può adire il tribunale per pronunciarsi sull’invalidità della decisione dell’organo associativo per violazione della legge o dello statuto, se l’invalidità non può essere invocata dinanzi all’associazione corpi.

§ 259
Il diritto di invocare l’invalidità della decisione si estingue entro tre mesi dal giorno in cui l’attore ha appreso o avrebbe potuto venire a conoscenza della decisione, ma non oltre un anno dall’adozione della decisione.

§ 260
(1) Il tribunale non può dichiarare l’invalidità della decisione se vi è stata una violazione della legge o dell’atto costitutivo senza gravi conseguenze legali e se è nell’interesse dell’associazione meritevole di protezione legale annullare la decisione .

(2) Il tribunale non dichiara l’invalidità della decisione anche se pregiudicherebbe in modo sostanziale il diritto di un terzo acquisito in buona fede.

§ 261
(1) Se l’associazione ha violato in modo grave il diritto fondamentale di appartenenza di un membro, il membro ha diritto a una ragionevole soddisfazione.

(2) Se l’associazione si oppone, il tribunale non concede il diritto alla soddisfazione di un membro dell’associazione, a meno che non sia stato esercitato.
a) entro il termine prescritto per proporre un’azione di dichiarazione di nullità; o

b) entro tre mesi dalla data di efficacia giuridica della decisione di rigetto della proposta, se questa è stata respinta ai sensi dell’articolo 260.

Commissione di controllo
§ 262
(1) Se lo statuto stabilisce una commissione di controllo, è necessario che abbia almeno tre membri. Salvo diversa disposizione statutaria, i membri del Collegio dei Revisori dei Conti sono eletti e revocati dall’assemblea dei soci. Se lo statuto stabilisce che i membri del collegio sindacale sono nominati o revocati dall’organo statutario, di ciò non si tiene conto.

(2) A meno che lo statuto non preveda ulteriori restrizioni, l’appartenenza alla commissione di controllo non è compatibile con l’appartenenza all’organo statutario dell’associazione o con la funzione di liquidatore.

§ 263
La Commissione di Controllo vigila sulla corretta gestione degli affari dell’Associazione e sull’esercizio delle proprie attività in conformità allo Statuto e alle norme di legge, salvo che lo Statuto le attribuisca ulteriori competenze. Se il collegio dei revisori rileva carenze, ne dà comunicazione all’organo statutario nonché agli altri organi designati dallo statuto.

§264
Nell’ambito della commissione di controllo, il suo membro autorizzato può prendere visione dei documenti dell’associazione e chiedere chiarimenti ai singoli membri di altri organi dell’associazione o ai suoi dipendenti su singole questioni.

Collegio arbitrale
§ 265
Se è costituita una commissione arbitrale, decide sulle controversie di competenza dell’autogoverno federale nella misura determinata dagli statuti; se lo statuto non determina la competenza della commissione arbitrale, essa decide le controversie tra il socio e l’associazione sul pagamento delle quote associative e riesamina la decisione di estromettere il socio dall’associazione.

§ 266
(1) A meno che lo statuto non disponga diversamente, la commissione arbitrale è composta da tre membri che vengono eletti e rimossi dall’assemblea dei membri o dall’assemblea dei membri dell’associazione.

(2) Un membro della commissione arbitrale può essere solo un adulto innocente e una persona completamente indipendente che non agisce nell’associazione come membro dell’organo statutario o della commissione di controllo. Se nessuno ha proposto l’annullamento dell’elezione di un membro del collegio arbitrale per mancanza di integrità, è subordinata al mutamento delle circostanze che una persona innocente sia stata eletta.

(3) Un membro del collegio arbitrale, le cui circostanze impediscono il caso o potrebbero impedire l’imparzialità della decisione, è escluso dalle attività del collegio arbitrale.

§ 267
Il procedimento dinanzi al collegio arbitrale è disciplinato da altra norma giuridica.

§ 268 Scioglimento dell’associazione
(1) Il tribunale scioglie l’associazione con liquidazione su richiesta di una persona che ha un interesse legittimo in essa, o anche senza un’istanza se l’associazione, sebbene notificatagli dal tribunale,
a) svolge un’attività vietata al § 145,

b) svolge attività in violazione del § 217,

(c) obbliga terzi ad aderire, partecipare o sostenere l’associazione; o

d) impedisce ai soci di lasciare l’associazione.

(2) Le disposizioni della Sezione 172 non sono interessate.

Liquidazione dell’associazione
§ 269
(1) All’atto dello scioglimento dell’associazione con liquidazione, il liquidatore redige un elenco dei beni e lo mette a disposizione presso la sede dell’associazione a tutti i soci.

(2) Il liquidatore rilascia un elenco dei beni a ciascun membro che lo richiede contro il pagamento delle spese.

§ 270
(1) A meno che non possa essere chiamato diversamente un liquidatore, il tribunale nomina uno dei membri dell’organo statutario come liquidatore anche senza il suo consenso. Se ciò non è possibile, il tribunale nomina un membro dell’associazione come liquidatore senza il suo consenso.

(2) Un liquidatore nominato ai sensi del paragrafo 1 non può dimettersi dall’ufficio, ma può proporre a un tribunale di liberarlo dall’ufficio se dimostra di non essere giustamente tenuto a svolgere la funzione.

§ 271
Il liquidatore monetizza la sostanza della liquidazione solo nella misura necessaria per far fronte ai debiti dell’associazione.

§ 272
(1) Il liquidatore dispone del saldo di liquidazione in conformità con lo statuto. Se lo statuto di un’associazione di pubblica utilità prevede che il saldo di liquidazione debba essere utilizzato per scopi diversi da quelli di pubblica utilità, ciò non viene preso in considerazione.

(2) Se il saldo di liquidazione non può essere disposto in conformità con lo Statuto, il liquidatore deve offrire il saldo di liquidazione dell’associazione per uno scopo simile. Qualora ciò non fosse possibile, il liquidatore proporrà il saldo della liquidazione al Comune nel cui territorio ha sede l’Associazione. Se il comune non accetta l’offerta entro due mesi, il saldo della liquidazione viene acquisito dalla regione nel cui territorio ha sede l’associazione. Se il saldo di liquidazione è ottenuto dal comune o dalla regione, lo utilizzerà solo a fini di pubblica utilità.

§ 273
Se l’associazione ha ricevuto prestazioni previste dal bilancio pubblico, le disposizioni del § 272 non si applicano e il liquidatore dispone della parte rilevante del saldo di liquidazione secondo la decisione dell’autorità competente.

Fusione di associazioni
§ 274
Le associazioni partecipanti stipulano un accordo di fusione come accordo di fusione o come accordo di fusione.

§ 275
L’atto di fusione deve contenere almeno il nome, la sede legale e gli estremi identificativi di ciascuna delle associazioni partecipanti, indicando quale associazione si scioglie e quale subentra, e la record date.

§ 276
(1) L’accordo sulla fusione delle associazioni contiene anche un accordo sullo statuto dell’associazione successore.

(2) Se lo statuto dell’associazione subentrante viene modificato durante la fusione, l’accordo sulla fusione deve contenere anche un accordo su tale modifica.

§ 277
(1) Insieme al progetto di accordo di fusione, i membri degli organi statutari delle associazioni partecipanti redigono una relazione che spiega le ragioni e le conseguenze economiche e legali della fusione. La relazione può essere redatta anche come comune a tutte le associazioni partecipanti.

(2) Non è necessario preparare un rapporto che spieghi le ragioni economiche e legali e le conseguenze di una fusione se tutti i membri dell’associazione partecipante sono membri del suo organo statutario o di vigilanza o se tutti i membri dell’associazione partecipante sono d’accordo.

§ 278
L’assemblea dell’assemblea dei soci alla quale sarà sottoposto per approvazione il progetto di accordo di fusione deve essere indetta da chi lo convoca almeno trenta giorni prima che abbia luogo. Devono essere messi a disposizione di tutti i membri entro questo periodo
a) un progetto di accordo di fusione,

b) lo statuto dell’associazione subentrante,

(c) una dichiarazione delle attività e delle passività di tutte le associazioni partecipanti non più vecchia di sei mesi; e

(d) una relazione che illustri le ragioni economiche e giuridiche e le conseguenze dell’eventuale fusione.

§ 279
(1) Almeno trenta giorni prima della riunione dell’assemblea dei soci, le associazioni partecipanti devono pubblicare un avviso congiunto indicando quali associazioni sono interessate dalla fusione e quale associazione diventerà l’associazione successore.

(2) Se l’associazione non è destinataria di prestazioni a carico del bilancio pubblico, se ha un numero esiguo di creditori e se l’ammontare complessivo dei debiti è esiguo, è sufficiente che ne dia comunicazione ai creditori noti.

§ 280
Se il creditore dell’associazione partecipante presenta un credito entro sei mesi dalla data in cui la registrazione della fusione è divenuta effettiva nei suoi confronti, ha diritto a garanzie sufficienti se la recuperabilità del credito si deteriora. Se il creditore dimostra che la riscossione del credito si deteriora in modo significativo a seguito della fusione, ha diritto a garanzie sufficienti prima che la fusione sia iscritta nel pubblico registro.

§ 281
(1) Il progetto di accordo di fusione è approvato dalle assemblee dei membri delle associazioni partecipanti. L’assemblea dei soci può solo approvare o rifiutare il progetto di accordo di fusione.

(2) Le riunioni delle assemblee dei membri delle associazioni partecipanti possono essere convocate anche come riunioni congiunte. In quel momento, le assemblee dei membri delle associazioni partecipanti votano separatamente sul progetto di accordo di fusione. Tuttavia, se, dopo l’approvazione del progetto di fusione, i membri degli organi dell’associazione subentrante sono stati eletti, le assemblee dei membri delle associazioni partecipanti possono decidere di votare insieme tali membri.

§ 282
La persona che sottoscrive il progetto di accordo di fusione per conto dell’associazione partecipante deve allegare alla firma, tra l’altro, il fatto che il progetto di accordo è stato approvato dall’assemblea dei membri dell’associazione e quando è avvenuto. L’accordo di fusione è adottato con delibera dell’assemblea dei soci dell’ultima delle associazioni partecipanti all’approvazione del progetto di accordo di fusione e alla sua sottoscrizione per conto di questa associazione.

§ 283
L’istanza di annullamento dell’accordo di fusione può essere presentata solo unitamente all’istanza di annullamento della delibera dell’assemblea dei soci che approva tale accordo. Solo un’associazione partecipante o una persona autorizzata a presentare un’istanza per l’annullamento di un’assemblea dei soci ha il diritto di chiedere la nullità.

§ 284
(1) Una proposta per l’iscrizione di una fusione nel registro pubblico deve essere presentata congiuntamente da tutte le associazioni partecipanti. In caso di fusione per incorporazione, la proposta deve essere firmata anche dai membri dell’organo statutario dell’associazione subentrante.

(2) Sulla base di una proposta, l’autorità competente registra la fusione cancellando le associazioni partecipanti alla fusione dal registro pubblico lo stesso giorno, indicando chi è il loro successore legale e in caso di fusione.
a) mediante fusione, segnare con l’associazione subentrante la data di efficacia della fusione nonché i nomi, gli indirizzi della sede legale e gli estremi identificativi delle associazioni confluite nell’associazione subentrante, nonché ogni altra variazione presso l’associazione subentrante, ove ve ne sia, quale risultato della fusione;

(b) mediante fusione, iscrivere l’associazione successore e annotare i nomi, gli indirizzi della sede legale e gli estremi identificativi delle associazioni che ne sono i predecessori legali.

§ 285
Una volta che la fusione è stata iscritta nel registro pubblico, l’accordo di fusione non può essere modificato o annullato.

§ 286
Con la registrazione della fusione, i membri dell’associazione in scioglimento acquisiscono l’appartenenza all’associazione successore.

§ 287
(1) Se le associazioni partecipanti non presentano una proposta di registrazione della fusione entro sei mesi dal giorno in cui è stato concluso l’accordo di fusione, l’associazione partecipante che era disposta a presentare una proposta può recedere dall’accordo di fusione. Se anche una sola parte recede dal contratto, decade l’obbligo di tutte le parti stabilito dal contratto.

(2) Se le associazioni partecipanti non presentano una proposta di registrazione della fusione entro un anno dal giorno in cui è stato concluso l’accordo di fusione, si applica che tutte le associazioni partecipanti si sono ritirate dall’accordo.

(3) Unitamente e indistintamente ad un’associazione che abbia fatto sì che la domanda di registrazione della fusione non sia presentata in tempo utile, risarcisce alle altre associazioni il danno cagionato dai membri del suo organo statutario, salvo coloro che dimostrino di aver fatto sforzi sufficienti per presentare la domanda in tempo utile.

Divisione dell’associazione
§ 288
(1) In caso di scissione per fusione, le associazioni partecipanti concludono un accordo di scissione.

(2) L’accordo di divisione contiene almeno
a) informazioni sul nome, sede legale e dati identificativi delle associazioni partecipanti, indicando quale associazione si scioglie e quali sono gli aventi causa,

b) determinazione di quali beni e debiti dell’associazione incorporante sono subentrati alle associazioni subentranti,

c) determinazione di quali dipendenti dell’associazione incorporante diventano dipendenti delle singole associazioni subentranti,

d) la data di registrazione.

(3) Se, a seguito di una scissione per fusione, viene modificato lo statuto di una delle associazioni successive, l’accordo di scissione contiene anche un accordo su tale modifica.

(4) A meno che l’accordo sulla scissione non disponga diversamente, ciascun membro dell’associazione che si scioglie acquisirà l’appartenenza a tutte le associazioni successori alla data effettiva della scissione.

§ 289
(1) Quando si divide con la costituzione di nuove associazioni, l’associazione scissa deve preparare un progetto di divisione.

(2) Il progetto contiene almeno
a) informazioni sul nome, sede legale e dati identificativi delle associazioni partecipanti, indicando quale associazione si scioglie e quali sono gli aventi causa,

b) determinazione di quali beni e debiti dell’associazione incorporante sono subentrati alle associazioni subentranti,

c) determinazione di quali dipendenti dell’associazione incorporante diventano dipendenti delle singole associazioni subentranti,

d) progetti di statuto delle associazioni successori,

e) giorno decisivo.

(3) A meno che il progetto di divisione non disponga diversamente, ciascun membro dell’associazione che si scioglie acquisirà l’appartenenza a tutte le associazioni successive alla data di efficacia della divisione.

§ 290
(1) Se non è chiaro dal contratto di divisione o dal progetto di divisione quale proprietà è trasferita dall’associazione scissa alle associazioni successori, si applica che le associazioni successori sono comproprietari di tale proprietà.

(2) Se non risulta dal contratto di divisione o dal progetto di divisione quali debiti sono trasferiti dall’associazione scissa alle associazioni successori, le associazioni successori sono solidalmente responsabili di questi debiti.

§ 291
(1) In caso di scissione per fusione, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sulla fusione.

(2) Al momento della divisione con la costituzione di nuove associazioni, l’organo statutario dell’associazione scissa redige, insieme al progetto di divisione, una relazione che spieghi le ragioni e le conseguenze economiche e legali della divisione. La relazione non deve essere redatta se tutti i membri dell’associazione sono membri del suo organo statutario o se tutti i membri dell’associazione sono d’accordo.

§ 292
(1) L’assemblea dell’assemblea dei soci, alla quale sarà sottoposto per approvazione il contratto di scissione o il progetto di scissione, deve essere indetta da chi li convoca almeno trenta giorni prima della sua convocazione.

(2) Entro il termine di cui al comma 1, l’associazione mette a disposizione di tutti i soci presso la propria sede legale una relazione dell’organo statutario che spieghi le ragioni economiche e giuridiche e le conseguenze della scissione, qualora la sua redazione fosse necessaria. Il messaggio deve contenere
(a) in caso di scissione per fusione, il progetto di accordo di scissione, lo statuto dell’associazione successore e uno stato patrimoniale di tutte le associazioni partecipanti non più vecchio di sei mesi, o

(b) in caso di scissione con costituzione di nuove associazioni, il progetto di scissione, lo stato patrimoniale della scissione da costituire, nonché i bilanci di apertura e il progetto di statuto delle associazioni successori.

§ 293
(1) Almeno trenta giorni prima della riunione dell’assemblea dei soci, l’associazione scissa deve pubblicare un avviso che indica quale associazione è interessata dalla divisione e quali associazioni diventeranno le sue successive associazioni. Nella notifica, l’associazione scissa deve anche informare i creditori del loro diritto ai sensi del § 301.

(2) Se l’associazione non è destinataria di prestazioni dal bilancio pubblico, se ha un numero esiguo di creditori e se l’importo totale del debito è esiguo, è sufficiente che ne consegni una notifica ai creditori noti.

§ 294
(1) L’accordo di divisione è approvato dalle assemblee dei membri delle associazioni partecipanti. Le disposizioni del § 282 si applicano mutatis mutandis.

(2) Il progetto di divisione è approvato dall’assemblea dei membri dell’associazione scissa.

(3) L’ assemblea dei soci può solo approvare o rifiutare l’accordo di divisione o il progetto di divisione.

§ 295
(1) L’associazione scissa presenta una proposta per l’iscrizione della divisione nel registro pubblico. In caso di scissione per fusione, le associazioni unite e successive presentano una proposta congiunta.

(2) Sulla base di una proposta, l’autorità competente registra la scissione cancellando l’associazione defunta dal registro pubblico lo stesso giorno, indicando chi è il suo successore legale e quando divide
a) mediante fusione, segnare per l’associazione subentrante la data di efficacia della scissione per fusione e la denominazione, l’indirizzo della sede legale e gli estremi identificativi dell’associazione che si è fusa con l’associazione subentrante ed eventuali altre variazioni dell’associazione subentrante, ove intervenute per effetto della divisione,

b) con la costituzione di nuove associazioni, le associazioni subentranti sono iscritte e contrassegnate con il nome, l’indirizzo della sede legale ei dati identificativi dell’associazione, che ne è giuridicamente predecessore.

§ 296
Una volta che la divisione è stata iscritta nel registro pubblico, né l’accordo di divisione né il progetto di divisione possono essere modificati o annullati.

§ 297
(1) Se, in caso di scissione per fusione, le associazioni partecipanti non presentano una proposta di iscrizione della scissione entro sei mesi dalla data in cui è stato concluso l’accordo di scissione, l’associazione partecipante che si è disposta a presentare la domanda può recedere dall’accordo di divisione. Se anche una parte recede dal contratto, decadono gli obblighi di tutte le parti stabiliti dal contratto.

(2) Se, in caso di scissione per fusione, le associazioni partecipanti non presentano una proposta per la registrazione della scissione entro un anno dalla data in cui è stato concluso l’accordo di scissione, si applica che tutte le associazioni partecipanti abbiano rinunciato dall’accordo.

(3) Insieme e indistintamente ad un’associazione che ha fatto sì che la domanda di registrazione della divisione non sia presentata in tempo utile, le altre associazioni risarciranno alle altre associazioni il danno causato dal suo organo statutario, salvo coloro che dimostrino di aver fatto sforzi sufficienti per presentare la domanda in tempo utile.

§ 298
Se l’associazione scissa non presenta una proposta di registrazione della divisione entro un anno dal giorno in cui è stata presa la decisione sulla divisione durante la divisione con la costituzione di nuove associazioni, è annullata entro la scadenza del periodo della decisione sulla divisione invano.

§ 299
(1) Ciascuna delle associazioni successori è responsabile insieme alle altre associazioni successori per i debiti trasferiti dall’associazione scissa alla successiva associazione successore.

(2) Se un’associazione scissa ha i suoi beni valutati da una perizia nominata da un tribunale ai sensi di un’altra legge, inclusa la valutazione separata dei beni trasferiti a singole associazioni successori, e adempie all’obbligo di pubblicazione ai sensi del § 269, ogni associazione successore deve rispondere dei debiti di cui al comma 1. solo fino all’ammontare del patrimonio netto acquisito dalla scissione.

(3) Il diritto di responsabilità ai sensi dei paragrafi 1 e 2 non può essere esercitato dai creditori che hanno ricevuto garanzie ai sensi dell’articolo 300.

§ 300
Se il creditore dell’associazione partecipante presenta un credito entro sei mesi dalla data in cui la registrazione della divisione è divenuta effettiva nei suoi confronti, ha diritto a garanzie sufficienti se dimostra che la riscossione del credito si deteriora. Se il creditore dimostra che la riscossione del credito si deteriora in modo significativo a causa della divisione, ha diritto a garanzie sufficienti prima che la divisione sia iscritta nel registro pubblico.

§ 301
(1) Chiunque i cui interessi legali siano interessati dalla scissione ha il diritto di essere informato da una qualsiasi delle associazioni partecipanti entro un mese dal ricevimento della domanda dei beni trasferiti dalla scissione in singole associazioni successori.

(2) Se non riceve notifica il debitore dell’associazione defunta, che è il suo creditore dopo la divisione dell’associazione, può eseguire a qualsiasi delle associazioni successori. Se non riceve notifica il creditore dell’associazione defunta, che ne è debitore dopo la scissione dell’associazione, può esigere l’adempimento da una qualsiasi delle associazioni subentranti.

§ 302
Se lo statuto prevede che la decisione sulla fusione o sulla scissione dell’associazione sia decisa da un organo diverso dall’assemblea dei soci, le disposizioni sull’assemblea dei soci si applicano mutatis mutandis alle disposizioni sulla fusione o divisione dell’associazione.

Sezione 3 Fondazione
Sottosezione 1 Informazioni generali sulle fondazioni
§ 303
Una fondazione è un’entità giuridica creata da proprietà accantonate per uno scopo specifico. Le sue attività sono legate allo scopo per cui è stato costituito.

§ 304
La fondazione è costituita dall’atto costitutivo o dalla legge, in cui devono essere determinati anche la sicurezza e lo scopo della proprietà.

§ 305
Gli affari interni della fondazione sono regolati dal suo statuto.

Sottosezione 2 Fondazione
§ 306
(1) Il fondatore stabilisce una fondazione per il servizio permanente di scopo socialmente o economicamente utile. Lo scopo della fondazione può essere di pubblica utilità se consiste nel sostegno del bene comune, nonché caritatevole, se consiste nel sostegno di una determinata cerchia di persone designate individualmente o meno.

(2) È vietato costituire una fondazione allo scopo di sostenere partiti e movimenti politici o partecipare in altro modo alle loro attività. È vietato costituire una fondazione che abbia esclusivamente fini di lucro. Se la fondazione adempie a uno scopo vietato, il tribunale la annulla anche senza mozione e ne ordina la liquidazione.

§ 307
(1) Una fondazione può condurre affari se l’attività è una mera attività accessoria e i proventi dell’attività servono solo a sostenere il suo scopo; tuttavia, la fondazione non può fare affari se il fondatore lo ha escluso nello statuto della fondazione. Alle stesse condizioni, la fondazione può assumere la gestione della società.

(2) La Fondazione non può essere un socio a responsabilità illimitata di una società commerciale.

§ 308
(1) Il nome della fondazione contiene la parola “fondazione”.

(2) Una parte regolare del nome della fondazione è un segno che ne indica lo scopo.

Costituzione di una fondazione
§ 309
(1) Una fondazione è costituita da un atto di fondazione, che può essere un atto di fondazione o un’acquisizione in caso di morte.

(2) L’atto costitutivo della fondazione è redatto da una o più persone.

(3) Se vi sono più persone dalla parte del fondatore della fondazione, queste sono considerate come il fondatore dell’unico e devono agire all’unanimità nelle questioni della fondazione; se una di queste persone rifiuta di dare il proprio consenso senza giustificato motivo, il tribunale lo sostituisce con una decisione su proposta di una delle altre persone fondatrici.

(4) L’ atto di fondazione richiede la forma di un atto pubblico.

§ 310
L’atto costitutivo della fondazione contiene almeno
a) il nome e la sede legale della fondazione,

b) il nome del fondatore e la sua residenza o sede legale,

c) definizione dello scopo per il quale è costituita la fondazione,

d) informazioni sull’importo del contributo di ciascun fondatore,

e) informazioni sull’ammontare del capitale di dotazione,

f) il numero dei componenti il ​​Consiglio di Amministrazione nonché i nomi e le residenze dei suoi primi membri e l’indicazione di come i membri del Consiglio di Amministrazione agiscono per conto della Fondazione,

g) il numero dei membri del Consiglio di Sorveglianza e i nomi e le residenze dei suoi primi membri, o, se il Consiglio di Sorveglianza non è costituito, i nomi e le residenze del primo sindaco,

h) la nomina del gestore dei depositi; e

i) le condizioni per l’erogazione dei contributi della fondazione, ovvero la cerchia dei soggetti ai quali possono essere erogati, o l’insieme delle attività che la fondazione può svolgere in relazione al suo scopo, ovvero la determinazione che tali requisiti sono previsti dal regolamento della fondazione statuto.

§ 311
(1) Quando si costituisce una fondazione per acquisizione in caso di morte, il contributo deve essere versato alla fondazione chiamando la fondazione come erede o ordinando un rinvio. In tal caso, l’istituzione della fondazione ha effetto alla morte del testatore.

(2) Se l’atto di dotazione è incluso nell’acquisizione in caso di morte, deve contenere almeno
a) il nome della fondazione,

b) definizione dello scopo per il quale è costituita la fondazione,

c) informazioni sull’importo del deposito,

d) un’indicazione dell’importo del capitale di dotazione e

e) le condizioni per l’erogazione dei contributi di fondazione, ovvero la cerchia dei soggetti cui possono essere erogati, ovvero la determinazione che tali requisiti siano previsti dallo statuto della fondazione.

§ 312
(1) Se l’acquisizione in caso di morte non contiene altri requisiti previsti dal § 310, su di essi decide la persona designata nell’acquisizione, altrimenti l’esecutore testamentario; ciò vale anche se il testatore ha nominato membri del consiglio di amministrazione o del consiglio di sorveglianza e uno di essi è deceduto, non è idoneo a ricoprire l’incarico o lo rifiuta.

(2) La decisione di cui al paragrafo 1 richiede la forma di un atto pubblico.

§ 313
(1) Se il documento di dotazione non indica l’oggetto del deposito, l’obbligo di deposito è adempiuto in contanti.

(2) Se l’atto di fondazione ha stabilito che l’obbligo di deposito sarà adempiuto inserendo un elemento non monetario, e se ciò non è possibile o se il valore del deposito non raggiunge il valore sopra specificato nell’atto di fondazione, il depositante si considera saldare la differenza in denaro.

§ 314 Statuto della fondazione
(1) Lo statuto della fondazione regola almeno
(a) il comportamento degli organi della Fondazione; e

b) le condizioni per l’erogazione dei contributi di dotazione, ovvero la cerchia dei soggetti ai quali possono essere erogati.

(2) Se il fondatore non emana lo statuto della fondazione insieme allo statuto della fondazione, questo deve essere emesso dal consiglio di amministrazione entro un mese dalla data di costituzione della fondazione con il previo consenso del consiglio di sorveglianza. Salvo che l’atto costitutivo lo escluda, il Consiglio di Amministrazione delibera sulle modifiche statutarie previo consenso del Consiglio di Sorveglianza.

(3) La Fondazione pubblica lo statuto depositandolo nella raccolta di documenti. Tutti possono consultare lo statuto nel pubblico registro e ottenerne estratti, trascrizioni o copie. Lo stesso diritto può essere esercitato presso la sede della fondazione.

§ 315 Istituzione della fondazione
(1) La Fondazione è costituita il giorno dell’iscrizione nel registro pubblico.

(2) Il fondatore deve presentare una proposta per l’iscrizione di una fondazione nel registro pubblico; se ciò non è possibile e il fondatore non ha specificato diversamente, la domanda di registrazione è presentata dal suo consiglio di amministrazione per conto della fondazione.

§ 316 Cambio della sede della fondazione
Salvo che lo statuto della fondazione lo impedisca, il consiglio di amministrazione può, previo parere del consiglio di sorveglianza, modificare la sede della fondazione. La decisione di trasferire la sede della fondazione all’estero richiede l’approvazione del tribunale; il giudice non autorizza il trasferimento della sede sociale se non sussistono gravi motivi o se il cambiamento di sede pregiudichi i legittimi interessi dei soggetti cui devono essere erogati i contributi di dotazione.

Modifica dello statuto della fondazione
§ 317
Dopo l’istituzione della fondazione, lo statuto della fondazione può essere modificato nella misura e nei modi che il fondatore ha espressamente riservato nello statuto della fondazione a se stesso oa uno degli organi della fondazione.

§ 318
(1) Se le circostanze cambiano dopo la costituzione della fondazione in misura tale da far sorgere una ragionevole necessità nell’interesse della fondazione di modificare i suoi rapporti interni, il fondatore può modificare lo statuto della fondazione, sebbene non si sia riservato tale diritto nello statuto della fondazione; la validità della modifica richiede che sia approvata dal consiglio di amministrazione e che la modifica non pregiudichi i diritti di terzi.

(2) La fondazione pubblica un emendamento allo statuto della fondazione; la modifica entrerà in vigore tre mesi dopo la data di pubblicazione. Se, entro tale termine, il giudice che sostiene che i suoi diritti sono stati lesi dalla modifica dell’atto di dotazione propone al tribunale di pronunciarsi sull’invalidità dell’emendamento, il tribunale può decidere che l’efficacia della modifica dell’atto di dotazione sia rinviata alla sua decisione.

(3) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 non si applicano se la modifica dello statuto della fondazione riguarda la sua parte, che il fondatore ha ritenuto immutabile nello statuto della fondazione.

§ 319
(1) Se il fondatore non è più presente e se le circostanze cambiano dopo il verificarsi delle circostanze in misura tale da creare una ragionevole necessità nell’interesse della fondazione di modificare i suoi rapporti interni, il tribunale può decidere di modificare il statuto della fondazione su proposta della fondazione; il consiglio deve accettare la proposta.

(2) Il tribunale accoglie la mozione se la proposta di modifica dello statuto della fondazione non pregiudica i diritti di terzi; allo stesso tempo, l’intenzione del fondatore, evidente dallo statuto di fondazione, deve essere indagata per quanto possibile e devono essere soddisfatte le condizioni che il fondatore può aver specificato per tale caso nello statuto di fondazione.

(3) Nel decidere in merito alla modifica dell’atto costitutivo, il tribunale tiene conto del parere del consiglio di sorveglianza e tiene conto degli interessi di terzi meritevoli di protezione giuridica.

§ 320
Se il fondatore ha dichiarato esplicitamente nella carta di fondazione che è immutabile o che una certa parte di esso non può essere modificata, non può essere modificata nemmeno con una decisione del tribunale.

Disposizioni speciali sulla modifica dello scopo della fondazione
§ 321
(1) Se la carta non stabilisce il diritto di cambiare lo scopo della fondazione al fondatore o a qualsiasi organo della fondazione, questo scopo può essere modificato da un tribunale su proposta della fondazione approvata dal consiglio di amministrazione e di sorveglianza . Tuttavia, se il fondatore o la persona specificata nell’atto costitutivo non è d’accordo con tale modifica, il tribunale respingerà la proposta.

(2) La Fondazione pubblicherà un avviso della modifica proposta senza indebito ritardo dopo la presentazione del progetto. Chiunque vi abbia interesse può opporsi all’istanza in giudizio entro un mese dalla data di pubblicazione dell’avviso.

§ 322
Qualora il conseguimento dello scopo della fondazione sia impossibile o di difficile realizzazione per causa ignota al fondatore o per lui imprevedibile, il giudice, su proposta del fondatore o di persona avente un interesse giuridico, sostituisce lo scopo attuale della fondazione con uno scopo simile, a meno che lo statuto della fondazione non specifichi diversamente.

§ 323
Se il fondatore non c’è più e non c’è una persona alla quale il fondatore possa aver stabilito il diritto di accettare o rifiutare di cambiare lo scopo della fondazione, il tribunale terrà conto delle intenzioni e dei desideri del fondatore noto quando decide di cambiare la scopo della fondazione, anche se non provengono dallo statuto della fondazione.

§ 324
La modifica dello scopo della fondazione da pubblica utilità a benefica può essere decisa solo da un tribunale, se sussiste un motivo particolarmente grave e lo statuto della fondazione non lo esclude.

§ 325
Quando cambia lo scopo della fondazione, le donazioni previste per lo scopo originario e il ricavato dalle stesse devono essere utilizzati per erogare contributi alla fondazione secondo lo scopo originario, a meno che il donatore non dimostri una diversa volontà.

§ 326
Se lo scopo della fondazione viene modificato da un tribunale, può allo stesso tempo decidere senza proposta in quale misura e per quanto tempo la fondazione utilizzerà i proventi del committente della fondazione per fornire contributi alla fondazione conformemente allo scopo originario. Tale portata e tempi sono determinati ogniqualvolta richiesto dal leale interesse delle persone designate in relazione allo scopo originario della fondazione quali destinatarie dei contributi della fondazione. Se il tribunale cambia lo scopo della fondazione da un beneficio pubblico a uno caritatevole e non decide su questo scopo e tempo, la fondazione utilizzerà i quattro quinti dei proventi per fornire contributi alla fondazione in conformità con lo scopo originale per cinque anni dal la data è divenuta effettiva.

Depositi in fondazione
§ 327
(1) L’importo di un deposito con un elemento non monetario non può essere determinato da un importo superiore al valore dell’oggetto del deposito determinato da una perizia.

(2) Se l’oggetto del contributo alla fondazione non è monetario, deve soddisfare la presunzione di reddito permanente e non deve fungere da garanzia.

§ 328
(1) Se l’oggetto del deposito è un titolo di investimento o uno strumento del mercato monetario ai sensi della legge che disciplina l’attività del mercato dei capitali, il suo valore può essere determinato anche dalla media ponderata dei prezzi ai quali sono state effettuate le negoziazioni in questo titolo o strumento un mercato regolamentato entro sei mesi prima del rimborso del deposito.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se il valore dell’oggetto del deposito, determinato ai sensi del paragrafo 1, è influenzato da circostanze eccezionali che lo modificherebbero in modo significativo alla data di adempimento dell’obbligo di deposito.

§ 329
(1) Se l’oggetto del deposito è qualcosa di diverso da un titolo di investimento o da uno strumento del mercato monetario ai sensi della legge che disciplina l’attività del mercato dei capitali, il valore può essere determinato anche
(a) il valore di mercato dell’elemento determinato da un esperto indipendente generalmente riconosciuto utilizzando tecniche e principi di valutazione generalmente accettati non prima di sei mesi prima dell’adempimento dell’obbligo di deposito, o

b) l’ importo della valutazione dell’elemento nel bilancio per l’esercizio contabile immediatamente precedente il verificarsi dell’obbligo di deposito, se l’elemento è valutato al fair value secondo un’altra norma di legge e se il revisore ha verificato il bilancio con un parere senza riserve.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se si sono verificate nuove circostanze che potrebbero modificare in modo significativo il valore del deposito alla data di adempimento dell’obbligo di deposito.

§ 330
(1) Prima della costituzione della fondazione, l’obbligo di deposito deve essere adempiuto almeno in modo che l’importo totale dei depositi corrisponda almeno all’importo di CZK 500.000.

(2) I depositi nella fondazione devono essere accettati prima della sua costituzione da una persona designata dallo statuto della fondazione come amministratore dei depositi. Se viene meno il suo ufficio, il fondatore, o l’esecutore testamentario, o altra persona autorizzata, convochi senza indebito ritardo un nuovo depositario; se ciò non è possibile, il nuovo gestore dei depositi è convocato dal consiglio di amministrazione della fondazione. Ai diritti e agli obblighi dell’amministratore si applicano mutatis mutandis le disposizioni sui diritti e gli obblighi dei membri degli organi delle persone giuridiche.

§ 331
(1) L’ obbligo di deposito è adempiuto consegnando l’oggetto del deposito all’amministratore del deposito. La Fondazione acquisisce la proprietà dell’oggetto del conferimento il giorno della sua costituzione, ma se la legge vincola l’acquisizione della proprietà ad una iscrizione nell’elenco pubblico, la Fondazione acquisirà l’oggetto del conferimento in proprietà solo con tale iscrizione.

(2) Se l’oggetto del deposito è monetario, il gestore del deposito lo deposita su un conto speciale presso una banca o una cooperativa di risparmio e credito, che deve istituire per la fondazione ea suo nome. Fino alla costituzione della fondazione, chi tiene il conto non consente il pagamento a saldo del conto, a meno che non sia dimostrato che la fondazione non è stata validamente costituita; se la fondazione è stata costituita per acquisizione in caso di morte, l’invalidità dell’istituzione deve essere decisa da un tribunale.

(3) Se l’oggetto del deposito è una cosa iscritta nell’elenco pubblico, il depositante presenta anche all’amministratore del deposito una dichiarazione sul deposito; dopo la costituzione della fondazione, il suo diritto di proprietà sarà iscritto nell’elenco pubblico sulla base di tale dichiarazione. La firma del depositante sulla dichiarazione deve essere ufficialmente verificata.

§ 332
Il depositante conferma per iscritto alla persona che propone l’iscrizione della fondazione nel registro pubblico che ha adempiuto all’obbligo di deposito, quando ciò sia avvenuto, qual è l’oggetto del deposito e qual è l’importo complessivo dei depositi. Se il gestore dei depositi conferma un livello di rendimento superiore a quello effettivo, è responsabile nei confronti dei creditori per i debiti della fondazione fino all’importo della differenza per un periodo di cinque anni dalla costituzione della fondazione.

§ 333
(1) L’ oggetto depositato deve essere consegnato dal gestore del deposito alla fondazione senza indebito ritardo dopo la sua creazione.

(2) Se la fondazione non è stabilita, il gestore del deposito deve restituire l’oggetto del deposito alla persona che lo ha rimborsato o portato. Le azioni legali intraprese dall’amministratore nell’amministrazione del soggetto vincolano anche questa persona.

§ 334
(1) Dopo la costituzione della fondazione, il capitale della fondazione può essere moltiplicato per donazioni alla fondazione o per decisione di aumento del capitale della fondazione.

(2) Se l’oggetto non monetario del dono soddisfa la presunzione di reddito permanente e se non funge da garanzia, si considera che il dono moltiplica il capitale di fondazione.

Patrimonio della fondazione e capitale della fondazione
§ 335
Il patrimonio della fondazione è costituito dal capitale della fondazione e da altri beni.

§ 336
(1) Il capitale di dotazione è costituito da un insieme di elementi di depositi nella fondazione, o anche donazioni di dotazione.

(2) Il capitale di dotazione deve avere un valore totale corrispondente ad almeno CZK 500.000.

§ 337
L’espressione monetaria del capitale di dotazione è il capitale di dotazione. L’importo del capitale di dotazione è iscritto nel registro pubblico.

§ 338
(1) La fondazione utilizza la sua proprietà in conformità con lo scopo dichiarato nella carta della fondazione e nello statuto e alle condizioni ivi specificate per fornire contributi alla fondazione, garantire le proprie attività per raggiungere il suo scopo e coprire i costi di valutazione del principale di fondazione e costi di amministrazione.

(2) Non vengono presi in considerazione i procedimenti legali in base ai quali la fondazione si assume la responsabilità illimitata per un’altra persona.

§ 339
(1) Ciò che costituisce il capitale di dotazione non può essere dato in pegno o altrimenti utilizzato per garantire un debito. Ciò non si applica se la fondazione gestisce un impianto commerciale, nella misura necessaria per il suo regolare funzionamento.

(2) Qualcosa dal mandante della fondazione può essere alienato solo se non contraddice la volontà della persona che ha donato il dono alla fondazione o adempiuto all’obbligo di deposito. Diversamente, qualcosa dal mandante di fondazione può essere alienato solo se avviene a titolo oneroso compreso nel mandante di fondazione o se la necessità dell’alienazione è stata causata da un mutamento di circostanze non prevedibili e comunque non affrontabili anche con la dovuta diligenza .

§ 340
La Fondazione tratta il mandante della fondazione con la cura prevista dalla presente legge per l’amministrazione dei beni di terzi. Se, in base alle disposizioni sull’amministrazione semplice di beni di terzi, è richiesto il consenso del beneficiario per una determinata azione legale, per tale azione legale è richiesto il consenso preventivo della persona indicata nello statuto della fondazione; qualora tale soggetto non sia designato è necessario il preventivo consenso dell’Organismo di Vigilanza.

§ 341
(1) Se il capitale della fondazione o il fatturato della fondazione nell’ultimo periodo contabile raggiunge l’importo almeno dieci volte superiore a quello stabilito nel § 330 capoverso 1, il conto annuale ordinario, il conto straordinario e il conto consolidato sono soggetti a verifica dell’audit.

(2) Il bilancio è soggetto a verifica da parte del revisore anche se, in conformità ad esso, viene deliberata l’aumento o la diminuzione del capitale della fondazione o la trasformazione della fondazione.

Aumento del capitale di dotazione
§ 342
(1) Dopo l’approvazione del bilancio, il Consiglio di amministrazione può, entro un anno dalla data in cui sono stati accertati i dati a partire dal quale è stato redatto il bilancio, deliberare in merito all’aumento del capitale della fondazione e all’aumento della fondazione capitale,
a) se l’aumento del capitale di dotazione non supera la differenza tra l’importo delle fonti di finanziamento proprie della fondazione del patrimonio della fondazione riportato nello stato patrimoniale al passivo e il capitale di dotazione, e

b) se non vengono utilizzate risorse proprie per aumentare il capitale della fondazione, che sono stanziate e il cui scopo la fondazione non ha il diritto di cambiare.

(2) La decisione sulla moltiplicazione del capitale di dotazione e sull’aumento del capitale di dotazione deve contenere l’importo di cui è aumentato il capitale di dotazione e la designazione della fonte da cui è aumentato il capitale di dotazione secondo la struttura del patrimonio della fondazione proprie fonti di finanziamento.

(3) Se la fondazione rileva una diminuzione delle proprie risorse da un bilancio successivamente redatto, la decisione di aumentare il capitale della fondazione si basa su tale bilancio.

§ 343
(1) Se la fondazione aumenta il capitale della fondazione dell’importo della donazione, il cui oggetto è una cosa ammissibile per essere un contributo alla fondazione, l’entità dell’aumento del capitale della fondazione non può essere superiore al suo valore accertato .

(2) La decisione di aumentare il capitale di dotazione deve contenere l’importo di cui è aumentato il capitale di dotazione e una descrizione della cosa per la quale viene moltiplicato il capitale di dotazione, insieme a informazioni sul valore della cosa e un’indicazione di come questo valore è stato determinato.

Riduzione del capitale di dotazione
§ 344
(1) Se lo statuto della fondazione non lo vieta, la fondazione può ridurre il capitale della fondazione abbreviando il capitale della fondazione, se ciò richiede un interesse per l’adempimento più economico del suo scopo. Il capitale di dotazione può essere ridotto per un massimo di un quinto dell’importo del capitale di dotazione in un periodo di cinque anni. La riduzione del capitale della fondazione non può coprire direttamente o indirettamente i costi di amministrazione della fondazione.

(2) La decisione di ridurre il capitale di dotazione deve contenere l’importo di cui il capitale di dotazione è ridotto e il motivo per cui è ridotto.

§ 345
È vietato ridurre il capitale di dotazione a un importo inferiore a CZK 500.000.

§ 346
Se la fondazione perde una parte del capitale della fondazione o se il suo valore diminuisce in modo significativo, la fondazione ricostituirà il capitale della fondazione senza indebito ritardo; se ciò non è ben possibile, ridurrà il capitale di dotazione nella misura corrispondente alla perdita.

Disposizioni comuni
§ 347
Il Consiglio di Amministrazione delibera in merito all’aumento o alla diminuzione del capitale di dotazione previo assenso del Consiglio di Sorveglianza.

§ 348
L’aumento o la diminuzione del capitale di dotazione ha effetto dal giorno dell’iscrizione nel pubblico registro.

Fondo associato
§ 349
(1) Per convenzione, la Fondazione può essere incaricata dell’amministrazione come fondo connesso di beni idonei ad essere oggetto di un contributo alla Fondazione e affidare alla Fondazione l’utilizzo di tali beni per lo scopo convenuto, se sono collegati alla missione della Fondazione; il suo utilizzo non deve consistere nel sostegno di un partito politico o di un movimento politico.

(2) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 350
Qualora si convenga che la Fondazione gestisca il fondo associato con una designazione speciale, la designazione deve contenere la dicitura “fondo associato”. La designazione deve essere data contestualmente al nome della fondazione che gestisce il fondo associato.

§ 351
Si considera che la Fondazione esegua la semplice gestione del patrimonio nel fondo associato e che lo faccia dietro compenso nella misura normalmente richiesta in casi analoghi.

§ 352
(1) Solo la fondazione di gestione deriva dalla gestione del fondo associato. Il patrimonio del fondo associato viene registrato dalla fondazione separatamente dal suo patrimonio.

(2) In caso di scioglimento della fondazione, il liquidatore dispone del fondo associato in modo tale che ne siano mantenuti la natura giuridica e lo scopo.

Contributo della Fondazione
§ 353
(1) La Fondazione non può fornire un contributo di fondazione a una persona che è membro del suo corpo o che è un dipendente della Fondazione, o a una persona a lei vicina.

(2) Se le ragioni di ciò non sono particolarmente valide, causate dal fondatore da un cambiamento di circostanze, la fondazione non può fornire un contributo di fondazione al suo fondatore; qualora ricorrano tali ragioni, il Consiglio di Amministrazione delibera sentito l’Organismo di Vigilanza o il Revisore dei Conti. Ciò vale anche nel caso di fornitura di un contributo di fondazione a una persona vicina al fondatore, a meno che la fondazione non sia stata costituita per sostenere persone vicine al fondatore.

§ 354
Chi ha accettato il contributo di dotazione può utilizzarlo solo alle condizioni pattuite; su richiesta, dimostrare alla Fondazione come lo ha utilizzato. Chiunque abbia utilizzato il contributo della fondazione in violazione delle condizioni pattuite lo restituirà alla fondazione a titolo di arricchimento senza causa.

§ 355
(1) La Fondazione non può erogare contributi di dotazione se l’importo delle risorse proprie per il finanziamento del patrimonio della Fondazione iscritto in bilancio al passivo è inferiore all’importo del capitale di dotazione rettificato ai sensi del comma 2, ovvero se sarebbe inferiore rispetto all’importo rettificato del capitale di dotazione a seguito dei contributi di dotazione.

(2) Ai fini di cui al comma 1, sono aggiunti all’importo del capitale di dotazione
a) l’ aumento del capitale di dotazione per accettazione del capitale di dotazione o per decisione, anche se non ancora iscritto nel pubblico registro, e

b) risorse proprie destinate e il cui scopo non può essere modificato dalla Fondazione.

(3) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 non si applicano nel caso di fornitura di contributi da donazioni destinati a questo scopo da parte del donatore.

§ 356
Una persona che ha ricevuto in buona fede un contributo di fondazione fornito in violazione del § 355 non è obbligato a restituirlo.

§ 357 Costi di amministrazione
La Fondazione contabilizza separatamente i contributi della fondazione, altre attività per raggiungere lo scopo della fondazione e i costi della sua amministrazione.

Relazione annuale
§ 358
(1) La Fondazione redige una relazione annuale entro la fine del sesto mese successivo alla fine dell’esercizio precedente.

(2) La relazione annuale contiene i rendiconti finanziari e una panoramica di tutte le attività della Fondazione, compresa una valutazione di tali attività.

(3) Nella relazione annuale, la fondazione deve indicare almeno
a) una panoramica delle proprie attività e passività,

b) per le donazioni di dotazione individuali, una panoramica delle persone che hanno fornito una donazione di dotazione per un importo superiore a 10.000 CZK,

c) una panoramica di come sono stati utilizzati i beni della fondazione,

d) una panoramica delle persone alle quali è stato fornito un contributo di fondazione per un importo superiore a 10.000 CZK,

e) una valutazione del rispetto da parte della fondazione delle regole per l’erogazione dei contributi di fondazione di cui agli articoli da 353 a 356 e una panoramica dei costi della propria amministrazione; e

f) valutazione dei dati di base del bilancio annuale e della relazione del revisore dei conti, se la fondazione è obbligata a far verificare il bilancio da un revisore dei conti.

(4) Se, dopo la pubblicazione della relazione, emerge un fatto che giustifica la rettifica della relazione, la Fondazione provvede senza indebito ritardo alla rettifica e la pubblica.

§ 359
(1) Se un donatore lo richiede, la Fondazione non deve indicare i dettagli del donatore nel rapporto annuale. Il destinatario del contributo di dotazione ha lo stesso diritto. Quando si fornisce un contributo di fondazione per un importo superiore a 10.000 CZK, solo una persona che ha ricevuto un contributo di fondazione per motivi umanitari, in particolare per motivi di salute, può richiedere l’anonimato.

(2) La Fondazione mantiene l’anonimato se le persone autorizzate le consegnano la domanda prima dell’approvazione del rapporto annuale. Tuttavia, una persona che ha ricevuto una sovvenzione della fondazione per motivi umanitari può esercitare il proprio diritto all’anonimato in qualsiasi momento se la fondazione non le ha dato istruzioni per la concessione della sovvenzione; si ritiene che non sia stata impartita alcuna istruzione.

§ 360
(1) La Fondazione pubblica il rendiconto annuale entro trenta giorni dalla sua approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione e lo mette altresì a disposizione presso la propria sede. Se la fondazione non è costituita come pubblica utilità, è sufficiente rendere disponibile presso la sua sede il rendiconto annuale.

(2) Se il Consiglio di amministrazione non ha approvato il rapporto annuale, la Fondazione pubblica il rapporto annuale secondo le modalità previste al paragrafo 1 entro la fine dell’esercizio contabile immediatamente successivo e dichiara che il rapporto annuale non è stato approvato e per quali motivi.

§ 361
Tutti possono visualizzare la relazione annuale nel registro pubblico e farne estratti, trascrizioni o copie. Lo stesso diritto può essere esercitato presso la sede della fondazione.

Consiglio di Amministrazione
§ 362
Il Consiglio di Amministrazione è l’organo statutario della Fondazione; ha almeno tre membri.

§ 363
A meno che lo statuto della fondazione non specifichi ulteriori restrizioni, una persona che non è idonea a far parte del consiglio di amministrazione
a) è membro del Consiglio di Sorveglianza della Fondazione,

(b) è dipendente della Fondazione; o

c) non è in buona fede rispetto allo scopo della fondazione.

§ 364
A meno che lo statuto della fondazione non preveda un altro mandato di un membro del consiglio di amministrazione, è di cinque anni. A meno che non sia escluso dallo statuto della fondazione, un membro del consiglio di amministrazione può essere rieletto.

§ 365
(1) A meno che lo statuto della fondazione non disponga diversamente, il consiglio di amministrazione elegge e revoca esso stesso i suoi membri.

(2) Lo Statuto della Fondazione può prevedere che un certo numero di membri del Consiglio di Amministrazione debba essere eletto tra i candidati proposti al Consiglio di Amministrazione da persone designate dallo Statuto della Fondazione, o da persone designate secondo le modalità ivi previste.

§ 366
A meno che lo statuto della fondazione non disponga altre ragioni, il consiglio di amministrazione rimuove dall’incarico il membro che abbia violato gravemente o ripetutamente lo statuto o lo statuto della fondazione, o che abbia violato la legge in modo da ledere palesemente la reputazione della fondazione. Se non vi provvede entro un mese dal giorno in cui è venuta a conoscenza del motivo del ricorso, ma non oltre sei mesi dal giorno in cui il motivo è sorto, il giudice rimuove il membro del Collegio dei Amministratori d’ufficio su richiesta di chi attesta un interesse legale; il diritto di chiedere la revoca di un membro del Consiglio di Amministrazione decade se non è stato esercitato entro un anno dal giorno in cui è sopravvenuta la causa della revoca.

§ 367
(1) In caso di cessazione dell’appartenenza al Consiglio di amministrazione, il Consiglio di amministrazione elegge un nuovo membro entro tre mesi. In mancanza, il tribunale nomina un nuovo membro del Consiglio di Amministrazione su proposta del Consiglio di Sorveglianza o su proposta di chi ne attesti un interesse legale, fino a quando il Consiglio di Amministrazione non elegge un nuovo componente.

(2) Il tribunale nomina un nuovo membro del Consiglio di amministrazione anche senza mozione, se il Consiglio di amministrazione non è in grado di decidere su una nuova elezione a causa di una diminuzione del numero dei suoi membri.

Consiglio di Sorveglianza
§ 368
(1) L’Organismo di Vigilanza è l’organo di controllo e revisione della Fondazione; ha almeno tre membri.

(2) Il Consiglio di Sorveglianza deve essere istituito se il capitale di dotazione è almeno dieci volte superiore a quanto stabilito nel § 330 comma 1.

§ 369
A meno che lo statuto della fondazione non preveda ulteriori restrizioni, una persona che non è ammissibile a far parte del Consiglio di Sorveglianza
a) è un membro del consiglio di amministrazione o un liquidatore,

(b) è dipendente della Fondazione; o

c) non è in buona fede rispetto allo scopo della fondazione.

§ 370
(1) Se lo statuto della fondazione o, nei limiti della sua designazione, lo statuto della fondazione non affida ulteriori competenze al Consiglio di sorveglianza, il Consiglio di sorveglianza
a) vigila sull’esercizio dei poteri da parte del consiglio di amministrazione secondo la legge e secondo lo statuto e lo statuto della fondazione,

b) controlla l’adempimento delle condizioni previste per l’erogazione dei contributi di dotazione,

c) richiama l’attenzione del Consiglio di Amministrazione sulle carenze riscontrate e formula proposte per la loro eliminazione,

d) controlla la tenuta della contabilità e esamina i bilanci annuali, straordinari e consolidati,

(e) commentare la relazione annuale; e

f) riferisce per iscritto al consiglio di direzione sulle sue attività di controllo almeno una volta all’anno.

(2) Il Consiglio di Sorveglianza rappresenta la Fondazione nei confronti di un membro del Consiglio di Amministrazione, nonché in ogni materia in cui l’interesse dei membri del Consiglio di Amministrazione sia in contrasto con gli interessi della Fondazione. A tal fine, il Consiglio di Sorveglianza nomina uno dei suoi membri.

§ 371
(1) Il Consiglio di Sorveglianza convoca una riunione del Consiglio di Amministrazione, a meno che il Presidente del Consiglio di Amministrazione non lo faccia su proposta del Consiglio di Sorveglianza.

(2) Nell’ambito delle competenze del Consiglio di sorveglianza, il suo membro autorizzato può prendere visione dei documenti della Fondazione e richiedere ai membri di altri organi della Fondazione o ai suoi dipendenti spiegazioni su singole questioni.

§ 372
A meno che lo statuto della fondazione non disponga diversamente, il Consiglio di sorveglianza stesso elegge e revoca i suoi membri. Le disposizioni del Consiglio di Amministrazione si applicano analogamente all’elezione e alla revoca dei membri del Consiglio di Sorveglianza e alla loro durata in carica.

Ispettore
§ 373
(1) Se l’Organismo di Vigilanza non è costituito, i suoi poteri sono esercitati dal revisore.

(2) L’atto costitutivo o lo statuto della fondazione possono prevedere che la funzione di revisore dei conti sia esercitata da una persona giuridica il cui oggetto di attività consenta lo svolgimento di attività di controllo e revisione contabile e che svolga tale funzione a tempo indeterminato periodo.

§ 374
(1) Alla capacità di essere un revisore si applica, mutatis mutandis, l’articolo 369. Se il revisore è una persona giuridica, il suo rappresentante che soddisfa le condizioni di cui alla prima frase può esercitare i suoi diritti e obblighi associati alla funzione di revisore.

(2) Se lo statuto non specifica un periodo più breve, la durata del mandato del revisore è di cinque anni. Il revisore dei conti può essere eletto ripetutamente, a meno che lo statuto della fondazione non lo escluda.

§ 375
(1) A meno che lo statuto della fondazione non preveda un altro metodo, il revisore dei conti deve essere eletto e revocato dal consiglio di amministrazione.

(2) Se lo statuto della fondazione non specifica altri motivi, il consiglio di amministrazione licenzia il revisore che ha violato gravemente o ripetutamente lo statuto o lo statuto della fondazione o che ha violato la legge in un modo che viola chiaramente la reputazione della fondazione. Se non vi provvede entro un mese dal giorno in cui è venuta a conoscenza del motivo del ricorso, ma non oltre sei mesi dal giorno in cui il motivo è sorto, il revisore dei conti propone ricorso al tribunale su istanza di la persona che dimostra l’interesse legale; il diritto di pretendere il ricorso del revisore decade se non è stato esercitato entro un anno dal giorno in cui è sorto il motivo del ricorso.

Soppressione della fondazione con liquidazione
§ 376
Se lo scopo per il quale è stata costituita la fondazione è stato raggiunto, la fondazione viene sciolta e il consiglio di amministrazione elegge un liquidatore.

§ 377
(1) Il tribunale scioglie la fondazione con liquidazione su richiesta di una persona che ha un interesse legale in essa, o anche senza un’istanza se
a) la fondazione svolge un’attività vietata nel § 145 o agisce in violazione del § 307,

b) la fondazione diventa socio illimitatamente responsabile della società,

c) la fondazione viola gravemente o ripetutamente il divieto di fornire un contributo di fondazione a una persona di cui al § 353,

d) la fondazione non eroga contributi di fondazione per più di due anni senza un serio motivo,

e) la fondazione dispone del mandante della fondazione in violazione del § 339,

f) il valore del capitale di dotazione scende al di sotto di CZK 500.000 e che questa situazione perdura per più di un anno dalla fine dell’esercizio in cui il valore del capitale di dotazione è diminuito,

(g) il capitale di dotazione non genera alcun rendimento per più di due anni; o

(h) non è permanentemente possibile per la Fondazione continuare a realizzare il suo scopo.

(2) Questa disposizione non pregiudica il § 172.

§ 378
(1) Il liquidatore monetizza la sostanza della liquidazione nella misura necessaria per il pagamento dei debiti della fondazione. Disposeranno del saldo di liquidazione secondo lo statuto della fondazione.

(2) Se lo statuto di una fondazione di pubblica utilità stabilisce che il saldo di liquidazione deve essere utilizzato per scopi diversi da quello di pubblica utilità, ciò non sarà preso in considerazione.

§ 379
(1) Se lo statuto della fondazione non specifica come deve essere disposto il saldo di liquidazione, il liquidatore lo offre alla fondazione per uno scopo simile. Tuttavia, in presenza di gravi motivi, il Consiglio di amministrazione può decidere che il saldo della liquidazione sia offerto in via prioritaria al comune, alla regione o allo stato.

(2) Se non è possibile offrire il saldo della liquidazione ad una fondazione avente uno scopo analogo, o se l’offerta fatta ai sensi del paragrafo 1 è respinta, il liquidatore offre il saldo della liquidazione al comune nel cui territorio ha sede la fondazione sede legale. Se il comune non accetta l’offerta entro due mesi dalla data della sua efficacia, il saldo della liquidazione è acquisito dalla regione nel cui territorio ha sede la fondazione.

§ 380
Se il saldo di liquidazione è ottenuto da un comune, regione o stato, lo utilizzerà solo per scopi di pubblica utilità.

§ 381
Se la fondazione ha ricevuto prestazioni destinate dal bilancio pubblico, le disposizioni dell’articolo 378 non si applicano e il liquidatore dispone della parte rilevante del saldo di liquidazione secondo la decisione dell’autorità competente.

Trasformazione della fondazione
§ 382
(1) La trasformazione di una fondazione può avvenire per fusione mediante fusione con un’altra fondazione o con il fondo di fondazione, oppure modificando la forma giuridica in fondo di fondazione.

(2) Nadaci lze sloučit s jinou nadací nebo s nadačním fondem, pokud to nadační listina nevylučuje a zúčastněné osoby slouží témuž nebo obdobnému účelu. Při sloučení nadace s nadačním fondem musí být nástupnickou osobou nadace.

§ 383
(1) Smlouva o sloučení obsahuje alespoň
a) údaje o názvu, sídle a identifikující údaj zúčastněných osob s uvedením, která z nich je zanikající a která nástupnická,

b) určení, v jaké struktuře přejímá nástupnická osoba složky vlastního kapitálu a cizího kapitálu zanikající osoby, jež nejsou závazkem,

c) výši nadačního kapitálu, je-li nástupnickou osobou nadace,

d) dohodu o změně statutu nástupnické osoby, dochází-li v důsledku sloučení k takové změně,

e) rozhodný den.

(2) Slučují-li se nadace, je výše nadačního kapitálu podle odstavce 1 písm. c) dána součtem nadačních kapitálů slučovaných nadací. Při sloučení nadačního fondu s nadací jako nástupnickou osobou může být nadační kapitál zvýšen za podmínek uvedených v § 342; v takovém případě musí smlouva o sloučení obsahovat náležitosti uvedené v § 342 odst. 2.

(3) Smlouva o sloučení vyžaduje formu veřejné listiny.

§ 384
(1) Zúčastněné osoby si před uzavřením smlouvy o sloučení navzájem zpřístupní své účetnictví a poskytnou další informace a písemnosti potřebné pro posouzení právních a hospodářských důsledků sloučení.

(2) Chiunque venga a conoscenza dei dati di cui al comma 1 mantiene il segreto sui fatti di cui la legge vieta la pubblicazione o la cui divulgazione può arrecare all’interessato un grave danno.

§ 385
Gli organi di controllo o di revisione dei soggetti interessati esaminano i conti di ciascuna delle parti coinvolte e redigono una relazione sui fatti oggetto dei loro conti, ivi compreso un parere sul progetto di accordo di fusione e sulle conseguenze economiche dell’operazione fusione; il report può anche essere redatto come comune a tutti gli stakeholder.

§ 386
(1) Se viene compilata una relazione ai sensi della Sezione 385, decidono sulla fusione del Consiglio di amministrazione delle persone partecipanti. Le riunioni del Consiglio di Gestione devono essere annunciate almeno 30 giorni prima della riunione; entro tale termine, è messo a disposizione di ciascun membro del consiglio di amministrazione
a) un progetto di accordo di fusione,

b) se, per effetto della fusione, l’atto costitutivo del successore, il suo statuto,

(c) i bilanci di tutte le parti coinvolte; se il bilancio è stato redatto dalla data in cui sono trascorsi più di sei mesi dalla data del progetto di atto di fusione, anche il bilancio intermedio dell’interessato,

d) il bilancio di apertura del successore e

e) una relazione ai sensi dell’articolo 385.

(2) Il Consiglio di Amministrazione può solo accettare o respingere il progetto di accordo di fusione.

(3) Se una riunione dei consigli di amministrazione delle parti coinvolte è convocata congiuntamente, i singoli consigli di amministrazione votano separatamente sul progetto di accordo di fusione. Tuttavia, se, dopo l’approvazione del contratto, vengono eletti i membri degli organi del successore, i consigli di amministrazione degli interessati possono decidere di votare congiuntamente su tali membri.

§ 387
(1) I partecipanti devono pubblicare un avviso congiunto almeno trenta giorni prima della riunione del Consiglio di amministrazione, indicando quali persone riguardano la fusione e quali di esse diventeranno successore.

(2) Se il creditore della parte interessata presenta un credito entro sei mesi dal giorno in cui la registrazione della fusione è divenuta effettiva nei suoi confronti, ha diritto a garanzie sufficienti se dimostra che la recuperabilità del credito si deteriora. Se il creditore dimostra che la riscossione del credito si deteriora in modo significativo a seguito della fusione, ha diritto a garanzie sufficienti prima che la scissione sia iscritta nel registro pubblico.

§ 388
Solo un interessato, un membro del consiglio di amministrazione, un membro del collegio sindacale o un revisore dei conti ha diritto a far valere l’invalidità dell’atto di fusione; tale diritto decade se la proposta non è depositata entro tre mesi dalla data della riunione del Consiglio di Gestione.

§ 389
(1) Una proposta per l’iscrizione di una fusione nel registro pubblico deve essere presentata congiuntamente da tutte le persone interessate; la proposta deve essere firmata anche dai membri dell’organo statutario del successore.

(2) In base alla proposta, la fusione deve essere iscritta cancellando i defunti dal registro pubblico lo stesso giorno, indicando chi è il loro successore legale e indicando la data di efficacia della fusione e i nomi, gli indirizzi della sede legale e dati identificativi delle persone con il successore, e qualsiasi ulteriore modifica del successore, se del caso.

§ 390
(1) Se le parti interessate non presentano una proposta di registrazione della fusione entro sei mesi dal giorno in cui è stato concluso l’accordo di fusione, chiunque di quelle parti interessate che erano disponibili a presentare la proposta può recedere dal contratto. Se anche una parte recede dal contratto, decadono gli obblighi di tutte le parti stabiliti dal contratto.

(2) Se le persone partecipanti non presentano una proposta di registrazione della fusione entro un anno dal giorno in cui è stato concluso l’accordo di fusione, si applica che tutte le persone interessate si sono ritirate dal contratto.

(3) Insieme e inseparabilmente a chi ha fatto sì che la domanda di registrazione della fusione non sia depositata in tempo utile, deve risarcire agli altri partecipanti il ​​danno causato dai membri del suo organo statutario, salvo coloro che dimostrino di aver fatto sufficiente sforzi per.

Cambio della forma giuridica della fondazione in fondo di dotazione
§ 391
(1) Se lo statuto della fondazione lo ammette espressamente, il consiglio di amministrazione può, previo parere del consiglio di sorveglianza o del revisore dei conti, decidere di modificare la forma giuridica della fondazione in un fondo di fondazione, ma solo se il valore del committente della fondazione è diminuito al di sotto di un periodo non transitorio.

(2) La decisione di modificare la forma giuridica deve contenere
a) designazione della fondazione per nome, sede legale e dati identificativi,

b) il nome del fondo di dotazione dopo il cambio di forma giuridica,

c) giorno decisivo,

d) dati sui componenti degli organi del fondo di dotazione, che risultano iscritti nel pubblico registro.

(3) La decisione richiede la forma di un atto pubblico.

§ 392
La decisione di modificare la forma giuridica ha effetto dal giorno dell’iscrizione nel registro pubblico.

§ 393
(1) Almeno trenta giorni prima della riunione del Consiglio di fondazione della Fondazione pubblica un avviso di volontà di adottare una decisione sulla modifica della forma giuridica.

(2) Un creditore della fondazione che presenta il suo credito entro sei mesi dal giorno in cui la registrazione del cambiamento di forma giuridica è divenuta effettiva nei confronti di terzi può chiedere che il suo credito sia garantito con sufficiente sicurezza se la sua recuperabilità si deteriora a causa di il cambiamento di forma giuridica. Se il creditore dimostra che la riscossione del suo credito si deteriora in modo significativo a seguito del cambiamento di forma giuridica, deve avere sufficiente certezza prima che il cambiamento di forma giuridica sia iscritto nel registro pubblico.

Sottosezione 3 Fondo di dotazione
§ 394
(1) Il fondatore costituisce un fondo di fondazione per uno scopo utile socialmente o economicamente.

(2) La denominazione del fondo di dotazione deve contenere la dicitura “fondo di dotazione”.

§ 395
Il fondo di dotazione è costituito da uno statuto o da un’acquisizione in caso di morte.

§ 396
(1) Il procedimento legale costitutivo contiene almeno
a) denominazione e sede del fondo di dotazione,

b) il nome del fondatore e la sua residenza o sede legale,

c) definizione dello scopo per il quale è costituito il fondo di dotazione,

d) informazioni sull’importo del deposito, o sul suo oggetto non monetario,

e) il numero dei membri del consiglio di amministrazione, nonché i nomi e la residenza dei suoi primi membri e l’indicazione di come i membri del consiglio di amministrazione agiscono per conto del fondo di dotazione,

f) il numero dei membri del Consiglio di Sorveglianza e il nome e l’indirizzo dei suoi primi membri, o il nome e l’indirizzo del primo sindaco,

g) la designazione del gestore dei depositi; e

h) le condizioni per l’erogazione dei contributi dal patrimonio del fondo di dotazione o la definizione dell’insieme delle attività che il fondo di dotazione può svolgere in relazione al suo scopo.

(2) Se il fondo di dotazione è costituito per acquisizione in caso di morte e se il fondatore non determina le modalità di nomina dei primi membri del consiglio di amministrazione e di sorveglianza, o del primo revisore, l’esecutore li nomina; in caso contrario sono nominati dal giudice su proposta di chi ne dimostri un legittimo interesse.

§ 397 Istituzione del fondo di dotazione
Il fondo di dotazione è costituito il giorno dell’iscrizione nel registro pubblico.

§ 398
(1) Il patrimonio del fondo di dotazione è costituito da un insieme derivante da depositi e donazioni, il cui oggetto può non soddisfare l’ipotesi di reddito permanente. Ciò che è di proprietà del fondo di dotazione non può essere fermato o altrimenti utilizzato per garantire il debito; l’azione legale contraria non viene presa in considerazione.

(2) La proprietà del fondo di dotazione può essere alienata se è conforme allo scopo del fondo di dotazione. Può essere utilizzato anche per investimenti ritenuti prudenti.

(3) Il fondo di dotazione non crea capitale di dotazione o capitale di dotazione.

§ 399
(1) Se l’azione legale fondatrice lo consente espressamente, il Consiglio di amministrazione può decidere, previa dichiarazione del Consiglio di sorveglianza o del revisore dei conti, di modificare la forma giuridica del fondo di dotazione in fondazione. La decisione di modificare la forma giuridica deve contenere almeno la designazione del fondo di dotazione con la denominazione, la sede ei dati identificativi ei requisiti previsti per l’atto di dotazione.

(2) La decisione richiede la forma di un atto pubblico.

§ 400
(1) Almeno trenta giorni prima della riunione del Consiglio di fondazione, il Fondo di fondazione pubblica l’avviso di voler modificare la propria forma giuridica.

(2) Un creditore del fondo di dotazione che registra il suo credito entro sei mesi dal giorno in cui la registrazione della modifica è divenuta effettiva nei confronti di terzi può chiedere che il suo credito sia garantito con sufficiente certezza se la recuperabilità del credito si deteriora a causa di ciò del mutamento di forma giuridica. Se il creditore dimostra che la riscossione del suo credito si deteriora in modo significativo a causa del cambiamento di forma giuridica, deve disporre di sufficienti garanzie prima che il cambiamento di forma giuridica sia iscritto nel registro pubblico.

§ 401
(1) Se non è permanentemente possibile che il fondo di dotazione continui ad adempiere al suo scopo, il Consiglio di amministrazione decide lo scioglimento del fondo di dotazione con liquidazione ed elegge un liquidatore.

(2) Se il fondo di dotazione non soddisfa lo scopo per il quale è stato istituito, il tribunale lo annulla su proposta della persona che ne attesta l’interesse legale e ne ordina la liquidazione.

Sezione 4 L’ Istituto
§ 402
Un istituto è una persona giuridica costituita allo scopo di svolgere attività socialmente o economicamente utili utilizzando i suoi componenti personali e patrimoniali. L’Istituto svolge un’attività i cui risultati sono ugualmente disponibili a tutti a condizioni predeterminate.

§ 403
Se l’istituto gestisce un impianto commerciale o altra attività accessoria, l’operazione non deve andare a scapito della qualità, della portata e della disponibilità dei servizi forniti nell’ambito dell’attività principale dell’istituto. Il profitto può essere utilizzato dall’istituto solo per sostenere l’attività per la quale è stato costituito e per coprire le spese della propria amministrazione.

§ 404 Nome dell’istituto
Il nome dell’istituto deve contenere la dicitura “istituto iscritto”, ma l’abbreviazione “z. a.”

§ 405 Istituzione dell’istituto
(1) L’ Istituto è costituito per atto costitutivo o per acquisizione in caso di morte. I procedimenti legali fondanti includono almeno
a) il nome dell’istituto e la sua sede legale,

b) lo scopo dell’istituto definendo l’oggetto della sua attività, o anche l’oggetto della sua attività,

c) informazioni sull’importo del deposito, o sul suo oggetto non monetario,

d) il numero dei membri del consiglio di amministrazione nonché i nomi e le residenze dei suoi primi membri; e

e) gli estremi dell’organizzazione interna dell’istituto, salvo che ne sia riservata la modifica dello statuto dell’istituto.

(2) Se l’assemblea legale fondatrice istituisce il consiglio di sorveglianza, deve indicare il numero dei membri del consiglio di sorveglianza e i nomi e le residenze dei suoi primi membri.

§ 406
(1) Il fondatore decide sulle modifiche del procedimento legale fondatore anche durante la durata dell’istituto.

(2) Se la decisione del fondatore non è possibile, la persona designata dall’atto costitutivo nella misura ivi specificata acquisisce i suoi diritti alla costituzione, altrimenti sono acquisiti dal consiglio di amministrazione; in tal caso, tuttavia, la decisione del consiglio di amministrazione di modificare l’oggetto della Costituzione o di annullarla richiede il preventivo consenso del tribunale.

§ 407 Istituzione dell’istituto
L’istituto è costituito mediante iscrizione nel registro pubblico.

§ 408 Direttore
(1) Il direttore è l’organo statutario dell’istituto. Lo statuto può scegliere un’altra designazione per questo organo, purché ciò non crei un’impressione fuorviante della sua natura.

(2) L’amministratore non può essere un membro del consiglio di amministrazione e, se è stato istituito un consiglio di sorveglianza o altro organo di natura simile, anche un membro di tale organo. Se una persona condannata per un reato doloso è stata eletta dal Direttore, l’elezione non viene presa in considerazione.

Consiglio di Amministrazione
§ 409
(1) A meno che il procedimento legale costitutivo non specifichi un metodo diverso, il fondatore nomina e rimuove i membri del consiglio di amministrazione. Qualora ciò non sia possibile, i membri del Consiglio di Amministrazione sono eletti e revocati dall’Organismo di Vigilanza, ove costituito; in caso contrario, il consiglio di amministrazione elegge e revoca esso stesso i suoi membri.

(2) A meno che l’atto costitutivo non preveda un altro mandato di un membro del Consiglio di amministrazione, è di tre anni. Salvo che l’azione legale fondatrice lo impedisca, un membro del Consiglio di Amministrazione può essere rieletto; tuttavia, qualora il Consiglio di Gestione elegge e revoca esso stesso i propri membri, la stessa persona può essere rieletta per un massimo di due mandati consecutivi.

(3) Se è stato istituito un consiglio di sorveglianza, l’appartenenza al consiglio di amministrazione e al consiglio di sorveglianza è incompatibile.

§ 410
Il Consiglio Direttivo elegge e revoca il Direttore, vigila sull’esercizio dei suoi poteri e delibera sulle azioni legali dell’Istituto nei confronti del Direttore; salvo diversa indicazione, il Presidente del Consiglio di Amministrazione esprime la volontà dell’Istituto nel presente giudizio.

§ 411
(1) Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio preventivo, il bilancio ordinario e straordinario e la relazione annuale dell’Istituto.

(2) Il Consiglio di amministrazione decide sull’inizio dell’esercizio di un impianto commerciale o di altra attività ausiliaria dell’istituto o sul cambiamento della sua materia, a meno che l’azione legale fondatrice non disponga diversamente.

§ 412
(1) Se il procedimento giudiziario costitutivo non determina ulteriori restrizioni, il Consiglio di amministrazione concede il preventivo assenso al procedimento giudiziario con cui l’Istituto
a) acquista o perde la proprietà del bene immobile,

b) grava sui propri beni immobili,

(c) acquisisce o perde il diritto d’autore o il diritto di proprietà industriale; o

(d) costituisce o partecipa a un altro soggetto giuridico mediante un conferimento.

(2) Salvo che il giudizio costitutivo disponga diversamente, il Consiglio di amministrazione deve dare il preventivo assenso anche al procedimento giudiziario con il quale l’Istituto acquisisce o perde la proprietà di un bene mobile il cui valore sia superiore al valore di un piccolo contratto ai sensi dell’art. la legge sugli appalti pubblici.

§ 413 Statuto dell’Istituto
(1) Se l’azione legale fondatrice lo determina o se è opportuno, il Consiglio di amministrazione emana lo statuto dell’istituto e adegua l’organizzazione interna dell’istituto e i dettagli delle sue attività.

(2) L’ Istituto pubblica lo statuto depositandolo nella raccolta dei documenti. Tutti possono consultare lo statuto nel pubblico registro e ottenerne estratti, trascrizioni o copie. Lo stesso diritto può essere esercitato presso la sede dell’istituto.

§ 414
Se l’atto costitutivo non prevede che i membri degli organi dell’istituto abbiano diritto a un compenso per l’esercizio delle loro funzioni e per le modalità della sua determinazione, all’amministratore spettano il compenso consueto e le funzioni dei membri di altri organi sono considerati onesti. In tal caso, l’ammontare della remunerazione dell’Amministratore o le modalità di determinazione della stessa sono determinate dal Consiglio di Gestione.

§ 415
(1) L’ Istituto tiene conto separatamente dei costi e dei ricavi connessi con l’oggetto principale dell’attività, con l’esercizio di un impianto commerciale o altra attività ausiliaria e con l’amministrazione dell’Istituto.

(2) Il bilancio dell’istituto deve essere verificato dal revisore se richiesto dall’azione legale fondatrice o dallo statuto, o se l’importo del fatturato netto dell’istituto supera i dieci milioni di CZK. In questi casi il revisore verifica anche la relazione annuale dell’istituto.

§ 416 Relazione annuale
(1) La relazione annuale dell’istituto contiene, oltre ai requisiti previsti da altre norme di legge in materia di contabilità, altri dati significativi sull’attività e sulla gestione dell’istituto, compreso l’ammontare dei benefici erogati ai membri degli organi dell’istituto.

(2) Se l’atto costitutivo non specifica un’altra modalità di pubblicazione, l’Istituto pubblica la relazione annuale entro sei mesi dalla fine dell’esercizio contabile depositandola nella raccolta dei documenti. Tutti possono consultare lo statuto nel pubblico registro e ottenerne estratti, trascrizioni o copie.

§ 417
Se l’istituto non adempie al suo scopo per lungo tempo, sarà cancellato dal tribunale su proposta di una persona che dimostri un interesse legale.

§ 418
In altri, le disposizioni sulla fondazione si applicano mutatis mutandis ai rapporti giuridici dell’istituto; non si applicano tuttavia le disposizioni sul capitale di dotazione e sul capitale di dotazione.

Parte 4 Consumatore
§ 419
Un consumatore è qualsiasi persona che, al di fuori dell’ambito della sua attività commerciale o al di fuori dell’ambito dell’esercizio indipendente della sua professione, stipula un contratto con un imprenditore o tratta in altro modo con lui.

Parte 5 Uomo d’affari
§ 420
(1) Una persona che svolge autonomamente un’attività lucrativa per proprio conto e sotto la propria responsabilità in una licenza commerciale o in modo simile con l’intenzione di farlo sistematicamente allo scopo di realizzare un profitto è considerata un imprenditore per quanto riguarda questa attività .

(2) Ai fini della tutela dei consumatori e per gli effetti dell’articolo 1963, chiunque stipuli contratti relativi alla propria attività imprenditoriale, produttiva o analoga o all’esercizio autonomo della propria professione, o chi agisce in nome o per conto per conto di un imprenditore, è anche considerato un imprenditore.

§ 421
(1) Un imprenditore è una persona iscritta nel registro delle imprese. A quali condizioni le persone sono iscritte nel Registro delle Imprese è determinato da un’altra legge.

(2) Un imprenditore è considerato una persona che ha una licenza commerciale o altra autorizzazione ai sensi di un’altra legge.

§ 422
Un imprenditore che non ha una ragione sociale agisce legalmente nella sua attività sotto il proprio nome; se è accompagnato da modifiche che ne caratterizzano più dettagliatamente la persona o l’attività, non deve trarre in inganno.

Società commerciale
§ 423
(1) La ragione sociale è il nome con il quale l’imprenditore è iscritto nel registro delle imprese. Un imprenditore non deve avere più società commerciali.

(2) La protezione dei diritti di una società commerciale appartiene alla persona che l’ha utilizzata per la prima volta. Chiunque sia leso dal proprio diritto a un’impresa ha gli stessi diritti della protezione contro la concorrenza sleale.

§ 424
Il nome commerciale non deve essere intercambiabile con un altro nome commerciale o deve essere ingannevole.

§ 425
(1) Člověk se zapíše do obchodního rejstříku pod obchodní firmou tvořenou zpravidla jeho jménem. Změní-li se jeho jméno, může používat v obchodní firmě i nadále své dřívější jméno; změnu jména však uveřejní.

(2) Zapíše-li se člověk do obchodního rejstříku pod jinou obchodní firmou než pod svým jménem, musí být zřejmé, že nejde o obchodní firmu právnické osoby.

§ 426
Je-li více obchodních závodů několika podnikatelů spojeno do podnikatelského seskupení, mohou jejich jména nebo obchodní firmy obsahovat shodné prvky; veřejnost však musí být schopna je odlišit.

§ 427
(1) Kdo nabude obchodní firmu, má právo ji používat, pokud k tomu má souhlas svého předchůdce nebo jeho právního nástupce; vyžaduje se však, aby k obchodní firmě připojil údaj vyjadřující právní nástupnictví.

(2) Při přeměně právnické osoby přejde obchodní firma na právního nástupce, pokud s tím souhlasí; souhlas jiné osoby se nevyžaduje. Má-li právnická osoba více právních nástupců a neurčí-li se, na kterého z nich obchodní firma přechází, nepřejde obchodní firma na žádného z nich.

§ 428
Odvolat souhlas s užitím svého jména v obchodní firmě právnické osoby má právo ten, kdo k tomu má tak závažný důvod, že po něm nelze spravedlivě požadovat, aby jeho jméno bylo v obchodní firmě využíváno; takovým důvodem může být zejména změna převažující povahy podnikání právnické osoby nebo změna vlastnické struktury obchodní korporace. Za těchto podmínek má právo odvolat souhlas i právní nástupce osoby, která souhlas udělila.

§ 429Sídlo podnikatele
(1) Sídlo podnikatele se určí adresou zapsanou ve veřejném rejstříku. Nezapisuje-li se fyzická osoba jako podnikatel do veřejného rejstříku, je jeho sídlem místo, kde má hlavní obchodní závod, popřípadě kde má bydliště.

(2) Uvádí-li podnikatel jako své sídlo jiné místo než své sídlo skutečné, může se každý dovolat i jeho skutečného sídla. Proti tomu, kdo se dovolá sídla podnikatele zapsaného ve veřejném rejstříku, nemůže podnikatel namítat, že má skutečné sídlo v jiném místě.

Zastoupení podnikatele
§ 430
(1) Pověří-li podnikatel někoho při provozu obchodního závodu určitou činností, zastupuje tato osoba podnikatele ve všech jednáních, k nimž při této činnosti obvykle dochází.

(2) Un imprenditore è anche obbligato ad agire da un’altra persona nel suo stabilimento, se il terzo era in buona fede che la persona che agisce è autorizzata ad agire.

§ 431
Se il rappresentante dell’imprenditore supera l’autorità del rappresentante, l’imprenditore è vincolato da un’azione legale; ciò non si applica se il terzo era a conoscenza del superamento o se doveva venirne a conoscenza in considerazione delle circostanze del caso.

§ 432 Divieto di concorrenza
(1) Una persona che agisce come rappresentante dell’imprenditore nella gestione di un impianto commerciale non può, senza il consenso dell’imprenditore, fare nulla per conto proprio o di qualcun altro che rientri nell’ambito dell’impianto commerciale. Se ciò accade, l’imprenditore può chiedere al suo rappresentante di astenersi dal farlo.

(2) Se il rappresentante ha agito per proprio conto, l’imprenditore può richiedere che le azioni del rappresentante siano dichiarate eseguite per suo conto. Se il rappresentante ha agito per conto di un’altra persona, l’imprenditore può esigere che gli sia trasferito il diritto alla remunerazione o che gli sia corrisposto il compenso già concesso. Tali diritti scadono se non sono stati esercitati entro tre mesi dal giorno in cui l’imprenditore ha appreso dell’assemblea, ma non oltre un anno dal giorno in cui si è svolta l’assemblea.

(3) In luogo del diritto di cui al paragrafo 2, l’imprenditore può richiedere il risarcimento dei danni; tuttavia, solo se il rappresentante avesse avuto e avrebbe potuto sapere che la sua attività danneggia l’imprenditore. Se anche la persona in favore della quale il rappresentante dell’imprenditore ha agito illegittimamente sapeva e poteva sapere che si trattava di un’attività pregiudizievole per l’imprenditore, è anche tenuto a risarcire il danno.

§ 433
(1) Chi agisce come imprenditore nei confronti di altre persone in relazioni economiche non può abusare della propria qualità professionale o posizione economica per creare o utilizzare la dipendenza della parte più debole e per ottenere un chiaro e ingiustificato squilibrio nei reciproci diritti e doveri delle parti .

(2) Si ritiene che la parte più debole sia sempre la persona che agisce nei confronti dell’imprenditore nei rapporti economici al di fuori del collegamento con la propria attività.

§ 434
Se l’imprenditore indica al pubblico in quale luogo svolge la propria attività, deve consentire al pubblico di entrare in contatto legale con lui in quel luogo durante gli orari di apertura specificati; altrimenti alla solita ora.

§ 435
(1) Ogni imprenditore deve indicare il proprio nome e la propria sede legale sui documenti commerciali e nell’ambito delle informazioni messe a disposizione del pubblico tramite accesso remoto. L’imprenditore iscritto al Registro delle Imprese dovrà inoltre indicare sul documento commerciale i dati relativi a tale iscrizione, comprensivi di sezione e inserto; l’imprenditore iscritto in un altro registro pubblico deve indicare i dati della sua iscrizione in tale registro; un imprenditore non iscritto al registro pubblico deve indicare i dati della sua iscrizione in un altro registro. Qualora all’imprenditore siano stati attribuiti dati identificativi, dovrà altresì indicarli.

(2) Sul documento di cui al comma 1 possono essere riportati anche altri dati, se non idonei a creare un’impressione fuorviante.

TITOLO III RAPPRESENTANZA
Parte 1 Disposizioni generali
§ 436
(1) Chi ha il diritto di agire legalmente per conto di un altro è il suo rappresentante; i diritti e gli obblighi del rappresentato direttamente derivano dalla rappresentazione. Se non è chiaro che qualcuno agisce per un altro, è vero che agisce in nome proprio.

(2) Se il rappresentante è in buona fede o se doveva essere a conoscenza di determinate circostanze, si terrà conto anche del rappresentante; ciò non si applica se si tratta di una circostanza di cui il rappresentante è venuto a conoscenza prima della costituzione della rappresentanza. Se non è rappresentato in buona fede, non può invocare la buona fede del rappresentante.

§ 437
(1) Una persona i cui interessi sono in conflitto con gli interessi della persona rappresentata non può rappresentare un’altra, a meno che nella rappresentanza contrattuale la persona rappresentata fosse a conoscenza o dovesse essere a conoscenza di tale conflitto.

(2) Se un rappresentante il cui interesse è in conflitto con l’interesse della parte rappresentata ha agito con una terza parte e se questa persona era a conoscenza di tale circostanza o se doveva esserne a conoscenza, la parte rappresentata può invocarla. Si ritiene che vi sia conflitto nell’interesse del rappresentante e del rappresentato, se il rappresentante agisce anche per conto di questo terzo o se agisce per conto proprio.

§ 438
Il rappresentante agisce di persona. Può autorizzare un altro rappresentante se è d’accordo con la persona rappresentata o se è assolutamente necessario, ma è responsabile della corretta selezione della sua persona.

§ 439
Qualora il rappresentante rappresentato per la stessa materia abbia più di un rappresentante, si ritiene che ciascuno di essi possa agire in modo autonomo.

§ 440
(1) Se il rappresentante ha superato l’autorità del rappresentante, è vincolato dall’azione legale della parte rappresentata, se approva il superamento senza indebito ritardo. Ciò vale anche se una persona non autorizzata a farlo agisce legalmente per conto di un’altra.

(2) Se l’azione legale non viene approvata senza indebito ritardo, la persona che ha agito legalmente per un altro è vincolata da se stessa. Una persona che è stata negoziata e che è stata in buona fede può richiedere al negoziatore di adempiere a quanto concordato o di risarcire il danno.

Parte 2 Rappresentanza contrattuale
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 441
(1) Se le parti sono d’accordo, una di esse rappresenterà l’altra nella misura concordata come agente.

(2) Il principale deve indicare l’ambito della procura rappresentativa nella procura. Se la rappresentanza non riguarda solo una determinata azione legale, la procura deve essere conferita per iscritto. Se per l’azione giudiziaria è richiesta una forma speciale, nella stessa forma è rilasciata una procura.

§ 442
Il mandante non può rinunciare al diritto di revocare la procura, ma se le parti concordano per determinati motivi per la sua revoca, la procura non può essere revocata per un altro motivo. Ciò non si applica se il preponente ha un motivo particolarmente grave per revocare l’autorizzazione.

§ 443
Quando si autorizza una persona giuridica, l’esercizio dell’autorità di rappresentanza rientra nella competenza del suo organo statutario. Esercita la rappresentanza anche una persona designata dall’organo statutario.

§ 444
(1) Una persona che, per propria colpa, fa sorgere in un terzo la presunzione di aver autorizzato qualcun altro ad agire in giudizio non può invocare una mancanza di autorizzazione se il terzo era in buona fede e poteva ragionevolmente presumere che il l’autorizzazione è stata concessa.

(2) Se il preponente ha indicato a un’altra persona di aver autorizzato l’agente a svolgere determinati procedimenti legali, può appellarsi a quest’ultimo che l’autorizzazione è successivamente scaduta solo se glielo ha notificato prima dell’assemblea dell’agente o se questa persona era a conoscenza della risoluzione durante il procedimento dell’agente.

§ 445
Se, in qualità di rappresentante, ha agito una persona incapace di agire legalmente nella materia in questione, non può essere invocata contro chi non ha saputo o non poteva sapere di questo fatto.

§ 446
Se l’agente ha ecceduto i poteri di procura e il mandante non è d’accordo, ne dà comunicazione alla persona con la quale l’agente ha agito legalmente, senza indebito ritardo dopo aver appreso dell’azione legale. In caso contrario, si considera che abbia approvato il superamento; ciò non si applica se la persona con la quale il rappresentante ha agito legalmente aveva e avrebbe potuto sapere dalle circostanze senza alcun dubbio che l’agente ha chiaramente ecceduto l’autorità del rappresentante.

§ 447
Se le istruzioni del mandante sono contenute nella procura e se dovevano essere note alla persona contro la quale il mandante ha agito, il loro superamento è considerato violazione dei poteri del rappresentante.

§ 448
(1) La procura termina con l’esecuzione di procedimenti legali a cui la rappresentanza era limitata; la procura si estingue anche se il mandante la revoca o il mandante la rescinde. Se muore l’agente o il mandante, o se qualcuno di essi è una persona giuridica e se questa decade, decade anche l’autorizzazione, salvo diverso accordo.

(2) Fino a quando il ricorso non è noto all’agente, la sua azione legale ha gli stessi effetti come se l’autorizzazione fosse ancora durata. Tuttavia, ciò non può essere invocato da una parte che era a conoscenza della revoca della procura, o aveva e avrebbe potuto conoscerla.

§ 449
(1) Se il principale muore o se il principale termina la procura, l’agente deve fare tutto ciò che non può sopportare in modo che il principale o il suo successore legale non subiscano alcun danno. La sua condotta giuridica ha gli stessi effetti che avrebbe se la procura fosse ancora in vigore, a meno che non sia in contraddizione con quanto disposto dal mandante o dal suo successore legale.

(2) Il rappresentante deve emettere senza indebito ritardo dopo la scadenza della procura tutto ciò che il principale gli ha prestato o che ha ottenuto per il principale. Se l’agente è morto, chiunque abbia queste cose con sé ha questo obbligo verso il mandante.

Sezione 2 Procura
§ 450
(1) Concedendo una procura, un imprenditore iscritto nel registro di commercio autorizza il procuratore a svolgere procedimenti legali che si verificano durante l’esercizio di un impianto o di una filiale commerciale, anche quelli per i quali è altrimenti richiesta una procura speciale. Tuttavia, il procuratore ha il diritto di alienare o gravare il bene immobile, se ciò è espressamente indicato.

(2) Quando si concede una procura, deve essere esplicitamente dichiarato che si tratta di una procura. Se un imprenditore concede una procura per una succursale del suo stabilimento o per uno dei suoi numerosi stabilimenti, deve designare esplicitamente la filiale o il stabilimento.

§ 451
Il procuratore non ha il diritto di trasferire la procura ad altri o di concedere un’altra procura; non si tiene conto delle disposizioni contrarie.

§ 452
(1) È vietato conferire una procura a una persona giuridica.

(2) Se una procura viene concessa a più persone, ciascuna di esse rappresenta l’imprenditore in modo indipendente, a meno che non sia specificato qualcos’altro al momento della concessione della procura.

§ 453
Le limitazioni alla procura mediante istruzioni interne non hanno effetto sui terzi, anche se pubblicate.

§ 454
Il procuratore esercita l’azione penale con la cura di un amministratore appropriato.

§ 455
Il procuratore sottoscrive allegando la propria firma e gli estremi indicanti la procura alla società dell’imprenditore; se la procura è stata conferita per una singola succursale o per uno di più esercizi commerciali, deve allegare anche l’indicazione della succursale o dello stabilimento commerciale.

§ 456
La procura si estingue anche con il trasferimento o l’affitto del ramo d’azienda o ramo d’azienda per il quale è stata conferita. La morte di un imprenditore non pone fine alla procura, salvo diverso accordo.

Parte 3 Rappresentanza legale e tutela
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 457
La rappresentanza legale e la tutela vigilano sulla tutela degli interessi del rappresentato e sull’adempimento dei suoi diritti.

§ 458
Il rappresentante legale o tutore non può agire per conto del mandante nelle materie relative alla formazione e allo scioglimento del matrimonio, all’esercizio dei doveri e dei diritti genitoriali, nonché all’acquisizione in caso di morte o dichiarazione di diseredazione e alla loro revoca.

§ 459
Il rappresentante legale non può privare il rappresentato di una questione di particolare popolarità, salvo che ciò giustifichi una minaccia alla sua vita o alla sua salute e, nel caso di minore non pienamente autonomo, anche altro grave motivo. Una questione di particolare popolarità deve essere lasciata al rappresentato anche quando è ricoverato in una struttura sanitaria, di servizio sociale, di protezione sociale e legale per bambini o in una struttura simile.

§ 460
In caso di conflitto di interessi del rappresentante legale o tutore con l’interesse del rappresentato o di coloro che sono rappresentati dallo stesso rappresentante legale o tutore, o se tale conflitto è imminente, il tribunale nomina un tutore conflittuale .

§ 461
(1) Se il rappresentante legale o il tutore gestisce i beni del rappresentato, l’amministrazione ordinaria di tali beni spetta a lui. Se non si tratta di una questione di routine, per disporre dei beni del rappresentato è necessaria l’approvazione del tribunale.

(2) Sono esclusi dall’amministrazione ai sensi del paragrafo 1 la donazione, l’eredità o il legato destinati al rappresentato a condizione che siano amministrati da un terzo. Tuttavia, il rappresentante legale o il tutore può rifiutare di accettare tale dono, eredità o legato; il rifiuto richiede l’approvazione del tribunale.

§ 462
Né il rappresentante legale né il tutore possono esigere dal rappresentato un compenso per la rappresentanza. Tuttavia, se ha l’obbligo di gestire il patrimonio, può essere riconosciuto un compenso per l’amministrazione. Il tribunale ne decide l’importo, tenendo conto dei costi dell’amministrazione, del valore dei beni in gestione e dei proventi da essi derivanti, nonché delle esigenze di tempo e lavoro dell’amministrazione.

§ 463
(1) Il tutore è nominato dal tribunale; allo stesso tempo determinare la portata dei diritti e degli obblighi del tutore. La persona a cui è stato nominato il tutore diventa tutore per la durata della tutela.

(2) Se il tutore lo richiede, il tribunale lo licenzia; il giudice rimuoverà il tutore anche se non adempie ai suoi doveri. Allo stesso tempo, il tutore nomina un nuovo tutore.

§ 464
(1) Se non si tratta di amministrazione di beni, a una persona può essere nominato un solo tutore. Se è nominato un tutore speciale per amministrare i beni del mandante o per amministrare parte dei suoi beni e, allo stesso tempo, il tutore della persona, quest’ultimo ha la rappresentanza esclusiva in giudizio, anche se la questione riguarda i beni in gestione .

(2) Se il tribunale nomina più tutori e non decide in quali materie ciascuno di essi è competente ad agire legalmente per conto del tutore in modo indipendente, i tutori sono obbligati ad agire congiuntamente.

Sezione 2 Tutela umana
§ 465
(1) Il tribunale nomina un tutore di una persona se ciò è necessario per proteggere i suoi interessi o se l’interesse pubblico lo richiede. Il giudice nomina in particolare un tutore, la persona che ha limitato nella sua giurisdizione, la persona che non sa dove risiede, lo sconosciuto coinvolto in un determinato procedimento giudiziario o la persona il cui stato di salute gli causa difficoltà nella gestione dei beni o difendere i diritti.

(2) Se le circostanze lo giustificano, il tribunale può ordinare al tutore di assicurarsi, in misura ragionevole, nel caso in cui causi danni al tutore o ad un’altra persona nell’esercizio delle sue funzioni.

§ 466
(1) I doveri di un tutore includono il mantenimento di un contatto regolare con il tutore in modo appropriato e nella misura necessaria, mostrando un genuino interesse per il tutore, nonché la cura della sua salute e la cura dell’adempimento del tutore diritti e tutelando i suoi interessi.

(2) Se il tutore decide sulle questioni del tutore, il tutore deve spiegare chiaramente la natura e le conseguenze della decisione.

§ 467
(1) Nell’esercizio delle sue funzioni, il tutore adempie alla dichiarazione legale del tutore e si prende cura delle sue opinioni, anche se il tutore le ha espresse in precedenza, comprese le convinzioni o le confessioni, le tiene sistematicamente in considerazione e organizza gli affari del tutore in conformità con loro. Se ciò non è possibile, il tutore agisce nell’interesse del tutore.

(2) Il tutore deve garantire che il modo di vivere del tutore non sia in conflitto con le sue capacità e che, se ciò non può essere ragionevolmente contraddetto, corrisponda anche alle idee e ai desideri speciali del tutore.

§ 468
Con la morte del tutore o la sua dimissione, la tutela non cessa e fino a quando il tribunale non nomina un nuovo tutore per il tutore, passa al tutore pubblico secondo altra legge.

§ 469
(1) Una persona il cui stato di salute causa difficoltà nell’amministrazione della sua proprietà o nella difesa dei suoi diritti è nominata dal tribunale su sua proposta da un tutore e, in conformità con tale proposta, determina l’ambito di competenza per il tutore. Su richiesta del tutore, il tribunale rimuoverà anche il tutore.

(2) Il tutore di solito agisce insieme al tutore; se il tutore agisce in modo indipendente, agisce secondo la volontà del tutore. Se la volontà del tutore non può essere accertata, il tribunale decide sulla richiesta del tutore.

§ 470
Se qualcuno si occupa personalmente dell’amministratore dei suoi beni, non può essere nominato tutore per l’amministrazione dei beni. Ciò non si applica se l’amministratore del bene non è conosciuto, se rifiuta di agire nell’interesse del rappresentato o se trascura tale obbligo, o se non può gestire il bene.

§ 471
(1) Se il tribunale decide sulla nomina del tutore di una persona, può farlo solo dopo averlo visto, a meno che un ostacolo insormontabile lo impedisca; deve anche ascoltare la sua opinione o altrimenti accertare la sua opinione e basarsi su di essa.

(2) Il tribunale nomina come tutore una persona nominata dal tutore. Se ciò non è possibile, il tribunale nominerà solitamente un parente o un’altra persona vicina al tutore come tutore, che dimostrerà l’interesse serio e a lungo termine del tutore e la capacità di dimostrarlo in futuro. Se anche questo non è possibile, il tribunale nomina un’altra persona come tutore che soddisfi le condizioni per diventare un tutore, o un tutore pubblico ai sensi di un’altra legge.

(3) Il comune in cui il tutore ha la residenza o una persona giuridica istituita da questo comune per svolgere compiti di questo tipo ha la capacità di essere un tutore pubblico; la nomina di un tutore pubblico ai sensi di un’altra legge non è soggetta al suo consenso.

Consiglio di fondazione
§ 472
(1) Se viene nominato un tutore, il tutore o qualsiasi persona vicina al tutore può richiedere l’istituzione di un consiglio di tutela; il tutore convoca un’assemblea delle persone vicine al tutore e ai suoi amici, se a lui noti, in modo che l’assemblea abbia luogo entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Se l’assemblea non è convocata in tempo o non si tiene per altro motivo, o se nell’assemblea non viene eletto un collegio di tutela, il tribunale convoca l’assemblea, anche senza deliberazione.

(2) Alla riunione possono partecipare il tutore, qualsiasi persona vicina al tutore e qualsiasi suo amico, anche se non è stato invitato; ognuno ha un voto. Se alla riunione partecipano almeno cinque persone, può essere eletto il consiglio di tutela.

§ 473
(1) Le persone presenti all’assemblea eleggono i membri del consiglio di tutela, o i loro supplenti, a maggioranza dei voti. Nella scelta si deve prestare attenzione, se possibile, a un’equa rappresentanza delle persone elencate nel § 472.

(2) Solo una persona che certifica un interesse a lungo termine e serio nel tutore e la capacità di esprimerlo in futuro e i cui interessi non sono in conflitto con gli interessi del tutore può essere membro del consiglio di tutela. Il tutore non può essere membro del consiglio di tutela.

§ 474
Il Consiglio di fondazione è composto da almeno tre membri. Può deliberare in presenza della maggioranza dei componenti; tuttavia, se il Consiglio di fondazione è composto da tre membri, è richiesta la presenza di tutti. Le deliberazioni sono prese dal Consiglio Direttivo a maggioranza dei voti dei membri presenti.

§ 475
Il verbale dell’elezione dei membri del consiglio di tutela e dei supplenti è redatto da un registratore nominato dai presenti. Dal verbale dell’adunanza deve risultare chiaro, chi vi ha partecipato, chi è stato eletto dal cancelliere, un membro del collegio di tutela e un supplente, e da quanti voti qualcuno ha protestato contro lo svolgimento dell’adunanza e per quale motivo. Al verbale devono essere allegati i reclami presentati per iscritto. L’archivista consegna il verbale dell’elezione dei membri del consiglio di tutela al tutore e al tribunale che ha nominato il tutore.

§ 476
(1) Il tribunale può, su richiesta del tutore o di qualsiasi persona autorizzata a partecipare all’assemblea, o senza una mozione, dichiarare l’elezione non valida se ha violato la legge in modo tale che, di conseguenza, vi sia il rischio di danno al tutore. In tal caso, il tribunale ordina una nuova elezione senza indebito ritardo.

(2) Se vi sono gravi ragioni per ciò, il tribunale può, dopo l’inizio del procedimento, sospendere l’esercizio dei diritti di un membro del consiglio di tutela fino alla decisione sull’invalidità dell’elezione.

§ 477
(1) Un membro del consiglio di tutela è eletto a tempo indeterminato. Può dimettersi dal suo incarico; il recesso è effettivo al momento della consegna di una comunicazione scritta al tutore e al tribunale. Comunica le proprie dimissioni agli altri membri del consiglio di tutela.

(2) Il tribunale può licenziare un membro del consiglio di tutela su proposta del tutore o di una delle persone autorizzate a partecipare alla riunione, o di propria iniziativa se il membro del consiglio di tutela viola gravemente o ripetutamente i suoi doveri, perde interesse del tutore o si trova ripetutamente in conflitto con gli interessi del tutore. Le disposizioni della Sezione 476 (2) si applicano mutatis mutandis.

(3) Al termine della funzione di membro del consiglio di tutela, il tutore o il presidente del consiglio di tutela provvede all’elezione di un nuovo membro del consiglio di tutela o di un supplente. Se l’elezione non avviene senza indebito ritardo, il tribunale procede in modo analogo ai sensi dell’articolo 472 (1).

§ 478
(1) Il Consiglio di fondazione si riunisce almeno una volta all’anno; è convocato per l’assemblea dal suo presidente o tutore, altrimenti da qualsiasi membro del collegio tutelare, o dal tribunale su proposta di persona che dimostri un serio interesse per il tutore, o anche senza proposta.

(2) Il Consiglio di tutela invita alla riunione sia il tutore che il tutore.

(3) Dal verbale della riunione del consiglio di tutela deve essere chiaro quando si è svolta, chi vi ha partecipato, quali decisioni sono state prese, chi ha protestato e chi ha redatto il verbale. Se il verbale non indica chi ha votato a favore della mozione e chi si è opposto alla mozione, tutti i membri del Consiglio di fondazione presenti si considerano votanti a favore della mozione. Il verbale è consegnato dal presidente del collegio dei tutori al tutore e al tribunale che ha nominato il tutore.

§ 479
(1) Nella sua riunione ordinaria, il Consiglio di custodia discute il rapporto del tutore sulle sue attività negli affari del depositario, commenta il patrimonio del depositario e i conti della sua amministrazione, nonché la remunerazione del custode per la gestione della proprietà.

(2) Se il consiglio di tutela lo decide, il suo membro autorizzato a farlo presenta una mozione al tribunale per modificare l’importo della retribuzione del tutore per l’amministrazione dei beni del tutore.

(3) Se così decide il consiglio di tutela, il suo membro autorizzato del tribunale deve presentare una mozione per revocare la tutela o per licenziare il tutore e sostituirlo con un’altra persona.

§ 480
(1) Senza il consenso del consiglio di tutela, il tutore non può decidere su
a) cambio di residenza del tutore,

(b) il collocamento di un tutore in un istituto chiuso o in una struttura simile in cui lo stato di salute del tutore chiaramente non lo richieda, o

c) interventi nell’integrità del tutore, salvo che gli interventi siano privi di gravi conseguenze.

(2) Senza il consenso del consiglio del tutore, il tutore non può disporre della proprietà del tutore, se lo è
a) acquisto o alienazione di beni per un valore superiore a un importo corrispondente a cento volte il livello di sussistenza di un individuo ai sensi di un’altra norma di legge,

(b) l’ acquisizione o la cessione di beni superiori a un terzo dei beni del tutore, a meno che tale terzo rappresenti solo un valore trascurabile; o

(c) l’ accettazione o la fornitura di un prestito, credito o garanzia nei valori di cui alle lettere (a) o (b);

a meno che tali decisioni non richiedano il consenso del tribunale.

(3) Se è nell’interesse del tutore, il consiglio di tutela può decidere quali altre decisioni del tutore sul tutore sono soggette al suo consenso; tali risoluzioni non devono limitare il tutore oltre quanto è proporzionato alle circostanze.

§ 481
Il membro del consiglio di tutela che non ha votato per la sua decisione, il tutore o il tutore può, entro quindici giorni dall’adozione della decisione, proporre al tribunale che la decisione del consiglio di tutela sia annullata e sostituita con la sua decisione. Fino a quando il tribunale non decide, la decisione del consiglio di tutela non avrà effetto legale.

§482
(1) Se la commissione di tutela non può essere costituita a causa della mancanza di interesse di un numero sufficiente di persone di cui al § 472 paragrafo 1 o per altri motivi simili, il tribunale può decidere su proposta di una di queste persone che solo una di queste persone contemporaneamente alla sua nomina.

(2) Se la commissione di tutela non è eletta e se la procedura di cui al paragrafo 1 non è possibile, il tribunale approva il provvedimento del tutore delle parti del tutore o dei suoi beni invece della commissione di tutela.

§ 483
(1) A meno che non sia approvato dal tribunale, il tutore non può acconsentire al cambiamento dello stato personale del tutore.

(2) Se il tutore gestisce la proprietà del tutore, non può, senza il consenso del tribunale, a meno che il tribunale non decida su ulteriori restrizioni,
a) obbligare il tutore ad eseguire uno qualsiasi dei membri del consiglio di tutela o una persona vicina a quel membro,

b) acquisire un bene immobile o una quota di esso, né alienare o gravare su un bene immobile del tutore o parteciparvi,

(c) acquisire per il tutore un’impresa, una quota di un’impresa o una quota di una persona giuridica, o alienare o gravare su tale proprietà; ciò non si applica in caso di acquisizione di titoli partecipativi o simili che forniscono un sicuro ritorno,

d) stipulare un contratto per conto del tutore che lo impegni a prestazioni permanenti o ripetute per un periodo superiore a tre anni,

(e) rifiutare la successione o altra esecuzione dell’eredità; o

f) obbligare il tutore a prestare gratuitamente ad un’altra persona, a meno che il dono non sia fornito nella consueta occasione secondo i principi di decenza in misura ragionevole e il tutore sia in grado di giudicare e dare il consenso al dono.

(3) Nonostante le disposizioni del paragrafo 2, il tutore non può, se non approvato dal tribunale, disporre dei beni del tutore, se è
a) l’ acquisizione o la cessione di beni immobili per un valore superiore a un importo corrispondente a cinquecento volte il livello di sussistenza di un individuo ai sensi di un’altra norma giuridica,

(b) l’ acquisizione o la cessione di beni superiori alla metà dei beni del tutore, a meno che tale metà sia di valore trascurabile e non sia di particolare interesse per il tutore; o

(c) l’ accettazione o la concessione di un prestito, credito o garanzia negli importi indicati alle lettere (a) o (b).

(4) Prima di prendere una decisione ai sensi dei paragrafi da 1 a 3, il tribunale richiede il parere del consiglio di tutela. Se il consiglio di tutela non comunica il parere al tribunale entro un termine ragionevole, il tribunale deciderà da solo.

§ 484
(1) Una persona giuridica la cui attività principale consiste nella cura delle persone con disabilità e nella tutela dei loro interessi ha il diritto di proporre la convocazione di un’assemblea per istituire un consiglio di tutela.

(2) Una persona giuridica la cui attività principale consiste nella cura delle persone con disabilità e nella tutela dei loro interessi, che opera nella Repubblica ceca ininterrottamente da almeno tre anni ed è in regolare contatto con il tutore da almeno tre mesi, ha il diritto di essere membro del consiglio di tutela, di partecipare alle sue riunioni, alle riunioni per istituire un consiglio di tutela e di proporre al tribunale l’annullamento delle decisioni del consiglio di tutela e la loro sostituzione con la sua decisione. Tuttavia, se questa persona giuridica non esercita i suoi diritti in conformità con gli interessi del tutore, il tribunale revoca tali diritti su richiesta del tutore, del tutore o dei membri del consiglio di tutela.

§ 485 Inventario dei beni e dei conti dell’amministrazione
(1) Entro due mesi dalla sua nomina, il tutore che amministra i beni del tutore redige un inventario dei beni amministrati e lo consegna al tribunale, al tutore e al consiglio di tutela.

(2) Per tutta la durata della tutela, il tutore prepara una dichiarazione dell’amministrazione patrimoniale ogni anno entro il 30 giugno di ogni anno, a meno che non concordi con i membri del consiglio di tutela che presenti la dichiarazione prima. Se sussiste un motivo importante, il tutore o il consiglio di tutela può proporre al tribunale di obbligare il tutore a redigere un disegno di legge straordinario. Il tutore consegna ogni dichiarazione al tutore, al consiglio di tutela e al tribunale.

(3) Un tutore la cui funzione termina deve consegnare la dichiarazione finale dell’amministrazione dei beni al tutore, al consiglio del tutore e al tribunale, o anche a un altro tutore o commissario giudiziario nominato nel procedimento successorio. Se il tutore muore, il tribunale che lo ha nominato rilascerà documenti e altri documenti riguardanti il ​​tutore e i suoi affari a chiunque abbia questi documenti e documenti con sé.

Sezione 3 Custodia di una persona giuridica
§ 486
(1) Il tribunale nomina un tutore per una persona giuridica che ne ha bisogno in modo che i suoi affari possano essere gestiti o i suoi diritti possano essere difesi.

(2) Il tribunale può nominare come tutore di una persona giuridica solo una persona che soddisfa le condizioni stabilite per l’idoneità a essere membro di un organo statutario. Se il tutore cessa di soddisfare queste condizioni, ne informa il tribunale senza indebito ritardo. Se il tribunale apprende che il tutore non soddisfa queste condizioni, lo sostituirà senza indebito ritardo con un nuovo tutore.

§ 487
(1) Le disposizioni sui diritti e gli obblighi di un membro di un organo statutario si applicano mutatis mutandis ai diritti e agli obblighi di un tutore di una persona giuridica. I poteri del tutore sono adeguatamente disciplinati dalle disposizioni sui poteri dell’organo statutario.

(2) Il tribunale ordina al tutore di adoperarsi con cura professionale per la corretta ripresa delle attività dell’organo statutario della persona giuridica; se necessario, il giudice definirà ulteriormente la competenza del tutore, tenendo conto della competenza di altri organi della persona giuridica, o dei diritti dei soci.

§ 488
Se il procedimento giudiziario costitutivo stabilisce che una determinata persona deve essere nominata tutore di una persona giuridica, il tribunale nomina tale persona come tutore se è competente a farlo e concorda con la nomina.

TITOLO IV QUESTIONI E LORO DISTRIBUZIONE
Parte 1 Disposizioni generali
§ 489
Una cosa in senso giuridico (di seguito denominata “cosa”) è tutto ciò che è diverso da una persona e serve i bisogni delle persone.

§ 490
Una cosa destinata all’uso generale è un bene pubblico.

§ 491
(1) Un feto è ciò che una cosa fornisce regolarmente per sua natura naturale, in quanto è data dal suo scopo abituale e in proporzione ad esso, con o senza intervento umano.

(2) I benefici sono ciò che una cosa fornisce regolarmente per la sua natura legale.

§ 492
(1) Il valore di una cosa, se può essere espresso in denaro, è il suo prezzo. Il prezzo di un articolo è determinato come il prezzo normale, a meno che non sia concordato o stipulato qualcos’altro per legge.

(2) Il prezzo straordinario di una cosa deve essere determinato se il suo valore deve essere sostituito, tenendo conto delle condizioni speciali o della popolarità speciale causata dalle proprietà casuali della cosa.

§ 493
Il corpo umano e le sue parti, sebbene separate dal corpo, non sono cose.

§ 494
Un animale vivente ha un significato e un valore speciali come creatura vivente già dotata. Un animale vivo non è una cosa e le disposizioni sulle cose si applicano allo stesso modo a un animale vivo solo nella misura in cui non contraddice la sua natura.

§ 495
La somma di tutto ciò che appartiene a una persona è sua proprietà. I beni di una persona costituiscono la somma dei suoi beni e dei suoi debiti.

Parte 2 Divisione delle cose
§ 496 Cose tangibili e intangibili
(1) Una cosa materiale è una parte controllabile del mondo esterno, che ha la natura di un oggetto separato.

(2) Le cose immateriali sono i diritti, la cui natura lo consente, e le altre cose prive di sostanza materiale.

§ 497 Forze della natura controllabili
Le disposizioni sulle cose materiali si applicano mutatis mutandis alle forze naturali controllabili scambiate.

§ 498 Immobili e mobili
(1) I beni immobili sono terreni e strutture sotterranee con uno scopo separato, nonché i diritti materiali su di essi e i diritti dichiarati immobili dalla legge. Se un altro regolamento legale stabilisce che una certa cosa non fa parte della terra, e se una cosa del genere non può essere trasferita da un luogo all’altro senza violare la sua essenza, anche questa cosa è immobile.

(2) Tutte le altre cose, siano esse tangibili o immateriali, sono mobili.

§ 499 Materia sostituibile
Una cosa mobile che può essere sostituita da un’altra cosa dello stesso tipo è sostituibile; altre cose sono insostituibili. In caso di dubbio, il caso sarà valutato secondo consuetudine.

§ 500 Cosa utilizzabile
Una cosa mobile, il cui uso normale consiste nel suo consumo, lavorazione o furto, è utilizzabile; Sono utilizzabili anche i beni mobili appartenenti ad un magazzino o altro insieme se il loro normale utilizzo consiste nell’essere venduti singolarmente. Altre cose sono inutili.

§ 501 Materia collettiva
Un insieme di cose individuali appartenenti alla stessa persona, considerate come un oggetto e come tali recanti una designazione comune, è considerato come un tutto e forma una cosa collettiva.

§ 502 Stabilimento commerciale
Un impianto aziendale (di seguito denominato “impianto”) è un insieme organizzato di beni creato da un imprenditore e che, di sua spontanea volontà, viene utilizzato per gestire la sua attività. Si ritiene che un impianto sia tutto ciò che viene solitamente utilizzato per il suo funzionamento.

§ Ramo 503
(1) Una filiale è una parte di uno stabilimento che mostra indipendenza economica e funzionale e che l’imprenditore ha deciso di essere una filiale.

(2) Se una succursale è iscritta nel Registro delle Imprese, è una filiale; ciò vale anche per un’altra unità organizzativa, qualora un’altra norma di legge preveda l’iscrizione nel Registro delle Imprese. Il capo della filiale ha il diritto di rappresentare l’imprenditore in tutte le questioni riguardanti la filiale dal giorno in cui è stato iscritto come capo della filiale nel registro delle imprese.

§ 504 Segreti commerciali
I segreti commerciali consistono in informazioni concorrenziali significative, identificabili, misurabili e normalmente non disponibili negli ambienti economici interessati, che sono collegate all’impianto e il cui proprietario garantisce la loro riservatezza in modo appropriato nel suo interesse.

Parte 3 Parte di cose e accessori cose
Parte della cosa
§ 505
Una parte di una cosa è tutto ciò che le appartiene secondo la sua natura e che non può essere separato dalla cosa senza svalutare la cosa.

§ 506
(1) Parte del terreno è lo spazio sopra e sotto la superficie, gli edifici costruiti sul terreno e altre strutture (di seguito “costruzione”) ad eccezione degli edifici temporanei, inclusi quelli che sono interrati o fissati nelle pareti .

(2) Se una struttura sotterranea non è un bene immobile, fa parte del terreno, anche se si estende sotto un altro terreno.

§ 507
Parte della terra è la vegetazione che è sorta su di essa.

§ 508
(1) Una macchina o altra attrezzatura fissa (di seguito denominata “macchina”) non fa parte di un bene immobile iscritto nell’elenco pubblico, se, con il consenso del suo proprietario, è stata inserita una prenotazione nello stesso elenco che la macchina non è di sua proprietà. La riserva sarà revocata se il proprietario dell’immobile o altra persona a ciò autorizzata in base all’iscrizione nell’elenco pubblico dimostra che il proprietario dell’immobile è diventato proprietario della macchina.

(2) Se tale macchina deve sostituire una macchina che fa parte di una cosa immobile, una riserva può essere iscritta nell’elenco pubblico, a meno che una persona iscritta con un ordine più favorevole non vi si opponga. Tuttavia, la persona il cui diritto non può essere ridotto mediante l’inserimento di una riserva non ha diritto di opposizione, né la persona la cui domanda è già stata soddisfatta; a tal fine può essere estinto anche un credito non ancora maturato.

§ 509
Le reti di servizi, in particolare le condutture idriche, fognarie o elettriche o di altro tipo, non fanno parte del terreno. Si presume che le reti di ingegneria includano anche edifici e attrezzature tecniche ad esse collegate operativamente.

Roba da accessori
§ 510
(1) Un accessorio a una cosa è una cosa accessoria del proprietario della cosa principale, se lo scopo della cosa secondaria deve essere usato permanentemente insieme alla cosa principale nell’ambito del loro scopo economico. Se la custodia secondaria è stata temporaneamente separata dalla custodia principale, non cessa di essere un accessorio.

(2) Si ritiene che i procedimenti legali e i diritti e gli obblighi relativi alla materia principale si applichino anche ai suoi accessori.

§ 511
In caso di dubbio sul fatto che qualcosa sia un accessorio di una custodia, la custodia verrà valutata secondo la consuetudine.

§ 512
Se il fabbricato fa parte di un lotto di terreno, gli elementi accessori del proprietario sono accessori del lotto di terreno se il loro scopo deve essere utilizzato in modo permanente con l’edificio o il terreno nell’ambito del loro scopo economico.

§ 513
Il credito comprende interessi, interessi di mora e costi connessi alla sua applicazione.

Parte 4 Sicurezza
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 514
Una garanzia è un documento al quale il diritto è connesso in modo tale che non può essere esercitato o trasferito senza la garanzia dopo che la garanzia è stata emessa.

§ 515
Se l’emittente non ha emesso il titolo nella tipologia avente i requisiti appositamente regolamentati dalla legge, il documento deve specificare, almeno con riferimento alle condizioni di emissione, la legge associata al titolo e l’emittente.

§ 516 Titoli sostituibili
(1) Sono sostituibili i titoli della stessa natura emessi dallo stesso emittente nella stessa forma, da cui derivano gli stessi diritti.

(2) La firma dell’emittente su un titolo sostituibile può essere sostituita dalla sua impronta se sul documento sono utilizzati anche elementi di protezione contro la sua falsificazione o alterazione.

§ 517
Se una persona diversa dall’emittente è vincolata dal titolo e se viola il suo obbligo, l’emittente risarcirà il danno da ciò causato.

§ 518 Forma di sicurezza
(1) Un titolo può assumere la forma di un titolo al portatore, un ordine di titolo o un titolo registrato.

(2) Se un titolo contiene il nome di una persona autorizzata, è considerato un titolo consecutivo. Se il titolo non contiene il nome della persona autorizzata, si applica che è un titolo al portatore.

§ 519 Emissione di un titolo
(1) La data di emissione di un titolo indica il giorno in cui il titolo può essere rilasciato al primo cessionario. Salvo diversa indicazione, la data di emissione del titolo è determinata dall’emittente.

(2) Le condizioni di emissione definiscono i diritti e gli obblighi dell’emittente e dei proprietari dei titoli, nonché dati più dettagliati sull’emissione.

§ 520 Emissione di un titolo
(1) Un titolo è emesso il giorno in cui soddisfa i requisiti previsti dalla legge o da altro regolamento legale e quando diventa di proprietà del primo acquirente secondo le modalità prescritte.

(2) L’ importo monetario per il quale l’emittente emette un titolo è il prezzo di emissione del titolo.

§ 521
(1) Se il cessionario era in buona fede che stava acquisendo una garanzia debitamente rilasciata, essa viene emessa anche se i requisiti della procedura per l’emissione della garanzia non sono stati rispettati o che la sicurezza non è diventata di proprietà del primo cessionario nel modo prescritto.

(2) Una persona il cui diritto è stato violato perché i requisiti della procedura per l’emissione di un titolo non sono stati rispettati o il titolo non è diventato di proprietà del primo acquirente ha diritto al risarcimento nei confronti dell’emittente e della persona che ha agito per conto dell’emittente o per suo conto, alle condizioni previste dalla presente legge.

§ 522 Duplicati
(1) Se una garanzia è emessa in più copie, le copie devono essere numerate nel testo del documento, altrimenti ogni copia è considerata una garanzia separata.

(2) Se è stato eseguito su un duplicato, i diritti di tutti gli altri duplicati scadono.

§ 523 Buono
(1) Se a un titolo è associato un diritto al reddito, per l’esercizio di tale diritto può essere emessa una cedola al portatore; i coupon vengono emessi in un foglio coupon. Se un foglio coupon include un palloncino, dà luogo al diritto di emettere un nuovo foglio coupon; tuttavia, il salone non è una sicurezza.

(2) Il coupon deve contenere almeno i dati su
a) il tipo e l’emittente del titolo a cui è stato emesso; se la cedola è stata emessa per un titolo, è richiesta anche la sua numerazione,

(b) l’ importo dei proventi o il metodo per determinarli; e

(c) la data e il luogo di esercizio del diritto al reddito.

§ 524 atto collettivo
(1) I titoli sostitutivi possono essere sostituiti da un atto collettivo. Le stesse condizioni si applicano all’emissione e all’emissione di un atto collettivo quanto all’emissione di un titolo individuale. L’atto collettivo contiene almeno i requisiti previsti dalla legge per una garanzia individuale, compreso il suo numero.

(2) Il titolare di un atto collettivo ha il diritto di scambiarlo con titoli individuali; se l’emittente determina le condizioni per il suo scambio, allora se queste condizioni sono soddisfatte.

(3) I diritti derivanti da un atto collettivo non possono essere suddivisi in azioni mediante trasferimento. Ciò non si applica se il titolo è stato immobilizzato durante la sua custodia collettiva; in tal caso, tale quota deve corrispondere ai singoli titoli che vengono sostituiti dall’atto collettivo.

Sezione 2 Titoli in bilancio
§ 525 Sicurezza della registrazione contabile
(1) Se un titolo è sostituito da un’iscrizione nel relativo registro e se non può essere trasferito se non mediante una modifica dell’iscrizione in questo registro, è un titolo registrato. I titoli in forma contabile sono sostituibili se emessi dallo stesso emittente e se danno luogo agli stessi diritti.

(2) Le disposizioni sui titoli si applicano anche ai titoli dematerializzati, a meno che ciò non sia impedito dalla loro natura, dalla presente legge o da un’altra norma di legge.

§ 526 Registri di titoli dematerializzati
Le registrazioni dei titoli dematerializzati sono conservate sui conti di proprietà; sono l’account del proprietario o l’account del cliente.

§ 527 Conto del proprietario
(1) I titoli contabili della persona per la quale è stato aperto il conto sono registrati sul conto del proprietario.

(2) Si considera che il proprietario di un titolo dematerializzato sia una persona per conto del cui proprietario è registrato il titolo dematerializzato.

§ 528 Account cliente
(1) I titoli di registrazione delle persone che hanno affidato un titolo di registrazione alla persona per la quale è stato aperto il conto del cliente sono registrati sul conto del cliente.

(2) La persona per la quale è stato creato un conto cliente non è il proprietario dei titoli dematerializzati registrati su questo conto.

Sezione 3: Conversione di un titolo in un titolo contabile e conversione di un titolo in un titolo contabile in un titolo
Sottosezione 1 Conversione di un titolo in un titolo contabile
§ 529
(1) Se l’emittente decide di convertire un titolo in un titolo contabile, pubblica senza indebito ritardo la sua decisione, compreso il termine entro il quale il proprietario del titolo consegna il titolo all’emittente, e pubblica la decisione in un modalità di accesso remoto.

(2) È vietato specificare un termine per la presentazione di un titolo all’emittente inferiore a due mesi e superiore a sei mesi dalla data di pubblicazione della decisione.

(3) Un emittente che è tenuto da un’altra norma legale a tenere registri dei proprietari di titoli deve inviare una notifica della conversione di questo titolo in un titolo di registrazione alla persona indicata in questi registri e all’indirizzo ivi indicato.

§ 530
(1) Al momento della presentazione di un titolo, il proprietario del titolo comunica all’emittente il numero di conto nei relativi registri a cui il titolo deve essere registrato; se non gli fornisce tali informazioni, l’emittente gli fissa un termine aggiuntivo per queste, che non può essere inferiore a due mesi.

(2) Se il proprietario ha consegnato il titolo all’emittente e non gli ha fornito il numero di conto nei relativi registri in cui il titolo deve essere registrato, anche entro un termine aggiuntivo, la proprietà di questo titolo passa al l’emittente il giorno del nome del suo proprietario pagherà un prezzo equo.

§ 531
Se il titolare di un titolo è in ritardo con la consegna di un titolo, l’emittente fissa un termine aggiuntivo per la sua consegna secondo le modalità specificate nel § 529 par.

§ 532
(1) Su richiesta dell’emittente, il Depositario centrale iscrive i titoli dematerializzati nel registro centrale analogamente all’emissione di un titolo dematerializzato e registra i titoli nei conti di proprietà indicati nella domanda. L’emittente presenta la domanda dopo la scadenza del termine di cui all’articolo 529 (1) o anche prima della sua scadenza, se tutti i titoli gli sono stati presentati, ma non oltre la scadenza del termine aggiuntivo.

(2) Dalla presentazione della domanda da parte dell’emittente per l’iscrizione di un titolo in iscrizione nel registro centrale fino alla registrazione dell’intera emissione, questi titoli non possono essere negoziati in un mercato regolamentato europeo.

§ 533
(1) Un titolo che non è stato restituito è registrato dal Depositario Centrale in un apposito conto tecnico; il titolare del conto tecnico è l’emittente. Registrandosi in questo conto, questi titoli vengono convertiti in titoli contabili.

(2) Il diritto al reddito da un titolo di cui al paragrafo 1 per il periodo dalla fine del periodo ai sensi della Sezione 529, paragrafo 1, non matura fino a quando il proprietario del titolo non consegna il titolo all’emittente.

§ 534
(1) Se il titolo non è stato presentato nemmeno entro il termine aggiuntivo, l’emittente lo dichiara nullo.

(2) Dopo aver dichiarato invalido un titolo, l’emittente vende il titolo contabile, che lo sostituisce, con cura professionale. Se l’emittente decide di vendere un titolo su iscrizione in bilancio a un’asta pubblica, pubblica il luogo, l’ora e l’oggetto dell’asta almeno due settimane prima dell’asta.

(3) L’ emittente deve pagare i proventi della vendita di un titolo dematerializzato a una persona il cui titolo è stato dichiarato nullo, dopo aver compensato i crediti sostenuti dall’emittente dichiarando il titolo non valido e vendendo il titolo dematerializzato che lo sostituisce.

§ 535
Le disposizioni degli articoli 529, 531-533 si applicano mutatis mutandis ai titoli convertiti in titoli contabili da tenere in un registro separato.

Sottosezione 2 Conversione di un titolo contabile in un titolo
§ 536
Se l’emittente ha deciso di convertire un titolo dematerializzato in un titolo, pubblica la sua decisione senza indebito ritardo e pubblica la decisione in modo da consentire l’accesso a distanza entro lo stesso termine.

§ 537
(1) Il Depositario Centrale presenta all’emittente entro trenta giorni dal giorno in cui riceve la comunicazione dell’emittente sulla trasformazione di un titolo dematerializzato in un titolo, un estratto delle registrazioni centrali e relative contenenti i dati sull’emissione del titolo dematerializzato , titolari di titoli dematerializzati. il titolo in forma scritturale è stato sospeso e se il titolo in forma contabile è stato costituito in pegno, compresa la designazione del creditore pignoratizio.

(2) Né il Depositario Centrale né il titolare del conto del cliente possono, dopo aver redatto l’estratto conto, effettuare alcuna registrazione nei propri registri relativa a un titolo dematerializzato convertito in un titolo.

§ 538
(1) Il Depositario Centrale annulla la registrazione di un titolo dematerializzato nel giorno specificato dall’emittente, ma non prima della data di emissione della dichiarazione ai sensi della Sezione 537 (1) e non oltre un mese dalla data in cui è stata emessa la dichiarazione.

(2) Il Depositario centrale informa gli organizzatori del mercato regolamentato europeo in cui tali titoli in forma contabile sono ammessi alla negoziazione ai partecipanti al Deposito centrale, che ne informano i titolari dei titoli in scrittura e il titolare del conto del cliente .

(3) Il titolare del conto del cliente cancella il registro dei titoli dematerializzati lo stesso giorno della gestione accentrata.

§ 539
(1) Il titolare di un titolo dematerializzato, che è stato convertito in un titolo, acquisisce il diritto di consegnare il titolo da parte dell’emittente il giorno della cancellazione della registrazione del titolo dematerializzato.

(2) La garanzia è emessa non prima del giorno della cancellazione del registro.

§ 540
(1) Se il trattamento di un titolo per il quale è stato emesso un ordine da un’autorità pubblica è sospeso il giorno della cancellazione del registro di un titolo dematerializzato, l’emittente deve consegnare il titolo a tale autorità.

(2) Se la data di cancellazione della registrazione dei titoli contabili sospende la gestione dei titoli contabili, che è stata ordinata da una persona autorizzata a farlo dalla legge che disciplina le attività commerciali sul mercato dei capitali, ci sarà il proprietario del titolo in iscrizione, il diritto di impegnare titoli solo dopo il periodo per il quale è stata sospesa la gestione del titolo in iscrizione. Ciò non si applica se la persona che ha disposto la sospensione della disposizione si impegna a consegnare la cauzione al proprietario.

§ 541
(1) In caso di costituzione in pegno di una cauzione alla data di annullamento della cauzione, gli effetti della sospensione restano inalterati; il diritto di cedere la garanzia sorge al creditore ipotecario. L’emittente adempie altresì all’obbligo di consegnare il titolo depositando il titolo emesso con il consenso del creditore pignoratizio a beneficio del proprietario e consegnando al custode l’originale del contratto di pegno o la sua copia autenticata.

(2) In caso di conversione di un titolo dematerializzato in un titolo consecutivo, l’emittente appone su di esso una dichiarazione di cessazione del titolo.

§ 542
(1) Dopo la cancellazione del registro di un titolo dematerializzato, l’emittente pubblica senza indebito ritardo un invito ai possessori di titoli di questa emissione a subentrarli e pubblica la richiesta entro lo stesso termine in modo da consentire l’accesso remoto. I termini per la presa in consegna della cauzione sono determinati nell’invito allo stesso modo ai sensi dell’articolo 529 (2) e dell’articolo 531.

(2) Nel caso di un titolo nominativo o quotato, l’emittente invia un invito a prendere in consegna il titolo anche all’indirizzo della sede legale o della residenza del proprietario indicati nei relativi atti.

§ 543
(1) Se il proprietario non rileva il titolo anche entro un termine aggiuntivo, l’emittente lo venderà con cura professionale. Se l’emittente decide di vendere il titolo in un’asta pubblica, pubblica il luogo, l’ora e l’oggetto dell’asta almeno due settimane prima dell’asta.

(2) L’ emittente deve pagare i proventi della vendita del titolo al proprietario dopo aver compensato i crediti sostenuti dall’emittente in relazione alla sua vendita.

§ 544
Le sezioni da 536 a 543 si applicano mutatis mutandis ai titoli contabili tenuti in registri separati.

TITOLO V FATTI GIURIDICI
Parte 1 Procedimenti legali
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 545
L’azione legale ha conseguenze legali, che sono espresse in essa, nonché conseguenze legali derivanti dalla legge, dal buon costume, dai costumi e dalle pratiche consolidate delle parti.

§ 546
Puoi agire legalmente per atto o omissione; questo può essere fatto esplicitamente o in un altro modo che non metta in dubbio ciò che l’attore intendeva esprimere.

§ 547
La condotta legale deve corrispondere, per contenuto e finalità, alla buona morale e alla legge.

Condizione
§ 548
(1) La creazione, la modifica o la cessazione dei diritti può essere collegata all’adempimento di una condizione. Se la cessazione di un diritto o di un obbligo è subordinata a una condizione impossibile, non sarà presa in considerazione.

(2) Una condizione è rinviabile se dipende dal suo adempimento se si verificheranno le conseguenze legali dell’azione. La condizione è svincolante se dipende dal suo adempimento, se le conseguenze legali che si sono già verificate scompariranno.

(3) A meno che dall’azione legale o dalla sua natura non derivi qualcos’altro, la condizione è considerata una condizione sospensiva.

§ 549
(1) L’ adempimento della condizione non deve essere preso in considerazione se il suo adempimento è causato intenzionalmente da una persona non autorizzata a farlo e che è favorevole all’adempimento della condizione.

(2) Se una parte favorevole al mancato rispetto della condizione non soddisfa intenzionalmente la condizione, senza averne il diritto, la condizione si considera soddisfatta.

§ 550 Prova del tempo
Se viene determinato un periodo iniziale per l’efficacia dell’azione legale, si applicano mutatis mutandis gli articoli 548 e 549 sulla condizione sospensiva. Se l’efficacia del procedimento giudiziario è limitata dal termine ultimo, si applicano mutatis mutandis gli articoli 548 e 549 sulla condizione di risoluzione.

Apparente azione legale
§ 551
Non si tratta di azione legale se manca la volontà di chi agisce.

§ 552
Non si tratta di un’azione legale a meno che non ci sia stata una chiara volontà di mostrare una volontà seria.

§ 553
(1) Non è un’azione legale se il suo contenuto non può essere accertato anche dall’incertezza a causa della sua incertezza o incomprensibilità.

(2) Se l’espressione di volontà tra le parti è stata successivamente chiarita, il suo difetto non sarà preso in considerazione e sarà considerato come se ci fosse stato un procedimento legale fin dall’inizio.

§ 554
L’azione legale apparente non viene presa in considerazione.

Sezione 2 Interpretazione dei procedimenti giudiziari
§ 555
(1) I procedimenti giudiziari sono valutati in base al loro contenuto.

(2) Se una certa azione legale deve nascondere un’altra azione legale, deve essere valutata secondo la sua vera natura.

§ 556
(1) Ciò che è espresso a parole o in altro modo deve essere interpretato secondo l’intenzione dell’attore, se tale intenzione era nota all’altra parte o se doveva esserne a conoscenza. Se l’intenzione dell’attore non può essere accertata, all’espressione della volontà è data l’importanza che normalmente le attribuirebbe una persona nella posizione della persona a cui è destinata l’espressione della volontà.

(2) L’ interpretazione dell’espressione di volontà terrà conto della prassi stabilita tra le parti nei rapporti giuridici, di ciò che ha preceduto il procedimento giudiziario, nonché di come le parti abbiano successivamente indicato quale contenuto e importanza attribuiscono al procedimento giudiziario.

§ 557
Se il termine usato consente una diversa interpretazione, si deve interpretare nel dubbio in danno della persona che ha usato per primo il termine.

§ 558
(1) Nei rapporti giuridici con un imprenditore, a un’espressione che consente interpretazioni diverse deve essere attribuito il significato che ha regolarmente in tali rapporti. Tuttavia, se l’altra parte non è un imprenditore, il ricorrente deve dimostrare che l’altra parte doveva conoscere tale significato.

(2) Nei rapporti giuridici degli imprenditori, si tiene conto delle pratiche commerciali mantenute in generale o nel determinato settore, a meno che ciò non sia escluso da un accordo tra le parti o dalla legge. Salvo patto contrario, una pratica commerciale prevale su una disposizione di legge non coercitiva, altrimenti l’imprenditore può invocare la pratica se dimostra che l’altra parte deve aver conosciuto una determinata pratica e aver compreso secondo la procedura.

Sezione 3 Forma del procedimento giudiziario
§ 559
Ogni individuo ha il diritto di scegliere qualsiasi forma per l’azione legale, a meno che non sia limitato nella sua scelta di forma da un accordo o da una legge.

§ 560
La forma scritta è richiesta dall’azione legale che istituisce o trasferisce un diritto reale su un bene immobile, nonché dall’azione legale con la quale tale diritto viene modificato o revocato.

§ 561
(1) La firma del negoziatore è necessaria per la validità di un atto giuridico fatto per iscritto. La firma può essere sostituita con mezzi meccanici ove usuale. Un altro regolamento legale stabilisce come un documento può essere firmato elettronicamente in procedimenti legali eseguiti con mezzi elettronici.

(2) Se ci sono più persone, le loro espressioni sullo stesso documento sono richieste durante i procedimenti legali che stabiliscono o trasferiscono un diritto reale su un bene immobile, o che modificano o annullano tale diritto.

§ 562
(1) La forma scritta è conservata anche nei procedimenti legali eseguiti con mezzi elettronici o altri mezzi tecnici che consentono la cattura del suo contenuto e la determinazione della persona che agisce.

(2) Le registrazioni dei dati sui procedimenti legali nel sistema elettronico sono considerate affidabili se sono effettuate in modo sistematico e sequenziale e se sono protette contro le modifiche. Se la registrazione è stata effettuata durante il funzionamento dell’impianto e se l’altra parte la invoca a suo vantaggio, la registrazione è considerata attendibile.

§ 563
(1) Se una persona che non sa leggere e scrivere legalmente agisce per iscritto, ma è in grado di venire a conoscenza del contenuto dell’azione legale mediante dispositivi o ausili speciali o da un’altra persona di sua scelta, deve firmare il documento; se non è in grado di firmare, invece di firmare sull’atto davanti ad almeno due testimoni, apponga o comunque apponga il proprio segno, al quale uno dei testimoni aggiunga il nome dell’attore.

(2) La Sezione 39 si applica mutatis mutandis ai testimoni.

(3) Se non è possibile procedere ai sensi del paragrafo 1, è richiesta la forma di un atto pubblico per l’azione di una persona che non sa leggere e scrivere. Tale forma è richiesta anche se la legge prevede che l’espressione della volontà dell’attore debba essere scritta sull’atto di propria mano. Se l’attore è in grado di farlo, deve apporre il proprio segno al verbale del suo procedimento giudiziario.

§ 564
Se la legge richiede una certa forma per i procedimenti legali, il contenuto dei procedimenti legali può essere modificato da una manifestazione di volontà nella stessa forma o in una forma più rigorosa; se tale forma è richiesta solo dall’accordo delle parti, il contenuto del procedimento giudiziario può essere modificato in altra forma, a meno che l’accordo delle parti lo precluda.

Sezione 4 Atti privati ​​e pubblici
atto privato
§ 565
Spetta a tutti coloro che invocano un documento privato dimostrarne l’autenticità e l’accuratezza. Se la scrittura privata è usata contro chi ha manifestamente sottoscritto l’atto, ovvero contro il suo erede o contro chi ha acquistato il bene nella trasformazione di persona giuridica in suo legittimo successore, l’autenticità e la correttezza dell’atto si considerano essere stato riconosciuto.

§ 566
(1) Se un documento privato non è firmato, spetta alla persona che lo ha utilizzato dimostrare che proviene dalla persona a cui si fa valere.

(2) I documenti relativi a fatti giuridici che si verificano durante il normale funzionamento di un impianto devono essere considerati come prova, se l’altra parte li invoca a suo vantaggio, ciò che è contenuto nel documento e che il documento è stato rilasciato al momento su di esso. ha dichiarato; ciò vale anche se il documento non è stato firmato.

Documento pubblico
§ 567
Un atto pubblico è un atto emesso da un’autorità pubblica nei limiti della sua competenza o un atto dichiarato atto pubblico dalla legge; ciò non si applica se soffre di vizi tali da essere considerato come se non fosse un atto autentico.

§ 568
(1) Se un fatto è confermato in un atto pubblico, stabilisce per ogni prova completa dell’origine dell’atto da parte dell’ente o della persona che lo ha costituito, il momento dell’acquisizione dell’atto, nonché il fatto che l’originatore dell’atto pubblico ha accertato che la sua presenza è avvenuta o è stata eseguita fino a prova contraria.

(2) Se un atto pubblico registra l’espressione della volontà di una persona in un procedimento legale e se è firmato dal negoziatore, costituisce piena prova di tale espressione di volontà contro tutti. Ciò vale anche se la firma dell’attore è stata sostituita secondo le modalità previste dalla legge.

§ 569
Se un atto pubblico è stato redatto per negare un atto pubblico anteriore su un procedimento giudiziario tra le stesse persone, esso ha effetto nei confronti dei terzi se il suo contenuto è stato pubblicato nel pubblico registro o se è stato sottoposto a terzi.

Sezione 5 Azione legale contro una persona assente
§ 570
(1) L’azione legale agisce contro una persona assente dal momento in cui si verifica l’espressione della volontà; se l’altra parte contrasta consapevolmente la mungitura, è vero che è avvenuta correttamente.

(2) Non possono essere avviati procedimenti legali contro una persona che non è completamente indipendente prima che l’espressione della volontà avvenga al suo rappresentante legale o tutore. Tuttavia, se l’azione legale mira a conferire solo un vantaggio legale a tale persona, l’azione legale ha effetto dal momento in cui è promossa contro tale persona.

§ 571
Se l’espressione della volontà è alterata dai mezzi utilizzati dalla persona che agisce o da altre circostanze accertate durante il trasporto, il caso giuridico sarà valutato secondo le disposizioni sull’errore.

§ 572
Una persona che agisce per iscritto può revocare la sua espressione di volontà se il ricorso si presenta all’altra parte al più tardi contemporaneamente all’originale espressione di volontà.

§ 573 Presunzione del tempo di mungitura
Una spedizione in entrata inviata tramite un fornitore di servizi postali si considera arrivata il terzo giorno lavorativo successivo alla spedizione, ma se è stata inviata a un indirizzo in un altro Stato, allora il quindicesimo giorno lavorativo dopo la spedizione.

Sezione 6 Invalidità del procedimento giudiziario
disposizioni generali
§ 574
I procedimenti legali devono essere considerati validi e non invalidi.

§ 575
Se l’atto giuridico invalido ha i requisiti di un altro atto giuridico valido, quest’altro atto giuridico si applica se dalle circostanze risulta evidente che esprime la volontà dell’agente.

§ 576
Se la causa di nullità riguarda solo una parte dell’azione che può essere scissa dal suo altro contenuto, solo quella parte è nulla se si può presumere che l’azione si sarebbe svolta anche senza la parte invalida, se la parte riconosciuto in tempo l’invalidità.

§ 577
Se la causa di nullità è la semplice determinazione illegittima di un’estensione quantitativa, temporale, territoriale o di altra natura, il giudice modifica l’estensione in modo da corrispondere ad un’equa ripartizione dei diritti e degli obblighi delle parti; non è vincolato dalle proposte delle parti, ma valuterà se la parte entrerebbe in giudizio se riconoscesse in tempo l’invalidità.

§ 578
Errori di scrittura o numeri non sono pregiudizievoli per l’azione legale se il suo significato è insindacabile.

§ 579
(1) Se qualcuno ha causato l’invalidità di un’azione legale, non ha il diritto di opporsi all’invalidità o di rivendicare un vantaggio per se stesso dall’azione legale invalida.

(2) Chi ha causato l’invalidità di un’azione legale deve risarcire il danno che ne deriva a una parte che non era a conoscenza dell’invalidità.

Principali cause di invalidità
§ 580
(1) La condotta legale contraria al buon costume è invalida, così come la condotta legale contraria alla legge, se il significato e lo scopo della legge lo richiedono.

(2) L’azione legale è nulla se, secondo lui, deve essere adempiuto qualcosa di impossibile.

§ 581
Se la persona non è completamente indipendente, l’azione legale per la quale non è qualificata è nulla. Anche l’azione legale di una persona che agisce in un disturbo mentale, che lo rende incapace di agire in giudizio, è invalida.

§ 582
(1) Se l’azione legale non è presentata nella forma concordata dalle parti o prevista dalla legge, è nulla, a meno che le parti non risolvano successivamente il difetto. Se l’espressione della volontà coinvolge più atti giuridici contemporaneamente, la mancanza della forma richiesta per alcuni di essi non invalida di per sé gli altri.

(2) Se non viene rispettata la forma dell’azione legale concordata dalle parti, l’invalidità può essere impugnata solo se non è già stata adempiuta. Ciò vale anche se la forma di una determinata azione legale è richiesta dalle disposizioni della parte quarta della presente legge.

Errore
§ 583
Se qualcuno ha tratto in inganno la circostanza decisiva ed è stato tratto in inganno dall’altra parte, l’azione legale è nulla.

§ 584
(1) Se l’errore riguarda una circostanza secondaria che anche le parti non hanno dichiarato determinante, l’azione legale è valida, ma la persona accusata nell’errore ha diritto a un risarcimento ragionevole nei confronti dell’autore dell’errore.

(2) Se l’azione legale è stata commessa in un errore causato dall’inganno, l’azione legale è nulla, anche se l’errore riguarda solo una circostanza secondaria.

§ 585
Se l’errore dell’attore è stato causato da un terzo, l’azione legale è valida. Tuttavia, se la persona giuridicamente coinvolta ha partecipato all’atto di un terzo, o ne era a conoscenza o almeno doveva esserne a conoscenza, tale persona è considerata anche l’autore dell’errore.

Conseguenze dell’invalidità
§ 586
(1) Se l’invalidità di un atto giuridico è determinata per la tutela dell’interesse di una determinata persona, solo quella persona può sollevare un’eccezione di invalidità.

(2) Se la persona avente diritto non si oppone all’invalidità dell’azione legale, l’azione legale è considerata valida.

§ 587
(1) Chiunque sia stato costretto ad agire in giudizio da una minaccia di violenza fisica o psichica che, per l’importanza e la probabilità di un pericolo imminente nonché per le caratteristiche personali della persona minacciata, abbia un legittimo interesse, ha il diritto di opporsi alla nullità dell’azione legale.

(2) Chiunque abbia condotto un’altra azione legale con minaccia o inganno dovrà sempre risarcire il danno che ne deriva.

§ 588
Il giudice tiene altresì conto, d’ufficio, dell’invalidità di una condotta giuridica manifestamente contraria al buon costume o contraria alla legge e manifestamente turbativa dell’ordine pubblico. Ciò vale anche se l’azione legale rende impossibile l’adempimento fin dall’inizio.

Sezione 7 Inefficienza relativa
§ 589
(1) Se l’azione legale del debitore riduce la soddisfazione del credito esecutivo del creditore, il creditore ha il diritto di chiedere che il tribunale stabilisca che l’azione legale del debitore non è legalmente effettiva contro il creditore. Il creditore ha tale diritto anche se il diritto del terzo è già esigibile o se è già stato soddisfatto.

(2) L’ inefficacia dell’azione legale del debitore deve essere stabilita da una decisione del tribunale sull’azione del creditore, che è stata contraddetta dall’azione legale del debitore (azione riconvenzionale).

§ 590
(1) Il creditore può invocare l’inefficacia dell’azione legale,
(a) che il debitore ha compiuto negli ultimi cinque anni con l’intenzione di abbreviare i suoi creditori, se tale intenzione era nota all’altra parte,

(b) con cui il debitore ha ridotto i suoi creditori negli ultimi due anni, se l’altra parte deve essere stata a conoscenza dell’intenzione del debitore di ridurre il creditore, o

(c) di cui il creditore è stato ridotto e che si è verificato negli ultimi due anni tra il debitore e una persona a lui vicina o dal debitore a favore di tale persona, a meno che l’altra parte non fosse a conoscenza dell’intenzione del debitore di abbreviare il creditore nel momento in cui si è svolto il procedimento giudiziario, non era necessario.

(2) Il creditore può invocare l’inefficacia del contratto di acquisto o di scambio concluso nell’ultimo anno, se l’altra parte ha dovuto conoscere nelle azioni del debitore lo spreco di proprietà di cui è accorciato il creditore del debitore.

§ 591
Il creditore può invocare l’inefficacia dell’azione a titolo gratuito del debitore se si è verificata negli ultimi due anni. Questo non si applica in caso di
a) adempimento di un obbligo imposto dalla legge,

b) regali occasionali abituali,

(c) donazioni effettuate in un importo ragionevole per scopi di pubblica utilità; o

(d) adempimento di un obbligo morale o considerazione della decenza.

§ 592
Oltre agli atti giuridici di cui al § 590 o 591, deve essere valutata l’omissione con cui il debitore ha perso il suo diritto di proprietà o con cui ha creato, mantenuto o garantito il suo diritto alla proprietà di un’altra persona. Ciò vale anche se il debitore ha rifiutato l’eredità, a meno che non sia stato sovraindebitato.

§ 593
Se, prima che la sua pretesa diventi esecutiva, un creditore si riserva il diritto di invocare l’inefficacia di un’azione legale notificando l’inefficacia dell’azione al notaio, all’esecutore o al tribunale della persona contro la quale può invocare l’inefficacia dell’azione, allora il creditore ha un termine invocare l’inefficacia dell’azione giudiziaria, il procedimento non si avvia fino a quando il credito non diventa esecutivo.

§ 594
(1) L’ inefficacia dei procedimenti giudiziari può essere invocata contro la persona che ha agito legalmente con il debitore, o che ha beneficiato direttamente del procedimento giudiziario, contro il suo erede o contro la persona che ha acquisito la proprietà al momento della trasformazione della persona giuridica in sua successore legale.

(2) L’ inefficacia può essere invocata contro un altro successore legale solo se
a) právnímu nástupci musely být známy okolnosti, pro něž by se věřitel mohl dovolat neúčinnosti právního jednání,

b) právní nástupce nabyl právo bezúplatně, anebo

c) je právním nástupcem osoba blízká, ledaže jí v době, kdy právo po předchůdci nabyla, nemusely být známy okolnosti, pro něž by se věřitel mohl dovolat neúčinnosti právního jednání.

§ 595
(1) Neúčinnost právního jednání zakládá věřitelovo právo domáhat se uspokojení pohledávky i z toho, co neúčinným jednáním z dlužníkova majetku ušlo. Není-li to dobře možné, náleží věřiteli odpovídající náhrada.

(2) Chi è obbligato ad eseguire è considerato un detentore disonesto; tuttavia, il suo erede o altro successore generale solo se doveva essere a conoscenza delle circostanze per le quali il creditore poteva invocare l’inefficacia dell’azione legale.

(3) Un onesto destinatario di una prestazione gratuita deve soddisfare il creditore da questa prestazione nella misura in cui ne è stato arricchito. Ciò non si applica nel caso in cui il creditore possa invocare l’inefficacia dell’azione legale, anche se avvenuta a titolo oneroso.

§ 596
Se un terzo ha acquisito una questione dalla quale il creditore avrebbe altrimenti potuto ottenere soddisfazione, il diritto contro il quale non poteva essere preventivamente invocato quel creditore dell’inefficacia avrà un diritto tale che il creditore dell’inefficacia dell’azione giudiziaria potrebbe preventivamente invocare e per il cui possesso il diritto del terzo l’obbligo di indennizzare il creditore.

§ 597
(1) Chiunque abbia un’obbligazione nei confronti del creditore ai sensi della Sezione 595 o 596 può essere liberato da esso soddisfacendo il credito del creditore nei confronti del debitore. Può farlo anche prima che il creditore invochi l’inefficacia.

(2) Chi ha un’obbligazione nei confronti del creditore ai sensi dell’articolo 595 o 596 può esigere dal debitore la restituzione della prestazione reciproca o l’adempimento di un credito rinato a causa dell’inefficacia del creditore.

§ 598
Se più creditori invocano l’inefficacia della stessa azione legale, il debitore non può essere tenuto a riscuotere più di quanto previsto dagli articoli 595 e 596.

§ 599
(1) Se un creditore invoca l’inefficacia di un’azione legale riguardante una questione iscritta in un elenco pubblico, può, unitamente alla presentazione di una domanda riconvenzionale e alla prova del suo deposito, chiedere all’organismo autorizzato a mantenere tale elenco di annotare in it l’impugnazione dell’inefficacia dell’azione legale.

(2) Se il tribunale accoglie l’azione, la sentenza ha effetto anche contro le persone che, dopo aver fatto un’osservazione, hanno acquisito la cosa o il diritto sulla cosa iscritta in tale elenco.

Parte 2 Eventi legali
§ 600 Disposizioni generali
La legge stabilisce quali diritti e quali obblighi derivano, cambiano o decadono da fatti giuridici indipendenti dalla volontà della persona. Tale conseguenza può essere determinata anche dall’accordo delle parti.

Il significato del tempo
§ 601
(1) Se un diritto è acquisito o un’obbligazione sorge in un determinato giorno, sarà acquisito o sorgerà all’inizio di quel giorno; se il diritto o l’obbligo scade in un determinato giorno, scade alla fine di quel giorno. Ciò non si applica se la natura del caso giuridico lo preclude.

(2) Se la cessazione di un certo diritto condiziona la creazione di un altro diritto in mutua connessione, entrambi si verificano nello stesso momento. Se non diversamente concordato o specificato, tale effetto legale si verificherà alla fine della giornata.

§ 602
Se un diritto deve essere esercitato o un obbligo da adempiere in un determinato giorno o entro un determinato giorno, esso è tenuto a farlo alla solita ora del giorno, a meno che altro non derivi dagli usi, dalla prassi delle parti o, se del caso , le particolari circostanze del caso.

§ 603
I diritti e gli obblighi scadono alla fine del periodo per il quale erano limitati.

§ 604
Un cambiamento nella persona del creditore o del debitore non pregiudica il decorso del periodo o del periodo.

Contare il tempo
§ 605
(1) Un periodo o un periodo determinato da giorni inizia il giorno successivo al fatto decisivo per il suo inizio.

(2) La fine di un periodo o periodo determinato in settimane, mesi o anni cade in un giorno che, per nome o numero, coincide con il giorno in cui cade il fatto da cui viene calcolato il periodo o il periodo. Se tale giorno non è nell’ultimo mese, la fine del periodo o del periodo cade l’ultimo giorno del mese.

§ 606
(1) La metà del mese significa quindici giorni e la metà del mese è il quindicesimo giorno.

(2) Se un periodo o un periodo è fissato a uno o più mesi e una parte di mese, la parte del mese deve essere contata per l’ultima volta.

§ 607
Se l’ultimo giorno del periodo cade di sabato, domenica o giorno festivo, l’ultimo giorno del periodo sarà il giorno lavorativo successivo.

§ 608
Un periodo o un tempo specificato in unità di tempo inferiore a giorni deve essere calcolato dal momento in cui inizia al momento in cui finisce.

Parte 3 Limitazione e prescrizione
Sezione 1 Limitazione
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 609
Se il diritto non è stato esercitato entro il termine di prescrizione, esso si prescrive e il debitore non è obbligato ad adempiere. Tuttavia, se il debitore ha adempiuto dopo la scadenza del termine di prescrizione, non può pretendere la restituzione di quanto ha adempiuto.

§ 610
(1) Il tribunale tiene conto del termine di prescrizione solo se il debitore obietta che il diritto è prescritto. Se qualcuno rinuncia anticipatamente al diritto di opporsi al termine di prescrizione, questo non sarà preso in considerazione.

(2) Se le parti sono obbligate a restituire ciò che hanno acquisito in virtù di un contratto invalido o di un’obbligazione annullata, il tribunale prenderà in considerazione l’eccezione di prescrizione solo se anche l’altra parte potrebbe opporsi alla limitazione. Ciò vale anche se è stato eseguito sulla base di un’azione legale apparente.

§ 611
Tutti i diritti di proprietà sono prescritti, salvo nei casi previsti dalla legge. Gli altri diritti decadono se la legge lo prevede.

§ 612
Nel caso del diritto alla vita e alla dignità, al nome, alla salute, alla serietà, all’onore, alla riservatezza o ad un analogo diritto personale, sono preclusi solo i diritti al risarcimento del danno cagionato a tali diritti.

§ 613
Il diritto al mantenimento non è prescritto, ma i diritti a prestazioni individuali ricorrenti sono soggetti a limitazione.

§ 614
Il diritto di proprietà e il diritto di pretendere la divisione di una causa comune, il diritto di stabilire il percorso necessario e il diritto di riscattare un onere reale non decadono.

§ 615
(1) Se l’adempimento del debito è garantito da un privilegio, il privilegio non scade prima del credito. Il termine di prescrizione non impedisce al creditore pignoratizio di soddisfare il pegno.

(2) Il privilegio non si estingue finché il creditore pignoratizio ha un pegno mobile con lui, o finché gli è fornito da un terzo.

(3) Se il creditore ha un diritto di ritenzione, i paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis.

§ 616
Quando una garanzia è costituita dal trasferimento di un diritto, il termine di prescrizione non costituisce motivo di trasferimento retroattivo del diritto alla persona che ha fornito la garanzia.

§ 617
(1) Anche dopo la scadenza del termine di prescrizione, una parte può invocare il suo diritto di difesa contro un diritto fatto valere dall’altra parte, se entrambi i diritti riguardano lo stesso contratto o più contratti conclusi per uno scopo che dipende l’uno dall’altro.

(2) Anche dopo la scadenza del termine di prescrizione, una parte può invocare il suo diritto alla compensazione se la compensazione avrebbe potuto essere effettuata in qualsiasi momento prima della scadenza del termine di prescrizione.

§ 618
In caso di decadenza di un diritto iscritto nell’elenco pubblico o nel registro dei pegni, il soggetto che tiene l’elenco pubblico o il registro dei pegni provvede a cancellare dallo stesso il diritto scaduto, su proposta di chi ha interesse alla cancellazione.

Inizio del termine di prescrizione
§ 619
(1) Nel caso di un diritto esercitabile dinanzi a un’autorità pubblica, il termine di prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui il diritto può essere esercitato per la prima volta.

(2) Il diritto può essere esercitato per la prima volta se l’avente diritto è venuto a conoscenza delle circostanze decisive per l’inizio del termine di prescrizione, o quando avrebbe dovuto e potuto venirne a conoscenza.

§ 620
(1) Le circostanze decisive per l’inizio del termine di prescrizione per il diritto al risarcimento del danno includono la conoscenza del danno e la persona obbligata a risarcirlo. Lo stesso vale per il risarcimento.

(2) Le circostanze decisive per l’inizio del termine di prescrizione per il diritto al risarcimento del danno causato da un difetto del prodotto ai sensi della Sezione 2939 includono la conoscenza del danno, del difetto e dell’identità del produttore.

§ 621
Tra le circostanze determinanti per l’inizio del termine di prescrizione del diritto di rilasciare l’arricchimento senza causa vi è la conoscenza dell’avvenuto arricchimento senza causa e del soggetto obbligato ad emetterlo.

§ 622
In caso di danno alla salute di un minore che non esercita la piena attività lavorativa, il termine di prescrizione inizia a decorrere prima che il minore diventi pienamente autonomo. Se non diventa completamente indipendente, il termine di prescrizione non inizia a decorrere fino a quando non gli viene nominato un tutore dopo aver raggiunto la maggiore età.

§ 623
In caso di adempimento parziale di un debito, il termine di prescrizione per ogni adempimento parziale inizia a decorrere dalla data della sua scadenza. Se l’intero debito giunge all’inadempimento di un adempimento parziale, il termine di prescrizione per l’intero debito inizia a decorrere dalla data di scadenza dell’inadempimento parziale.

§ 624
In caso di facoltà di emettere fondi depositati in un conto o rappresentativi di un deposito, il termine di prescrizione decorre dalla data di scadenza dell’obbligazione contrattuale.

§ 625
In caso di diritto derivante dalla distruzione totale o dalla perdita della merce trasportata, il termine di prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui la spedizione doveva essere consegnata al destinatario. Tuttavia, se l’oggetto trasportato è stato solo danneggiato o se è stato consegnato in ritardo, il termine di prescrizione inizierà a decorrere dalla data di consegna della spedizione.

§ 626
U práva na pojistné plnění počne promlčecí lhůta běžet za jeden rok od pojistné události. To platí i v případě, kdy poškozenému vzniklo přímé právo na pojistné plnění vůči pojistiteli, nebo v případě, kdy pojištěný uplatňuje vůči pojistiteli úhradu toho, co poškozenému poskytl při plnění povinnosti nahradit škodu nebo jinou újmu.

§ 627
Má-li být podle zvyklosti nebo podle praxe, kterou strany mezi sebou zavedly, pohledávka vyrovnána na základě vyúčtování předkládaného koncem určitého období, počne promlčecí lhůta běžet ode dne následujícího po konci období, kdy vyúčtování mělo být předloženo.

§ 628
U práva, které musí být uplatněno nejprve u příslušné osoby, počne promlčecí lhůta běžet ode dne, kdy u ní bylo právo takto uplatněno.

Pododdíl 2Délka promlčecí lhůty
Obecná ustanovení
§ 629
(1) Il termine di prescrizione dura tre anni.

(2) Il diritto di proprietà scade entro e non oltre dieci anni dalla data in cui è maturato, a meno che la legge non preveda specificamente un diverso termine di prescrizione.

§ 630
(1) Le parti possono concordare un termine di prescrizione più breve o più lungo calcolato dal giorno in cui il diritto può essere esercitato per la prima volta rispetto a quanto previsto dalla legge, ma almeno per un anno e per un massimo di quindici anni.

(2) Se viene concordato un periodo più o meno lungo a scapito della parte più debole, l’accordo non sarà preso in considerazione. Né si tiene conto della previsione di un termine di prescrizione più breve nel caso di un diritto all’adempimento derivante da un danno alla libertà, alla vita o alla salute o di un diritto derivante da un dolo.

Disposizioni speciali
§ 631
Se il diritto è stato iscritto in un elenco pubblico, esso decade in dieci anni dalla data in cui è stato prima esecutivo.

§ 632
Se è stato iscritto nell’elenco pubblico un diritto che può essere esercitato in modo continuativo o ripetuto, esso decade se non è esercitato per un periodo di dieci anni. Tuttavia, se un diritto raramente fatto valere è stato iscritto in un pubblico elenco, l’avente diritto deve avere la possibilità di farlo valere almeno tre volte nel corso di dieci anni e mai di farlo valere; se non vi è possibilità di esercitare il diritto tre volte in dieci anni, il termine di prescrizione è prorogato fino a che nessuna delle tre possibilità sia utilizzata.

§ 633
(1) Se una persona vincolata dalla servitù impedisce l’esercizio del diritto, la servitù decade se l’avente diritto non esercita il suo diritto entro tre anni.

(2) Il diritto alla prestazione individuale da un onere reale è escluso come credito.

§ 634
Il diritto di richiedere al giudice di determinare il futuro contenuto del futuro contratto sulla base del contratto scade un anno dall’ultimo giorno del periodo in cui il futuro contratto doveva essere concluso. Ciò vale anche se è stato concordato che una determinata parte del contratto sarà determinata da una terza parte o da un tribunale.

§ 635
(1) Nel caso dell’assicurazione sulla vita, il diritto all’indennità si estingue in dieci anni.

(2) Il diritto all’indennizzo dall’assicurazione di responsabilità civile si estingue al più tardi entro il termine di prescrizione per il diritto al risarcimento del danno a cui si applica l’assicurazione.

§ 636
(1) Il diritto al risarcimento del danno o altro danno scade entro e non oltre dieci anni dalla data in cui il danno o il danno è sorto.

(2) Se il danno o la lesione è stato causato intenzionalmente, il diritto al risarcimento scade entro quindici anni dalla data in cui si è verificato il danno o la lesione. Ciò vale anche in caso di danno o pregiudizio cagionato da inadempimento a seguito di concussione consistente nell’offrire, promettere o dare una tangente ad un soggetto non leso ovvero nel richiedere direttamente o indirettamente una tangente al danneggiato.

(3) I paragrafi 1 e 2 non si applicano a un diritto derivante da un danno alla libertà, alla vita o alla salute.

§ 637
Il diritto al risarcimento del danno cagionato da un difetto del prodotto ai sensi dell’art. 2939 si estingue entro e non oltre dieci anni dalla data in cui il produttore ha immesso sul mercato il prodotto difettoso.

§ 638
(1) Il diritto di emettere l’arricchimento senza causa decade entro e non oltre dieci anni dalla data in cui è avvenuto l’arricchimento senza causa.

(2) Se l’arricchimento senza causa è stato acquisito intenzionalmente, il diritto di emetterlo decade non oltre quindici anni dalla data in cui è avvenuto l’arricchimento senza causa.

§ 639
Se il debitore ha riconosciuto il suo debito, il diritto si estingue dieci anni dopo la data in cui il debito è stato riconosciuto. Tuttavia, se il debitore specifica nel riconoscimento anche il termine entro il quale dovrà adempiere, il diritto si prescrive in dieci anni dall’ultimo giorno del termine indicato.

§ 640
Il diritto conferito da una decisione di un’autorità pubblica scade dieci anni dalla data in cui doveva essere esercitato ai sensi della decisione.

§ 641
Se nel riconoscimento di un debito o in una decisione di un’autorità pubblica la prestazione è stata suddivisa in singole prestazioni parziali, il termine di prescrizione di dieci anni si applica anche a queste prestazioni parziali e inizia a decorrere dalla data di scadenza di ciascuna prestazione parziale . Se l’inadempimento di una prestazione parziale raggiunge l’intero debito, il termine di prescrizione inizia a decorrere dalla data di scadenza della prestazione parziale inadempiuta.

§ 642
Se il debito è stato riconosciuto o se il diritto è stato concesso con decisione di un’autorità pubblica, il termine di prescrizione di dieci anni non si applica agli interessi e ai pagamenti ricorrenti maturati dopo che il debito è stato riconosciuto o concesso.

§ 643
(1) Se l’obbligo è passato agli eredi, il termine di prescrizione termina non prima di sei mesi dalla data in cui l’acquisizione dell’eredità è stata confermata agli eredi.

(2) Se una persona giuridica è stata rinnovata, il termine di prescrizione per i suoi creditori termina non prima di sei mesi dalla data in cui è stata rinnovata l’iscrizione della persona giuridica nel registro pubblico.

§ 644
Se il creditore adempie il debito nei confronti del creditore per conto del debitore, il suo diritto nei confronti del debitore non si estingue prima di sei mesi dall’adempimento del debito.

Sottosezione 3 Durata del termine di prescrizione
§ 645
Se una persona è tenuta ad avere un rappresentante legale o tutore, il termine di prescrizione decorre dal diritto di tale persona o contro il diritto nei suoi confronti solo dalla data in cui ottiene il rappresentante legale o tutore. Il periodo già iniziato continua, ma non termina fino a un anno dopo che l’ostacolo ha cessato di esistere.

§ 646
Il termine di prescrizione tra i coniugi non inizia a decorrere o non decorre finché dura il matrimonio. Ciò vale anche per i diritti tra persone che vivono nello stesso nucleo familiare, tra il rappresentato e il rappresentante legale, il tutore e il tutore, o tra il tutore e il tutore.

§ 647
In caso di accordo sull’azione stragiudiziale del creditore e del debitore sul diritto o sulla circostanza che fa sorgere il diritto, il termine di prescrizione decorre dal rifiuto espresso del creditore o del debitore di proseguire tale azione; se il termine di prescrizione è iniziato a decorrere prima, non decorre per la durata dell’udienza.

§ 648
Se il creditore esercita il suo diritto dinanzi a un’autorità pubblica entro il termine di prescrizione e continua regolarmente il procedimento, il termine di prescrizione non decorre. Ciò vale anche per una legge già esecutiva se per loro è stata proposta l’esecuzione della decisione o dell’ordine di esecuzione.

§ 649
Se il creditore esercita un diritto reciproco davanti a una pubblica autorità e se entrambi i diritti si riferiscono allo stesso contratto o a più contratti conclusi all’uopo, il termine di prescrizione cessa di decorrere dal giorno in cui è proposto ricorso contro il diritto avverso il reciproco la legge è diretta. Negli altri casi, il termine di prescrizione cessa di decorrere dal giorno in cui è stato esercitato il diritto reciproco.

§ 650
Il termine di prescrizione non decorre per il periodo durante il quale la minaccia impedisce al creditore di esercitare il proprio diritto. Ciò vale anche se il creditore non ha esercitato il diritto, è ingannato con inganno dal debitore o da una persona del debitore a lui vicina.

§ 651
Il termine di prescrizione non decorre finché perdura una causa di forza maggiore che ha impedito al creditore di esercitare il diritto di prescrizione negli ultimi sei mesi.

§ 652
Se il termine di prescrizione continua a decorrere dopo la rimozione di uno degli ostacoli di cui agli articoli da 646 a 651, il termine di prescrizione non termina prima di sei mesi dalla data in cui ha ripreso a decorrere.

Sottosezione 4 Rinnovo del diritto e decorrenza di un nuovo termine di prescrizione
§ 653
(1) Se il diritto è già scaduto e il debitore ha riconosciuto il suo debito, il credito è rinnovato e un nuovo termine di prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui è stato riconosciuto il debito. Tuttavia, se il debitore specifica nel riconoscimento anche il termine entro il quale dovrà adempiere, il diritto si prescrive in dieci anni dall’ultimo giorno del termine indicato.

(2) Se il diritto, sebbene già prescritto, è stato concesso con decisione di un’autorità pubblica, si applica mutatis mutandis il paragrafo 1.

Sezione 2 Slittamento
§ 654
(1) Se il diritto non è stato esercitato entro il termine prescritto, decade solo nei casi espressamente previsti dalla legge. Il giudice terrà conto dell’estinzione del diritto, anche se il debitore non si oppone.

(2) Le disposizioni della presente legge sulla decorrenza del termine di prescrizione si applicano mutatis mutandis al periodo di prescrizione.

SECONDA PARTE
DIRITTO DI FAMIGLIA
TITOLO I MATRIMONIO
Parte 1 Disposizioni generali
§ 655
Il matrimonio è un’unione permanente di un uomo e una donna stabilita secondo le modalità prescritte da questa legge. Lo scopo principale del matrimonio è la costituzione di una famiglia, la corretta educazione dei figli e il sostegno e l’assistenza reciproci.

Parte 2 L’origine del matrimonio
§ 656
(1) Il matrimonio è stabilito dal consenso libero e completo della volontà di un uomo e una donna che intendono contrarre matrimonio (di seguito denominati “coniugi”) per contrarre matrimonio insieme.

(2) La cerimonia del matrimonio è pubblica e solenne; si fa alla presenza di due testimoni.

§ 657
(1) Se i coniugi mostrano la volontà di contrarre matrimonio insieme, personalmente davanti all’autorità pubblica che esegue la cerimonia matrimoniale alla presenza dell’ufficiale di stato civile, è un matrimonio civile.

(2) Se i coniugi manifestano la volontà di contrarre matrimonio insieme, di persona davanti a un organismo di una chiesa o di una società religiosa autorizzati a farlo da un altro regolamento legale (di seguito denominata “chiesa legittima”), è un matrimonio in chiesa.

§ 658
(1) In caso di matrimonio civile, un’altra norma giuridica stabilisce chi è l’autorità pubblica che esegue la cerimonia nuziale.

(2) Se si tratta di un matrimonio in chiesa, il corpo della chiesa autorizzata è la persona autorizzata dalla chiesa avente diritto.

§ 659
Il matrimonio si conclude chiedendo ai coniugi, in qualità di devoti, se vogliono contrarre matrimonio insieme, in qualità di persona che agisce per conto di un’autorità pubblica, o di persona che agisce per conto di una chiesa autorizzata; una risposta positiva di entrambi i fidanzati si tradurrà in un matrimonio. Un matrimonio nascerà anche in altri modi se è chiaro che la coppia sta dichiarando la propria volontà coniugale.

§ 660
La coppia dichiara durante la cerimonia di matrimonio che
a) il cognome di uno di essi sarà il loro cognome comune,

(b) conservano entrambi i loro cognomi, o

c) il cognome di uno di essi sarà il cognome comune, e colui il cui cognome non sarà un cognome comune aggiungerà in secondo luogo il cognome attuale al cognome comune.

§ 661
(1) Se i coniugi mantengono i loro cognomi attuali, devono anche dichiarare durante la cerimonia nuziale quali dei loro cognomi saranno i cognomi dei loro figli comuni.

(2) Se i coniugi hanno mantenuto i loro cognomi esistenti, possono successivamente fare una dichiarazione da parte di un’autorità pubblica che hanno concordato un cognome comune di uno di loro.

§ 662
(1) Se, in caso di elezione ai sensi del § 660 lettera c) un fidanzato il cui cognome non deve essere un cognome comune, cognome allegato, può scegliere solo il primo cognome come cognome allegato.

(2) Elezione secondo § 660 lettera c) non è possibile se il fidanzato il cui cognome sarà un cognome comune ha già un cognome allegato.

§ 663
(1) In caso di matrimonio civile, la cerimonia matrimoniale si svolge in un luogo designato a tal fine dall’autorità pubblica che esegue la cerimonia matrimoniale; tiene conto della volontà degli sposi.

(2) In caso di matrimonio in chiesa, la cerimonia matrimoniale avrà luogo in un luogo determinato dal regolamento interno della chiesa autorizzata.

§ 664
(1) I coniugi richiedono l’esecuzione della cerimonia nuziale da parte dell’autorità pubblica nel cui distretto amministrativo deve essere concluso il matrimonio e presentano i documenti che attestano la loro identità e idoneità a contrarre il matrimonio; un altro atto legislativo specifica quali documenti devono essere presentati.

(2) Un’autorità pubblica può rinunciare alla presentazione di documenti specifici se le sue misure sono associate a un ostacolo difficile da superare.

§ 665
Alla cerimonia del matrimonio, i coniugi dovranno dichiarare, prima che il matrimonio si esprima, di non essere a conoscenza di eventuali ostacoli che impediscano loro di sposarsi, di conoscere lo stato di salute dell’altro e di aver considerato l’organizzazione della futura proprietà, alloggio e sicurezza materiale dopo il matrimonio.

§ 666
(1) Se deve essere concluso un matrimonio in chiesa, i coniugi devono prima presentare al coniuge un certificato rilasciato dall’ufficio del registro nel cui distretto amministrativo deve essere concluso il matrimonio. Il certificato deve contenere un certificato attestante che i coniugi hanno ottemperato a tutti i requisiti previsti dalla legge per la conclusione del matrimonio. Non possono trascorrere più di sei mesi tra il rilascio di questo certificato e la cerimonia di matrimonio.

(2) Se è stato contratto un matrimonio ecclesiastico, il matrimonio è obbligato a consegnare entro tre giorni lavorativi dalla conclusione del matrimonio all’ufficio del registro nel cui distretto amministrativo è stato concluso il matrimonio, un protocollo sulla conclusione del matrimonio attestante la fatti ai sensi di altra norma giuridica.

§ 667
(1) Se la vita del fidanzato è in pericolo diretto, la cerimonia del matrimonio può essere celebrata da qualsiasi organismo ai sensi della Sezione 658, o da un’altra autorità designata da un altro regolamento legale, in qualsiasi luogo; lo stesso vale per un matrimonio in chiesa. Al di fuori della Repubblica Ceca, la cerimonia di matrimonio può essere celebrata anche dal comandante di una nave da guerra battente bandiera nazionale della Repubblica Ceca o dal comandante di un aeromobile immatricolato nella Repubblica Ceca e se almeno uno dei fidanzati è cittadino ceco anche il comandante di un’unità militare ceca all’estero.

(2) Nei casi di cui al comma 1, non è necessario presentare i documenti altrimenti richiesti; non è richiesta la presenza di un registrar.

§ 668
Un cittadino della Repubblica Ceca può, al di fuori del territorio della Repubblica, contrarre matrimonio anche davanti a una missione diplomatica o consolare della Repubblica Ceca.

§ 669
(1) Se sussistono ragioni importanti per questo, l’autorità regionale nel cui distretto amministrativo deve essere concluso il matrimonio può, su richiesta dei coniugi, consentire l’espressione della volontà di uno dei coniugi di contrarre matrimonio sul suo per conto.

(2) La procura deve contenere i dati attestanti l’identità e altri fatti determinanti riguardanti sia i fidanzati che il delegato e una dichiarazione di cognome. Deve inoltre dichiarare che i coniugi non sono a conoscenza di eventuali ostacoli che impediscono loro di sposarsi, che conoscono lo stato di salute dell’altro e che hanno considerato l’organizzazione della futura proprietà, il loro alloggio e la sicurezza materiale dopo il matrimonio. La procura richiede una forma scritta e la firma su di essa deve essere ufficialmente verificata.

(3) La revoca di una procura è efficace solo se l’altro fidanzato ne viene a conoscenza prima di esprimere la propria volontà coniugale.

§ 670
(1) Se è stato concluso un matrimonio civile, le successive cerimonie religiose non hanno conseguenze legali.

(2) Se è stato concluso un matrimonio ecclesiale, non è possibile concludere un matrimonio civile successivamente.

§ 671 Idoneità al matrimonio
Chiunque può contrarre matrimonio a meno che non gli sia impedito da un impedimento legale ai sensi degli articoli da 672 a 676.

Ostacoli legali al matrimonio
§ 672
(1) Un minore che non è completamente indipendente non può contrarre matrimonio.

(2) Il tribunale può, in casi eccezionali, consentire la conclusione di un matrimonio a un minore che non è completamente indipendente e ha raggiunto l’età di sedici anni, se vi sono ragioni importanti per questo.

§ 673
Un matrimonio non può essere celebrato da una persona la cui capacità giuridica è stata limitata in questo settore.

§ 674
Il matrimonio non può essere contratto da una persona che ha precedentemente contratto un matrimonio, né da una persona che ha precedentemente contratto un’unione registrata o altra unione simile conclusa all’estero, e tale matrimonio, unione registrata o altra unione simile stipulata all’estero dura .

§ 675
Non si può contrarre matrimonio tra antenati e discendenti, né tra fratelli; lo stesso vale per le persone la cui parentela si è formata per adozione.

§ 676
Il matrimonio non può essere concluso tra il tutore e il tutore, tra il figlio e la persona alla quale il figlio è stato affidato, né tra l’affidatario e il figlio affidato.

Parte 3 Matrimonio apparente e annullamento del matrimonio
Sezione 1 Matrimonio apparente
§ 677
(1) Il matrimonio non sorge se almeno una delle persone che intendevano contrarre il matrimonio non soddisfaceva i requisiti della volontà di contrarre il matrimonio o la cerimonia matrimoniale o in relazione ad essa, il cui adempimento è necessario per la nascita del matrimonio, deve essere mantenuto incondizionatamente.

(2) Nel caso di matrimonio ecclesiale, fa parte di questi requisiti anche il fatto di concludere un matrimonio davanti a un organo di una chiesa autorizzata. Se la cerimonia matrimoniale non viene eseguita in caso di minaccia diretta alla vita del fidanzato, questi fatti includono il certificato dell’anagrafe che la fidanzata ha rispettato tutti i requisiti legali per il matrimonio e che sono trascorsi al massimo sei mesi tra il certificato e il matrimonio.

§ 678
Il tribunale può stabilire che il matrimonio non è, anche senza una petizione.

§ 679
(1) Immediatamente dopo che il tribunale ha stabilito che non c’è matrimonio, il tribunale decide sulla paternità del figlio comune, nonché sugli obblighi e sui diritti dei genitori nei suoi confronti.

(2) Gli obblighi patrimoniali ei diritti degli uomini e delle donne devono essere valutati individualmente secondo la loro natura. Salvo diversa indicazione, si applicano le disposizioni sull’arricchimento senza causa. In tali questioni si deve tener conto dell’uomo o della donna che agisce in buona fede, nonché dei diritti e degli interessi legali dei minori e dei terzi comuni.

Sezione 2 Invalidità del matrimonio
§ 680
Se un matrimonio ha avuto luogo, nonostante sia stato impedito da un impedimento legale, il tribunale dichiara il matrimonio nullo su richiesta di chiunque abbia un interesse legale ad esso, a meno che il matrimonio non sia stato impedito da un impedimento alla capacità giuridica limitata.

§ 681
Il matrimonio è considerato valido fino a quando non viene dichiarato nullo. Se il matrimonio è stato dichiarato nullo, è considerato irrisolto.

§ 682
Un matrimonio non può essere dichiarato nullo se è terminato o è già stato sanato.

§ 683
Un matrimonio non può essere dichiarato nullo se è stato contratto da un minore non pienamente indipendente o da una persona la cui legalità è stata limitata in questo ambito e un bambino nato vivo è stato concepito.

§ 684
(1) Il tribunale annulla il matrimonio su richiesta del coniuge la cui espressione dell’intenzione di contrarre matrimonio è stata fatta sotto costrizione o minaccia di violenza o la cui espressione dell’intenzione di contrarre matrimonio è stata fatta solo a causa di un errore circa il identità del coniuge o procedimento matrimoniale naturale. La domanda può essere presentata entro e non oltre un anno dalla data in cui il coniuge ha potuto farlo in primo luogo, ovvero quando è venuto a conoscenza della reale situazione.

(2) Nel caso previsto dal paragrafo 1, il tribunale dichiara nullo il matrimonio, anche se si è concluso con la morte del marito prima del procedimento di annullamento del matrimonio avviato su richiesta dell’altro coniuge, o se i discendenti del coniuge che ha presentato l’annullamento del matrimonio un anno dopo la sua morte, affinché il tribunale dichiari nullo il matrimonio.

§ 685
Il tribunale dichiarerà nullo il matrimonio anche senza istanza, anche se è già finito, se è stato concluso
a) una persona che ha precedentemente contratto un matrimonio o che ha precedentemente contratto un’unione registrata o altra unione simile conclusa all’estero, se tale matrimonio, unione domestica o altra unione simile dura,

(b) tra antenato e discendente, tra fratelli o tra persone la cui parentela è nata per adozione.

§ 686
(1) Le disposizioni sugli obblighi e sui diritti dei coniugi divorziati nei confronti di un figlio comune e sui loro obblighi patrimoniali si applicano agli obblighi e ai diritti di un uomo e una donna il cui matrimonio è stato dichiarato nullo con un figlio comune e ai loro obblighi patrimoniali e diritti nel periodo successivo alla dichiarazione di nullità del matrimonio; diritti nel periodo successivo al divorzio.

(2) Se il matrimonio è stato dichiarato nullo ai sensi della Sezione 684, è necessario prendere in considerazione la persona che ha agito in buona fede al momento di decidere sugli obblighi e sui diritti di proprietà.

Parte 4 Doveri e diritti dei coniugi
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 687
(1) I coniugi hanno uguali obblighi e uguali diritti.

(2) I coniugi sono obbligati a rispettarsi l’un l’altro, a vivere insieme, ad essere fedeli, a rispettare la dignità dell’altro, a sostenersi a vicenda, a mantenere una comunità familiare, a creare un ambiente familiare sano e a prendersi cura dei figli insieme.

§ 688
Il coniuge ha il diritto che l’altro coniuge gli fornisca informazioni sul suo reddito e sullo stato dei suoi beni, nonché sul suo lavoro attuale e programmato, studio e attività simili.

§ 689
Nella scelta del lavoro, dello studio e di attività analoghe, il coniuge è tenuto a tenere conto degli interessi della famiglia, dell’altro coniuge e di un minore che non ha acquisito piena indipendenza e che convive con i coniugi nel nucleo familiare, ed eventualmente di altri membri della famiglia.

§ 690 Soddisfare i bisogni della famiglia
Ciascun coniuge contribuisce ai bisogni della vita familiare e ai bisogni del nucleo familiare secondo le proprie condizioni personali e patrimoniali, capacità e possibilità in modo che il tenore di vita di tutti i membri della famiglia sia fondamentalmente comparabile. L’erogazione di prestazioni patrimoniali ha lo stesso significato dell’assistenza personale alla famiglia e ai suoi membri.

§ 691
(1) Se i coniugi non hanno un nucleo familiare, ciascuno di loro sostiene i costi del proprio nucleo familiare; non li solleva dall’obbligo di aiutarsi e sostenersi a vicenda.

(2) Se il coniuge ha un figlio comune con uno dei coniugi, nei confronti del quale entrambi hanno un obbligo alimentare, o un minore che non ha acquisito piena autonomia e che è affidato alle cure dei coniugi o di uno di essi, e il l’altro coniuge lascia il nucleo familiare senza che abbia motivo di prestare particolare attenzione a ciò e rifiuta di rientrare, anche questo coniuge è obbligato a contribuire alle spese del nucleo familiare. Il motivo dell’uscita dal nucleo familiare, o il motivo del rifiuto di rientrare, sarà valutato dal giudice secondo i principi del decoro e del buon costume.

§ 692 Processo decisionale in materia di famiglia
(1) I coniugi devono accordarsi sulle questioni familiari, compresa la scelta dell’ubicazione del nucleo familiare, o del nucleo familiare di uno dei coniugi e di altri membri della famiglia, in particolare i bambini che non hanno acquisito piena autonomia, e il modo di vivere della famiglia.

(2) Se i coniugi non sono d’accordo sulle questioni essenziali della famiglia, il tribunale può, su proposta di uno di loro, sostituire il consenso dell’altro coniuge con la sua decisione, se rifiuta il suo consenso in tali questioni di famiglia vita senza motivo serio e contrario alla famiglia se è in grado di esprimere la sua volontà. Tuttavia, il tribunale conduce i coniugi principalmente a un accordo.

Approvvigionamento degli affari di famiglia
§ 693
Le questioni familiari sono curate dai coniugi insieme o da uno di loro.

§ 694
(1) Nelle questioni ordinarie della famiglia, l’azione legale di un coniuge vincola e autorizza entrambi i coniugi in solido; ciò non si applica se il coniuge che non ha agito legalmente ha informato la terza parte in anticipo che non era d’accordo con l’azione legale. Il giudice può anche, su richiesta del coniuge, escludere per lui le conseguenze della futura azione legale dell’altro coniuge nei confronti di terzi. Tali provvedimenti non riguardano procedimenti giudiziari mediante i quali il coniuge si procura le necessità essenziali della vita della famiglia e dei suoi membri, in particolare i figli che non hanno acquisito piena autonomia.

(2) In altre questioni della famiglia, l’azione legale di un coniuge vincola e autorizza entrambi i coniugi in solido, se l’altro coniuge ha dato il suo consenso all’azione legale del coniuge; le disposizioni del § 692 para 2 si applicano mutatis mutandis. Tuttavia, se un coniuge che non è d’accordo con l’azione legale dell’altro coniuge non chiede preventivamente l’assistenza del tribunale, può invocare l’invalidità di tale azione legale.

(3) Se i coniugi non convivono nelle situazioni di cui al § 691 par.

§ 695
Le disposizioni degli articoli 693 e 694 non si applicano alle materie disciplinate dalle disposizioni in materia di diritto patrimoniale tra coniugi.

§ 696 Rappresentanza reciproca dei coniugi
(1) Il marito ha il diritto di rappresentare suo marito nei suoi affari ordinari.

(2) Il coniuge non ha il diritto di cui al paragrafo 1 se informa preventivamente il coniuge di farsi rappresentare presso la persona con la quale il coniuge ha un’azione legale o intende agire legalmente che non lo fa d’accordo con la rappresentanza, o se il tribunale annulla il coniuge rappresenta il diritto dell’altro coniuge.

(3) Il coniuge non ha il diritto di cui al paragrafo 1 anche se i coniugi non convivono nella situazione di cui al § 691 paragrafo 2.

§ 697 Alimenti tra coniugi
(1) I coniugi hanno un obbligo alimentare reciproco nella misura in cui garantisce lo stesso livello materiale e culturale. L’obbligazione alimentare tra coniugi precede l’obbligazione alimentare del figlio e dei genitori.

(2) Le disposizioni generali sugli alimenti si applicano altrimenti all’obbligazione alimentare tra coniugi.

Le solite attrezzature domestiche di famiglia
§ 698
(1) L’equipaggiamento abituale di una famiglia è costituito da un insieme di beni mobili che servono alle necessità normalmente necessarie della vita della famiglia e dei suoi membri; non è determinante se le singole questioni spettano ad entrambi i coniugi o solo ad uno di essi.

(2) Il marito ha bisogno del consenso dell’altro coniuge per disporre della cosa che fa parte del normale equipaggiamento della famiglia; ciò non si applica se la questione è di valore trascurabile.

(3) Il coniuge può invocare l’invalidità dell’azione legale con la quale l’altro coniuge ha disposto senza il suo consenso la cosa che fa parte del normale equipaggiamento della famiglia.

§ 699
(1) Se il marito lascia la famiglia con l’intenzione di farlo in modo permanente e rifiuta di tornare, può chiedere che il marito gli dia ciò che appartiene all’attrezzatura abituale della famiglia e appartiene esclusivamente a lui. Ciò che appartiene insieme ai coniugi è diviso equamente dai coniugi, a meno che la natura della cosa non lo impedisca; in tal caso si applicano le disposizioni generali della presente legge sull’annullamento e la liquidazione della comproprietà.

(2) Se il coniuge necessita di quanto appartiene al normale equipaggiamento del nucleo familiare, in particolare anche per il figlio minore congiunto dei coniugi che non ha acquisito piena autonomia e verso il quale entrambi hanno obblighi di mantenimento, o per un figlio minore che non ha acquisisce piena autonomia, è stato affidato all’affidamento congiunto dei coniugi residenti nel nucleo familiare e nel nucleo familiare rimasto, non si applica il comma 1.

Gara di famiglia
§ 700
(1) Una famiglia in cui i coniugi o almeno uno dei coniugi e i loro parenti fino al terzo grado o le persone con coniugi coniugati fino al secondo grado e che sono di proprietà di una di queste persone è considerata un’impresa familiare. Quelli di loro che lavorano stabilmente per una famiglia o per un’impresa familiare sono considerati membri della famiglia coinvolti nella gestione dell’impresa familiare.

(2) Le disposizioni sui diritti e gli obblighi dei membri della famiglia coinvolti nella gestione di un’impresa familiare non si applicano nei casi in cui tali diritti e obblighi sono regolati da un accordo di partenariato, compresa la negoziazione legale fondativa su una società o cooperativa, un silenzio contratto di società o un contratto e disposizioni di un’altra legge sul lavoro, o altro contratto simile. Se i familiari coinvolti nell’esercizio dell’impresa familiare sono coniugi, le disposizioni della presente legge sul diritto patrimoniale prevalgono sulle disposizioni sull’impresa familiare.

§ 701
I familiari che partecipano alla gestione di un impianto familiare partecipano ai profitti da esso e alle cose acquisite da tale profitto, nonché alle aggiunte dell’impianto nella misura corrispondente alla quantità e al tipo del loro lavoro. Solo una persona pienamente legittimata a rendere una dichiarazione personale può rinunciare a tale diritto; la dichiarazione richiede la forma di un atto pubblico.

§ 702
Le decisioni di utilizzare gli utili dell’impresa familiare o le sue integrazioni, nonché le decisioni riguardanti la materia al di fuori della normale gestione, comprese le modifiche ai principi fondamentali dell’attività aziendale o la sua cessazione, sono prese a maggioranza dei voti dei membri della famiglia coinvolti nella funzionamento dell’impresa di famiglia. Se tra loro vi è una persona non pienamente indipendente, è rappresentata nelle votazioni dal rappresentante legale, se minorenne, altrimenti da un tutore.

§ 703
La partecipazione alla gestione di un’impresa familiare è legata alla persona di un familiare e non può essere trasferita ad un altro, a meno che non si tratti di uno dei familiari elencati nel § 700 comma 1 e di tutti i familiari che siano già coinvolti nell’operazione di l’azienda di famiglia è d’accordo.

§ 704
(1) Se un’azienda di famiglia deve essere divisa durante la divisione del patrimonio da un tribunale, un membro della famiglia che partecipa alla sua gestione ha diritto di priorità su di essa.

(2) Se una pianta familiare deve essere alienata, un membro della famiglia che partecipa alla sua operazione ha un diritto di prelazione su di essa, salvo diverso accordo. Ciò vale anche se si vuole alienare la quota di comproprietà nell’impresa familiare o se si vuole alienare una cosa che, per la sua natura e l’attuale scopo dell’esercizio dell’impresa familiare, deve essere utilizzata in modo permanente.

§ 705
(1) Con l’alienazione dell’impianto cessa la partecipazione al funzionamento dell’impianto familiare.

(2) Un familiare cessa di partecipare all’attività dell’impresa familiare anche se cessa di svolgere un lavoro per la famiglia o nell’impresa familiare, o se il motivo giuridico per il quale continua a lavorare nell’impresa familiare cambiamenti aziendali di famiglia.

§ 706
Se la partecipazione alla gestione dell’impianto familiare è cessata, il pagamento del familiare nella gestione dell’impianto al partecipante fino a quel momento può essere rateizzato, se ciò è concordato o se è approvato dal tribunale. Se non vi è alcun motivo ragionevole per rateizzare il pagamento, il tribunale non approverà il pagamento rateale o deciderà sull’invalidità del contratto di rateizzazione.

§ 707
Le comunità familiari costituite per l’esercizio di un’impresa familiare senza l’espresso consenso dei membri della famiglia sono disciplinate dagli usi e dalle pratiche in esse stabilite, a meno che ciò non sia contrario agli articoli da 700 a 706.

Sezione 2: Diritto di proprietà matrimoniale
§ 708
(1) Ciò che appartiene ai coniugi, ha valore patrimoniale e non è escluso dai rapporti giuridici fa parte della comunione dei coniugi (di seguito “comune”). Ciò non si applica se la proprietà comune scade durante il matrimonio per legge.

(2) La proprietà comune è soggetta a un regime legale, o un regime contrattuale, o un regime stabilito da una decisione del tribunale.

Regime legale
§ 709
(1) Parte del patrimonio comune è ciò che è stato acquisito da uno dei coniugi o ciò che entrambi i coniugi hanno acquisito insieme durante la durata del matrimonio, salvo quanto
a) serve i bisogni personali di uno dei coniugi,

b) uno solo dei coniugi acquisiti per donazione, eredità o legato, a meno che il donatore o altro testamentario nell’acquisizione in caso di morte abbia espresso altra volontà,

c) uno dei coniugi ha acquisito, a titolo di risarcimento del danno morale ai suoi diritti naturali,

d) uno dei coniugi ha acquisito atti giuridici relativi alla sua proprietà esclusiva,

e) uno dei coniugi ha acquisito il risarcimento del danno, della distruzione o della perdita della sua proprietà esclusiva.

(2) Parte della comunione è il profitto di ciò che appartiene esclusivamente a uno dei coniugi.

(3) Una parte della proprietà comune è anche la quota del coniuge in una società commerciale o cooperativa, se il marito è diventato socio di una società commerciale o membro di una cooperativa durante il matrimonio. Ciò non si applica se uno dei coniugi ha acquisito una partecipazione secondo modalità che ne determinano l’esclusiva proprietà ai sensi del comma 1.

§ 710
La comunione dei beni comprende i debiti assunti per la durata del matrimonio, a meno che
(a) riguardano beni appartenenti esclusivamente a uno dei coniugi, nella misura in cui supera il profitto su tale proprietà, o

b) sono assunti da uno solo dei coniugi senza il consenso dell’altro, senza provvedere alle necessità quotidiane o ordinarie della famiglia.

§ 711
(1) Le disposizioni generali della presente legge si applicano all’acquisto e alla vendita di singoli elementi della proprietà comune.

(2) Gli importi dei guadagni, dello stipendio, del salario, del profitto e degli altri valori del lavoro e di altre attività lucrative entrano a far parte della proprietà comune nel momento in cui il coniuge che ha contribuito alla loro acquisizione ha acquisito l’opportunità di disporne.

(3) I crediti della proprietà esclusiva di uno solo dei coniugi, che devono entrare a far parte della comunione, diventeranno parte della comunione alla data di scadenza.

§ 712
Salvo disposizione contraria in questa parte della legge, le disposizioni della presente legge sulla Società o le disposizioni sulla comproprietà si applicano mutatis mutandis alla proprietà comune.

Amministrazione nel regime giuridico
§ 713
(1) I componenti della proprietà comune devono essere utilizzati, prelevati da loro, i frutti e i benefici di essi, mantenuti, ceduti, gestiti e amministrati da entrambi i coniugi o da uno di essi in conformità con l’accordo.

(2) Obblighi e diritti connessi alla comunione o ai suoi componenti appartengono ad entrambi i coniugi in solido.

(3) I coniugi sono vincolati e legittimati in solido da procedimenti giudiziari concernenti la comunione o le sue parti.

§ 714
(1) Nelle questioni relative alla proprietà comune e ai suoi componenti, che non possono essere considerate ordinarie, i coniugi agiscono legalmente insieme o uno dei coniugi agisce con il consenso dell’altro. Se il coniuge rifiuta di prestare il consenso senza giustificato motivo e in contrasto con gli interessi dei coniugi, della famiglia o del nucleo familiare, o se non è in grado di esprimere la propria volontà, l’altro coniuge può proporre che il consenso del coniuge sia sostituito da una corte.

(2) Se un coniuge agisce legalmente senza il consenso dell’altro coniuge nel caso in cui fosse richiesto il consenso, l’altro coniuge può invocare l’invalidità di tale condotta.

§ 715
(1) Se una parte dei beni comuni deve essere utilizzata per l’attività di uno dei coniugi e se il valore patrimoniale di ciò che deve essere utilizzato supera un grado commisurato ai beni dei coniugi, il consenso dell’altro coniuge è richiesto per il primo tale utilizzo. Se l’altro coniuge è stato omesso, può invocare l’invalidità di tale condotta.

(2) Se parte della proprietà comune deve essere utilizzata per acquisire una quota di una società o cooperativa, o se l’acquisizione di una quota comporta una passività per i debiti della società o della cooperativa in misura superiore all’aliquota commisurata ai coniugi « rapporti patrimoniali, il comma 1 si applica mutatis mutandis.

Regime contrattuale
§ 716
(1) I coniugi e i coniugi possono organizzare un regime patrimoniale diverso dal regime legale. Se i coniugi concordano un regime contrattuale, di norma adeguano i propri obblighi e diritti in relazione alla proprietà comune esistente. Se è stato concordato un effetto retroattivo per il regime contrattuale, questo non sarà preso in considerazione.

(2) Un contratto sul regime patrimoniale tra coniugi richiede la forma di un atto pubblico.

§ 717
(1) Il regime contrattuale può consistere in un regime di beni separati, un regime che riserva la creazione di beni comuni il giorno dello scioglimento del matrimonio, nonché un regime di ampliamento o restringimento della portata dei beni comuni nel diritto regime. Le disposizioni sul regime dei beni separati si applicano mutatis mutandis nel regime che riserva la costituzione della comunione alla data dello scioglimento del matrimonio.

(2) Il regime concordato può essere modificato con l’accordo dei coniugi o con una decisione del tribunale; tale modifica richiede un accordo tra i coniugi o una decisione giudiziaria sulle componenti della comunione ai sensi del regime vigente.

§ 718
(1) Il contratto può contenere qualsiasi accordo e riguardare qualsiasi questione, a meno che non sia vietato dalla legge; può riguardare in particolare l’ambito, il contenuto, il momento della creazione del regime giuridico o di altro tipo di proprietà comune, le cose individuali e i loro archivi. Il contratto può modificare la classificazione di quelli esistenti e adeguare la classificazione delle future parti di attività in modo diverso dal regime legale.

(2) Il contratto può anche organizzare rapporti patrimoniali in caso di scioglimento del matrimonio; in caso di concordato in caso di scioglimento del matrimonio per morte, il contratto è considerato contratto successorio in questa parte, se ne ha i requisiti.

(3) Il contratto non può escludere o modificare le disposizioni sull’abituale equipaggiamento di un nucleo familiare, a meno che uno dei coniugi non abbia lasciato definitivamente il nucleo familiare e rifiuti di rientrare.

§ 719
(1) Un contratto sul regime patrimoniale tra coniugi non può, con le sue conseguenze, escludere la capacità del coniuge di provvedere alla famiglia.

(2) Un contratto sul regime di proprietà coniugale non può pregiudicare i diritti di una terza parte nel suo contenuto o scopo, a meno che non sia d’accordo con il contratto; questo contratto concluso senza il consenso di un terzo non ha alcun effetto giuridico nei suoi confronti.

§ 720
(1) Il contratto dei coniugi sul regime patrimoniale tra coniugi entra in vigore alla conclusione del matrimonio. Se il contratto riguarda una cosa esistente iscritta nel pubblico elenco, la modifica può essere iscritta in tale elenco solo dopo la conclusione del matrimonio.

(2) Se il contratto dei coniugi sul regime patrimoniale riguarda cose già esistenti iscritte nell’elenco pubblico, il contratto ha effetto in questa parte nei confronti dei terzi mediante l’iscrizione in questo elenco, a meno che la presente legge non disponga diversamente.

§ 721
(1) Un contratto sul regime dei beni coniugali deve essere iscritto nell’elenco pubblico, se in esso è concordato; altrimenti su richiesta di entrambi i coniugi. Tutto ciò che modifica il regime patrimoniale dei coniugi è iscritto nell’elenco.

(2) La registrazione deve essere effettuata senza indebito ritardo dalla persona che ha redatto il contratto e, se ciò non è possibile, dalla persona che mantiene l’elenco.

Gestione in modalità contrattuale
§ 722
(1) Coniugi e coniugi possono stipulare un accordo sull’amministrazione di ciò che fa parte della comunione dei beni, che si discosti dalle disposizioni degli articoli 713 e 714; le disposizioni dei § 719 e 720 si applicano anche a questo contratto.

(2) Il contratto di cui al paragrafo 1 deve contenere un accordo su quale coniuge amministrerà la comunione o parte di essa e in che modo.

§ 723
(1) Il coniuge che amministra la comunione agisce legalmente nelle questioni relative alla comunione in modo indipendente, anche in giudizio o in altro procedimento, salvo disposizione contraria.

(2) Un coniuge che gestisce tutti i beni comuni può agire legalmente solo con il consenso dell’altro coniuge
a) quando si tratta della proprietà comune nel suo insieme,

(b) trattandosi di un’abitazione in cui il nucleo familiare dei coniugi fa parte del bene comune, o che è l’abitazione di uno di essi, o l’abitazione di un minore che non ha acquisito la piena proprietà e di cui i coniugi si prendono cura per, nonché gravame sui beni immobili facenti parte della comunione.

(3) Le disposizioni della Sezione 714, Paragrafo 2 si applicano mutatis mutandis.

Regime stabilito da una decisione del tribunale
§ 724
(1) Se vi è una ragione seria, il tribunale, su proposta del coniuge, annulla la comunione o riduce la sua portata esistente.

(2) Il motivo serio è sempre il fatto che il creditore del marito richiede che il suo credito superi il valore di ciò che appartiene esclusivamente a questo marito, che il marito può essere considerato uno sprecone e che il marito si assume costantemente o ripetutamente rischi sproporzionati. Può anche essere trovato come un motivo serio che il marito abbia avviato un’impresa o che sia diventato un socio illimitatamente di una persona giuridica.

§ 725
Il regime stabilito da una decisione del tribunale può essere modificato da un contratto dei coniugi o da una decisione del tribunale.

§ 726
(1) Il tribunale può ripristinare la proprietà comune dopo averla annullata; il giudice decide quindi in particolare quando vengono meno i motivi dello scioglimento della comunione. Ciò vale anche se il coniuge propone che il patrimonio comune, il cui ambito è stato ridotto, sia esteso all’ambito giuridico.

(2) Se la proprietà comune è scaduta in base alla legge, il tribunale la rinnova su proposta del coniuge, se è nell’interesse di entrambi i coniugi.

§ 727
(1) Le disposizioni che regolano l’equipaggiamento abituale di una famiglia non possono essere escluse o modificate da una decisione del tribunale.

(2) Una decisione del tribunale sulla modifica, cancellazione o rinnovo della proprietà comune non può escludere la capacità del coniuge di provvedere alla famiglia e non può pregiudicare i diritti di un terzo in termini di contenuto o scopo, a meno che non sia d’accordo con la decisione.

§ Amministrazione 728 in un regime stabilito da una decisione del tribunale
Se il coniuge agisce nell’amministrazione della comunione in modo manifestamente contrario agli interessi dell’altro coniuge, della famiglia o del nucleo familiare, e i coniugi o i coniugi non hanno stipulato un contratto per l’amministrazione di ciò che fa parte della la comunione, il giudice può decidere che la comunione sarà gestita in questo modo.

Regime del patrimonio separato
§ 729
Nel regime dei beni separati, il marito può disporre dei suoi beni senza il consenso dell’altro marito.

§ 730
Se i coniugi intrattengono rapporti d’affari in regime di separazione patrimoniale o uno dei coniugi opera con l’aiuto dell’altro coniuge, si ripartiscono il reddito d’impresa come pattuito per iscritto; in caso contrario il reddito deve essere diviso equamente.

Tutela di terzi
§ 731
Se il debito di uno solo dei coniugi è sorto durante la durata della comunione, il creditore può essere soddisfatto con ciò che è nella comunione all’atto dell’esecuzione della decisione.

§ 732
Se il debito di uno solo dei coniugi è sorto contro la volontà dell’altro coniuge, che ha dissentito dal creditore senza indebito ritardo dopo aver appreso del debito, la comunione può essere lesa solo nella misura della quota del debitore se la comunione sono stati annullati e regolati ai sensi del § 742. Ciò vale anche in caso di obbligo alimentare del marito o se il debito è un atto illecito di uno solo dei coniugi o nel caso in cui il debito di uno solo dei coniugi nata prima del matrimonio.

§ 733
Se uno dei coniugi ha commesso meno di sei mesi dalla modifica o dall’esclusione del regime patrimoniale legale, sia per contratto dei coniugi sia per decisione del tribunale, il credito del suo creditore può essere soddisfatto da tutto ciò che farebbe parte della proprietà comune se non vi era alcun contratto tra i coniugi né una decisione del tribunale.

§ 734
Se il diritto di un terzo, in particolare del creditore, è leso dal contratto dei coniugi o da una decisione giudiziaria con la quale è stato modificato o escluso il regime patrimoniale legale, tale persona può esercitare il suo diritto di regolare ciò che era precedentemente parte del la comunione dei beni, come se ai coniugi contraenti o non sia stata raggiunta una decisione del tribunale; Si applica § 742.

§ 735 Disposizioni speciali
Se i coniugi che intendono ottenere il divorzio non concludono un accordo sulla disposizione degli obblighi e dei diritti patrimoniali in caso di divorzio, nel quale, purché il matrimonio sia divorziato, si accordano anche su come acquisiranno al momento del diritti di gestione separata e di assumere, le disposizioni sulla comunione dei beni si applicano mutatis mutandis al periodo di gestione separata dei coniugi, salvo diversa disposizione della presente legge.

Liquidazione dei beni comuni
§ 736
Se la proprietà comune viene cancellata o scompare, o se la sua portata esistente viene ristretta, gli obblighi e i diritti comuni saranno liquidati dal loro regolamento. Fino a quando i beni in comune ridotti, annullati o estinti non siano stati liquidati, ad essi si applicano mutatis mutandis le disposizioni dei beni comuni.

§ 737
(1) Il diritto di terzi non può essere pregiudicato dalla liquidazione dei beni. Se il suo diritto è stato leso dall’accordo, un terzo può chiedere al giudice di dichiarare l’inefficacia dell’accordo nei suoi confronti.

(2) La liquidazione del debito ha effetti solo tra i coniugi.

§ 738
(1) Un accordo transattivo ha sempre effetto alla data in cui la proprietà comune è ridotta, annullata o cessata, indipendentemente dal fatto che l’accordo sia stato concluso prima o dopo la riduzione, la cancellazione o la cessazione della proprietà comune. Tuttavia, se l’oggetto della transazione è una materia iscritta nell’elenco pubblico, l’accordo ha efficacia giuridica nella parte relativa a tale materia mediante iscrizione nell’elenco pubblico.

(2) La validità di un accordo transattivo non è impedita se riguarda solo una parte degli obblighi e dei diritti di proprietà comune.

§ 739
(1) Un accordo transattivo richiede una forma scritta se è stato concluso durante il matrimonio o se l’oggetto della transazione è una questione per la quale anche un contratto sul trasferimento della proprietà richiede una forma scritta.

(2) Se l’accordo di transazione non richiede una forma scritta e se uno dei coniugi lo richiede, l’altro coniuge gli consegnerà una conferma di come si sono stabiliti.

§ 740
Se i coniugi non sono d’accordo su una transazione, ciascuno di loro può proporre una decisione del tribunale. Il tribunale decide sulla transazione secondo lo Stato quando si sono verificati gli effetti del restringimento, della cancellazione o della cessazione della comunione.

§ 741
Se, entro tre anni dalla riduzione, revoca o scioglimento della comunione, ciò che prima faceva parte della comunione non è stato regolato consensualmente o con ordinanza del tribunale, i coniugi o gli ex coniugi si sono regolati in modo che :
a) il bene mobile materiale è di proprietà di colui che lo utilizza esclusivamente per le esigenze proprie, della propria famiglia o dell’unità familiare in qualità di proprietario,

b) gli altri beni mobili e immobili materiali sono comproprietari di entrambi; le loro quote sono le stesse,

c) gli altri diritti patrimoniali, crediti e debiti appartengono insieme ad entrambi; le loro quote sono le stesse.

§ 742
(1) A meno che i coniugi o ex coniugi non concordino diversamente o non si applichino le disposizioni della Sezione 741, alla transazione si applicano le seguenti regole:
a) le quote di entrambi i coniugi nella proprietà stabilita sono le stesse,

b) ciascuno dei coniugi sostituisce quanto è stato speso del patrimonio comune sul proprio patrimonio esclusivo,

c) ciascuno dei coniugi ha diritto di chiedere il rimborso di quanto ha speso per i suoi beni comuni,

d) tenere conto delle esigenze dei figli a carico,

e) si tiene conto del modo in cui ciascun coniuge si è preso cura della famiglia, in particolare di come si è preso cura dei figli e del nucleo familiare,

f) si tiene conto del contributo di ciascun coniuge all’acquisto e al mantenimento dei beni appartenenti al patrimonio comune.

(2) Il valore di quanto è stato speso dalla proprietà comune sulla proprietà esclusiva del coniuge, così come il valore di quanto dalla proprietà esclusiva del coniuge è stato speso sulla proprietà comune, deve essere incluso nella liquidazione del la comunione dei beni è aumentata o diminuita in funzione dei beni fino alla data in cui la comunione dei beni è diminuita, cancellata o estinta, ha aumentato o diminuito il valore della parte dei beni su cui è stato sostenuto il costo.

Alcune disposizioni sull’alloggio dei coniugi
§ 743
(1) I coniugi hanno una residenza in cui hanno un nucleo familiare.

(2) Se il coniuge richiede il trasferimento del nucleo familiare per gravi motivi, l’altro coniuge deve rispettarlo, a meno che le ragioni della permanenza non superino le ragioni di questo cambiamento.

(3) I coniugi possono concordare di vivere separatamente in modo permanente. Un accordo dei coniugi sull’alloggio separato ha gli stessi effetti giuridici dell’abbandono di una casa familiare con l’intenzione di vivere permanentemente altrove.

§ 744
Se la residenza dei coniugi è una casa o un appartamento a cui uno dei coniugi ha il diritto esclusivo di abitare nella casa o nell’appartamento, e se questo è un diritto non vincolante, l’altro coniuge acquisisce il diritto di soggiorno. Se uno dei coniugi acquisisce tale diritto esclusivo per la durata del matrimonio, l’altro coniuge acquisisce il diritto di soggiorno.

§ 745
(1) Se la residenza dei coniugi è una casa o un appartamento di cui uno dei coniugi aveva diritto di locazione il giorno del matrimonio, la conclusione del matrimonio con la casa o l’appartamento crea un diritto di locazione comune; alla successiva conclusione del contratto di locazione, entrambi i coniugi acquisiscono un diritto di locazione congiunto dall’efficacia del contratto. Ciò si applica allo stesso modo nel caso di un’altra legge delle obbligazioni simile.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano se i coniugi concordano diversamente.

§ 746
(1) Se i coniugi hanno un diritto di locazione comune sulla casa o sull’appartamento, sono obbligati e aventi diritto in solido.

(2) Il coniuge che ha il diritto di soggiorno ha lo status di garante del coniuge.

§ 747
(1) Se almeno uno dei coniugi ha il diritto di disporre della casa o dell’appartamento in cui si trova il nucleo familiare dei coniugi o della famiglia, e tale casa o appartamento è essenziale per la vita dei coniugi o delle famiglie, deve astenersi da tutto e impedire tutto ciò che può rendere impossibile o minacciato l’alloggio. In particolare, il coniuge non può alienare tale casa o appartamento senza il consenso dell’altro coniuge né costituire un diritto alla casa, parte o tutto l’appartamento, il cui esercizio è incompatibile con la residenza dei coniugi o della famiglia, salvo fornisce al coniuge o alla famiglia un alloggio simile a quello del primo.

(2) Se il coniuge agisce senza il consenso dell’altro coniuge in conflitto con il paragrafo 1, questo coniuge può invocare l’invalidità di tale azione legale.

§ 748
(1) Se i coniugi hanno un diritto di locazione comune alla casa o all’appartamento in cui si trova il nucleo familiare dei coniugi o della famiglia, si applica mutatis mutandis la prima frase dell’articolo 747 (1). Il coniuge non può rescindere il contratto di locazione senza il consenso dell’altro coniuge o limitarlo con una legge il cui esercizio sia incompatibile con la residenza dei coniugi o della famiglia.

(2) Se il coniuge agisce senza il consenso dell’altro coniuge in conflitto con il paragrafo 1, questo coniuge può invocare l’invalidità di tale azione legale.

§ 749
Il consenso del coniuge ai sensi dei § 747 e 748 richiede una forma scritta.

§ 750
(1) Se i coniugi o i fidanzati convengono, in deroga alle disposizioni degli articoli 747 e 748, l’accordo non può peggiorare la posizione del figlio minore congiunto che non ha acquisito piena autonomia, vive con loro nel nucleo familiare e verso il quale hanno un’obbligazione alimentare un figlio che non ha acquisito piena autonomia ed è stato affidato all’affidamento congiunto dei coniugi o di uno di essi; inoltre, l’accordo non può pregiudicare i diritti di terzi, a meno che non abbiano acconsentito a tale accordo.

(2) L’accordo e il consenso di terzi ai sensi del paragrafo 1 richiedono una forma scritta.

Disposizioni speciali contro la violenza domestica
§ 751
(1) Se l’ulteriore convivenza dei coniugi nella casa o nell’appartamento in cui si trova il nucleo familiare dei coniugi diventa insopportabile per uno di loro a causa di violenza fisica o mentale contro il coniuge o un’altra persona che vive nel nucleo familiare del coniugi, il giudice può, su proposta del coniuge interessato, limitare, o anche escludere per un determinato periodo, il diritto dell’altro coniuge di abitare nella casa o nell’appartamento.

(2) Come al comma 1, è possibile procedere in caso di coniuge divorziato, nonché nel caso in cui i coniugi oi coniugi divorziati convivano insieme fuori dal nucleo familiare.

§ 752
Restrizioni o esclusioni del diritto del coniuge di abitare nella casa o nell’appartamento saranno determinate dal tribunale per un periodo massimo di sei mesi. Il giudice decide nuovamente sull’istanza se ricorrono motivi particolarmente impellenti.

§ 753
Anche qualsiasi altra persona che vive con un coniuge o un coniuge divorziato in un nucleo familiare ha il diritto di chiedere protezione contro la violenza domestica.

Parte 5 Scioglimento del matrimonio
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 754
Il matrimonio finisce solo per i motivi previsti dalla legge.

Sezione 2 Divorzio
§ 755
(1) Un matrimonio può essere divorziato se la convivenza dei coniugi è profondamente, permanentemente e irreparabilmente rotta e non se ne può aspettare il rinnovo.

(2) Nonostante il fatto che la convivenza dei coniugi sia sciolta, il matrimonio non può essere divorziato se il divorzio sarebbe in conflitto
(a) gli interessi del figlio minore dei coniugi che non hanno acquisito la piena giurisdizione, dovuti a motivi speciali, il giudice accerta anche l’interesse del figlio al matrimonio chiedendo a un tutore nominato dal tribunale di statuire sul posto -procedura di divorzio, o

(b) nell’interesse di un coniuge che non ha partecipato prevalentemente al divorzio per violazione degli obblighi coniugali e che a causa del divorzio subirebbe un danno particolarmente grave, purché le circostanze eccezionali militino a favore del matrimonio, a meno che i coniugi non convivono da almeno tre anni.

(3) Se i coniugi hanno un figlio minorenne non completamente indipendente, il tribunale non divorzia dal matrimonio fino a quando non ha deciso sulle circostanze del figlio nel periodo successivo al divorzio dei coniugi.

§ 756
Il giudice che decide sul divorzio determina l’esistenza del divorzio, determinandone le cause, salvo disposizione contraria.

§ 757
(1) Se il coniuge si unisce alla domanda di divorzio presentata dall’altro coniuge, il tribunale divorzia dal matrimonio senza conoscere i motivi del divorzio, se conclude che la stessa dichiarazione dei coniugi in merito al divorzio e all’intenzione di raggiungere il divorzio è vero e se
a) il matrimonio è durato almeno un anno alla data di inizio della procedura di divorzio e i coniugi non hanno convissuto per più di sei mesi,

b) i coniugi, che sono i genitori di un minore che non ha acquisito piena autonomia, hanno convenuto di adeguare le circostanze di questo figlio per il periodo successivo al divorzio e il tribunale ha approvato il loro accordo,

c) i coniugi hanno convenuto di adeguare i loro beni, il loro alloggio e, se del caso, il mantenimento per il periodo successivo a tale divorzio.

(2) Gli accordi di cui al paragrafo 1 (a) (c) richiedono la forma scritta e le firme devono essere ufficialmente verificate.

§ 758
I coniugi non convivono se non formano una comunità coniugale o familiare, indipendentemente dal fatto che abbiano o gestiscano un nucleo familiare, a condizione che almeno uno dei coniugi non voglia manifestamente ripristinare la comunità coniugale.

Sezione 3: Conseguenze dello scioglimento del matrimonio
§ 759 Cognome del coniuge divorziato
Il coniuge che ha adottato il cognome dell’altro coniuge può, entro sei mesi dal divorzio, notificare all’anagrafe che riprende il cognome precedente. Ciò vale anche se il coniuge che ha adottato il cognome dell’altro coniuge, aggiungendo che aggiungerà al cognome comune il proprio cognome attuale, o il primo del proprio cognome, utilizzerà solo il cognome precedente nel futuro.

Alimenti di un marito divorziato
§ 760
(1) Se il coniuge divorziato non è in grado di provvedere al proprio sostentamento e questa incapacità ha origine nel matrimonio o in connessione con esso, il suo ex coniuge ha nei suoi confronti un obbligo di mantenimento in misura ragionevole, se ciò può essere legittimamente richiesto da lui, in particolare per quanto riguarda l’età o lo stato di salute del coniuge divorziato al momento del divorzio o della cessazione dell’affidamento dei coniugi divorziati.

(2) Nel decidere in merito al mantenimento o al suo importo, il tribunale tiene conto della durata del matrimonio divorziato e della durata del divorzio, nonché se
a) il coniuge divorziato non ha ottenuto un’occupazione adeguata, anche se non gli è stato impedito da gravi ostacoli,

b) il coniuge divorziato è stato in grado di garantire il mantenimento attraverso la corretta gestione dei suoi beni,

c) il coniuge divorziato ha partecipato alla cura del nucleo familiare durante il matrimonio,

(d) il coniuge divorziato non ha commesso un reato della natura del reato contro l’ex coniuge o una persona a lui vicina, o

e) c’è un altro motivo altrettanto grave.

(3) Le disposizioni generali in materia di alimenti si applicano mutatis mutandis all’obbligo alimentare dei coniugi divorziati.

§ 761
(1) La portata dell’obbligazione alimentare e le modalità di erogazione degli alimenti sono disciplinati dall’accordo dei coniugi o dei coniugi divorziati; se accettano di sostituire gli alimenti con un’indennità di fine rapporto, il diritto al mantenimento del coniuge divorziato, prorogando l’indennità di fine rapporto, si estingue.

(2) In assenza di un accordo tra i coniugi divorziati sugli alimenti, l’ex coniuge necessario può proporre che il tribunale decida sulle obbligazioni alimentari dell’altro coniuge.

§ 762
(1) Se i coniugi o i coniugi divorziati non sono d’accordo sugli alimenti, il coniuge che non ha principalmente causato il divorzio o non ha acconsentito al divorzio e che è stato gravemente danneggiato dal divorzio può proporre che il tribunale stabilisca l’obbligazione alimentare di l’ex coniuge in misura tale da garantire che i coniugi divorziati abbiano sostanzialmente lo stesso tenore di vita. In tal caso, il diritto al mantenimento del coniuge divorziato può considerarsi giustificato solo per un periodo adeguato alle circostanze, ma non superiore a tre anni dopo il divorzio.

(2) Se l’ex coniuge ha commesso un atto nei confronti dell’altro coniuge che soddisfa le caratteristiche di violenza domestica, non ha diritto al mantenimento ai sensi del paragrafo 1, anche se soddisfarebbe altrimenti le condizioni per concedere il diritto a Manutenzione.

§ 763
Il diritto agli alimenti del coniuge divorziato decade se il coniuge divorziato avente diritto si risposa o forma un’unione registrata.

Obblighi e diritti patrimoniali alla fine del matrimonio
§ 764
(1) Se il matrimonio termina con la morte del marito, gli obblighi patrimoniali e i diritti degli ex coniugi nell’ambito della procedura successoria sono valutati secondo il regime patrimoniale esistente tra i coniugi, o secondo le istruzioni date dal defunto coniuge durante la sua vita morte fatta; altrimenti si applicano le regole di cui al § 742, ad eccezione del § 742 par. (c), a meno che il coniuge superstite non convenga diversamente con gli eredi di stabilirsi.

(2) Se il coniuge è stato dichiarato morto, i suoi obblighi e diritti patrimoniali devono essere valutati il ​​giorno che è indicato nella decisione sulla dichiarazione di morte come giorno della sua morte.

§ 765
(1) Se il matrimonio termina con il divorzio, gli obblighi patrimoniali e i diritti dei coniugi divorziati sono disciplinati dall’accordo dei coniugi o dei coniugi divorziati.

(2) Se i coniugi divorziati non sono d’accordo su una transazione, l’ex coniuge può presentare una proposta di transazione con una decisione del tribunale.

Vivere dopo il matrimonio
§ 766
(1) Se il matrimonio è terminato con la morte del marito e i coniugi avevano un diritto di locazione comune sulla casa o sull’appartamento in cui si trovava la loro famiglia, il coniuge superstite rimane l’inquilino dell’appartamento. Se i coniugi hanno testimoniato congiuntamente di un altro diritto d’obbligazione alla casa o all’appartamento, il coniuge superstite conserva il diritto.

(2) Se il matrimonio è terminato con la morte del marito e solo uno di loro aveva il diritto di affittare la casa o l’appartamento in cui si trovava il nucleo familiare dei coniugi, si applicano le disposizioni sull’affitto dell’appartamento.

§ 767
(1) Se il matrimonio si è concluso con la morte del coniuge che aveva il diritto esclusivo di abitare nella casa o appartamento nella casa o appartamento in cui si trovava il nucleo familiare dei coniugi, e se si trattava di un diritto diverso da un obbligo, mentre l’altro marito aveva nella casa o il diritto all’alloggio, il diritto di soggiorno a tale coniuge decade se il diritto esclusivo del coniuge defunto è passato a persona diversa dal coniuge superstite. Ciò non si applica se non si può legittimamente chiedere al coniuge superstite di lasciare la casa o l’appartamento.

(2) Se è proporzionato alle circostanze del coniuge superstite, principalmente perché si prende cura di un figlio minore che non ha acquisito la piena proprietà, di cui i coniugi si sono presi cura, o di un figlio minore che non ha acquisito la piena proprietà , il cui genitore è il coniuge deceduto, o una persona a carico di un figlio convivente con il coniuge superstite, il giudice può, su richiesta del coniuge superstite, accertare in suo diritto il diritto corrispondente alla servitù secondo le circostanze del caso, ma non più a lungo del solito bambino; tale diritto non decade se il figlio acquisisce la capacità di sostentarsi solo temporaneamente.

(3) Se il coniuge superstite aveva il diritto di risiedere per un altro motivo, si applicano mutatis mutandis i paragrafi 1 e 2.

§ 768
(1) Se il matrimonio si è concluso con il divorzio e i coniugi avevano lo stesso o comune diritto alla casa o all’appartamento in cui si trovava la loro famiglia e se non sono d’accordo su chi continuerà a vivere nella casa o nell’appartamento, il giudice annulla l’istanza di uno di essi, secondo le circostanze del caso, il diritto esistente del coniuge divorziato, al quale può essere equamente richiesta la casa o l’appartamento, e, se del caso, decide contestualmente sulle modalità del risarcimento per la perdita del diritto; nel far ciò si tiene conto, in particolare, di quale dei coniugi divorziati è stata affidata la cura di un minore che non ha acquisito piena autonomia e di cui i coniugi si sono presi cura, nonché del parere del locatore, prestatore o altra persona in posizione analoga.

(2) Il coniuge divorziato che deve lasciare la casa o l’appartamento ha il diritto di risiedervi fino a quando l’altro coniuge non gli abbia fornito un alloggio alternativo, a meno che non gli sia stato concesso un risarcimento nel procedimento ai sensi del paragrafo 1; in tal caso ha diritto di abitare nella casa o nell’appartamento per un massimo di un anno. Tuttavia, se gli è stata affidata la cura di un minore non divenuto pienamente indipendente e di cui i coniugi si sono presi cura durante il matrimonio, o di un figlio a carico convivente con lui, il giudice può, su richiesta del coniuge, stabilire un diritto di soggiorno in suo favore; le disposizioni del § 767 para 2 si applicano per analogia.

§ 769
Se il matrimonio si è concluso con il divorzio e i coniugi non avevano lo stesso o comune diritto alla casa o all’appartamento in cui si trovava il loro nucleo familiare, e i coniugi o i coniugi divorziati non si accordano sull’ulteriore residenza del coniuge che ha solo il diritto vivere in casa o appartamento. le disposizioni del § 767 para 2 si applicano per analogia.

§ 770
Se il matrimonio è sciolto dal divorzio, e i coniugi avevano il diritto di abitare nella casa o nell’appartamento, purché un diritto fosse derivato dall’altro, la persona che ha solo un diritto derivato ha il diritto di chiedere lo sfratto del divorziato coniuge, il diritto o l’obbligazione reale da cui derivava direttamente il diritto di soggiorno dell’altro coniuge.

TITOLO II RAPPORTO E SWAGON
Parte 1 Disposizioni generali
Parentela
§ 771
La parentela è un rapporto di persone basato su un legame di sangue, o creato per adozione.

§ 772
(1) Le persone sono parenti in linea retta se provengono l’una dall’altra.

(2) Le persone sono parenti nella linea laterale se hanno un antenato comune, ma non provengono l’una dall’altra.

§ 773
Il grado di parentela tra due persone è determinato dal numero di nascite per cui provengono l’una dall’altra in linea diretta ed entrambi dal loro antenato comune più prossimo in linea secondaria.

§ 774 Cognato
La creazione di un matrimonio crea un cognato tra un marito ei parenti dell’altro marito; in che linea e in che misura qualcuno è imparentato con un marito, in tale linea e in tale misura è sposato con l’altro marito. Se il matrimonio finisce con la morte di uno dei coniugi, il cognato non finisce.

Parte 2 Rapporti tra genitori e figlio
Sezione 1 Determinazione della discendenza
§ 775 Maternità
La madre del bambino è la donna che li ha partoriti.

Paternità
§ 776
(1) Se un figlio nasce tra la conclusione del matrimonio e la fine del tredicesimo giorno dopo che il matrimonio è finito o è stato dichiarato invalido, o dopo che il marito della madre è stato dichiarato scomparso, il padre è considerato il padre marito della madre.

(2) Se un bambino è nato da una donna risposata, il padre è considerato il marito successivo, anche se il bambino è nato prima della scadenza del trentesimo giorno dopo la fine del precedente matrimonio o è stato dichiarato invalido.

§ 777
(1) Se un bambino è nato tra l’inizio della procedura di divorzio e il trentesimo giorno dopo il divorzio, e il marito o l’ex marito della madre dichiara di non essere il padre del bambino, mentre un altro uomo dichiara di essere il padre del bambino, che il padre è quest’uomo se la madre unisce entrambe le affermazioni.

(2) La dichiarazione del coniuge della madre del bambino, o del suo ex marito, dell’uomo che afferma di essere il padre del bambino e della madre del bambino deve essere effettuata in un procedimento giudiziario avviato su richiesta di uno di loro; la proposta può essere presentata entro e non oltre un anno dalla nascita del figlio.

(3) La determinazione della paternità di un figlio ai sensi dei paragrafi 1 e 2 non può aver luogo fino a quando la decisione sul divorzio non è divenuta definitiva.

(4) In caso di procedimento di annullamento del matrimonio, si applicano mutatis mutandis i paragrafi da 1 a 3.

§ 778
Se un bambino concepito mediante inseminazione artificiale nasce da una donna non sposata, il padre del bambino è considerato l’uomo che ha dato il suo consenso all’inseminazione artificiale.

§ 779
(1) Se la paternità non è determinata in conformità con § 776, 777 o 778, si considera che il padre sia un uomo la cui paternità è stata determinata dal consenso della madre e di quest’uomo. In questo modo si può determinare la paternità anche per un nascituro, se già concepito.

(2) La dichiarazione deve essere fatta di persona davanti a un tribunale o davanti all’ufficio del registro. Un minore che non è completamente indipendente fa sempre una dichiarazione in tribunale.

§ 780
Se una dichiarazione è resa da qualcuno che non è completamente indipendente, può farlo solo in tribunale. A seconda delle circostanze del caso, il tribunale valuterà se la persona che non è completamente indipendente è in grado di agire da sola o se il suo tutore agirà per suo conto.

§ 781
Se la madre non è in grado di valutare il significato della sua affermazione per un disturbo mentale, o se la misura della sua affermazione è associata a un ostacolo difficile da superare, non è possibile determinare la paternità mediante una dichiarazione di consenso.

§ 782
Salvo disposizione contraria, alla dichiarazione di paternità si applicano le disposizioni generali di legge. Tuttavia, l’invalidità può essere invocata solo entro il termine per negare la paternità.

§ 783
(1) Se la paternità non è determinata ai sensi del § 776, 777 o 778, né ai sensi del § 779, la madre, il bambino e l’uomo che afferma di essere il padre possono proporre che la paternità sia determinata dal tribunale.

(2) Si considera padre l’uomo che ha avuto rapporti sessuali con la madre del bambino in un momento in cui sono trascorsi meno di centosessanta e più di trecento giorni fino alla nascita del bambino, a meno che il suo la paternità esclude circostanze gravi.

(3) Se il presunto padre non è vivo, deve essere presentata una petizione contro il tutore, che sarà nominato dal tribunale.

§ 784
(1) Se il richiedente muore durante il procedimento, la persona avente diritto alla petizione può continuare il procedimento.

(2) Se un bambino muore durante il procedimento, anche il discendente del bambino può presentare un’istanza entro sei mesi dalla sua morte, se ha un interesse legale a tale determinazione.

(3) Se un presunto padre muore durante il procedimento, il procedimento continua contro il tutore nominato dal tribunale.

(4) Se un uomo che ha affermato di essere un padre muore durante il procedimento e se il figlio o la madre non continuano il procedimento, il tribunale interrompe il procedimento.

Negazione di paternità
§ 785
(1) Il marito può, entro sei mesi dal giorno in cui è venuto a conoscenza dei fatti che fanno sorgere un ragionevole dubbio di essere il padre di un figlio nato da sua moglie, negare la sua paternità in tribunale, ma non oltre il sei anni dalla nascita del bambino. Nega la paternità al bambino e alla madre se entrambi sono vivi, e se uno non è vivo, all’altro; se nessuno dei due è vivo, il marito non ha questo diritto.

(2) Se, prima della scadenza del periodo di diniego di sei anni, l’autodeterminazione del coniuge è stata limitata in modo tale da non poter negare la paternità, il suo tutore, nominato a tal fine dal tribunale, può negarla entro sei mesi dalla nomina del tribunale.

§ 786
(1) Se un figlio nasce tra il centosessanta giorno dalla conclusione del matrimonio e il trentesimo giorno dopo lo scioglimento o la dichiarazione di nullità, la paternità può essere negata, salvo quanto previsto nel § 777, solo se il marito della madre è il padre del bambino.

(2) Se un figlio nasce prima del centosessanta giorno dopo la conclusione del matrimonio, è sufficiente che il padre del figlio non sia considerato padre della madre se nega la sua paternità. Ciò non si applica se il marito della madre ha avuto rapporti sessuali con la madre del bambino in un momento in cui non erano trascorsi meno di centosessanta e più di trecento giorni prima della nascita del bambino, o se al momento del matrimonio sapeva che era incinta.

§ 787
La paternità non può essere negata ad un figlio nato tra il centosessanta e il terzo giorno dopo l’inseminazione artificiale effettuata con il consenso del marito della madre, o con il consenso di un altro uomo quando la madre non è coniugata, indipendentemente dalla genetica sostanze utilizzate. Ciò non si applica se la madre del bambino è rimasta incinta in altro modo.

§ 788
Se il successivo coniuge nega la paternità alla madre del figlio risposato, il termine di sei mesi per negare la paternità dell’ex coniuge decorre dal giorno successivo a quello in cui è venuto a conoscenza della decisione.

§ 789
La madre può negare che il padre del bambino sia suo marito entro sei mesi dalla nascita del bambino. Le disposizioni sul diniego di paternità da parte del coniuge si applicano mutatis mutandis.

§ 790
(1) Un uomo la cui paternità è stata determinata dal consenso dei genitori può negare la paternità al bambino solo se è escluso che possa essere il padre del bambino. Può farlo entro sei mesi dalla data in cui è stata determinata la paternità; se la paternità è accertata prima della nascita del figlio, il periodo non termina prima di sei mesi dalla nascita del figlio.

(2) Le disposizioni della Sezione 785 (1), seconda frase, e della Sezione 785 (2) si applicano mutatis mutandis.

§ 791
La madre del bambino può negare che il padre del bambino sia un uomo la cui paternità è stata determinata dal consenso dei genitori, entro i termini stabiliti nel § 790 paragrafo 1 frase due.

§ 792
Se la domanda di diniego di paternità è presentata dopo la scadenza del periodo di diniego, il giudice può decidere di rinunciare al ritardo se l’interesse superiore del minore e l’ordine pubblico lo richiedono.

§ 793
Se il chiaro interesse del bambino lo richiede e se devono essere soddisfatte le disposizioni che garantiscono i diritti umani fondamentali, il tribunale può, senza istanza, avviare un procedimento per negare la paternità se la paternità è stata stabilita con il consenso dei genitori ma il padre del bambino non può essere suo padre . Di norma, il tribunale sospende contemporaneamente la responsabilità genitoriale.

Sezione 2 Adozione
Sottosezione 1 Adozione, adottante e figlio adottivo
§ 794
Adozione significa accettare un estraneo come proprio.

§ 795
Il presupposto per l’adozione è una relazione tra l’adottante e l’adottato come tra il genitore e il bambino, o che ci siano almeno le basi di tale relazione. L’adozione di un minore deve essere conforme ai suoi interessi.

§ 796
(1) Il tribunale decide sull’adozione di un minore su proposta della persona che vuole adottare il bambino. L’istante allega alla domanda di adozione di un minore da o verso un paese straniero una decisione dell’autorità pubblica competente sul consenso all’adozione.

(2) Il tribunale decide sull’adozione di un adulto su proposta della persona che vuole adottare l’adulto, a cui si è unito l’adulto da adottare.

§ 797
In base alla decisione del tribunale sull’adozione, l’adottante o gli adottanti devono essere iscritti nel registro come genitore o genitori del bambino.

§ 798
Nessuno può trarre un indebito profitto dalle attività legate alla mediazione dell’adozione.

§ 799
(1) Solo un adulto e una persona indipendente può diventare adottante, se garantisce con le sue caratteristiche personali e il suo stile di vita, nonché i motivi e i motivi che lo portano all’adozione, che sarà un buon genitore per l’adottato bambino.

(2) Le condizioni di salute dell’adottante o di entrambi i genitori adottivi non devono limitare in misura significativa la cura del bambino adottato.

§ 800
(1) Il coniuge può essere il coniuge o uno dei coniugi. Eccezionalmente, un’altra persona può adottare; in tal caso, il giudice dispone anche la cancellazione dal registro dell’atto dell’altro genitore.

(2) Se i coniugi adottano, presentano insieme una proposta di adozione come coadottivi.

§ 801
Se l’adottante adotta il genitore, il giudice valuterà se l’adozione non sia in conflitto fondamentale con gli interessi dei figli dell’adottante; gli interessi patrimoniali non sono determinanti per la valutazione.

§ 802
Può essere adottato un figlio minorenne che non abbia acquisito piena autonomia.

§ 803
Tra l’adottante e l’adottato deve sussistere una ragionevole differenza di età, di norma non inferiore a sedici anni; solo se l’adozione è approvata da un tutore che rappresenta il minore nel procedimento e se l’adozione è conforme all’interesse del minore, la differenza di età tra l’adottante e l’adottato può eccezionalmente essere inferiore a sedici anni.

§ 804
L’adozione è esclusa tra parenti diretti e fratelli. Questo non si applica in caso di maternità surrogata.

Sottosezione 2 Consenso all’adozione
§ 805
L’adozione non può essere decisa senza il consenso del bambino, dei genitori del bambino o delle persone che hanno il diritto di prestare il consenso per conto dei genitori o del coniuge dell’adottante. Ciò vale anche se il consenso è stato revocato.

Consenso del bambino all’adozione
§ 806
(1) Se il bambino adottato ha raggiunto l’età di almeno dodici anni, è sempre necessario il suo consenso personale, a meno che non vi sia alcun dubbio che la procedura che richiede il consenso personale del bambino adottato sarebbe fondamentalmente contraria agli interessi del bambino o che il bambino non è in grado di valutarne le conseguenze.

(2) Prima che il bambino adottato esprima la sua opinione, il tribunale lo informa debitamente dello scopo, del contenuto e delle conseguenze del consenso all’adozione.

§ 807
(1) Se un bambino non ha raggiunto l’età di almeno dodici anni, il suo tutore acconsente all’adozione per suo conto; Di norma, il tribunale nomina un organismo di protezione sociale e giuridica per i minori come tutore. Prima di dare il suo consenso, il tutore scoprirà tutti i fatti decisivi che lo porteranno a concludere che l’adozione sarà nell’interesse superiore del bambino.

(2) Se possibile, il tribunale ascolta il bambino adottato e tiene conto della sua dichiarazione in merito al grado del suo sviluppo mentale.

§ 808
Il bambino adottato può revocare il suo consenso all’adozione fino alla decisione sull’adozione.

Consenso dei genitori
§ 809
L’adozione richiede il consenso dei genitori del bambino adottato.

§ 810
(1) Il genitore dà il consenso con una dichiarazione personale al tribunale. La dichiarazione deve soddisfare i requisiti generali dell’azione legale, ma se il consenso è legato all’adempimento di una condizione o se è limitato nel tempo, non viene preso in considerazione.

(2) Prima che il genitore esprima la sua opinione, il tribunale lo informa debitamente della natura e delle conseguenze della dichiarazione di consenso e della natura dell’adozione.

§ 811
(1) È richiesto il consenso di un genitore all’adozione del figlio anche se non ha acquisito piena autonomia. Il genitore che non ha ancora compiuto il sedicesimo anno di età non può dare il consenso all’adozione.

(2) Se il consenso è prestato da un genitore che non ha acquisito piena autonomia, non è possibile che il suo tutore agisca per suo conto; la sua capacità di prestare il consenso sarà valutata dal giudice secondo le disposizioni generali.

§ 812
Un genitore la cui giurisdizione è stata limitata da una decisione del tribunale può agire legalmente in materia di adozione, compresa la concessione del consenso all’adozione, solo nella misura in cui la sua giurisdizione non è stata limitata.

§ 813
(1) La madre di un bambino adottato può dare il consenso all’adozione non prima di sei settimane dopo la nascita del bambino. Il padre del bambino adottato può dare il consenso all’adozione anche prima della scadenza di tale termine, ma non prima della nascita del bambino.

(2) Se il consenso del padre o della madre è stato dato in precedenza, non deve essere preso in considerazione.

§ 814
Non è determinante se il consenso all’adozione sia stato dato con o senza designazione per una determinata persona dell’adottante.

§ 815
Se il consenso all’adozione è stato prestato per la designazione di una determinata persona come adottante e se la domanda di adozione è ritirata o respinta, il consenso cesserà di essere efficace.

§ 816
Il consenso all’adozione cessa di avere effetto se l’adozione non avviene entro sei anni dalla data in cui è stato prestato il consenso.

§ 817
(1) Il consenso all’adozione può essere revocato per un periodo di tre mesi dalla data in cui è stato dato.

(2) Il consenso all’adozione può essere revocato anche dopo la scadenza di tre mesi dalla data in cui è stato dato,
a) se il bambino adottato non è ancora stato affidato all’adottante prima dell’adozione,

(b) se il bambino adottato deve essere consegnato alla persona affidata alle cure della persona alla quale è stato affidato, poiché è nell’interesse superiore del bambino, stare con la sua genitori.

(3) Alla revoca del consenso si applicano mutatis mutandis le disposizioni su come, nei confronti di chi e con quali effetti viene prestato il consenso all’adozione.

§ 818
(1) Per l’adozione non è richiesto il consenso del genitore del bambino adottato se il genitore
a) è stato privato della responsabilità genitoriale e, al tempo stesso, del diritto di prestare il consenso all’adozione,

(b) non è in grado di esprimere la sua volontà o di riconoscere le conseguenze delle sue azioni o di controllarle; o

c) risiede in un luogo sconosciuto e tale luogo non può essere trovato dal giudice in collaborazione con altre autorità pubbliche anche con la necessaria diligenza.

(2) Se questi fatti sono dati ad entrambi i genitori, per l’adozione è richiesto il consenso del tutore, o il consenso del tutore, che è nominato a questo scopo dal tribunale; ciò vale anche se entrambi i genitori sono deceduti o se non è stata accertata la paternità del figlio adottato. Prima di concedere o rifiutare il consenso, devono essere accertati tutti i fatti rilevanti riguardanti il ​​bambino adottato e la sua famiglia che potrebbero influenzare la decisione di adozione; in particolare, si accerterà se l’adottato abbia parenti stretti e se questi siano interessati a prendersi cura del minore, e sarà sentita anche la persona a cui l’adottato è affidato.

§ 819
(1) Inoltre, l’adozione non richiede il consenso di un genitore che non è chiaramente interessato al bambino.

(2) Un genitore chiaramente non è interessato al bambino, a meno che non mostri sistematicamente un genuino interesse per il bambino, e quindi violi in modo permanente i suoi obblighi di genitore.

§ 820
(1) La mancanza di interesse di un genitore nei confronti di un figlio è considerata manifesta se è durata almeno tre mesi dall’ultima manifestazione di interesse genuino. Tuttavia, se il comportamento del genitore non può essere considerato una violazione grave dei suoi doveri, l’autorità preposta alla tutela dei minori deve essere informata delle possibili conseguenze del suo comportamento e devono essere trascorsi almeno tre mesi da tale istruzione. L’autorità per la tutela dei minori è obbligata a fornire consulenza e assistenza al genitore entro e non oltre tale istruzione, alle condizioni previste da un’altra norma di legge.

(2) L’ istruzione di cui al comma 1 non è richiesta se il genitore ha lasciato il luogo in cui aveva soggiornato in precedenza, senza indicare dove risiede attualmente, e se non è stato possibile conoscere il luogo in cui il il genitore resta tra tre mesi.

§ 821
(1) Il tribunale decide in un procedimento speciale se è o se non è necessario per l’adozione del consenso del genitore.

(2) Se il tribunale decide che l’adozione non richiede il consenso di entrambi i genitori, l’adozione richiede il consenso di un tutore nominato dal tribunale a tale scopo. Prima di dare il consenso al tutore, questi verrà a conoscenza di tutti i fatti determinanti riguardanti il ​​bambino adottato e la sua famiglia che potrebbero influenzare la decisione di adozione; in particolare, accerta se l’adottato ha parenti stretti interessati a prendersene cura e ascolta la persona a cui l’adottato è attualmente affidato.

§ 822
(1) Se si sono verificate circostanze in cui l’adozione non richiede il consenso del genitore, non è ancora possibile prendere una decisione positiva sull’adozione se c’è uno dei parenti stretti del bambino che è disposto e in grado di prendersi cura del bambino bambino e fa una proposta al tribunale in tal senso.

(2) Il tribunale affida il bambino alla cura del suo parente stretto, se ciò è conforme agli interessi del bambino e se è evidente che questa persona è in grado di prendersi cura del bambino.

Sottosezione 3 Assistenza pre-adozione
§ 823
(1) Con il consenso del futuro adottante, è possibile affidare il bambino adottato alle sue cure immediatamente dopo che entrambi i genitori hanno dato il loro consenso all’adozione. Se i genitori sono d’accordo, il bambino può essere consegnato al futuro adottante non appena lo stato di salute del bambino lo consente. I genitori del bambino adottato hanno l’obbligo di informare l’autorità di protezione sociale e giuridica del bambino in merito al trasferimento del bambino.

(2) La cura di un bambino nel periodo prima della scadenza di tre mesi dal giorno in cui è stato dato il consenso all’adozione non è cura prima dell’adozione. Durante questo periodo, la persona a cui è stato affidato il bambino ha solo il dovere e il diritto di prendersi cura e proteggere adeguatamente il bambino; nelle questioni del bambino relative a questa cura, può agire solo se assolutamente necessario.

§ 824
(1) Il tribunale decide sul trasferimento di un minore a cura ai sensi della Sezione 823.

(2) Se il tribunale ritiene che ci siano circostanze in cui l’adozione non richiede il consenso di un genitore, può applicare in modo analogo § 823 paragrafo 1.

§ 825
Decorsi tre mesi dalla data in cui è stato prestato il consenso all’adozione, l’esercizio dei diritti e degli obblighi derivanti dalla responsabilità genitoriale è sospeso; il tribunale nomina l’autorità preposta alla tutela dei minori quale tutore del minore adottato, a meno che il tutore non sia stato nominato in precedenza. Le disposizioni del § 929 si applicano per analogia.

§ 826
Trascorsi tre mesi dalla data in cui è stato dato il consenso all’adozione, il bambino adottato può essere affidato all’adottante per l’affidamento preadottivo. Il tribunale decide su tale trasferimento su proposta dell’adottante.

§ 827
(1) Il tribunale decide sul trasferimento di un minore all’adottante in affidamento preadottivo solo dopo aver condotto un’indagine sulla reciproca idoneità del minore e dell’adottante, in particolare per quanto riguarda
a) la personalità e le condizioni di salute dell’adottante e il suo ambiente sociale, in particolare l’alloggio e il nucleo familiare, nonché la capacità dell’adottante di prendersi cura del bambino e le motivazioni dell’adottante per l’adozione,

b) la personalità e lo stato di salute del bambino, l’ambiente sociale da cui proviene il bambino, nonché i suoi diritti di status,

c) l’ambiente etnico, religioso e culturale del bambino e dell’adottante,

d) il periodo durante il quale il minore è stato affidato all’adottante.

(2) Se uno dei coniugi desidera adottare il bambino, il tribunale deve scoprire il motivo per cui l’altro coniuge non si è unito alla petizione.

§ 828
Se il bambino adottato è stato precedentemente affidato alle cure dell’adottante, le sue ulteriori cure sono considerate cure preadottive. Non sono necessarie ulteriori decisioni da parte di un’autorità pubblica per l’assistenza pre-adozione.

§ 829
(1) Prima che venga presa una decisione sull’adozione, il bambino adottato deve essere affidato alle cure dell’adottante a proprie spese. L’adottante ha i doveri e i diritti della persona alla cui cura è affidato il bambino secondo § 953 a 957.

(2) La cura dell’adottante per il bambino adottato prima dell’adozione dura per un periodo sufficiente per un accertamento convincente che è stata stabilita una relazione tra l’adottante e il bambino come è il significato e lo scopo dell’adozione; questa cura non avrà fine prima che siano trascorsi sei mesi.

(3) Per il periodo in cui il bambino è affidato all’adottante, l’obbligo alimentare precedentemente stabilito di un’altra persona nei confronti del bambino è sospeso.

§ 830
(1) Se un uomo che afferma di essere il padre di un bambino adottato presenta una domanda per la determinazione della paternità, non è possibile decidere sull’adozione fino a quando non è stata decisa la decisione sulla determinazione della paternità.

(2) Se il bambino adottato è stato affidato alle cure del futuro adottante ai sensi dell’articolo 823 e se il termine di tre mesi entro il quale il consenso all’adozione può scadere prima della presentazione dell’istanza ai sensi del paragrafo 1, l’articolo 817 deve applicare mutatis mutandis.

§ 831
Se una persona che afferma di essere un parente stretto del bambino adottato presenta un’istanza per l’affidamento del bambino ai sensi dell’articolo 953, non è possibile decidere sull’adozione fino a quando questa istanza non è stata decisa.

Sottosezione 4 Conseguenze dell’adozione
§ 832
(1) Un figlio adottato congiuntamente dai coniugi o dal coniuge del genitore ha lo status di figlio congiunto dei coniugi; altrimenti ha lo status di bambino adottivo.

(2) I genitori adottivi hanno la potestà genitoriale.

§ 833
(1) L’adozione pone fine al rapporto familiare tra l’adottato e la famiglia originaria, nonché i diritti e gli obblighi derivanti da tale rapporto. Anche i diritti e gli obblighi di un tutore o tutore che è stato nominato per esercitare tali diritti e obblighi per conto dei genitori scadono.

(2) Se l’adottante è il coniuge di uno dei genitori dell’adottato, l’adozione del rapporto di famiglia tra l’adottato e questo genitore ei suoi parenti non pregiudica i diritti e gli obblighi derivanti da tale rapporto.

§ 834
Se un bambino che è un genitore è stato adottato, gli effetti dell’adozione si applicano anche a suo figlio.

§ 835
(1) L’ adottato ha il cognome dell’adottante; Il coniuge adottivo comune ha un cognome che era destinato ai figli al momento del matrimonio.

(2) Se un adottato che ha il diritto di parlare sul suo cognome non è d’accordo con il cambiamento del suo cognome, il tribunale decide che l’adottato aggiungerà il cognome dell’adottante al suo cognome. Se l’adottato ha un cognome allegato, il cognome dell’adottante può essere aggiunto solo al primo cognome dell’adottato; se l’adottante ha aggiunto un cognome, al cognome dell’adottato può essere aggiunto solo il primo cognome dell’adottante.

§ 836
L’adottante è tenuto ad informare l’adottato del fatto dell’adozione non appena lo ritenga opportuno, ma non oltre l’inizio della scolarizzazione.

§ 837 Segretezza dell’adozione
(1) L’ adottante o l’adottato possono proporre che il tribunale decida che l’adozione e le sue circostanze debbano essere tenute segrete alla famiglia di origine del bambino. Lo stesso vale per la segretezza di un genitore consanguineo e il suo consenso all’adozione.

(2) Sebbene l’adozione e le sue circostanze o il genitore consanguineo e il suo consenso all’adozione siano stati tenuti segreti, il tribunale può decidere di declassificarli se ciò è giustificato da una situazione molto grave che mette in pericolo la vita o la salute del bambino adottato.

§ 838
Non appena l’adottato diventa indipendente, acquisisce il diritto di conoscere il contenuto del fascicolo che è stato conservato nel procedimento relativo alla sua adozione.

§ 839 Supervisione del successo dell’adozione
(1) Indipendentemente dal fatto che sia imposta la supervisione del successo dell’adozione, di norma, l’organismo di protezione sociale e legale per i bambini fornirà ai consulenti consulenza e servizi relativi alla cura del bambino adottato.

(2) Se le circostanze del caso lo giustificano, il tribunale, anche senza mozione, ordina la supervisione dell’adottante e dell’adottato per il tempo strettamente necessario, la cui durata deve essere contemporaneamente determinata; il controllo è di solito effettuato attraverso l’organismo di protezione sociale e legale per i bambini.

Annullamento dell’adozione
§ 840
(1) Se ci sono ragioni importanti per questo, il tribunale annulla l’adozione su proposta dell’adottante o dell’adottato; se solo uno di essi presenta una proposta, l’altro può aderire alla proposta.

(2) L’adozione non può essere revocata trascorsi tre anni dalla decisione sull’adozione. Questo non si applica se l’adozione è contro la legge.

§ 841
(1) Con la soppressione dell’adozione cessa il rapporto derivante dall’adozione e gli obblighi e i diritti derivanti da tale rapporto e si rinnova il precedente legame familiare.

(2) I diritti di proprietà e gli obblighi patrimoniali dell’adottato sorti prima dell’annullamento dell’adozione non saranno interessati dall’annullamento dell’adozione.

§ 842
Dopo l’adozione, l’adottato manterrà il cognome che aveva prima dell’adozione, a meno che non dichiari che manterrà il cognome esistente.

§ 843 Riadozione di un adottato
Un bambino adottato può essere adottato di nuovo, solo
a) se la precedente adozione è stata annullata,

(b) se deve essere adottato dal successivo coniuge dell’adottante dopo la morte del precedente coniuge che era l’adottante congiunto, o

c) se è deceduto colui che era l’unico adottante o coloro che erano i coadottivi.

§ 844
Se è nell’interesse superiore del minore, il tribunale può, su richiesta dell’adottante, decidere prima della scadenza del termine di tre anni dalla decisione di adozione che l’adozione è irrevocabile.

§ 845
L’adozione irrevocabile non impedisce all’adottato di essere nuovamente adottato.

Sottosezione 5 Adozione di un adulto
§ 846
Un adulto può essere adottato purché non sia in conflitto con i buoni costumi.

§ 847 Adozione, che è simile all’adozione di un minore
(1) Un adulto può essere adottato se
a) il fratello naturale dell’adottato è stato adottato dallo stesso adottante,

b) al momento della presentazione della domanda di adozione, il minore adottato era,

(c) l’ adottante si è preso cura della persona adottata come propria al momento del suo minore; o

d) l’ adottante intende adottare il figlio del coniuge.

(2) Un adulto non può essere adottato se ciò sarebbe contrario all’interesse giustificato dei suoi consanguinei.

(3) Le disposizioni sull’adozione di un minore, comprese le disposizioni sulle conseguenze dell’adozione, si applicano, ad eccezione degli articoli 838 e 839, per analogia.

Adozione che non è assimilabile all’adozione di un minore
§ 848
(1) A meno che ciò non vada a scapito degli interessi importanti della prole dell’adottante o della prole adottata, un adulto può eccezionalmente essere adottato per ragioni degne di particolare considerazione, se ciò è vantaggioso per l’adottante e gli stessi adottati o in casi giustificati per almeno uno di loro.

(2) Le disposizioni sull’adozione di un minore, comprese le disposizioni sulle sue conseguenze, si applicano mutatis mutandis.

§ 849
(1) L’ adottato e i suoi discendenti non acquisiscono un legame di parentela con i membri della famiglia dell’adottante e non acquisiscono alcun diritto di proprietà nei loro confronti. L’adottante non acquisisce alcun diritto di proprietà nei confronti dell’adottato e dei suoi discendenti.

(2) Un bambino adottato ei suoi discendenti non perdono i loro diritti nella propria famiglia.

Disposizioni comuni per l’adozione di un adulto
§ 850
(1) Se la persona adottata non è completamente indipendente, il rappresentante legale o il tutore nominato dal tribunale agisce per suo conto.

(2) Se il matrimonio dell’adottato dura, può essere adottato solo con il consenso di suo marito. Se il coniuge non può dare il consenso perché non è pienamente indipendente, o se la misura del suo consenso è associata a un ostacolo di difficile superamento, il giudice valuterà separatamente se l’adozione non sia contraria ai legittimi interessi del coniuge o altri membri della famiglia.

§ 851
(1) L’adozione di un adulto non pregiudica il suo cognome.

(2) Se l’adottante è d’accordo, l’adottato può aggiungere il cognome dell’adottante al suo cognome; se il matrimonio dell’adottante dura e i coniugi hanno un cognome comune, è richiesto anche il consenso dell’altro coniuge.

(3) Se il matrimonio dell’adottato dura e se i coniugi hanno un cognome comune, l’adottato può aggiungere il cognome dell’adottante al suo cognome solo con il consenso del marito.

§ 852
L’adozione ha conseguenze legali per l’adottato ei suoi discendenti se nati dopo. Per i figli nati in precedenza di un bambino adottato, l’adozione ha conseguenze legali solo se hanno dato il loro consenso all’adozione.

§ 853
(1) L’ obbligazione alimentare di un adottato nei confronti dei suoi antenati o discendenti continua solo se e solo nella misura in cui altre persone che hanno un’obbligazione alimentare non lo sono, o se queste persone non sono in grado di adempiere ai propri obblighi alimentari. L’adottato ha diritto agli alimenti nei confronti dei suoi antenati o discendenti solo se e solo nella misura in cui l’adottante non è in grado di adempiere ai suoi obblighi alimentari.

(2) L’ adottato eredita dopo l’adottante nella prima classe legale di eredi, ma non entra nel diritto successorio dell’adottante nei confronti di altre persone.

(3) Se l’adozione ha conseguenze giuridiche anche per la prole dell’adottato, si applicano mutatis mutandis i paragrafi 1 e 2.

§ 854
Per l’adozione di un minore che ha ottenuto l’indipendenza, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sull’adozione di un minore.

Sezione 3 Genitori e figlio
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 855
(1) I genitori e il bambino hanno obblighi e diritti reciproci. Non possono rinunciare a questi obblighi e diritti reciproci; se lo fanno, non sarà preso in considerazione.

(2) Lo scopo dei doveri e dei diritti verso il bambino è assicurare il beneficio morale e materiale del bambino.

§ 856
Obblighi e diritti dei genitori connessi alla personalità del bambino e doveri e diritti di natura personale sorgono alla nascita di un bambino e scadono alla maggiore età.

§ 857
(1) Il bambino è obbligato a prendersi cura dei suoi genitori.

(2) Fino a quando il bambino non diventa indipendente, i genitori hanno il diritto di guidare il bambino attraverso misure educative conformi alle sue capacità di sviluppo, comprese le restrizioni volte a proteggere la morale, la salute e i diritti del bambino, nonché i diritti degli altri e ordine pubblico. Il bambino è obbligato a rispettare queste misure.

§ 858
La responsabilità genitoriale comprende i doveri e i diritti dei genitori, che consistono nella cura del bambino, compresa in particolare la cura della sua salute, il suo sviluppo fisico, emotivo, intellettuale e morale, la protezione del bambino, il mantenimento dei contatti personali con il bambino , assicurando la sua educazione e istruzione, nella determinazione del suo luogo di residenza, nella sua rappresentanza e nell’amministrazione dei suoi beni; sorge alla nascita di un bambino e si estingue non appena il bambino diventa completamente indipendente. La durata e l’estensione della responsabilità genitoriale possono essere modificate solo da un tribunale.

§ 859
Le obbligazioni alimentari e il diritto al mantenimento non fanno parte della responsabilità genitoriale; la loro durata non dipende dalla maggiore età o dall’autonomia.

Sottosezione 2 Nome e cognome del minore
§ 860
(1) Il figlio ha un cognome determinato alla conclusione del matrimonio dei suoi genitori per i figli congiunti dei coniugi.

(2) Se il bambino non ha un cognome ai sensi del paragrafo 1, i genitori scelgono il cognome di uno di loro per il bambino; in caso contrario il suo cognome sarà determinato dal tribunale. Lo stesso vale per il nome personale del bambino.

§ 861
Se è noto solo uno dei genitori, il bambino ha il suo cognome. Questo genitore determina anche il nome personale del bambino; altrimenti saranno determinate dal tribunale.

§ 862
(1) Nel caso di un figlio i cui genitori non sono coniugi, i genitori scelgono il cognome di uno di loro per il figlio; in caso contrario il suo cognome sarà determinato dal tribunale.

(2) Se il matrimonio è concluso dalla madre di un figlio di cui non si conosce il padre, la madre del figlio e il marito possono dichiarare allo stesso modo all’anagrafe che anche questo figlio avrà un cognome destinato agli altri figli .

§ 863
(1) Un cambiamento del cognome del bambino ai sensi della Sezione 862 richiede la dichiarazione del bambino alle stesse condizioni come in altre questioni riguardanti il ​​bambino; se il figlio ha più di quindici anni, dovrà acconsentire al cambio del cognome.

(2) Le disposizioni della Sezione 862 non possono essere applicate se il bambino ha raggiunto la maggiore età.

§ 864
Se nessuno dei genitori è noto, il tribunale determinerà il nome personale e il cognome del bambino senza un’istanza.

Sottosezione 3 Responsabilità genitoriale
§ 865
(1) La responsabilità genitoriale spetta in egual modo ad entrambi i genitori. Ogni genitore ce l’ha, a meno che non ne sia stato privato.

(2) Se il tribunale decide di limitare la giurisdizione del genitore, decide anche sulla sua responsabilità genitoriale.

§ 866
Gli interessi del minore sono decisivi per una decisione del tribunale concernente l’estensione della responsabilità genitoriale o il modo o la misura in cui i genitori devono esercitarla.

§ 867
(1) Prima di prendere una decisione che leda l’interesse superiore del minore, il tribunale fornisce al minore le informazioni necessarie per consentirgli di formarsi un’opinione e comunicarla.

(2) Se, secondo le conclusioni del tribunale, il minore non è in grado di ricevere le informazioni correttamente o non è in grado di formarsi un’opinione propria o se non è in grado di comunicare tale opinione, il tribunale informa e ascolta la persona che è in grado di proteggere gli interessi del bambino, deve essere una persona i cui interessi non sono in conflitto con quelli del bambino; un bambino di età superiore ai dodici anni è considerato in grado di ricevere informazioni, formarsi un’opinione e comunicarla. Il tribunale presta la dovuta attenzione all’opinione del bambino.

§ 868
(1) L’esercizio della potestà genitoriale di un genitore minore che non abbia precedentemente acquisito piena autonomia dichiarando la propria capacità giuridica o stipulando un matrimonio è sospeso fino a quando non acquisisce la piena autonomia; ciò non si applica all’esercizio del dovere e del diritto di affidamento del figlio, a meno che il giudice non decida nei confronti della persona del genitore che l’esercizio di tale dovere e tale diritto sia sospeso fino a quando il genitore non acquisisce la piena giurisdizione.

(2) L’esercizio della responsabilità genitoriale di un genitore la cui autonomia è stata limitata in questo settore è sospeso per il periodo di prescrizione della sua giurisdizione, a meno che il tribunale non decida che il genitore conserva il dovere e il diritto di prendersi cura del bambino e contatto personale con il bambino.

§ 869
(1) Se a un genitore è impedito di esercitare la sua responsabilità genitoriale e se si può presumere che ciò sia necessario in conformità con gli interessi del bambino, il tribunale può decidere che l’esercizio della responsabilità genitoriale di quel genitore sia sospeso.

(2) La sospensione dell’esercizio della responsabilità genitoriale non pregiudica l’adempimento dell’obbligo alimentare nei confronti del figlio.

§ 870
Se il genitore non esercita correttamente la sua responsabilità genitoriale e se l’interesse superiore del figlio lo richiede, il giudice limiterà la sua responsabilità genitoriale, o ne limiterà l’esercizio, e allo stesso tempo determinerà la portata di tale limitazione.

§ 871
(1) Se un genitore abusa della sua responsabilità genitoriale o del suo esercizio, o trascura gravemente la sua responsabilità genitoriale o il suo esercizio, il tribunale lo esonera dalla sua responsabilità genitoriale.

(2) Se un genitore ha commesso un reato intenzionale contro suo figlio, o se il genitore ha usato suo figlio, che non è penalmente responsabile, per commettere un reato, o se il genitore ha commesso un reato come complice, guida, assistente o organizzatore di un reato commesso da suo figlio, il giudice valuta separatamente se non vi sono motivi per privare il genitore della sua responsabilità genitoriale.

§ 872
Prima che un tribunale decida di limitare la responsabilità genitoriale, il tribunale valuterà sempre se, nell’interesse superiore del minore, sia necessario limitare il diritto del genitore ad avere contatti personali con il minore. Se il genitore è privato della responsabilità genitoriale, il genitore conserva il diritto di avere contatti personali con il figlio solo se il tribunale decide di preservare tale diritto del genitore, tenendo conto dell’interesse superiore del bambino.

§ 873
Se il giudice ha sollevato il genitore dalla responsabilità genitoriale, può allo stesso tempo decidere di liberarlo da tutti o da alcuni degli obblighi e dei diritti di cui al § 856, in particolare il diritto di dare il consenso all’adozione.

§ 874
Privare un genitore della sua responsabilità genitoriale o limitarla non pregiudica il suo obbligo alimentare nei confronti del figlio.

Disposizioni particolari sull’esercizio della responsabilità genitoriale
§ 875
(1) La responsabilità genitoriale è esercitata dai genitori in conformità con gli interessi del bambino.

(2) Prima di prendere una decisione che leda l’interesse superiore del minore, i genitori devono fornire al minore tutto il necessario per formarsi un’opinione in merito e comunicarla ai genitori; ciò non si applica se il bambino non è in grado di accettare correttamente il messaggio o non è in grado di formarsi una propria opinione o non è in grado di comunicare tale opinione ai genitori. I genitori prestano la dovuta attenzione all’opinione del bambino e tengono conto dell’opinione del bambino quando prendono decisioni.

§ 876
(1) La responsabilità genitoriale è esercitata dai genitori di comune accordo.

(2) Se c’è il rischio di ritardo nel decidere sulla questione del bambino, uno dei genitori può decidere o concedere lui stesso il permesso; è tuttavia tenuto ad informare immediatamente l’altro genitore della situazione.

(3) Se uno dei genitori agisce da solo nella questione del figlio contro un terzo in buona fede, si considera che agisca con il consenso dell’altro genitore.

§ 877
(1) Se i genitori non sono d’accordo su una questione importante per il bambino, in particolare per quanto riguarda il suo interesse, il tribunale decide su proposta del genitore; ciò vale anche se un genitore ha escluso l’altro genitore dal decidere su una questione significativa per il figlio.

(2) In particolare, sono considerati importanti gli interventi medici di routine e simili, la determinazione del luogo di residenza e la scelta dell’istruzione o dell’occupazione del minore.

§ 878
(1) Se uno dei genitori non è vivo o non è conosciuto, se uno dei genitori non ha la responsabilità genitoriale, o se l’esercizio della sua responsabilità genitoriale è sospeso, l’altro genitore esercita la responsabilità genitoriale; ciò vale anche se la responsabilità genitoriale di uno dei genitori è limitata o se la sua prestazione è limitata.

(2) Se nessuno dei genitori ha la piena responsabilità genitoriale o se l’esercizio della responsabilità genitoriale di entrambi i genitori è sospeso, o se la responsabilità genitoriale dei genitori è influenzata in uno dei modi di cui sopra, ma ciascuno in modo diverso, il tribunale nomina un tutore per il bambino e i diritti dei genitori o il loro esercizio al posto dei genitori.

(3) Se la responsabilità genitoriale dei genitori è limitata o se il suo esercizio è limitato, il tribunale nomina un tutore per il bambino.

§ 879
(1) Nei procedimenti legali contro un bambino che non è competente ad agire in modo indipendente in materia, è sufficiente un procedimento contro uno solo dei genitori in qualità di rappresentanti del bambino.

(2) Se è giuridicamente significativo se un minore che non è competente ad agire in modo indipendente in un caso sia in buona fede, è necessario che sia valutata la buona fede di entrambi i genitori; tuttavia, se il bambino è accudito da uno solo dei genitori, sarà valutata solo la sua buona fede.

(3) Se è giuridicamente significativo se un minore che non è competente ad agire legalmente nel caso in modo indipendente sapeva o non sapeva della cosa o dei fatti, è necessario valutare la conoscenza di entrambi i genitori; tuttavia, se solo uno dei genitori è a carico del bambino, sarà valutata solo la sua conoscenza.

Cura e protezione dei bambini
§ 880
(1) La responsabilità genitoriale sulla persona di un bambino deve essere esercitata dai genitori in modo e nella misura corrispondenti allo stadio di sviluppo del bambino.

(2) Quando i genitori decidono in merito all’istruzione o all’occupazione del figlio, tengono conto della sua opinione, capacità e talenti.

§ 881
I genitori possono affidare la cura e la protezione del bambino, l’esecuzione della sua educazione, o alcuni suoi aspetti, o la supervisione del bambino ad un’altra persona; l’accordo dei genitori con esso non deve necessariamente incidere sulla durata o sull’estensione della responsabilità genitoriale.

§ 882
(1) Se un’altra persona trattiene illegalmente un bambino, i genitori hanno il diritto di chiedere che il bambino venga loro consegnato; questo vale anche tra i reciproci genitori. Anche il diritto di prendersi cura del bambino ha questo diritto.

(2) Una persona che trattiene illegalmente un bambino è obbligata a consegnarlo correttamente alla persona che ha il diritto di custodia del bambino.

§ 883
I genitori e il bambino hanno l’obbligo di aiutare, sostenere e rispettare la loro dignità.

§ 884
(1) I genitori hanno un ruolo cruciale nell’educazione di un bambino. I genitori dovrebbero essere un esempio completo per i loro figli, soprattutto quando si tratta del modo di vivere e del comportamento in famiglia.

(2) I mezzi educativi possono essere usati solo in una forma e nella misura che sia proporzionata alle circostanze, non metta in pericolo la salute o lo sviluppo del bambino e non leda la dignità umana del bambino.

§ 885
Se solo uno dei genitori si prende cura del bambino, anche il coniuge o il partner del genitore del bambino partecipa alla cura e all’educazione del bambino se vive nel nucleo familiare con il bambino. Ciò vale anche per coloro che vivono con il genitore del bambino senza contrarre matrimonio o unione registrata con lui, se vivono con il bambino in un nucleo familiare.

§ 886
(1) Se un bambino vive con i suoi genitori o uno di loro in un nucleo familiare e se è adeguatamente curato, partecipa anche alla cura della famiglia. Tale obbligo del bambino cessa contemporaneamente alla fornitura del sostegno dei genitori al bambino.

(2) Il figlio partecipa alla cura del nucleo familiare con il proprio lavoro, o con contributi in denaro, se dispone di un proprio reddito, o in entrambi i modi. Le capacità e le possibilità del bambino, nonché i bisogni giustificati dei membri della famiglia sono determinanti per determinare l’entità della partecipazione del bambino alla cura della famiglia.

Contatto personale del genitore con il bambino
§ 887
I genitori non possono affidare ad un’altra persona l’esercizio del diritto dei genitori a mantenere un contatto personale con il figlio.

§ 888
Un bambino affidato alle cure di un solo genitore ha il diritto di avere contatti con l’altro genitore nella misura in cui è nell’interesse superiore del bambino, così come quel genitore ha il diritto di avere contatti con il bambino, a meno che il tribunale limita o vieta tale contatto; il giudice può anche determinare le condizioni del contatto, in particolare il luogo in cui deve avvenire, nonché le persone che possono o meno partecipare al contatto. Il genitore che ha la custodia del bambino è obbligato a preparare adeguatamente il bambino per il contatto con l’altro genitore, a consentire il contatto del bambino con l’altro genitore in modo appropriato e a collaborare con l’altro genitore nella misura necessaria nell’esercizio del diritto di contatto personale con il bambino.

§ 889
Il genitore che ha la custodia del bambino e l’altro genitore devono astenersi da tutto ciò che interrompe il rapporto del bambino con entrambi i genitori o che rende difficile l’educazione del bambino. Se il genitore che ha la custodia del bambino impedisce irragionevolmente all’altro genitore di avere contatti con il bambino in modo permanente o ripetuto, tale comportamento sarà motivo per una nuova decisione del tribunale su quale dei genitori deve avere la custodia del bambino.

§ 890
I genitori hanno l’obbligo di comunicarsi reciprocamente tutti gli elementi essenziali riguardanti il ​​figlio ei suoi interessi.

§ 891
(1) Il genitore che ha la custodia del bambino e l’altro genitore devono concordare su come il genitore che non ha la custodia del bambino avrà contatti con il bambino. Se i genitori non sono d’accordo, o se l’interesse all’educazione del figlio e la situazione familiare lo richiedono, il giudice disciplina il contatto del genitore con il figlio. In casi giustificati, il tribunale può determinare il luogo di contatto del genitore con il figlio.

(2) Se è necessario nell’interesse superiore del minore, il tribunale limita il diritto del genitore di avere contatti personali con il minore o vieta tale contatto.

Rappresentanza del bambino
§ 892
(1) I genitori hanno l’obbligo e il diritto di rappresentare il minore in procedimenti legali per i quali non è giuridicamente competente.

(2) I genitori rappresentano il bambino insieme, ma ciascuno di loro può agire; le disposizioni del § 876 par. 3 si applicano per analogia.

(3) Un genitore non può rappresentare un bambino se potrebbe esserci un conflitto di interessi tra lui/lei e il bambino o tra i figli degli stessi genitori. In tal caso, il tribunale nomina un tutore per il bambino.

§ 893
Se i genitori non sono d’accordo su chi di loro rappresenterà il bambino nel procedimento giudiziario, il tribunale deciderà, su richiesta del genitore, quale dei genitori agirà legalmente per conto del bambino e in che modo.

§ 894
(1) I genitori in qualità di tutori legali possono, al fine di risolvere la questione del bambino, se non si tratta di stato personale, stipulare un contratto di rappresentanza da parte di una persona con conoscenze professionali o di un’altra persona idonea.

(2) Se un bambino conclude un contratto di rappresentanza, ciò non pregiudica la rappresentanza legale del bambino da parte del genitore.

(3) Se non viene raggiunto un accordo tra il rappresentante legale e quello contrattuale, il tribunale decide in base all’interesse del minore.

§ 895
In caso di negazione della paternità, resta impregiudicato il procedimento giudiziario intrapreso dal padre in qualità di tutore legale.

Prendersi cura della proprietà del bambino
§ 896
(1) I genitori hanno il dovere e il diritto di prendersi cura dei beni del bambino, specialmente di amministrarli come un vero e proprio amministratore. I fondi che potrebbero non essere necessari per coprire le spese relative alla proprietà del bambino devono essere gestiti in modo sicuro.

(2) Nei procedimenti legali riguardanti una singola parte della proprietà del bambino, i genitori agiranno come suoi rappresentanti; le disposizioni del § 892 par. 3 si applicano per analogia.

(3) Se i genitori violano l’obbligo di prendersi cura della proprietà del bambino come un vero amministratore, devono risarcire il bambino per il danno causato in solido.

§ 897
Se i genitori non sono d’accordo sull’essenziale nella cura dei beni del bambino, il tribunale deciderà sulla proposta del genitore.

§ 898
(1) I genitori hanno bisogno del consenso del tribunale per procedimenti legali riguardanti la proprietà esistente e futura del bambino o singoli componenti di questa proprietà, a meno che non si tratti di questioni ordinarie o, sebbene eccezionali, ma riguardanti un valore della proprietà trascurabile.

(2) Il consenso del tribunale è richiesto in particolare per i procedimenti legali con cui il bambino
a) acquista o aliena beni immobili,

b) grava sul bene nel suo complesso o su una parte non irrilevante di esso,

(c) acquisisce un dono, un’eredità o un lascito di valore patrimoniale non trascurabile, o rifiuta tale dono, eredità o legato, o fornisce un tale dono o dono che rappresenta una parte non insignificante della sua proprietà, o

(d) stipula un contratto di prestazione a lungo termine, un contratto di credito o simile, o un contratto relativo all’alloggio, in particolare l’affitto.

(3) L’azione legale del genitore, per la quale manca il necessario consenso del tribunale, non deve essere presa in considerazione.

§ 899
Ciò che i genitori guadagnano utilizzando la proprietà del bambino viene acquisito dal bambino.

§ 900
(1) Il reddito della proprietà del bambino, che i genitori non utilizzano per la corretta amministrazione della sua proprietà (profitto), deve essere utilizzato in primo luogo per il mantenimento del bambino. Se necessario, i genitori possono quindi utilizzare l’utile residuo dei beni del figlio come contributo al mantenimento dei genitori e del fratello minore del figlio, se vivono con il figlio in un nucleo familiare, a meno che per motivi importanti non sia necessario mantenerli per il bambino dopo l’acquisizione autonomia.

(2) I genitori possono, con il consenso del tribunale, utilizzare i beni del bambino per mantenere i propri e i fratelli solo se, senza colpa delle persone che hanno un obbligo di mantenimento nei confronti del bambino, si verifica una disparità significativa tra le circostanze del bambino e quelli dei responsabili.

§ 901
(1) L’obbligo e il diritto del genitore di prendersi cura dei beni del figlio scadono con la dichiarazione di fallimento dei beni del genitore. Se non c’è altro genitore che possa prendersi cura dei beni del figlio, il tribunale nominerà un tutore per l’amministrazione dei beni del figlio anche senza proposta.

(2) Trascorsi tre anni dall’annullamento del fallimento, il giudice può, su proposta del genitore o del tutore per l’amministrazione dei beni del figlio, revocare la limitazione della potestà genitoriale, salvo rinnovo del dovere e diritto del genitore di la cura dei beni del bambino sarebbe contraria agli interessi del bambino.

§ 902
(1) Non appena il bambino acquisisce la piena autonomia, i genitori gli consegnano i beni che hanno amministrato, in particolare gli consegnano parte dei suoi beni, o trasferiscono loro la loro amministrazione e consegnano al bambino un estratto conto senza indebito ritardo, ma non oltre la piena autonomia del minore. La fatturazione non è richiesta se il bambino non la richiede.

(2) Se i genitori hanno sostenuto spese nell’amministrazione della proprietà del figlio o in relazione ad essa, possono chiedere il loro risarcimento.

§ 903
(1) Se l’amministrazione della proprietà è stata molto difficile, soprattutto a causa delle dimensioni o della diversità della proprietà, e i genitori hanno gestito correttamente la proprietà, possono, dopo aver consegnato la proprietà gestita al figlio, chiedere una remunerazione ragionevole, se il ritorno sulla proprietà lo consente.

(2) Se è già chiaro dalle circostanze durante l’amministrazione della proprietà che l’amministrazione è molto difficile e i genitori la svolgono correttamente, il tribunale concede loro una ragionevole remunerazione annuale o altrimenti programmata per l’amministrazione della proprietà su proposta .

§ 904
Il trasferimento e l’accettazione dei beni non pregiudica la responsabilità dei genitori per l’amministrazione dei beni del figlio.

§ 905
(1) Il tribunale nomina un tutore per l’amministrazione dei beni del bambino anche senza proposta, se gli interessi del bambino potrebbero essere messi in pericolo, specialmente se esistono diritti di proprietà comune dei genitori e del bambino o del bambino e di suo fratello . Nell’ambito dei doveri e dei diritti del tutore per l’amministrazione dei beni del minore, i genitori sono limitati nell’esercizio dei doveri e dei diritti in relazione ai beni del minore.

(2) Per i doveri e i diritti del tutore per l’amministrazione dei beni del figlio, che è stato nominato accanto ai genitori, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sul tutore che amministra i beni del tutore o sul tutore che amministra i beni del tutore .

Esercizio della responsabilità genitoriale dopo il divorzio
§ 906
(1) Se deve essere presa una decisione sul divorzio del matrimonio dei genitori del bambino, il tribunale stabilisce innanzitutto come ciascuno dei genitori si prenderà cura del bambino in futuro, tenendo conto dell’interesse superiore del bambino ; in tale ottica, il giudice si discosta dal consenso dei genitori solo se lo richiede l’interesse superiore del minore. Il tribunale terrà conto non solo del rapporto del bambino con ciascuno dei genitori, ma anche del suo rapporto con i fratelli oi nonni.

(2) Il tribunale può anche decidere di approvare l’accordo dei genitori, a meno che non sia chiaro che il modo concordato di esercitare la responsabilità genitoriale non è nell’interesse superiore del bambino.

§ 907
(1) Il tribunale può affidare il bambino all’affidamento di uno dei genitori, o all’affidamento alternato, o all’affidamento congiunto; il tribunale può anche affidare il minore alle cure di una persona diversa dai genitori, se ciò è necessario nell’interesse superiore del minore. Se il bambino deve essere affidato in affidamento congiunto, i genitori devono essere d’accordo.

(2) Quando decide sull’affidamento, il tribunale decide in modo che la decisione corrisponda all’interesse superiore del bambino. Il tribunale tiene conto della personalità del bambino, in particolare dei suoi talenti e capacità in relazione alle possibilità di sviluppo e alle condizioni di vita dei genitori, nonché l’orientamento emotivo e il background del bambino, le capacità educative di ciascun genitore, la stabilità attuale e attesa dell’ambiente educativo il bambino dovrebbe vivere in futuro, sui legami affettivi del bambino con i suoi fratelli, nonni o altri parenti e persone non imparentate. Il tribunale terrà sempre conto di quale dei genitori ha finora adeguatamente curato il bambino e adeguatamente curato della sua educazione emotiva, intellettuale e morale, nonché quale dei genitori ha le migliori premesse per uno sviluppo sano e di successo.

(3) Nel decidere sull’affidamento di un bambino, il tribunale deve anche prestare attenzione al diritto del bambino di prendersi cura di entrambi i genitori e di mantenere contatti personali regolari con loro, il diritto dell’altro genitore al quale il bambino non sarà affidato alla regolare informazione sul figlio la capacità del genitore di accordarsi sull’educazione del figlio con l’altro genitore.

§ 908 Esercizio dei doveri e dei diritti dei genitori che vivono separatamente
Se i genitori di un figlio minorenne non pienamente autonomo convivono e se non sono d’accordo sulla regolamentazione dell’affidamento di tale figlio, il giudice decide anche senza istanza. Per il resto, le disposizioni degli articoli 906 e 907 si applicano mutatis mutandis.

§ 909 Disposizioni speciali
Se la situazione cambia, il giudice modificherà la decisione sull’esercizio dei doveri e dei diritti derivanti dalla responsabilità genitoriale anche senza istanza.

Sottosezione 4 Obbligo di mantenimento
§ 910
(1) Antenati e discendenti hanno un obbligo reciproco di mantenimento.

(2) L’ obbligazione alimentare dei genitori nei confronti del figlio precede l’obbligazione alimentare dei nonni e di altri antenati nei confronti del figlio.

(3) I parenti lontani hanno un’obbligazione alimentare solo se i parenti più stretti non possono adempierla.

(4) Se non si tratta del rapporto tra genitori e figlio, l’obbligazione alimentare dei discendenti precede l’obbligazione alimentare degli antenati.

§ 911
Gli alimenti possono essere concessi se il creditore non è in grado di mantenersi.

§ 912
Il figlio minorenne non pienamente autonomo ha diritto al mantenimento, anche se possiede beni propri, ma il profitto del patrimonio insieme al reddito da attività lucrativa non è sufficiente a sostenerlo.

§ 913
(1) Le esigenze giustificate del creditore e i suoi rapporti patrimoniali, nonché le capacità, le possibilità e i rapporti patrimoniali del debitore sono decisivi per determinare l’entità del mantenimento.

(2) Quando si valutano le capacità, le possibilità e i rapporti patrimoniali del responsabile, è necessario esaminare anche se il responsabile non si è arreso senza un motivo importante per un impiego o un’attività lucrativa o un vantaggio patrimoniale più vantaggioso, o se lo fa non correre rischi sproporzionati sulla proprietà. Occorre anche tener conto del fatto che il debitore si prende personalmente cura del beneficiario e in quale misura lo fa; se del caso, si tiene conto anche della cura del nucleo familiare.

§ 914
Se vi sono più debitori che hanno lo stesso status nei confronti del creditore, l’entità dell’obbligazione alimentare di ciascuno di essi corrisponde al rapporto tra i loro rapporti patrimoniali, capacità e possibilità rispetto ai rapporti patrimoniali, capacità e possibilità di altri.

Alimenti tra genitori e figli e antenati e discendenti
§ 915
(1) Il tenore di vita di un bambino dovrebbe essere fondamentalmente lo stesso del tenore di vita dei genitori. Questo aspetto precede i bisogni giustificati del bambino.

(2) Il bambino è obbligato a fornire ai suoi genitori un’alimentazione dignitosa.

§ 916
Se nel procedimento sull’obbligazione alimentare il genitore non prova al figlio o sull’obbligazione alimentare di un altro antenato al figlio minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, il debitore di alimenti prova debitamente al tribunale i suoi redditi presentando tutti i documenti e altri documenti per la valutazione della proprietà e non consente al tribunale di prendere una decisione mediante la divulgazione di dati protetti da un altro regolamento legale, il reddito mensile medio di questa persona è venticinque volte l’importo del minimo di sussistenza dell’individuo ai sensi di un altro regolamento legale.

§ 917
Se il giudice decide sull’obbligazione alimentare del genitore verso il figlio o sull’obbligazione alimentare dell’antenato verso il figlio minore che non ha acquisito piena autonomia, e sui rapporti patrimoniali del debitore, la creazione di risparmi può essere considerati come bisogni giustificati del bambino. gli alimenti forniti diventano di proprietà del figlio. Per la gestione delle somme così previste si applicano le norme generali sui beni del figlio.

§ 918
Nei procedimenti relativi all’obbligazione alimentare di un genitore nei confronti di un figlio, il giudice può, in casi meritevoli di particolare considerazione, ordinare al debitore di alimenti di versare un anticipo sugli alimenti dovuti in futuro; gli alimenti forniti diventano proprietà del figlio gradualmente nei singoli giorni di pagamento degli alimenti. Il deposito è considerato di proprietà del debitore.

§ 919
Se i genitori di un figlio minore che non ha acquisito la piena giurisdizione non convivono e se non sono d’accordo sull’adempimento delle obbligazioni alimentari nei confronti del figlio, o se i genitori di tale figlio vivono insieme ma uno di essi non adempiere all’obbligo alimentare nei confronti del figlio, il tribunale procede ai sensi dei § 915-918. Ciò vale anche se il tribunale decide sulla cura di un figlio minore che non ha acquisito piena giurisdizione, a meno che i genitori non accettino di adempiere all’obbligo alimentare nei confronti il bambino.

§ 920 Alimenti e garanzia del rimborso di alcune spese a una madre non sposata
(1) Se la madre del bambino non è sposata con il padre del bambino, il padre del bambino provvede al suo mantenimento per un periodo di due anni dalla nascita del bambino e contribuisce in misura ragionevole alla copertura dei costi connessi alla gravidanza e parto. L’obbligo di rimborsare le spese di gravidanza e parto sorge per un uomo la cui paternità è probabile, anche se il bambino non è nato vivo.

(2) Il tribunale può, su richiesta di una donna incinta, ordinare a un uomo la cui paternità può fornire l’importo necessario per il mantenimento e un contributo per coprire in anticipo i costi associati alla gravidanza e al parto.

(3) Il tribunale può anche, su richiesta di una donna incinta, imporre a un uomo la cui paternità è probabile che fornisca in anticipo l’importo necessario per mantenere il bambino per il periodo durante il quale la donna avrebbe diritto al congedo di maternità come dipendente in virtù di un’altra norma di legge.

Disposizioni comuni sulla manutenzione
§ 921
Gli alimenti sono corrisposti in prestazioni regolari ed è sempre pagabile con un mese di anticipo, a meno che il tribunale non abbia deciso diversamente o il debitore degli alimenti non abbia concordato diversamente con l’avente diritto.

§ 922
(1) Gli alimenti possono essere concessi solo dal giorno dell’inizio del procedimento giudiziario; in caso di mantenimento dei figli, per un periodo massimo di tre anni da tale data.

(2) Gli alimenti per la madre non sposata e il rimborso delle spese legate alla gravidanza e al parto possono essere concessi retroattivamente, ma non oltre i due anni dalla data del parto.

§ 923
(1) Se le circostanze cambiano, il tribunale può modificare l’accordo e la decisione sugli alimenti per un figlio minore che non ha acquisito piena giurisdizione.

(2) Se il mantenimento viene annullato o ridotto in passato per un figlio minore che non ha acquisito piena autonomia, il mantenimento consumato non verrà restituito. L’assegno di mantenimento per tale figlio è stato versato con un mese di anticipo, ma il figlio è morto prima della fine del mese.

Sezione 4 Misure speciali per l’educazione dei figli
Misure preventive, educative e sanzionatorie
§ 924
Se il minore si trova in uno stato di mancanza di cure adeguate, indipendentemente dal fatto che vi sia o meno una persona avente diritto a prendersene cura, o se la vita, il normale sviluppo o altri importanti interessi del minore sono gravemente minacciati o disturbati, il tribunale adegua in via provvisoria le condizioni del bambino per il tempo strettamente necessario; la decisione del tribunale non può essere ostacolata se il minore non è adeguatamente rappresentato.

§ 925
(1) Se l’interesse alla corretta educazione di un bambino lo richiede e se l’organismo per la protezione sociale e giuridica dei bambini non lo fa, il tribunale può
a) rimproverare in modo appropriato il bambino, i genitori, la persona a cui è stato affidato il bambino o la persona che interferisce con la cura adeguata del bambino,

b) vigilare sul minore e svolgerlo con la collaborazione della scuola, dell’ente di protezione sociale e giuridica dell’infanzia, o di altre istituzioni e persone che operano principalmente nel luogo di residenza o di lavoro del minore, oppure

(c) imporre restrizioni al bambino o ai genitori che prevengano effetti dannosi sulla sua educazione, in particolare vietando determinate attività.

(2) Il tribunale controlla se la misura educativa che ha deciso è rispettata e ne valuta l’efficacia, di norma in collaborazione con l’organismo di protezione sociale e legale per i bambini o altre persone.

§ 926
Se la cura e la protezione del minore o la cura dei suoi beni spettano a una persona diversa dai genitori sulla base di una decisione del tribunale, e il genitore e questa persona non possono accordarsi sulla fornitura di cure, il tribunale decide su istanza di una delle parti.

Sezione 5 Rapporti tra il minore e altri parenti e altre persone
§ 927
Il diritto ad avere contatti con il bambino spetta alle persone legate al bambino, vicine o lontane, nonché alle persone socialmente vicine al bambino, se il bambino ha con loro una relazione affettiva non solo temporanea e se è chiaro che la mancanza di contatto con queste persone avrebbe significato un danno. Il bambino ha anche il diritto di avere contatti con queste persone se queste persone acconsentono al contatto.

TITOLO III LINEE GUIDA E ALTRE FORME DI CURA DEI BAMBINI
Parte 1 Tutela
§ 928
(1) Se nessun genitore ha ed esercita la piena responsabilità genitoriale nei confronti del figlio, il tribunale nomina un tutore per il bambino.

(2) Il tutore ha in linea di principio tutti gli obblighi e i diritti nei confronti del bambino in quanto genitore, ma non ha alcun obbligo di mantenimento nei confronti del bambino. Per quanto riguarda la persona del tutore o le circostanze del minore, nonché il motivo per cui i genitori non hanno tutti i doveri e i diritti, la gamma dei doveri e dei diritti del tutore può eccezionalmente essere definita in modo diverso.

§ 929
Se si verifica la situazione di cui al § 928 comma 1, la tutela è esercitata dall’organismo di protezione sociale e giuridica dei minori in qualità di tutore pubblico, fino a quando il tribunale non nomina un tutore per il minore o fino all’insediamento del tutore.

§ 930
(1) Il tribunale nomina un tutore per un bambino immediatamente dopo aver scoperto che si tratta di un bambino a cui deve essere nominato un tutore.

(2) Se un tutore muore, perde la capacità o la capacità di esercitare la tutela, o viene licenziato o rimosso dall’incarico e un’altra persona non è stata ancora nominata alla carica di tutore, si applicano mutatis mutandis le disposizioni del § 929.

(3) Immediatamente dopo che si è verificata la situazione di cui al § 928 o al paragrafo 1, il tribunale determina se esiste una persona idonea che potrebbe esercitare la tutela. Se tale persona non può essere trovata, il tribunale nomina l’organismo di protezione sociale e legale dei minori alla posizione di tutore.

§ 931
(1) Se ciò non è in conflitto con gli interessi del bambino, il tribunale nomina come tutore quello indicato dai genitori, a meno che questa persona non rifiuti la tutela. Diversamente, il giudice nomina tutore una delle persone legate o vicine al minore o alla sua famiglia, salvo che il genitore abbia espressamente escluso tale persona. In mancanza di tali persone, il giudice designa come tutore un’altra persona idonea.

(2) Una persona fisica nominata dal tribunale può rifiutare la sua nomina alla posizione di tutore. Il tribunale nomina quindi un’altra persona.

§ 932
(1) Solo una persona completamente indipendente può essere nominata tutore che, nel modo di vivere, garantisca di essere in grado di svolgere adeguatamente la funzione di tutore. Prima della sua nomina a tutore, il tribunale determina se la sua nomina è contraria all’interesse superiore del minore.

(2) Il tribunale può anche nominare due persone alla posizione di tutore; di solito saranno sposati.

§ 933
(1) Il tutore è responsabile del corretto svolgimento della sua funzione ed è soggetto alla supervisione permanente del tribunale.

(2) Il tutore assume le sue funzioni il giorno della nomina.

(3) Entro novanta giorni dalla sua nomina, il tutore del tribunale presenta un inventario dei beni del bambino; il giudice può prorogare tale termine su richiesta del tutore, ma non oltre i sessanta giorni.

§ 934
(1) Qualsiasi decisione del tutore in una questione non ordinaria riguardante il bambino deve essere approvata dal tribunale. L’azione legale del tutore, che non ha la necessaria approvazione del tribunale, non viene presa in considerazione.

(2) Il tutore deve riferire regolarmente al tribunale sulla persona del minore e sul suo sviluppo e presentare i conti dell’amministrazione della sua proprietà, almeno una volta all’anno, a meno che il tribunale non stabilisca un periodo più breve. Il giudice può dispensare il tutore dall’obbligo di rendicontare dettagliatamente i beni in gestione, purché i proventi dei beni non superino le probabili spese di conservazione dei beni e di educazione e cura del figlio.

§ 935
(1) La tutela cessa di esistere se almeno uno dei genitori del tutore acquisisce la potestà genitoriale, o se acquisisce la capacità di esercitarla. La tutela cessa anche se il minore diventa autonomo o viene adottato.

(2) La funzione di tutela scade alla morte del tutore, o con una decisione del tribunale sulla liberazione del tutore dalla sua posizione, o sul licenziamento del tutore.

§ 936
Il giudice dispensa il tutore dall’ufficio se lo richiede per motivi importanti, o se la persona che ha svolto la funzione di tutore diventa inidonea a svolgere la funzione di tutore.

§ 937
(1) Il tribunale licenzia un tutore che viola i suoi doveri di tutela.

(2) Il tribunale prende in considerazione il ricorso del tutore se trova motivi per i quali non è appropriato che il tutore continui a svolgere la sua funzione.

§ 938
(1) Al termine dell’esercizio della funzione di tutore, la persona che ha svolto la funzione deve, senza indebito ritardo, ma non oltre sei mesi, trasferire al tribunale tutto ciò che aveva con sé a causa della sua funzione e sottomettersi a a lui una relazione finale sull’esercizio della tutela; include il conto finale dell’amministrazione dei beni del bambino.

(2) Se la persona che ha svolto la funzione di tutore muore, il suo erede deve trasferire al tribunale tutto ciò che il defunto aveva con sé a causa dell’esercizio della sua funzione di tutela. Se non vi sono eredi, ha tale obbligo chiunque abbia accesso a ciò che il defunto aveva in ragione dell’esercizio della sua funzione di tutela.

§ 939
Se il tutore è una persona che si prende personalmente cura del bambino come se il bambino fosse stato affidato in modo permanente alle sue cure, ha diritto alla sicurezza materiale come genitore affidatario.

§ 940
Se il tutore cura personalmente il figlio insieme al marito, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sul rapporto tra genitore e marito e figlio.

§ 941
(1) Se il tutore è una persona che si prende personalmente cura del bambino e la cura della proprietà del bambino è molto difficile, soprattutto a causa delle dimensioni o della diversità della proprietà, il tutore può proporre al tribunale di nominare un tutore per amministrare il proprietà del bambino; la proposta include un inventario dei beni del bambino alla data di presentazione della proposta.

(2) Se il tribunale nomina un tutore ai sensi del paragrafo 1, definisce allo stesso tempo i doveri e i diritti reciproci del tutore e di questo tutore.

§ 942
Salvo che sia stato nominato un curatore, le disposizioni relative al curatore si applicano mutatis mutandis al tutore che ha cura dei beni del figlio, salvo che le disposizioni relative al curatore dispongano diversamente.

Parte 2 Affidamento dei figli
Sezione 1 Guardiano
§ 943
Il tribunale nomina un tutore per il minore se esiste il rischio di un conflitto di interessi del minore da un lato e di un’altra persona dall’altro, se il rappresentante legale non protegge sufficientemente gli interessi del minore o se è necessario per un altro motivo nell’interesse del bambino, o se la legge lo prevede. Il tutore designato ha il diritto di chiedere l’avvio di un procedimento ogniqualvolta sia necessario, nell’interesse superiore del minore, che il tribunale o altra autorità pubblica decida in merito al minore.

§ 944
Le disposizioni sulla tutela, il curatore e il tutore si applicano mutatis mutandis alla tutela, al tutore e al custode.

§ 945
Nella decisione sulla nomina del tutore, il giudice precisa in particolare perché è nominato il tutore, se e come è limitato il periodo per il quale deve esercitare la funzione, quali sono i suoi diritti e doveri, anche in relazione ad altri persone, se ha bisogno del consenso del tribunale se o come riferisce al tribunale se ha diritto al rimborso di tutti o parte dei costi e il diritto alla retribuzione.

§ 946
Prima di intraprendere un’azione legale per conto del minore, il tutore deve chiedere il parere del genitore o del tutore, se possibile, del minore e, se del caso, del parere di altre persone.

§ 947
Il tutore che non sia stato nominato solo per un determinato atto giuridico è revocato dal tribunale anche se viene meno la necessità che ha determinato la sua nomina.

Sezione 2 Tutore per l’amministrazione dei beni del bambino
§ 948
Nella decisione sulla nomina di un tutore per l’amministrazione dei beni, il giudice definisce l’ambito dei beni che tale tutore gestirà; essa determina altresì, in via generale, le modalità secondo le quali le singole parti dei beni devono essere cedute, ovvero le modalità con le quali è vietato disporne.

§ 949
Il fiduciario per l’amministrazione del patrimonio agisce nell’esercizio delle sue funzioni con la dovuta diligenza e non deve assumersi rischi sproporzionati.

§ 950
(1) Il tutore dell’amministrazione dei beni è responsabile del corretto svolgimento delle sue funzioni di tribunale ed è soggetto alla sua supervisione permanente.

(2) Le disposizioni su come i genitori eseguono l’amministrazione della proprietà del bambino in modo simile si applicano ai procedimenti legali del tutore per l’amministrazione della proprietà; il tribunale determina, se lo ritiene necessario, quali atti giuridici del tutore dell’amministrazione dei beni devono essere approvati dal tribunale.

(3) Il tutore dell’amministrazione dei beni presenta regolarmente al tribunale le relazioni ei conti dell’amministrazione dei beni, sempre per il periodo determinato dal tribunale; questo periodo non può superare un anno.

§ 951
(1) Il tutore per l’amministrazione dei beni ha il diritto di detrarre dal reddito dei beni del figlio i costi necessari relativi all’amministrazione dei beni del figlio. Se il decreto non è sufficiente, il giudice può decidere che le spese siano rimborsate dall’immobile.

(2) Il tutore per l’amministrazione dei beni ha diritto a una remunerazione ragionevole dal reddito dei beni del figlio; il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis. L’importo della retribuzione e il periodo per il quale deve essere determinata la retribuzione del tutore per l’amministrazione dei beni sono determinati dal giudice in relazione alla natura del reddito dei beni del figlio. Le disposizioni del § 903 paragrafo 2 si applicano per analogia.

§ 952
Se la tutela per l’amministrazione dei beni cessa di esistere, le disposizioni dell’articolo 938 (1) si applicano mutatis mutandis agli obblighi della persona che ha svolto la funzione di tutore. Se il tutore è deceduto, si applicano mutatis mutandis le disposizioni dell’articolo 938 (2).

Parte 3 Affidamento di un bambino alle cure di un’altra persona e affidamento
Sezione 1 Affidamento di un minore alle cure di un’altra persona
§ 953
(1) Se né il genitore né il tutore possono prendersi cura personalmente del bambino, il tribunale può affidare il bambino alla cura personale di un’altra persona (di seguito denominata “caregiver”). La decisione di affidare un bambino in custodia deve essere nell’interesse superiore del bambino.

(2) L’ affidamento di un bambino alle cure personali di una persona premurosa non sostituisce l’affidamento, l’affidamento pre-affido o le cure che devono precedere l’adozione. Ha la precedenza sull’assistenza all’infanzia nell’ambito dell’assistenza istituzionale.

§ 954
(1) Il caregiver deve fornire garanzie di cure adeguate, risiedere nel territorio della Repubblica Ceca e accettare di affidare il bambino all’assistenza personale.

(2) Se la cura personale di un bambino è presa da una persona legata o vicina al bambino, il tribunale gli dà la priorità su un’altra persona, a meno che ciò non sia conforme agli interessi del bambino.

§ 955
I doveri ei diritti dell’affidatario sono definiti dal tribunale; in caso contrario si applicano mutatis mutandis le disposizioni in materia di affidamento.

§ 956
(1) Il tribunale determina l’entità degli alimenti per i genitori in relazione alle loro possibilità, capacità e rapporti patrimoniali e all’obbligo di pagare gli alimenti nelle mani della persona che si prende cura di loro.

(2) L’ affidatario ha il diritto di recuperare il mantenimento fornito ai genitori per il bambino a lui affidato, nonché il diritto di gestire il mantenimento del bambino nell’interesse superiore del bambino e in conformità con il suo o i suoi interessi. Il giudice può disciplinare le modalità di gestione del mantenimento del figlio, in particolare per determinare quale parte sarà destinata al consumo e quale parte sarà risparmiata per il figlio.

§ 957
Se non è possibile imporre un’obbligazione alimentare ai genitori o ad altri parenti con il figlio, non si applicano le disposizioni degli articoli da 953 a 956.

Sezione 2 Affido
§ 958
(1) Se né il genitore né il tutore possono prendersi cura personalmente del bambino, il tribunale può affidare il bambino alla cura personale del genitore affidatario.

(2) L’ affido ha la precedenza sull’assistenza all’infanzia negli istituti.

(3) Il tribunale può affidare il minore all’affidamento anche per un periodo transitorio. I dettagli sono forniti da un’altra legge.

§ 959
(1) Il tribunale può decidere sull’affidamento per un periodo di tempo durante il quale vi è un ostacolo che impedisce ai genitori di prendersi cura personalmente del bambino.

(2) Un genitore può richiedere che il bambino venga restituito alla sua cura personale. Il tribunale accoglierà la richiesta se è nell’interesse superiore del minore.

§ 960
(1) I genitori hanno obblighi e diritti derivanti dalla responsabilità genitoriale nei confronti del bambino, ad eccezione dei diritti e degli obblighi previsti dalla legge per l’affidatario, a meno che il tribunale non disponga diversamente per motivi degni di particolare considerazione.

(2) I genitori hanno il diritto di avere contatti personali con il minore di persona e su base regolare, nonché il diritto all’informazione sul minore, a meno che il tribunale non decida diversamente per motivi degni di particolare considerazione.

§ 961
(1) L’ affidamento di un bambino in affidamento non incide sulla durata dell’obbligo alimentare dei genitori nei confronti del bambino. Il giudice determina l’entità degli alimenti per i genitori in relazione alle loro possibilità, capacità e rapporti patrimoniali e ai bisogni giustificati del figlio.

(2) Se un bambino ha diritto a un contributo per coprire i suoi bisogni ai sensi di un’altra legge, il diritto del bambino passa allo stato. Se l’assegno alimentare è superiore a tale assegno, la differenza spetta al figlio. Il tribunale decide sulle modalità di pagamento e sulla gestione degli alimenti.

§ 962
(1) Chi vuole diventare un affidatario deve fornire garanzie di cure adeguate, risiedere nel territorio della Repubblica Ceca e deve acconsentire all’affidamento del minore in affido.

(2) Se la cura personale di un bambino è presa da una persona legata o vicina al bambino, il tribunale gli dà la priorità su un’altra persona, a meno che ciò non sia conforme agli interessi del bambino.

§ 963
Il tribunale può affidare il minore a richiedenti preaffidamento per affidamento; la sua durata è determinata tenendo conto delle circostanze del caso. Supervisiona l’andamento e il successo dell’affido pre-affido.

§964
(1) Un bambino può essere affidato all’affidamento congiunto da genitori adottivi congiunti se sono sposati.

(2) Il tribunale che decide sul divorzio del matrimonio di genitori affidatari congiunti non divorzia da questo matrimonio fino a quando non siano stati regolati gli obblighi e i diritti degli affidatari per il periodo successivo al divorzio. Con il divorzio decade l’affidamento congiunto dei coniugi.

(3) Se uno dei genitori affidatari comuni muore, il bambino rimane nell’affidamento del coniuge superstite.

§ 965
(1) Con il consenso dell’altro coniuge, il figlio può essere affidato all’affidamento di uno solo dei coniugi.

(2) Il consenso dell’altro coniuge per l’affidamento del figlio in affido non è richiesto se l’altro coniuge non è pienamente indipendente o se la misura del suo consenso è associata a un ostacolo difficile da superare.

(3) Il coniuge dell’affidatario partecipa anche alla cura personale del bambino in affidamento se vive in un nucleo familiare.

§ 966
(1) Il genitore affidatario ha l’obbligo e il diritto di prendersi cura personalmente del bambino.

(2) Nell’educazione di un bambino, l’affidatario deve esercitare i doveri e i diritti dei genitori in modo appropriato. Ha l’obbligo e il diritto di decidere solo sugli affari ordinari del bambino, di rappresentare il bambino in tali questioni e di amministrare i suoi beni. Ha il dovere di informare i genitori del bambino sulle sue questioni essenziali. Se le circostanze lo richiedono, il giudice determina altri doveri e diritti del tutore.

(3) I paragrafi 1 e 2 si applicano, mutatis mutandis, a coloro che sono interessati all’affidamento ai quali il bambino è stato affidato in preaffido.

§ 967
L’affidatario ha il dovere di mantenere, sviluppare e approfondire l’affiliazione del bambino con i suoi genitori, altri parenti e persone vicine al bambino. È obbligatorio consentire ai genitori di avere contatti con il minore in affidamento, salvo disposizione contraria del tribunale.

§ 968
Il bambino affidato in affidamento aiuta secondo le sue capacità e capacità nella casa famiglia; se dispone di un proprio reddito, contribuisce anche a soddisfare i bisogni comuni della famiglia.

§ 969
Se c’è un cambiamento sostanziale delle circostanze o un disaccordo tra i genitori e l’affidatario in una questione sostanziale che riguarda il bambino, il bambino, il genitore o il tutore possono proporre al tribunale una modifica dei diritti e degli obblighi, l’annullamento dell’affidamento o altra decisione.

§ 970
L’affido decade al più tardi se il figlio acquisisce piena autonomia, altrimenti alla maggiore età.

Parte 4 Educazione istituzionale
§ 971
(1) Se l’educazione del bambino o le sue condizioni fisiche, mentali o mentali, o il suo corretto sviluppo, sono gravemente minacciati o disturbati nella misura in cui è contrario all’interesse superiore del bambino, o se vi sono gravi motivi per i quali i genitori del bambino non possono provvedere alla sua educazione, il giudice può anche ordinare l’educazione istituzionale come misura necessaria. Lo fa in particolare quando le misure precedentemente adottate non hanno portato a misure correttive. Allo stesso tempo, il giudice valuta sempre se non sia opportuno privilegiare l’affidamento di un minore alle cure di una persona fisica.

(2) Nel caso in cui i genitori non siano in grado, per gravi motivi, di provvedere all’educazione dei figli per un periodo transitorio, il tribunale colloca il minore in una struttura per minori che necessitano di assistenza immediata, per un periodo massimo di sei mesi.

(3) Le condizioni abitative o patrimoniali insufficienti dei genitori del bambino o delle persone a cui è stato affidato il bambino non possono essere di per sé motivo per una decisione del tribunale sull’assistenza istituzionale, se i genitori sono altrimenti qualificati per garantire la corretta educazione del bambino e altri obblighi derivanti dalla loro responsabilità genitoriale.

(4) Nella decisione che ordina l’istruzione istituzionale, il tribunale indica la struttura in cui deve essere collocato il bambino. Nel fare ciò, tiene conto dell’interesse superiore del minore e delle opinioni dell’autorità preposta alla tutela dei minori. Il giudice provvede a collocare il minore il più vicino possibile alla residenza dei genitori o di altre persone vicine al minore. Ciò vale anche se il tribunale decide il trasferimento del bambino in un’altra struttura per l’istruzione istituzionale o protettiva.

§ 972
(1) L’ istruzione istituzionale può essere ordinata per un periodo massimo di tre anni. L’istruzione istituzionale può essere prorogata prima della scadenza di tre anni dal suo decreto, se persistono i motivi per ordinare l’istruzione istituzionale. La durata della formazione istituzionale può essere prorogata ripetutamente, ma sempre per un massimo di tre anni. Fino a quando il tribunale non decide sulla cancellazione o sul prolungamento dell’affidamento istituzionale, il minore rimane in istituto, anche se è trascorso il tempo precedentemente fissato dalla decisione del tribunale.

(2) Se vengono meno i motivi per i quali è stata ordinata l’assistenza istituzionale, o se è possibile fornire al bambino un’assistenza diversa dall’istituto, il tribunale annulla immediatamente l’assistenza istituzionale e allo stesso tempo decide secondo le circostanze su quale sarà affidato il bambino.

(3) L’ istruzione istituzionale termina con una decisione del tribunale sull’adozione. Se è stato deciso di affidare il bambino alle cure del futuro adottante ai sensi dell’articolo 823 o 829, l’istruzione istituzionale è interrotta.

§ 973
Se il tribunale ha deciso ai sensi del § 971, il tribunale è obbligato a riesaminare almeno una volta ogni sei mesi se i motivi per ordinare tale misura persistono o se non è possibile fornire al bambino un’assistenza familiare alternativa. A tal fine, in particolare
a) richiedere segnalazioni all’autorità competente per la protezione sociale e giuridica dei minori,

(b) ottenere un’espressione di opinione del minore, se il minore è in grado di formarla e comunicarla dopo che il tribunale, tenuto conto della sua età e maturità intellettuale, gli ha debitamente istruito, e

(c) invitare i genitori del minore ad esprimere le proprie opinioni.

§ 974
Per motivi importanti, il tribunale può prolungare l’assistenza istituzionale fino a un anno dopo il raggiungimento della maggiore età.

§ 975
Se il tribunale decide di affidare il minore a un istituto oa un’assistenza tutelare, adeguerà anche la portata dell’obbligazione alimentare dei genitori.

PARTE TERZA
DIRITTI DI PROPRIETÀ ASSOLUTI
TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI
§ 976
I diritti di proprietà assoluta si applicano a tutti, se non diversamente previsto dalla legge.

§ 977
Solo la legge stabilisce quali diritti di proprietà sono assoluti.

§ 978
Le disposizioni della presente sezione possono essere derogate da un accordo con effetti nei confronti di terzi solo se consentito dalla legge.

TITOLO II DIRITTI DI GIUSTIFICAZIONE
Parte 1 Disposizioni generali
§ 979
Le disposizioni del presente titolo si applicano ai beni materiali e immateriali, ma ai diritti solo nella misura in cui la loro natura lo consenta e la legge non disponga diversamente.

§ 980
(1) Se il diritto a una cosa è iscritto nell’elenco pubblico, nessuno scusa l’ignoranza dei dati inseriti. Se richiesto dalla legge, oltre al diritto reale, è iscritto nell’elenco pubblico il diritto d’uso o godimento, nonché la limitazione dell’oggetto o del modo di uso o godimento della cosa da parte dei comproprietari. .

(2) Se il diritto alla cosa è iscritto nell’elenco pubblico, si considera registrato secondo lo stato giuridico effettivo. Se il diritto alla cosa è stato cancellato dall’elenco pubblico, si considera che non esiste.

§981
Se un diritto reale in materia straniera è iscritto nell’elenco pubblico, prevale su un diritto reale che non risulta dall’elenco pubblico.

§982
(1) Il momento della presentazione della domanda di registrazione di un diritto determina l’ordine dei diritti reali in materia straniera. I diritti registrati sulla base di proposte depositate contestualmente hanno il medesimo ordine.

(2) Se il proprietario stabilisce un diritto reale su una cosa propria, può riservarsi prima di questo diritto e inserire nell’elenco pubblico un ordine di priorità per un altro diritto; se la riserva deve essere iscritta nell’elenco pubblico solo dopo l’accertamento del diritto reale, è richiesto il consenso della persona il cui diritto deve essere leso. La registrazione di un diritto per il quale è stato riservato un ordine migliore non richiede il consenso della persona il cui diritto è limitato, a meno che il diritto evidenziato dalla prenotazione dell’ordine migliore non sia iscritto nell’elenco pubblico in misura maggiore rispetto alla riserva implica.

§ 983
(1) Se un diritto di prelazione a costituire un diritto reale è iscritto in un altro elenco pubblico e se entro un anno dall’iscrizione non è stata presentata alcuna proposta di iscrizione del diritto a cui si riferisce il diritto di prelazione, il titolare può ottenere la cancellazione del diritto di prelazione. Se l’avente diritto dimostri di aver proposto un’azione di trasferimento o altra accertamento di un diritto reale prima della scadenza del termine, il termine decorre dalla fine del procedimento giurisdizionale; tuttavia, se l’azione viene respinta, il diritto di prelazione si estingue su richiesta del proprietario nel momento in cui la decisione diventa definitiva.

(2) Se un diritto di priorità è iscritto nell’elenco pubblico come condizionale o con prova del tempo, il termine di cui al paragrafo 1 inizia a decorrere dal giorno in cui il diritto di priorità diventa esecutivo.

§984
(1) Se lo stato iscritto nell’elenco pubblico non è conforme allo stato giuridico effettivo, lo stato registrato deve testimoniare a favore della persona che ha acquisito il diritto reale in buona fede dall’avente diritto ai sensi dell’art. stato registrato. La buona fede è giudicata nel momento in cui si è svolto il procedimento giudiziario; tuttavia, se un diritto reale sorge solo all’atto dell’iscrizione nell’elenco pubblico, allora al momento del deposito della domanda di iscrizione.

(2) La frase del primo comma 1 non si applica al viaggio necessario, agli scambi e al diritto reale derivante dalla legge, indipendentemente dallo stato delle iscrizioni nell’elenco pubblico.

§ 985
Se lo stato iscritto nell’elenco pubblico non è conforme allo stato giuridico effettivo, la persona il cui diritto reale è leso può chiedere l’eliminazione dell’inosservanza; qualora dimostri di aver esercitato il suo diritto, esso è iscritto nell’elenco pubblico su sua richiesta. La decisione sul suo diritto reale si applica a chiunque il cui diritto sia stato iscritto nell’elenco pubblico dopo che l’interessato ha chiesto l’iscrizione.

§ 986
(1) Chiunque affermi di essere leso nel suo diritto da un’iscrizione effettuata nell’elenco pubblico senza motivo legale a favore di un altro, può chiedere la cancellazione di tale iscrizione e chiederne l’iscrizione nell’elenco pubblico. L’autorità che tiene l’elenco pubblico cancella l’atto di contestazione dell’iscrizione se il richiedente non prova, entro due mesi dal ricevimento della domanda, di aver esercitato il proprio diritto in sede giudiziaria.

(2) Se il richiedente ha chiesto che la contestazione della registrazione sia notata entro un mese dal giorno in cui è venuto a conoscenza della registrazione, il suo diritto si applica a chiunque sia testimoniato dalla registrazione negata o che abbia ottenuto un’altra registrazione su la sua base; trascorso tale periodo, però, solo nei confronti di chi ha ottenuto la registrazione senza essere in buona fede.

(3) Se il richiedente la registrazione di un diritto straniero non è stato debitamente informato, il termine di cui al paragrafo 2 è esteso a tre anni; il termine decorre dal giorno in cui è stata effettuata l’iscrizione contestata.

Parte 2 Holding
§ 987
Il titolare è colui che esercita il diritto per se stesso.

§ 988
(1) Può essere tenuto un diritto, che può essere trasferito a un altro mediante un’azione legale e che consente l’esecuzione permanente o ripetuta.

(2) Il diritto personale non è oggetto di possesso o conservazione. Tuttavia, coloro che esercitano onestamente i diritti personali hanno il diritto di esercitare e difendere il loro presunto diritto.

§ 989
(1) Il diritto di proprietà è detenuto dalla persona che ha rilevato la cosa per averla come proprietario.

(2) Un altro diritto spetta alla persona che ha iniziato ad esercitarlo come persona alla quale tale diritto appartiene secondo la legge e alla quale esercita altre persone in conformità con essa.

Acquisizione del possesso
§ 990
(1) Le partecipazioni possono essere acquisite immediatamente dal titolare che ne assume il potere. Il possesso è immediatamente acquisito nella misura in cui il titolare lo ha effettivamente assunto.

(2) Le partecipazioni possono essere acquisite per derivazione dal titolare esistente che trasferisce le sue partecipazioni a un nuovo titolare, o dal nuovo titolare che ne prende possesso come successore legale del titolare esistente. In modo derivato, il possesso viene acquisito nella misura in cui lo aveva il precedente detentore e nella misura in cui è stato trasferito a un nuovo detentore.

§ 991 Mantenimento in carica
Il possesso è corretto se si basa su un valido motivo legale. È titolare di diritto chi ne prende immediatamente possesso senza cancellare l’altrui possesso, o si impossessa della volontà del precedente titolare o sulla base di una dichiarazione di un’autorità pubblica.

incarico onesto
§ 992
(1) Chiunque, per motivi convincenti, ritiene di avere il diritto che esercita, è un onesto titolare. È trattenuto in modo disonesto da qualcuno che sa o al quale deve risultare evidente dalle circostanze che sta esercitando un diritto che non gli appartiene.

(2) La disonestà di un rappresentante nell’acquisizione del possesso o nell’esercizio del suo possesso da parte di un rappresentante rende disonesto il possesso. Ciò non si applica se il rappresentante, con un’ordinanza speciale data in merito a tale possesso, ha ordinato al rappresentante di prenderne possesso o di esercitarlo.

(3) Un onesto titolare ha gli stessi diritti di un legittimo titolare.

§ 993 Diritto in carica
Se non è provato che qualcuno si sia intromesso arbitrariamente nel possesso o che vi si sia insinuato di nascosto o con l’inganno, o che qualcuno cerchi di trasformare in legge permanente ciò che gli è stato consentito solo dalla confessione, si tratta di vero possesso.

§ 994
Il mandato è considerato corretto, onesto e genuino.

§ 995
Se l’azione di contestazione del possesso o della sua onestà è stata accolta, l’onesto titolare si considera disonesto al più tardi dal momento in cui gli è stata notificata l’azione. Tuttavia, un incidente che non sarebbe possibile per il proprietario è sopportato dal titolare solo se la controversia è stata arbitrariamente ritardata.

Possesso di proprietà
§ 996
(1) Un onesto detentore può, nei limiti dell’ordinamento giuridico, conservare la cosa e usarla, anche distruggerla o altrimenti disporne, e non è responsabile nei confronti di nessuno di ciò.

(2) L’ onesto detentore ha diritto a tutti i frutti della cosa non appena viene separata. I suoi sono anche tutti i benefici già selezionati che sono cresciuti durante il mandato.

§ 997
(1) All’onesto detentore sono rimborsate le spese necessarie che erano necessarie per la conservazione continua della sostanza della cosa, nonché le spese sostenute di proposito e per aumentare l’utilità della cosa o il suo valore. Il rimborso appartiene all’importo del valore attuale, se non supera i costi effettivi.

(2) I normali costi di manutenzione non vengono rimborsati.

§ 998
Delle spese sostenute da un onesto detentore per hobby o per decorazione, viene rimborsato solo quanto è aumentato il prezzo normale della cosa; tuttavia, l’ex detentore può, a suo vantaggio, rimuovere tutto ciò che può essere separato dalla cosa senza deteriorarne la sostanza.

§ 999
Anche un onesto detentore non può chiedere un risarcimento per il prezzo al quale ha trasferito l’oggetto.

§ 1000
Il detentore disonesto darà pieno beneficio del possesso e risarcirà i danni che dovessero derivare alla persona abbreviata, nonché i danni derivanti dal suo possesso.

§ 1001
Se il detentore disonesto sostiene le spese necessarie per preservare il merito della causa, ha diritto al loro rimborso. Per gli altri costi si applicano mutatis mutandis le disposizioni sugli amministratori senza mandato.

§ 1002 Possesso di altri diritti
I § ​​996 a 1001 si applicano mutatis mutandis ai titolari di altri diritti.

Protezione della tenuta
§ 1003
Nessuno ha il diritto di annullare arbitrariamente il possesso. Chiunque sia stato disturbato in suo possesso può esigere che il disturbatore si astenga dal disturbare e riporti tutto al suo stato precedente.

§ 1004
(1) Se il detentore è messo in pericolo dalla costruzione del bene immobile o se può ragionevolmente temere le conseguenze specificate nel § 1013 e se il costruttore non si assicura contro di lui per legge, il detentore in pericolo può richiedere il divieto di costruzione. Il titolare non può pretendere il divieto se, nel procedimento amministrativo di cui è stato parte, non ha sollevato obiezioni alla domanda di autorizzazione per tale costruzione, sebbene avrebbe potuto farlo.

(2) Fino a quando non viene presa una decisione in merito, il tribunale può vietare l’esecuzione della costruzione. Tuttavia, se c’è un pericolo imminente, o se il convenuto dà la ragionevole certezza che ripristinerà la causa e riparerà il danno, ma l’attore non fornisce sicurezza per le conseguenze del suo divieto, il tribunale non vieta la costruzione da continua, a meno che le circostanze non giustifichino il caso.

§ 1005
L’articolo 1004 si applica mutatis mutandis al caso di demolizione di un edificio.

Conservazione del mandato
§ 1006
Il detentore può resistere all’interferenza arbitraria e autorizzare nuovamente gli oggetti che gli sono stati sottratti durante l’ingerenza, purché non superi i limiti della necessaria difesa.

§ 1007
(1) Se il titolare è stato espulso dal possesso, può chiedere che l’espulsore si astenga da un’ulteriore espulsione e ristabilisca lo stato originario. Contro l’azione per la tutela della proprietà si può opporre che l’attore abbia acquisito una falsa cattedra nei confronti del convenuto o che lo abbia espulso dal possesso.

(2) L’ espulsione dal possesso dei diritti si verifica quando l’altra parte rifiuta di eseguire ciò che ha finora eseguito, quando qualcuno impedisce l’esercizio del diritto o non trascura più l’obbligo di astenersi da qualsiasi azione.

§ 1008 Periodi preclusivi
(1) Il tribunale respinge un’azione per la protezione o il mantenimento del possesso se l’azione è presentata dopo sei settimane dal giorno in cui l’attore è venuto a conoscenza del suo diritto e la persona che minaccia o abolisce il possesso, ma non oltre un anno dal giorno in cui l’attore ha potuto esercitare il suo diritto per la prima volta.

(2) Il tribunale non prende in considerazione l’eccezione di espulsione dal possesso se il convenuto la solleva dopo la scadenza dei termini di cui al paragrafo 1.

§ 1009 Cessazione del mandato
(1) Il possesso cessa se il titolare vi rinuncia o se perde definitivamente la possibilità di esercitare il contenuto del diritto che ha esercitato in precedenza. Il possesso cessa anche se il titolare ne viene espulso e non lo trattiene da solo o per azione.

(2) Se il titolare non esercita il possesso, il possesso non cessa. Né la morte del titolare né la sua estinzione determinano l’estinzione del mandato.

§ 1010 Co-manutenzione
La co-mantenimento è disciplinata dalle disposizioni sulla titolarità e sui diritti comuni, se del caso.

Parte 3 Proprietà
Sezione 1 Natura ed entità della proprietà
Oggetto e contenuto della proprietà
§ 1011
Tutto ciò che appartiene a qualcuno, tutte le sue cose materiali e immateriali, è sua proprietà.

§ 1012
Il proprietario ha il diritto di disporre liberamente della sua proprietà nei limiti dell’ordinamento giuridico e di escluderne altre persone. Al proprietario è vietato violare gravemente i diritti di altre persone, nonché commettere atti il ​​cui scopo principale è molestare o danneggiare altre persone.

Restrizioni ai diritti di proprietà
§ 1013
(1) Il proprietario deve astenersi da tutto ciò che provoca rifiuti, acqua, fumo, polvere, gas, odore, luce, ombra, rumore, urti e altri effetti simili (immissioni) per entrare nella terra di un altro proprietario (vicino) in una misura sproporzionati rispetto al locale limitano in modo significativo il normale utilizzo del suolo; questo vale anche per l’intrusione di animali. È vietato portare immissioni direttamente sul terreno di un altro proprietario, indipendentemente dal grado di tali influenze e dal grado di molestia del vicino, a meno che ciò non sia basato su un motivo giuridico specifico.

(2) Se le immissioni sono il risultato dell’esercizio di un impianto o di un impianto simile ufficialmente approvato, il vicino ha diritto solo al risarcimento del danno in denaro, anche se il danno è stato causato da circostanze che non sono state prese in considerazione nell’udienza ufficiale. Ciò non si applica se la portata dell’operazione supera la misura in cui è stata ufficialmente approvata.

§ 1014
(1) Se un bene mobile straniero viene trovato sul terreno, il proprietario del terreno lo rilascia senza indebito ritardo al suo proprietario o alla persona che lo aveva con sé; altrimenti gli permetterà di entrare nella sua terra e cercare e portare via la cosa. Allo stesso modo, il proprietario può perseguire un animale o uno sciame di api tenuto in terra straniera; tuttavia, se uno sciame di api vola in un alveare occupato da stranieri, il proprietario dell’alveare acquisisce la proprietà dello sciame senza essere obbligato a risarcire.

(2) Se la cosa, l’animale, lo sciame d’api o l’esercizio del diritto di cui al paragrafo 1 sul terreno cagiona un danno, il proprietario del terreno ha diritto al risarcimento.

§ 1015
Se il bene mobile ha cagionato un danno alla terra altrui, il proprietario terriero può trattenerlo fino a quando non abbia ricevuto un’altra cauzione o risarcimento del danno.

§ 1016
(1) I frutti caduti da alberi e arbusti nel terreno confinante appartengono al proprietario del terreno confinante. Ciò non si applica se il terreno confinante è un bene pubblico.

(2) Se il proprietario non lo fa entro un termine ragionevole dopo che il vicino lo ha richiesto, il vicino può gentilmente e in un periodo opportuno dell’anno rimuovere le radici o i rami dell’albero che si estende fino alla sua terra, se provoca danni o altri difficoltà che superano l’interesse sulla conservazione intatta dell’albero. Appartiene anche a ciò che ottiene dalle radici e dai rami rimossi.

(3) Parti di altre piante che si estendono al terreno adiacente possono essere rimosse dal vicino in modo delicato senza ulteriori restrizioni.

§ 1017
(1) Se il proprietario terriero ha una ragione ragionevole per farlo, può chiedere al vicino di astenersi dal piantare alberi in prossimità del confine comune del terreno e se li ha piantati o li ha lasciati crescere per rimuoverli. Salvo disposizione contraria di legge o altro, le consuetudini locali si applicano agli alberi che crescono di solito a un’altezza superiore a 3 m come distanza ammissibile dal confine del terreno comune di 3 m e per altri alberi di 1,5 m.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano se c’è una foresta o un frutteto sul terreno adiacente, se gli alberi formano una barriera o se si tratta di un albero particolarmente protetto da un’altra disposizione legale.

§ 1018
Il terreno non deve essere modificato in modo tale che il terreno adiacente perda il suo giusto appoggio, a meno che non venga effettuato un altro fissaggio sufficiente.

§ 1019
(1) Il proprietario del terreno ha il diritto di chiedere al vicino di modificare l’edificio sul terreno vicino in modo che non fuoriesca acqua dall’edificio o che neve o ghiaccio cadano sul suo terreno. Tuttavia, se l’acqua scorre naturalmente nella terra dalla terra sopra, specialmente se vi sgorga o come risultato di pioggia o pioggia, il vicino non può esigere che il proprietario della terra aggiusti la sua terra.

(2) Se è necessario un afflusso d’acqua per il terreno sottostante, il vicino del proprietario del terreno soprastante può chiedere che non impedisca il deflusso dell’acqua nella misura in cui non ha bisogno di acqua.

§ 1020
Se il proprietario terriero ha un motivo ragionevole per farlo, può esigere che il vicino si astenga dall’edificare un edificio sul terreno adiacente in prossimità del confine del terreno comune.

§ 1021
Il proprietario deve consentire al vicino l’accesso al suo terreno nei tempi, nell’estensione e nei modi necessari per la manutenzione o la gestione del terreno confinante, a meno che tale scopo non possa essere raggiunto diversamente; tuttavia, il vicino risarcirà il proprietario terriero per i danni causati.

§ 1022
(1) Se un edificio non può essere costruito o demolito, o se non può essere riparato o restaurato se non utilizzando un terreno vicino, il proprietario ha il diritto di esigere che il vicino sostenga quanto necessario per questi lavori per un ragionevole compenso.

(2) Una richiesta non può essere soddisfatta se l’interesse del vicino per l’uso indisturbato del terreno supera l’interesse per l’esecuzione del lavoro.

§ 1023
(1) Il proprietario del terreno deve tollerare l’uso dello spazio sopra o sotto il terreno se esiste una ragione importante per questo e se accade in modo tale che il proprietario non possa avere una ragione ragionevole per impedirlo.

(2) Nessuno può derivare da tale uso di uno spazio straniero un diritto che potrebbe essere invocato da qualcuno dopo che sia venuto meno il motivo che lo legittima all’uso; tuttavia, se questo uso si traduce in una struttura ufficialmente approvata, il proprietario può richiedere i danni.

Rozhrady
§ 1024
(1) Recinti, muri, confini, fossati e altri simili recinti naturali o artificiali tra terreni adiacenti sono considerati comuni.

(2) Tutti possono usare il muro comune dalla loro parte fino a metà del suo spessore e stabilire nicchie in esso dove non sono dall’altra parte. Tuttavia, non deve fare nulla che metta in pericolo il muro o impedisca al vicino di utilizzarne una parte.

§ 1025
Dove le divisioni sono doppie o dove la proprietà è divisa, ciascuno mantiene a proprie spese ciò che è suo.

§ 1026
Il proprietario non è obbligato a ricostruire un muro fatiscente, una recinzione o ripristinare un’altra recinzione, ma deve mantenerla in buone condizioni se esiste il rischio di danni al vicino a causa del suo danneggiamento. Tuttavia, in caso di violazione dell’area tale da rischiare che il confine tra i lotti diventi impercettibile, ogni vicino ha il diritto di richiedere la riparazione o il rinnovo dell’area.

§ 1027
Su proposta del vicino e sentito il parere dell’autorità edilizia, il tribunale può imporre al proprietario fondiario l’obbligo di recintare il terreno, se ciò è necessario per assicurare l’esercizio ininterrotto del diritto di proprietà del vicino e se non impedisce l’uso efficiente di altri terreni.

§ 1028
Se i confini tra i lotti sono impercettibili o dubbi, ogni vicino ha il diritto di chiedere che il tribunale li determini secondo l’ultimo pacifico possesso. Se non può essere accertato, il giudice determina il limite a sua discrezione.

Viaggio necessario
§ 1029
(1) Il proprietario di un bene immobile che non può essere correttamente gestito o altrimenti utilizzato correttamente perché non è sufficientemente collegato con una strada pubblica può chiedere che un vicino gli permetta il viaggio necessario attraverso la sua terra per un risarcimento.

(2) Il tribunale può consentire il viaggio necessario nella misura in cui corrisponda alla necessità del proprietario dell’immobile di utilizzarlo correttamente al minor costo possibile, anche come servitore. Allo stesso tempo, si deve aver cura di assicurare che il vicino sia disturbato il meno possibile dall’istituzione o dall’uso della strada necessaria e che il suo terreno sia colpito il meno possibile. Questo deve essere considerato separatamente se il richiedente deve essere autorizzato a creare una nuova rotta.

§ 1030
(1) Il compenso e il risarcimento del danno è dovuto per il viaggio necessario, se non è più coperto dal compenso. Qualora sia consentita la condivisione della strada privata altrui, il canone comprenderà anche l’aumento dei costi della sua manutenzione.

(2) Il proprietario del bene immobile, a favore del quale è stato consentito il viaggio necessario, deve fornire una cauzione commisurata ai danni causati al terreno in questione; ciò non si applica se è evidente che non si verificheranno danni evidenti al terreno in questione.

(3) Le prestazioni di cui ai paragrafi 1 e 2 spettano principalmente al proprietario del terreno interessato dal permesso di viaggio necessario, tuttavia, se deve pregiudicare anche il diritto materiale di un’altra persona al terreno interessato, tali prestazioni devono essere fornite in misura ragionevole. Ha diritto al risarcimento del danno subito nei confronti del proprietario del terreno in questione un altro soggetto al quale è stato accertato un altro diritto sull’immobile di cui trattasi; di ciò si deve tener conto nella determinazione del compenso di cui al comma 1.

§ 1031
Se è stata autorizzata a realizzare la necessaria strada artificiale sul terreno in questione, sarà realizzata e mantenuta dalla persona in favore della quale è stata autorizzata.

§ 1032
(1) Il tribunale non consente il viaggio necessario,
a) se il danno all’immobile del vicino supera verosimilmente il vantaggio del viaggio necessario,

(b) se la mancanza di accesso è stata causata da negligenza grave o intenzionale dalla persona che richiede il viaggio necessario, o

(c) quando il viaggio necessario è richiesto esclusivamente ai fini di un collegamento più conveniente.

(2) Non è possibile consentire il viaggio necessario attraverso un’area chiusa per impedire l’accesso a estranei, né attraverso terreni in cui l’interesse pubblico impedisce l’istituzione di tale viaggio.

§ 1033
(1) Se un immobile è circondato da più appezzamenti vicini senza accesso, il viaggio necessario è consentito solo attraverso uno di essi. Nel fare ciò, si deve considerare quale terreno è l’approccio più naturale, tenendo conto delle circostanze di cui all’articolo 1029 (2).

(2) Se un bene immobile perde il collegamento con una strada pubblica perché il terreno è stato diviso, il viaggio necessario può essere richiesto solo alla persona che ha partecipato alla divisione. In questo caso, il viaggio necessario sarà consentito gratuitamente.

§ 1034
Se viene omessa la causa per la quale è stata autorizzata la via necessaria, senza altra causa da parte della parte per mantenere la via necessaria, il giudice, su richiesta del proprietario del terreno in questione, annulla la via necessaria .

§ 1035
(1) Alla cessazione del diritto al viaggio necessario, la retribuzione non sarà rimborsata, ma la cauzione costituita sarà saldata.

(2) Se il pagamento per il viaggio necessario è dovuto a rate o in prestazioni ricorrenti, cessa l’obbligo di pagare le rate o le prestazioni non dovute al momento della cessazione del diritto al viaggio necessario.

§ 1036
Se è necessario stabilire la strada necessaria come strada artificiale, il proprietario del terreno in questione può richiedere al richiedente di acquisire la proprietà del terreno necessario per la strada necessaria. In tal caso, il prezzo è determinato non solo in relazione al prezzo del terreno ceduto, ma anche in relazione alla svalutazione dell’immobile residuo del proprietario interessato.

Espropriazione e limitazione dei diritti di proprietà
§ 1037
In caso di emergenza o di interesse pubblico, l’oggetto del proprietario può essere utilizzato per il tempo e nella misura necessari, a meno che lo scopo non possa essere raggiunto diversamente.

§ 1038
Nell’interesse pubblico, che non può essere soddisfatto altrimenti, e solo in base alla legge, il diritto di proprietà può essere limitato o la cosa espropriata.

§ 1039
(1) Per la limitazione del diritto di proprietà o l’espropriazione della cosa, il proprietario ha diritto a un risarcimento completo corrispondente alla misura in cui la sua proprietà è stata colpita da queste misure.

(2) Il risarcimento è fornito in contanti. Tuttavia, può essere fornito in altro modo se le parti sono d’accordo.

Tutela dei diritti di proprietà
§ 1040
(1) Chi detiene ingiustamente una cosa può essere citato in giudizio dal proprietario per estradarlo.

(2) Una persona che ha alienato la cosa dall’acquirente a proprio nome senza esserne il proprietario e solo allora ha acquisito il diritto di proprietà su di essa non può chiedere l’estradizione della cosa; acquistando la proprietà dall’alienante, l’acquirente diventa proprietario della cosa.

§ 1041
(1) Chi chiede che una cosa gli sia consegnata, deve descriverla in modo tale da distinguerla da altre cose dello stesso genere.

(2) L’emissione di una cosa mobile non riconoscibile ai sensi del comma 1, specie se si tratta di denaro o di titoli al portatore mescolati con altre cose della stessa natura, può essere richiesta solo se il diritto di proprietà di colui che e la mancanza di buona fede della persona contro la quale si chiede l’estradizione.

§ 1042
Il proprietario può far valere protezione contro chi interferisce ingiustificatamente con i suoi diritti patrimoniali o li annulla senza detenzione della cosa.

Tutela dei presunti diritti di proprietà
§ 1043
(1) Una persona che ha acquisito il possesso dei diritti di proprietà in modo onesto, corretto e corretto è considerata proprietaria contro la persona che detiene la questione o la cancella in altro modo, senza avere una ragione legale per farlo, o se ha una ragione legale per farlo, forte o debole.

(2) Se uno ha acquisito il possesso del diritto di proprietà a titolo gratuito e un altro a titolo oneroso, l’acquisizione gratuita è considerata una ragione giuridica più debole.

§ 1044
Se qualcuno ha la cosa con sé, senza presunzione ai sensi del § 1043, può esercitare il diritto alla protezione del proprietario a proprio nome.

Sezione 2: Acquisto della proprietà
Sottosezione 1 Stanziamento e ritrovamento
stanziamento
§ 1045
(1) Una persona che non appartiene a nessuno può prendere la cosa, a meno che la legge o il diritto di un altro di prendere la cosa lo impedisca. La cosa mobile che il proprietario ha lasciato perché non vuole tenerla come propria non appartiene a nessuno.

(2) I beni immobili abbandonati appartengono allo Stato.

§ 1046
(1) Un animale selvatico è senza padrone finché vive in libertà.

(2) Un animale catturato diventa un animale senza padrone, non appena ottiene la libertà e il suo proprietario lo è senza indugio e non lo insegue costantemente né cerca di catturarlo di nuovo. Tuttavia, tale animale non può diventare un animale senza padrone se è contrassegnato in modo da poter identificare il suo proprietario.

§ 1047
(1) Un animale addomesticato che non viene catturato dal proprietario e che non ritorna al proprietario entro un termine ragionevole, sebbene nessuno glielo impedisca, diventa un animale senza padrone e può essere appropriato su un terreno privato dal suo proprietario, in un demanio pubblico da chiunque. È vero che un tempo ragionevole per il ritorno dell’animale dal proprietario è di sei settimane.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se l’animale è contrassegnato in modo tale che il suo proprietario possa essere identificato.

§ 1048
Un animale domestico è considerato abbandonato se le circostanze indicano chiaramente l’intenzione del proprietario di disporre o espellere l’animale. Questo vale anche per l’animale domestico.

§ 1049
Un animale tenuto in uno zoo e un pesce in uno stagno o in uno stabilimento simile, che non è un bene pubblico, non sono senza padrone.

§ 1050
(1) Se il proprietario non esercita il diritto di proprietà sul bene mobile per un periodo di tre anni, si considera che lo abbia lasciato. Se un bene mobile, probabilmente di scarso valore per il proprietario, è stato lasciato in un luogo accessibile al pubblico, è considerato abbandonato senza ulteriori indugi.

(2) Se il proprietario non ha esercitato il diritto di proprietà sull’immobile per un periodo di dieci anni, si considera che lo abbia lasciato.

trovare
§ 1051
Si crede che tutti vogliano conservare la propria proprietà e che la cosa trovata non venga abbandonata. Chi trova una cosa non deve considerarla subito abbandonata e appropriarsene.

§ 1052
(1) Il cercatore deve restituire l’oggetto smarrito alla persona che lo ha perso o al proprietario contro il pagamento delle spese necessarie e il cercatore.

(2) Se non è possibile sapere dalle circostanze a chi la cosa deve essere restituita, e se la cosa non è considerata abbandonata, il cercatore deve notificare il ritrovamento senza indebito ritardo al comune nel cui territorio è stato trovato, di solito entro tre giorni; tuttavia, se la cosa è stata trovata in un edificio pubblico o in un mezzo pubblico di trasporto, il trovante deve consegnare il ritrovamento all’operatore di tali strutture, il quale si atterrà ad altre disposizioni di legge, e in caso contrario, procederà come se era il cercatore.

§ 1053
(1) Il comune comunica l’accertamento con le consuete modalità. Se la persona che ha smarrito la cosa non si presenta entro un termine ragionevole e se la cosa ha un valore considerevole, il comune adotterà gli opportuni provvedimenti per rendere più diffusamente noto il ritrovamento.

(2) Se il comune scopre il proprietario stesso, soprattutto dalla designazione inequivocabile della cosa, ne dà comunicazione a quest’ultimo e lo invita a prendere in consegna la cosa.

§ 1054
(1) Il comune decide come conservare la cosa trovata. Se il cercatore o un’altra persona è d’accordo e se è opportuno, il comune può decidere che la cosa sia tenuta con questa persona. Le cose di notevole valore, in particolare il denaro di importo superiore, vengono solitamente consegnate dal comune alla custodia del tribunale o depositate in altro modo idoneo.

(2) Una cosa che non può essere conservata senza danni evidenti o che può essere conservata solo con costi sproporzionati deve essere venduta dal comune in un’asta pubblica e disposta con il ricavato ai sensi del paragrafo 1; prima di ciò, tuttavia, deduce le proprie spese con l’attuale amministrazione della causa. Il comune provvederà a qualsiasi titolo dell’invendibile; ciò non si applica nel caso di una materia per la quale non vi possono essere dubbi sulla sua unicità e valore.

§ 1055
La cosa o il ricavato per essa prelevato sarà devoluto dal comune, comprensivo dei frutti e dei benefici, e dopo aver trattenuto le spese e il ritrovamento alla persona che ha smarrito la cosa, o al proprietario, se si iscrive entro un anno dalla annuncio del ritrovamento.

§ 1056
(1) Il cercatore appartiene al cercatore anche se il proprietario può essere probabilmente identificato dal segno sulla cosa o da altre circostanze.

(2) Quello rilevante è un decimo del prezzo del ritrovamento. Tuttavia, se un oggetto smarrito è di valore solo per la persona che l’ha perso o per il suo proprietario, il ritrovatore avrà la dovuta discrezione.

§ 1057
(1) Se nessuno richiede la cosa entro un anno dall’annuncio del ritrovamento, il cercatore, il comune o un’altra persona a cui è stata affidata la cosa può trattare la cosa come un onesto detentore. Tuttavia, se il ritrovamento è in denaro, queste persone possono solo utilizzarlo; ciò vale anche per il ricavato dell’oggetto ritirato.

(2) Se la persona che ha perso la cosa o il suo proprietario si registra dopo un periodo di un anno dall’annuncio del ritrovamento e prima della scadenza di tre anni dall’annuncio del ritrovamento, la cosa o il ricavato ritirato deve essere rilasciato a lui dopo il pagamento delle spese e il ritrovamento.

(3) Trascorsi tre anni dall’annuncio del ritrovamento, il cercatore, il comune o altra persona a cui è stata affidata la cosa acquisisce la proprietà della cosa o il ricavato dalla stessa prelevato.

§ 1058
(1) Se viene trovato un animale in cui è evidente che aveva un proprietario, il ricercatore deve notificare il ritrovamento senza indebito ritardo al comune, se non è possibile sapere dalle circostanze a chi deve essere restituito.

(2) La persona che si prende cura dell’animale trovato deve prendersi cura di loro come un vero e proprio gestore fino a quando il proprietario non subentra.

§ 1059
(1) Se viene trovato un animale apparentemente destinato all’allevamento di animali da compagnia e se nessuno lo richiede entro due mesi dall’annuncio del ritrovamento, il ricercatore ne acquisisce la proprietà.

(2) Se il ricercatore dichiara al comune di non voler acquisire l’animale e se il comune affida irrevocabilmente l’animale alla persona che gestisce il rifugio per animali, questa persona può disporre liberamente dell’animale se nessuno si registra entro quattro mesi l’animale le fu affidato. Se il ritrovamento è stato annunciato solo dopo la consegna dell’animale, il termine inizia a decorrere dall’annuncio del ritrovamento.

§ 1060
Se il cercatore dichiara al comune di non voler acquistare la cosa trovata, il suo diritto passa ad utilizzare la cosa o il ricavato da essa detratto e ad acquistarla al comune sul cui territorio è stata trovata. Acquisendo il diritto di proprietà, il comune è obbligato a pagare il cercatore dovuto.

§ 1061
Un cercatore che non notifica il ritrovamento, se ne appropria o viola in altro modo i suoi obblighi, non ha diritto al pagamento e il cercatore, né può utilizzare il ritrovamento o acquisirne la proprietà in conformità con le disposizioni della presente legge sul ritrovamento. Ciò non pregiudica il suo obbligo di risarcimento.

§ 1062
Se più persone trovano una cosa contemporaneamente, ne hanno diritto e sono vincolate in solido. Un co-trovatore è anche colui che ha visto la cosa e ha cercato di raggiungerla, anche se qualcun altro l’aveva già afferrata.

Trovare cose nascoste
§ 1063
Lo stesso vale per il ritrovamento di una cosa sepolta, murata o altrimenti nascosta quanto per il ritrovamento di una cosa perduta. Tuttavia, i cercatori non hanno il diritto di scoprire se il proprietario sapeva del nascondiglio.

§ 1064
(1) Se non è chiaro a chi appartenga la cosa nascosta, il cercatore ne informa il proprietario del terreno e il comune nel cui territorio è stato trovato; § 1062 si applica per analogia.

(2) Se la cosa nascosta non cade nella proprietà dello stato, della regione o del comune secondo altre norme legali, il cercatore deve concordare con il proprietario del terreno che manterrà la cosa e pagherà l’altra metà del prezzo di la cosa. Se non sono d’accordo, la cosa appartiene al proprietario del terreno e il proprietario paga la metà del suo prezzo.

§ 1065
Una persona disposta a trovare una cosa smarrita o nascosta non è un cercatore e ha diritto solo a una ricompensa per la ricerca, se concordata.

Sottosezione 2 Aumento naturale
Aggiunta di immobili
§ 1066
Il frutto che la terra produce da sé senza essere coltivato appartiene al proprietario terriero. Lo stesso vale per i frutti naturali di altri beni immobili.

§ 1067
L’albero appartiene a colui dalla cui terra cresce il tronco. Se un tronco cresce al confine di terre di diversi proprietari, l’albero è comune.

Alluvione e gola
§ 1068
Il terreno alluvionale esposto a riva appartiene al proprietario del terreno costiero. Questo vale anche per gli incrementi causati dal vento o da altre forze naturali.

§ 1069
Una parte ampia e riconoscibile del terreno, che il corso d’acqua dilava verso un’altra sponda, diventa parte del terreno costiero, a meno che il proprietario originario non eserciti il ​​suo diritto sul terreno dilavato per un anno.

§ 1070
(1) Se un corso d’acqua separa una parte della terra dalla terra come un’isola, il proprietario della terra originale è il proprietario dell’isola.

(2) Negli altri casi l’isola appartiene al proprietario del corso d’acqua.

§ 1071
Il corso d’acqua creato dalla gravina oa seguito della formazione dell’isola diventa di proprietà del proprietario dell’alveo originario.

§ 1072 Aggiunta di beni mobili
L’aggiunta naturale di un bene mobile appartiene al suo proprietario.

§ 1073
(1) I frutti emessi da un animale appartengono al proprietario dell’animale.

(2) La retribuzione può essere richiesta per la fecondazione di un animale solo se è stata concordata.

Sottosezione 3 Incremento artificiale
in lavorazione
§ 1074
(1) Una cosa nuova creata trasformando beni mobili di più proprietari in modo tale che i beni trasformati non possano essere restituiti allo stato precedente né affatto né solo con spese o perdite considerevoli, appartiene al proprietario che ha contribuito maggiormente al valore del risultato.

(2) Il proprietario di una cosa nuova deve pagare il compenso per l’opera alla persona che ha perso il diritto di proprietà, il valore della cosa lavorata e alla persona che ha partecipato al risultato dell’opera.

§ 1075
(1) Il proprietario di una cosa che il responsabile del trattamento non ha trasformato in una cosa nuova in buona fede è lasciata alla discrezione di adottare la cosa nuova e sostituire l’altra con ciò che ha perso, o se gli lascerà la cosa per risarcimento.

(2) Il diritto di scegliere una soluzione più vantaggiosa decade se non è esercitato entro un mese dal giorno in cui il titolare ha appreso del trattamento delle cose.

§ 1076
(1) Se non è possibile determinare l’unico proprietario di una cosa nuova, la cosa appartiene alla comproprietà dei proprietari delle cose trasformate. Le quote sono determinate in base ai valori degli articoli lavorati; se questo non è possibile, le loro quote sono le stesse.

(2) I comproprietari devono pagare in solido il compenso per il lavoro alla persona che ha lavorato la cosa.

§ 1077
Se una cosa estranea viene utilizzata solo per riparare un’altra cosa, apparterrà al proprietario della cosa riparata, e sostituirà il valore della cosa estranea usata al proprietario della cosa lavorata.

miscelazione
§ 1078
(1) Se i beni mobili di più proprietari sono mescolati in modo tale che non sia possibile il ripristino dello stato precedente, ma il tutto può essere diviso in parti senza violare l’essenza, è lasciato a ciascuno decidere se separare una proporzione di ciò che è stato creato mescolando o chiederà un risarcimento per ciò che ha perso. Se la persona che ha mescolato le cose non era in buona fede, il proprietario ha il diritto di lasciargli la sua parte delle cose mescolate per l’intero risarcimento.

(2) Le disposizioni della Sezione 1075 comma 2 si applicano mutatis mutandis.

§ 1079
Quando si mescolano beni mobili della stessa specie, specialmente se si verificano durante la loro custodia, il § 1078 non si applica; i proprietari di beni misti trasferiscono la proprietà di una parte dei beni misti.

§ 1080
Chi è stato coinvolto nella miscelazione di cose straniere e non è stato in buona fede, risarcirà anche i proprietari interessati per il mancato guadagno; tuttavia, risarcirà il danno effettivo solo nella misura in cui i proprietari non abbiano ottenuto il risarcimento ai sensi delle disposizioni precedenti.

§ 1081
Chi di coloro che hanno partecipato alla fusione ha con sé una cosa nuova, anche se dovesse consegnarla, non è obbligato a farlo finché il proprietario non gli avrà corrisposto un risarcimento.

§ 1082 Disposizioni comuni
Chi è obbligato a fornire un risarcimento ad un’altra persona durante la trasformazione o la miscelazione non è obbligato a eseguire più di quanto sarebbe obbligato a eseguire in caso di arricchimento senza causa.

Costruzione
§ 1083
(1) Se qualcuno utilizza un oggetto estraneo per la costruzione sul proprio terreno, la costruzione diventa parte del terreno. Il proprietario del terreno sostituisce il proprietario della cosa usata con il suo valore.

(2) Chi non è stato in buona fede nell’utilizzare una cosa straniera per la costruzione, deve risarcire anche il proprietario della cosa usata per il mancato guadagno; tuttavia, risarcisce il danno effettivo solo nella misura in cui il proprietario non abbia ottenuto un risarcimento ai sensi del paragrafo 1.

§ 1084
(1) Un edificio stabilito su un terreno straniero appartiene al proprietario del terreno.

(2) Il proprietario del terreno deve rimborsare alla persona che ha costruito in buona fede l’edificio sul terreno estero i costi volutamente sostenuti. Una persona che non è stata in buona fede ha gli stessi diritti e doveri di un agente illecito.

§ 1085
Il giudice può, su proposta del proprietario fondiario, decidere che colui che ha edificato l’immobile su un terreno altrui, anche se non ne ha il diritto, deve a proprie spese rimuovere l’edificio e restituire il terreno alle condizioni originarie. condizione. Il tribunale valuterà se la costruzione è stata eseguita in buona fede.

§ 1086
(1) Chiunque abbia costruito in buona fede un edificio su un terreno straniero ha il diritto di chiedere al proprietario del terreno che era a conoscenza della costruzione dell’edificio e non gli ha vietato senza indebito ritardo di cedergli il terreno al prezzo normale . Il proprietario terriero ha anche il diritto di richiedere al fondatore di acquistare il terreno al prezzo normale.

(2) Il tribunale, su richiesta di una delle parti, ordina che il terreno sia di proprietà del fondatore dell’edificio e decide sul suo obbligo di pagare un risarcimento al proprietario del terreno.

§ 1087 Pausa
(1) Se un edificio permanente stabilito sul proprio terreno interessa solo una piccola parte di una piccola parte di terreno straniero, la parte del terreno edificato dalla ricostruzione diventa di proprietà del fondatore dell’edificio; ciò non si applica se il fondatore dell’edificio non ha costruito in buona fede.

(2) Chi ha costruito in buona fede sostituirà il proprietario del terreno, parte del quale è stato edificato con una conversione, con il prezzo normale del terreno acquistato.

Sottosezione 4 Incremento misto
§ 1088
(1) Quando si semina un terreno con seme straniero o si pianta con piante straniere, il proprietario del terreno appartiene a ciò che verrà aggiunto in questo modo; tuttavia, le piante non gli appartengono fino a quando non hanno messo radici.

(2) Le sezioni 1083 e 1084 si applicano mutatis mutandis al risarcimento per semi e piante.

Sottosezione 5 Resistenza
Resistenza adeguata
§ 1089
(1) Se un detentore onesto detiene il diritto di proprietà per un determinato periodo di tempo, lo manterrà e acquisirà la proprietà della cosa.

(2) La disonestà del predecessore non impedirà all’onesto successore di iniziare la sopportazione nel giorno in cui ne acquisì il possesso.

§ 1090
(1) L’autenticità del mandato è richiesta per il mantenimento e che il mandato sia basato su un motivo legale che sarebbe sufficiente per stabilire il diritto di proprietà se apparteneva al cedente o se era stabilito da una persona autorizzata.

(2) Se il testatore ha acquisito un falso possesso, il suo erede potrebbe non essere in grado di trattenere il diritto di proprietà, anche se lo ha detenuto onestamente. Ciò vale anche per il successore legale generale di una persona giuridica.

§ 1091
(1) Per mantenere il diritto di proprietà su una cosa mobile, è richiesto un mandato ininterrotto della durata di tre anni.

(2) Per mantenere il diritto di proprietà sull’immobile è necessario un mandato ininterrotto della durata di dieci anni.

§ 1092
Nel periodo di sopportazione a favore del corrotto deve essere compreso anche il periodo di possesso corretto e onesto del suo predecessore.

§ 1093
Le partecipazioni sono sospese se il titolare non le ha esercitate per più di un anno durante il periodo di sospensione.

§ 1094
Se una persona è tenuta ad avere un rappresentante legale o un tutore, il termine di sospensione decorre dalla data in cui acquisisce un rappresentante legale o un tutore. Il tempo già iniziato continua, ma non finisce che un anno dopo che l’ostacolo è scomparso.

§ 1095 Resistenza straordinaria
Trascorso il doppio del tempo che sarebbe altrimenti richiesto, il titolare conserva il diritto di proprietà, anche se non prova il motivo giuridico su cui si basa il suo possesso. Ciò non si applica se viene dimostrata l’intenzione disonesta.

§ 1096 Accredito del periodo di resistenza
(1) Se qualcuno ha onestamente acquisito il possesso da un onesto detentore, il cui possesso si basa su una ragione giuridica che sarebbe sufficiente per stabilire il diritto di proprietà (§ 1090 par. 1), il suo periodo di residenza del suo predecessore sarà preso in considerazione.

(2) In caso di durata straordinaria, i successori del predecessore onesto saranno accreditati senza ulteriore successione.

§ 1097 Divieto di sopportazione
Il rappresentante legale non può difendere il diritto di proprietà contro il rappresentato, né il rappresentato contro il suo rappresentante legale. Lo stesso vale per il tutore, il tutore e il tutore.

§ 1098 Sospensione del periodo di resistenza
Il periodo di sopportazione non inizia a decorrere né a decorrere tra i coniugi finché dura il matrimonio. Ciò vale allo stesso modo per le persone che vivono nella stessa economia domestica, rappresentante legale e persona rappresentata, tutore e custode, nonché fiduciario e tutore.

Sottosezione 6 Trasferimento di proprietà
§ 1099
La proprietà di un bene determinato individualmente è trasferita dal contratto stesso al momento della sua efficacia, salvo diverso accordo o disposizione di legge.

§ 1100
(1) Se una parte trasferisce la proprietà di un oggetto non iscritto nell’elenco pubblico a più persone mediante contratti conclusi successivamente, la persona a cui il cedente ha rilasciato la cosa per prima acquisisce la proprietà. Se non esiste tale persona, la persona con la quale è stato concluso il contratto, che è entrato in vigore per prima, acquisisce il diritto di proprietà.

(2) Se una parte trasferisce in successione la proprietà di una cosa iscritta nell’elenco pubblico a più persone, il proprietario diventa la persona che è in buona fede e il cui diritto di proprietà è stato iscritto per primo nell’elenco pubblico, anche se il suo diritto è nato dopo.

Passaggio di proprietà di un bene mobile
§ 1101
La proprietà di una cosa mobile determinata dal tipo si acquisisce al più presto quando la cosa può essere determinata mediante una sufficiente distinzione da altre cose dello stesso tipo.

§ 1102
Se viene trasferito il diritto di proprietà su un bene mobile iscritto nell’elenco pubblico, il bene diventa proprietà con l’iscrizione in tale elenco, salvo diversa disposizione di altra normativa.

§ 1103
(1) La proprietà di un titolo al portatore è trasferita per contratto al momento del suo trasferimento.

(2) Il diritto di proprietà su un titolo consecutivo deve essere trasferito mediante avallo e contratto al momento del suo trasferimento. Per i requisiti della girata e della sua accettazione, nonché per chi ha diritto alla girata e come prova tale autorizzazione, si applicano le disposizioni della normativa di legge in materia di cambiali; tuttavia, il cedente di un titolo è responsabile della soddisfazione dei diritti derivanti dal titolo solo se è specificamente obbligato a farlo.

(3) La proprietà di un titolo registrato è trasferita dal contratto stesso al momento della sua efficacia.

§ 1104
(1) Il diritto di proprietà su un titolo dematerializzato si acquisisce mediante registrazione del titolo dematerializzato per conto del proprietario.

(2) Se sul conto del cliente è registrato anche un titolo dematerializzato, la proprietà dello stesso si acquisisce mediante registrazione sul conto del cliente.

(3) Le disposizioni sull’acquisizione della proprietà di titoli in forma contabile si applicano mutatis mutandis all’acquisizione di diritti di proprietà su un titolo immobilizzato ai sensi della Sezione 2413 (1).

§ 1105 Trasferimento di proprietà di beni immobili
Se viene trasferita la proprietà di un immobile iscritto in un pubblico elenco, il bene si acquista mediante iscrizione in tale elenco.

Disposizioni comuni sul trasferimento di proprietà
§ 1106
Chi acquista la proprietà acquisisce anche i diritti e gli obblighi connessi alla cosa.

§ 1107
(1) Chi acquista la proprietà assume anche i vizi relativi alle cose iscritte nel pubblico elenco; assume altri vizi se li avesse e avrebbe potuto scoprirli dalle circostanze o se fosse convenuto, o se così previsto dalla legge.

(2) I difetti che non scompaiono scompaiono.

§ 1108
Le disposizioni degli articoli 1106 e 1107 si applicano analogamente all’acquisizione della proprietà diversa dal trasferimento.

Sottosezione 7 Acquisto della proprietà da parte di persona non autorizzata
§ 1109
Il proprietario della cosa sarà colui che ha acquistato la cosa, che non è iscritta nell’elenco pubblico, ed era, in ogni caso, in buona fede nel diritto dell’altra parte di trasferire la proprietà a proprio titolo, se l’acquisizione si è verificato
a) in un’asta pubblica,

b) dall’imprenditore nello svolgimento della sua attività d’impresa nel normale svolgimento dell’attività,

c) dietro compenso di colui al quale il proprietario ha affidato la cosa,

d) da un erede non autorizzato al quale è stata confermata l’acquisizione dell’eredità,

(e) nel caso di un’operazione in uno strumento di investimento, titolo o documento emesso al portatore; o

f) quando si negozia in una borsa merci.

§ 1110
Se qualcuno ha ottenuto in buona fede un bene mobile usato dietro compenso da un imprenditore che commercia tali cose nell’esercizio della sua attività nel normale svolgimento dell’attività, lo deve rilasciare al proprietario, il quale dimostrerà di aver perso la cosa o smarrito arbitrariamente la cosa, la perdita o il sequestro della cosa è trascorso entro un massimo di tre anni.

§ 1111
Se qualcuno ha acquistato una cosa mobile in circostanze diverse da quelle previste dal § 1109 o 1110, diventa proprietario della cosa se dimostra buona fede nel diritto del cedente di trasferire la proprietà della cosa. Ciò non si applica se il proprietario dimostra di aver perso la cosa per perdita o atto della natura di un reato doloso.

§ 1112
Né il titolare né la buona fede del suo predecessore possono pretendere il beneficio della persona che ha acquistato il bene mobile con la consapevolezza che il diritto di proprietà è stato acquisito dal non autorizzato.

§ 1113
Le disposizioni degli articoli da 1110 a 1112 non si applicano nel caso di un titolo di investimento, titolo o atto rilasciato al portatore o di un bene acquistato in un’asta pubblica, in un’asta in esecuzione di una decisione o in esecuzione mediante vendita di beni mobili o in un bene acquistato in un commercio di merci.

Sottosezione 8 Acquisto della proprietà mediante decisione di un’autorità pubblica
§ 1114
Con decisione di un tribunale o di altra autorità pubblica, il diritto di proprietà si acquisisce alla data ivi indicata. Se tale data non è specificata nella decisione, il diritto di proprietà è acquisito il giorno in cui la decisione diventa definitiva.

Parte 4 Comproprietà
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 1115
(1) Sono comproprietari le persone alle quali il diritto di proprietà su una cosa appartiene congiuntamente.

(2) Le disposizioni sulla comproprietà si applicano mutatis mutandis alla comunione degli altri diritti reali.

§ 1116
A causa della cosa nel suo insieme, i comproprietari si considerano una persona singola e trattano la cosa come una persona singola.

§ 1117
Ogni comproprietario ha diritto a tutto. Questo diritto è limitato dallo stesso diritto di ogni altro comproprietario.

§ 1118
Il comproprietario ha diritto alla dichiarazione di come è stata trattata la cosa comune, nonché alla quota dei frutti e dei benefici della cosa comune.

§ 1119
La liquidazione può essere richiesta dopo la scadenza del termine consueto alla natura dell’amministrazione della causa comune, al termine della comproprietà o al termine della partecipazione ad essa, o per altri importanti motivi.

§ 1120
(1) I frutti ei benefici della causa comune sono ripartiti secondo il rapporto delle azioni.

(2) L’ accordo dei comproprietari determinerà come devono essere gestiti i frutti ei benefici della causa comune, che non possono essere suddivisi secondo le azioni. Se i comproprietari non sono d’accordo, questi frutti e benefici saranno venduti in modo appropriato e la resa sarà ripartita.

Sezione 2 Partecipazione in comproprietà
§ 1121
Ciascuno dei comproprietari è il pieno proprietario della propria quota.

§ 1122
(1) La quota esprime il grado di partecipazione di ciascun comproprietario alla formazione di un testamento comune e ai diritti e agli obblighi derivanti dalla comproprietà della cosa.

(2) L’ entità della quota risulta dal fatto giuridico su cui si fonda la comproprietà o la partecipazione del comproprietario alla comproprietà. Ciò non impedisce ai comproprietari di disporre diversamente l’entità delle azioni; tale accordo deve rispettare i requisiti previsti per il trasferimento della partecipazione.

(3) Le azioni si considerano uguali.

§ 1123
Il comproprietario può disporre della sua quota a suo piacimento. Tuttavia, tale trattamento non deve essere lesivo dei diritti degli altri comproprietari, quali che siano le conseguenze.

§ 1124
(1) Se la comproprietà è stata stabilita per acquisto in caso di morte o altro fatto giuridico in modo tale che i comproprietari non possano influenzare i loro diritti e obblighi fin dall’inizio e se uno dei comproprietari trasferisce sua quota, gli altri comproprietari hanno la quota per sei mesi dalla costituzione di un diritto di prelazione condominiale, salvo che il comproprietario non trasferisca la quota ad altro comproprietario o al coniuge, fratello o parente in linea diretta. Se i comproprietari non sono d’accordo su come esercitare il diritto di prelazione, hanno il diritto di riscattare la quota in proporzione alla dimensione delle azioni.

(2) I comproprietari hanno diritto di prelazione anche se uno dei comproprietari trasferisce la quota a titolo gratuito; quindi i comproprietari hanno il diritto di acquistare la quota al prezzo consueto. Ciò vale anche in altri casi di diritti di prelazione previsti dalla legge.

§ 1125
(1) Se la comproprietà di un’azienda agricola è sorta in caso di morte o di altro fatto giuridico in modo che i comproprietari non possano influenzare i loro diritti e obblighi fin dall’inizio e se uno dei comproprietari trasferisce la sua quota , gli altri comproprietari hanno un diritto di prelazione sulla quota; il diritto di prelazione si applica anche alla quota ereditaria. Se i comproprietari oi coeredi non sono d’accordo su come esercitare il diritto di prelazione, hanno il diritto di riscattare la quota in proporzione all’entità delle azioni.

(2) Se il comproprietario trasferisce la sua quota a una persona che sarebbe il suo erede ai sensi delle disposizioni sulla successione legale degli eredi, o ad un altro comproprietario, il paragrafo 1 non si applica. Ciò vale anche nel caso in cui il comproprietario del diritto di prelazione abbia rinunciato per iscritto.

Sezione 3 Gestione della causa comune
§ 1126
(1) Ciascuno dei comproprietari ha il diritto di partecipare all’amministrazione della causa comune.

(2) Quando si decide su una questione comune, i voti dei comproprietari sono calcolati in base alla dimensione delle loro azioni.

§ 1127
Tutti i comproprietari sono legittimati e obbligati in solido dai procedimenti legali concernenti la materia comune.

§ 1128
(1) I comproprietari decidono sulla gestione quotidiana di una questione comune a maggioranza dei voti.

(2) Una decisione ha effetti giuridici per tutti i comproprietari solo se tutti sono stati informati della necessità di decidere, a meno che non si tratti di una questione che richiede un’azione immediata. Il comproprietario omesso nel decidere su una questione urgente può proporre al tribunale di dichiarare che la decisione sulla questione urgente non ha effetti giuridici nei suoi confronti, se non può essere legittimamente tenuto a sopportarla.

(3) Se la proposta di cui al comma 2 non è depositata entro trenta giorni dall’adozione della decisione, il diritto di depositarla decade; se la cessione non è stata comunicata al comproprietario, il termine decorre dal giorno in cui ha saputo o avrebbe potuto venire a conoscenza della decisione.

§ 1129
(1) Una decisione su una questione significativa relativa a una questione comune, in particolare sul suo sostanziale miglioramento o deterioramento, modifica del suo scopo o del suo trattamento, richiede una maggioranza di almeno due terzi dei voti dei comproprietari. Se tale maggioranza non viene raggiunta, il tribunale decide sulla proposta del comproprietario.

(2) Un comproprietario annullato in una decisione ai sensi del paragrafo 1 può proporre che una questione sia decisa da un tribunale; in tale contesto, può anche chiedere al giudice di vietarle temporaneamente di agire conformemente alla decisione impugnata. Le disposizioni del § 1128 par. 3 si applicano per analogia.

§ 1130
Un comproprietario annullato che è minacciato di un danno grave da una decisione, in particolare da una restrizione sproporzionata all’uso di una questione comune o da un obbligo apparentemente sproporzionato rispetto al valore della sua partecipazione, può chiedere al tribunale di annullare la decisione . Le disposizioni del § 1128 par. 3 si applicano per analogia.

§ 1131
Qualora la maggioranza dei comproprietari deliberi sulla misura necessaria per mantenere o migliorare la cosa comune e si impegna con il sottoscritto comproprietario a non obbligarlo a partecipare alle spese o a risarcirlo degli eventuali danni cagionati dal provvedimento preso e fornire garanzie sufficienti, diritto di comproprietario annullato secondo § 1130.

§ 1132
La decisione di gravare o mettere da parte un’impresa comune e la decisione di limitare i diritti dei comproprietari a un periodo superiore a dieci anni richiede il consenso di tutti i comproprietari.

§ 1133
La decisione della maggioranza di almeno due terzi dei comproprietari è sufficiente per stabilire un pegno o altra garanzia analoga che serva a garantire un credito pecuniario derivante dal miglioramento della questione comune o dal suo rinnovo.

Gestore delle cause comuni
§ 1134
I comproprietari decidono sull’elezione e la revoca dell’amministratore nonché sulle questioni di ordinaria amministrazione.

§ 1135
L’amministratore ha la personalità giuridica del committente. Deve rendere conto ai comproprietari per l’amministrazione; ha diritto al rimborso delle spese opportunamente sostenute, che può scegliere tra i ricavi della cosa gestita.

§ 1136
Il comproprietario che abbia sostenuto una causa comune nell’interesse degli altri comproprietari senza la loro notifica e il loro consenso può chiedere
a) una parte proporzionale del compenso nell’ambito della valutazione della cosa, se si trattava di un costo che andava a vantaggio dei comproprietari,

(b) il rimborso delle spese necessarie, in caso di spese da sostenere per il salvataggio della merce.

§ 1137
Se l’amministrazione è affidata a più persone, queste decidono a maggioranza di voti; ognuno ha un voto.

§ 1138
A meno che i comproprietari dell’immobile non convengano diversamente sulla sua amministrazione, l’accordo richiede la forma di un atto pubblico. L’accordo è trascritto in una raccolta di atti presso l’autorità presso la quale l’immobile è iscritto nel registro pubblico.

§ 1139 Disciplina giudiziaria dei comproprietari
(1) Se uno dei comproprietari di un tribunale propone di decidere che la decisione della maggioranza dei comproprietari non ha effetti giuridici contro di lui, di annullare tale decisione o di sostituirli con la sua decisione, il tribunale dispone la rapporti giuridici dei comproprietari a sua discrezione. In particolare, il giudice può decidere se la modifica debba essere effettuata senza riserve, con riserva o contro cauzione, o se non debba avvenire affatto.

(2) Con le modalità di cui al paragrafo 1, il tribunale decide anche se uno dei comproprietari chiede la sua decisione perché non è stata raggiunta la maggioranza richiesta quando si decide su una questione comune.

Sezione 4 Separazione e separazione della comproprietà
§ 1140
(1) Nessuno può essere obbligato a rimanere in comproprietà.

(2) Ciascuno dei comproprietari può in ogni momento chiederne la separazione dalla comproprietà, se l’oggetto della comproprietà è frazionabile, o la cancellazione della comproprietà. Tuttavia, non deve presentare domanda in un momento inopportuno o solo a danno di uno dei comproprietari.

§ 1141
(1) La comproprietà viene annullata previo accordo di tutti i comproprietari; l’accordo deve includere un accordo sulle modalità di regolamento. In caso di comproprietà di un immobile o di un impianto, il contratto prevede la forma scritta.

(2) I comproprietari stabiliscono la divisione della cosa comune, la sua vendita libera o in un’asta pubblica con distribuzione del ricavato, o il trasferimento della proprietà a uno o più comproprietari con il pagamento degli altri.

§ 1142
(1) Se è una cosa comune, che nel suo insieme serve a un certo scopo, la sua divisione non è possibile.

(2) I terreni agricoli possono essere suddivisi solo in modo tale che la divisione crei terreni che possono essere effettivamente coltivati ​​sia per quanto riguarda l’area che per la possibilità di accesso permanente. Ciò non si applica se il terreno deve essere diviso allo scopo di costruire un edificio o per uno scopo per il quale il terreno può essere espropriato.

§ 1143
Se i comproprietari non sono d’accordo sulla cancellazione della comproprietà, il tribunale deciderà in merito su proposta di uno dei comproprietari. Se il tribunale decide di annullare la comproprietà, deciderà anche sulle modalità di liquidazione dei comproprietari.

§ 1144
(1) Se possibile, il tribunale decide sulla divisione della questione comune; ma non può dividere una cosa se il suo valore è significativamente ridotto.

(2) Tuttavia, la divisione di una cosa non è impedita dall’impossibilità di dividere una cosa in parti corrispondenti esattamente alle quote dei comproprietari, se la differenza in denaro è regolata.

§ 1145
In caso di cessazione della comproprietà mediante divisione della causa congiunta, il tribunale può stabilire una servitù o altro diritto reale, se ciò richiede il corretto uso della causa appena costituita da parte dell’ex comproprietario.

§ 1146
I documenti congiunti non possono essere divisi. Se i comproprietari non sono d’accordo su chi saranno depositati i documenti congiunti, li depositeranno presso il comproprietario più anziano, a meno che non ci sia nulla di sbagliato in questo. Gli altri comproprietari riceveranno copie autenticate o copie a spese condominiali.

§ 1147
Se la divisione della causa comune non è ben possibile, il tribunale la ordina a uno o più comproprietari per un congruo risarcimento. Se nessuno dei comproprietari vuole la cosa, il tribunale ne ordina la vendita all’asta pubblica; in un caso giustificato, il tribunale può decidere che il caso sarà messo all’asta solo tra i comproprietari.

§ 1148
(1) Alla cessazione della comproprietà, i comproprietari devono regolare reciprocamente crediti e debiti relativi alla comproprietà o a una cosa comune.

(2) Ciascuno dei comproprietari può richiedere il pagamento di un credito dovuto, nonché di un credito esigibile entro un anno dalla data di efficacia dell’accordo sulla cessazione della comproprietà o dall’inizio del procedimento per la risoluzione del comproprietà.

(3) Se la cosa è venduta, tutti i debiti di cui ai commi precedenti devono essere pagati dopo che siano state dedotte le spese di vendita prima che il ricavato sia distribuito tra i comproprietari.

§ 1149
(1) Su richiesta di uno di loro, gli ex comproprietari devono fornire conferma di come si sono stabiliti, a meno che non abbiano concluso un accordo sulla cancellazione della comproprietà del bene mobile per iscritto.

(2) Quando si stabilisce la comproprietà di un bene immobile iscritto nell’elenco pubblico, nuovi diritti patrimoniali derivano dall’iscrizione in questo elenco pubblico.

Tutela di terzi in caso di divisione di una causa comune
§ 1150
La divisione di una causa comune non va a scapito della persona che ha diritto reale alla causa comune.

§ 1151
Quando si divide la cosa prevalente, la servitù per tutte le parti di solito continua, ma non deve essere estesa o diventare più difficile. Se la servitù avvantaggia solo alcune delle opere, scompare rispetto alle altre opere.

§ 1152
Se la cosa ingombrata è divisa e se la servitù interessa solo una parte, scompare sulle altre parti.

§ 1153
(1) Se il diritto di servizio o altro gravame conferisce un diritto a frutti o benefici, può
a) ciascuno degli aventi diritto, se la cosa è scissa, oppure

(b) ciascuna delle persone lese, se il caso è difficile, proporre che l’esecuzione sia fornita da un tribunale.

(2) Il tribunale adegua l’esecuzione rispetto alla natura e allo scopo del carico, nonché rispetto alle peculiarità economiche delle singole parti, in modo che il risultato corrisponda ai principi di decenza e in modo che il carico non aumento.

Rinvio della cancellazione della comproprietà
§ 1154
(1) Se i comproprietari si impegnano a non richiedere l’annullamento della comproprietà per un certo periodo, ma per un periodo massimo di dieci anni, non può essere esclusa qualsiasi altra disposizione successiva. Se il differimento della cessazione della comproprietà è stato concordato per un periodo superiore a dieci anni, si considera concordato per dieci anni. Il rinvio della cancellazione della comproprietà può essere disposto ripetutamente.

(2) Se la disposizione del rinvio della cancellazione della comproprietà deve vincolare i successori legali dei comproprietari, la cui successione legale deriva da un’eredità o da una trasformazione di una persona giuridica, ciò deve essere esplicitamente concordato.

(3) Un accordo sul rinvio dell’abolizione della comproprietà richiede la forma di un atto pubblico; se il concordato riguarda un immobile iscritto nel pubblico elenco, il differimento dell’annullamento della comproprietà è iscritto nell’elenco pubblico.

§ 1155
(1) Su proposta del comproprietario, il tribunale può rinviare l’annullamento della comproprietà se ciò serve a prevenire la perdita di proprietà o una grave minaccia all’interesse legittimo di un comproprietario, e quindi prolungare la durata della comproprietà -proprietà, ma non più di due anni.

(2) La revoca della comproprietà può essere differita per acquisto anche in caso di morte.

§ 1156
Il rinvio della revoca della comproprietà può essere successivamente modificato con l’accordo dei comproprietari e, in caso negativo, con una decisione giudiziaria emessa su proposta del comproprietario, che dimostri che non può essere legittimamente richiesto di rimanere in comproprietà, o che le circostanze si sono verificate.

§ 1157 Rinvio della separazione dalla comproprietà
Le sezioni da 1154 a 1156 si applicano mutatis mutandis ai dipartimenti di comproprietà.

Sezione 5 Condominio abitativo
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 1158
(1) La comproprietà abitativa è la comproprietà di beni immobili costituita dalla proprietà delle unità. La comproprietà abitativa può sorgere se l’immobile comprende una casa con almeno due appartamenti.

(2) Quanto stabilito in questa sezione su un appartamento si applica anche a uno spazio non residenziale, nonché a un insieme di appartamenti o locali non residenziali.

§ 1159
L’unità comprende un appartamento come parte della casa spazialmente separata e una quota nelle parti comuni dell’immobile collegate ed inseparabili. L’unità è una cosa inamovibile.

Parti comuni
§ 1160
(1) Sono comuni almeno quelle parti di beni immobili che, per loro natura, sono destinate a servire insieme i condomini.

(2) Comune è sempre il terreno su cui è stata costituita la casa, o un diritto reale, che autorizza i proprietari di unità ad avere una casa sul terreno, componenti edilizi essenziali per la conservazione della casa, comprese le sue strutture principali, e le sue forma e aspetto, nonché per la conservazione dell’appartamento un altro proprietario dell’unità, e le attrezzature utilizzate da un altro proprietario dell’unità per utilizzare l’appartamento. Ciò vale anche se una determinata parte viene lasciata in uso esclusivo al proprietario dell’unità.

§ 1161
Se le quote nelle parti comuni non sono determinate in relazione alla natura, alle dimensioni e all’ubicazione dell’appartamento o in quanto alla stessa, sono determinate dal rapporto tra la metratura della metratura dell’appartamento e la metratura totale di tutti gli appartamenti della casa.

§ 1162
(1) Se le quote nelle parti comuni sono determinate in modo diverso dal rapporto tra la dimensione della superficie dell’abitazione e la superficie totale di tutte le abitazioni della casa o come la stessa, il proprietario dell’unità ha il diritto di chiedere una modifica di questa designazione se le circostanze sono cambiate in modo così sostanziale che la sua quota delle parti comuni è chiaramente ingiusta.

(2) Se la dichiarazione non viene modificata su proposta del proprietario dell’unità (§ 1169), la dichiarazione deve essere modificata dal tribunale.

Sottosezione 2 Costituzione dell’unità
§ Costruzione 1163
Se le parti si sono impegnate a farlo in relazione alla costruzione di una casa o alla sua modifica, l’unità sarà costituita per costruzione se la casa è almeno in un grado di costruzione tale da essere già chiusa all’esterno da muri perimetrali e struttura del tetto e l’appartamento è chiuso da muri perimetrali.

§ 1164 Iscrizione nell’elenco pubblico
(1) Un’iscrizione nell’elenco pubblico crea un’unità se il proprietario o una persona autorizzata a farlo da un altro diritto reale dichiara il suo diritto alla casa e alla terra al diritto di proprietà delle unità.

(2) L’ iscrizione nell’elenco pubblico è creata anche se i comproprietari concordano sulla separazione dalla comproprietà o sulla sua cancellazione e liquidazione, o se i coniugi lo concordano quando si modifica l’ambito o quando si regola la comunione proprietà. Le disposizioni in materia di dichiarazione si applicano mutatis mutandis a tali disposizioni.

§ Decisione del tribunale 1165
L’ente è costituito se così decide il giudice in caso di separazione dalla comproprietà, in caso di annullamento e liquidazione della comproprietà, in caso di restringimento della comunione o nella liquidazione della comunione.

Dichiarazione
§ 1166
(1) Quando si divide il diritto sui beni immobili nel diritto di proprietà sulle unità, almeno
a) dati relativi a terreni, abitazioni, comuni e territorio catastale,

(b) i dettagli dell’unità, in particolare:
1. denominazione e marcatura dei singoli appartamenti almeno per numero e ubicazione con determinazione della destinazione d’uso,

2. identificazione e descrizione delle parti comuni per quanto riguarda la loro natura costruttiva, tecnica o d’uso e, se del caso, quali di esse sono riservate all’uso esclusivo del proprietario di una determinata unità,

3. la dimensione delle azioni nelle parti comuni,

c) quali diritti reali e altri diritti e quali difetti passano con la creazione del diritto di proprietà sull’unità a tutti i proprietari delle unità o ad alcuni di essi.

(2) Se dalla scissione risultano almeno cinque quote, di cui almeno tre devono essere di proprietà di tre diversi proprietari, la dichiarazione deve anche indicare i requisiti dell’atto costitutivo dei proprietari di quote (di seguito denominato ” associazioni di proprietari”). Se non sorge in connessione con la divisione della comunione dei proprietari, la dichiarazione dell’amministratore deve specificare le regole per l’amministrazione della casa, le regole per l’uso delle parti comuni e i contributi alle spese connesse con l’amministrazione della casa e terra.

(3) La dichiarazione deve essere accompagnata dalle planimetrie di tutti i piani, o dai loro diagrammi, che determinano l’ubicazione degli appartamenti e delle parti comuni della casa, insieme ai dati sulle superfici degli appartamenti.

§ 1167
Se la proprietà delle quote è iscritta nell’elenco pubblico, la dichiarazione non può essere dichiarata nulla, né può essere stabilito che la proprietà delle quote non sia sorta, qualora il diritto sulla quota sia acquisito da un altro soggetto.

§ 1168 Eliminazione del vizio della dichiarazione
(1) Se la dichiarazione definisce l’unità in modo indefinito o inesatto e se l’autore della dichiarazione non la rimuove senza indebito ritardo dopo essere stato informato del difetto da una persona avente un interesse legale, i proprietari delle unità interessate possono eliminare il difetto mediante dichiarazione congiunta. Se ciò non avviene, il giudice deciderà sull’eliminazione del vizio su proposta di chi ne abbia un interesse legale.

(2) Se la dichiarazione determina in modo vago o errato la quota del proprietario dell’unità nelle parti comuni, questa non deve essere presa in considerazione.

§ 1169 Modifica della dichiarazione
(1) I proprietari delle unità possono modificare la dichiarazione. Se l’unità è gravata, la dichiarazione può essere modificata con il preventivo consenso dell’avente diritto.

(2) Una modifica della dichiarazione richiede l’accordo dei proprietari delle quote interessati sulla modifica dei loro diritti e obblighi stipulati per iscritto. L’accordo entra in vigore se i proprietari delle quote lo accettano per iscritto con la maggioranza dei voti o una maggioranza qualificata indicata nella dichiarazione, anche se non sono parti dell’accordo.

Sottosezione 3 Costruzione di una casa con unità
§ 1170 Contratto di costruzione
(1) Con un contratto di costruzione, le parti si impegnano a partecipare congiuntamente alla costruzione, al completamento o alla modifica di una casa allo scopo di stabilire o modificare unità. Le disposizioni della presente legge sulle società si applicano mutatis mutandis ai diritti e agli obblighi delle parti.

(2) Nel contratto, le parti devono concordare almeno
a) dati indicati come requisiti della dichiarazione sulla divisione del diritto alla casa e al terreno nel diritto di proprietà sulle unità,

b) le modalità di pagamento dei costi di costruzione, o di valutazione delle opere eseguite,

(c) la dimensione delle quote di comproprietà della casa e, se la casa deve essere parte del terreno, la dimensione delle quote di comproprietà della terra, fino alla costruzione della prima unità; gli interessi di comproprietà sono determinati a una dimensione corrispondente all’entità dell’interesse del proprietario dell’unità negli interessi comuni, e

d) se la costruzione deve risultare in una casa con almeno cinque unità abitative, i requisiti degli statuti dell’associazione dei proprietari, se non già costituita.

(3) Il contratto richiede una forma scritta.

§ 1171
Se il contratto di costruzione è concluso in un momento in cui la casa è già in costruzione, ma gli appartamenti non sono ancora in costruzione, le parti concordano l’entità delle quote di comproprietà nell’immobile in misura corrispondente alla dimensione del co -quote di proprietà dei futuri proprietari di quote nelle parti comuni.

§ 1172
(1) Se l’unità deve essere creata per ampliamento, ampliamento o modifica edilizia della casa e se le unità non sono ancora definite nella casa, le parti del contratto devono concordare anche la definizione delle unità nella casa e il proprietario o una persona avente diritto a farlo da un altro diritto reale nuove quote di comproprietà di beni immobili di dimensioni corrispondenti alla dimensione della sua quota di comproprietà come proprietario dell’unità nelle parti comuni.

(2) Se deve essere creata una nuova unità o se l’unità esistente deve essere modificata da una sovrastruttura, ampliamento o modifica edilizia in una casa in cui le unità sono già definite, le parti del contratto devono concordare anche le modifiche del dimensione delle quote di comproprietà dopo la nuova quota o modifica della quota esistente e loro trasferimenti in modo da corrispondere alle quote di comproprietà di nuova determinazione.

§ 1173
Se il contratto di costruzione non contiene un accordo esplicito sulle deviazioni dalla designazione delle unità, la costruzione è considerata corretta se la deviazione è solo minore e il comproprietario interessato l’aveva e poteva ragionevolmente aspettarsela. Se le parti non sono d’accordo, il tribunale decide come trattare le conseguenze della deviazione dalla designazione delle quote.

§ 1174
(1) Se una casa è creata per costruzione, le parti rimarranno i beni immobili come comproprietari fino alla costituzione dell’unità.

(2) Con la costituzione dell’unità, la comproprietà immobiliare si trasforma in comproprietà abitativa.

Sottosezione 4 Diritti e obblighi del proprietario dell’unità
§ 1175
(1) Il proprietario di un’unità ha il diritto di gestire liberamente, utilizzare esclusivamente e modificare internamente il suo appartamento nonché utilizzare le parti comuni, ma non può rendere più difficile per un altro proprietario dell’unità esercitare gli stessi diritti o mettere in pericolo, modificare o danneggiare parti comuni.

(2) Il proprietario dell’unità mantiene il suo appartamento come richiesto dalle condizioni sane e dal buon aspetto della casa; ciò vale anche per le parti comuni che il proprietario dell’unità ha riservato in uso esclusivo.

§ 1176
La costituzione del diritto di proprietà sull’unità obbliga il proprietario dell’unità a seguire le regole per la gestione della casa e per l’uso delle parti comuni, se era a conoscenza di queste regole o se le aveva e poteva conoscerle, nonché a assicurarne l’osservanza da parte delle persone alle quali ha consentito l’accesso alla casa o all’appartamento.

§ 1177
(1) Chi ha acquisito la proprietà di un’unità deve notificare i proprietari delle unità, compreso il suo indirizzo e il numero di persone che avranno un’abitazione nell’appartamento, tramite il responsabile dell’amministrazione dell’abitazione entro e non oltre un mese dal il giorno in cui ha saputo o avrebbe potuto sapere di essere il proprietario. . Lo stesso vale in caso di modifica delle informazioni fornite nella notifica.

(2) Il proprietario dell’unità deve notificare senza indebito ritardo alla persona responsabile dell’amministrazione della casa le variazioni del numero di persone che hanno un nucleo familiare nell’appartamento e vi abitano per un periodo totale di almeno tre mesi in uno anno solare. Ciò vale anche se il proprietario dell’unità abitativa ha lasciato l’appartamento in uso ad un’altra persona; in tal caso, comunica anche il nome e l’indirizzo di tale persona.

§ 1178
Su richiesta del proprietario dell’unità, la persona responsabile dell’amministrazione della casa gli comunica il nome e l’indirizzo di qualsiasi proprietario o inquilino della casa.

§ 1179
Il proprietario dell’unità ha il diritto di sapere come gestisce la persona responsabile dell’amministrazione della casa e come gestisce la casa o il terreno. Per questa persona, il proprietario dell’unità può prendere visione dei contratti conclusi in materia di amministrazione, nonché dei libri e dei documenti.

§ 1180
(1) Se non diversamente specificato, il proprietario dell’unità contribuisce all’amministrazione della casa e del terreno nella misura corrispondente alla sua quota nelle parti comuni. Qualora una delle parti comuni sia utilizzata esclusivamente da un condomino, l’importo del contributo è determinato anche tenendo conto della natura, delle dimensioni e dell’ubicazione di tale parte e dell’entità dell’obbligo del conduttore di gestire la parte in proprio spese.

(2) I contributi destinati alla remunerazione della persona che amministra la casa o dei membri dei suoi organi, per la tenuta della contabilità e per analoghe spese della propria attività amministrativa sono ripartiti in modo uguale per ciascuna unità.

§ 1181
(1) Il proprietario dell’unità paga gli anticipi per le prestazioni associate o connesse all’uso dell’appartamento (servizio) e ha il diritto di far pagare l’anticipo alla persona responsabile dell’amministrazione della casa, di solito entro e non oltre quattro mesi dalla fine del periodo di fatturazione.

(2) Se la data di scadenza degli arretrati o del pagamento in eccesso degli anticipi non è determinata, questi devono essere esigibili lo stesso giorno entro tre mesi dalla scadenza del termine di cui al paragrafo 1.

§ 1182
Se il proprietario dell’unità modifica il proprio appartamento dal punto di vista costruttivo, deve consentire l’accesso all’appartamento per verificare se le modifiche edilizie non mettono in pericolo, danneggiano o alterano le parti comuni, se è stato preventivamente invitato dal responsabile dell’amministrazione della casa.

§ 1183
(1) Il proprietario dell’unità deve astenersi da tutto ciò che impedisce la manutenzione, riparazione, modifica, ricostruzione o altro cambiamento della casa o del terreno, che è stato debitamente deciso; se svolte all’interno dell’appartamento o su una parte comune adibita esclusivamente all’uso del proprietario dell’unità, ne consentirà l’accesso, se richiesto dal responsabile dell’amministrazione della casa. Ciò vale anche per l’ubicazione, la manutenzione e l’ispezione delle apparecchiature per la misurazione del consumo di acqua, gas, calore e altra energia.

(2) In caso di danno a un’unità derivante dall’esecuzione di lavori ai sensi del paragrafo 1, il proprietario dell’unità è risarcito dalla comunione dei proprietari e, se non si è verificato, è risarcito proporzionalmente dal co- proprietari della casa. Tuttavia, se solo uno dei proprietari dell’unità ha eseguito questo lavoro nel proprio interesse, risarcirà personalmente il danno.

§ 1184
Su richiesta del responsabile dell’amministrazione dell’immobile o del proprietario dell’immobile interessato, il giudice può ordinare la vendita dell’immobile al proprietario che viola l’obbligo impostogli da una decisione giudiziaria esecutiva in modo sostanzialmente restrittivo o impeditivo i diritti degli altri proprietari di unità.

§ 1185 Comproprietà dell’unità
(1) Il proprietario di una quota può dividere il suo diritto alla quota in azioni, a meno che ciò non sia stato escluso.

(2) I comproprietari dell’unità autorizzano un rappresentante comune che eserciterà i loro diritti nei confronti della persona responsabile dell’amministrazione della casa. Ciò vale anche per i coniugi che hanno un’unità in proprietà comune.

Disposizioni speciali sul trasferimento di quote
§ 1186
(1) Quando si trasferisce la proprietà di un’unità, la persona responsabile dell’amministrazione della casa non è obbligata a pagare i contributi per l’amministrazione della casa a partire dalla data di efficacia del trasferimento.

(2) Se il proprietario trasferisce la proprietà dell’unità, deve dimostrare all’acquirente mediante conferma della persona responsabile dell’amministrazione della casa quali debiti relativi all’amministrazione della casa e del terreno passano all’acquirente dell’unità, o che tali debiti non esistono. Il debitore è responsabile nei confronti del responsabile dell’amministrazione della casa per i debiti che sono stati trasferiti all’acquirente dell’unità.

§ 1187
(1) Se un’unità viene creata dividendo il diritto su una casa o un terreno in diritti di proprietà su unità, l’inquilino dell’appartamento ha un diritto di prelazione sull’unità al momento del suo primo trasferimento. Ciò vale anche per l’affitto di uno spazio non residenziale, se è stato affittato in relazione a un appartamento nella stessa casa. Il diritto di prelazione decade se il conduttore non accetta l’offerta entro sei mesi dalla sua efficacia.

(2) Se il locatario è una persona giuridica, le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano.

§ 1188
(1) Se un’unità è costituita in una casa di proprietà o in comproprietà di una persona giuridica e se il locatario è un membro o un partner di questa persona giuridica che ha partecipato all’opera o partecipazione della proprietà all’acquisizione di beni immobili, proprietà di l’unità può essere trasferita solo a lui. Ciò vale anche se il predecessore legale del partner o membro è stato coinvolto nell’acquisto dell’immobile.

(2) Se un’altra norma giuridica richiede la determinazione del valore della proprietà trasferita sulla base del parere di un esperto nominato dal tribunale per la validità del trasferimento, le sue disposizioni non si applicano.

Sottosezione 5 Gestione della casa e del territorio
§ 1189
(1) L’ amministrazione della casa e del terreno comprende tutto ciò che non appartiene al proprietario dell’unità e ciò che è necessario o opportuno nell’interesse di tutti i comproprietari per la cura adeguata della casa e del terreno come unità funzionale e per il mantenimento o migliorare le parti comuni. La gestione della casa comprende anche le attività relative alla preparazione e all’attuazione di modifiche alle parti comuni della casa mediante sovrastruttura, ampliamento, modifica dell’edificio o cambio d’uso, nonché l’istituzione, la manutenzione o il miglioramento delle strutture della casa o del terreno che serve tutte le co -proprietari di casa.

(2) Si ritiene che l’amministrazione si applichi anche alle parti comuni, le quali sono adibite esclusivamente all’uso di solo alcuni comproprietari.

§ 1190
La persona responsabile della gestione della casa e del terreno è la comunità dei proprietari. Se la comunità dei proprietari non è stata costituita, il responsabile dell’amministrazione della casa è l’amministratore.

Gestione senza formazione di una comunità di proprietari
§ 1191
In assenza di comunione dei proprietari, all’amministrazione si applicano le norme contenute nella dichiarazione e alle decisioni amministrative si applicano, mutatis mutandis, le disposizioni sull’assemblea; l’amministratore delle quote convoca i proprietari delle quote per una decisione.

§ 1192
(1) Se un proprietario di un’unità ha una quota superiore alla metà delle parti comuni, diventa amministratore. Se non esiste tale proprietario di quote, i proprietari di quote sono eletti dall’amministratore a maggioranza. Su richiesta di uno dei condomini, il tribunale ricorre in appello all’amministratore e nomina un nuovo amministratore se sussiste un motivo importante.

(2) L’amministratore può fare autonomamente quanto necessario per preservare la proprietà gestita; se viene specificato qualcos’altro, non viene preso in considerazione. Ciò non si applica alle decisioni su materie che, secondo la presente legge, sono di competenza dell’Assemblea.

§ 1193
Nel caso di una casa con meno di cinque quote, i voti del curatore in eccesso rispetto alla somma dei voti di tutti gli altri proprietari di quote non saranno presi in considerazione nella decisione dei proprietari di quote.

Compagnia dei proprietari
§ 1194
(1) Una comunità di proprietari è un’entità legale costituita allo scopo di garantire l’amministrazione di una casa e di un terreno; nell’adempimento del suo scopo, è in grado di acquisire diritti e di impegnarsi in obblighi. La comunità dei proprietari non può esercitare affari o partecipare direttamente o indirettamente agli affari o ad altre attività di imprenditori o esserne partner o membro.

(2) L’appartenenza alla comunità dei proprietari è indissolubilmente legata alla proprietà dell’unità. I debiti dell’associazione dei proprietari sono responsabili dal suo membro in proporzione alla dimensione della sua quota nelle parti comuni.

§ 1195
(1) La comunione dei proprietari può acquistare proprietà e disporne solo ai fini della gestione della casa e del terreno.

(2) Non si tiene conto dei procedimenti legali con cui la comunione dei proprietari garantisce il debito di un’altra persona.

§ 1196
(1) La comunità dei proprietari tratta legalmente nei limiti del suo scopo con i proprietari delle unità e con i terzi.

(2) Se i diritti dei proprietari delle quote sorgono a causa di un difetto dell’unità, la comunione dei proprietari rappresenta i proprietari delle quote nell’esercizio di tali diritti.

§ 1197
Se un’associazione di proprietari si associa ad altra associazione di proprietari per cooperare all’adempimento del proprio scopo o se diventa socio di una persona giuridica associando un’associazione di proprietari o proprietari di unità o comunque operante nel settore dell’edilizia abitativa, non può impegnarsi un interesse di proprietà diverso da una quota associativa o la fornitura di quote associative. Se la comunione dei proprietari si impegna a condividere la perdita di un’altra persona, a pagare i suoi debiti oa garantirli, non si tiene conto di ciò.

§ 1198
(1) Se la comunione dei proprietari non è stata costituita in precedenza, è costituita dai proprietari delle quote qualora vi siano almeno cinque quote, di cui almeno tre di proprietà di tre diversi proprietari, al più tardi dopo il diritto di proprietà alla prima unità trasferita.

(2) Do veřejného seznamu se nezapíše vlastnické právo k další převedené jednotce, pokud není prokázán vznik společenství vlastníků. To neplatí při nabytí jednotky do vlastnictví prvním vlastníkem.

§ 1199
Je-li v domě méně než pět jednotek, může být společenství vlastníků založeno, pokud s tím souhlasí všichni vlastníci jednotek.

§ 1200Založení společenství vlastníků
(1) Společenství vlastníků se založí schválením stanov. Nebylo-li společenství vlastníků založeno prohlášením o rozdělení práva k domu a pozemku na vlastnické právo k jednotkám nebo ujednáním ve smlouvě o výstavbě, vyžaduje se ke schválení stanov souhlas vlastníků všech jednotek.

(2) Stanovy obsahují alespoň
a) il nome contenente la parola “comunità di proprietari” e la designazione della casa per la quale è stata costituita la comunità di proprietari,

(b) la sede legale della casa per la quale è stata costituita la comunione dei proprietari; se ciò non fosse possibile, in altro luogo idoneo,

c) i diritti e gli obblighi associativi dei proprietari delle quote, nonché le modalità del loro esercizio,

d) determinazione degli organi, della loro competenza, del numero dei componenti degli organi eletti e della loro durata in carica, nonché delle modalità di convocazione, deliberazione e deliberazione,

e) nomina dei primi componenti dell’organo statutario,

f) norme per la gestione della casa e del terreno e per l’uso delle parti comuni,

(g) norme per la formazione del bilancio comunitario, per i contributi per l’amministrazione della casa e per il pagamento dei corrispettivi dei servizi e per le modalità di determinazione del loro importo a carico dei singoli condomini.

(3) Lo statuto richiede la forma di un atto pubblico. Ciò non si applica se la comunità è costituita da una dichiarazione sulla divisione del diritto di abitazione e terreno in proprietà delle unità da un accordo nel contratto di costruzione.

§ 1201
Se l’associazione dei proprietari è stata costituita da una dichiarazione sulla divisione del diritto alla casa e alla terra in diritti di proprietà sulle unità o da accordi nel contratto di costruzione, modifiche allo statuto effettuate prima della costituzione dell’associazione di proprietari non saranno prese in considerazione.

§ 1202
(1) Finché il fondatore di una comunità di proprietari ha la maggioranza dei voti, è l’amministratore della casa e del terreno. A tal fine, le parti del contratto di costruzione sono trattate come una persona.

(2) Le regole specificate nella dichiarazione si applicano all’amministrazione e le disposizioni sull’assemblea si applicano mutatis mutandis alle decisioni in materia di amministrazione. L’amministratore convoca i condomini per la decisione; la deliberazione non tiene conto dei voti dell’amministratore eccedenti la somma dei voti di tutti gli altri possessori delle quote.

§ 1203
Se l’amministratore perde la maggioranza dei voti, deve, entro sessanta giorni, in qualità di organo statutario dell’associazione dei proprietari, presentare una proposta per l’iscrizione dell’associazione dei proprietari nel pubblico registro e convocare l’assemblea entro 90 giorni al massimo. In caso contrario, qualsiasi proprietario dell’unità può farlo.

§ 1204 Istituzione di una comunità di proprietari
L’associazione dei proprietari è costituita il giorno dell’iscrizione nel registro pubblico.

§ 1205 Organi dell’associazione dei proprietari
(1) L’organo supremo della comunità dei proprietari è l’assemblea. L’organo statutario è il comitato, a meno che lo statuto non preveda che l’organo statutario sia il presidente dell’associazione dei proprietari. Se gli statuti istituiscono altri organi, per essi non possono essere costituiti i poteri riservati all’assemblea o all’organo statutario.

(2) Una persona che è completamente indipendente e di buon carattere ai sensi di un’altra normativa legale che disciplina le attività commerciali può essere membro di un organo eletto o rappresentante di una persona giuridica come membro di tale organo.

Assemblea
§ 1206
(1) L’assemblea è composta da tutti i proprietari delle unità. Ciascuno di essi dispone di un numero di voti corrispondente all’entità della propria quota nelle parti comuni; tuttavia, se è proprietario di un’unità di una comunità di proprietari, il suo voto non sarà preso in considerazione.

(2) L’Assemblea è competente a deliberare in presenza dei condomini, che hanno la maggioranza di tutti i voti. Per l’adozione di una decisione è necessaria l’approvazione della maggioranza dei voti dei soci presenti, a meno che lo statuto o la legge non richiedano un numero di voti superiore.

§ 1207
(1) L’organo statutario convoca l’assemblea per incontrarsi almeno una volta all’anno. L’organo statutario convoca l’assemblea anche su iniziativa dei condomini che hanno più di un quarto di tutti i voti, ma almeno due di essi; in mancanza, detti proprietari convochino l’assemblea a spese della stessa comunità dei proprietari.

(2) Se l’invito relativo all’ordine del giorno della riunione non è allegato all’invito, il convocatore deve consentire a ciascun proprietario dell’unità di prenderne conoscenza in tempo.

§ 1208
Lo scopo dell’assemblea include
a) modifica dello statuto sociale,

b) modifica della dichiarazione sulla divisione del diritto sulla casa e sul terreno in diritto di proprietà sulle unità,

c) elezione e revoca dei componenti degli organi elettivi e decisione sull’ammontare del loro compenso,

d) l’ approvazione del bilancio, la liquidazione del risultato economico e la relazione sulla gestione dell’associazione dei proprietari e della gestione della casa, nonché l’importo complessivo dei contributi di gestione della casa per l’esercizio successivo e le decisioni in merito alla fatturazione o alla liquidazione dei non utilizzati contributi,

e) approvazione del tipo di servizi e dell’importo degli anticipi per il loro pagamento, nonché delle modalità di allocazione dei prezzi dei servizi per unità,

f) processo decisionale
1. sull’appartenenza alla comunità dei proprietari in una persona giuridica che opera nel settore dell’edilizia abitativa,

2. sul cambiamento della destinazione d’uso della casa o dell’appartamento,

3. sul cambiamento della superficie dell’appartamento,

4. la fusione o scissione totale o parziale di quote,

5. sulla variazione di quota nelle parti comuni,

6. una modifica nella designazione della parte comune adibita esclusivamente al proprietario dell’unità,

7. sulla riparazione o alterazione della parte comune, se le spese superano l’importo previsto dalla normativa di attuazione; ciò non si applica se lo statuto prevede diversamente,

g) conferimento preventivo del consenso
1. l’acquisizione, il furto o il gravame di beni immobili o qualsiasi altra disposizione degli stessi,

2. acquistare, alienare o gravare su beni mobili il cui valore eccede l’importo previsto dalla normativa di attuazione, o disporne in altro modo; ciò non si applica se lo statuto prevede diversamente,

3. concludere un contratto di prestito da parte dell’associazione dei proprietari, compresa l’approvazione dell’importo e delle condizioni del prestito,

4. concludere un contratto sulla costituzione di un privilegio sull’unità, se il proprietario dell’unità in questione ha acconsentito per iscritto alla conclusione del contratto di pegno,

h) la designazione della persona che deve svolgere determinate attività dell’amministrazione della casa e del territorio, nonché la decisione sulla sua modifica, nonché l’approvazione del contratto con questa persona e l’approvazione della modifica del contratto nel prezzo o accordo di ambito,

(i) deliberare su altre materie determinate dallo statuto o su materie riservate alla decisione dell’Assemblea.

§ 1209
(1) Se c’è una ragione importante per questo, il proprietario annullato dell’unità o anche la comunità dei proprietari, se è il proprietario dell’unità, può proporre al tribunale di decidere sulla questione; in tale contesto, può anche chiedere al giudice di vietarle temporaneamente di agire conformemente alla decisione impugnata. Se la proposta non viene depositata entro tre mesi dalla data in cui il condomino è venuto a conoscenza o avrebbe potuto conoscere della decisione, il suo diritto decade.

(2) Se c’è una ragione importante per questo, ogni proprietario dell’unità può proporre al tribunale di decidere su questioni che sono state debitamente sottoposte alla decisione dell’Assemblea ma che non sono state decise a causa dell’incapacità dell’Assemblea di passare una delibera.

Decisioni al di fuori della riunione
§ 1210
(1) Se l’assemblea convocata non è idonea a deliberare, la persona autorizzata a convocare l’assemblea può proporre per iscritto entro un mese dalla data in cui l’assemblea è stata convocata che i proprietari delle quote decidano sulle stesse questioni al di fuori dell’assemblea .

(2) In altri casi, può essere deciso al di fuori dell’assemblea se lo statuto lo consente.

§ 1211
La proposta deve contenere almeno una bozza di delibera, i documenti necessari per la sua valutazione o l’indicazione del luogo in cui sono pubblicati e l’indicazione del termine entro il quale il condomino deve formulare osservazioni. A meno che lo statuto non preveda un termine più lungo, il termine è di quindici giorni.

§ 1212
La validità del voto richiede una dichiarazione del proprietario dell’unità, con l’indicazione del giorno, del mese e dell’anno in cui è stata effettuata, firmata di suo pugno su un documento contenente il testo integrale del progetto di decisione.

§ 1213
L’organo statutario comunica per iscritto ai titolari delle quote l’esito della votazione e, se la delibera è stata adottata, comunica loro anche l’intero contenuto della delibera adottata. Se vi omette senza ingiustificato ritardo, la comunicazione può essere fatta a spese dell’associazione dei proprietari da chi ha proposto la deliberazione.

§ 1214
Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei voti di tutti i condomini, salvo che lo statuto non richieda un numero di voti superiore. Tuttavia, se tutti i proprietari di quote modificano l’entità delle quote nelle parti comuni o se il rapporto tra la casa e i contributi di gestione del terreno cambia in modo diverso dalla variazione delle quote nelle parti comuni, il consenso di tutti i proprietari di quote è obbligatorio.

Abolizione dell’associazione dei proprietari
§ 1215
(1) La comunione dei proprietari è abolita il giorno della cessazione del diritto di proprietà su tutte le unità della casa.

(2) Per decisione dei proprietari delle quote, l’associazione dei proprietari può essere sciolta se è stata costituita volontariamente o se il numero delle quote nella casa è sceso a meno di cinque. In tal caso, i proprietari delle unità adottano norme per l’amministrazione della casa e del terreno e per i contributi ad esso.

§ 1216
Non si procede alla liquidazione in caso di scioglimento dell’associazione dei proprietari. I diritti e gli obblighi dell’associazione di proprietari passano ai proprietari delle unità il giorno del suo scioglimento nella proporzione determinata in base alla quota di ciascun proprietario dell’unità nelle parti comuni.

Sottosezione 6 Soppressione della comproprietà abitativa
§ 1217
(1) Se i proprietari delle unità concordano sulla trasformazione della proprietà abitativa in comproprietà immobiliare, la proprietà abitativa si trasforma in comproprietà mediante iscrizione nell’elenco pubblico. Si ritiene che l’entità della quota di comproprietà di ciascun comproprietario sia pari all’entità della quota che aveva come comproprietario nelle parti comuni.

(2) Se tutte le unità della casa sono in proprietà comune e se i coniugi concordano sulla conversione della proprietà dell’abitazione in proprietà di un bene immobile in proprietà comune, la proprietà di un’abitazione in proprietà di un bene immobile in proprietà comune deve essere modificata con l’iscrizione nel elenco pubblico.

(3) L’accordo ai sensi dei paragrafi 1 e 2 richiede una forma scritta.

§ 1218
(1) Se la proprietà di tutte le unità della casa è di proprietà di un unico proprietario e se dichiara di cambiare la proprietà delle unità in proprietà dell’immobile, la proprietà dell’alloggio si estingue con l’iscrizione nell’elenco pubblico.

(2) La dichiarazione richiede una forma scritta.

§ 1219
Se l’unità è gravata, per la validità del contratto o la dichiarazione di annullamento della proprietà dell’alloggio è necessario il consenso scritto dell’avente diritto.

Sottosezione 7 Disposizioni comuni
§ 1220
(1) In caso di modifica della dichiarazione, il testo integrale deve essere redatto dal responsabile dell’amministrazione della casa e deve essere inserito senza indebito ritardo nella raccolta degli atti presso l’ente presso il quale l’immobile è iscritto al pubblico elenco; ciò vale anche se le indicazioni della dichiarazione sono incluse nel contratto di costruzione.

(2) Se la persona responsabile dell’amministrazione della casa è iscritta nel registro pubblico, deve, senza indebito ritardo, redigere una dichiarazione completa e nella raccolta di documenti presso l’ente che tiene il registro pubblico.

§ 1221
Salvo disposizione contraria nelle disposizioni sulle associazioni di proprietari, le disposizioni sulle associazioni si applicano mutatis mutandis. Tuttavia, non si applicano le disposizioni relative all’assemblea dei delegati, alle riunioni dei membri parziali o all’assemblea dei membri supplenti.

§ 1222
La normativa di attuazione stabilirà come viene calcolata la superficie dell’abitazione nell’unità, quali parti dell’immobile sono considerate comuni e i dettagli delle attività relative alla gestione della casa e del terreno.

Sezione 6 Comproprietà aggiuntiva
Condizioni generali
§ 1223
(1) Una cosa che appartiene congiuntamente a più proprietari di cose separate destinate a un uso tale che queste cose formino un insieme localmente e determinato da uno scopo, e che persegua uno scopo comune in modo che senza di essa l’uso di cose individuali non sia ben possibile, è in ulteriore comproprietà di questi proprietari. Se l’ulteriore comproprietà riguarda un bene immobile iscritto nell’elenco pubblico, anche l’ulteriore comproprietà deve essere iscritta nell’elenco pubblico.

(2) Le disposizioni sulla comproprietà aggiuntiva si applicano mutatis mutandis alle attrezzature acquistate o altrimenti acquisite dai proprietari di cui al paragrafo 1 ad un costo comune in modo da servire tutti loro.

§ 1224
(1) Una cosa in comproprietà aggiuntiva non può essere privata di uno scopo comune contro la volontà di uno dei comproprietari.

(2) Una cosa può essere vincolata in comproprietà aggiuntiva solo in un modo che non ne impedisca l’uso per uno scopo comune.

§ 1225
(1) A nessuno dei comproprietari può essere impedito di partecipare all’uso della cosa nella comproprietà aggiuntiva in modo che corrisponda allo scopo comune e non ne impedisca l’uso da parte di altri comproprietari.

(2) La rinuncia al diritto di partecipare all’uso di una cosa in comproprietà aggiuntiva da parte di un comproprietario non ha effetto sul suo successore legale.

§ 1226
Se la cosa nella comproprietà aggiuntiva è utilizzata per l’uso congiunto della terra, le quote dei comproprietari nella cosa comune sono determinate dal rapporto tra la superficie della terra. Ciò non impedisce ai comproprietari di disporre diversamente la dimensione delle azioni.

§ 1227
(1) Una quota di una cosa in comproprietà aggiuntiva può essere trasferita solo con il trasferimento simultaneo della proprietà della cosa per l’uso della cosa in comproprietà aggiuntiva. Se il diritto di proprietà su una cosa del genere viene trasferito, il trasferimento si applica anche alla quota della cosa nella comproprietà aggiuntiva.

(2) Ciò vale anche per il gravame del diritto di prelazione, il diritto di riacquisto o un modo simile, nonché per l’istituzione di un pegno o di una garanzia simile.

§ 1228
(1) È possibile separarsi dalla comproprietà aggiuntiva a condizione che la cosa per l’uso della quale la cosa nella comproprietà aggiuntiva ha finora servito sia scaduta o abbia cambiato oggetto in modo che la cosa nella comproprietà aggiuntiva la proprietà non è più necessaria.

(2) Per lo stesso motivo, uno qualsiasi degli altri comproprietari può proporre al tribunale di annullare la partecipazione del comproprietario nella comproprietà aggiuntiva e di ordinare la sua quota a titolo di risarcimento ai restanti comproprietari secondo il rapporto tra le loro azioni.

§ 1229
Se la cosa nella comproprietà perde il suo oggetto, la comproprietà cessa e i comproprietari si regolano secondo le disposizioni generali sulla soppressione della comproprietà. Fintanto che perdura questo scopo, la comproprietà aggiuntiva non può essere revocata.

Gestione delle cose in comproprietà aggiuntiva
§ 1230
Salvo diverso accordo dei comproprietari, scelgono uno dei comproprietari come amministratore per l’ordinaria amministrazione della cosa nella comproprietà aggiuntiva. Se il curatore non viene eletto comproprietario anche dopo tre mesi, è nominato dal tribunale su proposta dell’eventuale comproprietario.

§ 1231
(1) Salvo patto contrario, i comproprietari eleggono l’amministratore a maggioranza dei voti; ogni comproprietario dispone di un voto.

(2) Un comproprietario che non ha votato per l’elezione dell’amministratore può proporre al tribunale di licenziare l’amministratore, se vi sono ragioni importanti per questo, e di nominare un altro comproprietario come amministratore. Se l’istanza non viene depositata entro trenta giorni dall’adozione della decisione, il diritto di depositarla decade.

§ 1232
Se il comproprietario dell’amministrazione ordinaria della cosa nella comproprietà aggiuntiva assume la sua volontà e nessuno degli altri comproprietari la contraddice per un periodo di tre mesi, né presenta proposta ai sensi del § 1230, è trattato come se fosse stato eletto amministratore.

§ 1233
(1) Salvo patto contrario, per la revoca dell’amministratore è sufficiente la maggioranza dei voti dei comproprietari; tuttavia, se il curatore è stato nominato da un tribunale, i comproprietari possono rimuoverlo con almeno due terzi dei voti dei comproprietari.

(2) Non importa come sia stato chiamato l’amministratore, il tribunale, per un motivo importante, lo licenzia su una mozione presentata dai comproprietari, che hanno almeno un terzo dei voti.

§ 1234
I comproprietari e l’amministratore sono legittimati e vincolati in solido dall’azione legale dell’amministratore in materia di ordinaria amministrazione.

§ 1235
(1) I comproprietari contribuiscono all’amministrazione di una cosa in comproprietà aggiuntiva in proporzione alla dimensione delle loro azioni. I comproprietari devono versare all’amministratore un congruo anticipo per le spese connesse all’amministrazione della cosa nella comproprietà aggiuntiva; salvo diverso accordo, la caparra è dovuta il 31 gennaio.

(2) I comproprietari decidono sulla maggioranza degli anticipi a maggioranza dei voti. Qualora i comproprietari non prendano tale decisione entro la fine dell’anno precedente, il totale delle anticipazioni per l’anno successivo è stato determinato dall’importo versato nelle anticipazioni dell’ultimo anno aumentato di un decimo. Se non è possibile determinare l’ammontare delle anticipazioni in questo modo, è determinato dal giudice su proposta dell’amministratore.

Sezione 7 Disposizioni speciali sui beni comuni
§ 1236
Se la cosa diventa proprietà di più persone legate per contratto, legge o altro fatto giuridico nella comunità, sia che si tratti di un coniuge, di una persona associata in una comunità familiare, di una comunità di eredi o di altre comunità simili, ciascuna di queste le persone hanno diritto a tutto.

§ 1237
I diritti e gli obblighi dei proprietari uniti in comunità sono regolati dalle disposizioni con cui è stata costituita la comunità. Salvo disposizione contraria, si applicano le disposizioni degli articoli 1238 e 1239.

§ 1238
(1) Salvo diverso accordo, è necessaria la decisione unanime di tutti i partecipanti per l’esercizio dei diritti di proprietà e la disposizione di una questione comune.

(2) Salvo patto contrario, non è possibile pretendere la divisione di una causa comune finché dura la comunità, né disporre della partecipazione alla causa comune.

§ 1239
Il diritto di proprietà su una causa comune si estingue con la sua alienazione o con lo scioglimento della comunità; alla transazione si applicano le disposizioni sulla comproprietà.

Parte 5 Diritti reali sui beni di altre persone
Sezione 1 Diritto delle costruzioni
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 1240
(1) Il terreno può essere gravato dal diritto di un’altra persona (costruttore) di avere un edificio sopra o sotto la superficie del terreno. Non importa se l’edificio è già stabilito o non ancora stabilito.

(2) Il diritto di costruzione può essere stabilito in modo tale da applicarsi anche al terreno che, sebbene non necessario per la costruzione, serve per un suo migliore utilizzo.

§ 1241
Il diritto di costruzione non può essere stabilito per i terreni sui quali il diritto è collegato allo scopo della costruzione. Se il terreno è gravato da un pegno, può essere gravato da un diritto di costruzione solo con il consenso del creditore ipotecario.

§ 1242
Il diritto di costruzione è una cosa inamovibile. Ne fa parte un edificio conforme al diritto di costruzione, ma è anche soggetto alle disposizioni sui beni immobili.

Sottosezione 2 Istituzione e cessazione del diritto di costruzione
§ 1243
(1) Il diritto di costruzione è acquisito per contratto, ritenzione o, se la legge lo prevede, per decisione di un’autorità pubblica.

(2) Il diritto di costruzione stabilito dal contratto sorge con l’iscrizione nell’elenco pubblico. Il diritto di edificare, sorto con decisione di un’autorità pubblica, è subordinato anche all’iscrizione nell’elenco pubblico.

§ 1244
(1) Il diritto di costruzione può essere stabilito solo come temporaneo; non può essere costituita per più di 99 anni. L’ultimo giorno del periodo per il quale è stabilito il diritto di costruire deve essere visibile dall’elenco pubblico.

(2) Se il costruttore ha acquisito il diritto di costruzione per detenzione, li acquisisce per un periodo di 40 anni. Se ne sussiste un giusto motivo, il giudice può, su richiesta dell’interessato, abbreviare o prorogare il periodo di costituzione del diritto di costruzione.

§ 1245
La durata del diritto di costruzione può essere prorogata con il consenso delle persone per le quali i carichi sono registrati sul terreno nell’ordine del diritto di costruzione.

§ 1246
Il diritto di costruzione non può essere limitato da una condizione svincolante; se la condizione di svincolo è stata concordata, non sarà presa in considerazione.

§ 1247
Se il diritto di costruire è stato istituito dietro compenso e se la retribuzione in benefici ricorrenti è stata pattuita come stipendio di costruzione, il diritto di costruire è un onere reale. Non tiene conto dell’accordo che le variazioni dell’importo del salario di costruzione dipendono da eventi futuri incerti; ciò non si applica se è concordata la dipendenza dell’importo dello stipendio di costruzione dal tasso di apprezzamento e svalutazione del denaro.

§ 1248
Se il costruttore rinuncia al diritto di costruire, il proprietario del terreno vincolato può trasferire il diritto di costruire per sé o per un’altra persona sulla base di documenti che lo provano per un periodo non ancora scaduto.

§ 1249
Se il diritto edificatorio scade prima della sua scadenza, le conseguenze giuridiche della soppressione del diritto edificatorio nei confronti del diritto reale appartenente alla persona per la quale il diritto reale è stato iscritto nell’elenco pubblico si verificheranno fino alla scadenza di tale diritto reale . Tuttavia, se questa persona acconsente alla cancellazione, le conseguenze legali della cancellazione del diritto di costruzione contro il suo diritto reale si verificheranno già con questa cancellazione.

Sottosezione 3 Rapporti giuridici del diritto edilizio
§ 1250
Nel caso di edificio conforme al diritto edilizio, il costruttore ha gli stessi diritti del proprietario; in caso di altri usi del terreno gravati dal diritto di costruzione, ha gli stessi diritti del beneficiario, salvo diverso accordo.

§ 1251
(1) Il contratto può richiedere al costruttore di eseguire la costruzione entro un certo periodo di tempo.

(2) Salvo patto contrario, il costruttore è obbligato a mantenere l’edificio in buone condizioni. Il contratto può imporre al costruttore l’obbligo di assicurare la costruzione.

(3) Il proprietario del terreno può essere riservato all’approvazione di una determinata azione di fatto o legale del costruttore, ma anche se è riservato al proprietario del terreno, egli non può rifiutare il consenso ad un’azione legale che non deve suo danno.

§ 1252
(1) Il diritto di costruzione può essere trasferito e gravato.

(2) Se il proprietario del terreno si riserva il consenso al gravame del diritto di costruzione, la prenotazione deve essere iscritta nell’elenco pubblico. In tal caso, il gravame del diritto edificatorio può essere iscritto nell’elenco pubblico solo con il consenso del proprietario fondiario.

§ 1253
Il diritto di costruzione passa all’erede e ad un altro successore legale generale.

§ 1254
Il costruttore ha un diritto di prelazione sul terreno e il proprietario terriero ha un diritto di prelazione sul diritto di costruire. Se le parti convengono diversamente, è iscritto in un elenco pubblico.

§ 1255
Salvo patto contrario, il proprietario del terreno edificabile deve corrispondere al costruttore un risarcimento per la costruzione alla scadenza del diritto di costruzione allo scadere del periodo per il quale è stato stabilito. Il risarcimento è pari alla metà del valore della costruzione al momento della cessazione del diritto di costruzione, salvo diverso accordo tra le parti.

§ 1256
L’ipoteca e altri diritti relativi al diritto di costruzione incidono sul risarcimento.

Sezione 2: Ingombri
Sottosezione 1 Disposizioni generali sui servizi
§ 1257
(1) Una cosa può essere gravato da un servizio che punisce il proprietario della cosa come un diritto reale in modo tale che deve soffrire qualcosa o astenersi da qualcosa a favore di un altro.

(2) Il proprietario può gravare la sua terra con servi a favore di un’altra delle sue terre.

§ 1258
La funzionalità include tutto il necessario per le sue prestazioni. Se il contenuto o l’ambito del servizio non è specificato, sarà valutato secondo le consuetudini locali; in caso contrario, l’ambito o il contenuto è considerato minore che maggiore.

§ 1259
Colui che ha diritto al fuori servizio può esigere la tutela del suo diritto; Le sezioni da 1040 a 1043 si applicano mutatis mutandis.

Sottosezione 2 Acquisizione del servizio
§ 1260
(1) Il servizio si acquisisce per contratto, acquisizione in caso di morte o conservazione per il periodo necessario a mantenere il diritto di proprietà sulla cosa oggetto di gravame. Per legge o per decisione di un’autorità pubblica, il servizio è acquisito nei casi previsti dalla legge.

(2) Al mantenimento del servizio corrispondente a un bene pubblico, il titolare è il comune nel cui territorio si trova la cosa.

§ 1261
I terreni destinati allo svolgimento delle funzioni forestali possono essere gravati da servizio del suolo, servizio di pascolo o servizio frutti di bosco solo mediante contratto, acquisto in caso di morte o decisione di un’autorità pubblica. Tale servizio può essere stabilito solo come rimborsabile e le condizioni di rimborso devono essere determinate in anticipo al momento dell’istituzione del servizio.

§ 1262
(1) Se la notifica di una questione iscritta in un elenco pubblico è stabilita da procedimenti legali, essa sorge dall’iscrizione in tale elenco. Se il servizio per una cosa iscritta nell’elenco pubblico nasce in base ad altro fatto giuridico, anche in tal caso sarà iscritto nell’elenco pubblico.

(2) Se è stabilito il servizio per una cosa non registrata nell’elenco pubblico, il contratto diventa efficace.

Sottosezione 3 Rapporti legali di servizio
§ 1263
L’avente diritto sostiene il costo della manutenzione e della riparazione della cosa destinata alla servitù. Tuttavia, se la persona di difficile utilizzo utilizza anche delle cose, è obbligata a contribuire proporzionalmente al costo, o ad astenersi dall’utilizzarle.

§ 1264
(1) Se il livello di servizio non è determinato, decide la necessità del terreno prevalente.

(2) La funzionalità non deve essere modificata da un cambiamento nell’ambito della cosa ufficiale o prevalente, né da un cambiamento nella gestione del terreno prevalente.

§ 1265
(1) Il servizio a terra non può essere combinato con un altro terreno dominante.

(2) Il servizio personale non può essere trasferito a un’altra persona.

(3) I diritti reali reali in quanto alienabili ed ereditati possono essere stabiliti per lo spazio sotto la superficie.

§ 1266
Possono anche essere istituiti diversi servizi per il caso, a condizione che non vi sia un diritto più recente a scapito dei diritti più vecchi.

Sottosezione 4 Alcuni servizi a terra
Utilità della rete di ingegneria
§ 1267
(1) La funzionalità di una rete di ingegneria stabilisce il diritto di stabilire, gestire e mantenere l’acqua, le fognature, l’energia o altre linee su o attraverso terreni di servizio a proprie spese e in modo adeguato e sicuro. Il proprietario del terreno si astiene da tutto ciò che mette in pericolo la rete dei servizi e, se discusso in anticipo, deve consentire alla persona autorizzata l’accesso al terreno per il tempo e nella misura necessari ai fini dell’ispezione o della manutenzione della rete dei servizi. .

(2) Se espressamente concordato, il servizio include il diritto di stabilire, disporre e mantenere sul terreno di servizio anche le attrezzature di servizio necessarie, nonché il diritto di apportare adeguamenti alla rete di servizi al fine di ammodernarla o migliorarne le prestazioni.

(3) L’ avente diritto mette a disposizione del proprietario fondiario la documentazione della rete di ingegneria nella misura concordata e, se non concordata, nella misura necessaria per proteggere i suoi interessi legittimi.

§ 1268
Se la questione non può essere rinviata in caso di danno improvviso alla rete di ingegneria, la persona autorizzata deve provvedere alla sua riparazione anche senza preventiva discussione; tuttavia, informa immediatamente le persone interessate della riparazione, della marcatura e della messa in sicurezza della sua posizione. Dopo il completamento dei lavori, ripristinerà a proprie spese il terreno di servizio alle condizioni precedenti e risarcirà i danni causati dai lavori.

§ 1269 Supporto di un edificio straniero
Chi è obbligato a sostenere l’onere della costruzione altrui contribuirà proporzionalmente anche alla manutenzione dei muri o dei sostegni, ma non è obbligato a sostenere il terreno prevalente.

§ 1270 Servizio della grondaia
(1) Chi ha il servizio di una grondaia ha il diritto di attingere l’acqua piovana dal suo tetto sul bene immobile altrui sia liberamente che in una grondaia; può alzare il tetto solo se ciò non rende difficile la manutenzione.

(2) Chi ha il servizio di una grondaia deve mantenere la grondaia, se è stata allestita, in buone condizioni. Inoltre, se c’è molta neve, deve sgombrare la neve in tempo.

§ 1271 Diritto di drenare l’acqua piovana
(1) Chi ha il diritto di drenare l’acqua piovana da un tetto adiacente sul suo terreno, deve pagare i costi delle attrezzature necessarie per questo.

(2) Se per lo scarico è necessaria una grondaia o un dispositivo simile, i costi della loro creazione e manutenzione sono a carico del proprietario del terreno prevalente.

§ 1272 Il diritto all’acqua
(1) Vi ha accesso anche chi ha diritto all’acqua in terra straniera.

(2) Chiunque abbia il diritto di deviare l’acqua da un terreno altrui al proprio o dal proprio terreno ad un altro può, a proprie spese, istituire e mantenere gli impianti necessari a tale scopo; la loro estensione è regolata dalla necessità della terra.

§ 1273 Funzionalità dell’overflow
(1) La funzionalità dello sversamento stabilisce il proprietario dell’acquedotto, che consente l’allagamento controllato dell’alluvione, il diritto di versare acqua sul terreno di servizio. Il servizio include anche il diritto del proprietario dell’acquedotto di disporre e mantenere gli impianti di servizio sul terreno di servizio e, se espressamente concordato, di apportare adeguamenti ad essi e all’acquedotto al fine di ammodernarli o migliorarne le prestazioni.

(2) Il proprietario del terreno deve astenersi da tutto ciò che comporta una minaccia per l’acquedotto e le strutture di servizio e, se ne è discusso con lui in anticipo, deve consentire alla persona autorizzata di entrare nel terreno per il tempo necessario e di la misura necessaria.

(3) Le disposizioni della Sezione 1267 (3) e della Sezione 1268 si applicano mutatis mutandis.

Servitù del sentiero, burrone e sentiero
§ 1274
(1) La funzionalità di un sentiero stabilisce il diritto di percorrerlo o di essere trasportato su di esso con la forza umana e il diritto per altri di venire e lasciare la persona autorizzata sul sentiero o di essere trasportato con la forza umana.

(2) Il servizio del sentiero non include il diritto di entrare nel terreno di servizio sugli animali o di trascinare carichi sul terreno di servizio.

§ 1275
(1) La funzionalità dell’attraversamento stabilisce il diritto di condurre gli animali sul terreno di servizio. Al servizio della guida è associato anche il diritto alla guida diversa dai veicoli a motore.

(2) Se l’appezzamento di servizio è un appezzamento di terreno destinato allo svolgimento di funzioni forestali, è vietato istituire il servizio di un allevamento di bestiame. Se un’autorità pubblica decide che un appezzamento di servizio è destinato allo svolgimento di funzioni forestali solo dopo l’istituzione di tale servizio, il servizio cessa.

§ 1276
(1) La funzionalità di un viaggio stabilisce il diritto di guidare attraverso il terreno di servizio con qualsiasi veicolo.

(2) Il servizio del viaggio non include il diritto di precedenza.

(3) Una persona che fa parte del servizio del viaggio contribuisce proporzionalmente al mantenimento del viaggio, comprese passerelle e ponti. Il proprietario del terreno di servizio contribuisce solo quando utilizza queste strutture.

§ 1277
L’area per lo svolgimento del servizio di sentiero, sentiero o passaggio deve essere adeguata alla necessità e al luogo. Se un sentiero, un sentiero o un passaggio diventa per caso impenetrabile, potrebbe essere necessario segnalare un’area sostitutiva prima che vengano ripristinati.

Il diritto di pascolare
§ 1278
Se la specie, il numero di capi di bestiame o l’estensione e il tempo del pascolo non sono specificati al momento dell’istituzione del diritto al pascolo, sarà tutelato un pacifico possesso di dieci anni. In caso di dubbio, si applicano le disposizioni degli articoli da 1279 a 1282.

§ 1279
(1) Il diritto al pascolo si applica a tutte le specie di bestiame, ma non ai suini e al pollame. Gli animali eccessivamente inquinati, malati o estranei sono esclusi dal pascolo.

(2) Se l’appezzamento di servizio è un appezzamento di terreno con soprassuolo forestale, è vietato istituire il servizio di pascolo del bestiame.

§ 1280
(1) Se il numero di bovini al pascolo è cambiato negli ultimi dieci anni, è determinante la media dei primi tre anni di pascolo. Se anche questo numero non è evidente, sarà determinato secondo i principi di decenza in proporzione all’estensione e alla qualità del pascolo; tuttavia, il beneficiario non può pascolare più bestiame nell’appezzamento di servizio di quanto possa svernare con il foraggio consegnato dal terreno.

(2) I cuccioli lattanti non devono essere inclusi nel numero di cui al paragrafo 1.

§ 1281
Il tempo di pascolo è regolato dalle consuetudini locali; tuttavia, la corretta gestione del terreno non deve essere ridotta o resa più difficile dal pascolo.

§ 1282
(1) Il diritto di pascolo non comprende altri usi. Di regola, non esclude il proprietario del terreno di servizio dal diritto di compartecipazione.

(2) Se esiste il rischio di danni, il bestiame deve essere custodito.

Sottosezione 5 Diritto d’uso
§ 1283
Il servizio del diritto d’uso conferisce all’utente il diritto di utilizzare la cosa di un altro per i propri bisogni e per i bisogni della propria famiglia. Se queste esigenze cambiano dopo l’istituzione del servizio, non dà diritto all’utente di estenderlo.

§ 1284
Il proprietario della cosa possiede tutti i benefici che può trarre senza ridurre i diritti dell’utente. Tuttavia, il proprietario porta tutti i suoi difetti e deve mantenere la cosa in buone condizioni. Se i costi superano i benefici che rimangono al proprietario, l’utente deve sostenere questi costi maggiori o astenersi dall’utilizzarli.

Usufrutto
§ 1285
La servitù dell’usufrutto conferisce al beneficiario il diritto di usare cosa altrui e di trarne frutti e benefici; l’utente ha diritto anche a proventi straordinari derivanti dalla cosa. Nell’esercizio di questi diritti, l’utente è obbligato a salvare la sostanza della questione.

§ 1286
Il beneficiario non ha diritto a una cosa nascosta trovata nel terreno.

§ 1287
L’utente accetta tutti i difetti che erano legati alla cosa nel momento in cui è stato istituito il servizio. Sostiene anche i costi senza i quali i frutti ei benefici non sarebbero raggiunti.

§ 1288
L’utente conserva l’oggetto nelle condizioni in cui è stato preso in consegna e paga i normali costi di manutenzione dell’oggetto, compreso il suo ripristino e la consueta assicurazione contro i danni. Se, a causa dell’uso corretto della cosa, il suo valore diminuisce senza colpa dell’utente, l’utente non ne è responsabile.

§ 1289
(1) Il proprietario può, dopo aver informato l’utente, eseguire a proprie spese lavori di costruzione, la cui necessità è stata causata dal caso o dall’età della costruzione; in tal caso, il beneficiario deve versare al proprietario un canone determinato nella misura in cui il godimento è migliorato.

(2) Se il proprietario non può o non vuole eseguire l’opera di costruzione, l’utente ha il diritto di eseguirla da solo e, dopo la fine dell’uso, di chiedere lo stesso compenso dell’onesto detentore.

§ 1290
L’utente è obbligato a tollerare i lavori di costruzione, anche se non necessari, se questo non lede il suo diritto o se risarcisce tutti i danni.

§ 1291
Il proprietario rimborserà all’utente il costo per il quale la cosa è stata migliorata, alle stesse condizioni come se fosse obbligato a rimborsarlo all’amministratore delegato non autorizzato. Se il beneficiario ha sostenuto i costi per hobby o per decorazione, il beneficiario ha gli stessi diritti e doveri del titolare onesto.

§ 1292
Si ritiene che la cosa, al momento della ricezione da parte del consumatore, fosse di qualità intermedia, in una condizione idonea per un uso corretto, e che contenesse tutto il necessario per tale uso.

§ 1293
Quando il consumo è completo, il frutto non appartiene ancora al proprietario. Tuttavia, il titolare rimborserà quanto l’utente ha speso su di loro, in conformità con le disposizioni sull’onesto titolare. L’utente ha diritto ad altri vantaggi a seconda della durata del consumo.

Disposizioni comuni
§ 1294
Se viene stabilito il diritto di uso o godimento per cose sostituibili utilizzabili, l’utente o l’utente può disporre delle cose come desidera. Alla scadenza del suo diritto, restituirà la stessa quantità di cose dello stesso tipo e qualità.

§ 1295
(1) L’ utente o il beneficiario del capitale depositato per interessi ha diritto solo a questo interesse. Gli interessi maturano anche all’utente o beneficiario sul mandante, che per effetto di qualche variazione prenderà il posto del precedente mandante.

(2) L’ utente o il beneficiario e il creditore decidono insieme se si deve fare qualcosa con il principale. Se non sono d’accordo, deciderà il tribunale.

(3) Il debitore sarà liberato dal debito solo rimborsando il capitale congiuntamente al creditore e alla persona che ne è l’utente o il beneficiario. Ciascuno dei due, creditore e fruitore o beneficiario, non può che esigere che il mandante sia depositato per la custodia notarile o giudiziale per entrambi.

§ 1296
Il proprietario non può fare affidamento sull’utente o sull’utente per proteggere la sostanza, a meno che non sia in pericolo. Se non viene fornita alcuna garanzia, il proprietario può, se necessario, chiedere il rilascio della cosa per una vendita dignitosa.

Praticità dell’appartamento
§ 1297
Se viene accertata la fruibilità dell’appartamento, si considera che sia stata istituita come agibilità d’uso.

§ 1298
Il proprietario ha diritto di disporre liberamente di tutte le parti della casa alle quali non si applica la servitù dell’appartamento, e la necessaria vigilanza non deve essere per lui difficoltosa.

Sottosezione 6 Cessazione del servizio
§ 1299
(1) Una funzionalità cessa di esistere da un cambiamento permanente, per il quale la cosa utile non può più servire la terra dominante o la persona avente diritto.

(2) Nel caso in cui un cambiamento permanente causi una grave sproporzione tra l’onere della cosa ufficiale e il vantaggio della terra o dell’avente diritto, il proprietario della cosa ufficiale può chiedere una riduzione o la cancellazione del servizio per un congruo compenso.

§ 1300
(1) Se le parti concordano sulla soppressione del servizio iscritto nell’elenco pubblico, il servizio cessa con la cancellazione dall’elenco pubblico.

(2) Il periodo per il quale è stato istituito un servizio per qualcuno può anche essere organizzato in modo tale che il servizio cessi se un’altra persona raggiunge una certa età. In tal caso, si considera che la morte anticipata di tale persona non influisca sulla durata del servizio.

§ 1301
Combinando la proprietà delle cose che governano e del servizio in una sola persona, il servizio non finisce.

§ 1302
(1) Il servizio personale termina con la morte della persona avente diritto; quando si estende il servizio agli eredi, sono considerati gli eredi legali della prima classe. Se il servizio personale è stato acquisito da una persona giuridica, il servizio dura finché dura questa persona.

(2) Se il servizio serve al funzionamento dell’impianto, non termina con il trasferimento o il trasferimento dell’impianto o di una parte di esso, che sarà gestito come impianto separato.

Sottosezione 7 Oneri reali
§ 1303
(1) Se una cosa è iscritta nell’elenco pubblico, può essere gravato da un onere reale, per cui il proprietario temporaneo della cosa è obbligato come debitore nei confronti dell’avente diritto a dargli qualcosa oa fare qualcosa.

(2) Diverse cose possono essere caricate per lo stesso onere reale.

§ 1304
Un onere temporale illimitato può essere stabilito solo come rimborsabile e le condizioni di riscatto devono essere determinate in anticipo quando si stabilisce l’onere reale.

§ 1305
Se un onere reale è stabilito da un’azione legale, nasce dall’iscrizione in un elenco pubblico.

§ 1306
Se l’onere reale dipende dalla ripetizione della prestazione, il beneficio trattenuto o il suo risarcimento può essere richiesto sia dalla persona sotto la cui titolarità il beneficio è maturato, sia dal proprietario presente, ma solo dal caso gravato dall’onere reale.

§ 1307
(1) Il proprietario della cosa gravato si astiene da tutto ciò che potrebbe peggiorare la cosa a danno dell’avente diritto dall’onere reale.

(2) Se la cosa non è sufficiente per l’onere reale dovuto alla colpa del suo proprietario o per un difetto che si manifesta solo in seguito, nella misura in cui è stato considerato al suo stabilimento, il proprietario deve correggere tale situazione mediante il deposito di una cauzione o comunque non ha subito alcun danno.

§ 1308
Le disposizioni sulla cessazione dei servizi si applicano mutatis mutandis alla cessazione degli oneri reali.

Sezione 3 Diritto di pegno
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 1309
(1) Quando un debito garantito da un’autorizzazione del creditore di pegno fallisce se il debitore del debitore correttamente e nei tempi previsti, soddisfa i proventi della liquidazione della garanzia per l’importo concordato e, a meno di tali accordi, per l’importo dei crediti con accessori alla data di liquidazione delle garanzie.

(2) Un accordo che vieta l’istituzione di un privilegio ha effetti nei confronti di un terzo solo se tale divieto è iscritto nel registro dei pegni ai sensi di un’altra norma di legge o in un elenco pubblico, o se ne era a conoscenza.

§ 1310
(1) Un impegno può essere qualsiasi cosa che può essere scambiata.

(2) Un privilegio può anche essere stabilito per una questione per la quale il debitore del pegno acquisisce la proprietà solo in futuro. Se una cosa del genere è iscritta nell’elenco pubblico o nel registro dei pegni, vi è iscritto il pegno, se il proprietario della cosa è d’accordo.

§ 1311
(1) Un privilegio può garantire un debito di un certo importo o un debito, il cui importo può essere determinato in qualsiasi momento durante la durata del privilegio. Un pegno può garantire un debito monetario o non monetario, contingente o addirittura che sorgerà solo in futuro.

(2) Un privilegio può essere utilizzato anche per garantire debiti di un certo tipo sorti dal debitore nei confronti del creditore ipotecario in un determinato momento o anche diversi debiti sorti nei confronti del creditore ipotecario per lo stesso motivo giuridico.

Sottosezione 2 Sospensione
§ 1312
(1) Un privilegio è stabilito da un contratto di privilegio. In essa le parti si accordano su cosa sia il pegno e per quale debito sia costituito il pegno; se il debito è garantito come un debito minore o più, è sufficiente concordare fino all’importo più alto del capitale che la garanzia è fornita.

(2) Il pegno può essere determinato individualmente o in altro modo in modo che possa essere determinato in qualsiasi momento durante la durata del pegno.

§ 1313
Il privilegio protegge il debito ei suoi accessori; se concordato separatamente, poi anche la penale contrattuale.

§ 1314
(1) Se una cosa mobile come pegno non viene consegnata a un creditore pignoratizio oa terzi che se ne occupino per conto del pignoratizio, è necessaria una forma scritta per il contratto di pegno.

(2) Un contratto di pegno richiede la forma di un atto pubblico,
a) se il pegno è una pianta o altra cosa collettiva,

(b) se il pegno è un bene immobile non soggetto a iscrizione in un elenco pubblico, o

c) se il pegno sul bene mobile sorge per iscrizione nel registro dei pegni.

§ 1315 Accordi vietati
(1) Sono vietati gli accordi in base ai quali il debitore o il creditore pignoratizio non possono pagare il pegno.

(2) Fino all’arrivo del debito garantito, è vietato convenire che
a) il creditore pignoratizio non richiederà la soddisfazione del pegno,

(b) il creditore può monetizzare il pegno in qualsiasi modo o conservarlo a un prezzo qualsiasi o predeterminato; o

c) il creditore può trarre il frutto oi benefici dal pegno.

(3) Se il creditore pignoratizio o creditore è un consumatore o una persona che è un piccolo o medio imprenditore, l’accordo con il contenuto di cui al paragrafo 2 (a) non deve essere preso in considerazione. (b) se si è verificato prima della scadenza del debito garantito o anche dopo la scadenza del debito garantito.

§ 1316
Dall’iscrizione in tale elenco deriva il pegno su una cosa iscritta nell’elenco pubblico, salvo diversa disposizione di legge.

§ 1317
(1) Un pegno su una cosa mobile sorge in caso di consegna a un creditore pignoratizio. Se chiede al creditore pignoratizio, il creditore gli rilascerà un certificato di pegno in cui descrive il pegno in modo che sia sufficientemente distinto dalle altre cose.

(2) La consegna di una cosa mobile può essere sostituita da un segno in modo che la cosa sia contrassegnata come ferma. Se il privilegio è stato creato da una designazione, può essere invocato contro un terzo se non è stato in buona fede; in caso contrario l’articolo è considerato non contrassegnato.

§ 1318
Se così stabilito dal contratto di pegno, il pegno sui beni mobili sorge per il creditore pignoratizio o pignoratizio che consegna la cosa a un terzo per provvedere al creditore pignoratizio e al creditore pignoratizio. Salvo patto contrario, i pegni dovranno sostenere le spese ad essi connesse.

§ 1319
(1) Se il contratto di pegno lo prevede, si crea un privilegio su una cosa mobile mediante l’iscrizione nel registro dei pegni.

(2) Il privilegio su una cosa immobile non iscritta nell’elenco pubblico, su un impianto e su una cosa mobile collettiva sorge con l’iscrizione nel registro dei pegni.

(3) L’iscrizione nel registro dei pegni è effettuata dal notaio che ha redatto il contratto di pegno senza indebito ritardo dopo la conclusione del contratto di pegno.

Sospensione di una partecipazione in una società
§ 1320
(1) Se una quota di una società può essere trasferita liberamente, può anche essere stabilito un privilegio per essa; se la partecipazione può essere trasferita solo a determinate condizioni, le medesime condizioni sono richieste in caso di sospensione. Ciò non si applica se la sospensione della quota è vietata o limitata dallo statuto.

(2) Se l’azione è rappresentata da un titolo, solo questo titolo è una garanzia idonea.

§ 1321
Non si tiene conto del contratto in cui la società accetta la propria quota.

§ 1322
(1) Un pegno su una quota nasce dall’iscrizione nel registro pubblico in cui è iscritta la società.

(2) Il creditore pignoratizio o il creditore pignoratizio devono notificare alla società la creazione del privilegio senza indebito ritardo; tuttavia, la notifica non è richiesta se l’organo competente della società ha dato il proprio consenso alla sospensione della partecipazione.

§ 1323
Se il diritto di voto è associato all’azione, il creditore ipotecario può esercitarlo solo se concordato.

§ 1324
(1) Se il credito arriva, il creditore ipotecario acquisisce il diritto a benefici monetari e altri benefici materiali derivanti dalla partecipazione alla società fino all’importo del debito garantito. Tali benefici sono inclusi nel pagamento del debito, salvo diverso accordo tra le parti.

(2) Se un debitore personale o un debitore ipotecario in un procedimento giudiziario nega l’importo o l’esistenza di un debito, la prestazione di cui al paragrafo 1 deve essere fornita senza indebito ritardo dopo che l’importo o l’esistenza del debito è stato deciso da un tribunale; fino ad allora, la persona che deve fornire il servizio non è in mora.

§ 1325
Il creditore pignoratizio notifica a tutti gli azionisti l’inizio dell’esercizio del privilegio. Qualora tali azionisti abbiano un diritto di prelazione sull’azione, il diritto di prelazione decade qualora gli azionisti non lo esercitino all’atto della monetizzazione del pegno.

§ 1326
Se è stato concordato, il creditore pignoratizio acquisirà la quota costituita in pegno nel momento in cui il suo tentativo di monetizzare la quota nell’esercizio del privilegio non ebbe successo. Se non è stato convenuto che il creditore pignoratizio acquisisca già in quel momento l’azione costituita in pegno, il creditore pignoratizio può da questo momento esercitare i diritti sociali connessi all’azione.

§ 1327
(1) Se il creditore pignoratizio non ha avuto successo nel tentativo di monetizzare la quota, può chiedere al creditore pignoratizio di trasferirgli la quota costituita in pegno in normali condizioni commerciali per saldare il debito. Se il creditore ipotecario non esercita il suo diritto entro un mese dal giorno in cui il suo tentativo di monetizzare la quota non è andato a buon fine, il suo diritto decade.

(2) Se il creditore pignoratizio non trasferisce la quota al creditore pignoratizio entro un mese dal giorno in cui è stato invitato a farlo, il creditore pignoratizio può richiedere che il contenuto del contratto sia determinato dal tribunale.

Pegno di una cauzione o di un titolo contabile
§ 1328
(1) Un pegno su un titolo deriva dalla sua consegna a un creditore di pegno. Se così stabilito dal contratto di pegno, un pegno sulla garanzia sorge dal creditore pignoratizio o dal creditore pignoratizio che consegna la garanzia e una copia del contratto di pegno a terzi al fine di garantire loro il pegno.

(2) Al fine di creare un pegno su un titolo di seguito, è necessaria anche una girata di pegno contenente una clausola “to pegno” o altre parole dello stesso significato e designazione del creditore di pegno.

(3) Se le parti convengono che un pegno su un titolo al portatore deriva dall’iscrizione di un pegno nel registro dei pegni, la consegna del pegno alla persona che iscrive il pegno nel registro dei pegni è richiesta per la durata del il pegno.

§ 1329
(1) Se il titolo è già in custodia, viene creato un privilegio mediante notifica del creditore pignoratizio o pignorata consegnata al custode insieme a una copia del contratto di pegno. Dalla consegna dell’avviso vale che la garanzia sia conservata sia per il creditore ipotecario che per il creditore ipotecario congiuntamente. Le disposizioni del § 1328 paragrafo 2 non sono interessate da ciò.

(2) Chiunque abbia detenuto una garanzia in modo commerciale deve annotare il suo pegno nei suoi registri in modo che sia chiaro da esso chi è il creditore pignoratizio; deve essere immagazzinato separatamente, a meno che non si tratti di un deposito sfuso.

§ 1330
Nalézá-li se cenný papír již při zastavení u třetí osoby na základě smlouvy s jeho vlastníkem, může být cenný papír za trvání zástavního práva vydán zástavnímu dlužníkovi jen se souhlasem zástavního věřitele.

§ 1331
(1) K zaknihovanému cennému papíru vzniká zástavní právo zápisem na účtu vlastníka v příslušné evidenci. Zápis provede osoba oprávněná tuto evidenci vést na příkaz zástavního dlužníka k tíži jeho účtu. Podá-li příkaz zástavní věřitel, osobní dlužník nebo zástavce, zapíše se zástavní právo, pokud příkazce doloží zřízení zástavního práva.

(2) Il privilegio deve essere cancellato dai registri pertinenti dalla persona autorizzata a conservare tali registri. Se l’ingiunzione è presentata da pignoratizio, debitore personale o pignoratizio, il pegno si estingue se l’ordinante prova che si è verificato un fatto che altrimenti sarebbe causa della cessazione del pegno.

§ 1332
(1) Per la durata del pegno sulla garanzia, il creditore pignoratizio può esercitare i diritti connessi alla garanzia costituita in pegno nella misura concordata dalle parti.

(2) Le disposizioni sull’adempimento di un credito costituito in pegno si applicano al reddito e ad altri benefici monetari derivanti da una garanzia, a meno che il creditore pignoratizio non rinunci a tale diritto a favore del creditore pignoratizio.

Sospensione del conto del titolare dei titoli dematerializzati
§ 1333
Un pegno viene creato sul conto titoli di registrazione contabile mediante registrazione in questo conto nei relativi registri. La sezione 1331 si applica mutatis mutandis alla registrazione e alla cancellazione di un privilegio.

§ 1334
(1) Un pegno sul conto del proprietario dei titoli dematerializzati si applica a tutti i titoli registrati nel conto al momento della creazione del pegno, nonché ai titoli trasferiti sul conto in pegno per la durata del pegno. Le disposizioni che disciplinano il pegno sui singoli titoli si applicano in modo analogo ai titoli iscritti in pegno.

(2) Se un titolo viene trasferito da un conto costituito in pegno con il previo consenso del creditore pignoratizio, il trasferimento estingue anche il pegno su tale titolo.

Sospensione di un credito
§ 1335
(1) Un credito che può essere trasferito ad un altro può essere costituito in pegno. Se il pegno è un credito del debitore pignoratizio nei confronti del creditore pignoratizio, il credito e il debito non scadono con la fusione della persona del creditore e del debitore.

(2) Un privilegio su un credito deriva dall’efficacia del contratto di pegno, a meno che non sia concordato un periodo successivo, tuttavia, il privilegio ha effetto nei confronti del debitore del credito costituito in pegno quando il creditore pignoratizio lo notifica o il creditore pignoratizio lo dimostra. Ciò non si applica se le parti hanno convenuto l’iscrizione del pegno nel registro dei pegni.

§ 1336
(1) Prima della scadenza del debito garantito, il debitore può eseguire solo il creditore insicuro e il debitore pignoratizio per il credito costituito in pegno. Ciascuno di essi ha il diritto di esigere che il debitore depositi la prestazione a beneficio di entrambi in custodia presso un terzo; se il creditore pignoratizio e il creditore pignoratizio non sono d’accordo sul custode, il giudice lo nomina su proposta di una delle parti. Se arriva il debito garantito, il custode darà al creditore ipotecario tutto il necessario per soddisfarlo.

(2) Se il debito garantito è dovuto, il creditore pignoratizio ha il diritto per il debitore di adempiere ai crediti costituiti in pegno solo nei suoi confronti; se le fa valere, ne informa il creditore del credito costituito. Se il credito costituito in pegno non è ancora scaduto, il creditore pignoratizio ha diritto che glielo venga assegnato.

§ 1337
In caso di liquidazione dei fondi del credito costituito in pegno, il creditore pignoratizio emette al creditore pignoratizio tutto ciò che eccede il credito garantito, compresi gli accessori e le spese spettanti al creditore pignoratizio. Se si adempie un’altra cosa, il privilegio passa a questa cosa.

§ 1338
(1) Se l’azione legale del creditore è richiesta per la scadenza del credito costituito in pegno, in particolare la risoluzione o il recesso dal contratto, non è richiesto il consenso del creditore pignoratizio. Il creditore ipotecario può chiedere al creditore di agire legalmente se c’è una minaccia alla sicurezza.

(2) Se è richiesta l’azione legale del debitore, tale azione legale ha effetto se è stata notificata anche al creditore ipotecario.

§ 1339
Se è stato pattuito un pegno su un credito da un conto, il creditore ipotecario ha il diritto di ordinare al titolare del conto di pagargli il saldo del conto fino all’importo del debito garantito, se gliene dà comunicazione e scadenza del debito garantito.

§ 1340
Le disposizioni degli articoli 1336 e 1338 si applicano salvo diverso accordo delle parti. Se è convenuto che il creditore ha bisogno del consenso del creditore ipotecario per la risoluzione o altra azione legale, il creditore può chiedere la concessione del consenso se c’è una minaccia alla cauzione.

§ 1341 Pegno futuro
(1) Se il pegno deve diventare una cosa per la quale il creditore pignoratizio deve acquisire un privilegio solo in futuro, il privilegio è creato dall’acquisizione del diritto di proprietà da parte del creditore pignoratizio.

(2) Se per la creazione di un privilegio è richiesta l’iscrizione nell’elenco pubblico o nel registro dei pegni e se vi è stato registrato un privilegio futuro, il privilegio è creato mediante l’acquisizione del diritto di proprietà da parte del creditore pignoratizio.

§ 1342 Impegno da una decisione di un’autorità pubblica
Se il privilegio è costituito da una decisione di un’autorità pubblica, il privilegio è costituito dall’esecutività della decisione, a meno che in essa non sia specificato un termine successivo. Se per la costituzione di un pegno è altrimenti richiesta l’iscrizione nel registro dei pegni o in un apposito elenco pubblico, il pegno deve essere iscritto in tale registro.

§ 1343 Fermare una cosa straniera
(1) Il creditore pignoratizio può dare in pegno una cosa straniera solo con il consenso del proprietario.

(2) Se il creditore pignoratizio dà in pegno una cosa mobile straniera senza il consenso del proprietario, sorge un privilegio se la cosa è consegnata al creditore e questi accetta in buona fede che il creditore ha il diritto di dare in pegno la cosa .

(3) Se qualcuno ha un diritto materiale sulla cosa data in pegno incompatibile con il privilegio, i paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis.

§ 1344
Se il pignorato dà in pegno una cosa mobile altrui al monte dei pegni e se non è una cosa affidata dal proprietario al pignoratizio, il proprietario ha il diritto di estradare la cosa al gestore del monte dei pegni se dimostra di aver perso la cosa per smarrimento o atto di delitto intenzionale. Il gestore dell’impianto del monte dei pegni non ha diritto di pretendere dal proprietario il pagamento della somma pagata al creditore pignoratizio o degli interessi maturati prima dell’emissione della cosa.

§ 1345 Pegno comune
Molte cose possono essere fermate insieme per lo stesso debito. Se lo stesso debito è garantito da più pegni distinti, il creditore pignoratizio può essere soddisfatto con uno o tutti i pegni.

Comma 3 Ambito del privilegio
§ 1346
(1) Il pegno si applica al pegno, alla sua aggiunta e agli accessori, a meno che l’accordo di pegno non specifichi qualcos’altro. Dei frutti e dei benefici, il privilegio si applica solo a quelli che non sono separati.

(2) Se un credito è costituito in pegno, il creditore pignoratizio possiede anche qualsiasi diritto che garantisca il credito.

§ 1347
Quando viene data in pegno una cosa collettiva, il privilegio si applica alle cose individuali del pegno che appartengono al pegno e lo servono, ovunque si trovino. Il privilegio si applica a ogni singola cosa che si aggiunge a una cosa collettiva e scade a ogni singola cosa che è separata dalla cosa collettiva.

§ 1348
Se, durante la durata del pegno su una cosa collettiva, viene stipulato un pegno separato su una cosa individuale appartenente al pegno, il pegno non sorge. Se un privilegio è sorto su una causa individuale prima che fosse aggiunto alla causa collettiva o prima che la causa collettiva fosse costituita in pegno, si applicano le disposizioni sull’ordine del privilegio.

§ 1349
La durata e la portata del pegno sul titolo non sono influenzati dallo scambio del titolo dato in pegno da parte dell’emittente al creditore pignoratizio con un altro titolo, né dalla conversione del titolo in un titolo contabile o dalla conversione di un titolo sicurezza di ingresso in una sicurezza. Se un titolo deriva da uno scambio o da una conversione, l’emittente gli fornisce una girata di pegno prima che il titolo sia emesso a una persona autorizzata a portarlo con sé.

§ 1350
(1) Se un pegno si trasforma in una cosa nuova, gravano sia il pegno che la cosa nuova.

(2) Se il pegno è combinato con un’altra cosa, il creditore pignoratizio ha il diritto di ripristinare la situazione precedente a spese del creditore pignoratizio. Se ciò non è possibile, il pegno addebiterà l’intera somma, ma solo fino al valore del pegno al momento della fusione. Se il pegno è stato valutato, si presume che il prezzo del pegno sia determinato dall’importo della valutazione.

§ 1351
Quando si divide una cosa data in pegno, il pegno grava su tutte le cose create dalla divisione.

§ 1352
In caso di fusione di due pegni, essi sono trattati ai fini del pegno come se la fusione non fosse avvenuta; ciò non si applica se i pegni collegati assicurano l’adempimento del debito stesso.

Sottosezione 4 Diritti e obblighi derivanti dal privilegio
§ 1353
Il creditore pignoratizio si astiene da tutto ciò che peggiora il pegno a spese del creditore pignoratizio. Se l’atto del creditore pignoratizio diventa una garanzia insufficiente per il creditore pignoratizio o se la garanzia insufficiente diminuisce, il creditore pignoratizio la integra di conseguenza.

§ 1354
(1) Se il pegno è assicurato e se si verifica un evento assicurato, la compagnia di assicurazione deve adempiere al contratto di assicurazione dal creditore pignoratizio se il creditore pignoratizio dimostra in tempo alla compagnia di assicurazione che il suo privilegio è legato alla cosa, o se il creditore pignoratizio o il debitore lo comunica in tempo. .

(2) Il creditore ipotecario ha il diritto di rifiutare l’adempimento del contratto di assicurazione e di esserne soddisfatto, se la sua richiesta non è stata soddisfatta correttamente e tempestivamente, salvo diverso accordo. Quanto eccede il credito, comprensivo degli accessori e delle spese, alla cui restituzione ha diritto il creditore pignoratizio, il creditore pignoratizio deve rilasciarlo al creditore pignoratizio.

§ 1355
Se il pegno è lasciato in uso ad un altro senza il consenso del creditore pignoratizio, esso non ha effetti giuridici nei confronti del creditore pignoratizio. Ciò non si applica se le parti concordano che il consenso non è richiesto.

§ 1356
(1) Il creditore a cui è stato ceduto il pegno ha il diritto di averlo con sé per l’intera durata del pegno. Ha l’obbligo di prendersene cura come un vero e proprio gestore e ha diritto al rimborso delle spese ad esso connesse in qualità di fair holder.

(2) Un creditore pignoratizio può utilizzare il pegno solo con il consenso del creditore pignoratizio e in modo innocuo per il creditore pignoratizio; se il creditore pignoratizio è in buona fede che il creditore pignoratizio è il creditore pignoratizio, è sufficiente il consenso del creditore pignoratizio. Salvo patto contrario, il beneficio del pegno è compensato con le spese di cui al comma 1.

§ 1357
Se la cosa data in pegno è stata consegnata a un terzo per la custodia, quest’ultimo non può utilizzare il pegno né permetterne l’uso ad un’altra persona, né consegnarla ad un’altra persona; se lo fa, è anche responsabile di un incidente che non pregiudicherebbe il suo impegno.

§ 1358
Se cambia un fatto sostanziale iscritto in merito al pegno nel registro dei pegni o nell’elenco pubblico e se un’altra norma di legge non impone l’obbligo di chiedere la variazione dell’iscrizione ad un altro soggetto, l’interessato deve chiedere la variazione dell’iscrizione senza indebito ritardo; se non può essere determinato, il creditore ipotecario deve chiedere una modifica dell’iscrizione. Se più persone hanno questo obbligo, è sufficiente che almeno uno di loro lo adempia.

Comma 5 Esercizio del privilegio
§ 1359
(1) Non appena il debito garantito è esigibile, il creditore pignoratizio può essere soddisfatto secondo le modalità concordate con il creditore pignoratizio o debitore pignoratizio, per iscritto, altrimenti con i proventi della monetizzazione del pegno in un’asta pubblica o dalla vendita del pegno ai sensi di un’altra legge. Se il pegno è un titolo ammesso alle negoziazioni in un mercato regolamentato europeo, deve essere venduto su tale mercato o anche al di fuori di tale mercato almeno ad un prezzo determinato dal mercato regolamentato europeo.

(2) Il creditore pignoratizio ha diritto al rimborso delle spese necessarie sostenute per l’esercizio del diritto di pegno nei confronti del creditore pignoratizio.

§ 1360
Se è stato convenuto che il creditore pignoratizio può vendere il pegno in un modo diverso da un’asta pubblica, ciò obbliga anche il successore legale del creditore pignoratizio. Quando un creditore pignoratizio è trasferito, il creditore pignoratizio notifica al cessionario il diritto del creditore di vendere il pegno in tale modo.

§ 1361
Se sono richieste azioni speciali nei confronti del debitore affinché il credito possa maturare, tali azioni devono, se vi è differenza nella persona del debitore personale e ipotecario, essere rivolte anche contro il debitore ipotecario, in modo che il creditore ipotecario possa essere soddisfatto dal mutuo.

§ 1362
(1) Il creditore pignoratizio notifica per iscritto al creditore pignoratizio l’inizio dell’esercizio del privilegio; egli dichiarerà nella notifica come sarà soddisfatto del pegno.

(2) Se il pegno è iscritto nell’elenco pubblico o nel registro dei pegni, il creditore pignoratizio assicura l’iscrizione dell’inizio dell’esercizio del pegno anche in tale registro.

§ 1363
Se l’inizio dell’esercizio del privilegio è stato notificato al creditore pignoratizio, questi non può alienare il pegno senza il consenso del creditore pignoratizio. La violazione del divieto non pregiudica i diritti del cessionario, al quale il creditore pignoratizio ha trasferito la proprietà della cosa nell’esercizio ordinario della sua attività, a meno che il cessionario sapesse o dovette sapere dalle circostanze che il pegno aveva cominciato.

§ 1364
(1) Il creditore pignoratizio può monetizzare il pegno al più presto dopo la scadenza di trenta giorni dopo aver notificato al creditore pignoratizio l’inizio dell’esercizio del privilegio.

(2) Se l’inizio dell’esercizio del privilegio è stato iscritto nell’elenco pubblico o nel registro dei pegni solo dopo che il creditore pignoratizio ha notificato al creditore pignoratizio l’inizio dell’esercizio del privilegio, il termine decorre trenta giorni dalla data di iscrizione nell’elenco pubblico o nel registro dei pegni.

(3) Se è stato concordato un periodo più breve prima della notifica, questo non sarà preso in considerazione.

§ 1365
(1) Se è convenuto che il creditore pignoratizio può vendere il pegno fuori da un’asta pubblica, è obbligato a procedere con la diligenza professionale nel proprio interesse e nell’interesse del creditore pignoratizio affinché venda il pegno ad un prezzo in cui una cosa comparabile può essere di solito venduta in circostanze comparabili in un dato luogo e momento. Se un creditore ipotecario viola tale obbligo, ciò non pregiudica i diritti di terzi acquisiti in buona fede.

(2) Se è stato concordato come il creditore pignoratizio monetizzerà il pegno, il creditore può in qualsiasi momento durante l’esercizio del privilegio cambiare il suo metodo vendendo il pegno in un’asta pubblica o monetizzandolo in conformità con un’altra legge. Il creditore comunica tempestivamente per iscritto al creditore pignoratizio la variazione delle modalità di esercizio del privilegio.

§ 1366
Se l’interessato all’acquisto della cosa costituita in pegno o il banditore ne fa richiesta, il creditore pignoratizio gli deve dimostrare di aver notificato al pignorante l’inizio dell’esercizio del pegno.

§ 1367
(1) Il creditore pignoratizio tollera l’esercizio del privilegio, rilascia il pegno al creditore pignoratizio con i documenti necessari per la presa in consegna, la vendita e l’uso, e gli presta l’altra necessaria collaborazione. Se un terzo ha un pegno o un atto, ha lo stesso obbligo.

(2) Chi ha un pegno con sé si astiene da tutto ciò che potrebbe ridurre il valore del pegno; la normale usura non viene presa in considerazione.

§ 1368
(1) Un credito è pagato dai proventi della monetizzazione del pegno, inclusi gli accessori e le spese, al cui risarcimento ha diritto il creditore pignoratizio. Se un’obbligazione non pecuniaria è stata garantita, si considera che il creditore abbia diritto alla prestazione pecuniaria fino all’importo del prezzo normale del credito al momento in cui sorge il pegno; ciò vale anche se l’accessorio di debito garantito non è monetario.

(2) Il pagamento di un credito da un pegno dato in pegno conferisce al creditore pignoratizio gli stessi diritti che avrebbe se avesse adempiuto lui stesso il debito.

§ 1369
Il creditore pignoratizio deve presentare al creditore pignoratizio senza indebito ritardo dopo che il creditore pignoratizio è stato monetizzato, indicando i dettagli della vendita del pegno e dei costi ad esso associati, nonché altri costi a cui ha diritto il creditore pignoratizio, i proventi di la vendita e il suo utilizzo.

§ 1370
Il debitore personale paga ciò che non riceve se non paga quanto il credito quando viene monetizzato il pegno. Il creditore ipotecario deve quanto più guadagna.

Comma 6 Esercizio di pegno su più creditori ipotecari
§ 1371
(1) Se al pegno è collegato più di un vincolo, il loro ordine è determinato in base al momento della creazione del vincolo. Se la costituzione di un privilegio deve essere iscritta nell’elenco pubblico, ai fini dell’ordinanza è determinante il momento del deposito della domanda di iscrizione.

(2) Se un pegno è una cosa per la quale il creditore pignoratizio deve acquisire la proprietà solo in futuro, l’ordine dei diritti di pegno sarà determinato in base al momento della conclusione del contratto di pegno; se il futuro pegno è iscritto nel registro dei pegni o nell’elenco pubblico, determina l’ordine di presentazione delle proposte di iscrizione.

(3) Se più privilegi sono associati a beni mobili, il diritto del creditore di pegno iscritto nel registro dei pegni o nell’elenco pubblico secondo l’ordine di registrazione è soddisfatto rispetto a un diritto derivante in altro modo. Il diritto derivante dalla cessione del pegno al creditore ipotecario oa un terzo è soddisfatto in via preferenziale rispetto al diritto derivante dalla marcatura della cosa con un segno.

§ 1372
(1) Se su un pegno sorgono più gravami, il creditore pignoratizio può disporre il loro ordine per iscritto. Il patto è efficace nei confronti dei terzi dall’iscrizione nel registro dei pegni, o nell’elenco pubblico, se l’iscrizione di un privilegio richiede l’iscrizione in tale elenco. L’iscrizione sarà proposta congiuntamente da tutti i creditori ipotecari che hanno concordato l’ordine dei privilegi.

(2) Se l’accordo deve abbreviare i diritti di un creditore pignoratizio che non ha aderito all’accordo, non ha effetti legali contro di lui.

§ 1373
(1) Il creditore pignoratizio deve inoltre notificare l’inizio dell’esercizio del privilegio anche a quei pignorati che hanno diritto alla soddisfazione nell’ordine precedente il suo ordine. Le disposizioni del § 1362 si applicano per analogia.

(2) Zástavní věřitel může zpeněžit zástavu nejdříve po uplynutí třiceti dnů od oznámení všem zástavním věřitelům podle odstavce 1. To neplatí, oznámí-li mu v této lhůtě zástavní věřitel, kterému náleží právo na uspokojení v pořadí předcházejícím jeho pořadí, že sám započíná s výkonem svého zástavního práva; nezapočne-li tento věřitel s výkonem svého zástavního práva bez zbytečného odkladu, k jeho oznámení se nepřihlíží.

§ 1374
(1) Vykoná-li zástavní věřitel zástavní právo, které je první v pořadí rozhodném pro uspokojení zástavních práv (dále jen „přednostní zástavní věřitel“), přechází zástava na nabyvatele nezatížená dalšími zástavními právy.

(2) Se i proventi della vendita del pegno superano il credito, compresi gli accessori e le spese a lui spettanti, il pignoramento prioritario deve depositare l’eccedenza in custodia giudiziale a favore dei creditori di altri crediti provati dal pegno e dal debitore, a meno che non concordi diversamente con loro.

(3) Dall’eccedenza, i creditori di altri crediti provati dal privilegio devono essere soddisfatti nell’ordine decisivo per la soddisfazione dei privilegi. Quello che resta viene dato al creditore ipotecario.

§ 1375
(1) Se un pegno è esercitato da un creditore pignoratizio diverso dal creditore prioritario, il pegno gravato dai diritti di pegno di quei creditori pignorati il ​​cui diritto alla soddisfazione precede il suo ordine passa al cessionario. Il creditore pignoratizio informerà in tempo utile il cessionario del pegno circa il trasferimento del pegno, compreso il gravame.

(2) Il creditore pignoratizio che esercita il suo privilegio e il creditore pignoratizio assicurano l’iscrizione della variazione della persona del creditore pignoratizio nel registro dei pegni o nell’elenco pubblico, se tale registrazione è richiesta per la creazione del privilegio, altrimenti compensare il danno causato.

(3) L’ articolo 1374 si applica mutatis mutandis ai diritti dei creditori pignoratizi il cui diritto alla soddisfazione segue l’ordine del creditore che esercita il privilegio ai sensi del paragrafo 1.

Comma 7 Estinzione del privilegio
§ 1376
Se il debito garantito scade, scade anche il pegno.

§ 1377
(1) Il privilegio scade, ma il credito continua,
a) in caso di scadenza del pegno,

b) se il creditore pignoratizio rinuncia al privilegio,

c) se il creditore pignoratizio restituisce il pegno al creditore pignoratizio o al creditore pignoratizio,

d) se il creditore pignoratizio o il creditore pignoratizio paga al creditore pignoratizio il prezzo della cosa data in pegno, ovvero

e) se scade il periodo per il quale è stato costituito il privilegio.

(2) Gli effetti di cui al comma 1 si verificano anche nel caso in cui un altro abbia acquisito la proprietà della cosa costituita in pegno in buona fede che la cosa non sia gravato da pegno. Ciò non si applica se il pegno è iscritto nel registro dei pegni o in un elenco pubblico.

(3) Se la cosa e il pegno non sono iscritti nell’elenco pubblico, gli effetti di cui al comma 1 si producono anche se il pegno, o parte di esso, è stato trasferito
(a) e il contratto di pegno prevede che il pegno o parte di esso possa essere trasferito senza gravami mediante pegno; o

b) nel normale svolgimento dell’attività dell’impresa cedente.

§ 1378
Se il pegno è iscritto nel registro dei pegni o nel pubblico elenco anche dopo la sua cessazione, si tratta di un vizio connesso al pegno.

§ 1379
(1) Se un privilegio iscritto nel registro dei pegni è scaduto, il creditore pignoratizio ne chiede la cancellazione senza indebito ritardo e il privilegio deve essere cancellato. Ciò vale anche se il pegno è stato iscritto nell’elenco pubblico, salvo che le parti abbiano convenuto che il creditore del pegno non chieda la cancellazione del pegno o che il proprietario abbia chiesto l’iscrizione del pegno liberato.

(2) Il creditore pignoratizio ha il diritto di presentare una richiesta di cancellazione del diritto di pegno; se il pegno non è scaduto dopo la scadenza del termine, esso è cancellato dal registro dei pegni o dall’elenco pubblico, se il creditore pignoratizio prova la cessazione del pegno con atto confermato dal pignorato o con sentenza del tribunale o altro documento pubblico. Se il creditore pignoratizio non conferma al creditore pignoratizio, su sua richiesta, la cessazione del pegno, è tenuto a risarcire il danno che ne è derivato.

Comma 8 Diritti del titolare al rilascio del pegno
§ 1380
Se il pegno è liberato con la cessazione del pegno e l’iscrizione sul pegno non è stata ancora cancellata nell’elenco pubblico, il pegno si considera liberato e il proprietario della cosa può combinare il pegno svincolato con altro debito che non ecceda il debito originario.

§ 1381
Se il proprietario ne fa richiesta, è iscritto nell’elenco pubblico che il pegno è stato sciolto e che la garanzia del debito originario è estinta se prova la cessazione del pegno con atto confermato dal creditore ipotecario o con sentenza del tribunale o altro atto pubblico. Se il proprietario non garantisce un altro debito con il pegno liberato entro dieci anni dalla registrazione dello svincolo del pegno, il suo diritto si estingue.

§ 1382
Se la liberazione di un privilegio è stata iscritta nell’elenco pubblico, può essere cancellata insieme al privilegio solo prima che siano trascorsi dieci anni.

§ 1383
Se il proprietario non ha garantito un nuovo debito con il pegno liberato, il pegno liberato non sarà preso in considerazione nella distribuzione dei proventi dopo che il pegno è stato monetizzato.

§ 1384
Se, al momento della costituzione del pegno o successivamente, il proprietario si impegna a non garantire un nuovo debito con un pegno iscritto in un ordine più favorevole, e se è iscritto nell’elenco pubblico, il pegno liberato non può garantire un nuovo debito finché dura il pegno per il beneficio del creditore assunto dal proprietario.

Sottosezione 9 Sostituzione di un privilegio
§ 1385
Se il pegno è stato iscritto in un pubblico elenco, il titolare della cosa può chiedere che il pegno sia iscritto nell’ordine del pegno annesso alla cosa e che mantenga un debito non eccedente il debito originario, purché entro un anno dal la registrazione del nuovo pegno il vecchio diritto di pegno cancellato.

§ 1386
Il proprietario della cosa o il creditore a favore del quale deve essere costituito il nuovo privilegio può chiedere la cancellazione del vecchio privilegio. Se non lo fa con successo entro un anno, il nuovo privilegio scadrà alla fine di questo periodo. L’autorità pubblica competente annulla il nuovo privilegio anche senza istanza, unitamente a tutte le registrazioni ad esso relative.

§ 1387
Se il vecchio privilegio è vincolato da un altro diritto o restrizione iscritto nell’elenco pubblico, il nuovo privilegio può essere iscritto in tale elenco purché il vizio sia cancellato o trasferito a un nuovo privilegio con il consenso delle parti.

§ 1388
Se, al momento della costituzione del pegno o successivamente, il titolare si impegna a non consentire l’iscrizione di un nuovo pegno in luogo del vecchio, e se questo risulta iscritto nell’elenco pubblico, il vecchio pegno non può essere convertito in uno nuovo.

§ 1389
Qualora si debba registrare un nuovo privilegio in luogo di più privilegi scritti in successione, si applicano mutatis mutandis le disposizioni del presente comma.

Sottosezione 10 Sublien
§ 1390
Un pegno nasce dal pegno di un credito, che testimonia il pegno.

§ 1391
(1) Per costituire in pegno il credito non è necessario il consenso del creditore pignoratizio. Contro di lui avrà effetto il pegno,
a) se è stata informata della sua creazione; o

b) se il pegno è una cosa per la quale sorge un pegno mediante iscrizione nel registro dei pegni o in un apposito elenco pubblico, iscrizione in tale elenco; questa registrazione crea un sub-pegno.

(2) La comunicazione ai sensi del comma 1 può essere effettuata dal subconcessionario o dal subfiduciario; tuttavia, deve provare l’origine del sub-pegno al debitore sub-pegno.

§ 1392
Il subpegnato non può essere liberato dall’obbligo di cui all’articolo 1353 con la consegna della cosa al subpegnato.

§ 1393
Un subpegno può cercare soddisfazione da un subpegno invece che da un subpegno non appena il debito garantito dal subpegno è esigibile.

§ 1394
Le disposizioni sul privilegio si applicano mutatis mutandis al privilegio.

Sezione 4 Diritto di ritenzione
§ 1395
(1) Chiunque sia obbligato a consegnare una cosa mobile straniera che ha con sé può, di sua spontanea volontà, trattenerla per garantire il debito dovuto della persona alla quale dovrebbe altrimenti consegnare la cosa.

(2) Un debito in essere può anche essere garantito da un pegno,
a) se il debitore non garantisce diversamente il debito, sebbene avrebbe dovuto garantirlo secondo il contratto o secondo la legge,

(b) se il debitore dichiara di non essere inadempiente, o

(c) se risulta altrimenti che il debitore non sarà inadempiente nei confronti del debito a causa di circostanze che gli sono occorse che non erano o non potevano essere note al creditore al momento in cui il debito è stato contratto.

§ 1396
(1) Una persona che l’ha indebitamente con sé non può trattenere una cosa straniera, specialmente se l’ha sequestrata con la forza o con l’inganno.

(2) Anche una persona a cui è stato ordinato di disporre di una cosa straniera non può trattenerla in modo incompatibile con l’esercizio del diritto di detenzione; ciò non si applica se la causa era con lui al momento dell’apertura della procedura concorsuale, in cui si sta risolvendo il fallimento o il fallimento imminente del debitore.

§ 1397
(1) Chi ha trattenuto una cosa straniera deve notificare al debitore la sua detenzione e la sua ragione. Se il creditore ha con sé la cosa in base a un contratto concluso per iscritto, ne richiede anche la comunicazione scritta.

(2) Il creditore è obbligato a prendersi cura della cosa trattenuta come un vero amministratore e ha diritto al rimborso delle spese nei confronti del debitore come un vero detentore. Il creditore può utilizzare l’oggetto sequestrato solo con il consenso del debitore e in modo innocuo per il debitore. Salvo patto contrario, la prestazione è compensata con i costi di cui al comma 1.

§ 1398
Il creditore che ha garantito il suo credito con il diritto di ritenzione ha diritto alla soddisfazione preferenziale su un altro creditore, compreso il creditore ipotecario, dai proventi della monetizzazione della cosa detenuta. § 1359 si applica allo stesso modo alla monetizzazione di una cosa sequestrata da un creditore.

§ 1399
Il diritto di ritenzione scade
a) risoluzione del debito garantito o della cosa pignorata,

b) se il creditore rinuncia al diritto di ritenzione unilateralmente o di comune accordo con il proprietario della cosa detenuta,

(c) se la cosa è recuperata definitivamente dal creditore, o

d) se al creditore sono fornite garanzie sufficienti.

Parte 6 Gestione delle risorse
Sezione 1 Disposizioni generali sulla gestione dei beni di terzi
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 1400
(1) Chiunque è incaricato dell’amministrazione di beni che non gli appartengono, a beneficio di qualcun altro (di seguito denominato “beneficiario”), è l’amministratore dei beni esteri.

(2) Si considera che l’ amministratore agisca legalmente come rappresentante del proprietario.

§ 1401
(1) L’amministratore svolge le sue funzioni di persona. Può delegare i propri poteri ad un’altra persona o farsi rappresentare in altro modo solo in procedimenti giudiziari individuali; in tal modo, è obbligato a selezionare con cura tale persona e a dargli sufficienti istruzioni.

(2) Se l’amministratore può rappresentare ingiustificatamente un’altra persona o se affida illegittimamente ad un’altra persona l’esercizio dei suoi poteri, è responsabile nei confronti del beneficiario in solido con tutto ciò che ha fatto.

§ 1402
(1) Si considera che l’ amministratore abbia diritto alla normale retribuzione in base alla natura dei suoi servizi.

(2) Chi gestisce beni altrui senza motivo legale non ha diritto a compenso.

§ 1403
L’amministratore ripartisce tra i beneficiari l’utile e le spese a norma dell’atto costitutivo o di altro contratto, altrimenti nel modo più equo possibile rispetto alla natura e all’oggetto dell’amministrazione e alle circostanze della sua origine rispetto agli usi generali. A meno che non si possa stabilire un diverso rapporto tra profitti e costi tra i beneficiari, tali azioni sono le stesse.

§ 1404
Se per una determinata condotta è richiesto il consenso del beneficiario, esso può essere sostituito da una decisione giudiziaria se il beneficiario è sconosciuto o se il parere del beneficiario non può essere accertato in tempo. Ciò vale anche se il beneficiario rifiuta di prestare il consenso senza un giusto motivo.

Sottosezione 2 Semplice gestione dei beni di terzi
§ 1405
Chi esegue la semplice amministrazione dei beni altrui fa tutto il necessario per preservarli.

§ 1406
Con la semplice amministrazione, l’amministratore esercita tutti i diritti relativi alla proprietà gestita e la gestisce correttamente. L’amministratore non può modificare lo scopo della proprietà gestita senza il consenso del beneficiario.

§ 1407
Se l’amministratore gestisce i fondi, deve spenderli con prudenza. Se qualcosa del patrimonio in gestione è stato speso in un certo modo prima, l’amministratore può cambiare il metodo scelto in un secondo momento.

§ 1408
(1) L’amministratore può alienare qualcosa dai beni in gestione se è nell’interesse di preservare il valore, la natura e lo scopo dei beni in gestione o se è necessario pagare i debiti associati a questi beni; altrimenti solo a titolo oneroso. Allo stesso scopo, l’amministratore può costituire in pegno o comunque utilizzare a garanzia i beni in gestione. L’amministratore deve dare il consenso del beneficiario a questi procedimenti legali.

(2) L’ amministratore non ha bisogno del consenso all’alienazione dei beni se è in pericolo di rapida distruzione o se rischia di perdere rapidamente valore.

Sottosezione 3 Gestione completa dei beni di terzi
§ 1409
Chi è incaricato della piena amministrazione dei beni di terzi, ne cura la riproduzione e l’applicazione nell’interesse del beneficiario.

§ 1410
Il fiduciario può fare tutto ciò che è necessario e utile con i beni in gestione.

Sezione 2 Regole di gestione
Sottosezione 1 Obblighi dell’amministratore nei confronti del beneficiario
§ 1411
L’amministratore dei beni di terzi esercita i propri poteri e svolge le proprie funzioni con la diligenza di un proprio responsabile.

§ 1412
(1) Se vi sono più beneficiari, simultaneamente o in sequenza, l’amministratore deve agire in modo imparziale nei confronti di tutti e tenere conto dei rispettivi diritti.

(2) Se l’amministratore è egli stesso un beneficiario, deve tenere conto dei suoi interessi allo stesso modo degli interessi degli altri beneficiari ed esercitare i suoi poteri nell’interesse comune.

§ 1413
Se non sussiste alcun interesse o diritto derivante dall’azione legale da cui è sorta l’amministrazione, l’amministratore deve darne immediata comunicazione al beneficiario e al soggetto che vigila sull’amministrazione del bene o dell’interesse del beneficiario.
(a) qualsiasi interesse nell’impresa o attività che persegue un bene che possa essere in conflitto con gli interessi del beneficiario; e

(b) qualsiasi diritto che può esercitare sul beneficiario o in relazione alle attività in gestione.

§ 1414
Il fiduciario conserva registrazioni affidabili dei beni in gestione e non può mescolare i propri beni con quelli sotto la sua gestione.

§ 1415
(1) L’amministratore può diventare parte del contratto relativo alla proprietà gestita, acquisire contrattualmente il diritto su tale proprietà o acquisire il diritto nei confronti del beneficiario solo con il consenso del beneficiario.

(2) L’amministratore può utilizzare la proprietà gestita o le informazioni ottenute durante l’amministrazione a proprio vantaggio solo con il consenso del beneficiario, a meno che la possibilità di tale utilizzo non sia determinata dallo statuto o da un altro contratto o se così previsto dalla legge .

§ 1416
L’amministratore può trasferire a titolo gratuito il bene affidato solo se è di natura diretta dell’amministrazione, ovvero se si tratta di un bene di valore esiguo, di cui l’amministratore dispone nell’interesse del beneficiario o in conformità allo scopo di l’amministrazione.

§ 1417
L’amministratore non deve risarcire danni alla proprietà causati da forza maggiore, invecchiamento o altri sviluppi naturali e normale usura con un uso corretto.

§ 1418
Nel determinare il compenso del curatore, il giudice può ridurre l’importo del compenso solo in relazione alle circostanze in cui l’amministrazione è stata accettata, o se il curatore svolge l’amministrazione a titolo gratuito, o se il curatore è minorenne o se il suo o la sua giurisdizione è limitata.

Comma 2 Obblighi dell’amministratore e del beneficiario nei confronti dei terzi
§ 1419
(1) L’ amministratore non assume un obbligo personale da un obbligo che ha concordato con un’altra persona per conto del beneficiario. Ciò vale anche se è chiaro che l’amministratore agisce per conto del fondo fiduciario.

(2) Se l’amministratore agisce per conto del beneficiario a proprio nome nell’esercizio dei suoi poteri, è obbligato insieme al beneficiario; tuttavia, al beneficiario può essere richiesta la prestazione solo dal patrimonio gestito. Questo è vero anche se il trustee ha agito per conto del trust, sebbene ciò non fosse ovvio.

§ 1420
Se l’amministratore eccede la sua competenza, è personalmente obbligato ad agire. Tuttavia, se un terzo ha invocato in buona fede il corretto esercizio dei poteri del fiduciario, o se il beneficiario ha confermato, anche tacitamente, la condotta legale del fiduciario, il fiduciario e il beneficiario sono solidalmente responsabili,

§ 1421
L’amministratore eccede i suoi poteri se lo esercita egli stesso, anche se avrebbe dovuto farlo insieme ad un’altra persona; ciò non si applica nel caso in cui tale procedura abbia beneficiato dei patrimoni in gestione più di quanto sarebbe stato speso per essi.

§ 1422
Se un terzo lavoratore autonomo pretende che un’altra persona sia l’amministratore dei suoi beni, il contratto concluso in buona fede con quest’altra persona conferisce alle parti gli stessi obblighi che avrebbero se la proprietà del precursore fosse in gestione.

Sottosezione 3 Inventario, sicurezza e assicurazione
§ 1423
(1) L’amministratore deve compilare l’inventario, garantire il corretto svolgimento dell’amministrazione o assicurare la proprietà affidata, se previsto dallo statuto o da altro contratto o se previsto dalla legge.

(2) Su proposta del beneficiario o di un’altra persona che ha un interesse legale in esso, il tribunale può imporre un obbligo all’amministratore ai sensi del paragrafo 1, tenendo conto del valore della proprietà gestita, della posizione delle parti e altre circostanze del caso. La proposta non può essere accolta se contraddice il contratto di costituzione dell’amministrazione concluso tra l’amministratore e il beneficiario.

§ 1424
(1) Se l’amministratore è obbligato a compilare l’inventario, deve indicare in esso un elenco fedele e accurato dei beni inclusi nell’amministrazione, incluso un elenco di documenti significativi.

(2) Gli oggetti di uso personale inclusi nell’inventario possono essere descritti solo in termini generali, a meno che tra questi non siano di valore non trascurabile.

§ 1425
I beni descritti nell’inventario si considerano in buono stato alla data dell’inventario.

§ 1426
L’amministratore consegna l’inventario alla persona che gli ha affidato l’amministrazione, al beneficiario e alla persona convenuta o prevista dalla legge. Il Beneficiario o un’altra persona avente un interesse legale a farlo ha il diritto di opporsi all’inesattezza dell’inventario in uno qualsiasi dei suoi articoli o di richiedere la compilazione di un nuovo inventario.

§ 1427
(1) L’amministratore ha il diritto di assicurare il patrimonio gestito a spese del beneficiario contro i rischi comuni.

(2) L’amministratore ha il diritto di assicurare la sua responsabilità patrimoniale dall’amministrazione a spese del beneficiario, se esegue l’amministrazione gratuitamente.

Sottosezione 4 Gestione congiunta
§ 1428
Più amministratori incaricati della gestione congiunta decidono e deliberano a maggioranza di voti, salvo che il contratto o la legge disponga diversamente. Ciascuno dei contitolari si considera dotato di un voto.

§ 1429
(1) Se i co-amministratori non sono in grado di agire ai sensi della Sezione 1411 per un ostacolo causato da un evento giuridico, per inerzia continua o resistenza costante di un fiduciario, o per altro motivo simile, altri fiduciari possono decidere e agire indipendentemente nelle questioni necessarie per mantenere lo status quo. In altre questioni, possono farlo con il consenso del tribunale.

(2) Se la situazione di cui al paragrafo 1 persiste, il tribunale può decidere, su richiesta di una persona avente un interesse legale, che i fiduciari possono decidere e agire in modo diverso dal § 1428 che uno dei fiduciari avrà un casting votare o decidere sull’ulteriore svolgimento dell’amministrazione in un altro modo appropriato alle circostanze del caso.

§ 1430
Gli amministratori sono solidalmente responsabili dell’amministrazione congiunta, salvo diversa disposizione di legge.

§ 1431
(1) Se uno dei fiduciari congiunti non notifica senza indugio agli altri fiduciari che non è d’accordo con la decisione e se non informa il beneficiario senza indebito ritardo, si considera che abbia approvato la decisione.

(2) Se i fiduciari congiunti hanno preso una decisione in assenza di uno di loro, si considera che l’assente abbia approvato la decisione, a meno che non abbia notificato il suo disaccordo agli altri fiduciari e al beneficiario senza indebito ritardo dopo aver appreso della decisione.

Sottosezione 5 Investimenti prudenti
§ 1432
Il fiduciario decide sugli investimenti in relazione al rendimento e al profitto atteso; ove possibile, alloca il rischio dell’investimento in modo da conseguire un rapporto tra reddito fisso e reddito variabile ragionevolmente commisurato alle condizioni economiche.

§ 1433
All’amministratore è fatto divieto di acquisire per il beneficiario più del 5% delle azioni dello stesso emittente. Al curatore è altresì vietato acquisire per il beneficiario una quota, un’obbligazione o altro titolo di debitore di chi abbia violato l’obbligo di versare proventi dal titolo; l’amministratore può anche non concedere un prestito a tale persona.

§ 1434
L’amministratore può depositare i fondi gestiti su un conto presso una banca, banca estera o associazione di risparmio e prestito, con facoltà di prelevarli su richiesta o entro trenta giorni.

§ 1435
L’investimento può essere stato effettuato dall’amministratore prima di subentrare nell’amministrazione, anche se non è stato prudente.

Sottosezione 6 Fatturazione
§ 1436
(1) L’amministratore presenta al beneficiario una dichiarazione di amministrazione almeno una volta all’anno. Se vi sono più amministratori, devono presentare una dichiarazione congiunta, salvo che il contratto non preveda diversamente o che la legge non disponga diversamente in considerazione della ripartizione delle loro competenze.

(2) La dichiarazione deve essere così dettagliata da poterne verificare l’esattezza.

§ 1437
L’amministratore consente al beneficiario di esaminare in qualsiasi momento i libri e le scritture relative all’amministrazione e gli fornisce, su richiesta, le informazioni necessarie sulle modalità di svolgimento dell’amministrazione.

Sezione 3 Cessazione dell’amministrazione
§ 1438
L’attività dell’amministratore si conclude con le dimissioni, il licenziamento, la limitazione dell’autodeterminazione di una persona ancora indipendente, ovvero un certificato di insolvenza dell’amministratore.

§ 1439
L’amministrazione scade al termine del periodo per il quale è stata costituita, al raggiungimento dello scopo o alla cessazione del diritto del beneficiario sulla proprietà gestita.

§ 1440
(1) Se l’amministratore dichiara di dimettersi dall’ufficio, i suoi compiti terminano con la consegna di una dichiarazione di dimissioni alla persona autorizzata a chiamare un nuovo amministratore, a meno che tale dichiarazione non si applichi alle dimissioni in una data successiva. L’amministratore consegna la dichiarazione di dimissioni anche agli altri amministratori, al beneficiario e al soggetto che vigila sull’amministrazione.

(2) L’amministratore non può recedere dall’amministrazione in un momento inopportuno, o altrimenti violare i suoi obblighi di corretta amministrazione con le dimissioni, altrimenti risarcirà il danno ai sensi della Parte quarta della presente legge.

§ 1441
Chi ha nominato un amministratore può revocarlo con dichiarazione scritta.

§ 1442
L’azione legale della persona che ha agito come amministratore in buona fede che l’amministrazione non è ancora terminata è vincolante per il beneficiario. Il Beneficiario è altresì vincolato dall’azione legale della persona che ha cessato di essere il fiduciario, se l’altra parte ha agito in buona fede per la durata dell’amministrazione.

§ 1443
Al termine dell’amministrazione, il curatore farà quanto necessario per prevenire la perdita, con effetto vincolante per il beneficiario.

§ 1444
(1) Se l’amministratore muore o cessa di esistere, la persona che è obbligata a organizzare gli affari dell’amministratore deve, senza indebito ritardo dopo aver appreso della morte o della cessazione dell’amministratore, notificare la cessazione dell’amministrazione alla persona che ha affidato l’amministrazione, nonché il beneficiario e altri a una persona convenuta o prevista dalla legge. Ciò vale anche se l’amministrazione ha cessato di esistere perché l’amministratore è stato limitato di diritto.

(2) Chi è obbligato a notificare ai sensi del paragrafo 1, fa tutto ciò che è altrimenti autorizzato o obbligato a fare al termine dell’amministrazione dell’amministratore.

§ 1445
L’amministratore presenta una dichiarazione al beneficiario al termine dell’amministrazione. La dichiarazione sarà presentata anche all’amministratore che ne fa le veci. Le disposizioni delle sezioni 1426 e 1427 si applicano mutatis mutandis.

§ 1446
(1) Al termine dell’amministrazione, l’amministratore consegna la proprietà gestita al beneficiario o al nuovo amministratore nel luogo in cui si trova tale proprietà, salvo diverso accordo.

(2) L’obbligo di consegna della proprietà gestita comprende la liberazione di tutto ciò che il fiduciario ha ottenuto per il beneficiario durante l’amministrazione, ivi compresi i compensi a cui il fiduciario è tenuto ai sensi delle precedenti disposizioni.

§ 1447
L’amministratore ha il diritto di ritenzione dei beni che è obbligato a liberare per garantire i suoi crediti verso l’amministrazione. Tuttavia, se l’amministratore deve emettere fondi, deve compensare il suo eventuale credito con il credito reciproco del beneficiario.

Sezione 4 Fondo fiduciario
Sottosezione 1 Il concetto di fondo fiduciario e la sua creazione
§ 1448
(1) Un fondo fiduciario viene creato separando la proprietà dalla proprietà del fondatore affidando al fiduciario la proprietà per uno scopo specifico mediante contratto o acquisto in caso di morte, e il fiduciario si impegna a detenere e gestire questa proprietà.

(2) L’istituzione di un fondo fiduciario crea una proprietà separata e indipendente della proprietà assegnata e l’amministratore fiduciario è obbligato a rilevare questa proprietà e la sua amministrazione.

(3) I diritti di proprietà sulla proprietà di un fondo fiduciario devono essere esercitati a nome proprio per conto del fondo dall’amministratore fiduciario; tuttavia, i beni del trust non sono né di proprietà del trustee, né di proprietà del fondatore, né di proprietà del soggetto da trasferire dal trust.

§ 1449
(1) Lo scopo di un fondo fiduciario può essere di utilità pubblica o privato.

(2) Un fondo fiduciario costituito per uno scopo privato serve a beneficio di una determinata persona o in sua memoria. Tale fondo può essere costituito anche allo scopo di investire a scopo di lucro da distribuire tra i fondatori, dipendenti, soci o altri soggetti.

(3) Lo scopo principale di un fondo fiduciario di pubblica utilità potrebbe non essere quello di realizzare un profitto o di gestire un impianto.

§ 1450
(1) Il fondo fiduciario deve avere una propria designazione.

(2) La designazione di un fondo fiduciario deve esprimere il suo scopo e contenere le parole “fondo fiduciario”.

§ 1451
Un fondo fiduciario viene creato quando l’amministratore fiduciario accetta l’autorità per gestirlo; se vi sono più fiduciari è sufficiente che almeno uno di essi accetti l’autorizzazione. Tuttavia, se il fondo fiduciario è stato costituito per acquisizione in caso di decesso, sarà costituito con il decesso del testatore.

§ 1452
(1) Ogni fondo fiduciario deve avere uno statuto. Lo statuto del fondo fiduciario è emanato dal fondatore. Se un fondo fiduciario è costituito per acquisizione in caso di morte, il § 311 si applica mutatis mutandis.

(2) Lo statuto deve contenere almeno
a) la designazione del fondo fiduciario,

b) identificazione dei beni che costituiscono il fondo fiduciario al suo inizio,

c) definizione dello scopo del fondo fiduciario,

d) condizioni per l’adempimento del fondo fiduciario,

(e) l’ indicazione della durata del fondo fiduciario; se non indicato, il fondo è costituito a tempo indeterminato, a

(f) se deve essere eseguito dal trust di una persona designata, la designazione di tale persona o il modo in cui deve essere designata la persona designata.

(3) Lo statuto richiede la forma di un atto pubblico.

Sottosezione 2 Gestione dei fondi fiduciari
§ 1453
(1) Il fiduciario può essere qualsiasi persona indipendente.

(2) Una persona giuridica può essere un fiduciario, se previsto dalla legge.

§ 1454
Alle condizioni specificate nel § 1453, il fiduciario può anche essere il fondatore del fondo fiduciario o la persona da adempiere dal fondo fiduciario. In tal caso, tuttavia, il trust deve avere un altro fiduciario terzo e i fiduciari devono agire legalmente congiuntamente.

§ 1455
(1) Il fiduciario è nominato e revocato dal fondatore. Il fondatore può indicare nell’atto costitutivo un’altra modalità di nomina o di revoca del curatore.

(2) Su proposta di una persona che ha un interesse legale in esso, il tribunale nomina un fiduciario se la persona autorizzata a farlo non è nominata entro un termine ragionevole o se non può essere stabilito ai sensi del paragrafo 1.

§ 1456
Il fiduciario ha diritto alla piena gestione del patrimonio del fondo fiduciario. Il fiduciario deve essere iscritto nell’elenco pubblico o in altro registro come proprietario dei beni nel fondo fiduciario con la dicitura “fiduciario”.

Sottosezione 3 Destinato
§ 1457
(1) Il fondatore ha il diritto di nominare la parte designata e di determinare le prestazioni del fondo fiduciario, a meno che lo statuto del fondo fiduciario non determini qualcos’altro.

(2) Se il fondatore non esercita il diritto ai sensi del paragrafo 1, il fiduciario è nominato dal fiduciario e le prestazioni del fondo fiduciario sono determinate da lui. Nel caso di un fondo fiduciario costituito a scopo privato, il fiduciario può esercitare tale diritto se lo statuto determina la cerchia dei soggetti dai quali il preposto può essere nominato.

(3) Alla persona designata può essere concesso il diritto a frutti o benefici dal fondo fiduciario o il diritto alla proprietà dal fondo fiduciario, o ad azioni in essi.

§ 1458
(1) Chi ha il diritto di nominare la persona designata o di determinare la sua prestazione dal fondo fiduciario, procede secondo lo statuto e a sua discrezione. Può modificare o revocare la sua decisione alle condizioni previste dallo statuto.

(2) Nessuno ha il diritto di nominare una persona fittizia o di determinare le sue prestazioni dal fondo fiduciario per il proprio profitto.

§ 1459
Il diritto della persona designata alla prestazione del fondo fiduciario sorge alle condizioni determinate dalla legge.

§ 1460
(1) Se un fondo fiduciario è stato istituito per uno scopo privato, il diritto alla prestazione della persona designata sorge entro cento anni dalla costituzione del fondo fiduciario, anche se la legge prevedeva un periodo successivo. Tuttavia, anche dopo cento anni, il diritto all’adempimento può sorgere per il destinatario, che per statuto deve ricevere una quota della proprietà al più tardi alla scadenza dell’ultimo diritto a frutti o benefici, nonché per il designato che era il fondatore del fondatore o del figlio o suo contemporaneo, se, secondo lo statuto, deve assumere l’incarico al più tardi alla morte o all’estinzione della persona destinata nell’ordine precedente a ricevere i frutti o benefici successivi in ​​ordine; durante la sua vita, altre persone possono ricevere con lui frutti o benefici.

(2) Se il fondo fiduciario è stato istituito per uno scopo privato, il diritto della persona designata ai frutti o ai benefici scade non oltre cento anni dopo la costituzione del fondo fiduciario; nell’uomo, invece, tale diritto può durare fino alla sua morte.

§ 1461
(1) Per la durata del fondo fiduciario, la parte designata ha il diritto di richiedere la relativa prestazione in conformità con lo statuto.

(2) Un fondo fiduciario previsto istituito per uno scopo privato può rinunciare ai diritti di cui al paragrafo 1 mediante una dichiarazione resa sotto forma di atto pubblico.

§ 1462
Se si trattava di un diritto a frutti o benefici e se non c’è un’altra persona designata a cui tale diritto potrebbe passare, passa alle persone designate a cui appartiene il diritto di proprietà dal fondo fiduciario.

Comma 4 Vigilanza sulla gestione del fondo fiduciario
§ 1463
(1) Dohled nad správou svěřenského fondu vykonává zakladatel a osoba označená za obmyšleného, popřípadě další osoby, určí-li tak statut.

(2) V případech stanovených zákonem dohlíží na správu svěřenského fondu jiná osoba nebo skupina osob, anebo orgán veřejné moci.

§ 1464
Je-li svěřenský fond zřízen ve prospěch obmyšleného, který v den vzniku fondu ještě není, nebo kterého v den vzniku fondu nelze určit, jmenuje zakladatel osobu oprávněnou dohlížet na správu svěřenského fondu v zájmu obmyšleného. Není-li to možné, nebo je-li zakladatel nečinný, jmenuje takovou osobu soud na návrh správce nebo toho, kdo na tom má zájem.

§ 1465
(1) Il fiduciario deve consegnare senza indebito ritardo a una persona che ha il diritto di controllare l’amministrazione del fondo fiduciario per legge, indicando almeno la designazione, lo scopo e la durata del fondo fiduciario e il suo nome e indirizzo. La notifica non è richiesta se questi fatti sono già noti al supervisore.

(2) Su richiesta della persona che ha il diritto di supervisionare la gestione del fondo fiduciario, l’amministratore fiduciario consente il controllo dei documenti sul fondo fiduciario e gli presenta la dichiarazione, la relazione o altre informazioni richieste.

§ 1466
(1) Il fondatore, la persona designata o un’altra persona che ha un interesse legale in essa può proporre al tribunale di imporre o vietare una determinata condotta al fiduciario, o di licenziare o nominare un nuovo fiduciario. Tali soggetti possono altresì invocare l’invalidità dei procedimenti giudiziari con i quali l’amministratore leda il trust o il diritto del destinatario; tuttavia, se il terzo ha acquisito il diritto in buona fede, questo non deve comportare un suo danno.

(2) Il tribunale autorizza la persona di cui al paragrafo 1, su sua richiesta, ad avviare o condurre procedimenti nell’interesse del fondo fiduciario invece del fiduciario e per suo conto, se il fiduciario è inattivo senza motivo sufficiente.

§ 1467
Se il curatore, il fondatore o il partecipante deliberato agiscono in modo da ledere intenzionalmente i diritti del creditore del fondatore o ledere il trust, sono responsabili in solido.

Sottosezione 5 Modifiche al Fondo Fiduciario
§ 1468
Chi aumenta il patrimonio di un fondo fiduciario per contratto o per acquisizione in caso di morte non ne è il fondatore. Il bene così acquisito è soggetto ad amministrazione a norma di statuto e di legge.

§ 1469
(1) Il tribunale può, su istanza di una persona avente un interesse legale, decidere di annullare il trust se il raggiungimento dello scopo del trust è impossibile o difficile da raggiungere, in particolare a causa di circostanze sconosciute al fondatore o imprevedibile per il fondatore. Nel caso di un trust costituito per fini di pubblica utilità, il giudice può decidere di sostituire il suo scopo originario con uno scopo analogo.

(2) Se, in conformità con l’intenzione originale del fondatore, lo scopo del fondo fiduciario può essere raggiunto o meglio beneficiato da lui modificando lo statuto del fondo, il tribunale modifica lo statuto.

§ 1470
Prima della decisione di cui all’articolo 1469, il tribunale richiede il parere del fondatore o del suo successore legale, del curatore, del designato e di chi vigila sull’amministrazione del fondo fiduciario, salvo che non sia l’attore.

Sottosezione 6 Scioglimento del Fondo Fiduciario
§ 1471
Se scade il termine per il quale è stato costituito il trust, se lo scopo per il quale è stato costituito il trust è raggiunto, o se così decide il giudice, cessa l’amministrazione del trust. Se il fondo fiduciario è stato costituito a scopo privato, la sua amministrazione cessa anche se tutte le considerazioni rinunciano al diritto alla prestazione del fondo fiduciario.

§ 1472
Alla cessazione della gestione del fondo fiduciario, l’amministratore fiduciario rilascia i beni all’avente diritto. Si ritiene che abbia diritto alla proprietà il destinatario e, in caso contrario, il fondatore del trust; se nessuno di essi, la proprietà diventa proprietà dello Stato.

§ 1473
(1) Se l’amministrazione di un trust costituito per uno scopo di pubblica utilità cessa di esistere perché tale scopo non può essere raggiunto, il tribunale decide su mozione dell’amministratore del trust che la proprietà sarà trasferita a un altro trust o di proprietà di un legale entità che persegue il raggiungimento dello scopo più vicino allo scopo originario del fondo fiduciario. Prima di pronunciarsi, il giudice chiede il parere del responsabile della gestione del trust.

(2) Una decisione ai sensi del paragrafo 1 non può essere emessa se lo statuto del fondo fiduciario determina come la proprietà deve essere alienata allo scioglimento del fondo fiduciario.

§ 1474
Se il curatore aliena i beni ai sensi dello Statuto al termine dell’amministrazione, o se emette i beni ai sensi dell’articolo 1472 o li trasferisce ai sensi dell’articolo 1473, il fondo fiduciario cessa di esistere.

TITOLO III DIRITTO EREDITARIO
Parte 1 Diritto all’eredità
§ 1475
(1) Il diritto di successione è il diritto all’eredità oa una quota proporzionale di essa.

(2) L’eredità comprende l’intera proprietà del testatore, ad eccezione dei diritti e degli obblighi legati esclusivamente alla sua persona, a meno che non siano stati riconosciuti come debito o fatti valere davanti a un’autorità pubblica.

(3) A chi appartiene il diritto di eredità è l’erede, e la proprietà in relazione all’erede è l’eredità.

§ 1476
Sono ereditati sulla base di un contratto successorio, per testamento o per legge. Questi motivi possono anche funzionare fianco a fianco.

§ 1477
(1) Un riferimento stabilisce un richiedente a un riferimento all’emissione di una certa cosa, o una o più cose di un certo tipo, o all’istituzione di un certo diritto.

(2) Il messaggero non è un erede.

§ 1478
Una persona giuridica che deve ancora essere costituita può anche essere chiamata erede o legatario. Questa persona giuridica è un erede legittimo o un legatario se costituita entro un anno dalla morte del testatore.

Idea del patrimonio
§ 1479
Il diritto successorio nasce dalla morte del testatore. Chi muore prima del testatore, o contemporaneamente con lui, non eredita.

§ 1480
Si può solo rinunciare al diritto di eredità che deve ancora sorgere; non possono essere trasferiti o altrimenti dismessi.

Incapacità ereditaria
§ 1481
È escluso dal diritto successorio chiunque abbia commesso un atto della natura di un reato doloso contro il testatore, il suo antenato, discendente o coniuge o un atto riprovevole contro l’ultima volontà del testatore, in particolare forzando o dichiarando il testatore o nascosto, falsificato, falsificato o deliberatamente distrutto il suo ultimo acquisto, a meno che il testatore non lo abbia espressamente perdonato.

§ 1482
(1) Se, il giorno della morte del testatore, viene avviata una procedura di divorzio su richiesta del testatore presentata a seguito del coniuge che ha commesso un atto di violenza domestica contro il testatore, il coniuge del testatore è escluso dal diritto successorio come legale erede.

(2) Se un genitore è stato privato della responsabilità genitoriale perché ne ha abusato o ha gravemente trascurato l’esercizio della responsabilità genitoriale per sua colpa, è escluso dal diritto di ereditare dal figlio secondo la successione legale.

§ 1483
Il discendente dell’escluso dal diritto successorio subentra nella successione legale, anche se l’escluso sopravvive al testatore. Ciò non si applica nel caso specificato nel § 1482 par. 1.

§ 1484 Rinuncia al diritto successorio
(1) Il diritto di eredità può essere rinunciato in anticipo da un contratto con il testatore; salvo diverso accordo, la rinuncia opera anche nei confronti della prole. Chi rinuncia al diritto di eredità rinuncia così al diritto alla quota obbligatoria; tuttavia, chi rinuncia al solo diritto alla porzione legittima non rinuncia al diritto di successione.

(2) Se una persona rinuncia al diritto di eredità a favore di un’altra persona, la rinuncia si considera applicata solo se quella persona diventa l’erede.

(3) Il contratto richiede la forma di un atto pubblico; tuttavia, i diritti e gli obblighi che ne derivano possono essere oggetto di rinuncia se le parti rispettano la forma scritta.

Rifiuto dell’eredità
§ 1485
(1) L’ erede ha il diritto di rifiutare l’eredità dopo la morte del testatore; tuttavia, l’erede contrattuale solo se questo non è escluso dal contratto successorio. Se l’eredità è rifiutata dall’erede indispensabile, questi può rifiutare l’eredità soggetta al lavoro obbligatorio.

(2) L’ agente può dichiarare l’erede che rifiuta o non rifiuta l’eredità, o che accetta l’eredità solo se è espressamente autorizzato a farlo secondo la procura.

§ 1486
Se l’erede rifiuta l’eredità, è considerato come se non l’avesse mai acquisita.

§ 1487
(1) Il rifiuto dell’eredità richiede una dichiarazione esplicita al tribunale. L’eredità può essere rifiutata entro un mese dalla data in cui il tribunale ha notificato all’erede il suo diritto di rifiutare l’eredità e le conseguenze del rifiuto; se l’erede ha la residenza esclusiva all’estero, il termine per rifiutare l’eredità è di tre mesi. Se vi sono ragioni importanti per questo, il tribunale proroga il termine entro il quale l’erede può rifiutare l’eredità.

(2) Dopo la scadenza del periodo per il rifiuto dell’eredità, il diritto di rifiutare l’eredità scade.

§ 1488
Se l’erede muore prima della scadenza del periodo per il rifiuto dell’eredità, il suo diritto di rifiutare l’eredità passa ai suoi eredi e non scade prima che il periodo per il rifiuto dell’eredità sia scaduto dopo che l’erede precedente.

§ 1489
(1) Se l’erede rifiuta l’eredità a condizione, con riserva o solo in parte, il rifiuto dell’eredità non è valido.

(2) Il rifiuto dell’eredità non sarà preso in considerazione se l’erede ha già indicato con le sue azioni che desidera accettare l’eredità. Né si tiene conto dell’espressione del testamento con cui l’erede ritira la sua dichiarazione di rigetto o non rigetto dell’eredità o di accettazione dell’eredità.

§ 1490 Rinuncia all’eredità
(1) Un erede che non ha rifiutato l’eredità può consegnarla in tribunale nel procedimento successorio a favore dell’altro erede; se lo fa l’erede indispensabile rinuncia anche al diritto alla quota obbligatoria con effetto per i suoi discendenti. Se anche il secondo erede è d’accordo, si applicano mutatis mutandis le disposizioni degli articoli da 1714 a 1720; tuttavia, in caso di disaccordo, la rinuncia all’eredità non sarà presa in considerazione.

(2) Se l’erede che ha rinunciato all’eredità era gravato da un ordine, ordine successorio o altro provvedimento che, secondo la volontà del testatore, può e dovrebbe adempiere solo di persona, ciò non lo esonera dall’obbligo di adempiere a tale una misura.

Parte 2 Acquisizione in caso di morte
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 1491
Le acquisizioni in caso di morte sono un testamento, un contratto successorio o un suffisso.

§ 1492
L’acquisizione in caso di morte non può accorciare la parte obbligatoria dell’erede indispensabile, che non ha rinunciato al diritto alla parte obbligatoria e se l’eredità non ha avuto luogo. Se l’acquisizione in caso di morte contraddice questa, l’erede indispensabile appartiene alla parte obbligatoria.

§ 1493
(1) Se, in caso di morte, il testatore ha acquisito durante il periodo in cui era in cura in una struttura in cui sono forniti servizi medici o sociali, o quando ha ricevuto in altro modo i suoi servizi, e se ha chiamato come erede o legatario impiegato o altrimenti impiegato in essa, la professione di tali persone in qualità di eredi o legatari è nulla, a meno che non si tratti di testamento redatto in forma di atto pubblico.

(2) Se il testatore è stato in grado di ottenere tale documento sotto forma di atto pubblico senza difficoltà dopo la fine della cura di tale struttura o dopo la scadenza del periodo in cui ha altrimenti ricevuto i suoi servizi, il paragrafo 1 non può si applicano per quanto riguarda l’invalidità di un testamento o suffisso.

Sezione 2 Testamento
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 1494
(1) Un testamento è un’espressione di volontà revocabile con la quale il testatore lascia personalmente almeno una quota dell’eredità, o anche un lascito, a una o più persone in caso di morte. Se non è chiaro in quale giorno, mese e anno è stato fatto il testamento e se il testatore ha fatto più di un testamento che si contraddice tra loro o se gli effetti giuridici del testamento dipendono altrimenti dalla determinazione del momento della sua acquisizione, il testamento è invalido.

(2) Un testamento deve essere interpretato in modo tale da soddisfare il più possibile la volontà del testatore. Le parole usate in un testamento devono essere interpretate secondo il loro significato consueto, a meno che non sia accertato che il testatore è abituato ad associare a determinate espressioni un significato proprio speciale.

§ 1495
Se il testatore indica il contenuto di un altro documento nel testamento, quest’altro ha gli stessi effetti giuridici se soddisfa i requisiti del testamento. Se non li soddisfa, il suo contenuto può essere utilizzato solo per spiegare la volontà del testatore.

§ 1496
Il diritto di citare un erede è un diritto personale del testatore. Il testatore non può affidare ad altro la professione di erede né acquisirla insieme ad altra persona.

§ 1497
Il testatore deve dimostrare la sua volontà in modo così sicuro che non basta appoggiare la proposta che gli è stata fatta.

§ Supplemento 1498
Inoltre, il testatore può ordinare un rinvio, imporre una condizione al legatore o all’erede, o provare l’ora, o imporre un ordine al legatore o all’erede. Quanto affermato sul testamento si applica in modo analogo a una sentenza aggiuntiva.

Passare il patrimonio agli eredi
§ 1499
L’erede avrà l’intero patrimonio se chiamato come unico erede. Se all’erede chiamato viene lasciata solo la quota, la restante parte del patrimonio andrà agli eredi legittimi.

§ 1500
(1) Se vengono chiamati più eredi e le quote non sono determinate, hanno diritto all’eredità in parti uguali.

(2) Se più eredi sono chiamati in modo tale che le quote sono determinate per tutti loro, ma l’eredità non è esaurita, gli eredi legali hanno diritto alla parte rimanente dell’eredità. Gli eredi legali non hanno questo diritto se il testatore ha apparentemente lasciato l’intero patrimonio agli eredi chiamati, anche se ha tralasciato qualcosa nella quotazione delle azioni o delle cose.

§ 1501
(1) Se il testatore valuta alcuni degli eredi convocati e altri no, la parte restante dell’eredità appartiene agli eredi convocati senza una quota in parti uguali.

(2) Se non rimane nulla, per l’erede che è stato chiamato senza quota, si deduce una quota di tutte le quote accertate in modo da ottenere una quota pari all’erede al quale è stata attribuita la minore quota. Se le quote degli altri eredi sono le stesse, ne viene detratto tanto che l’erede, che è stato costituito senza quota, ottiene con loro la stessa quota.

§ 1502
In tutti i casi in cui il testatore risulta essere stato ricalcolato, la divisione sarà operata in modo che la sua volontà si adempia nel miglior modo possibile.

§ 1503
(1) Se tra i chiamati eredi vi sono persone considerate nella successione legale rispetto agli altri come una persona, saranno considerate come una persona anche nella divisione secondo il testamento; ciò non si applica se la volontà del testatore è apparentemente contraria.

(2) Se il testatore convoca un gruppo di persone come eredi senza ulteriori specificazioni, si considerano eredi coloro che appartenevano al gruppo designato al momento della morte del testatore.

(3) Se il testatore convoca come eredi un gruppo povero o ugualmente determinato di persone senza ulteriori specificazioni, si considera che il comune nel cui territorio il testatore aveva l’ultima residenza, che l’eredità utilizzerà a beneficio del gruppo designato, fu chiamato come eredi.

Condivisione rilasciata
§ 1504
La quota dell’erede che non eredita e non ha supplente è liberata e aumentata in proporzione alle quote degli altri eredi chiamati solo se tutti gli eredi sono chiamati all’eredità o in egual misura o con un termine generale che significa uguale divisione.

§ 1505
(1) La persona a cui è stata lasciata una certa quota di eredità non ha il diritto di aumentare.

(2) Se alcuni eredi sono chiamati con una quota e altri senza tale determinazione, la quota liberata aumenterà per coloro che sono chiamati senza quota.

§ 1506
Con la quota ereditaria liberata, i vincoli ad essa connessi passano a colui al quale essa cresce, a meno che il testatore non abbia espresso la volontà che tali vincoli si applichino solo alla persona dell’erede chiamato, o se derivi dalla natura del questione.

Sostituzione
§ 1507
Nel caso in cui l’eredità non sia acquisita da una persona che ha chiamato come erede, il testatore può chiamare un supplente per quella persona; può anche convocare supplenti. Se il testatore chiama in questo modo più supplenti, quello nell’elenco viene ereditato dalla persona più vicina che non ha acquisito l’eredità.

§ 1508
Se il testatore nomina un sostituto nel caso in cui il chiamato non voglia ereditare, o nel caso in cui non possa ereditare, il sostituto si considera costituito in entrambi i casi.

§ 1509
Le restrizioni imposte all’erede colpiscono anche il supplente, a meno che il testatore non abbia indicato che tali restrizioni si applicano solo alla persona dell’erede o se derivano dalla natura della cosa.

§ 1510
Se gli stessi coeredi sono chiamati come supplenti, si ritiene che il testatore abbia voluto dividere i supplenti nella proporzione in cui ha diviso gli eredi. Tuttavia, se in sostituzione del coerede viene chiamato qualcuno diverso dal coerede, se il testatore non esibisce nessun altro testamento, la quota liberata spetta a tutti in egual misura.

§ 1511
(1) Se l’erede chiamato eredita, il sostituto cessa.

(2) Se il testatore non mostra un altro testamento, il sostituto che il testatore ha stabilito per suo figlio nel momento in cui non aveva figli cessa di esistere, se questo figlio lascia i figli aventi diritto all’eredità. Ciò vale anche se il testatore stabilisce un sostituto per un altro dei suoi discendenti in un momento in cui non ha discendenti.

Successione fiduciaria
§ 1512
(1) Il testatore può ordinare che l’eredità sia trasferita dopo la morte dell’erede o in alcuni altri casi al successore del fiduciario come erede successore. Anche la professione di successore fiduciario è considerata una professione sostitutiva.

(2) Se l’ordine del testatore è così vago da non poter essere accertato se ha chiamato un supplente o un successore di un fiduciario, il suo ordine è considerato la professione di supplente.

§ 1513
Se il testatore convoca un erede al suo erede, se vieta all’erede di acquistare il bene abbandonato, se convoca come erede qualcuno che non lo è ancora al momento della morte del testatore, o se convoca l’erede con una condizione o per un certo periodo, si considera costituzione di successione fiduciaria.

§ 1514
Se tutti i successori fiduciari sono contemporanei del testatore, non c’è limite al numero in cui devono seguire i successori fiduciari.

§ 1515
(1) Se sono chiamati più successori fiduciari, alcuni dei quali non esistono ancora come persone al momento della morte del testatore, la successione fiduciaria cesserà non appena la proprietà è acquisita dal primo successore fiduciario di coloro che non erano i contemporanei del testatore.

(2) La successione fiduciaria scade al più tardi cento anni dopo la morte del testatore, anche se ha ordinato un periodo più lungo. Tuttavia, se il successore del curatore deve acquisire l’eredità al più tardi alla morte dell’erede vivente al momento della morte del testatore, la successione del curatore cessa solo quando il primo dei successori dei fiduciari acquisisce l’eredità dopo quell’erede.

§ 1516
La successione fiduciaria si estingue anche se non esiste nessuno dei successori fiduciari o se non ricorre il caso per il quale era stata costituita.

§ 1517
Se il testatore ha chiamato il successore del curatore del figlio minore non idoneo all’acquisto, e se il figlio acquisisce successivamente la capacità di acquisto, la successione fiduciaria si estingue nella misura della parte obbligatoria.

§ 1518
A meno che non sia evidente l’altra volontà del testatore, la successione fiduciaria stabilita dal testatore al figlio in un momento in cui non aveva discendenti cessa se il figlio lascia un discendente avente diritto all’eredità. Ciò vale anche se il testatore stabilisce una successione fiduciaria con un altro dei suoi discendenti in un momento in cui non ha discendenti.

§ 1519
Se il testatore ha convocato il successore del curatore di una persona non qualificata ad acquisire per limitare la propria autodeterminazione, la successione del curatore cessa per sempre se questa persona acquisisce la capacità di acquisire, a meno che il testatore non abbia espresso altra volontà.

§ 1520
(1) Se il successore del fiduciario lo richiede, l’erede compila senza indebito ritardo e in sua presenza per iscritto un inventario di tutto ciò che ha acquisito dall’eredità, indica la data di compilazione e lo rilascia al successore del fiduciario. Su richiesta del successore fiduciario, la firma dell’erede sull’inventario deve essere ufficialmente verificata.

(2) Il successore del fiduciario ha il diritto di richiedere la compilazione dell’inventario sotto forma di atto pubblico.

(3) I costi di compilazione dell’inventario sono a carico dell’eredità.

§ 1521
Se il defunto non ha affidato all’erede il diritto di disporre dell’eredità nell’ordinare il trust, il diritto patrimoniale dell’erede su ciò che ha acquisito per eredità, nonché su ciò che ha acquisito a titolo di risarcimento per distruzione, danneggiamento o privazione della proprietà, è limitato ai diritti e agli obblighi del beneficiario. Ciò non si applica se il bene ereditario viene rubato o gravato per pagare i debiti del testatore.

§ 1522
(1) Se il defunto non ha affidato all’erede il diritto di disporre liberamente dell’eredità al momento dell’ordine del trust, l’erede può alienare o gravare la cosa da ciò che ha acquisito per eredità solo con il consenso del successore del trust; il consenso richiede la forma di un atto pubblico.

(2) Se, in vista della cura di un buon amministratore, è necessario gravare o disporre della cosa, il tribunale può, su richiesta dell’erede, sostituire il consenso del successore del fiduciario. Se il tribunale decide che il caso sarà gravato o rubato a pagamento, determinerà come saranno smaltiti i proventi; nel fare ciò, tiene conto degli interessi legittimi dell’avente causa.

§ 1523
Se l’eredità include una cosa che porta frutto o benefici, il successore del trustee può chiedere al giudice di determinare all’erede le modalità e l’entità della gestione o del godimento della cosa.

§ 1524
(1) Se una cosa e il suo proprietario sono iscritti nell’elenco pubblico, anche la successione fiduciaria è iscritta nell’elenco pubblico. Se la cosa e la successione fiduciaria sono iscritte nell’elenco pubblico e se l’erede dispone della cosa acquisita dall’eredità in modo da ostacolare o restringere i diritti del successore fiduciario senza il consenso del successore fiduciario, ciò non ha effetto giuridico su il successore fiduciario.

(2) Se la cosa o la successione fiduciaria non è iscritta nell’elenco pubblico e se l’erede dispone della cosa acquisita dall’eredità in modo da ostacolare o limitare i diritti del successore fiduciario senza il consenso del successore fiduciario, il successore fiduciario deve hanno il diritto di pretendere in virtù delle disposizioni sulla relativa inefficacia del giudice che decide che l’azione legale dell’erede non è giuridicamente effettiva nei suoi confronti.

Incapacità di acquisizione
§ 1525
Scomodo non è idoneo all’acquisto, a meno che non si tratti di un caso elencato nei § 1526-1528.

§ 1526
Chiunque abbia compiuto i quindici anni e non abbia ancora acquisito la piena autonomia può acquisirlo senza il consenso del legale rappresentante sotto forma di atto pubblico.

§ 1527
Chi è stato limitato nella sua autonomia in quanto non è abilitato ad acquistare, può tuttavia validamente acquisire in qualsiasi forma, purché abbia recuperato nella misura in cui è in grado di esprimere la propria volontà.

§ 1528
(1) Chi è stato limitato in proprio può, entro la restrizione, acquisire solo sotto forma di atto pubblico.

(2) Chiunque sia stato limitato di diritto a causa di morbilità da consumo di alcol, uso di sostanze psicotrope o preparati simili o veleni o morbilità da passione per il gioco che costituiscono un disturbo mentale grave può acquisire in qualsiasi forma prescritta nell’ambito della restrizione, ma non più della metà del patrimonio. La restante parte del patrimonio andrà agli eredi legali; tuttavia, se, in qualità di erede legale, solo lo Stato dovesse ereditare, il testatore può acquisire l’intero patrimonio.

Gli effetti dell’errore
§ 1529
Un errore materiale del testatore rende invalida la disposizione del testamento cui si riferisce.

§ 1530
(1) Un errore è sostanziale se riguarda la persona che lascia qualcosa, o la parte o cosa che rimane, o le proprietà essenziali della cosa. Le qualità sono essenziali se è chiaro che il testatore non avrebbe determinato un tale testamento se non avesse sbagliato in esse.

(2) La disposizione di un testamento è valida se risulta che la persona o la cosa è stata solo descritta in modo errato.

§ 1531
Se il testamento del testatore si basa solo su un motivo falso, la disposizione del testamento cui si riferisce è invalida.

Sottosezione 2 Forma del testamento
§ 1532 Forma scritta di testamento
Un testamento richiede una forma scritta, a meno che non sia stato redatto con sollievo.

Testamento con atto privato
§ 1533
Se vuoi fare una forma scritta senza testimoni, scriverai l’intero testamento di tua mano e lo firmerai di tua mano.

§ 1534
Il testamento non redatto dal testatore deve essere firmato di suo pugno e deve dichiarare espressamente davanti a due testimoni presenti contemporaneamente che l’atto contiene il suo testamento.

§ 1535
(1) Se il testatore è cieco, deve esprimere la sua ultima volontà davanti ai tre testimoni presenti contemporaneamente in un documento che deve essere letto ad alta voce da un testimone che non ha scritto il testamento. Il testatore conferma davanti ai testimoni che l’atto contiene la sua ultima volontà e testamento.

(2) Se il testatore è una persona con una disabilità sensoriale e non può leggere o scrivere, deve esprimere la sua ultima volontà davanti ai tre testimoni presenti contemporaneamente nel documento, il cui contenuto deve essere interpretato con un mezzo speciale di comunicazione scelta dal testatore. tutti i testimoni devono avere padronanza del modo in cui vengono interpretati i contenuti del documento. Il testatore conferma con il mezzo di comunicazione prescelto davanti ai testimoni che l’atto contiene la sua ultima volontà.

§ 1536
(1) In un testamento redatto da una persona con disabilità sensoriale che non sa leggere o scrivere, dovrebbe essere affermato che il testatore non può leggere o scrivere, chi ha scritto il testamento, chi lo ha letto o interpretato e come il testatore ha confermato che il documento conteneva la sua ultima volontà. Se il contenuto è stato interpretato in un modo speciale di comunicazione, ciò deve essere indicato nel documento, compreso il metodo di comunicazione scelto dal testatore.

(2) L’ atto deve essere firmato anche dal testatore; se non può scrivere, il § 563 si applica mutatis mutandis.

Volontà fatta da uno strumento autentico
§ 1537
Il testatore può esibire le ultime volontà nell’atto pubblico. Se un testamento in questa forma è redatto da una persona cieca o da una persona con disabilità sensoriale che non sa leggere o scrivere, si applica mutatis mutandis il § 1535.

§ 1538
Chi redige un atto pubblico di volontà farà in modo che l’espressione dell’ultima volontà sia fatta con prudenza, con serietà e senza coercizione.

Il testimone vuole
§ 1539
(1) I testimoni partecipano alla redazione di un testamento in modo tale da poter confermare che il testatore e l’acquirente sono la stessa persona. Il testimone deve sottoscrivere l’atto contenente il testamento; egli deve, di regola, allegare alla firma una clausola che indichi la sua qualità di testimone e le informazioni attraverso le quali può essere accertato.

(2) Un testimone non può essere una persona che non è ipocrita o una persona che non ha familiarità con la lingua o il metodo di comunicazione in cui viene espressa la volontà.

§ 1540
(1) L’ erede o legatario non è qualificato per testimoniare su ciò che gli rimane. Allo stesso modo, una persona vicina all’erede o al legatario, o un dipendente dell’erede o del legatario, non può testimoniare.

(2) La validità di una disposizione di un testamento fatta a favore di una delle persone di cui al paragrafo 1 richiede che il testatore lo scriva di suo pugno o che sia confermato da tre testimoni.

§ 1541
Le disposizioni del § 1540 si applicano allo stesso modo a coloro che il testatore ha chiamato per l’esecutore testamentario o che agisce come scrittore, lettore, interprete o persona ufficiale quando fa testamento.

Sollievo nel fare testamento
§ 1542
(1) Chiunque si trovi in ​​evidente e imminente pericolo di vita a causa di un evento imprevisto, ha il diritto di fare testamento oralmente davanti a tre testimoni presenti contemporaneamente. Lo stesso diritto spetta a chi si trova in un luogo in cui l’ordinario contatto sociale è paralizzato in conseguenza di un evento straordinario e se non può ragionevolmente essere richiesto di acquisirlo in altra forma.

(2) Se il testimone non ottiene un verbale dell’ultima volontà del testatore, il motivo della successione sarà il protocollo del tribunale sull’esame dei testimoni.

§ 1543
Se sussiste il fondato timore che il testatore muoia prima di poter fare testamento in forma di atto pubblico, la sua ultima volontà può essere trascritta dal sindaco del comune nel cui territorio si trova il testatore, in presenza di due testimoni. Alle stesse condizioni, l’ultima volontà del testatore può essere trascritta anche da chi è legittimato ad esercitare i poteri del sindaco in forza di altra norma giuridica.

§ 1544
(1) Se il testatore ha una ragione seria per questo, il comandante della nave marittima o dell’aeromobile, o il suo sostituto, può registrare le ultime volontà del testatore in presenza di due testimoni a bordo di una nave marittima battente bandiera nazionale della Repubblica ceca Repubblica Ceca o un aeromobile immatricolato nella Repubblica ceca, a meno che non gli sia impedito da cure per la sicurezza della navigazione o del volo. La validità di un testamento non può essere negata perché il testatore non aveva seri motivi per ottenere un testamento.

(2) Se a bordo è stato redatto un testamento ai sensi del paragrafo 1
a) nave marittima, il comandante deve registrarlo nel giornale di bordo e consegnare senza indebito ritardo il testamento all’ambasciata della Repubblica ceca più vicina al porto di arrivo della nave marittima o all’autorità pubblica presso la quale è registrata la nave marittima , o

b) aeromobile, il comandante deve registrarlo nel giornale di bordo e consegnare senza indebito ritardo il testamento all’ambasciata della Repubblica ceca, che è la più vicina al luogo in cui l’aeromobile è atterrato all’estero, o all’autorità pubblica presso la quale l’aeromobile è registrato.

§ 1545
(1) Quando partecipa a un conflitto armato e a operazioni militari, il comandante di un’unità militare della Repubblica Ceca, o un altro soldato con grado di ufficiale o superiore, in presenza di due testimoni, può registrare l’ultima volontà di un soldato o altra persona appartenente alle forze armate. Se un testamento è stato fatto in questo modo, la sua validità non può essere negata.

(2) Un testamento redatto ai sensi del paragrafo 1 deve essere consegnato dal comandante senza indebito ritardo al comandante della sede superiore, da dove deve essere consegnato senza indebito ritardo al Ministero della Difesa della Repubblica ceca.

§ 1546
Se il testamento è stato redatto ai sensi del § 1543, il comune ne dispone il deposito presso un notaio senza indebito ritardo. Se il testamento è stato redatto a norma del § 1544 o 1545, deve disporre lo stesso ufficio al quale è stato consegnato il testamento.

§ 1547
(1) Se il testatore lo ha fatto ai sensi del § 1543, 1544 o 1545, la persona che ha redatto il verbale è tenuto a firmarlo con entrambi i testimoni e leggerlo al testatore in presenza di entrambi i testimoni e affinché il testatore confermi che è una manifestazione della sua ultima volontà. Un testamento così redatto è considerato un atto autentico.

(2) Se le formalità prescritte sono state violate durante la formazione di un testamento ai sensi del § 1543, 1544 o 1545, specialmente se le firme dei testimoni presenti mancano dal documento, sebbene siano richieste, ma se è tuttavia certo che il documento registra in modo affidabile l’ultima volontà del testatore, non invalida il testamento; tuttavia, tale documento non è considerato un atto pubblico.

§ 1548
(1) Nel redigere un testamento con sollievo possono essere testimoni anche le persone che hanno compiuto i quindici anni e le persone che sono state limitate nella propria qualità, a condizione che siano in grado di descrivere in modo credibile i fatti rilevanti per la validità del testamento.

(2) Se un testamento è fatto con sollievo, la sua validità non va a scapito del fatto che il testatore o il testimone non l’abbia firmato perché non poteva scrivere, o per altro grave ostacolo, se è esplicitamente dichiarato nell’atto.

§ 1549
Se il testatore è in vita, un testamento redatto ai sensi del § 1542 scade dopo due settimane e ai sensi dei § 1543, 1544 o 1545 dopo tre mesi dalla data di acquisizione. Tuttavia, questi periodi non inizieranno o decorreranno fino a quando il testatore non potrà ottenere un testamento sotto forma di atto pubblico.

§ Riservatezza 1550
Chi ha agito nella formazione di un testamento o di un’altra azione legale per la quale la presente legge richiede i requisiti per il testamento, quale scrittore, testimone, lettore, interprete, custode o funzionario, resta riservato sul contenuto del testamento del testatore, a meno che l’altra volontà del testatore è evidente; se viola tale obbligo, risarcirà il testatore per il danno che gli ha causato.

Comma 3 Clausole accessorie in un testamento
§ 1551
(1) Il testatore può indicare nel testamento una condizione, una prova del tempo o un ordine.

(2) Se la clausola accessoria è diretta solo all’evidente molestia dell’erede o del legatario per l’evidente arbitrarietà del testore, non deve essere presa in considerazione. Né si tiene conto della clausola secondaria, manifestamente contraria all’ordine pubblico o incomprensibile.

§ 1552
Non tiene conto della clausola secondaria che il testatore impone all’erede o al legatario per contrarre o non contrarre matrimonio, o per rimanere nel matrimonio, o per annullare il matrimonio. Tuttavia, il testatore può stabilire un diritto per qualcuno fino al momento del matrimonio.

Esecutore testamentario
§ 1553
(1) Il testatore può convocare l’esecutore testamentario e, se necessario, determinare quali sono i suoi obblighi e se e come sarà remunerato.

(2) Se il tribunale constata durante l’udienza dell’eredità che l’esecutore testamentario è stato chiamato, glielo notifica. L’esecutore può dimettersi in qualsiasi momento; il recesso è effettivo se si verifica un tribunale.

§ 1554
(1) L’esecutore testamentario si occupa del corretto adempimento dell’ultima volontà del testatore con la cura di un dirigente adeguato. Egli gode di tutti i diritti necessari all’esercizio delle sue funzioni, compreso il diritto di difendere la validità di un testamento dinanzi a un tribunale, di opporsi all’incompetenza dell’erede o del legatario e di assicurare che le istruzioni del testatore siano in generale osservate.

(2) Se il testatore non ha chiamato l’amministratore dell’eredità, anche l’esecutore testamentario appartiene all’amministrazione dell’eredità fino a quando il tribunale non decide su un’altra misura. Le disposizioni sull’amministratore dell’eredità si applicano mutatis mutandis all’esecutore testamentario se questi è stato convocato con atto pubblico; in caso contrario devono essere utilizzati mutatis mutandis.

§ 1555
In caso di opposizione all’invalidità della professione, l’esecutore testamentario può esercitare i suoi diritti e adempiere ai suoi obblighi fino a quando non sia valida la decisione di invalidità della volontà del testatore, a meno che il giudice non prenda altri provvedimenti.

Sopravvissuto alla tenuta
§ 1556
(1) Il testatore può convocare l’amministratore dell’eredità o di alcune sue parti (di seguito “amministratore dell’eredità”) e, se necessario, determinare quali sono le sue funzioni e se e come sarà remunerato. La professione di fiduciario richiede la forma di atto pubblico.

(2) L’espressione di volontà con cui è stato chiamato l’amministratore dell’eredità può essere revocata allo stesso modo della revoca del testamento.

§ 1557
L’amministratore del patrimonio subentrerà nell’amministrazione se saprà di essere stato chiamato non appena apprende della morte del testatore. Se il giudice accerta che è stato chiamato l’amministratore dell’eredità, gliene dà comunicazione.

§ 1558
Se è stato chiamato l’esecutore testamentario, l’amministratore dell’eredità seguirà le sue istruzioni; i loro diritti e doveri reciproci saranno valutati secondo le disposizioni dell’ordinanza.

§ 1559
L’amministratore del patrimonio può dimettersi in qualsiasi momento; il recesso è effettivo se si verifica un tribunale.

§ 1560
Se l’esecutore testamentario o l’amministratore del patrimonio violano gravemente i propri obblighi, se non è in grado di svolgere adeguatamente i propri doveri o se sussiste altro grave motivo, il tribunale lo revoca anche senza una mozione.

Condizioni
§ 1561
Se la condizione determina l’atto dell’erede o del legatario, che può essere da lui ripetuto, esso deve essere compiuto nuovamente dopo la morte del testatore, anche se ciò è già avvenuto durante la vita del testatore, salvo diversa volontà del testatore. chiaro.

§ 1562
Per acquisire ciò che è stato lasciato con una condizione sospensiva, è necessario che la persona a cui è stato lasciato qualcosa in questo modo sopravviva al defunto e possa ereditare.

§ 1563
(1) Se un diritto è concesso a qualcuno con una condizione di scioglimento impossibile, non deve essere preso in considerazione.

(2) Una disposizione di un testamento che concede a qualcuno un diritto con una condizione sospensiva impossibile non è valida.

Prova del tempo
§ 1564
Se il testatore limita il diritto a qualcuno documentando il tempo e se è incerto se il tempo verrà, il diritto sinistro sarà soggetto a condizionale.

§ 1565
Se il tempo è determinato in modo tale che debba verificarsi il momento decisivo, il diritto residuo, come altri diritti incondizionati, passa anche agli eredi della persona a cui è stato così lasciato.

§ 1566
Se è certo che il tempo imposto nel testamento non potrà mai verificarsi, questa prova del tempo sarà considerata una condizione impossibile. Tuttavia, se non vi è dubbio che il testatore abbia solo sbagliato nel determinare il tempo, il momento decisivo sarà determinato secondo la sua probabile volontà.

Disposizioni speciali
§ 1567
(1) Fintanto che il diritto dell’erede successivo rimane differito fino a quando non è soddisfatta la condizione o è trascorso il tempo documentato, il diritto dell’erede principale a cui è spettata l’eredità è limitato come diritto del beneficiario; le disposizioni degli articoli da 1520 a 1524 si applicano mutatis mutandis.

(2) L’ erede, il cui diritto è stato prorogato ordinando una condizione o provando il tempo, acquisisce ciò che gli è rimasto, con l’obbligo di contribuire all’erede relativamente principale per quanto ha pagato ai debiti del testatore o per l’erede indispensabile della quota obbligatoria.

§ 1568
Se sono stati chiamati i direttori anteriori e successivi, si applica mutatis mutandis il § 1567.

Comando
§ 1569
(1) Se il testatore lascia qualcosa a qualcuno con il pignoramento dell’ordine, l’ordine è considerato come condizione svincolante, in modo che il trasferimento di legge sia ostacolato se l’ordine non viene eseguito, a meno che il testatore non mostri una volontà diversa.

(2) Il divieto di alienazione o gravame vincola la persona lesa solo se è disposto per un certo periodo di tempo ragionevole e giustificato da un serio interesse degno di tutela legale, altrimenti il ​​giudice può decidere su istanza di non accoglimento del divieto in considerazione. Se un divieto è stato inserito in un elenco pubblico, può essere difficile per un tribunale richiedere la revoca del divieto; il giudice non accoglie l’istanza se non è accertato che l’interesse alla revoca del divieto sembra prevalere sull’interesse al suo mantenimento.

§ 1570
Se l’ordine non può essere eseguito esattamente, almeno dovrebbe essere eseguito in modo tale da essere approssimativamente rispettato il più possibile. Se anche questo non è possibile, appartiene alla persona gravato dall’ordine che gli è stato lasciato, a meno che il testatore non abbia mostrato una volontà diversa. Ma chi non è in grado di eseguire l’ordine, sapendo che lo ostacolerà, perderà ciò che gli resta.

§ 1571
Oltre alla persona alla quale l’ordine è favorevole, ha diritto di eseguire l’ordine anche l’esecutore testamentario o altra persona chiamata a farlo nel testamento.

§ 1572
(1) Se un ordine è diretto a beneficio di più di una persona senza ulteriori specificazioni, la persona lesa deve eseguire l’ordine nei confronti di una persona giuridica autorizzata a proteggere gli interessi di queste persone. Se esistono più di tali entità giuridiche e se la volontà dell’altro testatore non è chiara, la persona gravato dall’ordine ha una scelta; se non lo fa senza indebito ritardo, l’avente diritto è nominato dal tribunale su proposta della persona che vi ha un interesse legale.

(2) Se l’ordine è di pubblica utilità, l’esecuzione dell’ordine può essere eseguita anche dall’autorità pubblica competente.

§ 1573
Se il testatore parla dello scopo per il quale lascia qualcosa a qualcuno, ma se non impone l’obbligo di utilizzare le cose abbandonate a tale scopo, la sua espressione di volontà è vista come un desiderio senza obbligo legale.

§ 1574
Una disposizione con la quale il testatore ordina all’erede o al legatario con minaccia di perdita di non opporsi al testamento non ha effetto giuridico se è solo una difesa contro l’autenticità del testamento o contro l’interpretazione del suo significato.

Sottosezione 4 Revoca di un testamento
§ 1575
(1) Il testatore ha il diritto di annullare il testamento o le sue singole disposizioni in qualsiasi momento.

(2) Un testamento è revocato mediante revoca o acquisizione di un testamento successivo.

§ 1576 Acquisizione di un nuovo testamento
Facendo un testamento successivo, il testamento precedente viene annullato nella misura in cui non può avere successo accanto al testamento successivo.

Revoca di un testamento
§ 1577
La revoca espressa di un testamento richiede una dichiarazione di volontà resa nella forma prescritta per la formazione del testamento.

§ 1578
(1) Per revocare un testamento è necessaria la distruzione del documento su cui è stato scritto il testamento. Se il testatore distrugge solo una delle più copie del testamento, non si può ancora dedurre che sarà revocato.

(2) Se il testatore ha violato l’atto in altro modo, o se non ha rinnovato il testamento, anche se sa che l’atto è stato distrutto o perso, il testamento è revocato se le circostanze comportano senza dubbio l’annullamento del testatore Intenzione.

§ 1579
(1) Se un testamento è stato redatto sotto forma di atto pubblico, il testatore ha il diritto di richiedere in qualsiasi momento che gli sia rilasciato il testamento; il testamento può essere rilasciato solo al testatore di persona. Se al testatore viene rilasciato un testamento, questo si considera revocato; il testatore è istruito dalla persona che ha emesso il testamento e annota la revoca del testamento e le istruzioni sull’atto emesso e nel suo fascicolo.

(2) Se un testamento è stato depositato in custodia ufficiale, il testatore ha il diritto di richiederne l’emissione; l’emissione di un testamento non ha conseguenze giuridiche ai sensi del secondo periodo del comma 1.

§ 1580
Se il testatore annulla un testamento nuovo ma conserva il precedente, il testamento anteriore si considera non decaduto e va trattato come se non fosse stato annullato.

§ 1581 Clausola di recesso inefficace
Qualora il testatore dichiari che tutti i suoi acquisti successivi saranno nulli in caso di sua morte, o che tali acquisizioni non accertate in una certa forma saranno nulle, di ciò non si terrà conto.

Sezione 3 Contratto successorio
§ 1582
(1) Con un contratto successorio, il testatore convoca l’altra parte contraente o un terzo come erede o legatario e l’altra parte lo accetta.

(2) Il contratto di eredità richiede la forma di un atto pubblico.

§ 1583
Quanto affermato in questa sezione sull’erede contrattuale si applica allo stesso modo al legatario contrattuale.

§ 1584
(1) Un contratto successorio può essere concluso da un testatore adulto che è completamente indipendente; se il testatore è limitato nella sua autonomia, può concludere un contratto successorio e modificarne l’obbligazione con il consenso del tutore.

(2) Le parti possono concludere un contratto di eredità e modificare l’obbligo da esso solo mediante trattative personali.

§ 1585
(1) Non è possibile acquistare l’intero patrimonio per contratto successorio. Un quarto dell’eredità deve rimanere libero affinché il testatore possa ottenerlo secondo la sua volontà espressamente espressa. Se il testatore desidera lasciare questo trimestre all’erede contrattuale, può farlo.

(2) Chiunque sia stato ristretto di diritto a causa di morbilità da consumo di alcol, uso di sostanze psicotrope o preparati simili o veleni, o morbilità da passione per il gioco che costituiscano un grave disturbo mentale, può acquisire per contratto successorio solo su beni per i quali egli ha diritto a fare testamento. Di questa proprietà, un quarto degli acquisti acquisiti è calcolato secondo la sua volontà appositamente espressa.

§ 1586
Se il contratto successorio è stato concluso con gli altri eredi che rinunciano al diritto successorio, la rinuncia all’eredità cessa di avere effetto se l’erede citato nel contratto successorio non eredita.

§ 1587
Le sezioni 548 e 549 si applicano alle condizioni del contratto successorio.

§ 1588
(1) Il contratto di eredità non impedisce al testatore di disporre dei suoi beni a suo piacimento durante la sua vita a suo piacimento. Salvo patto contrario, la parte chiamata erede non può trasferire il suo diritto ad un’altra persona.

(2) Tuttavia, se il testatore procura in caso di morte o conclude un contratto di donazione in modo tale da renderlo incompatibile con il contratto successorio, l’erede contrattuale può invocare l’inefficacia di questi atti legali.

§ 1589
(1) Se le parti concordano che il testatore trasferirà la proprietà all’erede contrattuale durante la sua vita, questa proprietà può essere scritta sotto forma di un documento pubblico. In tal caso, se il testatore non trasferisce tutti i suoi beni, o se acquista altri beni dopo il trasferimento, il contratto successorio si applica solo al bene così scritto, salvo diverso accordo.

(2) Se la consegna è avvenuta durante la vita, i diritti e gli obblighi derivanti dal contratto di eredità passano agli eredi dell’erede contrattuale, salvo diverso accordo.

§ 1590
Il testatore può anche annullare i suoi obblighi derivanti dal contratto successorio facendo testamento. Affinché la cancellazione abbia effetto è necessario il consenso dell’erede contrattuale sotto forma di atto pubblico.

§ 1591
Un contratto successorio invalido per mancanza di forma o nullo per mancato rispetto delle condizioni di cui agli articoli 1584 e 1585 o perché non conforme alle disposizioni sui contratti di cui alla parte quarta della presente legge può nondimeno essere valido, se per il resto ha tutti i requisiti di un testamento.

Disposizioni particolari sul contratto successorio concluso tra coniugi
§ 1592
(1) I coniugi possono stipulare un contratto successorio, in base al quale una parte chiama l’altra come erede o legatario e l’altra parte accetta questa professione, oppure si chiamano eredi o legatari.

(2) Tale contratto può essere concluso anche dai coniugi in caso di matrimonio, ma il contratto non entrerà in vigore fino a quando il matrimonio non avrà avuto luogo.

§ 1593
(1) Il divorzio non invalida i diritti e gli obblighi derivanti dal contratto di eredità, a meno che il contratto di eredità non specifichi qualcos’altro. A seguito di un divorzio, ciascuna parte può chiedere l’annullamento del contratto successorio da parte del tribunale. Il tribunale non accoglie l’istanza se è diretta contro la persona che non ha causato il divorzio e non ha acconsentito al divorzio.

(2) L’annullamento di un matrimonio annulla i diritti e gli obblighi derivanti dal contratto di eredità, a meno che tale matrimonio non sia precedentemente terminato con la morte di uno dei coniugi.

Parte 3 Riferimento
Sezione 1 Disposizioni generali
Stabilire un collegamento
§ 1594
(1) Il legato stabilisce il legato ordinando a una determinata persona nell’acquisto in caso di morte di consegnare l’oggetto del legato al legatario. Solo una persona qualificata per ereditare può essere un ospite. Se il testatore chiama l’erede affermando che non dovrebbe ereditare una determinata cosa, si considera costituzione di un lascito agli eredi legali.

(2) Una donazione che dipende dalla condizione che il donatore sopravviva al donatore è considerata un riferimento, a meno che il donatore non abbia rinunciato al diritto di ritirare il dono.

§ 1595
Il riferimento può essere stabilito da una persona abilitata a fare testamento. Il defunto non idoneo all’acquisto può deferire solo oggetti di modico valore da un altro alla sua proprietà.

§ 1596
Il testatore può anche lasciare un riferimento preferenziale all’erede o ai coeredi; a causa di questo riferimento saranno considerati come referenti.

Difficoltà di collegamento
§ 1597
Le referenze sono a carico di tutti gli eredi secondo la proporzione delle loro quote, anche se è stata deferita la cosa appartenente ad uno dei coeredi. Ciò non si applica se il testatore ordina separatamente l’adempimento del collegamento con un singolo coerede o legatario.

§ 1598
Ciascuno degli eredi deve rimanere libero almeno un quarto del valore dell’eredità. Se il testatore grava maggiormente sull’erede, l’erede ha diritto a una riduzione proporzionale del lascito.

§ 1599 Sottoriferimento
(1) Se il testatore ordina l’adempimento di un altro collegamento, il legatore non è esonerato dall’obbligo di adempiere un altro collegamento o dal fatto che il valore del collegamento successivo superi il valore del collegamento.

(2) Se il referente non acquisisce un collegamento, il collegamento successivo sarà compilato dalla persona che ha ricevuto il collegamento. Egli è esonerato da tale obbligo se lascia il messaggio che gli è pervenuto alla persona alla quale è stato lasciato il successivo legame.

§ 1600
Un testatore che fa riferimento a un determinato gruppo di persone, come i parenti o i poveri in particolare, o a un beneficio pubblico, carità o scopo simile, può lasciare all’erede o a qualcun altro il compito di determinare come e quali di tali persone o finalità sono da condividere. Se il testatore non parla, l’erede ha la scelta. Se l’erede non è in grado di operare la scelta, il giudice designa i legatari.

§ Sostituzione 1601 per i riferimenti
Il testatore può ordinare la sostituzione o la successione fiduciaria su rinvio. In tali casi, si applicano mutatis mutandis le disposizioni degli articoli da 1507 a 1524.

Revocare un collegamento
§ 1602
Il rinvio si considera ritirato se il testatore
a) distrugge la cosa lasciata in eredità o la aliena e non la riacquista,

(b) altera la questione in modo tale che sia già un’altra questione; o

c) recupera e riscuote il credito costituito.

§ 1603
Il rinvio si considera non revocato se il legato è stato acquistato da un’altra persona o se il legato è stato alterato o distrutto al di fuori della volontà del testatore. Ciò vale anche se il debitore ha saldato di propria iniziativa il legato al testatore.

Sezione 2 Norme specifiche su ciascun tipo di riferimento
Sottosezione 1 Riferimento a cose di un genere
§ 1604
(1) Quando si fa riferimento a una cosa di un certo tipo, se nell’eredità ci sono più cose di questo tipo, la persona gravato dal riferimento decide quale cosa sarà rilasciata al messaggero. Tuttavia, deve scegliere qualcosa che il messaggero sarà in grado di usare.

(2) Se lascia che il proprietario scelga da solo tra più cose, può anche scegliere la cosa migliore.

§ 1605
(1) Nel caso di un riferimento a una cosa di un certo tipo, che tuttavia non è nell’eredità, il riferimento non è valido. Se il testatore lascia più cose di un certo tipo e non c’è una quantità specificata nell’eredità, il messaggero deve accontentarsi di quelle nell’eredità.

(2) Tuttavia, se il testatore non deferisce espressamente una cosa di un certo tipo dalla sua proprietà e se tale cosa non è nell’eredità, la persona gravato del riferimento del legato deve fornirle una qualità adeguata alle circostanze personali e bisogni del legatario.

§ 1606
(1) Il testatore può anche autorizzare un’altra persona a scegliere quale delle diverse cose dovrebbe ricevere il messaggero. Se questa persona non effettua una scelta, il rinvio sarà determinato dal giudice, tenendo conto delle circostanze personali e della necessità del proponente.

(2) Il giudice determina anche il rinvio se la persona di riferimento non esercita la scelta lasciatagli, entro il termine fissato su richiesta della persona che è la persona interessata dal rinvio.

§ 1607
Il riferimento al denaro obbliga la persona difficilmente referenziabile a pagarlo, indipendentemente dal fatto che lo sia o meno il contante nell’eredità.

Sottosezione 2 Riferimento a una cosa specifica
§ 1608
Quando si ripete un riferimento a una determinata cosa in una o più disposizioni, il referente non ha diritto alla cosa dipendente e al suo prezzo allo stesso tempo. Altri riferimenti, anche se contengono un oggetto dello stesso genere o la stessa somma di denaro, appartengono al messaggero, quante volte vengono ripetuti.

§ 1609
Non si tiene conto del riferimento alla cosa che apparteneva al messaggero al momento della redazione del testamento. Se lo acquista in seguito, gli sarà rimborsato il prezzo consueto della cosa; tuttavia, se lo ha ricevuto gratuitamente dal testatore stesso, il legame è stato revocato.

§ 1610
(1) Non si tiene conto del riferimento di una cosa straniera appartenente non al testatore o all’erede o legatario che deve fornirla a qualcun altro. Se dette persone hanno una quota o un diritto nelle cose dipendenti, il riferimento si applica solo a tale quota o diritto.

(2) Se il testatore ha ordinato che una cosa straniera venga acquistata e fornita al messaggero, ma il suo proprietario non vuole venderla al prezzo normale, questo prezzo deve essere pagato al messaggero.

§ 1611
La cessazione o altro gravame della cosa dipendente colpisce il destinatario come vizi del collegamento.

Sottosezione 3 Riferimento crediti
§ 1612
Quando deferisce un credito che appartiene al testatore dopo un altro, l’interessato dal deferimento deve trasferire il credito con gli accessori e l’eventuale messa in sicurezza della segreteria telefonica, rilasciargli i documenti necessari sul credito e informarlo di tutto ciò che è necessario per far valere la pretesa nei confronti del debitore.

§ 1613
Il riferimento a tutti i crediti include tutti i crediti che persistono dopo la costituzione del riferimento, ma non i crediti derivanti da valori mobiliari e libretti, né i crediti relativi a beni immobili e crediti derivanti da diritti reali.

§ 1614
L’eredità del credito che il testatore ha alle spalle del contribuente obbliga il danneggiato a rilasciare al contribuente una ricevuta oa restituire la nota di debito.

§ 1615
La remissione del debito non si applica ai debiti contratti dopo l’instaurazione del collegamento. Se il riferimento alla garanzia del debito è condonato, non ne consegue che anche il debito sia stato condonato. Se viene prorogato solo il termine per il pagamento, ciò non comporta una rinuncia agli interessi.

§ 1616
(1) Il debito di riferimento nei confronti del defunto a pagare il legatario ha l’effetto giuridico che impegna il soggetto gravato dal rinvio a riconoscere il debito che il defunto ha definitivamente espresso o legatario prova, e a pagarlo entro il termine per l’adempimento degli altri legami senza riguardo alle condizioni e alle scadenze difficili da negoziare con il testatore.

(2) Se il testatore ordina che il credito del debitore sia garantito, deve essere fornita una garanzia sufficiente.

§ 1617
Se il testatore rinvia a qualcuno lo stesso importo dovuto, si considera che non abbia rimborsato il debito con riferimento. Il messaggero riceve sia il debito che il legame.

Sottosezione 4 Altri riferimenti
§ 1618 Riferimento a bambini e parenti
Per bambini si intendono solo figli e figlie se il testatore si è ricordato dei figli di qualcun altro. Tuttavia, se sono i figli del testatore, questo include anche i discendenti che entrano al loro posto.

§ 1619
Anche con riferimenti diversi da § 1594 a 1618, § 1503 si applica mutatis mutandis.

Sezione 3 Acquisizione di una referenza
§ 1620
(1) Il legatore acquisisce il diritto di lasciare in eredità per sé e per i suoi successori con la morte del testatore.

(2) L’ articolo 1480 si applica mutatis mutandis al diritto di rinvio, che deve ancora sorgere.

§ 1621
(1) La cosa referenziata viene acquisita dal messaggero nel modo in cui viene acquisito il diritto di proprietà.

(2) Se il diritto alla referenza matura, il referente può chiedere la liberazione della cosa lasciata in eredità. Se la cosa dipendente è iscritta in un elenco pubblico, l’emissione della cosa sostituisce la dichiarazione dell’esecutore testamentario, altrimenti di persona in difficoltà, con una firma autenticata; se la scadenza della referenza non è stata posticipata, la referenza è iscritta nell’elenco pubblico subito dopo il testatore.

§ 1622
Prima della morte del testatore, il legatario non può trasferire o acquisire il diritto al legato.

§ 1623
Se il legatario dichiara, nel modo prescritto per il rigetto della successione, di non volere il legato, è trattato come se non avesse affatto acquisito il diritto al legato.

§ 1624
(1) Un riferimento alle singole cose della proprietà e un riferimento ai diritti relativi a tali cose può essere richiesto immediatamente. Ciò vale anche per il riferimento a retribuzioni inferiori per i dipendenti ea pubblica utilità, beneficenza e simili. Altre referenze sono dovute un anno dopo la morte del testatore.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano a meno che la volontà del testatore non sia manifesta.

§ 1625
Quando si fa riferimento a un singolo elemento, il referente appartiene dalla data di scadenza del collegamento ai frutti e ai benefici, nonché a tutto ciò che è stato aggiunto all’elemento, inclusi i diritti associati all’elemento. Dal medesimo giorno il messaggero risente anche dei vizi delle cose dipendenti, nonché del suo deterioramento o distruzione causati da fatti di cui nessuno è responsabile.

§ 1626
(1) Quando si tratta di prestazioni pagabili annualmente, mensilmente o meno, il legatario acquisisce il diritto all’importo che ricada sull’intero periodo, se arriva al suo inizio; tuttavia, la rata non scadrà fino alla data di scadenza specificata.

(2) Quando si fa riferimento alla manutenzione, il § 922 si applica mutatis mutandis.

§ 1627 Il diritto del messaggero alla sicurezza
(1) In riferimento reintegrato o rinvio, la cui esecuzione non è ancora possibile pretendere rispetto al termine legale o per il tempo o la condizione del defunto, un legatario nei confronti di una persona gravato con riferimento al diritto di fornire una garanzia adeguata. Questo non si applica se è chiaro che la sicurezza non è richiesta.

(2) In caso contrario, il debitore ha gli stessi diritti nei confronti della persona in difficoltà come riferimento di qualsiasi altro creditore.

Collegamento sciolto
§ 1628
(1) Se il referente non può accettare il rinvio o lo rifiuta, il rinvio spetta al supplente. Se non vi è supplente e se più persone sono ricordate con l’intero riferimento, o senza specificare le azioni o con un termine generico inteso a riparto, la quota liberata sarà aggiunta proporzionalmente agli altri azionisti.

(2) Se un azionista è rimasto con una certa quota, non ha diritto ad un aumento ai sensi del paragrafo 1, a meno che l’intenzione del testatore non sia di lasciare l’intero riferimento agli amministratori nominati e che specificando le azioni non volesse altro che limitare gli amministratori l’uno all’altro.

(3) Negli altri casi, l’obbligo di rispettare il rinvio decade.

§ 1629
Coloro che beneficiano dello svincolo del collegamento o del fatto che scade l’obbligo di rispettare il collegamento risentono anche degli oneri connessi al collegamento. Ciò non si applica se si tratta solo di un atto personale della persona originariamente gravato dal collegamento.

I diritti dell’erede che riserva l’inventario
§ 1630
(1) Se il patrimonio netto delle referenze è gravato in modo tale da essere quasi esaurito e l’erede non esercita il diritto ai sensi del § 1598, l’erede ha diritto solo al rimborso delle spese sostenute per l’adempimento delle referenze e a una remunerazione ragionevole per i suoi sforzi. Se l’eredità non è sufficiente a coprirli, le spese e la retribuzione sono pagate dal legatario in proporzione al valore delle referenze e l’erede ha il diritto di ritenzione per garantire il suo diritto sui beni lasciati in eredità; senza garanzie sufficienti, l’erede non è obbligato a gestire le referenze.

(2) Tuttavia, se il rinvio ha già ricevuto il rinvio, la detrazione sarà effettuata secondo il valore del riferimento al momento del ricevimento e secondo i benefici già ottenuti da esso. Il legatario si esonera dall’obbligo di contribuzione dando all’erede un legato con i benefici o il loro prezzo. In altri, il messaggero è visto come un onesto detentore.

§ 1631
(1) Se il patrimonio netto non è sufficiente a coprire tutti i debiti e le altre spese obbligatorie, i riferimenti sono ridotti proporzionalmente.

(2) Se l’eredità pura non è sufficiente per la composizione di tutte le referenze, l’eredità della fornitura, dell’educazione e dell’alimentazione deve essere soddisfatta prima di tutte le altre; altri collegamenti saranno ridotti proporzionalmente.

§ 1632 Adempimento dell’ultima volontà da parte dell’amministratore del patrimonio
Se l’esecutore testamentario non è stato nominato e se l’erede non desidera dedicare tempo e sforzi all’adempimento dell’ultima volontà, il tribunale, su sua richiesta, nomina un fiduciario a tal fine o impone l’adempimento le ultime volontà sul curatore già chiamato.

Parte 4 Sequenza legale
§ 1633
(1) Se non vi è successione per contratto successorio o per testamento, si verifica la successione legale dell’eredità o di una parte di essa. Se non è l’erede legale, o se non acquisisce un’eredità, gli eredi diventano legatari in proporzione al valore dei loro lasciti.

(2) Chi ha acquisito l’eredità perché né l’erede né il supplente chiamato dal contratto di successione o testamento non hanno voluto o non hanno potuto ereditare, si attengono agli altri ordini del testatore.

§ 1634 Muori
(1) Se nessun erede eredita anche secondo la successione legale, l’eredità dello stato cade e lo stato è trattato come se fosse l’erede legale; tuttavia, lo stato non ha il diritto di rifiutare l’eredità, né il diritto a un rinvio ai sensi del § 1594 paragrafo 1 frase tre.

(2) In relazione ad altre persone, lo Stato ha lo stesso status dell’erede, come risulta dalla prenotazione dell’inventario.

§ 1635 Prima classe di eredi
(1) Nella prima classe di eredi, i figli del testatore e suo marito ereditano, ciascuno di loro in parti uguali.

(2) Se un figlio non eredita, i suoi figli erediteranno la sua quota nella stessa quota; lo stesso vale per i discendenti più lontani dello stesso antenato.

§ 1636 Seconda classe di eredi
(1) Se il testatore non eredita discendenti, la seconda classe è ereditata dal coniuge, dai genitori del testatore e da coloro che hanno vissuto con il testatore per almeno un anno prima della sua morte nella stessa famiglia e che per questo hanno curato il conviventi o erano a carico del testatore.

(2) Gli eredi della seconda classe ereditano in parti uguali, ma il marito erediterà sempre almeno la metà del patrimonio.

§ 1637 Terza classe di eredi
(1) Se né il marito né alcuno dei genitori ereditano, i fratelli del testatore e coloro che hanno vissuto con il testatore per almeno un anno prima della sua morte nella stessa famiglia e che per questo motivo hanno curato la famiglia comune o erano a carico ereditare in parti uguali nutrimento al testatore.

(2) Se uno dei fratelli del testatore non eredita, i suoi figli erediteranno la sua quota di quota.

§ 1638 La quarta classe di eredi
Se nessun erede eredita nella terza classe, eredita la quarta parte del nonno del testatore nella quarta classe.

§ 1639 Quinta classe di eredi
(1) Se nessuno degli eredi della quarta classe eredita, nella quinta classe ereditano solo i nonni dei genitori del testatore. I nonni del padre del testatore rappresentano la metà dell’eredità, i nonni della madre del testatore l’altra metà. Entrambe le coppie di nonni condividono equamente la metà che cade su di loro.

(2) Se un singolo membro di una coppia non eredita, l’ottavo liberato appartiene all’altro membro. Se la coppia non eredita, questo quarto spetta all’altra coppia dello stesso partito. Se nessuna coppia eredita dalla stessa parte, l’eredità appartiene alle coppie dell’altra parte nella stessa proporzione in cui condividono metà dell’eredità che appartiene direttamente a loro.

§ 1640 Sesta classe di eredi
(1) Se nessuno degli eredi della quinta classe eredita, nella sesta classe ereditano i figli dei figli dei fratelli del testatore e i figli dei nonni del testatore, ciascuno in parti uguali.

(2) Se alcuni dei figli dei nonni del testatore non ereditano, i suoi figli erediteranno.

§ 1641 Diverse parentele
Se qualcuno con un testatore è un parente di più parti, ha un diritto di eredità da ciascuna delle parti, che gli apparterrebbe come parente di quella parte.

Parte 5 Parte obbligatoria
Compensazione della quota obbligatoria e della quota ereditaria
Sezione 1 L’ erede indispensabile
§ 1642
L’erede indispensabile ha diritto a una parte obbligatoria dell’eredità.

§ 1643
(1) Gli eredi indispensabili sono i figli del testatore e, se non ereditano, sono i loro discendenti.

(2) Se l’erede indispensabile è un minore, deve ricevere almeno tre quarti della sua quota di eredità legale. Se l’erede permanente è un adulto, deve ricevere almeno un quarto della sua eredità legale.

§ 1644
(1) La parte obbligatoria può essere lasciata sotto forma di quota ereditaria o di legato, ma deve rimanere completamente alleggerita dall’erede indispensabile.

(2) Non si tiene conto dei decreti del testatore che limitano la quota obbligatoria. Se più della parte obbligatoria è lasciata all’erede indispensabile, tale norma si applica, se il testatore le ha fatte nell’acquisizione in caso di morte, solo alla parte che eccede il valore della parte obbligatoria. Ciò non si applica se l’erede indispensabile muore prima del testatore o se non eredita per qualsiasi altro motivo.

(3) Il testatore può anche ordinare all’erede indispensabile di decidere per ciò che gli è rimasto con una restrizione o per una parte obbligatoria.

§ 1645
Chi ha rinunciato all’eredità o al lavoro obbligatorio, chi è ineleggibile o chi è stato ereditato dal testatore, non ha diritto al lavoro obbligatorio, ma nel computo dei lavori obbligatori degli altri eredi è trattato come se non fosse escluso dal diritto successorio.

Sezione 2 Eredità
§ 1646
(1) Per motivi legali, un erede indispensabile può essere escluso dalla sua eredità dal suo diritto a una parte obbligatoria, o può essere abbreviato nel suo diritto. Il testatore può ereditare un erede indispensabile che
a) non gli ha fornito l’assistenza necessaria in caso di emergenza,

b) non mostra alcun interesse reale per il testatore, che dovrebbe dimostrare,

(c) è stato condannato per un reato relativo alla sua natura penale con sentenza passata in giudicato; o

d) conduce una vita permanentemente instabile.

(2) Il testatore può anche ereditare un erede indispensabile che non può ereditare ed è quindi escluso dal diritto di eredità.

(3) Se il discendente ereditato del testatore sopravvive, i discendenti del discendente ereditato non ereditano, a meno che il testatore non mostri un testamento diverso. Se il discendente diseredato non sopravvive alla morte del testatore, i suoi discendenti ereditano, ad eccezione di coloro che sono esclusi indipendentemente dal diritto di eredità.

§ 1647
Il testatore può anche ereditare un erede indispensabile che sia così debitore o così stravagante da temere che una quota obbligatoria non venga conservata per i suoi discendenti. Tuttavia, può farlo solo lasciando questa parte obbligatoria di sé ai figli di questo indispensabile erede, o, se non c’è nessuno, ai loro discendenti.

§ 1648
Se il testatore non indica il motivo della diseredità, l’erede indispensabile ha diritto alla parte obbligatoria, a meno che non gli sia provato a suo carico un motivo giuridico di diseredità.

§ 1649
(1) Una dichiarazione di diseredità può essere fatta o può essere modificata o revocata allo stesso modo in cui viene redatto o revocato un testamento.

(2) Allo stesso modo, il testatore può dichiarare uno degli eredi non trascurabili, come risulta dalla successione legale, che non acquisirà l’eredità.

Sezione 3 Tutela dell’erede indispensabile
§ 1650
L’erede indispensabile invalidato invalidamente ha diritto ad una quota obbligatoria; se è stato ridotto al valore netto della parte obbligatoria, ha diritto ad integrarlo.

§ 1651
(1) Il diritto alla parte obbligatoria spetta anche all’erede indispensabile, che era noto al testatore essere vivo, e tuttavia lo ha trascurato nel suo testamento.

(2) Se una persona che è stata omessa, non per errore, ha commesso qualcosa che soddisfa la ragione legale della diseredità, questa omissione sarà considerata come un’eredità fatta tacitamente e di diritto.

§ 1652
Se l’erede indispensabile dimostra che la sua omissione deriva solo dal fatto che il testatore non ne era a conoscenza al momento dell’acquisizione in caso di morte, a tale erede spetta la quota obbligatoria che gli spetta per legge.

§ 1653
Se l’erede indispensabile è stato accorciato od omesso, tanto gli eredi quanto i legatari contribuiranno proporzionalmente alla liquidazione del suo diritto.

Sezione 4 Calcolo della parte obbligatoria
§ 1654
(1) Un erede indispensabile non ha diritto a una quota del patrimonio, ma solo a una somma di denaro pari al valore della sua quota obbligatoria. Se sussistono motivi particolarmente impellenti da parte degli eredi e se ciò può ragionevolmente essere richiesto all’erede indispensabile, il giudice può autorizzare il rimborso della parte obbligatoria o il differimento della sua scadenza; tuttavia il credito matura interessi dalla data in cui era originariamente esigibile.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non impediscono all’erede indispensabile di concordare diversamente con gli eredi di un testamento o di un contratto successorio; tuttavia, se ciò riduce i diritti degli altri creditori, l’accordo è inefficace nei loro confronti. Se, durante il procedimento successorio, si conviene che la cosa iscritta nell’elenco pubblico sarà liberata dall’eredità all’erede indispensabile in luogo del pagamento, l’erede indispensabile è iscritto nell’elenco pubblico subito dopo il testatore.

§ 1655
(1) Per la determinazione della parte obbligatoria, la proprietà nell’eredità deve essere svalutata e stimata; dal valore del bene sono detratti i debiti del testatore ei vizi che erano già legati alla proprietà al momento della morte del testatore. Nel calcolo della parte obbligatoria, si aggiunge all’eredità ciò che è incluso nella parte obbligatoria secondo § 1660 e 1661.

(2) L’ erede indispensabile ha il diritto di essere nella stima, di sollevare domande e fare commenti.

§ 1656
La parte obbligatoria è determinata indipendentemente dalle referenze e dagli altri vizi derivanti dall’acquisizione in caso di morte. Fino a quando non sia determinata la parte obbligatoria, l’erede indispensabile partecipa proporzionalmente all’utile e alla perdita dell’eredità. Chi ha diritto alla parte obbligatoria ha anche diritto a una quota proporzionale della quota di utile e perdita dell’eredità dalla morte del testatore fino alla determinazione della parte obbligatoria.

§ 1657
Se l’erede indispensabile è d’accordo con gli eredi della consegna e se l’accordo è approvato dal tribunale, non si applicano le disposizioni degli articoli 1655 e 1656.

Sezione 5 Compensazione con quota obbligatoria e quota ereditaria
§ 1658
La compensazione su una quota obbligatoria o su una quota ereditaria non stabilisce l’obbligo di emettere qualcosa, a meno che non si tratti di un caso di cui al § 2072.

§ 1659
Al momento della compensazione, il valore di quanto fornito e di quanto oggetto di compensazione è calcolato in base al momento della presentazione. In casi eccezionali, il giudice può decidere diversamente.

Compensazione alla parte obbligatoria
§ 1660
(1) La parte obbligatoria comprende tutto ciò che l’erede indispensabile dell’eredità ha effettivamente acquisito mediante rinvio o altro atto del testatore.

(2) La parte obbligatoria comprende anche ciò che l’erede indispensabile ha ricevuto gratuitamente dal testatore negli ultimi tre anni prima della sua morte, a meno che il testatore non ordini che la compensazione sia effettuata su un periodo più lungo; alla prole va altresì attribuito ciò che l’antenato dell’erede ha ricevuto gratuitamente dal testatore. Tuttavia, le normali donazioni non vengono prese in considerazione nel conteggio.

§ 1661
(1) La parte obbligatoria della prole deve essere accreditata con ciò che il testatore gli ha dato durante la sua vita per alleviare i costi associati all’avvio di una famiglia separata, all’avvio di una convivenza coniugale o simile, o all’avvio di una professione o all’avvio di un’impresa; il debitore deve includere anche ciò che il testatore ha utilizzato per pagare i debiti del figlio maggiorenne. Se ciò è avvenuto prima degli ultimi tre anni prima della morte del testatore, si procede alla compensazione, a meno che il testatore non esprima volontà contraria.

(2) Al discendente che entra al posto del suo antenato è accreditata la quota obbligatoria e ciò che ha così ricevuto dal testatore dal genitore, nel cui posto entra.

Compensazione
§ 1662
Le quote ereditarie sono calcolate allo stesso modo della quota obbligatoria.

§ 1663
In caso di successione secondo l’acquisizione in caso di morte o in caso di successione legale, la compensazione con la quota ereditaria si effettua solo se il testatore l’ha disposta con una manifestazione di volontà fatta nel modulo prescritto per l’acquisizione di un testamento.

§ 1664
Il giudice può compensare l’eredità, anche se il testatore non l’ha ordinata, se l’erede altrimenti indispensabile sarebbe ingiustificatamente svantaggiato; non si tiene però conto delle consuete donazioni.

Parte 6 Il diritto di determinate persone alla fornitura
§ 1665
Chi sarebbe altrimenti un erede indispensabile ma non ha diritto ad una quota obbligatoria, ha diritto al mantenimento necessario se non lo riceve e se non è in grado di mantenersi; tuttavia, non può così ottenere dall’eredità più della sua quota obbligatoria. Tuttavia, il diritto al mantenimento necessario non spetta alla persona al cui posto eredita il suo discendente, o se il suo discendente è chiamato a un lavoro obbligatorio al suo posto.

§ 1666
(1) Il coniuge superstite ha diritto a un mantenimento dignitoso dal patrimonio per un periodo di sei settimane dopo la morte del coniuge. Se la vedova è incinta, ha diritto a una dieta decente fino alla fine della sesta settimana dopo il parto; la madre del figlio del testatore, che non era sposata con il testatore, ha lo stesso diritto.

(2) Se al coniuge superstite è stata negata o ridotta la quota di eredità legale, il coniuge superstite ha diritto alla disposizione necessaria fino alla conclusione di un nuovo matrimonio, a meno che non riceva altrimenti tale disposizione e non sia in grado di mantenersi / se stessa; tuttavia, non può in tal modo ottenere dall’eredità più della metà della sua legittima eredità. Tuttavia, il diritto alla necessaria provvigione non spetta al coniuge che non ha condiviso il nucleo familiare con il testatore senza gravi motivi, al coniuge ineleggibile per l’erede o al coniuge che ha rinunciato o rifiutato l’eredità.

(3) Se il diritto al mantenimento dignitoso ai sensi del paragrafo 1 accorcia il diritto al mantenimento necessario ai sensi del § 1665, tutti questi diritti devono essere ridotti in modo che tutte le persone aventi diritto ricevano lo stesso. La disposizione necessaria ai sensi del paragrafo 2 non può essere fornita se ciò riduce il diritto al mantenimento necessario ai sensi della Sezione 1665.

§ 1667
Il coniuge superstite acquisisce la proprietà dei beni mobili che compongono l’attrezzatura di base del nucleo familiare, anche se non è l’erede. Ciò non si applica se il coniuge superstite non ha condiviso il nucleo familiare con il testatore senza un valido motivo.

§ 1668
(1) Se la quota di eredità legale del genitore superstite è stata negata o ridotta, il genitore superstite ha diritto alla prestazione necessaria, a meno che non riceva altrimenti tale disposizione e non sia in grado di mantenersi; tuttavia, non può così ottenere dall’eredità più di un terzo della sua quota di eredità legale. Il diritto alla necessaria provvigione non spetta al genitore ineleggibile come erede, al genitore che abbia rinunciato o rifiutato l’eredità, o al genitore che abbia commesso un atto di diseredità.

(2) La disposizione necessaria non può essere fornita al genitore se ciò riduce il diritto al mantenimento necessario ai sensi della Sezione 1665.

§ 1669
Le persone che hanno goduto della libera provvigione nella sua famiglia fino alla morte del testatore hanno diritto alla stessa prestazione tre settimane dopo la morte del testatore.

Parte 7 Trasferimento dell’eredità agli eredi
Sezione 1 Acquisto di eredità
§ 1670
L’acquisizione dell’eredità è confermata dal tribunale. Il tribunale confermerà l’acquisizione dell’eredità alla persona il cui diritto successorio è stato dimostrato.

§ 1671
(1) Se l’erede non ha esercitato il diritto di eredità davanti al tribunale entro il termine fissato dal tribunale, il diritto di eredità dell’erede non scade, ma non deve essere preso in considerazione quando si discute dell’eredità. Ciò vale anche per il diritto successorio di un erede sconosciuto o di una residenza sconosciuta, che è stato informato del suo diritto con un decreto del tribunale e non si è manifestato entro il termine specificato.

(2) Se l’erede sconosciuto o l’erede di una residenza sconosciuta ha un tutore, il tutore non può dichiarare che questo erede rifiuta l’eredità, o che non la rifiuta o l’accetta.

§ 1672
Se più persone esercitano il diritto all’eredità e se si contraddicono a vicenda, il giudice rinvia l’erede il cui fondamento giuridico è più debole a far valere il suo diritto mediante azione. Se questo erede non propone un’azione entro il termine fissato dal tribunale, il suo diritto all’eredità non decade, ma non viene preso in considerazione nell’udienza dell’eredità.

§ 1673
(1) Ogni erede testamentario o un erede legale si riferisce alla presentazione di un’azione contro l’erede che si basa su un contratto successorio non negato in termini di autenticità. Ogni erede legittimo ha il diritto di agire contro l’erede, il quale fa valere un testamento non negato di autenticità.

(2) Se il testatore indica il motivo della diseredità, un discendente che afferma di essere stato disintegrato illegalmente deve fare riferimento al deposito dell’azione. Se il motivo dell’eredità non è indicato, la persona che deve ereditare al suo posto farà riferimento all’azione.

Prenotazione inventario
§ 1674
(1) Il testatore non può privare l’erede del diritto alla riserva dell’inventario dell’eredità. Se le parti del contratto successorio rinunciano a tale diritto, questo non viene preso in considerazione.

(2) Il diritto alla prenotazione dell’inventario può essere esercitato mediante una dichiarazione resa oralmente davanti al tribunale o mediante una dichiarazione inviata al tribunale per iscritto. Se l’erede effettua un inventario delle riserve o delle condizioni, queste non saranno prese in considerazione. Ciò vale anche per la dichiarazione dell’erede che non applica la riserva di inventario.

§ 1675
L’erede ha il diritto di riservare l’inventario del patrimonio se lo esercita entro un mese dal giorno in cui il tribunale gli ha notificato tale diritto. Se vi sono ragioni importanti per questo, il tribunale proroga il termine per l’erede.

§ 1676
(1) Un erede indipendente, noto e attuale che non sia il coniuge, il discendente o l’antenato del testatore e non esprima la sua opinione entro il termine di cui all’articolo 1675 non è soggetto alla riserva dell’inventario. Il tribunale richiederà una dichiarazione espressa agli altri eredi dopo la loro citazione e istruzione, a meno che l’effetto di cui all’articolo 1681 non abbia avuto effetto sul coniuge, discendente o antenato dell’erede.

(2) Chi non ha prenotato l’inventario del patrimonio, o ha dichiarato di non esercitare il diritto di riservare l’inventario, non può riservare l’inventario successivamente.

Sezione 2: Amministrazione del patrimonio e del suo inventario
Gestione immobiliare
§ 1677
(1) Se il testatore ha convocato l’amministratore dell’eredità o l’esecutore testamentario, amministra l’eredità fino alla conferma dell’acquisizione dell’eredità dell’amministratore dell’eredità, altrimenti l’esecutore testamentario. Se il testatore non ha chiamato nessuno di loro, l’erede amministra l’eredità; se ci sono più eredi e non convengono diversamente, tutti gli eredi amministrano l’eredità.

(2) Se c’è una ragione seria per questo, il tribunale ordina un’altra misura.

§ 1678
(1) Colui che amministra il patrimonio ne esegue la semplice amministrazione.

(2) Chi amministra il patrimonio ne faccia ratei agli aventi diritto, e presenti ai legatari un rapporto sulle referenze loro spettanti. Risolverà i riferimenti degli adulti se approvato dal tribunale.

§ 1679
(1) Durante l’amministrazione, qualcosa può essere alienato dal patrimonio o utilizzato come garanzia, se richiesto dall’interesse a preservare il valore o l’essenza della proprietà gestita, altrimenti a titolo oneroso. Ciò vale anche in caso di modifica della destinazione del patrimonio in gestione.

(2) L’amministratore dell’eredità o l’esecutore testamentario può compiere un atto che eccede l’ambito della semplice amministrazione, se gli eredi sono d’accordo. Se gli eredi non sono d’accordo o se l’erede è una persona sotto protezione speciale, è necessario il consenso del tribunale.

§ 1680
(1) Un erede il cui diritto all’eredità è già stato chiaramente dimostrato può essere autorizzato dal tribunale anche prima della fine del procedimento successorio a disporre liberamente di determinati beni, a condizione che sia soddisfatta l’ultima volontà del testatore o se altri coeredi, eredi indispensabili e legatari concordano.

(2) Se il diritto all’eredità è esercitato da più persone che si contraddicono, la misura di cui al paragrafo 1 non può essere adottata. Tuttavia, se l’erede ha già ricevuto un vantaggio, non gli può essere tolto.

§ 1681
(1) Se l’erede, senza il suo diritto, assume la piena amministrazione del patrimonio, gli effetti della prenotazione dell’inventario sono annullati dall’inizio, se lo ha fatto. Ciò vale anche se è accertato che l’erede ha intenzionalmente occultato l’eredità, se l’erede unisce parti dell’eredità con parti del suo patrimonio, senza distinguere a chi appartiene, a meno che ciò non fosse già avvenuto prima della morte del testatore. Lo stesso effetto, dovuto alla riserva del censimento, si verificherà anche nei confronti degli eredi nella cui rappresentanza, diretta o indiretta, qualcun altro abbia in tal modo gestito il patrimonio. Se l’eredità è così amministrata da una persona vicina all’erede, si considera che questi agisca anche come suo rappresentante.

(2) L’effetto di cui al paragrafo 1 non si verifica se gli eredi dividono solo documenti, effigi o atti e altre cose di natura familiare o commemorativa prima di confermare l’acquisizione dell’eredità.

Conclusione della tenuta
§ 1682
(1) Il tribunale adotta immediatamente le misure che assicurano la successione (conclusione) se
a) uno degli eredi non è indipendente,

b) uno degli eredi è di residenza sconosciuta,

c) si teme che l’eredità sia sovraindebitata,

d) il creditore ha proposto la separazione dell’eredità; o

e) se c’è un altro motivo importante per una particolare cautela.

(2) Se un solo erede è incapace, assente o sconosciuto, è possibile essere soddisfatti della conclusione di tale parte dell’eredità che è sufficiente per soddisfare il suo diritto di eredità. Ciò vale anche se c’è una persona che ha diritto alla parte obbligatoria.

§ 1683
Le conclusioni non sono necessarie se la proprietà ha un bene immobile che fornisce una garanzia sufficiente.

Inventario del patrimonio
§ 1684
(1) Lo scopo dell’inventario dell’eredità è determinare l’eredità e determinare il valore patrimoniale netto al momento della morte del testatore.

(2) Se ciò non compromette gravemente la tempestiva esecuzione dell’inventario, l’inventario può essere presente e sollevare domande e formulare commenti.
a) l’ esecutore testamentario,

b) l’ amministratore dell’eredità,

c) chiunque affermi e attesti il ​​suo diritto successorio o il diritto a una quota obbligatoria, o che è notoriamente titolare di tale diritto,

d) il creditore che ha chiesto la separazione del patrimonio,

e) se il giudice è d’accordo, un’altra persona che dimostri un interesse legale a farlo; tuttavia, il messaggero solo se sussiste il rischio che sia obbligato a contribuire proporzionalmente alla parte obbligatoria.

§ 1685
(1) Il tribunale ordina un inventario dell’eredità se l’erede esercita il diritto di riserva dell’inventario o se è necessario per il calcolo del lavoro obbligatorio.

(2) Il tribunale ordina anche un inventario del patrimonio,
a) se tra gli eredi vi è una persona non pienamente indipendente, o sconosciuta o assente, o una persona giuridica di pubblica utilità o costituita nell’interesse pubblico (di seguito denominata “persona sottoposta a protezione speciale”),

b) se vi è incertezza sul fatto che qualcuno sia l’erede o chi sia l’erede,

c) se il creditore ne fa richiesta ai sensi dell’articolo 1709, o

d) se il creditore del testatore dimostra che sussiste un altro serio motivo per effettuare l’inventario.

§ 1686
(1) I costi per ottenere un inventario sono pagati dall’eredità e sono sostenuti in proporzione alle quote di eredità degli eredi ai quali l’inventario è a vantaggio. Se non è possibile sostenere le spese per ottenere l’inventario dell’eredità, il tribunale ordina a tali eredi di versare un contributo proporzionato alle spese.

(2) Se il tribunale ha ordinato un inventario ai fini del calcolo della parte obbligatoria, le spese dell’eredità sono rimborsate e sono sostenute in proporzione a tutti gli eredi e all’avente diritto alla parte obbligatoria. Se non è possibile coprire le spese per ottenere un inventario dell’eredità, il tribunale ordina a queste persone di versare un contributo proporzionato alle spese.

(3) Se qualcuno richiede un inventario senza un serio motivo, il tribunale lo condanna a sostenere le spese dell’inventario da solo.

§ 1687
(1) Se le circostanze del caso lo giustificano, il tribunale può decidere di sostituire l’inventario del patrimonio con un elenco del patrimonio preparato dall’amministratore del patrimonio e confermato da tutti gli eredi. Se l’amministratore del patrimonio non è stato ancora nominato, può essere nominato a tal fine dal tribunale.

(2) In casi semplici, il tribunale può decidere, se gli eredi non si oppongono, di sostituire l’inventario dell’eredità con una dichiarazione congiunta degli eredi sull’eredità.

§ 1688
(1) Se è dimostrato che la dichiarazione o l’elenco ai sensi dell’articolo 1687 non corrisponde ai fatti in misura non insignificante,
a) gli effetti della prenotazione dell’inventario sono revocati dagli eredi fin dall’inizio, se questi l’hanno fatta,

b) la persona di cui al § 1685 comma 2 ha il diritto di chiedere al tribunale di ordinare un nuovo inventario del patrimonio se dimostra un interesse legale a farlo.

(2) L’effetto di cui al paragrafo 1 lettera. a) non viene in mente a una persona sottoposta a protezione speciale, a meno che non sia dimostrato che ha nascosto intenzionalmente l’eredità. Né tale effetto si verificherà nei confronti dell’erede che dimostri di non essere responsabile dell’incompletezza della dichiarazione o dell’elenco.

(3) Se l’amministratore ha reso incompleto l’elenco ai sensi dell’articolo 1687, deve risarcire il danno che ne deriva.

§ 1689
Se il creditore è noto, il giudice lo informa che è stato fatto un inventario del patrimonio e gli consente di commentare l’inventario.

Sezione 3 Certificato di eredità
§ 1690
(1) Il tribunale conferma l’eredità alla persona che non ha rifiutato l’eredità e ha il miglior diritto all’eredità secondo il corso del procedimento successorio, dopo aver accertato che la volontà del testatore sarà debitamente adempiuta.

(2) Se l’esecutore testamentario è stato chiamato, deve confermare al tribunale l’adempimento degli ordini del testatore; se non è stato chiamato, gli eredi ne danno prova al tribunale. Se gli eredi non sono d’accordo o contraddicono quanto confermato dall’esecutore testamentario, il tribunale deciderà come ottenere le prove.

§ 1691
(1) Se sono state ordinate referenze, il tribunale conferma l’eredità solo dopo che gli è stato dimostrato che
a) i messaggeri sono stati informati del riferimento,

(b) sono stati realizzati collegamenti dovuti a persone non del tutto indipendenti, persone giuridiche di interesse pubblico o stabilite nell’interesse pubblico, o collegamenti effettuati per scopi di beneficenza e di pubblica utilità e che è stato assicurato l’adempimento di collegamenti non validi,

c) è stato altresì assicurato l’adempimento delle referenze a ignoti o assenti.

(2) Il tribunale può rinunciare alla cauzione se apparentemente non necessaria.

§ 1692
(1) Il tribunale conferma all’unico erede che ha ereditato. Dichiarerà chi è l’erede, di chi acquista il patrimonio, per quale motivo e se ciò avviene con o senza censimento.

(2) Il tribunale conferma anche le quote di eredità a più eredi per l’importo dopo l’eventuale compensazione alla quota di eredità e dopo aver compensato eventuali riferimenti. Al momento della divisione dell’eredità, il tribunale confermerà anche quale eredità ha acquisito ciascun erede e per quale motivo avviene la divisione dell’eredità.

(3) Se una successione è ordinata mediante l’istituzione di una successione fiduciaria, prova del tempo o altro, il tribunale conferma che è stata ordinata, chi succede come erede successivo e a quali condizioni. Se il testatore ha stabilito che l’erede principale è libero di disporre dell’eredità, il tribunale confermerà anche questo.

§ 1693
(1) Gli eredi possono concordare davanti al tribunale nelle procedure di successione l’importo delle loro quote di successione. Il tribunale approva l’accordo se non è in conflitto con gli interessi della persona sotto protezione speciale.

(2) Se ereditano in base all’acquisizione in caso di morte, gli eredi possono concordare un importo delle quote di eredità diverso da quello stabilito dal testatore, se il testatore lo ha espressamente ammesso.

(3) Se eredita in base alla successione legale, l’erede ha il diritto di chiedere la liquidazione agli altri eredi se si è preso cura del testatore per un periodo di tempo più lungo o ha contribuito in modo significativo al mantenimento o all’aumento della proprietà del testatore con il lavoro , sostegno finanziario o mezzi simili ricompensati. La liquidazione deve essere fornita per una durata e un’estensione ragionevoli di ciò che ha eseguito e del valore dell’eredità; la sua quota di eredità aumenterà di questo importo. Ciò vale anche se l’erede, che non è il coniuge superstite, ha adempiuto un obbligo alimentare o simile nei confronti del testatore.

Sezione 4 Divisione del patrimonio
§ 1694
(1) Se il testatore ha procurato in caso di morte, l’eredità è divisa secondo la sua volontà. Gli eredi possono convenire davanti al tribunale di dividere in tutto o in parte l’eredità in altro modo, se il testatore l’ha espressamente ammesso.

(2) Se il testatore ha assegnato agli eredi singole cose della sua proprietà senza ordinare espressamente che l’eredità debba essere divisa come ordinato, o che l’erede convocato possa accettare solo ciò che gli è stato assegnato, o che una certa cosa debba rimanere in comproprietà degli eredi, considera la sua espressione di volontà come un desiderio senza vincolo legale.

§ 1695
(1) Se il testatore non è stato ordinato in caso di morte, gli eredi possono concordare in tribunale in qualsiasi modo la divisione del patrimonio.

(2) Se il testatore non ha procurato una parte dell’eredità o non ha ordinato come dividere l’eredità o parte di essa, o se la divisione dell’eredità secondo la volontà del testatore non è affatto possibile, le disposizioni di il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

§ 1696
(1) Il tribunale approva l’accordo degli eredi sulla divisione, se non contraddice la volontà del testatore ed entro i suoi limiti o gli interessi della persona sotto protezione speciale. Se il tribunale non approva l’accordo, confermerà agli eredi l’acquisizione dell’eredità secondo l’importo delle loro quote ereditarie.

(2) La validità dell’accordo sulla divisione del patrimonio richiede che, a seguito della sua conclusione, l’intero patrimonio noto sia diviso. Un patto può anche stabilire un pegno o un pegno o altro diritto reale, anche se il testatore non lo ha acquisito.

§ 1697
(1) Il tribunale divide l’eredità secondo l’ordine del defunto. Se il testatore ha autorizzato un terzo a determinare le modalità di distribuzione dell’eredità, il tribunale fissa a tale persona un termine ragionevole, almeno due mesi; tuttavia, il giudice non tiene conto della determinazione se è manifestamente iniqua o si verifica dopo il termine.

(2) A meno che l’ordine del defunto lo impedisca, il tribunale divide l’eredità approvando l’accordo degli eredi; in mancanza di accordo, il giudice divide l’eredità se tutti gli eredi lo richiedono e se non vi è controversia tra loro su ciò che appartiene all’eredità. Il giudice tutela gli interessi della persona sotto protezione speciale.

(3) Negli altri casi, il tribunale non divide l’eredità e conferma agli eredi l’acquisizione dell’eredità secondo le quote ereditarie.

§ 1698
Nel dividere il patrimonio è possibile liquidare il diritto all’indennizzo dai rapporti tra i coeredi, compensare con la quota ereditaria e compensare le referenze.

§ 1699
(1) A seconda delle circostanze, un credito o un debito possono essere ceduti anche a un singolo erede. Se un debito è ceduto a un erede, ciò non pregiudica i diritti del creditore.

(2) Un erede accorciato nella sua quota mediante l’assegnazione di una cosa difettosa ha diritto ai coeredi di compensare ciò che è stato accorciato dal difetto.

§ 1700
(1) Se il tribunale divide l’eredità su richiesta degli eredi, redige una dichiarazione basata sull’elenco dell’eredità o sull’elenco confermato da tutti gli eredi. Se una parte dell’eredità è stata venduta per volontà dell’erede per legge, il prezzo di acquisto ottenuto sarà compreso nell’eredità, in caso di altra alienazione per volontà dell’erede, il prezzo normale il giorno dell’eredità Giusto. La quota di ciascuno degli eredi espressa in denaro sarà assegnata alle singole voci secondo il prezzo indicato nel rendiconto.

(2) Se il prezzo di un oggetto non è chiaro, il tribunale lo determina mediante stima, a meno che l’oggetto non sia assegnato a tutti gli eredi in base alle loro quote.

Sezione 5 Debiti a carico degli eredi
§ 1701
(1) I debiti del testatore sono trasferiti agli eredi, a meno che la legge non disponga diversamente.

(2) L’ erede è obbligato a pagare le spese per la sepoltura del testatore e le misure della tomba del testatore, a meno che queste spese non siano state rimborsate dall’eredità ai sensi del § 114 paragrafo 2.

§ 1702
L’erede non può essere liberato dall’obbligo impostogli dall’acquisizione in caso di morte rifiutando l’eredità di questa acquisizione, a condizione che eserciti il ​​suo diritto di erede per legge. Può diventare erede dell’acquisizione in caso di morte, oppure rifiutare l’eredità.

§ 1703 Diritti dei creditori prima della conferma dell’eredità
Fino a quando il tribunale non conferma gli eredi nell’acquisto dell’eredità, i creditori possono far valere la prestazione solo nei confronti dell’amministratore dell’eredità e chiedere la soddisfazione solo dei beni appartenenti all’eredità.

Effetti giuridici della mancata applicazione della riserva di inventario
§ 1704
Se l’erede non ha inserito la riserva d’inventario, deve pagare integralmente i debiti del debitore. Se più eredi non hanno inserito la prenotazione dell’inventario, pagano i debiti del testatore in solido.

§ 1705
L’esecuzione dell’inventario non ha alcun effetto giuridico sulla portata dell’obbligo di pagare i debiti all’erede che non ha inserito la prenotazione dell’inventario.

Effetti legali della prenotazione dell’inventario
§ 1706
Se l’erede ha inserito una riserva di riserva, deve pagare i debiti del debitore fino all’importo dell’eredità acquisita. Ciò vale anche se l’inventario del patrimonio è stato disposto da un tribunale nell’interesse di una persona sotto protezione speciale.

§ 1707
Ciascuno degli eredi che ha iscritto la riserva d’inventario paga i debiti del testatore in solido con gli altri eredi, ma il creditore può esigere da ciascun erede che si riserva l’esecuzione dell’inventario solo fino all’importo corrispondente alla sua quota di eredità.

§ 1708
Le sanzioni tra coeredi sono disciplinate dalle disposizioni generali sulle obbligazioni congiunte.

Separazione del patrimonio
§ 1709
(1) Un creditore che certifica il timore di un eccessivo indebitamento dell’erede può, prima che il tribunale confermi l’acquisizione dell’eredità, proporre che l’eredità rimanga separata dalla proprietà dell’erede e sia gestita come proprietà separata. Il tribunale non accoglierà la mozione se è chiaro che non c’è motivo di preoccuparsi.

(2) La proposta di separazione dell’eredità non impedisce al tribunale di confermare l’acquisizione dell’eredità.

§ 1710
Il creditore che ha chiesto la separazione è soddisfatto del patrimonio separato. Tuttavia, questo creditore perde il diritto di essere soddisfatto della proprietà dell’altro erede, anche se l’erede non ha inserito la riserva di inventario.

Trovare i debiti del testatore
§ 1711
L’erede che ha riservato l’inventario o l’amministratore del patrimonio può, prima che il tribunale decida di confermare l’eredità, chiedere che il tribunale, al fine di recuperare i debiti del testatore, inviti il ​​creditore a denunciare e motivare le proprie pretese entro un termine tempo ragionevole. Fino alla conclusione del procedimento così instaurato, né l’erede né chi amministra il patrimonio sono tenuti a soddisfare i creditori.

§ 1712
(1) Il creditore che non fa domanda entro il termine non ha diritto al rimborso dall’erede se il patrimonio è esaurito dal pagamento dei crediti dichiarati.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano,
(a) se il creditore dimostra che l’erede era a conoscenza del credito; o

b) se la pretesa del creditore assicura un pegno o altro diritto reale sulla cosa appartenente all’eredità.

§ 1713
Se non è stata richiesta alcuna domanda dei creditori, o se l’erede di uno dei creditori dichiaranti soddisfa senza riguardo ai diritti altrui, e se un creditore non ottiene il pagamento integrale del credito dall’eredità, l’erede è obbligato al creditore oltre l’ambito di applicazione del § 1692, fino alla misura in cui il creditore sarebbe stato soddisfatto della liquidazione del patrimonio ai sensi di un’altra legge.

Parte 8 Furto di eredità
§ 1714
(1) L’eredità può essere alienata dopo la morte del testatore; se il contratto è concluso prima, non sarà preso in considerazione. Con l’alienazione dell’eredità, il cessionario assume i diritti e gli obblighi propri dell’eredità.

(2) L’eredità è alienata da un contratto audace, a meno che un elenco di diritti e doveri non sia stato preso come base del contratto durante l’alienazione dell’eredità. Se tale elenco è stato preso come base, dipende dal contenuto del contratto, dipende dall’accordo delle parti, in che misura si applicano anche i § 1716 e 1717.

(3) Il contratto richiede la forma di un atto pubblico.

§ 1715
Le parti notificano senza ingiustificato ritardo al tribunale che conduce il procedimento successorio che l’eredità è stata alienata.

§ 1716
(1) Il cessionario non ha diritto a una cosa appartenente all’alienante non come erede, ma per altro motivo giuridico, né a documenti, effigi e atti di natura familiare.

(2) D’altra parte, il cessionario ha diritto a tutto ciò che viene aggiunto all’eredità dalla perdita del legatario o del coerede o in altro modo, se l’alienante ne ha il diritto.

§ 1717
L’acquirente possiede anche tutto ciò che l’alienante ha già ricevuto per diritto successorio. Tuttavia, il cessionario deve rimborsare all’alienante quanto ha speso per la sua eredità o eredità e, salvo diverso accordo delle parti, le spese per il funerale e il sepolcreto del testatore.

§ 1718
Se l’alienante ha amministrato il patrimonio prima che fosse rilasciato al cessionario, è obbligato al cessionario in qualità di mandante.

§ 1719
L’alienatore dell’eredità è responsabile nei confronti del cessionario dell’autenticità del suo diritto di eredità, come ha affermato. Se il cessionario subisce un danno, l’alienante lo risarcirà ai sensi della parte quarta della presente legge.

§ 1720
Il cessionario e l’alienante dell’eredità sono solidalmente responsabili nei confronti dei creditori per i debiti del testatore.

PARTE QUARTA
DIRITTI DI PROPRIETÀ RELATIVI
TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SUGLI IMPEGNI
Parte 1 Origine delle passività e loro contenuto
§ 1721
Dall’obbligazione, il creditore ha diritto a una certa prestazione nei confronti del debitore a titolo di credito e il debitore è obbligato a soddisfare tale diritto adempiendo il debito.

§ 1722
La prestazione oggetto dell’obbligazione deve essere di natura pecuniaria e corrispondere all’interesse del creditore, anche se tale interesse non è meramente pecuniario.

§ 1723
(1) Un’obbligazione nasce da un contratto, da un atto illecito o da un altro fatto giuridico che è qualificato a farlo in base all’ordinamento giuridico.

(2) Le disposizioni sulle obbligazioni derivanti dai contratti si applicano mutatis mutandis alle obbligazioni derivanti da altri fatti giuridici.

Parte 2 Contratto
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 1724
(1) Con il contratto, le parti esprimono la volontà di stabilire un obbligo tra loro e di seguire il contenuto del contratto.

(2) Le disposizioni sui contratti si applicano mutatis mutandis all’espressione della volontà con cui una persona si rivolge ad altre persone, a meno che ciò non sia impedito dalla natura dell’espressione della volontà o dalla legge.

§ 1725
Il contratto è concluso non appena le parti ne hanno concordato il contenuto. Nei limiti dell’ordinamento giuridico, le parti sono lasciate alla libertà di negoziare il contratto e determinarne il contenuto.

§ 1726
Se le parti considerano concluso il contratto, pur non avendo di fatto convenuto sulla materia che avrebbero dovuto pattuire nel contratto, l’espressione della loro volontà si considera come contratto concluso se, soprattutto in considerazione del loro comportamento successivo, si può ragionevolmente presumere che il contratto si sia concluso senza disporre tale requisito. Tuttavia, se una delle parti ha già indicato al momento della conclusione del contratto che il raggiungimento di un accordo su alcuni particolari è condizione preliminare per la conclusione del contratto, il contratto si considera non concluso; quindi l’accordo su altri requisiti della parte non è vincolante, anche se su di essi è stato fatto verbale.

§ 1727
Ciascuno dei più contratti conclusi nella stessa negoziazione o inclusi nella stessa carta è considerato separatamente. Se dalla natura di più contratti o dal loro scopo noto alle parti al momento della conclusione del contratto deriva che essi sono interdipendenti, la creazione di ciascuno di essi è condizione per la creazione di altri contratti. La cessazione dell’obbligazione di uno di essi senza la soddisfazione del creditore annulla gli altri contratti dipendenti, con analoghi effetti giuridici.

§ 1728
(1) Ciascuno può negoziare un contratto liberamente e non è responsabile di non concluderlo, a meno che non inizi o continui a negoziare un contratto senza l’intenzione di concludere il contratto.

(2) Nel negoziare la conclusione di un contratto, le parti contraenti si comunicano reciprocamente tutte le circostanze di fatto e di diritto di cui sono a conoscenza o devono conoscere, in modo che ciascuna parte possa essere convinta della possibilità di concludere un contratto valido e in modo che ciascuna parte ha un interesse alla conclusione del contratto.

§ 1729
(1) Se le parti raggiungono una distanza tale nella negoziazione del contratto che la conclusione del contratto appare altamente probabile, la parte che, nonostante le ragionevoli aspettative dell’altra parte nella conclusione del contratto, risolve la conclusione del contratto senza motivazione.

(2) Una parte che agisce in modo disonesto deve risarcire l’altra parte per il danno, ma al massimo nella misura corrispondente alla perdita del contratto non concluso in casi simili.

§ 1730
(1) Se le parti forniscono dati e comunicazioni durante la negoziazione del contratto, ciascuna delle parti ha il diritto di conservarne le registrazioni, anche se il contratto non è concluso.

(2) Se una parte ottiene un’informazione o una comunicazione riservata durante la negoziazione di un contratto sull’altra parte, deve garantire che non venga utilizzata in modo improprio o che non venga divulgata senza un motivo legale. Se viola questo dovere e si arricchisce con esso, darà all’altra parte ciò di cui si è arricchita.

Sezione 2 Conclusione del contratto
Proposta per la conclusione di un contratto
§ 1731
Dalla proposta di conclusione del contratto (di seguito “offerta”) deve risultare chiaro che il proponente intende concludere un determinato contratto con il soggetto nei cui confronti fa un’offerta.

§ 1732
(1) L’azione legale che porta alla conclusione di un contratto è un’offerta se contiene gli elementi essenziali del contratto in modo che il contratto possa essere concluso con la sua semplice e incondizionata accettazione e se implica la volontà del proponente di essere vincolato da contratto in caso di accettazione dell’offerta.

(2) Si considera che una proposta di consegna di beni o di prestazione di un servizio a un prezzo determinato fatta in attività commerciali mediante pubblicità, nel catalogo o esposizione di beni è un’offerta soggetta ad esaurimento delle scorte o alla perdita della capacità dell’imprenditore di eseguire.

§ 1733
Un’espressione di volontà che non è conforme al § 1732 non è un’offerta e non può quindi essere accettata. Se l’espressione di volontà contiene una promessa di prestazione per una determinata prestazione o risultato, si tratta di una promessa pubblica, altrimenti di un semplice invito a presentare un’offerta. Lo stesso vale per un’espressione rivolta a una cerchia indefinita di persone o che ha natura pubblicitaria, a meno che non sia chiaro il contrario.

§ 1734
Un’offerta fatta oralmente deve essere accettata senza indugio, a meno che qualcos’altro non derivi dal suo contenuto o dalle circostanze in cui è stata fatta. Ciò vale anche se alla persona presente è stata presentata un’offerta scritta.

§ 1735
Un’offerta fatta per iscritto ad una persona assente deve essere accettata entro il termine specificato nell’offerta. Se non è specificato alcun termine, l’offerta può essere accettata entro un termine adeguato alla natura dell’appalto proposto e alla velocità con cui l’offerente ha inviato l’offerta.

§ 1736
Un’offerta è irrevocabile se espressamente indicata in essa o se le parti lo concordano. Un’offerta è irrevocabile anche se risulta dalle trattative delle parti sulla conclusione del contratto, da loro precedenti rapporti commerciali, o dalla dogana.

§ 1737 Cancellazione di un’offerta
Sebbene l’offerta sia irrevocabile, può essere annullata se l’annullamento avviene all’altra parte prima della consegna dell’offerta o almeno contemporaneamente alla stessa.

§ 1738 Ritiro dell’offerta
(1) Anche se un’offerta è revocabile, non può essere revocata entro il termine fissato per la sua accettazione, a meno che ciò non sia riservato nell’offerta. Un’offerta revocabile può essere revocata solo se la revoca avviene all’altra parte prima che l’altra parte abbia inviato l’accettazione dell’offerta.

(2) Un’offerta non può essere revocata se esprime irrevocabilità.

§ 1739
(1) Se l’offerta viene respinta, il rifiuto decade con effetto.

(2) Se una delle parti muore o perde il diritto di concludere un contratto, l’offerta decade se risulta dall’offerta stessa o dalla natura e dallo scopo del contratto proposto.

Accettazione dell’offerta
§ 1740
(1) La persona a cui è indirizzata l’offerta accetta l’offerta se dà il suo consenso in tempo utile nei confronti del proponente. Il silenzio o l’inazione non sono di per sé un’accettazione.

(2) L’espressione di volontà, che contiene aggiunte, riserve, restrizioni o altre modifiche, è un rifiuto dell’offerta ed è considerata una nuova offerta. Tuttavia, l’accettazione dell’offerta è una risposta che definisce in altre parole il contenuto del contratto proposto.

(3) Una risposta con una modifica o una deviazione, che non modifica sostanzialmente le condizioni dell’offerta, è l’accettazione dell’offerta, a meno che il proponente non rifiuti tale accettazione senza indebito ritardo. Il proponente può escludere l’accettazione di un’offerta con una modifica o una deviazione già in fase di gara o in altro modo che non sollevi dubbi.

§ 1741
In caso di offerta rivolta a più persone, il contratto è concluso se tutte queste persone accettano l’offerta, se il suo contenuto implica l’intenzione del proponente che tutti i destinatari dell’offerta diventino parti del contratto, o se tale intenzione può ragionevolmente essere attesa dalle circostanze in cui è stata fatta l’offerta. Lo stesso vale, mutatis mutandis, se l’intenzione del ricorrente di diventare parte del contratto è un certo numero di tali persone.

§ 1742
L’accettazione dell’offerta può essere annullata se l’annullamento perviene al proponente entro e non oltre l’accettazione.

§ 1743
(1) L’accettazione tardiva di un’offerta ha anche gli effetti dell’accettazione anticipata se il proponente comunica alla persona che ha presentato l’offerta almeno oralmente senza indebito ritardo che considera l’accettazione tempestiva o inizia a comportarsi in conformità con l’offerta.

(2) Se dal documento che esprime l’accettazione dell’offerta risulta che la stessa è stata inviata in circostanze tali da giungere in tempo al ricorrente se fosse trasportata nel modo consueto, l’accettazione tardiva ha gli effetti dell’accettazione tempestiva, a meno che il proponente comunica alla persona, almeno oralmente, senza indugio, che l’offerta doveva essere considerata obsoleta.

§ 1744
Tenuto conto del contenuto dell’offerta o della prassi instaurata tra le parti, o ove questa sia consuetudine, il destinatario dell’offerta può accettare l’offerta in modo da ottemperarvi, in particolare fornendo o accettando prestazione. L’accettazione dell’offerta ha effetto dal momento in cui si è svolta l’assemblea, se avvenuta in tempo utile.

§ 1745
Il contratto è concluso nel momento in cui prende effetto l’accettazione dell’offerta.

Sezione 3 Contenuto del contratto
§ 1746
(1) Le disposizioni di legge che disciplinano i singoli tipi di contratto si applicano ai contratti il ​​cui contenuto include gli elementi essenziali del contratto stabiliti nella disposizione di base per ciascuno di questi contratti.

(2) Le parti possono anche stipulare un tale contratto, che non è specificamente disciplinato come tipo di contratto.

§ 1747
Se il contratto è a titolo gratuito, si ritiene che il debitore abbia voluto impegnare meno che più.

§ 1748
Si ritiene che l’accordo che una determinata parte del contenuto del contratto sarà successivamente concordato tra le parti è condizione per l’efficacia del contratto concluso.

§ 1749
(1) Se le parti concordano che un determinato requisito del contratto deve essere determinato da un terzo o da un tribunale, tale determinazione è una condizione per l’efficacia del contratto. Se il terzo non specifica il requisito del contratto entro un termine ragionevole o rifiuta di specificarlo, ciascuna delle parti può proporre che il requisito sia determinato da un tribunale.

(2) Nel determinare il requisito, si tiene conto dello scopo che il contratto sembra perseguire, delle circostanze in cui il contratto è stato concluso, nonché dell’equità dei diritti e degli obblighi delle parti.

§ 1750
Se l’avente diritto non propone di integrare il contenuto del contratto entro il termine pattuito, altrimenti entro un anno dalla conclusione del contratto, si considera risolto il contratto dall’inizio.

§ 1751
(1) Parte del contenuto del contratto può essere determinato facendo riferimento alle condizioni commerciali che il proponente allega all’offerta o che sono note alle parti. Le disposizioni divergenti del contratto prevalgono sulla formulazione dei termini e delle condizioni.

(2) Se le parti nell’offerta e nell’accettazione dell’offerta fanno riferimento a condizioni commerciali contrastanti, il contratto è comunque concluso con il contenuto specificato nella misura in cui le condizioni commerciali non sono in conflitto; ciò vale anche se le condizioni commerciali lo precludono. Se una delle parti lo esclude al più tardi senza indebito ritardo dopo lo scambio di espressioni di volontà, il contratto non è concluso.

(3) Quando si stipula un contratto tra imprenditori, parte del contenuto del contratto può essere determinato da un mero riferimento alle condizioni commerciali preparate da organizzazioni professionali o di interesse.

§ 1752
(1) Se un soggetto in normali rapporti d’affari con un numero maggiore di persone conclude contratti vincolanti a lungo termine per la riesecuzione dello stesso tipo con riferimento a condizioni commerciali e se la natura dell’obbligazione indica già una ragionevole necessità per la loro successiva modifica che la parte possa modificare i termini e le condizioni in misura ragionevole. L’accordo è valido se è stato almeno concordato preventivamente come la modifica sarà notificata all’altra parte e se questa ha il diritto di rifiutare la modifica e l’obbligo di rescindere per questo motivo sufficiente per ottenere servizi simili da un altro fornitore ; tuttavia, non si terrà conto di un accordo che attribuisca a tale denuncia un obbligo speciale per la parte denunciante.

(2) Se l’ambito delle modifiche ai termini e condizioni non è stato concordato, i cambiamenti causati da tale cambiamento di circostanze, che la parte che fa riferimento ai termini e alle condizioni doveva anticipare al momento della conclusione del contratto, o cambiamenti causati da cambiamenti i suoi rapporti personali o patrimoniali non saranno presi in considerazione.

§ 1753
Una disposizione dei termini e delle condizioni che l’altra parte non avrebbe potuto ragionevolmente aspettarsi sarebbe inefficace se non espressamente accettata da tale parte; non si tiene conto della disposizione opposta. L’esistenza di una siffatta disposizione sarà valutata non solo alla luce del suo contenuto, ma anche per il modo in cui è espressa.

§ 1754
(1) Qualora le parti del contratto utilizzino una clausola prevista dalle norme interpretative applicabili, si riterrà che tale clausola abbia inteso produrre gli effetti giuridici previsti dalle norme interpretative richiamate nel contratto o dalle norme interpretative che , tenuto conto della natura dei contratti vengono solitamente utilizzati.

(2) Se una delle parti del contratto non è un imprenditore, il significato della clausola può essere invocato contro quella parte solo se è dimostrato che il suo significato doveva essere noto a quella parte.

§ 1755
Se una parte ritira generalmente le obiezioni alla validità del contratto, ciò non viene preso in considerazione.

Sezione 4 Forma del contratto
§ 1756
Se il contratto non è concluso a parole, le circostanze delle parti per stabilirne i termini devono essere chiare dalle circostanze; in tal modo si terrà conto non solo del comportamento delle parti, ma anche dei listini prezzi, delle offerte pubbliche e degli altri documenti emessi.

§ 1757
(1) Dopo aver concluso un contratto tra le parti in una forma diversa da quella scritta, spetta alle parti decidere se confermare per iscritto il contenuto del contratto.

(2) Se uno di loro lo fa nel corso degli affari delle parti ritenendo che la sua conferma coglie fedelmente il contenuto del contratto, il contratto si considera concluso con il contenuto specificato nella conferma, anche se mostra deviazioni dal contenuto effettivamente concordato del contratto. Ciò si applica solo se le deviazioni indicate nella conferma modificano l’effettivo contenuto concordato del contratto in modo non sostanziale e sono di natura tale che un imprenditore ragionevole le approverebbe comunque e a condizione che l’altra parte non rifiuti queste deviazioni .

(3) Il paragrafo 2 si applica anche se il contratto è stato concluso nel corso degli affari di una delle parti e il suo contenuto è confermato dall’altra parte.

§ 1758
Se le parti concordano di utilizzare un determinato modulo per la conclusione, si considerano non vincolate se tale modulo non è rispettato. Ciò vale anche se una delle parti esprime la volontà di concludere il contratto per iscritto.

Sezione 5 Effetti del contratto
Condizioni generali
§ 1759
Il contratto della parte è vincolante. Può essere modificato o cancellato solo con il consenso di tutte le parti o per altri motivi legali. Il contratto funziona con altre persone solo nei casi previsti dalla legge.

§ 1760
Il fatto che una parte non fosse legittimata a disporre di quanto da eseguire in forza del contratto al momento della conclusione del contratto non determina di per sé l’invalidità del contratto.

§ 1761
Il divieto di gravame o di alienazione ha effetto solo tra le parti, a meno che non sia stato accertato come diritto reale. Tale divieto si applica se è stato costituito per la durata del fondo fiduciario, della successione fiduciaria, della rappresentanza o per altro periodo di tempo determinato e congruo nell’interesse del soggetto meritevole di tutela giudiziaria.

§ 1762
(1) Se la legge stabilisce che una decisione di un determinato organo è necessaria per l’efficacia del contratto, il contratto è efficace con questa decisione.

(2) Se la proposta di decisione non è stata presentata entro un anno dalla conclusione del contratto, si considera che il contratto è risolto dall’inizio. Questo è vero anche se la proposta è stata respinta.

§ 1763
Qualora una parte conceda a più persone, mediante contratti conclusi successivamente, il diritto di utilizzare o godere contemporaneamente della stessa cosa, tale diritto deve essere acquisito dalla persona alla quale il cedente per primo ha fornito la cosa per l’uso o il godimento. Se non esiste tale persona, il diritto spetta alla persona con cui è stato concluso il contratto, che è entrato in vigore per primo.

Cambiamento di circostanze
§ 1764
Se, dopo la conclusione del contratto, le circostanze cambiano a tal punto che l’adempimento del contratto diventa più difficile per una delle parti, ciò non cambia il suo obbligo di pagare il debito. Ciò non si applica nei casi previsti nei § 1765 e 1766.

§ 1765
(1) Se si verifica un cambiamento nelle circostanze così significativo che il cambiamento crea una sproporzione particolarmente grave nei diritti e negli obblighi delle parti svantaggiando una di esse o aumentando in modo sproporzionato il costo della prestazione o riducendo in modo sproporzionato il valore dell’oggetto della prestazione, l’interessato ha diritto di pretendere la riparazione del contratto, qualora dimostri che non avrebbe potuto ragionevolmente anticipare o influenzare la modifica e che il fatto si è verificato solo dopo la conclusione del contratto, o ne è venuto a conoscenza solo dopo la conclusione del contratto. L’esercizio di tale diritto non dà diritto all’interessato di differire l’adempimento.

(2) Il diritto di cui al paragrafo 1 non sorge per la parte interessata se ha assunto il rischio di un cambiamento delle circostanze.

§ 1766
(1) Se le parti non si accordano entro un termine ragionevole, il tribunale può decidere sulla mozione di una delle parti di modificare l’obbligo previsto dal contratto ripristinando l’equilibrio dei diritti e degli obblighi delle parti o di annullarlo alla data e alle condizioni specificate nella decisione. Il giudice non è vincolato dalla proposta delle parti.

(2) Il tribunale respinge la proposta di modifica dell’impegno se l’interessato non ha esercitato il diritto di riprendere le trattative sul contratto entro un termine ragionevole, che deve aver identificato il cambiamento di circostanze; tale periodo è considerato di due mesi.

Contratto a favore di terzi
§ 1767
(1) Se, secondo il contratto, il debitore deve adempiere a un terzo, il creditore può chiedere che il debitore lo adempia.

(2) A seconda del contenuto, della natura e dello scopo del contratto, si valuta se e quando anche un terzo ha acquisito un diritto diretto a esigere l’adempimento. Si considera che un terzo abbia acquisito tale diritto se la prestazione è principalmente a suo vantaggio.

(3) Il debitore ha anche obiezioni al contratto nei confronti di un terzo.

§ 1768
Se un terzo rifiuta il diritto acquisito in virtù del contratto, è trattato come se non avesse acquisito i diritti alla prestazione. Se ciò non contraddice il contenuto e lo scopo del contratto, il creditore può esigere per sé l’adempimento.

§ 1769 Contratto per l’esecuzione di un terzo
Se qualcuno si impegna a garantire per l’altra parte che il terzo lo adempie, si impegna ad intercedere presso il terzo per fornire la prestazione concordata. Tuttavia, se qualcuno si impegna a che il terzo adempia a quanto pattuito, risarcirà il danno subito dal creditore se l’adempimento non avviene.

Sezione 6 Modalità speciali di conclusione di un contratto
§ 1770
Le disposizioni sull’offerta e sull’accettazione dell’offerta si applicano mutatis mutandis al caso in cui le parti concordino una diversa procedura per la conclusione del contratto.

§ Asta 1771
(1) Durante l’asta, il contratto è concluso da un martello.

(2) Un’offerta già effettuata sarà annullata se viene presentata un’offerta più alta o se l’asta viene chiusa senza un colpo.

Gara pubblica per l’offerta più adatta
§ 1772
Chi bandisce un concorso per l’offerta più idonea a persone non meglio specificate procede quindi a un bando di gara.

§ 1773
L’offerente definisce per iscritto, almeno in termini generali, l’oggetto della prestazione e i principi dell’altro contenuto del contratto previsto, su cui insiste, e determina le modalità di presentazione delle offerte e il termine entro il quale le offerte può essere presentato. Pubblica in modo appropriato il contenuto delle condizioni del concorso.

§ 1774
Il presentatore non può modificare le condizioni pubblicate del concorso o annullare il concorso, a meno che non lo abbia prenotato nelle condizioni del concorso. Pubblicherà la modifica o la cancellazione nello stesso modo in cui ha pubblicato le condizioni del concorso.

§ 1775
(1) Il presentatore deve includere l’offerta nel concorso se il suo contenuto corrisponde alle condizioni pubblicate del concorso. L’offerta può discostarsi da essi solo nella misura consentita dalle condizioni del concorso.

(2) Un’offerta presentata dopo il termine specificato nelle condizioni del concorso non può essere inclusa nel concorso.

(3) Il proponente ha diritto al rimborso dei costi associati alla partecipazione al concorso, se le condizioni del concorso lo consentono.

§ 1776
(1) A meno che le condizioni del concorso non stabiliscano diversamente, l’offerta non può essere revocata dopo la scadenza del termine specificato nelle condizioni dell’offerta per la presentazione delle offerte.

(2) Le condizioni del concorso possono prevedere che l’offerta possa essere modificata o integrata; tuttavia, non si terrà conto di eventuali modifiche apportate all’offerta dopo la scadenza del termine indicato nel capitolato d’oneri. La correzione degli errori commessi durante la preparazione dell’offerta può essere effettuata in qualsiasi momento, a meno che le condizioni del concorso non lo impediscano.

§ 1777
(1) Il banditore seleziona l’offerta più idonea e ne annuncia l’accettazione nei modi e nei termini indicati nelle condizioni del concorso.

(2) Se le condizioni della selezione dell’offerta non sono previste dalle condizioni del concorso, l’annunciatore ha il diritto di selezionare l’offerta che gli si addice meglio.

§ 1778
(1) Il presentatore accetta l’offerta selezionata ai sensi del § 1777. Se notifica al proponente l’accettazione dell’offerta dopo il termine specificato nelle condizioni di concorso, il contratto non è concluso se il proponente selezionato informa il presentatore senza indebito ritardo che rifiuta di accettare l’offerta.

(2) Il presentatore può rifiutare tutte le offerte presentate se le ha riservate nelle condizioni del concorso.

§ 1779
Il banditore deve, senza indebito ritardo dopo la fine del concorso, comunicare ai proponenti che non hanno vinto il concorso che hanno rifiutato le loro offerte.

Offerta pubblica
§ 1780
(1) Un’offerta pubblica è una manifestazione della volontà del proponente con la quale si rivolge a persone a tempo indeterminato con una proposta per concludere un contratto.

(2) Un’iniziativa per concludere un contratto, dal quale non si intende concludere un determinato contratto o che non ha i requisiti di cui all’articolo 1732 comma 1, è considerata un invito a presentare offerte.

§ 1781
Una gara pubblica può essere revocata se il ricorrente ha pubblicato il ricorso prima dell’accettazione della gara pubblica secondo le modalità con cui è stata pubblicata la gara pubblica.

§ 1782
(1) Sulla base di un’offerta pubblica, il contratto è concluso con la persona che per prima informa il proponente in tempo utile e in conformità con essa che accetta l’offerta pubblica. Se più persone accettano contemporaneamente un’offerta pubblica, il contratto si perfeziona con quello prescelto dal proponente.

(2) Se l’offerta pubblica non specifica un termine per l’accettazione, si applica ad essa il termine appropriato alla natura dell’offerta pubblica.

§ 1783
(1) Il proponente notifica al beneficiario la conclusione del contratto senza indebito ritardo dopo l’accettazione dell’offerta pubblica. Informa gli altri che hanno fallito.

(2) Se il proponente conferma la conclusione del contratto al beneficiario più tardi di quanto stipulato nel paragrafo 1, il contratto non viene creato se il beneficiario rifiuta di concludere il contratto senza indebito ritardo dopo aver ricevuto la conferma del firmatario della conclusione del contratto .

§ 1784
(1) Se l’offerta pubblica lo prevede esplicitamente, il contratto è concluso con un certo numero di persone, o con tutti coloro che hanno accettato l’offerta pubblica entro il termine di cui all’articolo 1782.

(2) Se il proponente non adempie all’obbligo di notifica, è vincolato da tutte le accettazioni dell’offerta pubblica, i cui originatori non ha notificato il risultato.

Sezione 7 Accordo contrattuale futuro
§ 1785 Disposizioni di base
Con un contratto su un contratto futuro, almeno una delle parti si impegna a concludere, su richiesta, un contratto futuro entro il termine concordato, altrimenti entro un anno, il cui contenuto è concordato almeno in via generale.

§ 1786
La parte obbligata è obbligata a concludere il contratto senza indebito ritardo dopo essere stata invitata a farlo dall’avente diritto ai sensi del contratto future.

§ 1787
(1) Se la parte obbligata non adempie all’obbligo di concludere il contratto, la parte avente diritto può richiedere che il contenuto del contratto futuro sia determinato da un tribunale o da una persona indicata nel contratto. Se questa persona non specifica il contenuto del contratto futuro entro un termine ragionevole o rifiuta di determinarlo, l’avente diritto può proporre che sia determinato da un tribunale.

(2) Il contenuto del contratto futuro deve essere determinato in base allo scopo che è probabile che la conclusione del contratto futuro monitori. A tal fine, si baserà sulle proposte delle parti e terrà conto delle circostanze in cui il futuro contratto è stato concluso, nonché della congruità dei diritti e degli obblighi delle parti.

§ 1788
(1) Se l’avente diritto non invita la parte obbligata a concludere il contratto in tempo, l’obbligo di concludere il contratto futuro scade.

(2) Se le circostanze su cui le parti hanno apparentemente fatto affidamento sul contratto futuro quando è sorta l’obbligazione, nella misura in cui la parte obbligata non può essere ragionevolmente tenuta a concludere il contratto, l’obbligo di concludere il contratto futuro cessa. Se l’obbligato non comunica all’avente diritto il mutamento di circostanze senza indebito ritardo, è tenuto a risarcire all’avente diritto il danno da essa cagionato.

Parte 3 Contenuto degli impegni
Condizioni generali
§ 1789
Il debitore è obbligato a dare qualcosa, a fare qualcosa, ad astenersi da qualcosa o a tollerare qualcosa, e il creditore ha il diritto di esigerlo da lui.

§ 1790
L’obbligazione non può essere modificata senza l’accordo del creditore e del debitore, salvo diversa disposizione di legge.

§ 1791
(1) L’origine e la durata dell’obbligazione non possono essere impedite, a meno che non sia indicato il motivo in base al quale il debitore è obbligato ad adempiere; tuttavia, il creditore è tenuto a provare il motivo dell’obbligazione.

(2) Nel caso di una passività derivante da una garanzia, il creditore non deve provare il motivo della passività, se non diversamente previsto dalla legge.

§ 1792 Pagamento per le prestazioni
(1) Se il contratto impone alle parti l’obbligo di fornire e accettare la prestazione a titolo oneroso senza concordare il suo importo, o il modo in cui tale importo sarà determinato, si applica che il corrispettivo è stato concordato nell’importo consueto al momento e luogo di conclusione del contratto. Se non è possibile determinare l’importo della retribuzione in questo modo, il giudice lo determina tenendo conto del contenuto del contratto, della natura della prestazione e delle consuetudini.

(2) Se la remunerazione è stata concordata in contrasto con le disposizioni di legge sui prezzi, si considera concordata quella ammissibile ai sensi della presente normativa.

Accorciamento sproporzionato
§ 1793
(1) Se le parti si impegnano ad adempiere reciprocamente e se la prestazione di una delle parti è gravemente sproporzionata rispetto a quanto previsto dall’altra parte, la parte abbreviata può chiedere la risoluzione del contratto e il ripristino di tutto, a meno che l’altra parte add è stato abbreviato, tenuto conto del prezzo abituale al momento e nel luogo di conclusione del contratto. Ciò non si applica se la disparità delle prestazioni reciproche si basa su fatti di cui l’altra parte non era a conoscenza o non doveva conoscere.

(2) Il paragrafo 1 non si applica in caso di acquisto in borsa, nel commercio di uno strumento di investimento ai sensi di un’altra legge, in un’asta o in modo equiparato a un’asta pubblica, o nel caso di scommesse o giochi, o in insediamento o novazione se sono stati effettuati in modo equo.

§ 1794
(1) Il diritto di cui al § 1793 non sorge se il motivo della sproporzione delle prestazioni reciproche deriva da un rapporto speciale tra le parti, in particolare se la parte abbreviata intendeva eseguire in parte a pagamento e in parte a titolo gratuito, o se il la quantità di abbreviazione non può più essere determinata.

(2) Il diritto di cui al § 1793 non sorge anche se la parte abbreviata vi ha espressamente rinunciato e ha dichiarato di accettare la prestazione a un prezzo straordinario per speciale popolarità, o se ha accettato un prezzo sproporzionato, anche se il prezzo effettivo di la performance era o doveva essere conosciuta.

§ 1795
Il diritto di cui al § 1793 decade se non viene esercitato entro un anno dalla conclusione del contratto.

§ 1796 Usura
È nullo il contratto in cui qualcuno abusa dell’angoscia, dell’inesperienza, della debolezza mentale, dell’agitazione o dell’incoscienza dell’altra parte e dà a se stesso o ad altri di promettere o fornire prestazioni, il cui valore della proprietà è gravemente sproporzionato tra loro.

§ 1797
Un imprenditore che ha concluso un contratto nel corso della sua attività non ha diritto di chiedere la risoluzione del contratto ai sensi dell’articolo 1793 (1), né può invocare l’invalidità del contratto ai sensi dell’articolo 1796.

Contratti conclusi in modo adesivo
§ 1798
(1) Le disposizioni sui contratti conclusi in modo adesivo si applicano a qualsiasi contratto le cui condizioni di base sono state determinate da una delle parti contraenti o secondo le sue istruzioni, senza che la parte più debole abbia una reale possibilità di influenzare il contenuto di queste condizioni di base .

(2) Se una forma contrattuale utilizzata nelle relazioni d’affari o un altro mezzo simile viene utilizzata per concludere un contratto con una parte più debole, il contratto si considera concluso in modo adesivo.

§ 1799
Una clausola in un contratto concluso in maniera adesiva, che fa riferimento a condizioni enunciate al di fuori del testo stesso del contratto, è valida se la parte più debole era a conoscenza della clausola e del suo significato o se è dimostrato che doveva conoscerne il significato della clausola.

§ 1800
(1) Se un contratto concluso in modo adesivo contiene una clausola che può essere letta solo con particolari difficoltà o una clausola che è incomprensibile per una persona di buon senso, questa clausola è valida a meno che non causi danno alla parte più debole o all’altra parte dimostra che: alla parte più debole, il significato della clausola è stato sufficientemente spiegato.

(2) Se un contratto concluso in modo adesivo contiene una clausola particolarmente svantaggiosa per la parte più debole senza un motivo ragionevole, soprattutto se il contratto si discosta gravemente e senza motivo speciale dalle condizioni abituali negoziate in casi simili, la clausola non è valida . Se richiesto da un equo accordo dei diritti e degli obblighi delle parti, il tribunale decide in modo analogo ai sensi del § 577.

§ 1801
Se le parti si discostano dal § 1799 o 1800 o se escludono una di queste disposizioni, ciò non sarà preso in considerazione. Ciò non si applica ai contratti conclusi tra imprenditori, a meno che una parte non dimostri che una clausola al di fuori del testo stesso del contratto e proposta dall’altra parte è gravemente contraria alla pratica commerciale e al principio della correttezza commerciale.

Interesse
§ 1802
Se devono essere pagati gli interessi e l’importo non è concordato, il debitore paga gli interessi nella misura prevista dalla legge. Se nessun interesse è così determinato, il debitore paga gli interessi consueti richiesti per i prestiti concessi dalle banche nel luogo di residenza o sede del debitore al momento della conclusione del contratto.

§ 1803
L’importo pattuito degli interessi si considera riferito al periodo annuale.

§ 1804
Gli interessi sono pagati nella stessa valuta del debito principale (capitale).

§ 1805
(1) Se il periodo di pagamento degli interessi non è concordato, gli interessi devono essere pagati con il capitale e, se il capitale è dovuto oltre un anno, gli interessi devono essere pagati annualmente in arretrato.

(2) Il creditore che, senza motivo ragionevole, ritarda l’esercizio del diritto al pagamento del debito in modo tale che gli interessi corrispondano al capitale, perde il diritto di richiedere ulteriori interessi. Tuttavia, dal giorno in cui ha esercitato il suo diritto in tribunale, ha diritto a interessi aggiuntivi.

§ 1806
Gli interessi sugli interessi possono essere richiesti se concordati. Nel caso di una domanda per un atto illecito, gli interessi sugli interessi possono essere richiesti a partire dalla data in cui la domanda è stata presentata dinanzi a un tribunale.

§ Deposito 1807
Si ritiene che ciò che una parte ha dato all’altra prima di concludere il contratto sia un anticipo.

Impegno
§ 1808
(1) Se è stato concordato un obbligo, è necessario che sia presentato al più tardi alla conclusione del contratto. L’impegno conferma la conclusione del contratto e la parte che lo ha prestato fornisce l’assicurazione che il debito sarà adempiuto.

(2) Se il debito non è soddisfatto per ragione da parte della persona che ha presentato il credito, l’altra parte può mantenere il credito. Se tale parte ha presentato un reclamo, ha il diritto di chiedere che sia pagato il doppio, o che il debitore ripaghi il debito o, se il debito non è più possibile, un risarcimento.

§ 1809
Se una delle parti ha avanzato una pretesa e se contestualmente è stato pattuito il diritto di recedere dal contratto senza separata indennità di licenziamento, la pretesa è considerata indennità di licenziamento. Se la parte che ha avanzato la pretesa recede dal contratto, perde il diritto alla restituzione; se la parte che ha accolto la domanda si ritira, deve cedere il doppio all’altra.

Parte 4 Disposizioni sulle obbligazioni derivanti da contratti conclusi con il consumatore
Sezione 1 Disposizioni generali
§ 1810
Le disposizioni della presente parte si applicano ai contratti conclusi con il consumatore dall’imprenditore (di seguito denominati “contratti di consumo”) e alle obbligazioni da essi derivanti.

§ 1811
(1) Tutte le comunicazioni al consumatore devono essere effettuate dal commerciante in modo chiaro e comprensibile nella lingua in cui è concluso il contratto.

(2) Se il comportamento delle parti è diretto alla conclusione di un contratto e questi fatti non sono chiari dal contesto, l’imprenditore deve informare il consumatore in tempo utile prima della conclusione del contratto o prima che il consumatore faccia un’offerta vincolante .
a) la loro identità, o numero di telefono o indirizzo per la consegna della posta elettronica o altre informazioni di contatto,

b) la designazione dei prodotti o servizi e una descrizione delle loro caratteristiche principali,

c) il prezzo dei beni o servizi, o il metodo del suo calcolo, comprese tutte le tasse e le tasse,

d) il metodo di pagamento e il metodo di consegna o prestazione,

e) spese di consegna e, se tali costi non possono essere determinati in anticipo, l’indicazione che possono essere addebitati in aggiunta,

f) informazioni sui diritti derivanti da adempimento difettoso, nonché sui diritti in garanzia e altre condizioni per l’esercizio di tali diritti,

g) informazioni sulla durata dell’obbligazione e sulle condizioni per la risoluzione dell’obbligazione, se il contratto deve essere concluso a tempo indeterminato,

h) dati sulla funzionalità del contenuto digitale, comprese le misure tecniche di protezione; e

(i) informazioni sull’interazione del contenuto digitale con hardware e software che sono note alle imprese o che si può ragionevolmente presumere che siano note alle imprese.

(3) Le disposizioni del paragrafo 2 non si applicano a un contratto
(a) concluso per trattare questioni di vita quotidiana, se la prestazione reciproca deve aver luogo immediatamente dopo la sua conclusione, e

(b) la fornitura di contenuto digitale, se è stato fornito su un supporto materiale.

§ 1812
(1) Se il contenuto del contratto può essere interpretato in modi diversi, deve essere utilizzata l’interpretazione più favorevole per il consumatore.

(2) Non si tiene conto di disposizioni che si discostano dalle disposizioni di legge previste per la tutela dei consumatori. Ciò vale anche se il consumatore rinuncia a un diritto speciale concesso dalla legge.

§ 1813
Sono considerati vietati gli accordi che, contrariamente al requisito della proporzionalità, creano un significativo squilibrio dei diritti o degli obblighi delle parti a danno del consumatore. Ciò non si applica alle disposizioni relative all’oggetto o al prezzo, a condizione che siano fornite al consumatore in modo chiaro e comprensibile.

§ 1814
In particolare, accordi che:
a) escludere o limitare i diritti del consumatore dalla prestazione difettosa o dal risarcimento del danno,

b) obbligare il consumatore ad adempiere, mentre l’imprenditore è obbligato ad adempiere adempiendo una condizione dipendente dalla sua volontà,

c) consentire al professionista di non dare al consumatore ciò che il consumatore gli ha dato, anche se il consumatore non conclude il contratto o recede dallo stesso,

d) stabilire il diritto del commerciante di recedere dal contratto senza motivo, pur non dando al consumatore,

e) stabilire il diritto dell’imprenditore di rescindere l’obbligazione senza un motivo degno di considerazione speciale senza un ragionevole periodo di preavviso,

f) obbligare irrevocabilmente il consumatore ad adempiere a condizioni che non ha avuto modo di conoscere prima della conclusione del contratto,

g) consentire all’imprenditore di modificare i diritti o gli obblighi delle parti di sua spontanea volontà,

h) rinviare la determinazione del prezzo fino al periodo di esecuzione,

(i) consentire al professionista di aumentare il prezzo senza che il consumatore abbia il diritto di recedere dal contratto in caso di aumento sostanziale del prezzo,

j) privare il consumatore del diritto di intentare un’azione o utilizzare altri mezzi di ricorso o impedirgli di esercitare tale diritto, o obbligare il consumatore ad esercitare il suo diritto esclusivamente dinanzi a un tribunale arbitrale o a un arbitro che non sia vincolato dal diritto a tutela dei consumatori ;

(k) delegare al consumatore l’obbligo di dimostrare il rispetto dell’obbligo del professionista ai sensi delle disposizioni del contratto di servizi finanziari; o

(l) privare il consumatore del suo diritto di determinare quale obbligo debba essere adempiuto in via prioritaria dal servizio fornito.

§ 1815
Un accordo sproporzionato non deve essere preso in considerazione se non invocato dal consumatore.

§ 1816
(1) Se il prezzo è pagato almeno in parte mediante un prestito o un prestito fornito dall’imprenditore e il consumatore esercita il diritto di recesso dal contratto, gli effetti del recesso si applicano anche al contratto di credito o prestito; ciò vale anche se il prestito o il prestito è stato fornito da un terzo nell’ambito di un contratto concluso con l’imprenditore. In tal caso, al creditore o al prestatore oa qualsiasi altra persona è fatto divieto di imporre sanzioni al consumatore.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano nel caso in cui il contratto del consumatore sia stato concluso a distanza o che si tratti di un contratto del consumatore per l’uso temporaneo di alloggi e altri servizi ricreativi. Negli altri casi si applicano le disposizioni del comma 1, salvo che le parti del contratto di credito o di prestito vi deroghino o le escludano.

§ 1817
Il commerciante non può richiedere al consumatore un pagamento ulteriore rispetto a quello che il consumatore è obbligato a effettuare sulla base dell’obbligo contrattuale principale, a meno che il consumatore non abbia dato il suo esplicito consenso a tale ulteriore pagamento.

§ 1818
Se il consumatore ha il diritto di recedere dal contratto in base alle disposizioni di questa parte, non è tenuto a indicarne il motivo e il diritto di recedere dal contratto non può essere accompagnato da una sanzione. Se il consumatore esercita il diritto di recesso dal contratto in conformità con le disposizioni della presente parte, il periodo di recesso si considera rispettato se il consumatore invia al professionista durante il recesso un avviso che sta recedendo dal contratto.

§ 1819
Il testo viene conservato se i dati vengono forniti in modo tale da poter essere archiviati e visualizzati ripetutamente.

Sezione 2: Conclusione a distanza e obblighi derivanti da contratti fuori dei locali commerciali
Sottosezione 1 Disposizioni generali
§ 1820 Comunicazione prima della conclusione del contratto
(1) Se la condotta delle parti è diretta alla conclusione di un contratto e se l’imprenditore utilizza esclusivamente almeno un mezzo di comunicazione che consente di concludere il contratto senza la contemporanea presenza fisica delle parti (di seguito “mezzo di comunicazione a distanza”) o se tale condotta è finalizzata alla conclusione del contratto al di fuori della normale sede di attività dell’imprenditore, l’imprenditore deve informare il consumatore in tempo utile prima della conclusione del contratto o prima che il consumatore faccia un’offerta vincolante anche
a) il costo dei mezzi di comunicazione a distanza, se diverso dalla tariffa base,

b) l’ indicazione dell’eventuale obbligo di versare un anticipo o un corrispettivo analogo, se richiesto,

c) nel caso di un contratto il cui oggetto è la ripetizione della prestazione, il periodo più breve per il quale il contratto sarà vincolante per le parti,

d) nel caso di contratto concluso a tempo indeterminato o oggetto della ripetizione della prestazione, l’indicazione del prezzo o delle modalità della sua determinazione per un periodo di fatturazione, che è sempre di un mese, se tale prezzo rimane invariato,

e) nel caso di contratti conclusi a tempo indeterminato o aventi per oggetto una prestazione ripetuta, il dettaglio di tutte le imposte, tasse e costi per la fornitura di beni o servizi determinati ai sensi della lettera b);

f) qualora sia possibile esercitare il diritto di recesso, le condizioni, i termini e le modalità per esercitare tale diritto, nonché il modulo per il recesso dal contratto, i cui dettagli sono indicati nella normativa di attuazione,

g) una dichiarazione che in caso di recesso il consumatore sosterrà le spese di restituzione del bene e, in caso di contratto a distanza, le spese di restituzione del bene qualora il bene, per sua natura, non possa essere rispedito a mezzo posta ordinaria ;

h) informazioni sull’obbligo di corrispondere una parte proporzionale del prezzo in caso di recesso dal contratto, il cui oggetto è la prestazione di servizi e la cui esecuzione è già iniziata,

i) se si tratta di un contratto ai sensi del § 1837 lettera (l), un’indicazione che il consumatore non può recedere dal contratto o, a quali condizioni, se il suo diritto di recesso scade, e

j) l’ indicazione dell’esistenza, delle modalità e delle condizioni della risoluzione extragiudiziale dei reclami dei consumatori, compresa la possibilità di proporre reclamo a un’autorità di controllo oa un’autorità di controllo nazionale.

(2) Dati di cui al comma 1 lett . f), g) eh) l’imprenditore può altresì informare il consumatore, mediante un’istruzione tipo, della possibilità di recesso dal contratto, i cui dettagli sono indicati nella normativa di attuazione.

(3) Se l’imprenditore ha fornito al consumatore un’istruzione campione completa sulla possibilità di recedere dal contratto, si considera che abbia comunicato al consumatore i dati di cui al paragrafo 1 lettera. f), g) e h).

§ 1821
Se l’imprenditore non ha comunicato al consumatore dati su altre tasse e commissioni che il consumatore sopporterà ai sensi del § 1811 par. c) o sui costi secondo § 1811 comma 2 lett. e) o ai sensi del § 1820 comma 1 lett. g), il consumatore non è obbligato a pagare queste tasse, commissioni o costi all’imprenditore.

§ 1822 Contenuto del contratto
(1) Il contratto deve contenere anche i dati comunicati al consumatore prima della sua conclusione. Queste informazioni possono essere modificate se le parti sono espressamente d’accordo. Il contratto concluso deve essere conforme alle informazioni comunicate al consumatore prima della conclusione del contratto. Questi dati possono essere modificati se le parti sono d’accordo espressamente, altrimenti il ​​contenuto del contratto è più favorevole ai consumatori.

(2) L’ imprenditore ne rilascia almeno una copia al consumatore subito dopo la conclusione del contratto.

§ 1823 Obblighi derivanti da contratti per la fornitura di servizi
Se l’oggetto del contratto è la fornitura di servizi, l’imprenditore inizierà ad adempiere al suo obbligo entro il termine per il recesso dal contratto solo sulla base di una richiesta esplicita del consumatore fatta in forma testuale.

Disposizioni speciali sugli obblighi derivanti dai contratti a distanza
§ 1824
(1) Se il contratto viene negoziato mediante comunicazione a distanza, l’imprenditore comunica al consumatore i dati di cui al § 1811 comma 2 e § 1820 comma 1.

(2) Se i mezzi di comunicazione a distanza non consentono al consumatore di fornire tutti i dati, il consumatore riceverà almeno i dati ai sensi del § 1811 par. a), b), c) eg) e dati ai sensi del § 1820 comma 1 lett. b), c) e h). L’imprenditore deve comunicare gli altri dati al consumatore in forma di testo entro e non oltre il momento della prestazione.

§ 1825
Se il contratto viene negoziato per telefono, l’imprenditore deve comunicare al consumatore all’inizio della chiamata le informazioni di base su se stesso e lo scopo della chiamata.

§ 1826
(1) Quando si utilizzano mezzi elettronici, l’imprenditore deve anche indicare i dati
a) se il contratto concluso sarà depositato presso di lui e se consentirà al consumatore di accedervi,

b) le lingue in cui il contratto può essere concluso,

c) sui singoli passaggi tecnici che portano alla conclusione del contratto,

d) la possibilità di rilevare e correggere errori nell’inserimento dei dati prima dell’inoltro dell’ordine; e

(e) codici di condotta vincolanti o volontariamente osservati dagli imprenditori e loro accessibilità per via elettronica.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano se il contratto è concluso solo con l’uso della posta elettronica o con modalità simili che consentano una connessione separata e l’archiviazione dei dati.

(3) Prima di effettuare un ordine, il consumatore deve essere in grado di controllare e modificare i dati di input che ha inserito nell’ordine quando si utilizzano mezzi elettronici.

§ 1827
(1) Se il consumatore effettua un ordine tramite qualsiasi mezzo di comunicazione a distanza, l’imprenditore è obbligato a confermare immediatamente la sua ricezione con qualsiasi mezzo di comunicazione a distanza; ciò non si applica in caso di conclusione di un contratto esclusivamente mediante scambio di posta elettronica o analoga comunicazione individuale.

(2) Se il contratto è concluso con mezzi elettronici, l’imprenditore deve fornire al consumatore in forma di testo, oltre alla formulazione del contratto, anche la formulazione delle condizioni generali.

§ 1828 Disposizioni speciali sugli obblighi derivanti da contratti conclusi fuori dei locali commerciali
(1) Se il contratto viene negoziato al di fuori dell’area abituale per l’attività dell’imprenditore, l’imprenditore deve comunicare per iscritto al consumatore i dati di cui al § 1811 comma 2 e § 1820 comma 1; in un altro testo solo se il consumatore ha acconsentito.

(2) Un contratto concluso al di fuori dei locali abituali per l’attività dell’imprenditore è anche considerato un contratto concluso
a) nella normale sede di attività del professionista, se è chiusa immediatamente dopo che il professionista si è rivolto al consumatore al di fuori di tali locali, e

b) durante un viaggio organizzato dall’imprenditore allo scopo di promuovere e vendere beni o fornire servizi.

Recesso dal contratto
§ 1829
(1) Il consumatore ha il diritto di recedere dal contratto entro quattordici giorni. Il periodo di cui al primo periodo decorre dalla data di conclusione del contratto e, se del caso
a) il contratto di acquisto, dal giorno della presa in consegna della merce,

(b) un contratto avente per oggetto più beni o la fornitura di più parti, a decorrere dalla data di ricevimento dell’ultima fornitura di beni; o

c) un contratto, il cui oggetto è la consegna regolare e ripetuta della merce, a decorrere dalla data di presa in consegna della prima consegna della merce.

(2) Se il consumatore non è stato informato del diritto di recesso dal contratto ai sensi del § 1820 par. f), il consumatore può recedere dal contratto entro un anno e quattordici giorni dalla data di inizio del periodo di recesso di cui al paragrafo 1. Tuttavia, se il consumatore è stato informato del diritto di recedere dal contratto entro tale termine, ha ricevuto.

§ 1830
Se il professionista consente al consumatore di recedere compilando e inviando un modulo di recesso tipo sul sito web, deve confermare senza indugio l’accettazione del consumatore in forma di testo.

§ 1831
(1) Se il consumatore recede dal contratto, deve inviare o consegnare all’imprenditore senza indebito ritardo, entro e non oltre quattordici giorni dopo il recesso dal contratto, i beni che ha ricevuto da lui. Se il servizio è già stato fornito al consumatore, l’imprenditore non è obbligato a fare nulla al riguardo, ad eccezione delle disposizioni del § 1834.

(2) L’ imprenditore può richiedere al consumatore solo il rimborso dei costi previsti dalla presente legge.

§ 1832
(1) Se il consumatore recede dal contratto, l’imprenditore deve restituirgli senza indebito ritardo, entro e non oltre quattordici giorni dal recesso dal contratto, tutti i fondi, comprese le spese di consegna, che ha ricevuto da lui in base al contratto, in allo stesso modo. L’imprenditore restituirà il denaro ricevuto al consumatore in un altro modo solo se il consumatore ha acconsentito e se non sostiene costi aggiuntivi.

(2) Se il consumatore ha scelto un metodo diverso dal metodo di consegna dei beni più economico offerto dall’imprenditore, l’imprenditore rimborserà al consumatore i costi di consegna dei beni per l’importo corrispondente al metodo di consegna dei beni più economico offerto .

(3) L’ imprenditore rimborsa al consumatore i costi associati alla restituzione della merce, se non ha informato il consumatore dell’obbligo di sostenere tali costi in conformità con le disposizioni del § 1820 par. G).

(4) Se il consumatore recede dal contratto di acquisto, l’imprenditore non è obbligato a restituire i fondi ricevuti al consumatore prima che il consumatore consegni i beni o dimostri di aver inviato i beni all’imprenditore.

§ 1833
Il consumatore è responsabile nei confronti del commerciante solo della diminuzione del valore dei beni, risultante da una manipolazione di tali beni diversa da quella necessaria per trattarli in relazione alla loro natura e proprietà. Ciò non si applica se l’imprenditore non ha comunicato informazioni al consumatore in conformità con le disposizioni del § 1820 par. F).

§ 1834
Se il consumatore recede dal contratto, il cui oggetto è la fornitura di servizi e l’imprenditore ha iniziato la prestazione sulla base della richiesta esplicita del consumatore prima della scadenza del periodo di recesso, deve rimborsare all’imprenditore una parte del prezzo concordato per le prestazioni prestate fino al recesso. Se il prezzo concordato è sproporzionatamente alto, il consumatore deve pagare all’imprenditore una parte proporzionale del prezzo corrispondente al valore di mercato del servizio fornito.

§ 1835
L’imprenditore prenderà in consegna la merce dal consumatore nella sua abitazione a proprie spese se il consumatore recede dal contratto concluso al di fuori dei normali locali commerciali, la merce è stata consegnata alla abitazione del consumatore al momento della conclusione del contratto e la natura del la merce non consente l’invio per posta ordinaria.

§ 1836
Se il consumatore recede dal contratto, non sostiene alcun costo in relazione al contratto
a) il cui oggetto è la prestazione di servizi e l’imprenditore non ha fornito al consumatore dati ai sensi del § 1820 comma 1 lett. (d) e (f), o se il professionista ha iniziato la prestazione prima della scadenza del periodo di recesso, anche se il consumatore non l’ha espressamente richiesto, o

b) la consegna del contenuto digitale, se non è stato consegnato su un supporto materiale e l’imprenditore lo ha consegnato prima della scadenza del periodo di recesso, sebbene il consumatore non lo abbia richiesto esplicitamente o non abbia riconosciuto esplicitamente che il diritto di recedere dal scade il contratto o l’imprenditore non ha trasferito al consumatore una copia del contratto.

§ 1837
Il consumatore non può recedere dal contratto
a) sulla fornitura di servizi, se sono stati adempiuti con il suo previo consenso espresso prima della scadenza del periodo di recesso e il professionista ha informato il consumatore prima della conclusione del contratto che in tal caso non ha diritto di recedere dal contratto ,

b) la fornitura di beni o servizi, il cui prezzo dipende dalle fluttuazioni del mercato finanziario indipendentemente dalla volontà dell’imprenditore e che possono verificarsi durante il periodo di recesso dal contratto,

c) la fornitura di bevande alcoliche, che possono essere consegnate solo dopo trenta giorni e il cui prezzo dipende dalle fluttuazioni del mercato finanziario indipendentemente dalla volontà dell’imprenditore,

d) alla consegna di beni che sono stati modificati secondo i desideri del consumatore o per la sua persona,

e) la fornitura di beni deperibili, nonché beni che sono stati irrimediabilmente mescolati con altri beni dopo la consegna,

(f) riparazione o manutenzione effettuate in un luogo designato dal consumatore su sua richiesta; ciò non si applica tuttavia in caso di riparazioni successive diverse da quelle richieste o fornitura di parti di ricambio diverse da quelle richieste,

g) alla consegna della merce in confezione chiusa, che il consumatore ha rimosso dalla confezione e che per motivi igienici non è possibile restituire,

h) alla consegna di una registrazione audio o video o di un programma per computer, se ha rotto la loro confezione originale,

i) la fornitura di giornali, periodici o riviste,

j) su alloggio, trasporto, pasti o utilizzo del tempo libero, se l’imprenditore fornisce questi servizi entro il termine specificato,

(k) concluso sulla base di un’asta pubblica in conformità della legge che disciplina le aste pubbliche, o

l) sulla consegna del contenuto digitale, se non è stato consegnato su un supporto materiale ed è stato consegnato con il previo consenso espresso del consumatore prima della scadenza del periodo di recesso e l’imprenditore ha informato il consumatore prima di concludere il contratto che in tale caso non ha diritto di recedere dal contratto.

§ 1838 Prestazioni non ordinate
Se l’imprenditore ha fornito al consumatore qualcosa senza ordine e il consumatore ne ha preso possesso, il consumatore è considerato un onesto detentore. Il consumatore non è tenuto a restituire o informare il commerciante a proprie spese.

Disposizioni comuni
§ 1839
In caso di dubbio, il commerciante deve dimostrare di aver comunicato al consumatore le informazioni che è tenuto a comunicare ai sensi del presente comma.

§ 1840
Le disposizioni del presente comma non si applicano al contratto
a) il cui oggetto è la fornitura di servizi sociali, alloggi sociali, assistenza all’infanzia e il sostegno di persone che si trovano permanentemente o temporaneamente in una situazione di emergenza,

b) il cui oggetto è la prestazione di assistenza sanitaria,

c) il cui oggetto sia una scommessa, un gioco o un pareggio,

d) il cui oggetto è la creazione, il trasferimento o la cessazione del diritto all’immobile e la locazione di un appartamento,

e) il cui oggetto è la costruzione di un nuovo edificio e la sostanziale ricostruzione dell’edificio,

f) sul viaggio,

g) la fornitura di alimenti, bevande o altri beni di consumo in genere consegnati al domicilio del consumatore o in un altro luogo designato dal consumatore,

h) sul trasporto di una persona,

i) chiusi mediante distributori automatici o locali commerciali automatizzati; o

(j) concluso con un fornitore di un servizio di comunicazione elettronica accessibile al pubblico mediante un telefono pubblico ai fini del suo utilizzo o concluso al solo scopo di connettere il consumatore tramite telefono, fax o Internet.

Sottosezione 2 Servizi finanziari
§ 1841
Ai fini della regolamentazione dei contratti con i consumatori nella presente legge, per contratto di servizi finanziari si intende qualsiasi contratto relativo a servizi bancari, di credito, di pagamento o assicurativi, un contratto relativo a un’assicurazione pensionistica complementare, cambio valuta, emissione di moneta elettronica e un contratto relativo alla prestazione di servizi di investimento o mercato in strumenti di investimento.

§ 1842
(1) Le disposizioni della presente sottosezione si applicano a un contratto per un servizio finanziario e ai diritti e agli obblighi che ne derivano, se per la conclusione del contratto è stato utilizzato solo un mezzo di comunicazione a distanza.

(2) Tuttavia, se, in base al contratto di cui al comma 1, sono conclusi altri contratti, della stessa o simile natura, che si susseguono nel tempo, le disposizioni del presente comma si applicano solo al primo contratto; ciò non si applica se è trascorso più di un anno dalla conclusione dell’ultimo contratto. Se, nell’ambito del contratto di cui al comma 1, vi è altra manifestazione di volontà della stessa o simile natura, la procedura è analoga.

§ Comunicazione 1843 prima della conclusione del contratto
(1) L’ imprenditore deve informare il consumatore in forma di testo almeno in anticipo prima della conclusione del contratto o prima che il consumatore faccia un’offerta vincolante.
a) dati di cui al § 1811 comma 2 lett. a), b), d) e § 1820 comma 1 lett. a) ec),

b) l’ oggetto principale della sua attività,

c) il nome e la sede legale dell’organismo responsabile dell’esercizio della vigilanza o della vigilanza statale sull’attività dell’imprenditore, se l’attività è basata su un permesso,

(d) il prezzo totale del servizio fornito, comprese tutte le commissioni, le tasse pagate tramite l’imprenditore e altri costi correlati; se il prezzo totale esatto non può essere determinato in anticipo, allora tutti i dettagli del metodo di calcolo del prezzo finale che consentono al consumatore di verificare tale prezzo,

e) informazioni su altre tasse o costi che non vengono rimborsati tramite l’imprenditore o che l’imprenditore non riscuote,

f) possibili rischi al di fuori del controllo dell’imprenditore associati al servizio finanziario fornito, incluso un possibile avvertimento che i ricavi passati non garantiscono ricavi futuri,

g) istruzioni sulla possibilità o impossibilità di recedere dal contratto ai sensi dell’articolo 1846, ivi comprese le istruzioni sui termini per l’esercizio del diritto di recesso, sulle condizioni alle quali può essere esercitato, sull’importo il cui pagamento può essere reclamato dal consumatore ai sensi dell’articolo 1849, e le istruzioni sulle conseguenze del mancato esercizio del diritto di recesso,

h) le istruzioni pratiche per l’esercizio del diritto di recesso dal contratto, compreso l’indirizzo del luogo al quale deve essere inviata la comunicazione di recesso,

i) istruzioni sul diritto di ciascuna parte di risolvere anticipatamente o unilateralmente l’obbligazione contrattuale sulla base delle condizioni contrattuali, comprese le istruzioni su eventuali sanzioni,

j) l’ indicazione dello Stato membro o degli Stati membri dell’Unione europea la cui legislazione il commerciante considera essere la base per stabilire rapporti con il consumatore prima della conclusione del contratto,

k) informazioni sulla clausola contrattuale sulla legge applicabile e sulla giurisdizione del tribunale in caso di controversia ai sensi del contratto,

l) l’ indicazione della lingua o delle lingue in cui il commerciante tratterà il consumatore per la durata dell’obbligo e in cui fornirà al consumatore i termini e le condizioni e altre indicazioni,

m) informazioni sull’esistenza, le modalità e le condizioni della risoluzione extragiudiziale dei reclami dei consumatori, comprese le informazioni sulla possibilità di proporre reclamo a un organo di controllo o di controllo statale,

(n) l’ indicazione dell’esistenza di un fondo di garanzia, e

(o) il periodo per il quale le informazioni fornite, comprese le informazioni sui prezzi, rimangono valide.

(2) Se l’imprenditore agisce tramite un rappresentante o se il consumatore tratta con un intermediario, i dati di cui al § 1811 par. (a) l’agente o l’intermediario, nonché il fondamento giuridico in base al quale l’intermediario agisce legalmente.

(3) Dai dati forniti ai consumatori deve essere riconoscibile il loro scopo commerciale.

§ 1844
(1) Il contratto concluso deve essere conforme ai dati che sono stati comunicati al consumatore prima della conclusione del contratto. Qualora il contenuto del contratto dovesse comunque differire da tale informativa, questa dovrà essere comunicata al consumatore prima della conclusione del contratto e le modifiche dovranno essere espressamente indicate nel contratto; in caso contrario, come contenuto del contratto vale l’informazione più favorevole per i consumatori.

(2) I dati che sono stati comunicati al consumatore prima della conclusione del contratto devono essere conformi ai dati che devono essere comunicati al consumatore secondo l’ordinamento giuridico determinante per la conclusione del contratto.

§ 1845
(1) Se il contratto è stato concluso su richiesta del consumatore utilizzando tali mezzi di comunicazione a distanza che non consentono di comunicare i termini e le condizioni e altre informazioni ai sensi del § 1843, l’imprenditore deve adempiere a tale obbligo immediatamente dopo la conclusione del contratto .

(2) Se il consumatore lo richiede in qualsiasi momento durante la durata dell’obbligazione contrattuale, ha il diritto di ricevere le condizioni contrattuali in forma cartacea, nonché il diritto di modificare il metodo di comunicazione a distanza, a meno che ciò non sia contrario la natura dei servizi forniti o del contratto.

Recesso dal contratto
§ 1846
(1) Il consumatore ha il diritto di recedere dal contratto entro quattordici giorni dalla conclusione del contratto; tuttavia, se i dati di cui agli articoli dal 1843 al 1845 gli sono stati comunicati solo dopo la conclusione del contratto, allora entro quattordici giorni dal giorno in cui gli sono stati comunicati. Il consumatore ha diritto di recedere dal contratto di assicurazione sulla vita o di previdenza complementare entro trenta giorni dal giorno in cui l’imprenditore è stato informato della conclusione del contratto a distanza.

(2) Se l’imprenditore ha fornito al consumatore un’informazione fuorviante, il consumatore ha il diritto di recedere dal contratto entro tre mesi dal giorno in cui ne ha appreso o avrebbe dovuto venirne a conoscenza.

§ 1847
Le disposizioni del § 1846 non si applicano se
(a) il prezzo dei servizi finanziari dipende dai movimenti dei prezzi nei mercati finanziari al di fuori del controllo del professionista, come i servizi di cambio e gli strumenti di investimento; o

(b) si tratta di un contratto di assicurazione di viaggio o bagaglio o simile assicurazione a breve termine con un periodo assicurativo inferiore a un mese.

§ 1848
Se al contratto di servizi finanziari è collegato anche un altro contratto, concluso anche a distanza e relativo ai servizi forniti dall’imprenditore, il recesso dal contratto di servizi finanziari sin dall’inizio annulla anche l’obbligazione derivante dal contratto combinato. Ciò vale anche se la prestazione è stata fornita da un terzo nell’ambito di un contratto concluso con l’imprenditore.

§ 1849
Se il consumatore recede dal contratto, l’imprenditore può esigere da lui il pagamento immediato del prezzo solo per il servizio già fornito da quel momento; il prezzo non deve essere sproporzionato rispetto alla portata del servizio fornito. Tuttavia, il diritto al pagamento del prezzo non sorge per il commerciante se ha iniziato ad eseguire prima della scadenza del periodo di recesso ai sensi del § 1846 senza il consenso del consumatore o se il commerciante non dimostra di aver informato il consumatore del suo diritto di esigere il prezzo o una parte ragionevole del consumatore § 1843 par. 1 lett. G).

§ 1850
Se il consumatore recede dal contratto, l’imprenditore gli deve restituire tutti i fondi ricevuti da lui ai sensi del contratto, senza indugio, ma non oltre trenta giorni dalla data di recesso dal contratto. Il consumatore deve altresì restituire al commerciante eventuali fondi o altri beni da lui ricevuti in forza del contratto, entro e non oltre 30 giorni dalla data in cui ha inviato la comunicazione di recesso.

§ 1851 Prestazioni non ordinate
Se l’imprenditore ha prestato un servizio finanziario al consumatore senza un ordine esplicito, il consumatore non è obbligato a pagare per la prestazione o altri obblighi ne derivano.

Sezione 3 Uso temporaneo di alloggi e altri servizi ricreativi
§ 1852
(1) Le disposizioni della presente sezione si applicano a un contratto con il consumatore che il consumatore acquista a titolo oneroso
a) il diritto di utilizzare l’alloggio con l’alloggio per più di un periodo o il diritto a un vantaggio connesso all’alloggio, eventualmente compreso il trasporto o altri servizi, se tale contratto è concluso per un periodo superiore a un anno,

(b) la partecipazione a un sistema di scambio collegato al diritto all’adempimento di cui alla lettera a) in cambio dell’offerta a un’altra persona dell’opportunità di esercitare i propri diritti analoghi ai sensi del contratto di cui alla lettera a); o

(c) il diritto di assistere l’imprenditore nell’acquisizione o nel trasferimento a titolo oneroso di un diritto di cui alla lettera a).

(2) Le disposizioni della presente sezione si applicano mutatis mutandis a un contratto futuro ai sensi del paragrafo 1.

§ 1853
Se la durata dell’impegno è determinante per l’applicazione delle disposizioni della presente sezione, si tiene conto di tutte le disposizioni che consentono il rinnovo o il rinnovo del contratto senza l’espressione espressa della volontà del contraente.

§ 1854 Comunicazione prima della conclusione del contratto
(1) Nell’ambito di un’offerta o di un evento di vendita, l’imprenditore deve indicare chiaramente sull’invito lo scopo commerciale e la natura dell’evento. Per tutta la sua durata, il consumatore deve avere accesso ai dati di cui al comma 2.

(2) Prima che il consumatore concluda il contratto o si impegni a concluderlo, l’imprenditore comunicherà al consumatore gratuitamente in forma di testo nel modulo in tempo utile i dati, che insieme ai requisiti del modulo saranno determinati mediante l’attuazione legislazione in modo che il consumatore possa accedervi facilmente. L’imprenditore avverte inoltre espressamente il consumatore del suo diritto di recesso dal contratto, della durata del periodo di recesso e del divieto di pagamento di anticipi e altri benefici o della loro garanzia durante il periodo di recesso.

(3) L’ imprenditore comunica i dati al consumatore di sua scelta nella lingua ufficiale dello Stato membro dell’Unione europea in cui risiede il consumatore o di cui il consumatore è cittadino.

§ 1855 Forma del contratto
Il contratto richiede una forma scritta; tuttavia, il commerciante non ha diritto di opporsi all’invalidità del contratto da parte del consumatore per difetto di forma.

Contenuto del contratto
§ 1856
(1) Il contratto deve indicare i nomi delle parti contraenti e il loro domicilio o sede legale, le informazioni comunicate al consumatore prima della conclusione del contratto, nonché la data di conclusione del contratto e il luogo in cui è stato stipulato il contratto. concluso.

(2) Il contratto include un modulo per il recesso dal contratto; i dati nel modulo sono compilati dall’imprenditore. I dettagli del modulo e l’elenco dei dati saranno determinati da un regolamento di legge di attuazione.

§ 1857
(1) Il contratto deve contenere anche i dati comunicati al consumatore prima della sua conclusione. Questi dati possono essere modificati se le parti sono espressamente d’accordo o se la loro discrepanza con i dati specificati nel contratto è stata causata da una causa imprevedibile e insormontabile indipendente dalla volontà dell’imprenditore.

(2) Se l’imprenditore non informa il consumatore di queste modifiche in forma di testo prima di concludere il contratto in un modo che consenta un facile accesso e se non le indica esplicitamente nel contratto, il contenuto del contratto deve essere più favorevole al consumatore.

§ 1858
L’accordo sul diritto di recesso dal contratto, sul periodo di recesso e l’accordo sul divieto di pagamento di anticipi e altri benefici o sulla loro garanzia durante tale periodo devono essere firmati dal consumatore separatamente.

§ 1859
Il commerciante rilascia al consumatore almeno una copia del contratto subito dopo la conclusione del contratto.

§ 1860 Lingua del contratto
Il commerciante conclude un contratto con il consumatore di sua scelta nella lingua ufficiale dello Stato membro dell’Unione europea in cui risiede il consumatore o di cui il consumatore è cittadino. Se tale lingua è diversa dalla lingua dello Stato membro dell’Unione Europea nel cui territorio si trova il bene immobile o parte di esso, al quale si applica il contratto, mediante il quale il consumatore acquisisce il diritto di utilizzare l’alloggio ai sensi del § 1852 par. a), l’imprenditore fornisce inoltre al consumatore una traduzione ufficiale del testo del contratto in questa lingua.

Recesso dal contratto
§ 1861
(1) Il consumatore può recedere dal contratto per iscritto entro quattordici giorni dalla conclusione del contratto.

(2) Se al consumatore è stata offerta la conclusione di un contratto che, a titolo oneroso, stabilisce il diritto di utilizzare l’alloggio con alloggio per più di un periodo, per un periodo superiore a un anno e contestualmente la conclusione del un contratto che stabilisca la sua partecipazione al sistema di scambio ai sensi del § 1852 par. 1 lett. b), è previsto un unico periodo di recesso da entrambi i contratti. Per il decorso di tale periodo è determinante il contratto che stabilisce il diritto del consumatore ad utilizzare l’alloggio.

§ 1862
(1) Se una copia del contratto non è stata rilasciata al consumatore dopo la conclusione del contratto, la fine del periodo di recesso dal contratto è determinata in base al giorno in cui il consumatore ha ricevuto la copia del contratto.

(2) Se il modulo di recesso compilato non è stato rilasciato al consumatore, il consumatore può recedere dal contratto entro un anno e quattordici giorni. Tuttavia, se tale modulo è stato rilasciato al consumatore entro un anno dalla data di conclusione del contratto, o dalla data in cui il consumatore ha ricevuto la copia, se successiva, il periodo di recesso termina il quattordicesimo giorno successivo ricezione del modulo.

(3) Se il contratto non contiene informazioni che devono essere comunicate al consumatore prima della conclusione del contratto, il consumatore può recedere dal contratto entro tre mesi e quattordici giorni. Tuttavia, se tale informazione è stata comunicata al consumatore entro tre mesi dalla data di conclusione del contratto, o dalla data in cui il consumatore ha ricevuto la copia, se successiva, il periodo di recesso termina il quattordicesimo giorno successivo la comunicazione.

§ 1863
Se il consumatore recede dal contratto, non è tenuto a restituire nulla all’imprenditore a proprie spese. Se gli è già stato fornito un servizio, non è obbligato a farlo con l’imprenditore.

§ 1864
(1) Se il consumatore ha concluso il contratto di cui al § 1852 par. (a) o (b), nessuno può, ai sensi del presente contratto, richiedere un anticipo o qualsiasi altra prestazione o garanzia fino a quando il consumatore dispone di un periodo di recesso da tale contratto. Se il consumatore riconosce il debito ai sensi del presente contratto in questo momento, il riconoscimento del debito non è valido.

(2) Se il consumatore ha concluso il contratto di cui al § 1852 comma 1 lett. c), nessuno può pretendere da lui ai sensi del presente contratto un anticipo o altra prestazione o la loro garanzia fino a quando il diritto di acquisire o trasferire il diritto a titolo oneroso o fino alla scadenza dell’obbligo dell’imprenditore ai sensi del presente contratto per un altro motivo legale. Se il consumatore riconosce il debito ai sensi del presente contratto in questo momento, il riconoscimento del debito non è valido.

§ 1865
Se il consumatore recede dal contratto di cui al § 1852 par. a), gli effetti del recesso dal presente contratto si applicano anche al contratto con il quale il consumatore ha acquisito una partecipazione al sistema di scambio di cui al § 1852 par. (b) nonché qualsiasi altro contratto o accordo accessorio in base al quale il consumatore ha acquisito il diritto a un servizio connesso al contratto principale, sia che tale servizio debba essere fornito dall’altra parte del contratto principale o da un’altra persona ai sensi di un accordo con quella parte. È vietato collegare gli effetti di tale recesso all’obbligo del consumatore di rimborsare eventuali spese o altre prestazioni.

Disposizioni speciali
§ 1866
(1) Se il consumatore ha concluso un contratto per un periodo superiore a un anno, che ha acquisito a titolo oneroso il diritto a un vantaggio connesso con l’alloggio, o il trasporto o altri servizi, l’accordo che lo obbliga a effettuare i pagamenti ai sensi del presente contratto deve essere disatteso se non in quote uguali suddivise in rate annuali di pari importo. Ciò non si applica se le parti convengono di modificare l’importo delle rate annuali dopo il primo anno in base all’andamento dei prezzi.

(2) L’ imprenditore invita il consumatore in forma di testo a pagare con almeno quattordici giorni di anticipo; in caso contrario, il debito è esigibile entro quattordici giorni dalla richiesta di pagamento da parte dell’imprenditore del consumatore.

§ 1867
Se il consumatore ha concluso un contratto di durata superiore ad un anno, nel quale ha acquisito a titolo oneroso il diritto ad un vantaggio relativo all’alloggio o al trasporto o ad altri servizi, ed ha pagato la seconda rata, ha diritto in ogni momento successivamente e senza fornire una motivazione scritta dal contratto, recedere entro quattordici giorni dalla data in cui l’imprenditore lo ha invitato a pagare l’eventuale ulteriore pagamento o rata.

Parte 5 Debiti e crediti comuni
§ 1868 Disposizioni generali
(1) Se più debitori si impegnano alla stessa prestazione, o se il debitore si impegna a più creditori alla stessa prestazione, il debito comune e il credito congiunto devono essere gestiti secondo i principi della comproprietà.

(2) Se ci sono più persone in una delle parti, l’altra parte ha il diritto di richiedere la nomina di un rappresentante comune ai fini del servizio. In caso contrario, il tribunale nomina tale rappresentante su richiesta.

Prestazioni indivisibili
§ 1869
L’adempimento indivisibile può essere richiesto dal creditore a uno qualsiasi di più debitori, a meno che dalla natura dell’obbligazione non derivi che il debito può essere adempiuto solo con l’azione congiunta dei debitori.

§ 1870
Se un debitore è obbligato verso più creditori per l’adempimento indivisibile, non è obbligato ad adempiere ad alcuno dei creditori, a meno che non gli dia una ragionevole garanzia, o se tutti i creditori sono d’accordo. Se un cocreditore che ha ricevuto l’intera prestazione sia obbligato a fare qualcos’altro dipende dal rapporto tra i cocreditori; in caso contrario si considera non obbligato a fare nulla.

§ Prestazione divisibile del 1871
(1) Ciascuno dei più co-debitori della prestazione divisibile deve solo la sua quota e ciascuno dei più creditori della prestazione divisibile è creditore solo della sua quota, a meno che il contratto, la legge o la decisione del tribunale non stabiliscano diversamente.

(2) Se è stato concordato che uno qualsiasi dei creditori può richiedere l’adempimento completo, il debitore deve saldare l’intero debito nei confronti della prima persona che richiede l’adempimento. Se il debitore ha saldato l’intero debito verso uno dei cocreditori, gli altri non possono più pretendere nulla da lui.

I debitori sono responsabili in solido
§ 1872
(1) Se più debitori sono obbligati ad eseguire in solido, sono obbligati a eseguire uno per tutti e tutti per uno. Il creditore può esigere in tutto o in parte la prestazione da tutti i condebitori, solo da alcuni o da uno qualsiasi dei condebitori.

(2) Accordi speciali tra il creditore e il co-debitore non funzionano contro altri co-debitori.

§ 1873
Con il ritardo del creditore nei confronti di uno dei condebitori, si verifica anche il suo ritardo nei confronti degli altri condebitori.

§ 1874
Se più imprenditori sono congiuntamente obbligati ad eseguire, sono considerati solidalmente vincolati.

§ 1875
Le quote di debito di tutti i co-debitori sono considerate uguali nel loro rapporto.

§ 1876
(1) Se un creditore fa domanda contro uno dei co-debitori più di quanto corrisponda alla sua quota, questo co-debitore ne informa gli altri e dà loro la possibilità di sollevare obiezioni al credito. Egli avrà il diritto di esigere che essi estinguano il debito secondo le quote loro spettanti o di disporne in altro modo in tale misura.

(2) Se il co-debitore ha saldato più della sua quota, l’indennizzo è dovuto dagli altri co-debitori. In caso di impedimento di uno dei condebitori, la sua quota sarà suddivisa proporzionalmente su tutti gli altri.

Creditori abilitati in solido
§ 1877
Se il debitore è obbligato ad adempiere in solido a più creditori aventi diritto nei suoi confronti, ciascuno di essi può esigere l’adempimento integrale. Il debitore è tenuto a conformarsi integralmente alla persona che per primo ha richiesto l’adempimento.

§ 1878
(1) A causa del ritardo di uno dei co-creditori, anche gli altri co-creditori risultano arretrati.

(2) Se un credito e un debito nella persona di uno dei cocrediti sono combinati, si estinguono anche i crediti degli altri cocreditori nei confronti del debitore.

Parte 6 Modifiche delle passività
Sezione 1 Cambiamento della persona del creditore o del debitore
Sottosezione 1 Cambiamento della persona del creditore
Cessione di un reclamo
§ 1879
Il creditore può cedere contrattualmente in tutto o in parte il credito come cedente anche senza il consenso del debitore ad altra persona (cessionario).

§ 1880
(1) Con la cessione di un credito, il cessionario acquisisce anche i suoi accessori e diritti connessi al credito, inclusa la sua garanzia.

(2) Il cedente rilascia al cessionario i documenti necessari sul credito e lo informa di tutto ciò che è necessario per l’affermazione del credito.

§ 1881
(1) Un credito alienabile può essere ceduto, a meno che l’accordo tra il debitore e il creditore lo impedisca.

(2) Non è possibile cedere un credito che scade alla morte o il cui contenuto cambierebbe a spese del debitore con un cambiamento del creditore.

§ 1882
(1) Fino a quando il cedente non notifica al debitore, o fino a quando il cedente non dimostri la cessione del credito del debitore, il debitore può essere liberato dai suoi obblighi adempiendo al cedente o in altro modo stabilendo con lui.

(2) Se il cedente ha ceduto lo stesso credito a più persone, la cessione di cui il debitore è venuto a conoscenza per la prima volta sarà effettiva nei confronti del debitore.

§ 1883
La cessione di un credito non produce effetti sul soggetto che ha garantito il credito con pegno, garanzia o altro, fino a quando il cedente non gli comunichi la cessione del credito o finché il cessionario non dimostri la cessione del credito.

§ 1884
(1) Il debitore conserva eventuali obiezioni al credito che aveva al momento della cessione anche dopo la cessione. Il debitore può altresì opporsi alle reciproche pretese nei confronti del cedente, anche se non ancora dovute al momento della cessione; tuttavia, deve notificare al cessionario le sue pretese senza indebito ritardo dopo aver appreso della cessione.

(2) Tuttavia, se il debitore ha riconosciuto genuino il credito nei confronti del cessionario onesto, è tenuto a soddisfarlo come suo creditore.

§ 1885
(1) Se il credito è stato ceduto a titolo oneroso, il cedente è responsabile nei confronti del cessionario fino all’ammontare del corrispettivo ricevuto con gli interessi per il fatto che il credito è durato al momento della cessione e ne garantisce l’esigibilità. Ciò non si applica se il cessionario sapeva che il credito era futuro, incerto o inesigibile.

(2) Il cedente non è responsabile della recuperabilità del credito ceduto se è diventato irrecuperabile solo dopo la cessione, per caso o per errore del cedente. L’omissione può essere imputata al cessionario, in particolare, se non fa valere il credito senza indebito ritardo dopo che è divenuto esigibile o se posticipa la scadenza del credito.

(3) In caso contrario, le disposizioni degli articoli dal 1914 al 1925 si applicano mutatis mutandis ai diritti e agli obblighi del cedente e del cessionario; tuttavia, il cessionario deve far valere un vizio della pretesa nei confronti del cedente senza indebito ritardo dopo averlo potuto e dovuto scoprirlo.

§ 1886
(1) Su richiesta del cessionario, il cedente può recuperare il credito ceduto a proprio nome per conto del cessionario; se la cessione del credito al debitore è già stata notificata o provata, il cedente può recuperare il credito se prova il consenso del cessionario e se il cessionario non fa valere esso stesso il credito.

(2) Se il cedente fa valere un credito, il debitore può opporsi ad esso i suoi crediti reciproci nei confronti del cedente, ma non i crediti che ha nei confronti del cedente.

§ 1887 Assegnazione di una serie di crediti
È anche possibile cedere un insieme di crediti, attuali o futuri, se tale insieme di crediti è sufficientemente specificato, soprattutto se i crediti sono di un certo tipo sorti al creditore in un determinato momento o crediti diversi per lo stesso diritto Motivo.

Sottosezione 2 Cambiamento della persona del debitore
Assunzione del debito
§ 1888
(1) Chi è d’accordo con il debitore che accetta il suo debito, prende il suo posto come debitore, se il creditore dà il suo consenso al debitore originario o al debitore.

(2) Se il privilegio registrato o altro titolo annesso alla proprietà è trasferito al cessionario durante il trasferimento della proprietà della cosa iscritta nell’elenco pubblico, si considera passato anche il debito garantito dal titolo. A seguito del passaggio di proprietà, l’alienante può invitare per iscritto il creditore ad accettare invece il cessionario come nuovo debitore. Se il creditore non rifiuta di prestare il suo consenso, si considera che abbia dato il suo consenso, purché sia ​​stato espressamente informato di tale conseguenza nell’atto di citazione.

§ 1889
Se il creditore non acconsente all’assunzione del debito o rifiuta di prestare il suo consenso, il creditore non ha diritto diretto nei confronti del cessionario; tuttavia, il cessionario ha l’obbligo nei confronti del debitore di garantire che il debitore non debba pagare al creditore. Tale obbligo nei confronti del debitore si applica anche a colui che si impegna a fornire al creditore la prestazione.

§ 1890
(1) Il contenuto dell’obbligazione non cambia al momento dell’assunzione del debito. Il debitore ha diritto a tutte le obiezioni che avrebbero potuto essere sollevate dal debitore originario. L’assunzione del debito non pregiudica i diritti accessori connessi al credito.

(2) Tuttavia, la garanzia di un debito fornito da un terzo dura solo se il terzo è d’accordo con il cambiamento della persona del debitore.

§ 1891
Un accordo in base al quale, al posto del debitore esistente il cui debito viene cancellato, un nuovo debitore entra con un debito derivante da un rapporto giuridico separato o con l’obbligo di eseguire un altro oggetto, non provoca le conseguenze della presa in carico del debito ed è considerato una novazione .

§ 1892 Adesione al debito
(1) Chiunque, senza il consenso del debitore, concorda con il creditore che adempirà il suo debito per conto del debitore, diventa un nuovo debitore oltre al debitore originario ed è solidalmente responsabile con lui.

(2) Se il debito del debitore originario è stato garantito da un terzo, non può essere impugnato contro l’inadempimento del debito da parte del nuovo debitore, a meno che non abbia dato il suo consenso.

§ 1893 Assunzione di proprietà
(1) Se qualcuno subentra al cedente tutto il bene o una sua parte relativamente determinata, diventa in solido debitore dei debiti relativi al bene preso in carico e di cui il cessionario era o doveva essere a conoscenza al momento della conclusione del contratto . Tuttavia, l’acquirente non è obbligato a eseguire più del valore della proprietà così acquisita.

(2) Se tale proprietà è rilevata da una persona vicina all’alienante, diventa solidalmente debitore con l’alienante dei debiti relativi alla proprietà presa, senza limitazione al valore della proprietà così acquisita. Ciò non si applica se dimostra che non sapeva o non doveva sapere di un determinato debito.

(3) L’ accordo opposto tra l’alienante e l’acquirente è inefficace nei confronti del creditore.

§ 1894
§ 1893 non si applica alla trasformazione di una persona giuridica o all’alienazione di un impianto o di un suo ramo.

Sottosezione 3 Cessione del contratto
§ 1895
(1) A meno che la natura del contratto non lo impedisca, ciascuna delle parti può, in qualità di cedente, trasferire i propri diritti e obblighi derivanti dal contratto o parte di esso a un terzo, se la parte ceduta è d’accordo e se non è stato ancora adempiuto.

(2) Se l’esecuzione del contratto deve essere continuativa o regolarmente ricorrente, il contratto può essere trasferito con effetto a quanto non ancora eseguito.

§ 1896
In caso di cessione parziale del contratto o di cessione del contratto a più cessionari, i diritti del ceduto non possono essere decurtati da clausole accessorie al contratto, quali, in particolare, condizionalità, anticipo, indennizzo, penale contrattuale , recesso e clausole di licenziamento o arbitrale.

§ 1897
(1) La cessione del contratto è effettiva nei confronti della parte ceduta dal suo consenso. Se ha preventivamente concordato, la cessione del contratto nei confronti del ceduto ha effetto quando il cedente notifica la cessione o quando il cessionario prova la cessione.

(2) Se un contratto concluso per iscritto contiene un accordo concluso per conto di una delle parti o un altro accordo dello stesso significato, questa parte cede il contratto mediante vidimazione del documento. Per i requisiti della girata, nonché per chi ha diritto alla girata e come ne dimostri il diritto, si applica la legge sulle cambiali. Secondo loro, si valuterà anche a chi la persona che lo ha smarrito potrà reclamare il documento.

§ 1898
Con la cessione del contratto al ceduto, il cedente è liberato dalle sue obbligazioni nella misura della cessione.

§ 1899
(1) La parte ceduta può prevenire le conseguenze ai sensi della Sezione 1898 dichiarando al cedente che rifiuta la sua esenzione. In tal caso, il ceduto può obbligare il cedente ad adempiere se il cedente non adempie alle obbligazioni assunte.

(2) La dichiarazione può essere resa entro quindici giorni dal giorno in cui la parte ceduta ha appreso o ha dovuto scoprire che il cessionario non aveva ottemperato. Benché il ritardo nella dichiarazione non li privi degli effetti di cui al comma 1, la parte ceduta risarcisce il danno cagionato dal ritardo.

§ 1900
Tutte le eccezioni al contratto e nei confronti del cessionario restano al cedente. Altre eccezioni di tale parte al cedente saranno mantenute se si riserva nel contratto o in accordo alla cessione del contratto.

Sezione 2 Modifica del contenuto degli impegni
§ 1901
Le parti sono disposte ad accettare di modificare i propri diritti e doveri.

§ 1902 Novace
Con un accordo sulla modifica del contenuto dell’impegno, l’impegno esistente viene annullato e sostituito da un nuovo impegno. Tuttavia, se l’impegno esistente può sopravvivere in aggiunta al nuovo impegno, esso si considera non annullato.

raddrizzamento
§ 1903
(1) L’obbligo esistente può essere sostituito da un nuovo obbligo anche se le parti regolano di comune accordo i diritti e gli obblighi tra loro ancora contestati o dubbi. Se la liquidazione del diritto reale riguarda una cosa iscritta nel pubblico elenco, gli effetti della liquidazione si verificano mediante l’iscrizione in tale elenco.

(2) L’ accordo non può essere opposto solo perché ha creato una disparità tra le prestazioni reciproche delle parti.

§ 1904
La validità della transazione non può essere pregiudicata da errore in ciò che era controverso o dubbio tra le parti, a meno che l’errore non sia stato causato da un’astuzia di parte. La transazione pattuita in buona fede non si estingue anche se, sulla base dei fatti accertati, viene successivamente accertato che una delle parti non aveva pretese.

§ 1905
Accordi per regolare tutti i diritti tra le parti non possono riguardare diritti che sono stati esclusi, né diritti che le parti potrebbero non aver potuto avere in mente.

Disposizioni comuni
§ 1906
La novazione o l’accordo transattivo richiede la forma scritta, anche se l’obbligazione originaria è stata anche stabilita per iscritto, o se il diritto è già prescritto.

§ 1907
La garanzia dei diritti oggetto di novazione o transazione si applica anche ai diritti da essi derivanti. Tuttavia, se la garanzia è stata fornita da un terzo che non ha stipulato la novazione o la transazione, questi è